Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 250

Posts Tagged ‘antropologia’

La mistica del benessere

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 luglio 2017

la mistica del benessere parte secondaParte seconda (saggistica scientifica Vol. 4) (Italian Edition).Già un milione e 600mila anni fa la forma d’alcuni manufatti, rintracciati, suggeriscono delle simmetrie nella lavorazione delle pietre e vi lasciano intravedere delle relazioni geometriche alquanto ricercate. Un vero e proprio miglioramento si avvertì, tuttavia, intorno ai 300mila anni fa. Fu una data, anch’essa, indicativa. Per taluni antropologi la storia, o per meglio dire il principio dell’epoca pleistocenica, incominciò 500.000 anni, ma più verosimilmente dovremmo orientarci sui 250.000 anni fa. Ciò che è più certo, e forse più utile, è che l’uomo fu testimone di molti sostanziali cambiamenti nel paesaggio e nella configurazione della superficie del suo pianeta. Mutamenti catastrofici del clima indubbiamente coinvolsero tutta la terra. Tre o quattro età glaciali si susseguirono l’una dopo l’altra in latitudini elevate. Furono accompagnate da periodi di piogge torrenziali in zone subtropicali, ora aride. Intanto l’uomo era osservatore della comparsa di nuove specie animali che s’imponevano per selezione naturale, talvolta soltanto per scomparire di nuovo. La più curiosa di tutte le specie che comparvero, fu, tuttavia, l’uomo stesso. E’ stato un processo evolutivo, lento ma continuo, della specie umana dagli ominidi al vero e proprio homo sapiens e faber. Un momento critico fu quando gli uomini impararono a controllare e poi cominciare il processo chimico della combustione. Si può presumere che tutti i più antichi ominidi fossero raccoglitori. Le asce a mano sarebbero servite tanto per scavare radici commestibili, quanto come armi da caccia. Il sinantropo quasi certamente era carnivoro. Gli ominidi, a loro volta, erano sostanzialmente onnivori.
Essi mangiavano qualsiasi cosa potessero procurarsi. Impararono in tal modo, anche a loro spese, a riconoscere le piante e i frutti commestibili e curativi da quelli velenosi e indigesti. A questo punto ci stiamo avvicinando a un effettivo progresso verso l’umanità piena. Esso è coinciso con lo sviluppo del linguaggio come mezzo di comunicazione, interindividuale e dell’origine della simbolizzazione delle immagini e della logica grammaticale (tecnologia del linguaggio). Ciò ha portato a un’evoluzione dell’intelligenza e, di conseguenza, ha dato il via alla struttura sociale, alle migrazioni verso nuove aree, alla ricerca organizzata del cibo e del modo come riprodurlo intensivamente, alla scoperta della coltivazione delle piante e dell’allevamento degli animali. E’ stato anche un momento magico per la medicina. Essa è nata in parallelo con lo sviluppo dell’urbanesimo. Il villaggio ha favorito lo scambio d’informazioni e la vita agreste, meglio organizzata e finalizzata, ha per-messo di ricavare la prima farmacopea. E’ stato un cammino molto lungo e travagliato.
L’uomo apparve come un animale raro e raccoglitore di cibo. Incominciò, probabilmente, a racimolare erbe selvatiche e i frutti delle piante. Abbiamo buoni motivi di credere che da questo punto si collochi anche la comprensione sulle virtù nutrizionali e terapeutiche di talune piante ed erbe. E’ il primo passo.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Maschilità egemoni e maschilità subalterne in Marocco. Lo sguardo dell’antropologia

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 maggio 2017

Roma. Martedì 23 Maggio 2017, ore 15:00 Dipartimento di Scienze Politiche, Sala del Consiglio Via G. Chiabrera 199. Nell’ambito del Master in Antropologia Pubblica (http://antropologiapubblica.org), e in collaborazione con il Dottorato in Scienze Politiche, sezione Studi di genere, si svolgerà il seminario aperto a tutte e tutti di Gianfranco Rebucini, antropologo dell’Ecole des hautes études en sciences sociales-Ehess di Parigi dal titolo Maschilità egemoni e maschilità subalterne in Marocco. Lo sguardo dell’antropologia, frutto di una lunga esperienza di ricerca sul campo. Introduce Michela Fusaschi, Dipartimento di Scienze Politiche; conclude Francesco Pompeo, Dipartimento di Scienze della Formazione. http://antropologiapubblica.org

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La Croce: da fondamento a problema?

Posted by fidest press agency su giovedì, 1 marzo 2012

Italiano: Università Europea di Roma. Via degl...

Image via Wikipedia

Roma 6 marzo 2012, dalle 9.00 alle 18.00, nell’Università Europea di Roma (via degli Aldobrandeschi 190) convegno “La croce: da fondamento a problema?” Interverranno, fra gli altri: Isabella Becherucci, Paolo Martino, Vincenzo Placella, Lia Fava Guzzetta, Irene Baccarini, Cristiana Lardo, Daniela Luppa.
La croce, “logo” del cristianesimo, è da due millenni simbolo identitario, icona dell’amore che salva, sacramento e catechesi mistagogica. Ma in larghi strati della cultura contemporanea l’immensa ricchezza semantica e performativa del signum crucis e soprattutto del crocifisso si è opacizzata: la croce è spesso intesa negativamente come distintivo di parte, emblema della sofferenza e della sconfitta, patetica pratica devozionale legata a mentalità superstiziosa.
L’esibizione del crocifisso è stata recentemente condannata come lesiva dei diritti fondamentali dell’uomo. Quali sensazioni suscita la sua vista oggi? Quali contenuti questo segno riesce a veicolare? E soprattutto quale considerazione ha questo simbolo nelle varie discipline che si coltivano e si insegnano nell’università? Non si tratta di rivisitare in modo esaustivo saperi assestati da tempo nelle scienze storiche, teologiche, liturgiche, ma di fare il punto su un segno che – già assunto come emblema di una civiltà – sembra essere diventato ora un “problema” politico e culturale. Che cosa hanno da dire in proposito non solo gli studi teologici, liturgici, patristici, la storia del Cristianesimo, ma anche semiologia, scienza delle comunicazioni, antropologia, scienze linguistiche e letterarie, storia dell’arte e sociologia? Quali significati attribuiscono, oggi, al simbolo della croce i mezzi di comunicazione? L’esposizione pubblica del crocifisso in un paese laico pone davvero problemi giuridici? Gli studi umanistici sono in grado di accertare un “fastidio” della croce nella società laica, secolarizzata? Quale contributo può venire dalle varie competenze disciplinari all’interpretazione di questo segno che costituisce da sempre il compendio della rivelazione cristiana?

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’antropologia secondo George Marcus

Posted by fidest press agency su martedì, 5 aprile 2011

Roma 11 aprile 2011 ore 15.00  aula Odeion –  edificio di Lettere  piazzale Aldo Moro 5, George Marcus, una delle menti più brillanti e critiche dell’antropologia americana, sarà alla Sapienza invitato dal dipartimento Storia, culture, religioni, per una conferenza sul significato dell’antropologia nell’età contemporanea, What Is an Anthropology of the Contemporary? How Does It Affect Ethnographic Method?. L’appuntamento è di quelli da non mancare, poiché Marcus è uno di quei intellettuali in grado di mettere in discussione lo status quo, come è già successo a metà degli anni Ottanta con le sue pubblicazioni più celebrate, poi tradotte in italiano, Antropologia come critica culturalee soprattutto Scrivere le culture . Il primo, edito con  James Clifford, diede origine negli Stati Uniti a una critica delle scienze sociali e segnò la nascita dei Cultural Studies, orientando l’antropologia sempre più verso lo studio delle élite istituzionali e del rapporto tra potere e conoscenza. Il secondo lavoro è una pietra miliare della contemporaneità: il racconto dell’altro è anche il racconto del sé da qui il sovvertimento delle categorie interpretative tradizionali. Marcus continua ancora oggi a essere protagonista del dibattito interno alle scienze sociali: l’affermazione “No New Ideas”, nel suo recente articolo, La fine dell’etnografia, è una coraggiosa denuncia dell’immobilismo e della scarsa inventiva degli antropologi moderni. George Marcus, che si è formato a Yale e a Cambridge, è attualmente professore di Antropologia presso la University of California, Campus Irvine. Ha fatto parte del Dipartimento di relazioni sociali dell’Università di Harvard.  Aprirà i lavori Mariano Pavanello, docente di Antropologia e direttore del dipartimento di Storia, culture, religioni. Alla conferenza seguirà un dibattito  che prevede la partecipazione di un folto gruppo di studiosi: da Antonino Colajanni a Alessandro Simonicca, da Vittorio Vidotto a Carla Pasquinelli, da Clara Gallini a Bernardino Palumbo. Modera Elisabetta Corsi, docente presso il medesimo Dipartimento.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Le scelte morali tra scienza e società

Posted by fidest press agency su martedì, 29 marzo 2011

Roma, martedi 29 marzo, ore 17.00 Sapienza Università di Roma Aula Sergi, Dipartimento di Biologia e Biotecnologie “Charles Darwin” (sede di Antropologia). Piazzale Aldo Moro 5 L’autore ne discute con Massimo Cozza, Segretario Nazionale FP Cgil-Medici Ernesto Di Mauro, Docente di Genetica Molecolare – Sapienza Università di Roma Eugenio Lecaldano, Direttore Master in Etica Pratica e Bioetica, Sapienza Università di Roma Michele Prospero, Docente di Scienza della Politica – Sapienza Università di Roma Intervengono  Ignazio Marino, Senatore, Presidente Commissione d’inchiesta sul Servizio Sanitario NazionaleStefano Rodotà, Professore Emerito di Diritto civile – Sapienza Università di Roma Modera Simone Pollo, docente di Bioetica – Sapienza Università di RomaIl 10 marzo la Camera ha discusso il testo della legge sul fine vita, approvata in Senato nel marzo del 2009. Il testo, che verrà sottoposto al voto dei deputati agli inizi di aprile, è stato ed è tuttora oggetto di numerose critiche soprattutto perché sono in molti a ritenere che la legge, qualora venisse approvata, sottrarrebbe di fatto al cittadino il diritto che gli è riservato dall’articolo 32 della Costituzione: “nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario” e “la legge stessa non può violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana”. Ma quella del fine vita è una delle tante questioni di bioetica che in Italia dividono scienziati, politici e opinione pubblica in fazioni contrapposte: dalla fecondazione assistita all’eutanasia, dalle sperimentazioni di ingegneria genetica alla ricerca sulle cellule staminali.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

XVI Corso sul Diritto dei Popoli

Posted by fidest press agency su mercoledì, 5 gennaio 2011

La Sezione internazionale della Fondazione Basso insieme alla Scuola di giornalismo promuovono il XVI Corso di Formazione e Perfezionamento sul Diritto dei Popoli “L’Italia ripudia la guerra? Aree di crisi, intervento militare e diritto internazionale”.  Il ciclo di seminari avrà luogo da gennaio a giugno ogni ultimo venerdì  del mese e le questioni che verranno affrontate nel primo semestre del 2011 avranno come epicentro la Pace e i Diritti dei Popoli studiati, in questa edizione, seguendo il filo conduttore delle missioni italiane all’estero degli ultimi anni. All’interno della serie di conferenze si cercheranno di analizzare le diverse aree di crisi internazionale e le modalità dell’intervento militare italiano. Quali sono stati gli interessi in gioco? Cosa si nasconde dietro a concetti come “missione di pace”, o “guerra umanitaria”? Con l’aiuto di giuristi, storici, esperti di geopolitica e giornalisti si andranno a studiare i processi e le motivazioni della presenza dei militari italiani in differenti luoghi di conflitto e quale è stato, ed è, il loro ruolo. In primo piano saranno messi la Costituzione italiana e il diritto internazionale, come le forzature operate su questi in nome delle “guerre umanitarie” o della “lotta al terrorismo”. I contesti che si andranno a studiare sono: la crisi somala dei primi anni Novanta; la “guerra umanitaria” in Kossovo del 1999; la lotta al terrorismo in Afghanistan e in Iraq; l’intervento di interposizione al confine tra il Libano e Israele. Una particolare attenzione sarà rivolta ai civili, alle popolazioni vittime dei conflitti, ai loro diritti molto spesso negati, e all’indagine delle loro sorti future. Infine il corso si concluderà con una analisi sul diritto mettendo a confronto la Costituzione italiana, che Lelio Basso ha contribuito a scrivere, con il Diritto dei Popoli, anch’esso nato col contributo fondante delle lotte ed elaborazioni del giurista italiano.
Calendario degli incontri:
28 Gennaio – La crisi somala
25 Febbraio – La “guerra umanitaria” in Kossovo
25 Marzo – La lotta al terrorismo e il petrolio iracheno
29 Aprile – Il Libano, un Paese senza Pace
27 Maggio – Dieci anni di guerra in Afghanistan: un bilancio disastroso
17 Giugno – La Pace, il Diritto dei Popoli e la Costituzione italiana
1 Luglio – L’informazione tra guerra e pace
Sono stati invitati a discuterne:  Gian Paolo Calchi Novati (Africanista, Università degli studi di Pavia) Mario Raffaelli (Presidente di Amref Italia) Pietro Petrucci (Giornalista, curatore di “la Somalia non e’ un’isola dei Caraibi”, Diabasis 2010. ) Ennio Remondino (Giornalista, corrispondente Rai dai Balcani) Luigi Ferrajoli (Filosofo del diritto, Università degli Studi “Roma Tre”) Benito Li Vigni (Ex dirigente Gruppo Eni, esperto di geopolitica del petrolio) Gino Strada (Presidente di Emergency) Fabio Mini (ex Capo di Stato Maggiore della NATO in Sud Europa) Stefano Rodotà (Giurista, professore emerito di Diritto civile, Università degli Studi di Roma “La Sapienza”) Robert Fisk (Giornalista, The Indipendent)
1. Sono ammessi al corso operatori sanitari, sociali e della comunicazione, laureati e laureandi in scienze della comunicazione, giurisprudenza, scienze politiche, sociologia, relazioni internazionali, economia politica, antropologia, psicologia, lettere e filosofia, scienze dell’educazione, scienze della formazione e lingue e letterature straniere.
2. I candidati debbono compilare il modulo di iscrizione, presentare un curriculum vitae e due foto tessera. La quota di partecipazione per tutto il corso è di Euro 170,00 da versare sul conto corrente della Fondazione Lelio e Lisli Basso presso la Banca Nazionale del Lavoro Ag. Senato Palazzo Madama IBAN IT18I0100503373000000002777 (oppure sul conto postale n° 82103003), entro il 26 gennaio. Causale: Iscrizione Corso Roma 2011.
L’Ente promotore si riserva la facoltà di annullare il corso entro una settimana dall’avvio qualora non si raggiungesse il numero minimo di partecipanti, in tal caso ci si impegna a restituire le quote versate.
3. Alla fine del corso verrà rilasciato un certificato di frequenza a coloro che non hanno perso più di una lezione.
4. Le lezioni si terranno di venerdì e avranno la durata di 3 ore circa, dalle 17 alle 20. Verrà richiesta una firma in entrata e in uscita per verificare l’effettiva presenza per tutta la durata degli incontri.
5. Alcune Facoltà  attribuiscono crediti agli studenti che frequentano questo corso.
6. Le iscrizioni sono aperte fino al 26 gennaio 2011 presso la sede della Fondazione Basso – Sezione Internazionale. Si considera effettiva l’iscrizione al momento del pagamento della quota di partecipazione. Le domande possono essere consegnate a mano o a mezzo posta prioritaria. Farà fede il timbro postale. Sulla domanda si autorizza il ricevente al trattamento dei propri dati personali ai sensi della L. 196/2003, i dati verranno comunque utilizzati ai soli fini didattici. Per tutte le informazioni sul corso e sulle modalità d’iscrizione contattare la Segreteria della Fondazione Basso – Sezione internazionale, via della Dogana Vecchia 5 – 00186 Roma  Web: http://www.internazionaleleliobasso.it 

Posted in Recensioni/Reviews, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Europei senza patria

Posted by fidest press agency su martedì, 15 dicembre 2009

Napoli 16 dicembre 2009 alle ore 18,00 via Port’Alba 20/23 Saletta Rossa Libreria Guida Portalba In occasione della presentazione del libro Europei senza patria. Storie di rom ed. Guida Ne discutono con l’autore Gino Battaglia Alessandro Pansa Prefetto di Napoli Marco Impagliazzo Presidente della Comunità di Sant’Egidio Virman Cusenza Direttore “Il Mattino” Valerio Petrarca Docente di Antropologia culturale Università degli Studi di Napoli “Federico II” Dicono i Rom: Sono nato in Italia, mio padre è nato in Italia. Mio nonno veniva dalla Jugoslavia, che ora non esiste più. Se ci mandano via, dove possiamo andare? Gino Battaglia

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Amore coniugale e relazioni familiari

Posted by fidest press agency su martedì, 8 dicembre 2009

Lezioni sull’amore coniugale e sulle relazioni familiari. È quanto propone il corso “Amore, famiglia ed educazione” (AFE) organizzato dall’Istituto di Scienze Religiose all’Apollinare della Pontificia Università della Santa Croce di Roma. Giunta all’undicesima edizione, l’iniziativa è stata ideata per divulgare gli insegnamenti magisteriali “sulle tematiche legate alla relazione fra uomo e donna”. Attraverso un approfondimento multidisciplinare, viene proposto “lo studio dell’antropologia cristiana, un’antropologia duale che vede nella relazione uomo-donna il fondamento dell’umanità”, spiegano gli organizzatori. Tra le materie di insegnamento figurano “Teologia del matrimonio e della famiglia”, “Fondamenti biblici del matrimonio e della famiglia”, “Psicologia della vita coniugale”, “La famiglia come soggetto educativo”, “La dimensione giuridica dell’amore e della famiglia”, “Gestione della relazione coniugale e della relazione genitori-figli”. Secondo la prof.ssa Marta Brancatisano, che dirige il corso insieme alla prof.ssa Carla Rossi Espagnet, si tratta di un percorso accademico per “dare un apporto chiaro e scientificamente fondato su temi vitali che scuotono il nostro panorama culturale con l’intento di dare ragione del significato dell’amore umano alla luce della Rivelazione”. L’AFE ha una durata di due anni. È richiesta la presenza a 60 ore di lezione ogni anno, che si svolgono durante tre fine settimana (nel 2010 dal 19 al 21 febbraio, dal 14 al 16 maggio, dall’8 al 10 ottobre). Alle lezioni si aggiunge lo studio personale con il supporto di strumenti di lavoro come le guide didattiche e colloqui con il proprio tutor. Sono previste inoltre prove di controllo per l’assimilazione dei contenuti, seminari di approfondimento e un questionario finale. Le iscrizioni sono aperte fino al 31 dicembre 2009 e si possono inviare tramite la pagina http://www.issra.it/

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Un aiuto per la ricerca di senso

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 novembre 2009

Roma 25 novembre 2009 alle ore 16.00, a, presso l’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum (via degli Aldobrandeschi 190), sarà presentato Il Master in “Consulenza filosofica ed Antropologia Esistenziale” per offrire strumenti adeguati a chi si proponga quale professionista d’aiuto a favore di chi è alla ricerca di senso con una tavola rotonda alla quale parteciperanno i professori P. Pedro Barrajón LC, Gianfranco Buffardi, Ferdinando Brancaleone, P. José Antonio Izquierdo Labeaga LC, Salvatore La Rosa, P. Rafael Pascual LC, Cristina Rolando, P. Michael Ryan LC. Coordinatore: Prof. Guido Traversa. Quella del Consulente Filosofico è una professione d’aiuto che da un decennio si va affermando nel panorama mondiale. A differenza del medico, che dà terapie, il Consulente Filosofico offre un orientamento attraverso l’ascolto competente e professionale, la comprensione e l’accoglienza dell’altro, per affrontare in maniera più articolata le problematiche del vivere sociale (conflitti aziendali, dinamiche personali, lavorative e familiari). Accompagna nell’elaborazione ed eventuale soluzione dei problemi. L’esercizio di questa professione richiede un intenso e valido percorso formativo per imparare ad aiutare comprendendo, ascoltando e accogliendo. Il Master è indirizzato a tutti i laureati in discipline filosofiche e umanistiche, in psicologia, in medicina, in scienze infermieristiche, economico-aziendali, giuridiche e della comunicazione. La frequenza è altresì aperta a professionisti, dirigenti del mondo del lavoro e della comunicazione.Il Master promuove la formazione di nuove figure professionali e lo sviluppo delle capacità e abilità inter-relazionali nel mondo della comunicazione, della gestione delle dinamiche aziendali, della gestione del disagio individuale e/o collettivo e della formazione. http://www.uprait.org

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Palermo da Riscoprire non solo in TV

Posted by fidest press agency su martedì, 27 ottobre 2009

Palermo 28 ottobre 2009 alle ore 17,30 nella Sala Gialla di Palazzo dei Normanni, “Palermo da Riscoprire – non solo in Tv” libro della giornalista Melinda Zacco, edito da Navarra Editore riporta alla luce un pezzo di storia della città siciliana. Ne parleranno l’On.le Francesco Cascio, presidente Assemblea Regionale siciliana, il prof. Adelfio Elio Cardinale, preside Facoltà di Medicina e Chirurgia di Palermo, dal giornalista, l’avv. Lino Buscemi e la prof.ssa Rita Cedrini, docente di antropologa all’Università di Palermo.   Il libro focalizza realtà sicuramente ignorate dai più e costituisce un gradevole stimolo per invogliare i palermitani ad amare maggiormente la propria città e a vivere più in simbiosi con essa, attraverso anche le interviste ad autorevoli personaggi della cultura palermitana.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I 30 anni di Redemptor hominis

Posted by fidest press agency su lunedì, 5 ottobre 2009

Città del Vaticano (Vatican City) 16 e 17 ottobre 2009 Piazza San Giovanni in Laterano, 4 Pontificia Università Lateranense Aula multimediale Pio XI. In occasione del 30° della prima lettera enciclica del Servo di Dio Giovanni Paolo II, Redemptor hominis, il Pontificio Istituto Giovanni Paolo II per Studi su Matrimonio e Famiglia organizza, in collaborazione con i Knights of Columbus un Congresso per approfondire le linee chiavi del documento e la sua attualità.  L’antropologia delineata in questo documento programmatico del Pontificato wojtyliano è stata e continua ad essere una sorgente inesauribile per la riflessione che si sviluppa nel nostro Istituto. Infatti, essa permette di approfondire la riflessione sull’identità dell’uomo, rivelata pienamente nell’incontro con Cristo, nella centralità che l’amore per la vita, ma anche attraverso le esperienze elementari che permettono all’uomo di “toccare” in se stesso il progetto originario di Dio. La comprensione dell’uomo che ne deriva può offrire la base di una cultura della vita, capace di essere l’humus per la nuova evangelizzazione. “L’unico orientamento dello spirito, l’unico indirizzo dell’intelletto, della volontà e del cuore è per noi questo: verso Cristo, Redentore dell’uomo; verso Cristo, Redentore del mondo. A Lui vogliamo guardare, perché solo in Lui, Figlio di Dio, c’è salvezza, rinnovando l’affermazione di Pietro: «Signore, a chi andremo? Tu hai parole di vita eterna»”. (Giovanni Paolo II, Lettera enciclica Redemptor hominis, 7)
On the occasion of the 30th anniversary of Redemptor Hominis, the first encyclical of the Servant of God Pope John Paul II, the Pontifical John Paul II Institute for Studies on Marriage and Family is holding a Congress in collaboration with the Knights of Columbus in order to reflect in a deeper way on key aspects of the document, and to show its permanent relevance.  The Congress will take place on October 16-17, 2009.   The anthropology that is outlined in this foundational document of John Paul’s pontificate continues to be a source for theological reflection, as well as a guide for pastoral care.  In fact, Redemptor Hominis has inspired a deeper study of the identity of the human person as fully revealed in his or her encounter with Christ, including the centrality that love has for life, and our ability to “experience” in ourselves the original plan of God.  The understanding of the human person that results from this deeper study can serve to prepare a culture that is capable of both pursuing and receiving the new evangelization.“Our spirit is set in one direction, the only direction for our intellect, will and heart is-towards Christ our Redeemer, towards Christ, the Redeemer of man. We wish to look towards him-because there is salvation in no one else but him, the Son of God- repeating what Peter said: «Lord, to whom shall we go? You have the words of eternal life».”  (John Paul II, Encyclical Letter Redemptor hominis, 7)

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Master in Antropologia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 settembre 2009

Roma dal 3 ottobre 2009 fino al giugno 2010 presso la Pontificia Università “San Bonaventura” di Via del Serafico 1 si terrà Il Master Universitario in in Antropologia Filosofica e Forense, Criminologia e tecniche Investigative avanzate. Le lezioni si svolgono di sabato. Al master contribuisce economicamente l’UNRIC (Nazioni Unite) e il costo è quindi bassissimo per il pubblico di 1500 euro. La convenzione con l’ICAA riduce ulteriormente la cifra (solo per i soci ICAA) a 1200euro pagabili in tre rate da 400euro. Il Presidente dell’ICAA Marco Strano sarà uno dei docenti (devolvendo il suo compenso come di consueto all’Associazione). Sono rimasti disponibili pochi posti. E’ richiesta la laurea triennale. Il Master è riconosciuto e organizzato bene e i docenti sono di prim’ordine. Il prezzo è bassissimo per l’intervento dell’UNRIC. per informazioni rivolgersi direttamente (con urgenza) a http://www.europa2010.org

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Daniel Rojas Chaigneau: Ripartenza da Rapa Nuj

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 luglio 2009

Jonas Avana è di Chillán, ha diciannove anni, ha da poco finito il liceo. Timido e riservato, chiede ai genitori di aiutarlo nel suo desiderio di trasferirsi a Santiago. La decisione è presa, il desiderio di scoprire nuovi orizzonti è fortissimo. Poco prima di partire Jonas, rovistando in cantina per cercare una valigia, ne trova una marrone molto grande, antica, appartenuta ai bisnonni paterni. Su un nastro attorcigliato al manico, sono disegnate delle strane rappresentazioni. La vista di quei disegni (in realtà si tratta della scrittura simbolica rongorongo) diventa un’ossessione per il giovane: essi somigliano sorprendentemente alle immagini dei sogni che occupano le sue notti, sogni di spazi cosmici, profondità marine, simili ai pullulanti aggregati in un quadro di Klee. Ripartenza da Rapa Nui è un romanzo in cui convergono storia delle civiltà, nozioni di antropologia, romanzo di avventura, elementi di dottrine politiche, resoconto delle aberrazioni del colonialismo, filosofia new age, principi di informatica, brevi nozioni di musica latino-americana, il tutto sistemato con perfetto equilibrio in un plot che appassiona, informa, diverte e fa pensare. Besa editrice Pagine: 372 ISBN 978-88-497-0453-2 € 18,00
Daniel Rojas Chaigneau è nato a Santiago del Cile nel 1954. Vive in Italia da più di un trentennio. Nella sua biografia, oltre all’attività di militante in aperta opposizione al regime militare di Pinochet, annovera un costante impegno nella scrittura nonché innumerevoli esperienze artistiche come musicista, documentarista e regista.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Giovanni Marro Ossessioni

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 maggio 2009

Besa editrice Pagine 164, Euro 15,00. Da un lato Giovanni Marro, psichiatra e antropologo, impiegato nei primi del ’900 nel Regio Manicomio di Collegno (Torino). Dall’altro lato T.F. [Francesco Toris], brigadiere dei carabinieri, internato a Collegno con la diagnosi di paranoia. Fra di loro un impressionante manufatto: una scultura di ossa bovine provenienti dalla cucina del manicomio, denominata Nuovo Mondo. Nell’arco di cinque anni Toris cesellò finemente centinaia di ossa, trasformandole in figure fantastiche e assemblandole insieme, senza l’aiuto di chiodi o colla. Il Nuovo Mondo si è salvato entrando in una collezione del Museo di Antropologia ed Etnografia, fondato a Torino da Marro: è oggi considerato un capolavoro dell’arte irregolare. Qui pubblichiamo Arte Primitiva e Arte Paranoica, il singolare articolo del 1913 dove Marro si confronta/scontra con l’universo di Toris. A corredo una serie di fotografie, contributi e interviste sul Nuovo Mondo e sui temi, sempre più dibattuti, che intercorrono fra antropologia, arte e psichiatria.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Fonti orali e audiovisive per la ricerca storica e sociale”

Posted by fidest press agency su martedì, 14 aprile 2009

Parma, Borgo Carissimi 10 Dipartimento di Studi Politici e Sociali, Scadranno il prossimo lunedì 20 aprile, alle 12, le iscrizioni al Corso di perfezionamento “Fonti orali e audiovisive per la ricerca storica e sociale”, unico post-laurea specificamente dedicato a questo tema all’interno delle Università italiane, attivato presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Parma. La direzione del corso (assicurata dai Prof. Alessandro Bosi e Antonio Parisella) ha sede presso il Dipartimento di Studi Politici e Sociali dell’Ateneo. Obiettivo del Corso è quello di fornire le competenze non solo per gli usi tradizionali della ricerca storica, antropologica e sociologica con le fonti orali, ma anche quelle per gli impieghi nelle attività didattiche, nei servizi sociali, nelle mediazioni interculturali, nelle attività sanitarie, nella ricerca territoriale e ambientale, nella comunicazione interna di amministrazioni, imprese, organizzazioni. Il Corso è realizzato in fattiva collaborazione con il Centro studi per la stagione dei movimenti di Parma e con l’Istituto Nazionale di Sociologia Rurale (INSOR). Sono stati invitati a partecipare l’Istituto centrale per i beni sonori e audiovisivi di Roma, l’Associazione Italiana di Storia Orale (AISO) e il Laboratorio della memoria di Isola Dovarese (CR). Possono accedervi come perfezionandi coloro che siano in possesso di diplomi universitari e lauree di durata triennale o superiore del vecchio o del nuovo ordinamento universitario, nonché coloro che siano in possesso di diplomi triennali di Accademie, Conservatori e istituti assimilati. Possono inoltre accedere coloro che siano in possesso di qualsiasi altro titolo di livello universitario riconosciuto previsto da ordinamenti di altri paesi, europei e non. In difetto di titolo di studio universitario, potrà essere ammesso in qualità di uditore chi è in possesso di un titolo di scuola media superiore o di un’esperienza lavorativa ritenuta equipollente dai coordinatori. Tra i docenti, ve ne sono alcuni interni al Dipartimento di Studi Politici e Sociali (Alessandro Bosi, Marco Deriu, Sergio Manghi, Antonio Parisella, Vincenza Pellegrino, Alessandra Pozzi) e al Centro studi per la stagione dei movimenti (Margherita Becchetti, William Gambetta, Ilaria La Fata, Brunella Manotti) e inoltre – in via di conferma – Cesare Bermani, Giovanni Contini, Mariella Eboli, Gabriella Gribaudi, Alfredo Martini, Juri Meda, Giuseppe Morandi, Alessandro Portelli, Massimo Sani e forse Carlo Lizzani e Sergio Zavoli. Tra le esperienze, quelle del Centro studi per la stagione dei movimenti di Parma, del Circolo Gianni Bosio di Roma, della Lega di cultura di Piadena, del Laboratorio della memoria di Isola Dovarese, della Survivors of the Shoah Foundation for the Visual History fondata da Steven Spielberg (Los Angeles), del Parco di Monte Sole (Marzabotto, Bologna). L’organizzazione didattica tenderà – per quanto possibile – ad alternare nella giornata tre o quattro attività di diversa natura.

Posted in Università/University, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »