Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 229

Posts Tagged ‘approvata’

Toscana, approvata legge su cannabinoidi contro il dolore

Posted by fidest press agency su giovedì, 3 maggio 2012

Facilitare l’accesso in Toscana ai farmaci cannabinoidi per combattere il dolore, nelle cure palliative e anche in altri tipi di terapie. È l’obiettivo di una legge, la prima del genere in Italia, approvata a maggioranza dal Consiglio regionale della Toscana. Il provvedimento prevede la somministrazione dei farmaci presso le strutture del servizio sanitario regionale, le Asl e le strutture private che erogano prestazioni in regime ospedaliero. Per garantire la continuità terapeutica è previsto che il trattamento possa proseguire anche in ambito domiciliare, dopo che il paziente viene dimesso. I farmaci sono acquisiti tramite le farmacie ospedaliere, «nei limiti del budget aziendale», e tramite le unità sanitarie locali. L’atto unifica due diverse proposte di legge e vede come primi firmatari Enzo Brogi (Pd) e Monica Sgherri (capogruppo Fds-Verdi), insieme, tra gli altri, a Pieraldo Ciucchi (Gruppo misto). Un decreto del ministro della Salute del 2007, è stato ricordato, rende possibile l’utilizzo dei principi attivi della cannabis nella terapia farmacologica, ma tali farmaci sono di difficile accesso per le procedure burocratiche richieste e perché è necessario acquistarli all’estero. L’approvazione è stata salutata con un applauso da parte del pubblico in aula appartenente ad alcune associazioni.(fonte farmacista33)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Manovra approvata

Posted by fidest press agency su mercoledì, 14 settembre 2011

Roma - Palazzo di Montecitorio (facciata poste...

Image via Wikipedia

Con 316 voti a favore e 302 contrari la Camera approva la manovra finanziaria. Si completa, in questo modo, il secondo breve iter di un passaggio parlamentare che lascia l’opinione pubblica interdetta. Lo è per il semplice motivo che non tutti hanno percepito la gravità delle misure assunte e, soprattutto gli effetti devastanti sulla spesa delle famiglie e, in primo luogo, per i redditi medio basssi che si troveranno ad affrontare a breve una sequela di aumenti a partire dai trasporti (a Roma ad esempio, il prezzo del biglietto dell’autobus avrà un incremento del 50% mentre l’addizionale irpef raggiungerà il massimo consentito per le amministrazioni locali). Ciò vuol dire per coloro, pensionati compresi, che percepiscono retribuzioni o pensioni inferiori alle 1500 mensili oltre ad aver messo in conto una perdita del potere d’acquisto negli ultimi tre anni del 40% dovranno subbire un ulteriore decremento del 10%. Si sta ripetendo sino all’infinito che è una manovra necessaria e che l’Europa approva, (ma lo fa sull’ammontare della cifra e non certo sul merito delle misure) ma si sottace che essa va a gravare soprattutto i redditi da lavoro dipendente e sui pensionati, ovvero le fasce sociali più deboli. Poco o nulla è stato fatto per incidere di più sui redditi medio bassi, sulla lotta all’evasione, se non con dichiarazioni di principio, ma prive di valore pratico (anche se si sbandiera che nel 2010 sono state recuperati 10 miliardi di evasioni ma si tralascia di dire che 4 di essi sono stati ricavati dallo scudo fiscale e che, anche in questa circostanza sarebbe stato necessario fare di più e se avessimo imitato la Francia e la Gran Bretagna invece del misero 5% di prelievo avremmo potuto chiedere il 15-20% e incassare qualcosa come 20 miliardi.) E ultimo, in ordine di tempo, vi è il disegno di legge governativo per l’abolizione delle Province che è stato una vera e propria presa in giro: in pratica si abolisce la parola “provincia” e si mette al suo posto un’altra, secondo la logica gattopardesca del tutto cambiare per nulla cambiare. E questo non è tutto, purtroppo. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Manovra finanziaria approvata

Posted by fidest press agency su venerdì, 15 luglio 2011

Berlusconi-comizio

Image via Wikipedia

Il sì definitivo dell’Aula è arrivato con 314 voti a favore, 280 contrari e due astenuti. Piena soddisfazione del presidente del consiglio che preannuncia lunga vita al governo. Dello stesso avviso è il suo fedele alleato Bossi: ‘Ora il governo va avanti’. Una nota stonata viene dalle opposizioni allorchè Bersani dichiara: ‘Dopo ok le elezioni’. Non si rende conto, anche se nutriamo forti dubbi in proposito, che proprio con il voto favorevole alla finanziaria che il governo si è assicurata la governabilità fino alla sua scadenza naturale avendo incassato il consenso della “Italia che conta, alias mondo degli affari e dei capitali” che hanno avuto, tramite Berlusconi, l’opportunità di far pagare la crisi alle classi meno abbienti. Suona altrettanto stonata la dichiarazione del Card. Bagnasco, che si augura, a questo punto, si possano difendere il lavoro e la famiglia. Ci arriveremo, di certo, ma solo con le solite promesse.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Manovra: approvata al senato

Posted by fidest press agency su venerdì, 15 luglio 2011

Con 161 sì, 135 no e 3 astenuti, il Senato ha dato il via libera alla fiducia sulla manovra. Il decreto legge passa ora alla Camera dove dovrebbe essere approvato definitivamente, con voto di fiducia, domani intorno alle ore 19. Nel suo intervento il ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, ha sottolineato che “chi fa una manovra come questa vuole il bene del Paese, ma non ci può essere una politica italiana diversa da quella europea. La soluzione è politica o non è, è comune in Europa o non è. E la politica non può più sbagliare”. Tremonti ha anche ringraziato i senatori e in particolare le opposizioni che hanno permesso i tempi stretti del voto. “Il Paese ci guarda: siamo diversi certo ma non troppo divisi. Per questo sono orgoglioso di essere qui con tutti voi”. Ha detto ancora il ministro dell’Economia. Fortemente negativo il giudizio dell’Italia dei valori. Nel suo intervento, Felice Belisario, Capogruppo dei senatori Idv ha parlato di “una manovra distante anni luce dall’impostazione sociale ed economica dell’Italia dei Valori, una manovra che però, ci dicono, potrebbe salvare il nostro Paese dal rischio default, vera e propria bancarotta per l’Italia. Per queste ragioni – ha sottolineato l’esponente Idv – abbiamo evitato di porre in essere manovre ostruzionistiche che sarebbero state peraltro vanificate dal 46esimo voto di fiducia”.

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La manovra economica è stata approvata

Posted by fidest press agency su venerdì, 30 luglio 2010

(fonte GrNet.it) Ecco i punti salienti:
Blocco stipendi statali: dal 2011 e fino al 2013 verranno congelati ai livelli del 2010 gli stipendi dei dipendenti pubblici. Chi quest’anno si è visto alleggerire la busta paga per congedi, malattie o maternità non subirà gli effetti. Non verranno effettuati nuovi rinnovi contrattuali. I mancati rinnovi non potranno essere recuperati in futuro.
Turn Over: nuove limitazioni alle assunzioni di personale a tempo indeterminato da parte delle pubbliche amministrazioni. Stretta anche per i contratti a termine. Fanno eccezione i corpi di polizia, dei vigili del fuoco e gli enti di ricerca.
Tagli Regioni: invariati i tagli di 8,5 miliardi per le Regioni in due anni, ma saranno premiate le Regioni virtuose che rispettano il patto di stabilità interno. Criteri e modalità dei tagli saranno decisi nella Conferenza Stato-regioni entro 90 giorni dalla conversione in legge della manovra. Anche sindaci (tagli per 3,7 miliardi) e Province (800 milioni) decideranno in Stato-Città.
Pensioni: per tutti scatta dal 2015 l’adeguamento dei requisiti di pensionamento all’aspettativa di vita media calcolato dall’Istat.
Età donne P.A: arriva lo scalone unico per le lavoratrici del pubblico impiego che, a partire dal 2012, andranno in pensione di vecchiaia a 65 anni.
Finestra mobile: dal 2011 la pensione sia di vecchiaia sia di anzianità decorrerà 12 mesi dopo il raggiungimento dei requisiti. Per gli autonomi la finestra sarà lunga 18 mesi. Il sistema non si applica agli iscritti a Casse private.
Tfr a rate: versamento della liquidazione a rate se l’importo complessivo supera i 90mila euro. Fino a 150mila euro sarà diviso in due rate che diventano tre se si supera la soglia.
Pedaggi autostrade: dal primo luglio sono scattati aumenti dei pedaggi autostradali ed è entrata in vigore una fase transitoria in cui l’Anas è autorizzata da applicare nuovi pedaggi di 1-2 euro sui raccordi autostradali di propria competenza, che entreranno a regime a partire dal 2012.
Salva-manager: arriva una misura che salva i manager coinvolti nei reati di bancarotta semplice e fraudolenta.
Stretta falsi invalidi: torna al 74% la soglia di invalidità per poter ottenere l’assegno, ma le verifiche aumenteranno a 250mila. Giro di vite sulle false attestazioni da parte dei medici di micro-invalidità causate da incidenti stradali.
Stretta consulenze e auto-blu: azzeramento delle spese per le sponsorizzazioni e taglio dell’80% di quelle per le auto di servizio e consulenze e del 50% per i contratti flessibili. Stop alla diaria per le missioni all’estero.
Enti inutili: vengono soppressi molti enti, fra questi l’Isae, Ipost, Ipsema, Ispel e Isfol.
Addio sir e rel: addio al Comitato Sir costituito per gli interventi nei settori di alta tecnologica e alla Rel, la finanziaria pubblica per il risanamento dell’industria elettronica.
Inps-Inpdap-Inail: arriva una riorganizzazione degli enti previdenziali pubblici.
Docenti e diplomatici: bloccati gli automatismi stipendiali dei docenti universitari e del personale in servizio nella carriera diplomatica. La diaria per incarichi all’estero dei diplomatici viene salvata.
Tagli stipendi manager: la quota di stipendio che supera i 90mila euro annui è ridotta del 5%, quella che supera i 150mila euro del 10%.
Taglio costi politica: un taglio del 10% a decorrere dal 1 gennaio 2011 per ministri e sottosegretari non parlamentari. Stesso taglio anche per i componenti degli organi di autogoverno della magistratura e del Cnel.
Rimborsi elettorali: ridotte la risorse destinate ai rimborsi delle spese elettorali dei partiti politici. Il taglio è del 10% sull’importo di 1 euro per ciascun elettore.
Stretta contratti a termine: un taglio del 50% della spesa delle pubbliche amministrazioni per il personale a tempo determinato.
Tagli ministeri: previsto un taglio lineare del 10% per i ministeri. Possibile una nuova stretta se le riduzioni non raggiungono i risultati indicati. Riduzioni di spesa anche per la presidenza del Consiglio e la Banca d’Italia.
Magistrati: tagli alle indennità dei magistrati, ma sblocco degli stipendi. Nel 2010 potranno essere assunti 250 magistrati vincitori di concorso. La misura viene coperta con aumenti dei contributi unificati delle cause.
Certificati verdi: ripristinato l’obbligo del Gse di riacquistare i certificati in scadenza ma l’importo della spesa complessiva dovrà essere ridotto del 30%. Arriva il sostegno al settore della ricerca e dell’università grazie alle risorse che derivano dallo scioglimento anticipato di alcune convenzioni per gli impianti Cip 6.
Stangata assicurazioni: una stangata da 264 milioni di euro annui a regime. Verrà aumentata la tassazione Ires sul ramo vita. La stretta potrà essere rimodulata dal 2014.
Docenti scuola: arriva il blocco degli automatismi stipendiali del personale della scuola, ma il 30% dei risparmi derivanti dalla manovra triennale del 2008 potranno essere accantonati e successivamente destinati anche agli scatti di anzianità e alle progressioni di carriera degli insegnati.
Stop rate abruzzo: proroga fino al 20 dicembre della sospensione del pagamento delle tasse per i redditi d’impresa e lavoro autonomo sotto i 200.000 euro. Vengono estese a 120 le rate per la ripresa dal 1 gennaio 2011 dei versamenti.
Tracciabilità: si potrà utilizzare il contante per cifre inferiori a 5mila euro e arriva la fattura telematica: andranno comunicate all’Agenzia delle Entrate le operazioni rilevanti ai fini dell’Iva di importo superiore ai 3mila euro.
Redditometro: cambia veste e si aggiorna ai tempi. Viene potenziato l’accertamento sintetico dei redditi dei contribuenti e il redditometro pesa la spesa della famiglia anche in relazione ai componenti.
Microevasione: incrocio fra le basi dati dell’Inps e dell’Agenzia delle Entrate per contrastare la microevasione diffusa.
Riscossione: concentrazione della riscossione nell’accertamento. Arriva anche una nuova disciplina sulla riscossione dei crediti da parte dell’Inps.
Differimento acconti irpef: il Tesoro si riserva la possibilità di differire gli acconti d’imposta Irpef per il 2011 (in scadenza al 30 novembre 2010) e quelli del 2012 (il cui termine scade il 30 novembre 2011).
Imprese apri e chiudi: arriva una stretta contro il fenomeno delle imprese ‘apri e chiudi’ e quelle in perdita sistemica.
Aziende in perdita: arriva una stretta per le aziende sempre in perdita, ma vengono escluse quelle che hanno deliberato aumenti di capitale.
Agenzie fiscali: possono derogare al taglio delle consulenze e dei compensi, nonché al contenimento della spesa per l`apparato amministrativo riversando nel bilancio dello stato almeno il 2,5% delle dotazioni relative ai costi di funzionamento.
Accertamento fiscale: diverrà esecutivo non all’atto della notifica ma nei 2 mesi successivi.
Comuni partecipano all’accertamento: il Comune partecipa all’accertamento con redditometro. Sale dal 30 al 33% del maggior riscosso il premio per la partecipazione dei comuni alla lotta all’evasione.
CompensazionI: i crediti che le imprese hanno maturato possono essere compensati con le somme dovute a seguito di iscrizione a ruolo. Il ruolo deve superare l’importo di 1.500 euro. Resta la sanzione del 50% in caso di indebite compensazioni.
Riscossione: viene confermato l’anticipo dell’esecutività al momento dell’accertamento, ma questa sarà operativa a partire dal 60esimo giorno dopo la notifica dell’atto.
Durata sospensive: stop al termine massimo di 150 giorni dell’efficacia della sospensione dell’atto impositivo che varrà per tutto il processo di primo grado. I crediti che le imprese hanno maturato possono essere compensati con le somme dovute a seguito di iscrizione a ruolo.
Liberta’ imprese: controlli soltanto ‘ex post’ e una segnalazione al posto della dichiarazione d’inizio attività. Al posto della Dia (denuncia d’inizio attività) arriva la Scia, la segnalazione certificata di inizio attività. Non vale per immigrazione, cittadinanza e paesaggio.
Silenzio-assenso su paesaggio: esteso all’autorizzazione paesaggistico territoriale (di sovraintendenze o Regioni) il silenzio-assenso della conferenza dei servizi.
Conferenza servizi: si snellisce il suo funzionamento per l’acquisizione di pareri, nulla osta e autorizzazioni su progetti pubblici e privati.
Sanatoria per oltre 2 milioni di case-fantasma
350 mln per Roma capitale: 350 milioni per Roma capitale a partire dal 2011.
Tassa soggiorno: una tassa di 10 euro per i turisti che alloggiano negli alberghi a Roma e un’addizionale di 1 euro sui diritti d’imbarco dei passeggeri che partono o arrivano nella capitale.
Cartelloni pubblicitari Roma: raddoppiano, passando da un limite del 25% al 50%, le tariffe che il Comune di Roma fa pagare per i cartelloni pubblicitari.
Mln per sicurezza: 160 milioni di euro nel biennio 2011-2012 per il finanziamento delle forze armate, delle forze di polizia e del corpo nazionale dei vigili del fuoco. Inoltre, vengono fatte salve dai tagli le feste nazionali e delle forze armate di polizia.
Farmaci: i tagli verranno spalmati su tutta la filiera e toccheranno quindi anche le aziende farmaceutiche e non solo le farmacie e i grossisti. Viene rideterminata la quota minima spettante per i farmaci di classe A. Dal 2011 il prezzo dei farmaci equivalenti sarà adeguato alla media dei prezzi Ue.
Quote latte: slitta al 31 dicembre il pagamento delle rate delle multe dei produttori che hanno aderito alle rateizzazioni.
Compensi amministratori: tagli dal 3 al 10% alle indennità dei sindaci, presidenti di provincia e giunte.
Via societa’ da taglio compensi: il taglio dei compensi per amministratori e revisori non si applicherà alle società.
Missioni di pace: 320 milioni di euro per il 2010 per la proroga della partecipazione italiana a missioni internazionali di pace.
Comuni commissariati: si allenta il patto di stabilità e nel taglio ai trasferimenti non verranno calcolate le spese per la gestione dell’ente da parte delle commissioni straordinarie, e quelle per la realizzazione e la manutenzione di opere pubbliche.
Comuni dell’Aquila: una deroga sulle spese per investimenti, fino a un massimo di 2,5 milioni, ai Comuni dell’Aquila in stato di dissesto. Per questi Comuni arrivano 2 milioni di euro per il 2010 per far fronte al pagamento dei debiti.
Gettone di presenza consiglieri: un gettone di presenza per i consiglieri comunali, provinciali. L’importo non potrà eccedere il quinto dell’indennità riconosciuta al sindaco o al presidente.
Tarsu: viene sciolto definitivamente il nodo dell’applicazione dell’Iva ritenuto illegittimo dalla Corte Costituzionale. Stop ad ogni possibilità di rimborso ai contribuenti.
Case-fantasma: una sanatoria per la regolarizzazione di oltre 2 milioni di case-fantasma, quegli immobili mai dichiarati al Catasto. Chi ha costruito ex-novo o ampliato immobili già esistenti senza comunicarlo al Fisco dovrà mettersi in regola entro fine anno.
Catasto e comuni: i municipi potranno utilizzare gratuitamente le banche dati dell’Agenzia del Territorio. I Comuni potranno inoltre attivare le procedure di revisione dei valori catastali. ROGITI: arriva la possibilità che un’attestazione di un tecnico abilitato certifichi la conformità fra contratto e dati catastali.
Fondi immobiliari chiusi: i fondi immobiliari che non si adeguano alle regole civilistiche dettate dalla manovra potranno chiudere l’operazione di liquidazione in 5 anni con un’imposta sostitutiva del 7%.
Black list: il ministero dell’Economia dovrà individuare una black list dei paesi a maggior rischio di riciclaggio, di finanziamento del terrorismo e dove è difficile lo scambio in materia fiscale.
Stock option: arriva un’addizionale del 10% sui compensi erogati sotto forma di bonus e stock options.
Fiscalità di vantaggio al Sud, mini-naja per i giovani
Salva-Inpgi: le casse di previdenza privatizzate sono escluse dai tagli della pubblica amministrazione. Vengono quindi fatte salve dalla stretta sulla spesa degli apparati amministrativi le casse dei professionisti fra cui l’Inpgi.
Rate per pensionati: per i pensionati a basso reddito arriva la possibilità di rateizzare alcuni pagamenti, fra cui anche il canone Rai.
Cambia Irap Sud: arriva la possibilità di una fiscalità di vantaggio al Mezzogiorno. Le regioni del Sud potranno istituire un tributo proprio sostitutivo dell’Irap per le imprese che avviano nuove attività. Nel Meridione si potranno istituire anche zone a ‘burocrazia zero’.
Ricercatori: incentivi per il rientro in Italia di ricercatori residenti all’estero.
EXPO 2015: arriva un tetto alle spese di funzionamento.
Mini-naja: i giovani tra i 18 e i 30 anni potranno fare stage della durata massima di tre settimane nelle Forza Armate.
Alunni disabili: resta il tetto di 20 alunni per classe. Congelato l’organico degli insegnanti di sostegno.
Fondazioni bancarie: arriva una ciambella di salvataggio per le Fondazioni che hanno investito in titoli tossici. Sale dal 10 al 15% il possesso di beni immobiliari e scatta l`obbligo per l’Autorità che verrà creata per vigilare sull’attività delle Fondazioni bancarie di fare una relazione al Parlamento.
Ricetta telematica: l’invio telematico delle ricette mediche sostituisce a tutti gli effetti la prescrizione in formato cartaceo.
Tagli a patronati: taglio di 90 milioni nel triennio 2011-2012 e 2013 ai finanziamenti dei patronati. I risparmi andranno a compensare gli effetti dell’aumento delle aliquote contributive previsti dal protocollo sul welfare.
Salva precari: la norma salva i precari delle regioni a Statuto speciale, in particolare della Sicilia. Alla proroga di contratti a tempo determinato in queste regioni non sarà applicato il tetto di spesa previsto per la pubblica amministrazione.
Adeguamento All’ocse: scatta l’adeguamento alle direttive Ocse in materia di documentazione dei prezzi di trasferimento.
Salvaguardia euro: 20 milioni di euro per il 2010 per la partecipazione dell’Italia al capitale sociale della società che verrà costituita insieme agli altri Stati membri dell’area euro.
Titoli sequestrati alla mafia: si accelerano tempi e procedure per la vendita dei titoli sequestrati alle organizzazioni malavitose.
Campania: tra gli interventi del piano di rientro della regione ci può essere l`acquisto del termovalorizzatore di Acerra anche con l`utilizzo della quota Fas della regione.
Anniversario unità d’Italia: per il 150esimo anniversario dell’Unità d’Italia è autorizzata la spesa di 18,5 milioni per il 2010. (Ap) (Ringraziamo l’agenzia GrNet.it per i dati che abbiamo ripreso dal suo lancio)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »