Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 316

Posts Tagged ‘aquilani’

Vigili del fuoco a L’Aquila

Posted by fidest press agency su domenica, 3 aprile 2011

L’Aquila. Si svolgerà il prossimo 4 aprile nella piazza centrale de L’Aquila il dibattito aperto organizzato dall’Unione Sindacale di Base che vedrà i lavoratori del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco a confronto con i cittadini aquilani. Interverranno: Franca Biondelli – Senatrice, PD Manuele Bonaccorsi – giornalista Left Avvenimenti, autore del libro “Potere assoluto” Un rappresentante del Comitato Casa dello studente Piero De Santis – ARA, Associazione Ricostruzione L’Aquila Samanta Di Persio – scrittrice, autrice del libro “Ju tarramuto” Un rappresentante dell’Associazione 309 Martiri Antonio Jiritano – USB P.I. VV.F. Enrico Perilli – Consigliere Comune de L’Aquila, PRC Alberto Puliafito – giornalista e documentarista, autore del film “Comando e controllo” Sara Vegni – Comitato 3e32 A due anni dal sisma si intende riflettere sulle drammatiche fasi del soccorso, sulla controversa ricostruzione e sulla militarizzazione imposta alle zone terremotate, che ha trasformato L’Aquila in una “zona rossa” privando i cittadini dei loro diritti ed escludendoli dalle scelte politiche sul loro futuro. Per i Vigili del Fuoco la sorte non è stata migliore: da anni costretti ad operare sotto gli standard minimi di soccorso a causa dei tagli generalizzati dei vari governi, sono stati spogliati dei loro diritti personali e sindacali e trasformati in un ulteriore soggetto impegnato nella sicurezza. Come testimonia la recente emergenza nella provincia di Taranto, dove i Vigili del Fuoco sono stati obbligati, dopo ore di soccorso, a rinunciare al riposo e partire da tutta Italia per montare le tende a Manduria, dove da sei giorni rimangono in pessime condizioni logistiche e igienico-sanitarie, senza sapere per quanti giorni si protrarrà il loro lavoro o quando verrà inviato personale per il cambio. I Vigili del Fuoco della USB ed il popolo aquilano discuteranno insieme di come uscire dalla militarizzazione, di come riappropriarsi delle zone rese “inaccessibili” e di come il Corpo Nazionale debba essere messo nelle condizioni di svolgere il ruolo sociale che gli compete, alla guida del sistema di Protezione Civile.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Terremotati aquilani manganellati

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 luglio 2010

Succede in un paese democratico che 5mila terremotati a distanza di un anno manifestino il loro disagio per una ricostruzione fatta solo di carta, e vengano caricati dalle forze dell’ordine.  Succede in un paese democratico che il Premier al quale sono venuti in così tanti a chiedere aiuto preferisca barricarsi presso la sede della Presidenza del Consiglio, piuttosto che spendere parole di impegno.  “Se non fosse una situazione autenticamente drammatica, ma drammatica veramente, ci sarebbe da ridere. Terremotati costretti a manifestare in migliaia, in pieno luglio, per una ricostruzione soltanto millantata – tuona Roberto Soldà, vicepresidente dell’Italia dei Diritti – c’è un’altra, amara verità. Il tessuto sociale e quello economico non sono stati ricostruiti. Affatto”.  Il bilancio di una manifestazione nata pacifica e finita tra i posti di blocco parla di due feriti – uno manganellato alla testa e col volto coperto di sangue, medicato in un bar – e momenti di tensione.  “Non c’erano mica i black block abruzzesi, alla manifestazione – commenta duro il responsabile per l’Abruzzo dell’Italia dei Diritti, Emiliano D’Alessandro – c’erano le famiglie, i bambini, gli anziani. Siamo di fronte ad una dittatura, che reprime il dissenso sul suo operato rosicchiando le parti  vere e democratiche del paese”. Tema della manifestazione: ricostruzione e tasse. Gli aquilani hanno ripreso a pagare mutui e imposte. Fino a ieri era previsto che il recupero dei tributi congelati avvenisse in 5 anni, a partire da gennaio. Tradotto, vuol dire che un operaio de l’Aquila, terremotato, con salario di mille euro al mese, si deve aspettare una busta paga mensile più leggera di quasi 300 euro.  In serata Gianni Letta fa sapere che un emendamento alla Finanziaria provvederà ad un recupero più dilazionato, in 10 anni.  “Non è con le briciole che si nutre un tessuto socio – economico distrutto – riprende il vicepresidente del movimento guidato da Antonello De Pierro – ma con provvedimenti seri e capillari, altrimenti avremo ricadute occupazionali enormi”.  Altrettanto critico D’Alessandro:”Il Governo stanzia milioni di euro per non meglio precisate necessità di riarmamento. Però non ha risorse per i bisogni veri dei cittadini. Anzi, le chiede a loro”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma: la rabbia degli aquilani

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 luglio 2010

La capitale si è trovata improvvisamente teatro di forti scontri tra le forze di polizia e la rabbia degli aquilani contro la “politica degli annunci” del governo che ha lasciato intravedere agli occhi dell’opinione pubblica una ricostruzione e un ritorno alla normalità delle zone terremotate che alla prova dei fatti sono risultati ben lontani da tale prospettiva. Le tensioni non si sono attenuate nemmeno alla promessa  del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Gianni Letta, d’intesa con il ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, che il recupero dei tributi e dei contributi non versati per effetto della sospensione disposta a causa del terremoto dell’aprile 2009, sarà effettuata in 120 rate mensili a decorrere dal gennaio 2011. A tal fine, il governo -riferisce una nota di palazzo Chigi- presenterà in aula al Senato un apposito emendamento al decreto legge sulla manovra, per ripartire il pagamento su 10 anni anziché su 5, come attualmente dispone la norma approvata in commissione. Intanto due giovani sono rimasti feriti negli scontri scoppiati in pieno centro nella Capitale con le forze dell’ordine. La polizia ha bloccato il corteo che da Piazza Venezia si stava dirigendo verso la Camera per continuare lì la sua protesta.
Il sindaco dell’Aquila, Massimo Cialente, che è stato ricevuto a Palazzo Madama da Renato Schifani, è rimasto coinvolto nei tafferugli. E ai cronisti ha dichiarato: ”E’ stato allucinante vedere gente tranquilla e pacifica coinvolta negli scontri di oggi con le forze dell’ordine”.  La rabbia dei cittadini si è scaricata non solo contro il governo, ma anche contro i rappresentanti delle opposizioni. Rivolgendosi a Pier Luigi Bersani. Gli hanno gridato: “Svegliati! Dove siete voi del Pd?” ed ancora “venite solo a fare le passerelle”, ”Gli aquilani meritano rispetto”. Alla manifestazione hanno partecipato non meno di ottomila persone che sono giunte a Roma bordo di 43 pullman e moltissime auto. A fronteggiarli vi erano 500 poliziotti.. La verità è stato detto a più riprese è che l’Aquila non è mai stata ricostruita. E’ stata solo una grossa montatura mediatica del Governo.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »