Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Posts Tagged ‘apicoltura’

Apicoltura Casentinese: premi

Posted by fidest press agency su venerdì, 4 maggio 2012

Bibbiena, Toscana

Bibbiena, Toscana (Photo credit: Wikipedia)

Bibbiena (Arezzo), Dopo il successo delle precedenti edizioni, Apicoltura Casentinese ha incontrato anche quest’anno gli apicoltori italiani che si sono distinti per l’elevato livello quantitativo e qualitativo delle loro produzioni. Nella suggestiva cornice dell’Hotel Olimpo nel Golfo di Taormina, l’azienda ha conferito tre premi speciali agli oltre 50 apicoltori italiani selezionati che hanno preso parte al meeting e che conferiscono all’azienda toscana la materia prima, condividendone l’attenzione alla qualità e al controllo di filiera. Un evento realizzato in sinergia con gli obiettivi aziendali di perseguire la leadership nel mercato del miele di alta qualità italiano e che segue la politica adottata da sempre nei confronti di un rigido capitolato interno di controllo qualità. All’incontro erano presenti i soci dell’azienda (Lucio Ragazzini, Alberto Ricci e Maurizio Fabbri) il responsabile amministrativo Maddalena Bargellini e il direttore commerciale Vincenzo Giummarra mentre ad ottenere i riconoscimenti sono stati, quest’anno, gli apicoltori siciliani per le loro produzioni di miele di Arancio ed Eucalipto. I criteri di selezione per il premio ‘’Alta Qualità’’ sono stati condivisi con la società di servizi specializzata nel campo dell’apicoltura Piana Ricerca e Consulenza che ha anche partecipato all’evento con la presenza della titolare Lucia Piana. Specializzata in prodotti apistici e loro derivati, sin dalla sua fondazione nel 1982 Apicoltura Casentinese si è impegnata in un percorso di sviluppo di infrastrutture e macchinari, di aggiornata professionalità da parte del personale e di Ricerca & Sviluppo di nuovi prodotti, che hanno contribuito alla creazione di una struttura produttiva all’avanguardia nel settore e al raggiungimento di standard operativi conformi alle certificazioni HACCP, ISO 9001, BRC e IFS. Il patrimonio apistico, costituito da migliaia di alveari certificati biologici e dal rapporto diretto con gli apicoltori di ogni regione italiana che fanno dell’azienda un punto di riferimento per i mieli di alta qualità italiani.(apicoltura)

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Toscana più risorse per l’apicoltura

Posted by fidest press agency su martedì, 24 agosto 2010

La Regione conquista maggiori finanziamenti per l’apicoltura toscana. Per l’anno 2010-2011 si passa infatti a 500 mila euro dai 393 mila dell’anno precedente con un incremento di 107 mila euro.  La ripartizione delle somme del programma apistico nazionale, cofinanziato dalla Comunità Europea ai sensi del regolamento 1234/2007, è stata concordata durante un incontro tenuto al Ministero dell’Agricoltura e Foreste insieme alle Regioni. Grazie al programma presentato e alla consistenza degli alveari presenti sul territorio, la Toscana ha ottenuto una percentuale pari all’8% del plafond nazionale. Le risorse serviranno a finanziare una serie di programmi di assistenza tecnica e formazione professionale per gli apicoltori e azioni di comunicazione.  Sarà finanziata inoltre una campagna contro la “varroa” , un acaro che rappresenta un pericoloso parassita per gli alveari, articolata in una serie di indagini sul campo volte all’applicazione di una strategia di lotta a basso impatto chimico. Infine una misura per razionalizzare la transumanza degli insetti attarverso l’acquisto di arnie e materiali specifici. L’assessore all’agricoltura della Regione, Gianni Salvadori, esprime soddisfazione per il lavoro fatto “che ha ottenuto il giusto riconoscimento ed ha portato ad un incremento delle risorse a disposizione. Potremo così – sottolinea – portare avanti una serie di! azioni a tutela del nostro patrimonio apistico e della qualità e tipicità del miele prodotto in Toscana.» Qualità e tipicità che presto faranno bella mostra di sé in una delle più importanti manifestazioni del settore. «La Toscana – conclude Salvadori – ospiterà anche quest’anno la XXXVI settimana del miele a Montalcino che si terrà dal 10 al 12 settembre prossimo e vedrà fra i partecipanti numerosi e qualificati relatori internazionali.»

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Piemonte: contributi a sostegno apicoltura

Posted by fidest press agency su giovedì, 24 dicembre 2009

Torino. Con un Delibera proposta dell’Assessore all’Agricoltura e Montagna, Marco Balagna, la Giunta Provinciale ha approvato il bando per la  concessione di contributi per investimenti nelle aziende apistiche e per lo sviluppo dell’apicoltura nel territorio provinciale. Le domande dovranno essere presentate entro le 12 di lunedì 1 marzo 2010 alla Provincia di Torino – Servizio Agricoltura, corso Inghilterra 7, 10138 Torino, utilizzando i moduli predisposti dal Servizio stesso. Il bando mette a disposizione contributi per un totale di 257.528,42 Euro.  Il bando prevede la concessione di contributi in conto capitale alle aziende apistiche, condotte da produttori singoli o associati, in possesso di partita IVA, iscritte al registro imprese agricole della Camera di commercio di Torino e in regola con la denuncia del possesso di alveari. I contributi possono essere concessi per: costruire, ristrutturare e ammodernare le strutture aziendali di lavorazione dei prodotti dell’alveare (anche ai fini dell’adeguamento alle norme igienico-sanitarie), acquistare macchine e attrezzature apistiche (compreso l’acquisto di arnie con fondo per il controllo della varroa) e macchine, attrezzature e materiali vari specifici per il nomadismo, allevare e selezionare api regine di razza Ligustica, sviluppare e incrementare in termini quantitativi e qualitativi l’apicoltura e i suoi prodotti. Sono previsti massimali di spesa ammissibile che variano a seconda del tipo d’intervento. I contributi potranno essere concessi anche agli apicoltori amatoriali, a condizione che siano in regola con la denuncia del possesso di alveari e acquisiscano, entro un anno dal godimento dei benefici, i requisiti dell’apicoltore produttore apistico, impegnandosi a proseguire l’attività per almeno 5 anni, pena la restituzione con la maggiorazione degli interessi dell’aiuto ottenuto. L’apicoltore amatoriale dovrà inoltre dimostrare di aver frequentato un corso di formazione o di aggiornamento in materia di apicoltura, tenuto da una delle associazioni dei produttori apistici riconosciute a livello regionale o da Istituzioni universitarie. Ogni azienda dovrà aver costituito e/o aggiornato il proprio Fascicolo aziendale, tenuto presso il Centro autorizzato di assistenza in agricoltura (C.A.A.) prescelto. http://www.provincia.torino.it/agrimont/bandi_ scadenze/

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »