Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 244

Posts Tagged ‘assunzione’

Scuola: Assunzione docenti solo da concorso e con riserva posti

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 luglio 2021

È dovuta alle resistenze del Mef la mancanza di risposte da parte della V commissione della Camera agli emendamenti all’articolo 59 sulla scuola del decreto Sostegni-bis, a partire dal 59.76 su cui c’è sostanziale convergenza politica perché darebbe una risposta importante alla supplentite e al record di cattedre vacanti. Anziché procedere con un reclutamento straordinario e l’assorbimento nei ruoli di tutti coloro che hanno svolto almeno 24 mesi di servizio, docenti e non, “si starebbe ragionando infatti sulla conferma, da settembre, dell’organico aggiuntivo Covid: 40mila insegnanti a tempo determinato per consentire alle scuole di rispettare le regole sanitarie e di riaprire al 100%, anche sdoppiando le classi. La manovra va letta anche in rapporto alle ultime notizie in merito al ritorno a scuola a settembre, che vedrebbe ancora il distanziamento come una delle misure anti-covid, insostituibili anche per il prossimo anno”. Ma c’è dell’altro: “ci sarebbero troppe deroghe alla regola costituzionale dei concorsi, da bandire con cadenza regolare (annuale) e da svolgere sulla falsariga del modello semplificato introdotto nelle scorse settimane. Ecco perchè il governo vorrebbe puntare sui concorsi, con la proposta di riconoscere una riserva di posti fino a un massimo del 30% ai precari con 36 mesi di servizio negli ultimi 10. Una riserva che varrebbe su un’unica regione e per le classi di concorso o tipologia di posto per le quali il candidato abbia maturato un servizio di almeno un anno scolastico”. I precari, quindi, se questa ipotesi dovesse prendere corpo, andrebbero assunti non da Gps ma solo previa partecipazione ai concorsi e conseguente collocazione nelle graduatorie di merito, solo però dopo avere superato la soglia minima d’idoneità”.Il presidente Anief, Marcello Pacifico, non ha dubbi: “Questa strada porterebbe dritti al record di precari e di supplentite. Bisogna prendere coscienza degli errori. Il concorso Stem si sta rivelendo troppo selettivo, oltre che iniquo. Come pure il concorso straordinario della secondaria, che porterà una quantità residua di assunti, inferiore ai posti banditi. Invece di prendere le distanze da queste procedure, che facciamo? Perseveriamo? Diamo piuttosto ai precari storici la possibilità di conseguire abilitazione e specializzazione, con un nuovo immediato ciclo di Pas e Tfa sostegno. Apriamo alle assunzioni da prima e seconda fascia Gps, senza vincoli. Lavoriamo per aumentare gli organaci del personale e per ridurre il numero di alunni per classe. Altrimenti – conclude Pacifico -, la catastrofe organizzativa sarà inevitabile”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: È già tutto pronto per le assunzioni dei docenti

Posted by fidest press agency su mercoledì, 30 giugno 2021

Quest’anno è intenzione del Ministero dell’Istruzione anticipare le procedure, per fare in modo che il maggior numero di docenti possa essere in cattedra già dal 1° settembre, procedendo con le assunzioni a tempo indeterminato entro il 31 luglio prossimo. Contemporaneamente all’avvio del sistema telematico per individuare i precari da assumere, è previsto l’avvio, laddove vi siano gli aspiranti, delle operazioni di nomina con partenza da quelle in surroga residuate dal contingente dello scorso anno.Per le assunzioni a tempo indeterminato da graduatorie di merito, stilate sulla base degli esiti dei concorsi 2016-2018 e per quello straordinario del 2020, scrive Orizzonte Scuola, “il turno di nomina sarà unico, previsto, cioè, per un solo posto o classe di concorso e pertanto, chi è presente su più classi di concorso e più graduatorie, dovrà scegliere in ordine di preferenza secondo il punteggio più favorevole” e “anche la provincia nell’ordine di preferenza”. Nelle ultime ore, alcuni Uffici Scolastici regionali – come Campania, Friuli Venezia Giulia, Molise, Puglia, Lombardia – hanno fornito indicazioni utili per gli aspiranti candidati.“La situazione – dichiara Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief – è davvero critica. Ci sono docenti, come quelli di religione cattolica che attendono un concorso straordinario da quasi vent’anni, oppure tutti quelli assunti in ruolo con riserva e poi bocciati, che non possono continuare a vivere nella precarietà. Riteniamo che tutti coloro che hanno 24 mesi di servizio, in qualsiasi graduatoria dove sono collocati, debbano essere stabilizzati. E per chi non è abilitato o specializzato può tranquillamente partire il Pas o il Tfa sostegno nell’anno di prova, sempre con verifica finale”.“Annunciare 70mila o più immissioni in ruolo e poi portarne a casa meno della metà sarebbe un errore strategico imperdonabile, le cui conseguenze verrebbero pagata in modo salato da milioni di alunni. Senza dimenticare che sono pure da assumere in ruolo i facenti funzione Dsga, i collaboratori scolastici supplenti scavalcati dal personale delle cooperative, gli educatori. E pure da definire la situazione di coloro che che vanno collocati nel ruolo di coordinatori”, conclude il sindacalista autonomo.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Polizia: Assunzione di nuovi 3000 allievi agenti

Posted by fidest press agency su martedì, 1 giugno 2021

Stefano Paoloni SAP: “Una Polizia che guarda avanti ha bisogno di efficienza e forza giovane: irragionevoli le proposte di trattenimento in servizio oltre i 60 anni di età”. In Commissione Affari Costituzionali, il Capo della Polizia Prefetto Lanfranco Giannini, ha annunciato l’assunzione di 3000 nuovi agenti entro il 2022: “E’ con grande favore che accogliamo le intenzione del Dipartimento della Pubblica Sicurezza – il commento di Stefano Paoloni, Segretario Generale del SAP – Dopo i tagli agli organici dovuti alla legge Madia e alle previsioni di pensionamento attese per i prossimi anni è necessaria una massiccia campagna di arruolamento. Una Polizia che guarda avanti ha bisogno di efficienza e modernità e l’invecchiamento del personale è un dato di fatto. L’età media degli organici è di circa 49 anni, e i servizi di polizia richiedono in molti casi freschezza fisica”. “Il Dipartimento della Pubblica sicurezza – continua Paoloni – negli ultimi anni è intervenuto più volte per affrontare questo importante problema, sia prevedendo l’assegnazione di giovani agenti nelle città ove l’età media era particolarmente alta, prescindendo anche dalle graduatorie per i trasferimenti, e abbassando l’età per la partecipazione ai concorsi di arruolamento passando da un massimo di anni 28 a anni 26. La proposta che viene da alcune organizzazioni sindacali di trattenere, se pur in forma volontaria, il personale in servizio anche dopo il raggiungimento dei limiti ordinamentali di età, ossia 60 anni, ci appare irragionevole, illogica ed in controtendenza anche con le politiche degli ultimi anni del Dipartimento”. “La strada da percorrere – conclude Paoloni – riteniamo sia quella di aumentare il numero delle assunzioni attraverso nuovi bandi, scorrimento di graduatorie, rimodulazione dei corsi e soprattutto il ripristino dei numerosi Istituti di Istruzione della Polizia di Stato chiusi negli ultimi anni”.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Assunzioni precari dal 1° settembre

Posted by fidest press agency su mercoledì, 26 maggio 2021

L’apertura del Consiglio dei Ministri verso i precari della scuola è minima. Lo sostiene il leader dell’Anief, secondo cui la verità è che “non si possono escludere i tanti precari collocati in seconda e terza fascia. Ma nemmeno coloro che sono inseriti negli elenchi di sostegno o hanno un servizio misto oppure hanno svolto servizio su sostegno senza specializzazione. Bisogna eliminare tutti questi vincoli. Perché quella che si sta organizzando non è una gara a creare ostacoli, ma l’obiettivo finale è avere dal 1° settembre tutti gli insegnanti in cattedra”.Il presidente dell’Anief ha quindi annunciato che l’intenzione è quella di lavorare “assieme alle altre sigle sindacali, ma soprattutto con il Parlamento affinché vengano presentati e approvati degli emendamenti che possano ampliare l’accesso all’assunzione a tutti coloro che fanno i supplenti da anni e che hanno i titoli per essere assunti in ruolo. È assurdo per l’ennesima volta, nonostante una procedura d’infrazione avviata e un reclamo collettivo presentato dall’Anief e approvato dal Consiglio d’Europa, continuare a dare risposte parziali e che comunque non risolvono il problema. Chiediamo di essere ascoltati: noi siamo pronti a elaborare i testi degli emendamenti al decreto legge Sostegni-bis”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Confermata l’intenzione del ministro Bianchi di assumere i precari con titoli ed esperienze

Posted by fidest press agency su venerdì, 7 maggio 2021

Sembrano delinearsi le intenzioni del ministro dell’Istruzione su come rispondere all’emergenza precariato: preso atto dello svuotamento delle GaE, dei concorsi lumaca e del pessimo andamento delle assunzioni degli ultimi anni, con i tre quarti andate in fumo per mancanza di aspiranti, alla luce dell’ennesimo record di supplenze, davanti alle commissioni Istruzione di Camera e Senato ha ammesso che serve una soluzione straordinaria: “stiamo ragionando anche con presidenza del Consiglio e Mef su come riconoscere titoli, meriti ed esperienze per far confluire queste persone e far ripartire la macchina delle assunzioni in modo stabile e continua nel tempo”, ha spiegato Patrizio Bianchi.Il ministro ha quindi aggiunto: “Attenzione: abbiamo degli obblighi lasciati dai predecessori. Non ho idea di un intervento magico né di qualcuno che mi dica di come fare, ci stiamo lavorando su, avendo chiare le posizioni di ognuno. Bisogna trovare soluzioni praticabili”. Il quadro, quindi, non è ancora definito, ma l’idea di fondo è stata presa e sembrerebbe quella giusta.Secondo Marcello Pacifico, leader dell’Anief, “è probabile che il ministro Bianchi si sia reso conto che il concorso straordinario della scuola secondari, nato per vincere precariato, si sta rivelando un mezzo fallimento. Per non parlare degli ordinari, eccessivamente selettivi già in partenza, e che non riescono a vedere la luce. La realtà è che occorre finalmente rispettare quanto indicato nel reclamo collettivo accolto dal Comitato europeo dei diritti sociali presentato da Anief contro lo Stato italiano: bisogna organizzare un canale di reclutamento per soli titoli. Quello che ora vorrebbe introdurre il ministro dell’Istruzione”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sanità Regione Lazio: assunzioni ferme al palo

Posted by fidest press agency su lunedì, 8 febbraio 2021

La Regione Lazio ha sospeso le assunzioni nella Sanità? Così sembra. Le ultime chiamate a tempo indeterminato degli infermieri idonei della graduatoria del Sant’Andrea risalgono al 4 dicembre 2020. L’avviso pubblico per OSS, emesso in tutta fretta i primi di dicembre, dalla ASL RM2 non ha prodotto ancora nessuna graduatoria. La graduatoria degli autisti soccorritori vincitori del concorso di Ares 118 è uscita da qualche giorno e ancora non è stata attivata e approvata dalla Regione.L’attuazione dell’infermiere di comunità, votato dalla Commissione Salute a metà dicembre, è ferma a prendere polvere in attesa dell’approvazione e della copertura economica in Commissione Bilancio e, visti i tempi biblici della burocrazia, l’iter prima di agosto non sarà concluso. La figura è stata approvata dal governo con il decreto “Cura Italia” a marzo 2020… un anno fa! Però alcune ASL stanno chiamando da avvisi pubblici per emergenza Covid con massimo contrattuale di 12 mesi di contratto, oltre gli infermieri “vaccinatori” affidati dal commissario Arcuri a cinque agenzie interinali immettendo nuove sacche di precariato nel servizio sanitario.La sensazione che abbiamo è che ci sia un blocco volontario delle assunzioni nella sanità pubblica da parte della Regione Lazio. Non vorremmo che i soggetti privati che fino ad ora hanno lucrato sulla sanità e su lavoratori e lavoratrici possano aver esercitato una qualsivoglia pressione temendo di veder lesi i propri interessi economici. Non possiamo permettere che la scelta di riqualificare la sanità pubblica, appena iniziata nella Regione Lazio, venga bruscamente interrotta. Non ci stancheremo mai di dirlo, dove c’è precariato tutto è precario.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scuola: procedure semplificate per l’assunzione dei docenti?

Posted by fidest press agency su sabato, 19 dicembre 2020

“È in dirittura d’arrivo il testo definitivo della Legge di Bilancio 2021: a quanto si apprende, uno degli ultimi emendamenti approvati potrebbe riguardare la semplificazione delle procedure per l’assunzione degli insegnanti di sostegno. Questo significa che le proposte dell’Anief cominciano a fare breccia”. Lo ha detto Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief: intervistato da Teleborsa, il sindacalista autonomo ha spiegato che “anziché organizzare tante procedure è senz’altro meglio attuare procedure che garantiscano l’assunzione del personale che viene chiamato ogni anno come precario. Assunzione che deve avvenire attraverso procedure non selettive dal momento che queste persone già insegnano ai nostri figli. Questa per noi è la strada. Speriamo che tali proposte vengano approvate, in modo tale da poter iniziare a lottare contro la supplentite”. Secondo l’Anief il sostegno agli alunni disabili va migliorato innanzitutto stabilizzando i precari, sia sui posti di docenza sia su quelli di assistente alla comunicazione. La scorsa settimana lo ha evidenziato anche l’Istat sostenendo che la dad, resa obbligatoria a partire dal 9 aprile scorso (d.l. 8 aprile 2020, n.22) per far fronte all’emergenza sanitaria da Covid-19, ha rappresentato un ostacolo ulteriore “al proseguimento dei percorsi di inclusione intrapresi dai docenti, riducendo sensibilmente la partecipazione degli alunni con disabilità”, rendendo dunque “più complesso un processo delicato come quello dell’inclusione scolastica”. Mancano inoltre all’appello, ha fatto notare l’Istituto di statistica ben il 37% di casi “di docenti individuati per rispondere alla carenza di insegnanti per il sostegno, ma che non hanno una formazione specifica” per supportare al meglio gli alunni con disabilità in continuo aumento.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Le assunzioni di personale previste nel fabbisogno dei Ministeri dell’Istruzione e dell’Università e ricerca sono insufficienti”

Posted by fidest press agency su venerdì, 4 settembre 2020

La carenza di organico in questi due ministeri, infatti, come riconosciuto in un documento di questi stessi, è pari in media al 50%. Ed è sempre più urgente un piano straordinario di assunzioni”. Ad affermarlo è la Funzione Pubblica Cgil nel far sapere che è stata fornita alle organizzazioni sindacali l’informativa sul piano del fabbisogno del personale dei due ministeri per il triennio 2020-2022, approvato dai Ministri Azzolina e Manfredi lo scorso 14 agosto.
Il documento consegnato, riporta il sindacato, “analizza in maniera analitica l’attuale situazione degli organici presso i due Ministeri nonché le previsioni nel triennio relative alle cessazioni e prende atto di quanto da noi da tempo denunciato in ordine alla gravissima carenza di organico dell’ex Miur tanto che, oltre ad indicare una scopertura media del 50% degli organici (con punte più alte presso alcuni uffici periferici), si riconosce nel documento come ‘in tale contesto, solo con grandi difficoltà l’amministrazione riesce a garantire la gestione ordinaria delle attività e grazie allo sforzo delle singole persone, soprattutto per quanto riguarda il settore scolastico. Negli uffici territoriali, infatti, le procedure volte a garantire il regolare avvio dell’anno scolastico si aggiungono all’ordinaria attività istituzionale, costringendo il personale a lavorare nei giorni festivi, rinviare la fruizione delle ferie estive, prestare ore eccedenti l’orario ordinario, che non sempre vengono retribuite’”.Al 31 marzo 2020, fa sapere la Fp Cgil, “risultavano in servizio presso il Ministero dell’Istruzione 2.793 lavoratori, di cui 174 dirigenti e 2.619 appartenenti al personale delle aree, a fronte di una previsione contenuta nel DL 1/2020 rispettivamente di 406 dirigenti e 5.538 lavoratori delle aree. Mentre presso il Ministero della Università e Ricerca, alla stessa data, risultavano in servizio 197 lavoratori, di cui 21 dirigenti e 176 appartenenti al personale delle aree, a fronte di una previsione rispettivamente di 41 dirigenti e 467 lavoratori appartenenti al personale delle aree. Nonostante il documento preveda un numero consistente di assunzioni nel triennio, l’intera operazione, al netto delle cessazioni nello stesso triennio, riuscirà a stento a portare la scopertura dell’organico ad un livello attorno al 40%”. Per queste ragioni la Fp Cgil ribadisce “l’urgenza di un piano straordinario di assunzioni e una effettiva riorganizzazione che snellisca e velocizzi le procedure presso i due Ministeri al fine di garantire ai dipendenti condizioni di lavoro dignitose e su tutto il territorio nazionale la funzionalità delle strutture che contribuiscono a rendere effettivo il diritto allo studio costituzionalmente garantito”.

Posted in scuola/school, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scuola: Assistenti tecnici assunti per l’emergenza Covid

Posted by fidest press agency su martedì, 2 giugno 2020

Anief chiede di confermarli e di assumerne almeno uno ad istituto. Confermare, oltre il 30 giugno prossimo, tutti i mille assistenti tecnici informatici assunti nel mese di aprile per decisione del Governo, per meglio affrontare il piano di risposta, nelle scuole, al contagio di massa del Covid-19. E garantire che con il nuovo anno scolastico, con la fase emergenziale ancora in atto, vi sia un assistente tecnico in tutti gli 8.200 istituti scolastici, nessuno escluso. A chiederlo è il sindacato Anief, promotore al Senato di un emendamento al Decreto Legge n. 22 sulla Scuola, su cui sta terminando di votare la VII commissione e che nel pomeriggio arriverà in Aula per la discussione generale. Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, ritiene che “con il coronavirus le condizioni e le necessità scolastiche sono cambiate, arrivando ad imporre la didattica a distanza, la quale potrebbe riproporsi anche in futuro. Per non parlare dell’esigenza per tante scuole di assicurare un livello tecnologico minimo, con risorse umane in grado di gestirlo al meglio e non in modo approssimativo”.Anief torna a chiedere l’assistenza tecnica in ogni scuola italiana: la richiesta del giovane sindacato deriva dalla sempre più massiccia presenza della componente digitale telematica nell’offerta formativa. La presenza stabile del personale tecnico in tutte le istituzioni le istituzioni scolastiche, anche quelle dell’infanzia, del primo ciclo e della secondaria di primo grado, dove sino ad oggi non era previsto.Al sindacato, si sono rivolti anche diversi assistenti tecnici assunti per pochi mesi per fare fronte all’emergenza Covid-19. Dai loro racconti si evince che è ampio e valido il supporto assicurato in queste settimane, assieme agli animatori digitali, a famiglie e ragazzi che hanno riscontrato difficoltà di collegamento alle piattaforme utilizzate per la didattica a distanza, oltre che per la gestione di software da parte sia dei docenti, sia del personale scolastico, sia degli studenti e delle loro famiglie. È bene che questo supporto tecnico non si disperda.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Assunzione medici specializzandi

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 aprile 2020

Milano. Appello all’assessore Gallera dal consigliere regionale pentastellato, Gregorio Mammì: “Mi segnalano da più province ma soprattutto in quella di Lodi, che corsisti MMG (Medici di Medicina Generale) sono rimasti fuori dal piano assunzioni, nonostante abbiano dato la loro disponibilità. Nell’ultima commissione sanità, settimana scorsa, ho segnalato la situazione all’assessore che mi ha assicurato che doveva essere solo un errore. Purtroppo, ad oggi, la situazione degli specializzandi MMG risulta bloccata. Inutile dire che è una situazione inaccettabile, perché sono risorse preziose in questo momento di emergenza. Il presidente del Consiglio ha previsto l’assunzione degli specializzandi e dei neolaureati. Scriverò formalmente all’assessore Gallera e al dirigente Luigi Cajazzo per sollecitare una risposta e una verifica immediata di questa.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Coronavirus, la Regione Lazio finalmente assume infermieri a tempo indeterminato

Posted by fidest press agency su martedì, 17 marzo 2020

Da anni USB grida ai quattro venti la necessità di voltare pagina nella sanità e farla finita con i tagli, la chiusura delle strutture, la mancanza di investimenti, le esternalizzazioni, il lavoro precario e le piante organiche ridotte al lumicino. L’emergenza coronavirus ha svelato a che livello disastroso è stato ridotto il Sistema Sanitario Nazionale, incapace di far fronte alla crisi nonostante l’abnegazione del personale. Sempre più servizi sono stati esternalizzati e dati in appalto alle cooperative – cosa che si continua a fare – creando posti di lavoro precari e sottopagati mentre oltre 40.000 lavoratori a tempo indeterminato sono usciti dal lavoro senza essere rimpiazzati. È ora di dire basta a scelte politiche che sono un complesso di manifestazioni criminali e hanno penalizzato lavoratori e cittadini utenti.Dopo quasi 10 anni, il Servizio Sanitario Regionale del Lazio è finalmente uscito dal commissariamento e, alla luce di questa novità, è possibile pensare a una nuova stagione di assunzioni e stabilizzazioni. Ma gli interessi in campo sono fortissimi, e la vicenda Sant’Andrea è illuminante. Oltre 7.000 infermieri sono risultati vincitori e idonei al concorso espletato al Sant’Andrea e la logica e la capacità di intendere e volere avrebbero suggerito l’assunzione in blocco di tutti i partecipanti al concorso così come richiesto da USB molto prima della crisi coronavirus.Ma, ripetiamo, gli interessi in gioco sono tanti e forti, così sono continuati gli accordi tra le aziende, Cgil, Cisl, Uil e le cooperative per esternalizzare i servizi infermieristici, mentre la Regione Lazio di fronte alla emergenza coronavirus ha assunto 1040 infermieri e poi ha deliberato l’assunzione a tempo determinato – prima a 6 mesi poi a 12 mesi – degli infermieri in graduatoria interessati, minacciando, anche se velatamente, lo scorrimento in basso nella graduatoria in caso di non accettazione della destinazione del luogo di lavoro. Minaccia inutile visto che gli infermieri hanno vinto un concorso per un lavoro a tempo indeterminato e nessuno può togliere loro questo diritto.Morale della favola, alla buon’ora, la Giunta Regionale rivede il proprio operato e si è finalmente decisa all’assunzione a tempo indeterminato degli infermieri in graduatoria idonei di concorso.Meglio tardi che mai: 7000 assunzioni subito. Ma il genio del male che si annida in qualche stanza va confinato per evitare che faccia danni ulteriori! (by Unione Sindacale di Base – Federazione Lazio)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Necessaria assunzione straordinaria medici

Posted by fidest press agency su martedì, 25 febbraio 2020

“Di fronte alla straordinaria mobilitazione del personale medico e paramedico, e dei ricercatori, per l’assistenza dei soggetti sottoposti ad accertamenti, e al prevedibile aumento del contagio, è necessario valutare la possibilità di assumere personale sanitario. Già prima dell’esplosione dell’infezione gli ospedali si trovavano in carenza di organico, i pronto soccorso stracolmi, i posti letto insufficienti a fare da tappo… Oggi la situazione è sull’orlo del collasso e rischia di precipitare se di fronte all’emergenza coronavirus. Per fronteggiare questo nuovo pericolo non si possono e non si devono diminuire i livelli di assistenza per le altre patologie e tutti sanno che l’attuale sistema è appena sufficiente per la gestione dell’ordinarietà”. È quanto dichiara il vicepresidente dei Camera dei deputati Fabio Rampelli che ha annunciato di presentare un emendamento al decreto legge sul coronavirus per aprire alle assunzioni straordinarie di personale medico e paramedico.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola– Assunzione 12 mila ex Lsu: domande prorogate all’8 gennaio

Posted by fidest press agency su sabato, 28 dicembre 2019

Ma continuano a essere esclusi i collaboratori scolastici in servizio presso le scuole. Anief conferma la volontà di ricorrere al giudice amministrativo per consentire anche a loro di essere stabilizzati, a seguito della presentazione di una specifica domanda di partecipazione. Avranno tempo fino alle ore 14 del prossimo mercoledì 8 gennaio gli ex Lavoratori socialmente utili con almeno 10 anni di servizi per presentare la domanda di partecipazione al concorso Ata appalti pulizia: lo ha comunicato in queste ore il ministero dell’Istruzione, con il decreto dipartimentale numero 2318 del 20.12.2019. Il sindacato Anief conferma tutte le sue perplessità su tale procedura: pur non avendo nulla da eccepire contro la stabilizzazione di personale precario delle cooperative da oltre 10 anni, il giovane sindacato ritiene che con questa modalità si sta producendo una vera discriminazione nei confronti di decine di migliaia di lavoratori supplenti statali per i quali non è prevista alcuna immissioni in ruolo.“Tutti coloro che hanno prestato almeno 36 mesi di servizio a partire dall’anno 2000, secondo noi, hanno pieno diritto a essere stabilizzati nella pianta organica dello Stato, anche alla luce delle indicazioni dell’Unione Europea”, spiega Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief. Fino all’8 gennaio, i supplenti collaboratori scolastici interessati possono presentare ricorso per dimostrare di essere stati ingiustamente esclusi dall’assunzione a tempo indeterminato e chiedere al Tar Lazio la loro immissione nella graduatoria utile per i ruoli.
Slitta di otto giorni il termine di presentazione della domanda per la partecipazione alla procedura selettiva, per titoli, finalizzata all’assunzione a tempo indeterminato del personale ex Lsu, finalizzata all’inquadramento nel profilo dei collaboratori scolastici statali a partire dal 1° marzo 2020: l’iniziale scadenza, fissata al 31 dicembre dal decreto dipartimentale n. 2200 del 6.12.2019, è stata infatti posticipata all’8 gennaio 2020.La domanda di partecipazione alla procedura – scrive Orizzonte Scuola – può essere presentata unicamente in modalità telematica attraverso l’applicazione “Piattaforma Concorsi e Procedure selettive” previo possesso delle credenziali SPID, o in alternativa, di un’utenza valida per l’accesso ai servizi presenti nell’area riservata MIUR con l’abilitazione specifica al servizio “Istanze on Line (POLIS)”. Il giovane sindacato metterà a disposizione dei ricorrenti un modello cartaceo di domanda da utilizzare per presentare la domanda sostitutiva di quella telematica.Per accedere al concorso, è necessario essere in possesso del diploma di scuola secondaria di primo grado, conseguito entro la data di scadenza del termine per la presentazione delle domande alla selezione, oltre ad aver svolto almeno dieci anni, anche non continuativi, nei quali devono essere inclusi gli anni 2018 e 2019, servizi di pulizia e ausiliari presso le istituzioni scolastiche ed educative statali, in qualità di dipendente a tempo indeterminato di imprese titolari di contratto per lo svolgimento di tali servizi. Per l’associazione Radamante il limite del servizio è di 36 mesi, anche non continuativi, ragione di uno specifico ricorso. Per Anief, invece, hanno diritto a partecipare anche tutti i collaboratori scolastici che hanno lo stesso servizio del personale delle cooperative, servizio, comunque, prestato per più di 24 mesi dalla data di approvazione della direttiva comunitaria 70/99.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: firmato il decreto interministeriale per l’assunzione dei lavoratori ex LSU ATA e Storici

Posted by fidest press agency su martedì, 26 novembre 2019

Basta con gli appalti, basta con le ditte e consorzi che per più di vent’anni hanno accumulato profitti alle spalle dei lavoratori e delle lavoratrici addette ai servizi di pulizia, decoro e piccola manutenzione negli istituti scolastici. Dal prossimo anno si cambia!
Per mesi, da quando il 31 dicembre 2018 nella Legge di Stabilità era stata decisa l’internalizzazione di questo servizio e l’assunzione degli addetti a partire dal 1° Gennaio 2020 nelle scuole, abbiamo assistito ai pesanti tentativi delle imprese e di CGIL CISL UIL, di ostacolare questa decisione, spesso trovando ascolto anche presso il MIUR, arrivando a bloccare nel luglio scorso la pubblicazione del decreto e continuando a muoversi quanto meno per ritardarne l’attuazione.Oggi un passo fondamentale è stato compiuto. Nel corso dell’incontro che si stava tenendo al MIUR tra il Sottosegretario all’Istruzione, On. De Cristofaro, il dott. Greco, Direttore delle risorse umane e finanziarie, e una nostra folta delegazione in rappresentanza delle varie regioni presenti in piazza, è arrivata la copia bollinata dal MEF e firmata dagli altri tre ministri competenti, che dopo un necessario passaggio alla Corte dei Conti, avvia le procedure finali per la selezione e la conseguente immissione in ruolo.Il MIUR ci aveva già comunicato nel corso dell’incontro che la piattaforma informatica per la compilazione delle domande era già stata testata e che nel bando erano state accolte queste nostre richieste: possibilità di optare per provincie diverse da quella indicata nella domanda, per ovviare ad eventuali esuberi tra gli aventi diritto; utilizzo delle risorse derivanti da pensionamenti nel corso dei prossimi mesi per la trasformazione degli eventuali contratti part time in full time.Non appena il Decreto sarà licenziato dalla Corte dei Conti sarà immediatamente pubblicato, dando il via alla presentazione delle domande.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Scuola: Assunzioni docenti, è una manfrina

Posted by fidest press agency su venerdì, 2 agosto 2019

A poche ore dalla denuncia dell’Anief sull’impossibilità di effettuare le 53.627 assunzioni di docenti autorizzate dal Mef, con riduzione di 5 mila posti per via del calo del tasso di natalità, è lo stesso ministero dell’Istruzione a dire che tante immissioni in ruolo salteranno: incontrando i sindacati per un confronto sulla suddivisione del contingente – per regione, provincia e classe di concorso – i dirigenti di Viale Trastevere hanno spiegato che i 5.000 posti saranno tolti in prevalenza “al sostegno in regioni del Nord” e nelle regioni “in cui si è registrato il maggior calo demografico”. “Le immissioni in ruolo 2019 – commenta Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief – si stanno trasformando in una manfrina, perché opponendosi alla riapertura delle GaE, alle assunzioni degli abilitati, dei precari con oltre 36 mesi di servizio e degli idonei vincitori di concorso fuori regione, ci apprestiamo a rivivere il copione dello scorso anno, quando quasi 33 mila convocazioni andarono deserte. Anzi, a dire il vero, quest’anno andrà peggio, perché le graduatorie ad esaurimento e di merito sono ancora più scoperte e i concorsi salva-tutto che continuano ad essere annunciati dal ministro dell’Istruzione risultano in alto mare oppure, come accaduto ieri con il bando dell’ordinario di infanzia e primaria, vengono rimandati di continuo, smentendo le rassicurazioni di Bussetti sulla pubblicazione immediata”. Nei prossimi giorni prenderanno il via le assunzioni a tempo indeterminato del personale docente della scuola pubblica: si prevedono meno posti di sostegno nelle regioni dove maggiore è il calo di nascite e quindi di iscrizioni. “È stata fatta questa scelta – scrive la rivista specializzata Orizzonte Scuola – perché comunque si tratta di posti corrispondenti a graduatorie vuote, quindi in ogni caso quei posti sarebbero rimasti scoperti. Alcuni posti naturalmente potrebbero essere tagliati anche sulle classi di concorso, sempre rispettando lo stesso criterio”. Le argomentazioni del ministero dell’Istruzione confermano in pieno, quindi, quello che Anief sostiene da tempo: le oltre 53mila assunzioni autorizzate dal ministero dell’Economia e delle Finanze, per come è male organizzato il sistema di reclutamento scolastico italiano, andranno in porto solo in parte, probabilmente in media appena una su tre. Al Miur erano ben coscienti di questo, al punto che quando da Via XX Settembre è partita la richiesta di ridurre il contingente di 5 mila posti, non hanno proferito verbo.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il colloquio di lavoro è un passaggio decisivo per l’assunzione in un’azienda

Posted by fidest press agency su sabato, 13 aprile 2019

Arrivare preparati a tale appuntamento evitando gli “errori” più comuni e che spesso si riscontrano nei colloqui può rappresentare una delle carte determinanti per trovare un lavoro. Troppo spesso diamo per scontato che i giovani sappiano come comportarsi in queste circostanze e invece non è così. Ci sono dinamiche e modalità di approccio specifiche che bisogna conoscere bene prima di affrontare con possibilità di successo un colloquio. Trovare lavoro è un lavoro e non si può improvvisare. A tal scopo Orienta ha promosso un’iniziativa rivolta agli studenti universitari e legata ai Career Day delle Università denominata“i segreti del colloquio di lavoro”. Si tratta di un programma in due step che prevede una formazione teorica sui principali aspetti e informazioni utili sul colloquio di lavoro fornendo nozioni anche di carattere psicologico e una parte pratica in cui vengono coinvolti i manager delle risorse umane delle aziende principali del territorio per una simulazione “reale” di un colloquio di lavoro. Dall’esperienza sul campo e dai primi incontri svolti con gli studenti universitari – la prima tappa si è svolta presso l’Università Gabriele D’Annunzio di Chieti-Pescara – emergono chiaramente delle lacune che il programma promosso da Orienta intende colmare con l’obiettivo di preparare al colloquio nel miglior modo possibile migliaia di studenti.
Alcune cose da fare (e sapere). Prima di presentarsi ad un colloquio, importantissimo nonché essenziale è informarsi riguardo l’azienda per la quale si aspira. A fare la differenza può essere anche il portamento, piuttosto che il mostrarsi curiosi e pronti a mettersi in gioco. Parlare di se stessi va benissimo, come com’è normale essere nervosi, l’importante è riuscire a far emergere le proprie competenze, mettere in luce i propri punti di forza e mostrare di possedere le cosiddette soft skills, ossia quelle indispensabili doti umane che fanno la differenza Le soft skills o competenze trasversali, come lo spirito di sacrificio, la determinazione, il saper stare con gli altri, un giusto senso del dover e così via, sono valori decisivi per un’assunzione. È bene, inoltre, fare domande pertinenti, essere convincenti ma soprattutto, per prima cosa, essere se stessi.
Altre da non fare. Una delle cose peggiori che capita talvolta di riscontrare è vedere giovani candidati farsi accompagnare dai genitori, entrambi, oppure dalla fidanzata o dal fidanzato. Un’idea originale del colloquio di gruppo di tipo “familiare”, che prevede, non troppo di rado, la partecipazione attiva degli stessi genitori alle domande di rito. Alcuni atteggiamenti duranti il colloquio, poi, sono da censura. C’è chi si presenta con gli occhiali da sole, chi risponde ad un sms o ad una telefonata mentre sta interloquendo con il selezionatore, chi lo scambia per un amico o un’amica o uno di famiglia, e chi pensa di essere in discoteca o al bar. Evitare l’inadeguatezza nell’abbigliamento.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La metà dei pazienti colpiti da malattie croniche non assume i farmaci in modo corretto

Posted by fidest press agency su domenica, 10 marzo 2019

Bruxelles. Spesso infatti seguono le indicazioni del medico con discontinuità o abbandonano la cura dopo un breve periodo. Il problema diventa esponenziale negli anziani, toccando percentuali superiori al 70%. Con pesanti conseguenze, visto che in Europa la mancata aderenza alla terapia causa ogni anno quasi 200.000 morti, determinando significativi costi sociali. L’onere finanziario diretto sul sistema sanitario nel Vecchio Continente è compreso fra 80 e 125 miliardi di euro. Per sensibilizzare cittadini e Istituzioni sull’importanza dell’aderenza terapeutica, l’Associazione SIHA (Senior International Health Association) lancia il Manifesto Europeo per l’aderenza alla terapia, che contiene indicazioni per migliorare l’adesione alle cure, in particolare nel paziente anziano. Il documento è presentato oggi al Parlamento Europeo a Bruxelles con gli interventi del Presidente dell’Europarlamento, Antonio Tajani, e del Vicepresidente, Fabio Massimo Castaldo, e di diversi esponenti del Parlamento Europeo, la deputata Patrizia Toia (S&D), il deputato Aldo Patriciello (PPE) e il deputato Danilo Oscar Lancini (ENF). Il progetto coinvolge tutti i clinici che ogni giorno affrontano il problema, fra cui cardiologi, oncologi, medici di famiglia, reumatologi, pediatri, oculisti, dermatologi, pneumologi, urologi e psichiatri.
Le tendenze demografiche mostrano che l’Europa ha una popolazione largamente anziana, con 1 persona su 5 sopra i 65 anni. Per sostenere e promuovere la sempre crescente “economia d’argento”, il presidente della SIHA, Roberto Messina, ritiene “imperativo intervenire quanto prima. La risposta politica è stata lanciata per migliorare la qualità della vita e l’inclusione nella società della popolazione che invecchia. Con il lancio del Manifesto europeo, SIHA spera di migliorare la qualità della vita dei pazienti e di ridurre i costi sanitari. SIHA ritiene che l’Unione Europea debba garantire il coordinamento delle attività necessarie a innescare un processo virtuoso e concreto all’interno dei vari Stati membri dell’UE rispetto a tale tema. Per questo motivo, ha coinvolto i membri del Parlamento europeo invitandoli a sensibilizzare sul rispetto della terapia e a discutere sulle possibili strategie d’intervento”. Il Manifesto europeo invita i leader attuali, candidati e futuri del Parlamento europeo, della Commissione europea e del Consiglio europeo a garantire che l’aderenza alla terapia sia riconosciuta come un diritto per tutte le persone, specialmente quelle che vivono con malattie croniche. Il Manifesto auspica anche che possano aumentare gli investimenti nella ricerca scientifica legata a progetti centrati sul paziente, attraverso Horizon Europe e altri programmi di finanziamento. SIHA, organizzazione internazionale impegnata nella tutela della salute dei senior e non solo, mira anche all’istituzione di una Giornata Europea per l’aderenza alla terapia: un’opportunità annuale di sensibilizzazione, rivolta a tutti gli attori interessati.
L’iniziativa è sostenuta anche dal deputato Lancini: “Una Giornata Europea per l’aderenza alla terapia sarebbe un’occasione per elevare il profilo del discorso su questo tema. Pazienti, operatori sanitari e responsabili delle politiche hanno tutti il compito di garantire che le persone rimangano in salute più a lungo e comprendano le conseguenze della mancata aderenza”. (by {http://www.seniorinternationalhealthassociation.org/wp-content/uploads/2015/05/SIHA_Manifesto_Booklet_Online-version_without-sign_spread.pdf}.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Assunzioni docenti, si cambia: il ministro Bussetti torna ai concorsi tradendo l’Europa

Posted by fidest press agency su sabato, 1 dicembre 2018

Il Ministro dell’Istruzione Marco Bussetti sui concorsi non transige: presto, a seguito della revisione del reclutamento, diventeranno l’unico canale d’accesso all’insegnamento; il titolo richiesto sarà la laurea, in modo da avere in cattedra docenti giovani. I concorsi saranno banditi soltanto per le classi di concorso e nelle regioni in cui vi sia necessità. Inoltre, ricorda Orizzonte Scuola, i vincitori di concorso non potranno partecipare alla mobilità per cinque anni, assicurando la continuità didattica e superando il problema della cattedre che restano scoperte. È bene che si sappia, ribatte l’associazione sindacale Anief a tutela dell’esteso precariato della scuola pubblica italiana, che il modello prospettato da Bussetti non è proprio quello che ci chiede l’Europa. Perché, se è vero che nei ruoli dello Stato si entra a seguito di un pubblico concorso, è altrettanto vero che occorre saper contestualizzare le situazioni. E prevedere, necessariamente, dei periodi di transizione, prima di introdurre novità radicali. Anche perché in questo modo si tradirebbe il senso della direttiva UE n. 70/1999. “Trent’anni fa – ricorda Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal – si decideva a Lisbona di intraprendere la strada della formazione iniziale degli insegnanti. Successivamente abbiamo assistito all’assunzione di quasi tutti i sissini e i laureati in Scienze della formazione primaria prima del 2011 grazie all’inserimento nel doppio canale di reclutamento. Subito dopo, però, è arrivato l’insensato dietrofront del governo, che si è tradotto nell’incapacità della politica di voler stabilizzare i docenti abilitati e specializzati negli ultimi anni dalle università con il Tfa, il Pas, il sostegno, la laurea in Scienze della formazione primaria. L’ostinazione si è tradotta anche nell’opposizione a riconoscere abilitante il titolo del diploma magistrale o di adeguare gli organici di fatto a quelli di diritto ivi incluso sui posti in deroga di sostegno”. “Con la decisione di puntare tutto sui concorsi – commenta Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal – il Governo decide di fare un passo indietro anacronistico e persino dannoso rispetto all’alto numero dei precari, in assenza del ripristino del doppio canale di reclutamento. Vale la pena ricordare che ancora oggi un insegnante su otto è chiamato a far funzionare le scuole come supplente a fronte dei pochi posti banditi. Pertanto, il concorso e il blocco quinquennale non sono la soluzione, ma l’epilogo di scelte scellerate prese negli anni e avallate ora dal governo del non cambiamento”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Bussetti annuncia nuova selezione, formazione e assunzione docenti

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 luglio 2018

Presentando al Senato le linee programmatiche del nuovo corso del Miur, Marco Bussetti ha detto che verrà attuata una revisione, la quale dovrà “garantire il superamento delle criticità con il sistema formazione”. L’obiettivo, ha aggiunto il Ministro, sarà quello di costruire “nuovi strumenti per creare un legame tra docenti e territorio per evitare i trasferimenti”. Anief concorda sulla necessità di mettere mano ad un sistema che ha creato ancora più difficoltà di quello preesistente, ma a precise condizioni. Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Occorre una nuova legge sul reclutamento che assicuri la continuità didattica, attraverso un piano straordinario di assunzione del personale su tutti i posti in organico di diritto e di fatto, privi di titolare. Su questo, sarebbe molto utile approvare in tempi rapidi la riforma delle pensioni che, con “Quota 100”, porterebbero allo sblocco delle assunzioni, con 200mila immissioni in ruolo potenziali da attuare. Molto utile sarebbe anche ripristinare il tempo pieno e prolungato, con insegnamenti su modulo nella scuola primaria. E anche iniziare a cinque anni, con un anno ‘ponte’ infanzia-primaria, che garantirebbe un attento passaggio verso l’annualità scolastica più delicata e importante in chiave formativa. Bussetti ha fatto bene anche a ricordare il prezioso lavoro del personale Ata, inspiegabilmente dimenticato in tutti i tentativi di valorizzazione del personale – assunzioni, merito, bonus aggiornamento – introdotti con la Buona Scuola: mai come oggi bisogna riscrivere i profili degli assistenti amministrativi, dei tecnici e dei collaboratori scolastici, adeguando gli stipendi e assumendo il personale su tutti i posti vacanti e disponibili.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Legge di stabilità: Assunzioni maestri scuola d’infanzia, poche e sofferte

Posted by fidest press agency su domenica, 19 novembre 2017

ministero-pubblica-istruzioneSono gli unici insegnanti a non essere stati contemplati nel piano straordinario della riforma Renzi-Giannini e nemmeno nel “potenziamento” che ne è conseguito. Tanto è vero che oggi sono il raggruppamento di gran lunga più numeroso delle Graduatorie ad esaurimento. Ora, però, si potrebbe dare loro la possibilità di riscattarsi, attraverso l’ultima manovra del Governo Gentiloni. L’emendamento Pd prevede al massimo 2mila stabilizzazioni, peraltro pure in dubbio, ma ne servirebbero quindici volte di più. Le proposte Anief sono confluite nelle modifiche al ddl 2960, presentate da più raggruppamenti politici.
Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Non è possibile che quando si tratta di venire incontro alla stabilizzazione dei maestri che operano nei nostri asili si debba sempre arrivare ad un nulla di fatto. Non abbiamo mai smesso di credere nelle loro assunzioni e per questo abbiamo fatto pervenire alla Commissione Bilancio del Senato 40 emendamenti, alcuni dei quali specifici per risolvere l’annosa questione. Non vogliamo più sentire parlare di strada in salita, ma di assunzioni in gran numero e sicure: ne abbiamo sempre indicate 20mila per il potenziamento e almeno 8mila per il turn over degli ultimi anni. In caso contrario, se non se dovesse fare nulla, non ci vengano a dire che si fa un uso troppo disinvolto del giudice per dirimere i problemi: noi pure stavolta ce l’abbiamo messa tutta per centrare un’operazione sacrosanta tramite il legislatore. Chiediamo il blocco temporale delle supplenze brevi e che venga sciolta la riserva su inserimenti in graduatoria, a seguito del provvedimento amministrativo.

Posted in Diritti/Human rights, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »