Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 289

Posts Tagged ‘anulare’

Pedaggi anulare Roma

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 giugno 2011

Roma. “Siamo davanti alla solita inconsistenza degli interventi di Alemanno. Lui parla, minaccia, fa proclami ma poi la Lega lo scavalca sempre e usa Roma e tutto il Sud per i propri interessi”. Lo dichiara il senatore del Pd Raffaele Ranucci in merito alle affermazioni di Roberto Castelli che ha annunciato l’intenzione del governo di andare avanti sui pedaggi del Gra, della Salerno – Reggio Calabria e di altri tratti gestiti dall’Anas “E’ vergognoso che i 250 milioni che questo governo ha sottratto agli investimenti sulle strade e le autostrade debbano essere ripagati dai cittadini attraverso i pedaggi che si vogliono istituire su strade anche a percorrenza quotidiana, come è, appunto il Gra di Roma. Non si può risolvere una questione di tale rilevanza economica e sociale con un Ordine del giorno. Il Ministro Tremonti e il ministro Matteoli – conclude Ranucci – devono intervenire per ristabilire i finanziamenti che altrimenti dovranno pagare i cittadini attraverso i pedaggi su strade che percorrono ogni giorno, anche più volte al giorno”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pedaggi sul Grande Raccordo Anulare

Posted by fidest press agency su lunedì, 4 ottobre 2010

Come ci si aspettava il risanamento dei bilanci pubblici devastati dall’incapacità di politici ed amministratori ricadono sulle spalle dei cittadini. Dopo le strisce blu adesso si è deciso di far pagare il pedaggio sul GRA. Si tratta dell’ennesima mazzata inflitta ai consumatori, con una spesa che potrebbe secondo i nostri calcoli arrivare ad oltre 1200 euro l’anno per famiglia- “è quanto dichiara Gianluca Martone, portavoce dell’associazione consumatori Primo Consumo”. Il pedaggio oltre a colpire economicamente i consumatori sarà letale anche per il traffico cittadino, con migliaia di vetture ferme davanti ai caselli, in entrata ed in uscita dalla Capitale, con una naturale ripercussione sulle consolari. E’ inammissibile che si imponga un pedaggio senza neanche migliorare i servizi. Un danno per i romani e per tutti i cittadini della Regione Lazio.  Primo consumo aderisce all’iniziativa di petizione popolare contro il pedaggio e mette a disposizione il proprio sportello per chiunque voglia apporre la propria firma. Se il provvedimento non verrà ritirato siamo pronti “continua Martone”, ad intraprendere azioni legali collettive

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pedaggio sul Gra di Roma

Posted by fidest press agency su martedì, 28 settembre 2010

“Noi dell’Italia dei Diritti non possiamo stare certo a guardare quello che è l’ennesimo ‘scippo’ alle tasche dei cittadini, visto che sia il nostro dna, sia la nostra ragione sociale, sono rivolti a salvaguardare i diritti in particolar modo delle fasce più deboli”. Con queste parole il presidente del movimento nazionale Antonello De Pierro dichiara guerra aperta all’idea avanzata dall’Anas circa l’istituzione del pedaggio elettronico sul Grande Raccordo Anulare di Roma e sul tratto stradale che collega la Capitale con Fiumicino. “Siamo sbigottiti e scandalizzati – continua De Pierro – di fronte al progetto dell’Anas che, sfruttando perfettamente un assist legislativo fornito su un piatto d’argento dall’ultima finanziaria del governo Berlusconi, sta per introdurre un tale, ignobile, balzello. Non abbiamo mai creduto, neanche per un secondo, all’attendibilità dell’opposizione di Renata Polverini al provvedimento, né ai proclami di Gianni Alemanno che, annunciando azioni plateali come quella di sfondare con la propria auto un casello che non si capisce nemmeno quale sia, dacché si parla di videopedaggi, sta cercando di riconquistare qualche briciola della credibilità persa fortemente per strada nel suo percorso amministrativo. È chiaro che stanno prendendo in giro i cittadini. L’intenzione di istituire il pagamento del pedaggio c’è, e se qualcuno non si opporrà realmente con vigore sarà attuato a breve. Su questo fronte noi non ci lasceremo intimorire e annunciamo battaglia, certi che i cittadini saranno dalla nostra parte. Il copione come sempre è lo stesso: raccontare favole per poi fare assimilare e accettare quasi automaticamente il nuovo esborso, come già accaduto con i parcometri o molto prima con l’Ici”.  Il presidente dell’Italia dei Diritti, pensando alle conseguenze che il videopedaggio sul Gra avrebbe sulla viabilità della Capitale aggiunge: “Tutto ciò, oltre che essere immorale nei confronti di chi è costretto per lavoro a percorrere il Gra diverse volte al giorno, obbligherà molti a evitare l’ingiusto assalto legalizzato alle proprie tasche riversandosi sulle strade consolari, già abbondantemente intasate. Chi non è di Roma non si senta estraneo e indenne da tale sopruso legislativo – avvisa De Pierro –, in quanto non è da escludere che presto cominceranno a pensare di introdurre pedaggi anche sulle strade statali. A fronte di ingenti somme di denaro sottratte allo Stato da politicanti disonesti, la parola d’ordine sembra essere ormai sempre più fare cassa con i soldi dei contribuenti. Annunciamo perciò clamorose manifestazioni di protesta – conclude il presidente del movimento nazionale –, a partire da un numero infinito di incatenamenti lungo il raccordo anulare

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pedaggio raccordo anulare Roma

Posted by fidest press agency su sabato, 25 settembre 2010

Il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, ha incontrato i rappresentanti dei deputati del Pdl per individuare le possibili soluzioni per fronteggiare il problema dei pedaggi sugli accessi dal Gra alle autostrade, in vista della discussione alla Camera dei Deputati del decreto legge numero 125 del 5 agosto 2010. «È fuorviante e demagogico – dichiara il sindaco Alemanno – parlare di pedaggio sul Grande Raccordo Anulare, perché i cittadini romani che usano il raccordo per spostarsi da un quartiere all’altro non devono pagare assolutamente nulla».  «Rimane il problema dei pendolari – prosegue Alemanno – che quotidianamente vengono dalla provincia di Roma a lavorare in città e che non possono sopportare anche un modesto aumento di pedaggi  autostradali che di fatto consegue alla nuova tariffa Anas. Per questo motivo ho posto ai parlamentari del Popolo della libertà il problema di cancellare questa tariffazione da tutti i tratti autostradali di grande percorrenza in area urbana, tra cui il Gra».  «In subordine – spiega il Sindaco – bisogna introdurre dei forti sconti per i pendolari che usano questi tratti autostradali e garantire che le eventuali risorse rimangano sul territorio di Roma per consentire la manutenzione e lo sviluppo dei tratti stradali e autostradali di accesso alle autostrade. È comunque necessario rinegoziare il contratto di servizio con la Società Autostrade, che è un monopolista e ha ampi margini di guadagno». «Entro la prossima settimana – conclude Alemanno – il gruppo del Pdl, dopo opportuno confronto con i Ministeri dell’Economia e delle Infrastrutture, individuerà gli interventi che sono praticabili in sede parlamentari».

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pedaggi autostradali? Inaccettabili

Posted by fidest press agency su venerdì, 17 settembre 2010

“Un’altra inammissibile trovata che calpesta i diritti dei cittadini e rischia di abbattersi sulle loro tasche senza garantire adeguati servizi”. E’ quanto dichiara Massimiliano Dona, Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori (UNC), commentando l’annuncio dell’Anas, il gestore della rete stradale ed autostradale italiana, di un bando di gara per l’installazione di video-pedaggi su una parte del Grande Raccordo Anulare di Roma, sulla Roma-Fiumicino, sui primi 100 km della Salerno-Reggio Calabria e su tutte le autostrade siciliane. “Lo stop ai rincari sui pedaggi autostradali recentemente deliberato dal Tar sembra non esser servito a bloccare questa continua e assurda ‘corsa al balzello’. Piuttosto che installare tali sistemi elettronici -conclude Dona- l’Anas farebbe bene a migliorare le condizioni di sicurezza delle nostre strade, specie su tratti come la Salerno-Reggio Calabria che non è di certo nota per la sua praticabilità”.

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pedaggi e G.r.a. di Roma

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 settembre 2010

Roma. Sulla questione del Grande raccordo anulare di Roma (GRA) e dell’autostrada Roma- Fiumicino, si sta alzando un grande polverone. Il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, si scaglia contro la decisione di imporre il pedaggio per le due arterie che, ricordiamo, sono classificate autostrade. Vogliamo ricordare che la legge che prevede tale possibilità è stata votata appena due mesi fa, con la nota legge di “stabilizzazione” finanziaria, da una maggioranza cui appartiene anche il sindaco di Roma. Noi avevamo proposto che il Gra diventasse strada comunale e l’autostrada Roma-Fiumicino provinciale. Ovvio che questa scelta comporti costi di manutenzione: il GRA e’ percorso annualmente da circa 60 milioni di veicoli. Troppi per il comune di Roma che si oppone al pedaggio e propone il trasferimento alla regione Lazio degli oneri autostradali. Troppo comodo! Un po’ di coerenza e responsabilita’ sarebbe opportuno da parte dei nostri governanti. (Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Un pedaggio sull’anulare di Roma?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 settembre 2010

“L’Anas dovrebbe pensare a rendere più sicure le strade, anziché riempirsi ulteriormente le tasche con questo scempio”. Questo il commento di Roberto Soldà, vicepresidente dell’Italia dei Diritti, sul pedaggio elettronico voluto dall’Anas sul Grande Raccordo Anulare di Roma e sull’autostrada che collega la Capitale con Fiumicino. La società gestrice della rete stradale italiana pubblicherà oggi il bando di gara di 150 milioni per la cosiddetta “esanzione dinamica senza barriere”, una sorta di occhio elettronico in grado di leggere le targhe dei veicoli in transito e di inviare automaticamente a casa la richiesta di pagamento. Il Campidoglio, la Provincia di Roma e la Regione Lazio hanno già fatto fronte comune per impedire un progetto che – pur non riguardando chi si muove all’interno alla città, bensì solo chi vi arriva dall’autostrada o coloro i quali verso questa si dirigono – darebbe il colpo di grazia a tutti quei pendolari già penalizzati dai rincari delle tariffe autostradali scattati in estate e poi bloccati dalle sentenze del Tar e del Consiglio di Stato. “Il Gra è utilizzato ogni giorno da migliaia di lavoratori come percorso quasi obbligato per andare a lavoro – incalza Soldà –, e altrettanto vale per la bretella Roma-Fiumicino. E’ impensabile tassare il pedaggio su strade di così vitale importanza, a maggior ragione se si calcola che quella dei pendolari già non è una delle categorie più fortunate. Se al traffico, al lungo viaggio, ai rincari della benzina, si deve aggiungere anche una tassa extra per 5 giorni settimanali, per i lavoratori che vengono dall’hinterland romano recarsi in ufficio diventerà un’impresa”. Italia dei Diritti promette battaglia nei confronti di tale progetto e invita tutti i sostenitori del movimento ad appoggiare le iniziative che verranno a breve rese note.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il Grande Raccordo Anulare? Diventi strada comunale

Posted by fidest press agency su martedì, 14 settembre 2010

Roma. Il Grande Raccordo Anulare (GRA) di Roma? Che diventi strada comunale e se ne faccia carico il Comune di Roma. Se il Gra e’ “una strada di scorrimento cittadina”, come definita dal presidente della provincia di Roma, Zingaretti,  significa che dovrebbe essere  comunale, come la tangenziale Est. Si eliminerebbe cosi’ il motivo di fondo della querelle sulla imposizione di tariffe autostradali, visto che a tutt’oggi il GRA è una autostrada, che un tempo serviva a collegare il Nord e il Sud dell’autostrada del Sole senza dover passare per il centro di Roma. Con l’espansione della città questa funzione di collegamento è venuta meno, anche grazie ad una bretella autostradale costruita negli anni successivi e che svolge, appunto, la funzione di connessione prima ricordata. Incorporare il GRA nel patrimonio della capitale significa anche accollarsi le relative spese di manutenzione. Analogo discorso si potrebbe fare con l’autostrada Roma-Fiumicino: vi
sto che collega due comuni potrebbe diventare strada provinciale, con i relativi costi di mantenimento. Poniamo la domanda al sindaco di Roma, Gianni Alemanno e al presidente della provincia di Roma, Nicola Zingaretti: siete disposti ad assorbire le due autostrade classificandole come strade provinciale e comunale? Se no, il gioco e’ troppo facile. (Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »