Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 348

Posts Tagged ‘antonino di pietro’

Medicina: approvato negli USA un preparato iniettabile per sciogliere il grasso

Posted by fidest press agency su mercoledì, 6 Maggio 2015

FDA_810_500_55_s_c1L’FDA ha approvato ieri, un nuovo rimedio per sciogliere ed eliminare il grasso del doppio mento. A darne la notizia in Italia il prof. Antonino Di Pietro direttore dell’Istituto Dermoclinico Vita Cutis di Milano. “Il prodotto contiene acido desossicolico, una sostanza naturale prodotta anche nel nostro organismo che aiuta a rompere le cellule adipose favorendo il riassorbimento del grasso. Tale preparato, chiamato Kybella, prodotto negli USA da Kythera Biopharmaceuticals, viene iniettato direttamente nel grasso con sottilissimi aghi ed ogni seduta comporta una cinquantina di micro iniezioni”.“Il doppio mento, spiega Antonino Di Pietro, è uno degli inestetismi più comuni che colpisce ugualmente entrambi i sessi dando un aspetto vecchio al volto, ed è anche l’intervento più frequentemente richiesto da parte degli uomini”. Secondo un uno studio clinico di fase 3, presentato al 71° Meeting annuale dell’American Academy of Dermatology, l’acido desossicolico sembra migliorare l’aspetto dell’area sotto il mento interessata da accumulo di grasso. La molecola causa adipocitolisi, ossia una rottura delle cellule adipocitarie con conseguente riassorbimento del tessuto adiposo. Lo studio ha interessato 165 pazienti reclutati in 21 centri.“I risultati, prosegue Di Pietro, sono incoraggianti e, dai dati in possesso, si può ipotizzare in un prossimo futuro, sotto stretto controllo medico, un uso del farmaco anche in altri distretti corporei. Tra gli effetti collaterali più frequenti, si sono osservati gonfiore, bruciore, dolore e eritema tuttavia transitori. Attualmente l’uso di tale preparato non è stato ancora autorizzato in Italia e in Europa”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Per migliorare l’elasticità cutanea

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 settembre 2014

cellule cutaneeUno studio condotto dal team del Professor Antonino Di Pietro, direttore scientifico dell’Istituto Dermoclinico Vita Cutis, e pubblicato recentemente sul Journal of Plastic Dermatology, ha dimostrato che sebbene l’invecchiamento cutaneo sia un processo inevitabile può essere efficacemente contrastato rifornendo la pelle delle sostanze, glicani e fosfolipidi, che stimolano le cellule cutanee a produrre più collagene, elastina e acido ialuronico, acquisendo così la capacità di reagire meglio agli stress ambientali. I più recenti progressi nello studio dell’invecchiamento cutaneo, presentati al congresso dell’American Academy of Dermatology di Chicago, hanno evidenziato il ruolo degli zuccheri per il benessere della pelle. Il livello degli zuccheri (glicani) si riduce di circa il 50% dai 30 ai 60 anni di età e quelli che restano subiscono dei cambiamenti che non permettono più un ottimale funzionamento di cellule e proteine di sostegno. Con il passare degli anni infatti, la pelle perde progressivamente la capacità di sintetizzare il collagene, la più importante proteina strutturale, e l’elastina, responsabile dell’elasticità cutanea. Parallelamente diminuisce anche la quantità di acido ialuronico che è il maggiore componente dei tessuti connettivi del derma.La ridotta presenza di collagene, elastina e acido ialuronico nel derma rende la pelle meno elastica, meno idratata, con ridotta funzione di barriera e maggiormente vulnerabile nei confronti degli agenti esterni che a loro volta favoriscono l’invecchiamento cutaneo. La scommessa quindi è quella di riuscire a restituire, integrando dall’esterno, le sostanze che le cellule della pelle non riescono più a produrre.“Lo studio condotto da mio team, spiega Antonino Di Pietro, ha arruolato 160 pazienti, trattati con applicazioni sul viso, una volta al dì per 30 giorni, di un composto costituito da fosfolipidi estratti dalla soia e glucosamina (uno zucchero) ottenuta da idrolisi di gusci di crostacei. Il complesso, che prende il nome di fospidin, favorisce la sintesi delle fibre di collagene ed elastina, e la glucosamina, veicolata in profondità dai fosfolipidi, favorisce la sintesi di acido ialuronico in quanto ne è il precursore. Nelle valutazioni successive si è osservato un miglioramento evidente di tutti i parametri osservati: l’elasticità cutanea è aumentata fino all’8,1%, si è avuto un aumento dell’8,9% della quantità d’acqua presente sulla superficie cutanea (indice di maggiore idratazione superficiale), l’evaporazione dell’acqua attraverso la pelle (segnale di idratazione profonda) è diminuita nel 93% dei casi e si è avuta una diminuzione del 9,2% del numero totale delle rughe e del 12,3% della profondità media”, conclude l’esperto.E’ interessante notare come la ricerca dermatologica made in Italy e le conclusioni dell’American Academy of Dermatology siano arrivate parallelamente agli stessi risultati conclamando l’importante ruolo dei glicani nei processi antiage della pelle.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La protesta dell’Idv

Posted by fidest press agency su giovedì, 30 luglio 2009

31 luglio alle ore 11 Palazzo Chigi il Sen. Stefano Pedica Vice Presidente 14^ Commissione Politiche dell’Unione Europea Capogruppo Idv 3^ Commissione Affari Esteri, Emigrazione chiama a raccolta quanti ritengono che il comune di Fondi debba essere sciolto per infiltrazioni criminali. Occorre, secondo il senatore Pedica, far sentire forte la propria voce al “palazzo”. Sarà presente anche l’on.le Antonio di Pietro.

Posted in Politica/Politics, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »