Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Posts Tagged ‘assistenza domiciliare’

Cure domiciliari: una soluzione efficace per la cura a lungo termine delle condizioni di cronicità

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 settembre 2017

L’ADI – Assistenza Domiciliare Integrata – è una realtà relativamente “giovane” nella storia del Sistema Sanitario Nazionale: compare infatti per la prima volta negli anni Novanta per poi essere introdotta, nel 2001, nei Livelli Essenziali di Assistenza (LEA). Nel 2017, infine, la definizione di ADI viene rafforzata e ampliata in “Cure Domiciliari Integrate e Cure palliative domiciliari”.
Benché il servizio dell’ADI si sia negli anni sempre più strutturato, non esistono ancora, in Italia, modelli organizzativi e processi assistenziali completamente sovrapponibili; le diverse esigenze locali e la giurisprudenza regionale hanno fatto sì che le Aziende Sanitarie Locali (ASL) regolamentassero l’ADI secondo modelli organizzativi talvolta estremamente differenti tra loro. L’analisi condotta da Italia Longeva ha indagato il tema dell’Assistenza Domiciliare Integrata su un campione di 12 Aziende Sanitarie presenti in 11 Regioni Italiane, equamente bilanciate tra Nord e Centro-Sud, con un bacino di utenza di 10,5 milioni di abitanti, pari al 17% della popolazione italiana.Lo studio sottolinea la forte disomogeneità esistente all’interno del Paese relativamente alle prestazioni, alle ore dedicate a ciascun assistito, alla natura pubblica o privata degli operatori e al costo pro capite dei servizi erogati. Ad esempio, all’interno del panel di ASL analizzato, solo le Aziende Sanitarie di Salerno e Catania assicurano tutte le 31 attività ad elevata valenza clinico-assistenziale erogabili a domicilio, seguite dalla Brianza e da Milano, ma vi sono anche aree del Paese in cui l’assistenza domiciliare è completamente assente. Significative differenze emergono anche relativamente al numero di ore dedicate dalle ASL a ciascun paziente – si va, per esempio, dalle oltre 40 ore annuali della ASL di Potenza alle 9 ore di Torino – nonché all’apporto degli enti privati nell’erogazione dei servizi a domicilio, che va dal 97% di Milano allo 0%, ad esempio, di Reggio Emilia o della Provincia Autonoma di Bolzano.
Lo studio rivela inoltre come l’Assistenza Domiciliare per la cura a lungo termine degli anziani fragili o con patologie croniche, pur essendo l’alternativa più efficace ed economicamente sostenibile all’attuale modello che ruota attorno all’ospedale, costituisca ad oggi pressoché un privilegio: ne gode infatti solo il 2,7% degli ultrasessantacinquenni residenti in Italia. Gli ultimi dati pubblicati dal Ministero nel 2016 parlano di 370.546 assistiti, che rappresentano lo 0,6% della popolazione; un numero molto basso se confrontato ad esempio al numero di persone disabili – 3,2 milioni – pari al 5,3% della popolazione italiana, che necessiterebbero di cure a domicilio. I risultati dell’analisi delineano dunque l’immagine di un paese che ad oggi dedica all’assistenza domiciliare meno risorse di quanto sarebbe auspicabile e che non ha ancora individuato un modello univoco e condiviso per la gestione della cronicità, uno dei temi sociosanitari più rilevanti del presente e dell’immediato futuro. Ciò malgrado l’assistenza domiciliare si confermi un ottimo investimento collettivo sulla salute dei cittadini – avendo dimostrato la sua efficacia sullo stato di benessere rilevato tra gli assistiti al di sopra di un certo numero di ore di servizio erogato – ed una valida soluzione alternativa al modello basato sulla centralità dell’ospedale per la cura dei pazienti anziani, cronici e fragili, in un contesto di invecchiamento della popolazione.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Sanità siciliana: criticità

Posted by fidest press agency su domenica, 22 maggio 2011

L’Associazione “Giuseppe Dossetti: i Valori – Sviluppo e Tutela dei Diritti”, stigmatizza le dichiarazioni del Governatore Lombardo che parla di “ascari” e di dimissioni del Ministro della Salute Prof. Ferruccio Fazio, non ricordando che il Ministro stesso è il vero garante dell’art. 32 su tutto il territorio nazionale. A meno di 20 giorni dalla giornata Art. 32: Stati Generali della Salute in Sicilia, organizzata dall’Associazione Dossetti, si sta assistendo ad un film già visto rispetto ad una situazione che non solo non coglie impreparata l’Associazione, ma che è stata motivo proprio dell’organizzazione della giornata del 7 giugno p.v. a Palermo. Il Ministro in questi giorni ha solo evidenziato “criticità” che la nostra Associazione, in costante contatto con i cittadini, conosceva da tempo. Il 15 e il 16 ottobre 2010, durante il convegno tenutosi presso la Sala delle Lapidi a Palermo, dal titolo Assistenza domiciliare in Sicilia: attuali e future strategie, cittadini e illustri relatori avevano già puntato il dito sulla carente assistenza domiciliare a malati cronici e anziani, sulla bassa disponibilità di strutture residenziali per persone non autosufficienti e sull’esistenza di elevati indici di in appropriatezza del sistema sanitario regionale. Basta stazionare all’interno dei pronto soccorso, infatti, per rendersi conto del calvario che giornalmente i cittadini sono costretti a subire, o pensare al fenomeno del turismo sanitario, che, negli ultimi anni, vede nella Sicilia una delle Regioni più coinvolte secondo dati divulgati dal Censis, e confermati anche da tutti i cittadini che costantemente si rivolgono a noi come Associazione. Quello del turismo sanitario, dunque, è diventato ormai un fenomeno così importante da non poter di certo essere trascurato.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Assistenza Domiciliare in Sicilia

Posted by fidest press agency su venerdì, 15 ottobre 2010

Palermo 15 (ore 15.00 – 19.00) e sabato 16 ottobre (ore 8.30 – 14.30) presso la Sala delle Lapidi, Palazzo delle Aquile del Comune convegno organizzato dall’Associazione “Giuseppe Dossetti. L’assistenza domiciliare in Italia non solo non decolla come impegno finanziario (solo un centesimo del totale della spesa sanitaria è investito in questo settore!) ma è anche “bloccata” come concezione culturale. A fronte di una maggiore disponibilità di tecnologie, dispositivi medici e personale specialistico adeguatamente formato, l’assistenza domiciliare avrebbe dovuto costituire, a rigore, l’innovazione metodologica e terapeutica del nostro tempo. E invece, prima vittima dei tagli alle Asl e delle recenti riforme fiscali in senso federalista, aggravati dai vincoli dei Piani di rientro, l’assistenza domiciliare nel nostro Paese peggiora in quantità e qualità, sia pure con le consuete differenze da regione a regione.  Scopo del Convegno è, pertanto, quello di sensibilizzare le Istituzioni e l’opinione pubblica sui risvolti sociali e sull’opportunità di abbattimento dei costi attraverso una riorganizzazione del sistema sanitario che vada verso la “deospedalizzazione”, tesa cioè a ridurre i ricoveri in strutture pubbliche o private, per una sanità più umana ed accessibile, oltre che più vicina alle esigenze del malato. Apriranno il dibattito, oltre al Segretario Nazionale, la Presidente Prof.ssa Ombretta Fumagalli Carulli e il Coordinatore Regionale Sede Sicilia dell’Associazione “G. Dossetti: i Valori”, Dott. Andrea Riela. A coordinare i lavori, il Prof. Leonardi Santi, Presidenza del Consiglio dei Ministri. Sono stati invitati, per un saluto, anche il Ministro della Salute, Prof. Ferruccio Fazio, il Presidente della Regione Sicilia, On. Raffaele Lombardo, l’Assessore alla Salute, On. Massimo Russo ed il Delegato del Generale di Brigata Comando Carabinieri per la Tutela della Salute, Gen. B. Cosimo Piccinno.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

L’assistenza domiciliare arriva al Sanit

Posted by fidest press agency su sabato, 19 giugno 2010

Roma dal 22 al 25 giugno Palazzo dei Congressi Eur (Piazza Kennedy, 1), Sarà presente uno stand per raccontare ad addetti ai lavori e cittadini il lavoro quotidiano dei professionisti impegnati nell’assistenza domiciliare sanitaria. E’ questo l’obiettivo del Consorzio Unisan, presente alla VII edizione del Sanit.  Unisan è composto da 4 realtà (Cir, Evergreen, Civitas e Sanimedica) operanti nel settore dell’assistenza sanitaria e socio-educativa e nella formazione professionale. In particolare dal 1989, attraverso la sua associata cooperativa Cir, è protagonista indiscussa dei servizi sanitari domiciliari sul territorio della capitale, assistendo la popolazione delle ASL RM/A e RM/C per un totale di 3500 pazienti presi in carico ogni anno e di 800 accessi giornalieri.  Oggi nel Lazio sono solo 40 mila le persone assistite a casa ogni anno, di cui l’88,5% sono anziani. Praticamente il 3,8% degli anziani della regione, ma con percentuali non omogenee su tutto il territorio del Lazio: si passa dall’1,8% dell’ASL RMB ad un massimo del 7,7% dell’Asl di Viterbo.  Nei quattro giorni del Sanit, Unisan metterà a disposizione dei visitatori del Palazzo dei Congressi un infermiere professionale per la misurazione della pressione, della frequenza cardiaca e della glicemia: semplicissimi operazioni di screening fondamentali per la prevenzione e la salute.  Inoltre sarà possibile assistere a delle dimostrazioni sull’uso delle tecnologie nell’assistenza domiciliare, che saranno oggetto anche di un video realizzato appositamente per la manifestazione.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cure palliative

Posted by fidest press agency su domenica, 25 ottobre 2009

Per i 250 mila malati che in Italia si trovano ad avere necessità di cure palliative è quasi pronta la nuova legge n° 1771, già licenziata dalla Camera e in approvazione al Senato. Le prospettive di applicazione della Legge sono state presentate dalla SICP (Società Italiana Cure Palliative) in una conferenza stampa tenutasi al Circolo della Stampa di Milano. “Per essere davvero efficace – ha dichiarato Francesca Crippa Floriani, Presidente della Federazione Cure Palliative Onlus – la nuova legge non dovrà limitarsi alle buone affermazioni di principio che contiene, ma dovrà essere il punto di partenza per ulteriori passi concreti. La priorità assoluta va alla  necessità di realizzare la rete delle cure palliative in tutto il territorio nazionale, con standard di qualità omogenei e in integrazione col terzo settore: ora non sono più accettabili vuoti e differenze da Regione a Regione, da ASL ad ASL, da ospedale ad ospedale”. Per la migliore applicazione della nuova Legge, è necessaria un’analisi dettagliata sulla reale situazione dell’assistenza domiciliare per le cure palliative, e per questo la Sicp ha predisposto una indagine accurata sul territorio.  “Abbiamo promosso assieme alla SIMG (Società italiana di Medicina Generale), alla AgeNaS (Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali), al Ministero del Welfare e con il supporto della Fondazione Floriani e della Federazione cure palliative e della Wyeth Lederle, una ‘Indagine conoscitiva nazionale sullo sviluppo delle cure palliative domiciliari come livello essenziale di assistenza’ – ha detto Giovanni Zaninetta, presidente nazionale di SICP – I risultati sono molto importanti perché ci permetteranno di comprendere l’effettivo stato delle cure palliative domiciliari nel nostro Paese, nella concretezza della pratica quotidiana al di là degli annunci o delle promesse.”

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Inaugurazione della CASA “Viva gli Anziani!”

Posted by fidest press agency su martedì, 21 aprile 2009

casa-vivaRoma 23 Aprile 2009 – ore 17,00 Via Nicola Fabrizi, 2. All’inaugurazione parteciperà il Cardinale Agostino Vallini. Nelle grandi città l’isolamento, la riduzione dei membri del nucleo familiare, il costo elevato degli affitti, tutto concorre ad allontanare, alla prima crisi, dalla propria casa soprattutto chi è anziano. La Comunità di Sant’Egidio, da anni impegnata nella difesa della dignità umana degli anziani, ha capito, in tempi lontani, il male che può creare l’allontanamento dal proprio ambiente e l’istituzionalizzazione, soprattutto se non scelta liberamente. E ha trovato progressivamente nuovi modi per accompagnare gli anziani, aiutandoli a rimanere a casa propria. Sono nati così dalla Comunità di Sant’Egidio servizi gratuiti di assistenza domiciliare e laddove non è possibile rimanere nella propria casa, sono stati creati ambienti protetti e familiari, convivenze e  case famiglia, come alternativa alle mega-istituzioni. Queste esperienze hanno portato ad elaborare un esempio tra i più riusciti di soluzione residenziale per anziani. Ne è espressione La Casa “Viva gli Anziani!”, situata nel Centro Storico di Roma, in una bella palazzina anni ’50 immersa nel verde ma non isolata dal contesto del quartiere. Non allontanare gli anziani dai luoghi dove hanno sempre vissuto, anche se in una residenza diversa, è fondamentale non solo per gli anziani, ma anche per l’ecologia umana dei quartieri. La Casa “Viva gli Anziani!” è costituita da diverse tipologie abitative. L’immobile è su cinque livelli. Ha un’area complessiva coperta di 1.500 mq ed è circondato da un parco nel quartiere di Trastevere. Un intero piano, pari a mq.180, è destinato ad una casa famiglia per sei anziani bisognosi di un’assistenza più intensa. Gli ambienti sono luminosi e spaziosi, arredati in modo non anonimo; gli ospiti sono incoraggiati a portarvi i loro mobili, i loro quadri e a scegliere i colori degli arredi. L’assenza di barriere architettoniche, i larghi corridoi, i tanti ausili, aiutano ciascuno a non perdere la propria autonomia. Altri tre piani sono  articolati in 12  unità abitative autonome per un totale di 20 posti destinati ad accogliere, anche per periodi temporanei,  anziani autosufficienti, quando ce ne sia la necessità. Anche a questi ospiti sono offerti dei servizi comuni, oltre ad un collegamento permanente con gli operatori della casa famiglia, presenti gratuitamente 24 ore su 24. Ci sono poi ampi spazi comuni, tra cui un giardino, che è possibile aprire al quartiere per favorire la continuazione di rapporti e relazioni. (foto casa viva)

Posted in Roma/about Rome, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Disfunzioni rete emergenziale

Posted by fidest press agency su sabato, 21 marzo 2009

Roma. La commissione consiliare speciale “Raccolta di analisi e predisposizione proposte per riforma sistema sanitario”, presieduta da Luigi Celori (An), ha ricevuto oggi in audizione il segretario regionale del sindacato Fials-Confsal su segnalazioni di inefficienze della rete di emergenza ed urgenza. “Con la chiusura del ‘San Giacomo’ – ha spiegato Gianni Romano – il centro di Roma oggi ha assoluta carenza di postazioni di pronto soccorso adatte a gestire grandi emergenze, come eventuali attentati, incidenti nel settore dei trasporti,  a partire dalle metro o dalla stazione Termini”. La Fials ha poi insistito sul concetto di “assistenza domiciliare” e di “infermiere di famiglia”, auspicando che il prossimo Piano sanitario regionale punti su questi aspetti per ridurre l’attuale eccessivo ricorso all’ospedalizzazione. Infine, è stato posto l’accento sulla tendenza da parte di molte strutture sanitarie “ad esternalizzare con troppa facilità servizi essenziali come le pulizie e le mense”. Il presidente Celori, a margine dell’incontro, ha annunciato l’invio delle segnalazioni rese dal sindacato alla commissione Sanità e alla struttura commissariale. “Questa audizione ci conferma –ha detto Celori – quello che andiamo ripetendo da anni in merito alle disfunzioni che quotidianamente siamo costretti a registrare nelle varie strutture sanitarie della nostra regione. E’ importante ascoltare le proposte di tutti coloro che operano nel settore sanità, non perdendo comunque mai di vista  l’obiettivo finale che deve essere quello di  offrire all’utente, che è la parte debole in quanto malato, un servizio degno da paese civile”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »