Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Posts Tagged ‘arresti cardiaci’

118, soccorso a misura di cittadino

Posted by fidest press agency su sabato, 8 agosto 2009

Sono circa 22.000 le missioni di soccorso gestite dalla centrale operativa 118 di Empoli mediamente nell’arco di un anno (22160 nel 2008). Per esse viene impiegata una rete di mezzi di soccorso sanitario costituita da ambulanze con medico, ambulanze con infermiere, ambulanze con soccorritori, eliambulanze ed automediche. Il risultato prioritario da raggiungere non è sempre arrivare al più presto, come ancora si  crede, ma arrivare con il mezzo più attrezzato per la richiesta di soccorso e comunque intervenire con il supporto tecnico del 118. Un esempio è rappresentato da quanto organizzato dal 118 che ha dislocato sul territorio 40 defibrillatori semiautomatici, strumenti salvavita in grado di curare il 90% degli arresti cardiaci. Questi defibrillatori, detti DAE, sono utilizzati da più di 200 operatori, formati  direttamente dal 118 di Empoli. Tra costoro troviamo la polizia municipale dei comuni serviti dall’Asl 11, i vigili del fuoco, i soccorritori volontari, i distretti. L’automedica è un mezzo di soccorso del sistema di urgenza ed emergenza 118 che interviene nei soccorsi più gravi o complessi affiancandosi agli equipaggi delle ambulanze con medico, con infermiere, con soccorritori volontari già operative sul territorio. L’equipaggio è composto da un medico ed un infermiere del 118. A differenza degli equipaggi con solo soccorritori volontari, quello dell’automedica può somministrare farmaci al paziente, effettuare diagnosi utilizzando strumenti medici avanzati, effettuare manovre invasive, eseguire una veloce ed efficace stabilizzazione del politrauma. Le automediche e le ambulanze con medico o infermiere sono in contatto diretto con l’UTIC. Nei casi di infarto, l’elettrocardiogramma viene direttamente spedito al cardiologo. Il paziente, quindi, viene direttamente portato in sala di emodinamica, bypassando il pronto soccorso. In meno di un’ora dall’inizio dei sintomi, il paziente con infarto viene assistito a domicilio, preparato per la sala operatoria durante il viaggio verso l’ospedale e viene rimossa la causa dell’infarto. Nel caso in cui un paziente risulti particolarmente grave e debba essere trasportato in un centro specializzato, la centrale operativa di Empoli è in grado di attivare  un’eliambulanza che trasporti il paziente presso l’ospedale più idoneo in ogni parte dell’Italia. Le automediche, di cui è dotata l’Asl 11, hanno a bordo un sistema radio in grado di comunicare direttamente con i 3 elicotteri regionali, per facilitarne l’attivazione e l’atterraggio. La pianificazione della rete di soccorso del sistema di emergenza territoriale tiene conto complessivamente delle caratteristiche di tutto il territorio della Asl 11, su cui è stato costruito un assetto che ha dimostrato nel corso degli anni di rispondere costantemente ad ogni richiesta di soccorso, nei tempi stabiliti dalla normativa vigente.  Il sistema è stato largamente potenziato nel mese di agosto 2008, introducendo n. 2 automediche, n. 1 ambulanza con infermiere e n. 4 ambulanze con soccorritori volontari. Con il primo di agosto del 2009, il numero di postazioni con medico a bordo è stato lievemente modificato in rapporto ad esigenze temporanee e in attesa di un’analisi complessiva dell’offerta. L’attività dei Punti di Primo Soccorso non ha subito variazione alcuna, salvo l’apertura del Punto di Misericordia Castelfiorentino in orario notturno anziché diurno. Il numero totale di prestazioni effettuate dai Punti di Primo Soccorso nel primo semestre 2009,  ossia da gennaio a giugno, sono state  complessivamente 1843.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »