Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘aspetti’

Vendita diretta a domicilio

Posted by fidest press agency su mercoledì, 25 aprile 2012

Si è svolta lo scorso 19 aprile la seconda assemblea associativa di Univendita, l’Unione italiana della vendita diretta, che raggruppa le principali aziende che operano in regime di vendita diretta a domicilio. Un’assemblea durante la quale è emerso il valore, sempre più incisivo, delle caratteristiche della vendita diretta soprattutto in un periodo di crisi economica come quello che sta attraversando ormai da un triennio il nostro Paese. Luca Pozzoli, presidente di Univendita, ha puntato l’attenzione proprio sugli aspetti collegati alla crisi economica e al ruolo che le aziende associate Univendita stanno giocando e si ritroveranno a giocare anche nei mesi a venire: «Le evidenti difficoltà economiche e di diminuzione dei redditi delle famiglie italiane-ha detto durante la sua relazioni ai soci-, spingono sempre di più i consumatori ad effettuare acquisti ragionati e ben ponderati che non sempre significa minore spesa o prezzi più bassi. Nel nostro caso è evidente che i prodotti della vendita diretta ottengono il riconoscimento dei consumatori proprio perché si tramutano in un investimento per il futuro. Se a tutto questo ci aggiungiamo che nell’era di internet e della crescita dell’e-commerce, l’unico altro comparto che fa registrare segni positivi nei propri bilanci è la vendita diretta a domicilio, c’è di che esserne orgogliosi». Ma anche la crisi occupazione ha trovato posto nella relazione del presidente: «Siamo consapevoli che la situazione del mercato del lavoro è grave nel nostro Paese e che, in periodi come questo, la vendita diretta a domicilio si tramuta in una soluzione per chi non riesce a reinserirsi nei settori di competenza. Noi, d’altronde, lo ripetiamo da tempo che non ci tiriamo indietro e affrontiamo il momento con la serietà che ci contraddistingue. Ma non si tratta, come molti potrebbero immaginare, di scelte dettate esclusivamente dal momento e dai bisogni contingenti, bensì da scelte che si tramutano in soddisfazioni eccellenti per molte persone. Ne sono esempio le tante storie di venditori che, entrati in una delle nostra aziende associate dopo aver perso il lavoro o dopo essere stati in cassa integrazione per parecchio tempo, si sono ritagliati spazi professionali interessanti e soddisfazioni personali di tutto rispetto».
L’attività associativa. Oltre ad avere approvato il bilancio 2011, l’assemblea di Univendita è servita anche per presentare le attività che hanno portato, nel giro di due anni, l’associazione a diventare la prima in Italia per giro d’affari: «Il nostro operare quotidiano ci ha permesso di diventare, in due anni, la prima associazione di categoria per fatturato. Un ottimo risultato considerato che siamo entrati a pieno regime solamente nel secondo anno di attività. Tra le decisioni affrontate e prese dall’associazione vanno segnalate l’adesione di Univendita a Confcommercio e i contatti istituzionali che potrebbero agevolare sia l’attività della forza vendita delle nostre aziende associate, sia i rapporti con il mercato del lavoro e con i consumatori».(Stefano Morelli)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Sanità: aspetti assicurativi e legali

Posted by fidest press agency su mercoledì, 29 dicembre 2010

Sovigliana di Vinci.il 4, 13, 17 e 24 gennaio 2011, dalle ore 13.30 alle ore 19.00, nei locali dell’Agenzia per la formazione dell’Asl 11, in via Oberdan si svolgeranno quattro edizioni del seminario. Sono ancora aperte le iscrizioni per partecipare al seminario “La sicurezza del cittadino e degli operatori: aspetti organizzativi, giuridici e medico legali della responsabilità sanitaria. Il comitato aziendale di valutazione dei sinistri: ruolo e funzioni”. Il seminario, cui possono partecipare 150 iscritti per ogni edizione, è rivolto a medici, veterinari, dirigenti sanitari, infermieri, terapisti della riabilitazione, tecnici sanitari di radiologia medica, tecnici della prevenzione e ostetriche. Gli argomenti trattati nel corso di ogni edizione del seminario verteranno sulla gestione dei sinistri e, in particolare, sugli aspetti medico legali, sulle nuove disposizioni regionali in merito, sulla struttura ed il funzionamento del comitato sinistri nelle aziende sanitarie e sulla definizione delle azioni di miglioramento della qualità assistenziale attraverso la riduzione dei rischi. Per iscriversi è necessario compilare l’apposito modulo on line sul sito http://www.usl11.toscana.it, entrare nello spazio dedicato all’Agenzia per la formazione, alla pagina della formazione continua, sotto la voce progetti formativi aziendali. Per ulteriori informazioni: segreteria organizzativa dell’Agenzia per la formazione, tel. 0571 704323, fax 0571 704339,

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Immigrazione e aspetti sanitari

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 dicembre 2010

La presenza  di oltre 4 milioni di immigrati in Italia ha logicamente un impatto sulla salute pubblica che deve essere analizzato ed affrontato, cosa mai fatta fino ad ora.  Gli aspetti più rilevanti per la salute pubblica sono connessi alla presenza di clandestini, persone cioè di cui non si conosce affatto lo stato di salute e lo stato immunitario specie in relazione alle vaccinazioni effettuate nel proprio paese. Mentre la popolazione italiana è completamente schedata sul piano sanitario, la popolazione immigrata non lo é e ciò può comportare un rischio per la salute pubblica  relativamente ad un gran numero di malattie tra cui la tubercolosi, la polio, l’HIV/AIDS, la sifilide, l’epatite B e C, il morbillo, l’epatite A e la febbre tifoide.  Assolutamente carente è stata finora l’azione del CCM (Centro di Controllo delle Malattie) del Ministero della salute, diretto dal Dr Donato Greco nel precedente Governo Prodi.  Il nuovo Governo eletto soprattutto per far fronte all’emergenza sicurezza dovrà – Censire accuratamente lo stato di salute della popolazione immigrata attraverso uno screening che preveda sicuramente indagini relative a tubercolosi, HIV, epatite B  – Vaccinare chi non è vaccinato nei confronti delle più comuni malattie infettive  – Compilare il Passaporto sanitario per tutta la popolazione immigrata  – Rafforzare la sorveglianza epidemiologica delle malattie, anche attraverso specifiche ricerche e controlli, attraverso un’opera più efficace e solerte da parte del CCM.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Anna Piratti Dap – Discorso alla pari

Posted by fidest press agency su giovedì, 11 novembre 2010

Padova fino al 21/11/2010 Largo Europa, Galleria Sottopasso della Stua Nell’ambito della 13ª edizione di Padova Jazz Festival, si inaugura sabato 6 novembre alle ore 17.30 nella Galleria Sottopasso della Stua la mostra “Anna Piratti. DAP -Discorso Alla Pari”.  Promossa dall’Assessorato alla Cultura – Centro Nazionale di Fotografia del Comune di Padova in collaborazione con l’Associazione Miles, la mostra presenta circa centoquaranta fotografie a colori di piccole dimensioni stampate su cartoncino, dedicate ad oggetti personali che, per aspetti diversi, diventano rappresentativi di se stessi. Oggetti di uso quotidiano, indispensabili, curiosi, eccessivi, banali, insignificanti o di grande valore sentimentale, scelti per necessità, vanità, piacere, grazie alla sensibilità dell’artista che diventano, quindi, nuovi canali di comunicazione, svelando nuove possibilità di interazione e di lettura della realtà. (piratti)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I ricercatori dell’Università di Parma

Posted by fidest press agency su venerdì, 17 settembre 2010

Dichiarazione della Presidenza della Facoltà di Agraria dell’Università di Parma sulla decisione dei Ricercatori della Facoltà di dare la loro disponibilità alla copertura di un corso di insegnamento a testa per l’anno accademico 2010-2011. La Presidenza, unitamente al corpo docente della Facoltà, ha nel corso degli ultimi mesi seguito con viva preoccupazione l’iter legislativo di modifica delle norme in materia di organizzazione delle Università e del personale accademico, con particolare attenzione a quegli aspetti – fortemente penalizzanti e discriminatori – che riguardano la riforma dello status giuridico dei Ricercatori e che hanno spinto l’intera categoria a svariate forme di lotta e manifestazione a livello nazionale. La protesta dei ricercatori non ha finora prodotto i risultati sperati – vista la pervicacia del legislatore nel mantenere sostanzialmente inalterate le norme previste nel DDL, che di fatto chiuderanno ogni prospettiva di carriera a migliaia di giovani colleghi – ma certamente ha contribuito a far capire all’opinione pubblica e agli utenti del sistema universitario italiano che la disponibilità del personale Ricercatore è indispensabile per lo svolgimento di una regolare attività didattica. Ricordiamo, infatti, che l’attribuzione ai Ricercatori della responsabilità didattica di insegnamento nei corsi di laurea è gratuita e del tutto volontaria, secondo quanto previsto da regolamenti e leggi attualmente in vigore. Nonostante la protesta sia tuttora in corso, i Ricercatori della Facoltà di Agraria hanno deciso di offrire la loro disponibilità per l’anno accademico che sta per iniziare alla copertura di un corso di insegnamento a testa nell’ambito dell’offerta formativa della Facoltà di Agraria, che, ricordiamo, comprende i corsi di laurea e di laurea magistrale in Scienze e Tecnologie Alimentari e in Scienze Gastronomiche. La decisione dei Ricercatori della Facoltà è quindi accolta dalla Presidenza e dai colleghi Associati e Ordinari come un grande atto di professionalità e responsabilità nei confronti degli studenti, della Facoltà e dell’Ateneo stesso.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Risorse ed edilizia scolastica

Posted by fidest press agency su domenica, 12 settembre 2010

“La consegna del Liceo di Sangano dedicato alla memoria di Vito Scafidi è l’occasione per chiedere al Governo risorse vere e urgenti per un piano nazionale dell’Edilizia scolastica insieme alla deroga al patto di stabilità per consentirci di fare investimenti e pagare le imprese.”  Così ha dichiarato il presidente della Provincia di Torino Antonio Saitta inaugurando oggi il nuovo liceo delle scienze umane di Sangano intitolato allo studente tragicamente scomparso nel crollo del soffitto al liceo Darwin di Rivoli nel 2008.
Il nuovo istituto di Sangano è all’avanguardia, progettato dai funzionari provinciali secondo criteri legati alla sostenibilità ambientale, ottimizzando tutti gli aspetti indispensabili allo svolgimento delle attività didattiche (acustica, illuminazione naturale-artificiale, confort termico e risparmio energetico) e utilizzando materiali naturali, riciclabili ed ecocompatibili.  Alla consegna delle chiavi alla dirigente scolastica Luisa Mattiuzzo erano presenti, insieme ai genitori di Vito Scafidi, l’assessore provinciale all’Istruzione Umberto D’Ottavio, l’assessore regionale all’Istruzione Alberto Cirio, il direttore generale dell’Ufficio scolastico regionale Francesco De Sanctis e il Sindaco di Sangano.  “Questa – ha dichiarato l’assessore D’Ottavio – è la più bella scuola della provincia. Tutte le scuole dovrebbero essere così, progettate in funzione della sicurezza e del benessere degli studenti. Ma servono le risorse. La Provincia ha in carico 163 edifici, il 73% dei quali ricevuti dai Comuni;  edifici vecchi per la cui manutenzione servono molte risorse. Noi continuiamo a lavorare per metterli in sicurezza con fondi il più possibile dell’amministrazione provinciale e, quando necessario, con il sostegno di altri enti. Ma occorrono più soldi e un Piano nazionale dell’edilizia scolastica. Il nostro obiettivo primario rimane la sicurezza come chiede la madre di Vito al quale è stata intitolata questa bella scuola.”

Posted in Spazio aperto/open space, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuovo piano regolatore comunale di Udine

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 giugno 2010

Condivisione e apprezzamento generale delle direttive urbanistiche del nuovo Piano regolatore comunale-PRGC udinese da parte dell’Ordine provinciale degli Architetti. Lo ha confermato il presidente dell’organismo professionale, Giorgio Cacciaguerra, nel corso dell’ultima seduta del Consiglio. «La Commissione Urbanistica dell’Ordine – ha dichiarato Cacciaguerra – ha esaminato il documento presentato dall’Assessorato comunale alla Pianificazione territoriale condividendo, in particolare, gli aspetti riguardanti il disegno dello spazio pubblico e delle opere di urbanizzazione del quale il Comune intende farsi carico, nonché lo sforzo per il miglioramento della qualità urbana. È stata apprezzata anche la decisione di evitare, per quanto possibile, l’occupazione di ulteriore suolo».Gli architetti, però, evidenziano nel documento anche alcune incertezze e genericità: «le direttive – ha aggiunto il presidente del consesso provinciale che conta 1.128 architetti iscritti – sembrano infatti sottendere un piano della crisi, restituendo cioè l’immagine di una città che si ripiega su sé stessa e che stenta a concretizzarsi in un’idea compiuta di centro urbano». Secondo l’Ordine, la città di Udine sarebbe investita da profonde trasformazioni, se l’amministrazione comunale promuovesse interventi in tutte le aree dismesse e dismettibili: aspetto che, tuttavia, viene solo genericamente trattato dalle direttive.Via libera della Commissione Urbanistica dell’Ordine pure alla scelta del Comune di prestare attenzione al centro di Udine («le cui funzioni, però – ha ribadito il Consiglio – non sono chiare: si vogliono favorire le zone residenziali ed emporiali, sacrificando il terziario?»), ma senza tralasciare gli altri poli di attrazione, quali la fiera, l’università, le scuole, l’ospedale, i borghi e, in futuro, forse le caserme. «Poli che vengono trascurati dal documento, il quale fa riferimento a un ipotetico “modello centripeto” che non rispecchia la complessa realtà attuale della città».Gli architetti chiedono al Comune, inoltre, una maggiore attenzione verso alcune tematiche: fornire gli indirizzi per la restituzione all’uso delle aree dismesse, anche dal punto di vista gestionale; considerare la trasformazione d’immobili produttivi in abbandono o sottoutilizzati con forme incentivanti; chiarire la relazione tra il Piano e gli uffici per i lavori pubblici e la realizzazione delle opere; prevedere la gestione dei rapporti istituzionali fra pubblico e privato per il reperimento di fondi; infine, mostrare la compatibilità con le linee guida del futuro piano per il governo del territorio regionale. Considerazioni che, secondo l’Ordine provinciale, dovrebbero contribuire a rendere “produttiva” la crisi, utilizzandola come elemento propulsore per la città. «Auspichiamo che questi temi progettuali – ha concluso Cacciaguerra – saranno trattati nel futuro Piano Struttura, per la definizione del quale il nostro Ordine offre la sua fattiva collaborazione all’Assessorato alla Pianificazione Territoriale. Sosteniamo, infine, la scelta di dare vita a un Tavolo di lavoro permanente che coinvolga l’Amministrazione Comunale e le diverse componenti economiche, culturali e professionali attive nel territorio per seguire e accompagnare l’elaborazione del PRGC, ma anche la sua futura gestione». (giorgio cacciaguerra)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Monitoraggio lavoro flessibile

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 giugno 2010

Realizzare la piena trasparenza  sugli aspetti che attengono all’organizzazione  degli uffici e all’utilizzo delle risorse umane e finanziarie come strumento di “trasparenza” nelle pubbliche amministrazioni. Questo il senso della Direttiva sul Monitoraggio del lavoro flessibile, pubblicata nella GU n. 128 del 4 giugno 2010, che interviene sul tema dell’utilizzo delle tipologie di lavoro flessibile, non solo per gli aspetti connessi l’organizzazione del lavoro e degli uffici, ma anche per le implicazioni che ne derivano sul piano politico, economico e sociale. Entro il 31 dicembre di ogni anno, sulla base di apposite istruzioni fornite con direttiva del Ministro per la pubblica amministrazione e l’innovazione, le amministrazioni redigono un analitico rapporto informativo sulle tipologie di lavoro flessibile utilizzate che trasmettono ai nuclei di valutazione o ai servizi di controllo interno, nonchè alla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della funzione pubblica che redige una relazione annuale al Parlamento. Oggetto della rilevazione sono: i contratti di lavoro a tempo determinato; gli incarichi dirigenziali con contratto di lavoro a tempo determinato; i contratti di formazione e lavoro; i rapporti formativi: tirocini formativi e di orientamento; i contratti di somministrazione di lavoro, le prestazioni di lavoro accessorio e i contratti di inserimento; i contratti di lavoro autonomo nella forma della collaborazione coordinata e continuativa e gli accordi di utilizzazione di lavoratori socialmente utili.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Consulta boccia pacchetto immigrazione

Posted by fidest press agency su sabato, 12 giugno 2010

E’ recente la decisione con la quale la Corte Costituzionale ha bocciato l’aggravante di clandestinità (pene aumentate di un terzo se a compiere un reato è un irregolare) prevista dal primo pacchetto sicurezza del governo, valutandola illegittima ai sensi degli artt. Cost. 3 e 25. Il via libera, invece, viene concesso al mero reato di immigrazione clandestina. Il responsabile per l’Immigrazione dell’Italia dei Diritti, Emmanuel Zagbla coglie l’opportunità fornita da questa decisione della Consulta per far luce su aspetti molte volte ignorati dal dibattito politico.“Ritrovarsi senza documenti in un paese straniero rappresenta una violazione alle leggi di per sé, per cui ogni ulteriore reato va ad inserirsi in un quadro complessivo di irregolarità ab origine, ed è su questo che dobbiamo lavorare. Esistono due principali fattispecie di immigrazione irregolare, – puntualizza Zagbla –  una in cui il clandestino fugge da paesi non rispettosi dei diritti umani oppure in stato di guerra ed un’altra in cui la persona proviene da nazioni in condizioni meno drammatiche” In base a questo presupposto, l’esponente del Movimento presieduto da Antonello De Pierro, auspica la previsione, di una distinzione tra clandestinità lieve ed una grave, la prima, appunto prevista per chi proviene da stati come il Sudan o l’Afghanistan che non hanno stipulato al momento patti di riconoscimento con l’Italia, o che non abbiano ambasciate. “Conseguentemente alla bocciatura, si attende dall’Esecutivo italiano il varo di una politica immigratoria meno miope e che porti intrinseca la distinzione tra le diverse tipologie umane che attraversano i nostri confini”, questo l’augurio di Zagbla. “L’Italia dei diritti prende atto della decisione della Consulta e attende che la normativa nazionale si adegui”.

Posted in Diritti/Human rights, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Documento finale Direzione Nazionale Pdl

Posted by fidest press agency su venerdì, 23 aprile 2010

La Direzione Nazionale del Popolo della Libertà sottolinea la vittoria del Centrodestra nelle recenti elezioni regionali e amministrative, con un risultato storico: oggi 40 milioni di italiani sono governati a livello regionale dal Centrodestra, contro i 18 milioni amministrati dal centrosinistra. Tutto ciò rende paradossali alcuni aspetti della polemica interna sviluppatasi in questi giorni: tensioni all’interno delle grandi forze politiche possono manifestarsi, ma è incomprensibile che vengano provocate  all’indomani di una grande vittoria. Nei prossimi tre anni il governo, la maggioranza e il Popolo della Libertà completeranno la realizzazione del programma che ci impegna principalmente 1. a ridurre e a razionalizzare la spesa pubblica,  2. a realizzare una riforma del sistema fiscale con l’obiettivo di ridurre le tasse, compatibilmente con i vincoli di bilancio, 3. a sostenere le famiglie, il lavoro, le imprese, 4. a proseguire nella riforma e nella digitalizzazione della Pubblica amministrazione,  5. a realizzare un Piano per il Sud, 6.  ad ammodernare e potenziare il sistema delle grandi infrastrutture,  7. a realizzare una riforma organica del sistema giudiziario,  8. a realizzare le riforme istituzionali, ivi compresa la modifica dei regolamenti parlamentari, 9. a proseguire nella lotta alla criminalità organizzata che ha già prodotto risultati mai raggiunti nella storia della Repubblica. Una leadership forte non significa affatto rinunciare al dibattito libero e democratico che è anzi previsto dallo Statuto. Il Popolo della Libertà non può contravvenire ai principi di quella democrazia degli elettori che ha fortemente voluto e che impone che il patto stipulato con i cittadini al momento del voto sul programma sia vincolante. Rispetto a quel patto non sono possibili deroghe: come è stato ribadito anche a piazza San Giovanni lo scorso 20 marzo dal Popolo della Libertà. I temi che non rientrano nel programma elettorale e di governo possono essere invece oggetto di dibattito e di discussione nell’ambito degli organismi statutari. Non vi è nulla di negativo se in quella sede emergono opinioni diverse. Le ambizioni dei singoli non possono prevalere sull’obiettivo di servire il popolo italiano. Del pari le “correnti” o “componenti” negano la natura stessa del Popolo della Libertà ponendosi in contraddizione con il suo programma stipulato con gli elettori e con chi è stato dagli stessi elettori designato a realizzarlo attraverso il governo della Repubblica. La Direzione Nazionale del Popolo della Libertà approva quindi le conclusioni politiche del Presidente Silvio Berlusconi e gli conferma il proprio pieno sostegno e la propria profonda gratitudine. (il testo è in sintesi)

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Parlamento: “Collegato lavoro”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 10 marzo 2010

Dichiarazione di Fabrizio Tomaselli Coordinatore Nazionale SdL Intercategoriale Il “Collegato Lavoro” è legge e le conseguenze pesantissime di questo ennesimo attacco al diritto saranno come sempre pagate dai lavoratori. Tra l’altro uno degli aspetti peggiori di questa legge sta passando quasi sotto silenzio. Si tratta della norma relativa alla possibilità concreta di impugnare contratti a tempo determinato ritenuti illegittimi, sino a ieri possibile con la vecchia legge e di fatto da oggi impedita, consegnando ai lavoratori precari una forma di “precarietà a vita” che potrà essere interrotta esclusivamente dalla discrezionalità aziendale. In queste ore le forze politiche di opposizione presenti in parlamento hanno presentato 1200 emendamenti su una singola proposta di legge, preannunciando un vero e proprio ostruzionismo per impedire l’approvazione del cosiddetto “legittimo impedimento” che riguarda la giustizia, o comunque per far emergere ancor di più il problema tra l’opinione pubblica. A prescindere dal merito di questo evento, a questo punto non comprendiamo perché lo stesso atteggiamento non sia stato assunto dall’opposizione parlamentare per ciò che riguarda la discussione e l’approvazione del cosiddetto “Collegato Lavoro” che di fatto sta smontando il diritto del lavoro e condannando i lavoratori, primi fra tutti i precari, a condizioni sempre peggiori e sempre meno garantiste. Le forze politiche in parlamento – tutte – evidentemente non ritengono che il lavoro sia argomento appetibile dal punto di vista elettorale e preferiscono non alzare il velo che colpevolmente copre una delle più pericolose e pesanti sconfitte del mondo del lavoro di questi ultimi decenni. Un atteggiamento ipocrita seguito a ruota dalla Cgil, che nonostante il provvedimento sia in parlamento da due anni e sia stato criticato dal solo sindacalismo di base, sta facendo la “voce grossa” solo dopo che la legge è stata approvata. Non parliamo poi di Cisl, Uil e Ugl che sembrano aver accolto con favore questo provvedimento legislativo che consegna alla “concertazione” ed alla “collaborazione” anche gli ultimi barlumi di diritto del lavoro sino ad oggi in mano al lavoratore.”

Posted in Politica/Politics, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Senato – Audizione sull’Amianto

Posted by fidest press agency su lunedì, 8 febbraio 2010

“L’idea di realizzare un Testo unico in tema di amianto è sicuramente un primo passo per contribuire alla risoluzione definitiva del problema. Apprezzamento dunque per gli obiettivi del disegno di legge, di cui si condivide l’ottica sistemica che comprende aspetti tecnici, amministrativi, sanitari, economici, finanziari e legislativi.” E’ quanto dichiara Sara Agostini, che per l’Unci – Unione Nazionale Cooperative Italiane – ha partecipato questa mattina all’audizione in Commissione Lavoro del Senato sul Disegno di legge 173 – Esposizione dei lavoratori all’amianto. “Non si può prescindere – ha aggiunto – dall’adeguatezza del sistema dei controlli e dal monitoraggio degli immobili, che devono seguire tre linee d’indirizzo: siti autorizzati allo smaltimento; edifici pubblici e ruolo delle ASL; aziende deputate allo smaltimento o bonifica di siti a concentrazione di amianto. Solo, infatti, una legislazione applicata e vigilata può realizzare pienamente gli obiettivi che si propone.”  “L’Unci si associa alle numerose richieste al Governo per istituire il Fondo vittime dell’amianto, dato che gli strumenti normativi per poter determinare il target di imprese obbligate a finanziare il Fondo già esistono. Apprezza, inoltre, la previsione nel ddl di benefici, a mo di detrazione, per il privato cittadino e per l’impresa incaricata di effettuare gli interventi di eliminazione dell’amianto, e i benefici previdenziali per i lavoratori esposti. Infine, plaude all’estensione di aiuti economici al personale Militare delle FF.AA., colmando un vuoto legislativo esistente. Sulle campagne informative e di sensibilizzazione in tema di amianto l’Unci ritiene che saranno più efficaci se condivise con le Parti sociali, per cui offre la sua piena disponibilità per eventuali coinvolgimenti.”

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Master per operatore bancario

Posted by fidest press agency su domenica, 7 febbraio 2010

Udine. Scade il 30 settembre il termine per iscriversi al Master di primo livello per operatore bancario, percorso formativo giunto alla terza edizione e nato dalla partnership tra le Bcc del Friuli Venezia Giulia e Università di Udine. A ottobre, dopo le selezioni, avranno inizio i corsi per l’anno accademico 2009-2010: per la partecipazione (numero massimo: 30 studenti) è richiesto un titolo di laurea almeno di primo livello in materie economiche, con preferenza per Banca e Finanza. L’impostazione del corso, che si svilupperà nell’arco, di un anno prevede una prima parte teorica, una seconda di sei mesi con la formula “stage part time + attività didattica in aula” e una terza, di tre mesi, di solo stage in banca full time. Rispetto alle precedenti edizioni (alle quali hanno partecipato con profitto 33 studenti), saranno potenziate le esercitazioni e gli interventi in aula di funzionari e rappresentanti del credito cooperativo.  Principale obiettivo del Master che assegna 60 crediti, è quello di sviluppare figure professionali in grado di affrontare le sfide poste dall’evoluzione dell’attuale struttura del sistema bancario, mediante la conoscenza completa dell’operatività di uno sportello e degli aspetti correlati che riguardano a esempio, la gestione del cliente, i prodotti bancari, finanziari e assicurativi, i temi legati al marketing e alla comunicazione, i profili normativi e giuridici.  Tutte le informazioni sul Master sono disponibili sul sito http://master-bancario.uniud.it.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La formazione a distanza

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 gennaio 2010

Più volte la nostra attenzione è richiamata dalla pratica di e-learning e dalle tecniche che l’accompagnano. Un po’ tutti sembrano interessati a questa metodica di apprendimento e non vorremmo che fosse solo una “moda”. Prima di tutto occorre distinguere due momenti dell’e-learning. Esso si riferiscono, da una parte,ai neo assunti o al personale da riqualificare e, dall’altra, in ambito didattico riferito alle iniziative di professori e studenti. Nel primo caso i risultati sono significativi mentre nel secondo si avvertono aspetti contraddittori anche perché poco si è concretizzato per sanare i mali endemici della scuola italiana. Incominciamo con il dire che le imprese italiane spendono ogni anno in formazione “tradizionale” non meno di 4,6 miliardi di euro. Da questa cifra il peso delle tecnologie on line è di un terzo di tale ammontare anche se il suo livello di crescita previsionale si aggira sul 6% per anno. Per Gianni Ruffiano, direttore del Learning Services di Ibm occorre capire cosa si vuol dare e chi si dà questa forma di apprendimento. Se intendiamo operare con successo è necessario concepire un metodo d’integrazione con lo studio tradizionale in aula. Si deve, in pratica, prevedere la presenza di un tutor online che attraverso chat e webcam in viva voce sia disponibile per l’assistenza personale. Nello stesso tempo occorre riservare la massima attenzione ai contenuti e all’insegnamento mirato per favorire l’interesse dei discenti e portarli a concreti risultati qualitativi. L’ultimo dei metodi di e-learning adottati è il by doing cioè imparare strada facendo. Il sistema è progettato dall’americana Skill soft ed è proposto in Italia da Individual training. Occorre quindi che chi sceglie una forma di apprendimento non tradizionale sappia valutare con attenzione gli aspetti più qualificanti del sistema e sappia farne un uso adeguato per raggiungere gli obiettivi che si prefigge.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La storiografia è una scienza esatta?

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 gennaio 2010

In proposito sorgono ragionevoli dubbi. Dobbiamo chiederci, innanzitutto, se è possibile alla storiografia ricostruire, in tutti i suoi infiniti molteplici aspetti, un evento passato. La risposta è indubbiamente negativa. Una tale realistica rappresentazione è praticamente impossibile per quanto copiosi possono essere i materiali messi a disposizione dello storico. Alla fine subentra la logica della interpretazione e l’opinione del ricercatore a volte ne rimane influenzata. Questa riflessione noi la facciamo pensando agli eventi del XX secolo. Un secolo di libertà ma anche di grandi servitù da parte degli storici. Pensiamo, ad esempio, per quanto ci riguarda da vicino a tre figure emblematiche della storia italiana contemporanea: Mussolini, Togliatti e Craxi. Molto si è parlato di essi, ma siamo sicuri che di loro abbiamo riconosciuto l’effettivo ruolo storico-politico che li ha caratterizzati nella loro azione di governo per Mussolini, di opposizione per Togliatti e di statista per Craxi? Per costoro come per molti altri personaggi che hanno calcato le scene della vita e l’hanno in un certo qual modo condizionata e di certo non sempre in bene, la storia ancora si bagna di passioni che si riverberano sui figli, sui nipoti e pronipoti che l’hanno vissuta dentro questa stessa bolla storica. Non siamo per un prolungamento della cronaca, ma nemmeno ad un giudizio storico decisamente sereno e distaccato.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Brain Aging and Dementia

Posted by fidest press agency su giovedì, 10 dicembre 2009

(Centro Maderna) Si terrà a Roma nei giorni 10, 11 e 12 dicembre la sesta edizione del meeting annuale “Brain Aging and Dementia” organizzata dall`Associazione Italiana Psicogeriatria. Il meeting includerà un simposio sugli aspetti fisici e mentali del dolore nei pazienti anziani e varie sessioni sulla brain plasticity e sulle malattie neurogenerative e gli ictus, con particolare attenzione agli aspetti preventivi, psicologici e riabilitativi. Nel corso del convegno avrà luogo anche una tavola rotonda sulle prospettive e la possibilità di interventi a favore degli anziani nel periodo della crisi economica.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Evoluzionismo Il tramonto di una ipotesi

Posted by fidest press agency su sabato, 7 novembre 2009

A cura di Roberto De Mattei. In occasione del bicentenario della nascita di Darwin e a centocinquant’anni dalla prima pubblicazione dell’Origine delle specie, alcuni autorevoli studiosi di diverse appartenenze culturali e disciplinari si sono confrontati sulla fortuna delle teorie darwiniane, mettendone in luce le diverse criticità. Il volume raccoglie gli atti di un convegno svoltosi di recente a Roma per iniziativa della Vice Presidenza del Consiglio Nazionale delle Ricerche. Da queste pagine l’evoluzionismo emerge come una teoria scientifica e filosofica, due aspetti che si sostengono a vicenda, incapace però di rispondere ad alcune questioni basilari riguardanti l’origine della vita e il mistero dell’esistenza umana. L’evoluzionismo appare inoltre come una “cosmogonia” che pretende di descrivere la storia del mondo partendo da postulati scientifici inverificabili, una dottrina spesso imposta come un “dogma”, che invece dovrebbe essere sottoposta al rigoroso vaglio della critica nazionale e scientifica, attraverso un libero confronto tra gli studiosi. Cantagalli 2009 288 pagine euro 22,00

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La preghiera del cardinale

Posted by fidest press agency su martedì, 3 novembre 2009

Lettera al direttore. Ovviamente ognuno è padrone di pregare come crede, e tanto più lo è una persona colta e sensibile come il cardinale Carlo Maria Martini, che stimo moltissimo. Io però non mi sentirei di rivolgere a Dio la preghiera di ringraziamento alla quale accenna nel libro “Qualcosa di così personale. Meditazioni sulla preghiera”, di cui La Repubblica del 31 ottobre ha pubblicato un’anticipazione; commentata poi da Eugenio Scalfari. Il cardinale scrive: “Mi chiederò, cioè, quali potrebbero essere alcune caratteristiche positive nella preghiera di un anziano. Mi pare che possano emergere tre aspetti: un’insistenza sulla preghiera di ringraziamento… Sul primo di questi tre punti riporto la testimonianza di un confratello: «Riguardo ai contenuti della mia preghiera in questi anni di vecchiaia – ho 85 anni – si distingue la preghiera di ringraziamento. Si sono sviluppati due motivi per ringraziare Dio: anzitutto per avermi concesso un tempo in cui mi posso dedicare (vorrei quasi dire “a tempo pieno”) a prepararmi alla morte. E ciò non è dato a tutti. In secondo luogo per avermi mantenuto finora nel pieno dominio delle risorse mentali e, largamente, anche di quelle fisiche». Nel vangelo di Matteo, Dio è chiamato Padre più di quaranta volte, e quindi è più che lecito fare l’analogia: Padre celeste amorevole e giusto verso gli  uomini,  e padre terreno amorevole e giusto verso i suoi figli. Ora, se in una famiglia alcuni figli raggiungessero la vecchiaia in buona salute, ed altri suoi fratelli si ammalassero e morissero anzi tempo, sarebbe mancanza di saggezza, forse anche presunzione, e senz’altro mancanza di riguardo e verso il padre e verso i fratelli sfortunati, che quei figli, sentendosi in qualche modo privilegiati, ringraziassero il genitore per essere vissuti a lungo. Che cosa c’entra mai il buon Dio con la salute e la durata della vita di ogni individuo? (Miriam Della Croce)

Posted in Lettere al direttore/Letters to the publisher | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Voli a rischio

Posted by fidest press agency su domenica, 11 ottobre 2009

Due miliardi di persone viaggiano in aereo ogni anno. Un fenomeno ormai sempre più alla portata di tutti che porta con sé degli aspetti legati alla salute fisica. E’ per questo che se ne è occupato una review della rivista Lancet ed è per questo che l’introduzione all’articolo sottolinea come sia bene che i medici siano molto all’erta nell’individuare soggetti a rischio e nel dare loro consigli in materia. Anche perché, dato da non sottovalutare, cresce l’età dei passeggeri e crescono le tratte di volo, che possono prolungarsi fino a 18-20 ore. Due aspetti che aumentano i rischi di cambiamenti sia ambientali sia fisiologici associati al volo. Ma quali sono le più importanti questioni di salute legate ai viaggi aerei? Il Jet lag e l’ipossia ipobarica, sono certamente tra questi

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il vangelo nelle opere di carità

Posted by fidest press agency su sabato, 10 ottobre 2009

Santa Maria degli Angeli (PG), 12-15 ottobre 2009 Casa di Accoglienza Francescana “Domus Pacis” Piazza Porziuncola,1 per valutare e rilanciare la qualità delle loro opere di carità e attività sociali  Con questo obiettivo circa 350 religiose, religiosi e laici, in rappresentanza di oltre 600 centri operativi di aiuto sociale gestiti da Congregazioni e Istituti religiosi di tutta Italia, si incontreranno per   approfondire quattro aspetti: Teologico perché vuole aiutare i religiosi a passare dalle opere della “legge” alle opere della “fede”, verificando quale annunzio del Vangelo c’è nelle loro opere e attività sociali. Storico perché mira a valutare l’incidenza effettiva delle opere sociali dei Religiosi sulla società italiana dall’800 ad oggi. Comunionale perché “insieme” e “in rete” è “la strada” del futuro dei Religiosi in Italia.  Profetico perché si propone di far emergere nuovi e profetici stili di vita e di missione, accanto a studi di fattibilità, soluzioni pratiche da offrire agli istituti religiosi. Aspetti impegnativi, ma indispensabili per una carità creativa, quanto mai necessaria in questo periodo che ha visto gravi ripercussioni della crisi in atto sulla realtà socio-economica del nostro Paese e sulla vita di migliaia di famiglie.  La Conferenza è  solo la prima tappa di un cammino che si propone di avviare una proficua collaborazione fra religiose/religiosi e le sfide che si delineano in Italia nelle opere di carità e di impegno sociale.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »