Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Posts Tagged ‘assemblee’

Anief organizza assemblee sindacali esclusivamente dedicate al personale educativo

Posted by fidest press agency su martedì, 27 aprile 2021

Da lunedì 3 maggio, infatti, per circa un mese, avranno luogo le assemblee sindacali territoriali organizzate da Anief dedicate prettamente al personale educativo: si svolgeranno su tutto il territorio nazionale, sempre da remoto, per informare e consultare sulle proposte di rinnovo del CCNL che il sindacato sarà chiamato a sottoscrivere. Marcello Pacifico (Anief): “Le priorità per il rinnovo del contratto devono riguardare la parità di trattamento giuridico ed economico tra personale precario e di ruolo, gli aumenti stipendiali che recuperino almeno il costo dell’inflazione, il riconoscimento del rischio biologico e del burnout al tempo del Covid-19 anche ai fini pensionistici, l’abolizione dei vincoli su mobilità e assegnazioni provvisorie, la formazione, la carriera, le prerogative sindacali e la sicurezza”. La seconda riunione ci sarà mercoledì 5 maggio dalle 15 alle ore 18. e, riguarderà tutte le istituzioni scolastiche educative delle regioni Abruzzo e Marche,

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Assemblee condominiali virtuali

Posted by fidest press agency su domenica, 10 Maggio 2020

“Siamo consci che la normativa condominiale italiana non prevedeva certo una congiuntura sanitaria come l’attuale. Per questo, però, ci troviamo in una situazione di stallo, che aumenta le nostre responsabilità in un momento d’emergenza”: ad affermarlo è Lino Bertin, Presidente di A.N.A.C.I. (Associazione Nazionale Amministratori Condominiali ed Immobiliari) Veneto, il cui Centro Studi ha appena diffuso le linee guida per l’assemblea telematica.La tradizionale interpretazione della normativa vigente prevede che l’assemblea sia convocata in un luogo fisico, dove ciascuno dei condòmini possa essere personalmente presente.Le precauzioni, che dovranno essere adottate per un periodo di tempo significativamente lungo, imporranno però la convocazione delle assemblee in luoghi capaci di garantire il necessario distanziamento interpersonale, comportando inevitabilmente costi aggiuntivi a carico del condominio.Sulla scorta del diritto societario ed alla luce della normativa vigente, già ora è ammissibile che i condòmini possano intervenire e votare, collegandosi tramite strumenti di telecomunicazione (videochiamata, ma anche soltanto in vivavoce), purchè sia una opzione consapevolmente richiesta dal singolo partecipante.La tesi, però, che il “luogo” della convocazione possa essere anche uno “spazio” non propriamente “materiale”, presuppone un’interpretazione molto estensiva, ostacolata soprattutto dalle consuetudini, perchè sembra ancora presto per “imporre” ai condòmini di dotarsi della tecnologia e delle competenze necessarie per partecipare a riunioni condominiali, convocate in un luogo “virtuale” (basti pensare che, secondo i recenti dati forniti dall’ISTAT, il 30% delle famiglie italiane non ha computer o tablet in casa).Al momento, in attesa di modifiche normative, è pertanto sconsigliata la convocazione in un luogo “virtuale”; può invece essere utile sperimentare una convocazione doppia: l’assemblea potrebbe essere convocata sia in un luogo fisico che in uno spazio virtuale, premesso che le piattaforme più evolute danno già la verifica di chi è collegato, la “lavagna” su cui scrivere il verbale, la possibilità di esprimere sia opinioni che voto ed anche di registrare. Condizione indispensabile, allo stato dell’arte, è che la partecipazione all’assemblea mediante mezzi di telecomunicazione sia sempre e solo un’opzione aggiuntiva rispetto alla normale partecipazione personale (o per delega), liberamente valutata e consapevolmente accettata (o addirittura richiesta) da parte del condomino.È imprescindibile, inoltre, che il collegamento in videoconferenza permetta da un lato, all’amministratore ed al presidente, di identificare la persona collegata, verificando la sua accettazione delle modalità di svolgimento della riunione; dall’altro, alla persona collegata, di comprendere ed interagire con gli altri condòmini, esprimendo il proprio voto. Lo svolgimento della riunione, previo esplicito consenso di tutti i partecipanti, potrà essere oggetto di registrazione.A queste condizioni, secondo il Centro Studi di A.N.A.C.I. Veneto, la partecipazione dei condòmini tramite strumenti di videoconferenza o telecomunicazione, anche in mancanza di una clausola regolamentare ed a prescindere da un eventuale intervento legislativo ad hoc, può ritenersi già legittima.E’ comunque evidente che, l’auspicato allentamento nelle restrizioni agli spostamenti, comporterà nei prossimi mesi, la convocazione di numerose assemblee condominiali sia ordinarie che straordinarie.Nel frattempo, l’amministratore condominiale, anche in assenza di delibere assembleari, può attivarsi per il recupero coattivo di crediti vantati dal condominio nei confronti di condòmini morosi e commissionare interventi di manutenzione ordinaria. In caso di urgenti lavori di manutenzione straordinaria, invece, potrà ordinarli e riferirne “alla prima assemblea”; inoltre l’amministratore, di fronte ad una situazione, che determini un potenziale pericolo per condòmini o terzi, deve perlomeno adottare le misure necessarie ad evitare che si verifichino eventi dannosi, pena una sua responsabilità civile e penale. In ordine alla sua conferma ed al suo compenso, l’amministratore può infine avvalersi dell’istituto del rinnovo automatico previsto dalla legge e, se del caso, della “prorogatio”, puntando ad una successiva ratifica.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sciopero generale pubblico impiego

Posted by fidest press agency su venerdì, 15 luglio 2011

15 luglio sarà sciopero generale dei lavoratori del Pubblico Impiego, indetto dall’Unione Sindacale di Base contro la manovra del Governo e contro l’accordo ‘porcellum’ fra Confindustria e Cgil Cisl Uil Ugl del 28 giugno scorso. A Roma la protesta è organizzata in via XX Settembre davanti al Ministero dell’Economia, con un presidio a partire dalle ore 12.30. Lo sciopero sarà di due ore alla fine di ciascun turno. In moltissimi posti di lavoro lo sciopero sarà preceduto da assemblee mattutine, a cui seguiranno iniziative di lotta regionali diffuse in tutto il territorio nazionale (elenco in allegato). Il Decreto del Governo colpisce pesantemente il settore pubblico, tagliando ulteriormente gli stanziamenti alla sanità, agli enti locali, alla scuola, mettendo sempre più in discussione la possibilità di mantenimento dei servizi minimi essenziali. I dipendenti pubblici, ostacolo da rimuovere per poter portare l’affondo allo Stato Sociale, rimangono al centro del mirino, con congelamento dei livelli salariali, blocco delle assunzioni, licenziamento in massa dei precari. Il vergognoso accordo interconfederale è un ‘porcellum’ inteso a mettere il bavaglio ai sindacati indipendenti e conflittuali, toglie il diritto di parola e di voto ai lavoratori e rappresenta la premessa per una politica di distruzione dei diritti, sino alla forte messa in discussione del diritto di sciopero e dell’universalità dei CCNL. La risposta che il 15 luglio verrà dai lavoratori pubblici sarà il primo momento di mobilitazione, di lotta e di sciopero sulla strada per la costruzione dello sciopero generale e generalizzato, che coinvolga non solo le lavoratrici e i lavoratori dipendenti, ma sia condiviso con tutto il sindacalismo conflittuale, con i movimenti di lotta contro la precarietà, per la difesa del territorio e dell’ambiente.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Assemblea delle cooperative forestali a Barcis

Posted by fidest press agency su venerdì, 12 novembre 2010

Barcis 12 novembre, ore 10, alla Foresteria comunale  (via San Giovanni Battista) i referenti del comparto cooperativo forestale e i vertici di Confcooperative si riuniranno per fare il punto sulla situazione nazionale e regionale della forestazione, con un approfondito focus sull’attività multifunzionale delle cooperative forestali, nonché sulle opportunità di sviluppo a beneficio di tutte le comunità locali. Dopo i saluti introduttivi del sindaco di Barcis, Tommaso Olivieri e dell’assessore comunale Daniela Paulon, interverranno il presidente di Fedagri Fvg, Giorgio Giacomello e Stelio Pittin, rappresentante regionale del settore Forestazione di Fedagri. L’incontro proseguirà con la relazione del presidente nazionale del comparto, Gasper Rino Talucci, cui farà seguito il dibattito moderato dal presidente di Confcooperative Fvg, Franco Bosio sulla tematica “La multifunzionalità quale opportunità per lo sviluppo del territorio-Strumenti ed esperienze della cooperazione forestale”. Interverranno, inoltre, Davide Pettenella del Dipartimento Territorio e Sistemi agro-forestali dell’Università di Padova; Stefano Cilli del Ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali e Claudio Violino, assessore regionale alle Risorse agricole. Le conclusioni saranno affidate al direttore nazionale di Fedagri-Confcooperative, Fabiola Di Loreto.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »