Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Posts Tagged ‘assunzione’

Scuola: Assunzioni docenti, è una manfrina

Posted by fidest press agency su venerdì, 2 agosto 2019

A poche ore dalla denuncia dell’Anief sull’impossibilità di effettuare le 53.627 assunzioni di docenti autorizzate dal Mef, con riduzione di 5 mila posti per via del calo del tasso di natalità, è lo stesso ministero dell’Istruzione a dire che tante immissioni in ruolo salteranno: incontrando i sindacati per un confronto sulla suddivisione del contingente – per regione, provincia e classe di concorso – i dirigenti di Viale Trastevere hanno spiegato che i 5.000 posti saranno tolti in prevalenza “al sostegno in regioni del Nord” e nelle regioni “in cui si è registrato il maggior calo demografico”. “Le immissioni in ruolo 2019 – commenta Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief – si stanno trasformando in una manfrina, perché opponendosi alla riapertura delle GaE, alle assunzioni degli abilitati, dei precari con oltre 36 mesi di servizio e degli idonei vincitori di concorso fuori regione, ci apprestiamo a rivivere il copione dello scorso anno, quando quasi 33 mila convocazioni andarono deserte. Anzi, a dire il vero, quest’anno andrà peggio, perché le graduatorie ad esaurimento e di merito sono ancora più scoperte e i concorsi salva-tutto che continuano ad essere annunciati dal ministro dell’Istruzione risultano in alto mare oppure, come accaduto ieri con il bando dell’ordinario di infanzia e primaria, vengono rimandati di continuo, smentendo le rassicurazioni di Bussetti sulla pubblicazione immediata”. Nei prossimi giorni prenderanno il via le assunzioni a tempo indeterminato del personale docente della scuola pubblica: si prevedono meno posti di sostegno nelle regioni dove maggiore è il calo di nascite e quindi di iscrizioni. “È stata fatta questa scelta – scrive la rivista specializzata Orizzonte Scuola – perché comunque si tratta di posti corrispondenti a graduatorie vuote, quindi in ogni caso quei posti sarebbero rimasti scoperti. Alcuni posti naturalmente potrebbero essere tagliati anche sulle classi di concorso, sempre rispettando lo stesso criterio”. Le argomentazioni del ministero dell’Istruzione confermano in pieno, quindi, quello che Anief sostiene da tempo: le oltre 53mila assunzioni autorizzate dal ministero dell’Economia e delle Finanze, per come è male organizzato il sistema di reclutamento scolastico italiano, andranno in porto solo in parte, probabilmente in media appena una su tre. Al Miur erano ben coscienti di questo, al punto che quando da Via XX Settembre è partita la richiesta di ridurre il contingente di 5 mila posti, non hanno proferito verbo.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il colloquio di lavoro è un passaggio decisivo per l’assunzione in un’azienda

Posted by fidest press agency su sabato, 13 aprile 2019

Arrivare preparati a tale appuntamento evitando gli “errori” più comuni e che spesso si riscontrano nei colloqui può rappresentare una delle carte determinanti per trovare un lavoro. Troppo spesso diamo per scontato che i giovani sappiano come comportarsi in queste circostanze e invece non è così. Ci sono dinamiche e modalità di approccio specifiche che bisogna conoscere bene prima di affrontare con possibilità di successo un colloquio. Trovare lavoro è un lavoro e non si può improvvisare. A tal scopo Orienta ha promosso un’iniziativa rivolta agli studenti universitari e legata ai Career Day delle Università denominata“i segreti del colloquio di lavoro”. Si tratta di un programma in due step che prevede una formazione teorica sui principali aspetti e informazioni utili sul colloquio di lavoro fornendo nozioni anche di carattere psicologico e una parte pratica in cui vengono coinvolti i manager delle risorse umane delle aziende principali del territorio per una simulazione “reale” di un colloquio di lavoro. Dall’esperienza sul campo e dai primi incontri svolti con gli studenti universitari – la prima tappa si è svolta presso l’Università Gabriele D’Annunzio di Chieti-Pescara – emergono chiaramente delle lacune che il programma promosso da Orienta intende colmare con l’obiettivo di preparare al colloquio nel miglior modo possibile migliaia di studenti.
Alcune cose da fare (e sapere). Prima di presentarsi ad un colloquio, importantissimo nonché essenziale è informarsi riguardo l’azienda per la quale si aspira. A fare la differenza può essere anche il portamento, piuttosto che il mostrarsi curiosi e pronti a mettersi in gioco. Parlare di se stessi va benissimo, come com’è normale essere nervosi, l’importante è riuscire a far emergere le proprie competenze, mettere in luce i propri punti di forza e mostrare di possedere le cosiddette soft skills, ossia quelle indispensabili doti umane che fanno la differenza Le soft skills o competenze trasversali, come lo spirito di sacrificio, la determinazione, il saper stare con gli altri, un giusto senso del dover e così via, sono valori decisivi per un’assunzione. È bene, inoltre, fare domande pertinenti, essere convincenti ma soprattutto, per prima cosa, essere se stessi.
Altre da non fare. Una delle cose peggiori che capita talvolta di riscontrare è vedere giovani candidati farsi accompagnare dai genitori, entrambi, oppure dalla fidanzata o dal fidanzato. Un’idea originale del colloquio di gruppo di tipo “familiare”, che prevede, non troppo di rado, la partecipazione attiva degli stessi genitori alle domande di rito. Alcuni atteggiamenti duranti il colloquio, poi, sono da censura. C’è chi si presenta con gli occhiali da sole, chi risponde ad un sms o ad una telefonata mentre sta interloquendo con il selezionatore, chi lo scambia per un amico o un’amica o uno di famiglia, e chi pensa di essere in discoteca o al bar. Evitare l’inadeguatezza nell’abbigliamento.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La metà dei pazienti colpiti da malattie croniche non assume i farmaci in modo corretto

Posted by fidest press agency su domenica, 10 marzo 2019

Bruxelles. Spesso infatti seguono le indicazioni del medico con discontinuità o abbandonano la cura dopo un breve periodo. Il problema diventa esponenziale negli anziani, toccando percentuali superiori al 70%. Con pesanti conseguenze, visto che in Europa la mancata aderenza alla terapia causa ogni anno quasi 200.000 morti, determinando significativi costi sociali. L’onere finanziario diretto sul sistema sanitario nel Vecchio Continente è compreso fra 80 e 125 miliardi di euro. Per sensibilizzare cittadini e Istituzioni sull’importanza dell’aderenza terapeutica, l’Associazione SIHA (Senior International Health Association) lancia il Manifesto Europeo per l’aderenza alla terapia, che contiene indicazioni per migliorare l’adesione alle cure, in particolare nel paziente anziano. Il documento è presentato oggi al Parlamento Europeo a Bruxelles con gli interventi del Presidente dell’Europarlamento, Antonio Tajani, e del Vicepresidente, Fabio Massimo Castaldo, e di diversi esponenti del Parlamento Europeo, la deputata Patrizia Toia (S&D), il deputato Aldo Patriciello (PPE) e il deputato Danilo Oscar Lancini (ENF). Il progetto coinvolge tutti i clinici che ogni giorno affrontano il problema, fra cui cardiologi, oncologi, medici di famiglia, reumatologi, pediatri, oculisti, dermatologi, pneumologi, urologi e psichiatri.
Le tendenze demografiche mostrano che l’Europa ha una popolazione largamente anziana, con 1 persona su 5 sopra i 65 anni. Per sostenere e promuovere la sempre crescente “economia d’argento”, il presidente della SIHA, Roberto Messina, ritiene “imperativo intervenire quanto prima. La risposta politica è stata lanciata per migliorare la qualità della vita e l’inclusione nella società della popolazione che invecchia. Con il lancio del Manifesto europeo, SIHA spera di migliorare la qualità della vita dei pazienti e di ridurre i costi sanitari. SIHA ritiene che l’Unione Europea debba garantire il coordinamento delle attività necessarie a innescare un processo virtuoso e concreto all’interno dei vari Stati membri dell’UE rispetto a tale tema. Per questo motivo, ha coinvolto i membri del Parlamento europeo invitandoli a sensibilizzare sul rispetto della terapia e a discutere sulle possibili strategie d’intervento”. Il Manifesto europeo invita i leader attuali, candidati e futuri del Parlamento europeo, della Commissione europea e del Consiglio europeo a garantire che l’aderenza alla terapia sia riconosciuta come un diritto per tutte le persone, specialmente quelle che vivono con malattie croniche. Il Manifesto auspica anche che possano aumentare gli investimenti nella ricerca scientifica legata a progetti centrati sul paziente, attraverso Horizon Europe e altri programmi di finanziamento. SIHA, organizzazione internazionale impegnata nella tutela della salute dei senior e non solo, mira anche all’istituzione di una Giornata Europea per l’aderenza alla terapia: un’opportunità annuale di sensibilizzazione, rivolta a tutti gli attori interessati.
L’iniziativa è sostenuta anche dal deputato Lancini: “Una Giornata Europea per l’aderenza alla terapia sarebbe un’occasione per elevare il profilo del discorso su questo tema. Pazienti, operatori sanitari e responsabili delle politiche hanno tutti il compito di garantire che le persone rimangano in salute più a lungo e comprendano le conseguenze della mancata aderenza”. (by {http://www.seniorinternationalhealthassociation.org/wp-content/uploads/2015/05/SIHA_Manifesto_Booklet_Online-version_without-sign_spread.pdf}.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Assunzioni docenti, si cambia: il ministro Bussetti torna ai concorsi tradendo l’Europa

Posted by fidest press agency su sabato, 1 dicembre 2018

Il Ministro dell’Istruzione Marco Bussetti sui concorsi non transige: presto, a seguito della revisione del reclutamento, diventeranno l’unico canale d’accesso all’insegnamento; il titolo richiesto sarà la laurea, in modo da avere in cattedra docenti giovani. I concorsi saranno banditi soltanto per le classi di concorso e nelle regioni in cui vi sia necessità. Inoltre, ricorda Orizzonte Scuola, i vincitori di concorso non potranno partecipare alla mobilità per cinque anni, assicurando la continuità didattica e superando il problema della cattedre che restano scoperte. È bene che si sappia, ribatte l’associazione sindacale Anief a tutela dell’esteso precariato della scuola pubblica italiana, che il modello prospettato da Bussetti non è proprio quello che ci chiede l’Europa. Perché, se è vero che nei ruoli dello Stato si entra a seguito di un pubblico concorso, è altrettanto vero che occorre saper contestualizzare le situazioni. E prevedere, necessariamente, dei periodi di transizione, prima di introdurre novità radicali. Anche perché in questo modo si tradirebbe il senso della direttiva UE n. 70/1999. “Trent’anni fa – ricorda Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal – si decideva a Lisbona di intraprendere la strada della formazione iniziale degli insegnanti. Successivamente abbiamo assistito all’assunzione di quasi tutti i sissini e i laureati in Scienze della formazione primaria prima del 2011 grazie all’inserimento nel doppio canale di reclutamento. Subito dopo, però, è arrivato l’insensato dietrofront del governo, che si è tradotto nell’incapacità della politica di voler stabilizzare i docenti abilitati e specializzati negli ultimi anni dalle università con il Tfa, il Pas, il sostegno, la laurea in Scienze della formazione primaria. L’ostinazione si è tradotta anche nell’opposizione a riconoscere abilitante il titolo del diploma magistrale o di adeguare gli organici di fatto a quelli di diritto ivi incluso sui posti in deroga di sostegno”. “Con la decisione di puntare tutto sui concorsi – commenta Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal – il Governo decide di fare un passo indietro anacronistico e persino dannoso rispetto all’alto numero dei precari, in assenza del ripristino del doppio canale di reclutamento. Vale la pena ricordare che ancora oggi un insegnante su otto è chiamato a far funzionare le scuole come supplente a fronte dei pochi posti banditi. Pertanto, il concorso e il blocco quinquennale non sono la soluzione, ma l’epilogo di scelte scellerate prese negli anni e avallate ora dal governo del non cambiamento”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Bussetti annuncia nuova selezione, formazione e assunzione docenti

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 luglio 2018

Presentando al Senato le linee programmatiche del nuovo corso del Miur, Marco Bussetti ha detto che verrà attuata una revisione, la quale dovrà “garantire il superamento delle criticità con il sistema formazione”. L’obiettivo, ha aggiunto il Ministro, sarà quello di costruire “nuovi strumenti per creare un legame tra docenti e territorio per evitare i trasferimenti”. Anief concorda sulla necessità di mettere mano ad un sistema che ha creato ancora più difficoltà di quello preesistente, ma a precise condizioni. Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Occorre una nuova legge sul reclutamento che assicuri la continuità didattica, attraverso un piano straordinario di assunzione del personale su tutti i posti in organico di diritto e di fatto, privi di titolare. Su questo, sarebbe molto utile approvare in tempi rapidi la riforma delle pensioni che, con “Quota 100”, porterebbero allo sblocco delle assunzioni, con 200mila immissioni in ruolo potenziali da attuare. Molto utile sarebbe anche ripristinare il tempo pieno e prolungato, con insegnamenti su modulo nella scuola primaria. E anche iniziare a cinque anni, con un anno ‘ponte’ infanzia-primaria, che garantirebbe un attento passaggio verso l’annualità scolastica più delicata e importante in chiave formativa. Bussetti ha fatto bene anche a ricordare il prezioso lavoro del personale Ata, inspiegabilmente dimenticato in tutti i tentativi di valorizzazione del personale – assunzioni, merito, bonus aggiornamento – introdotti con la Buona Scuola: mai come oggi bisogna riscrivere i profili degli assistenti amministrativi, dei tecnici e dei collaboratori scolastici, adeguando gli stipendi e assumendo il personale su tutti i posti vacanti e disponibili.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Legge di stabilità: Assunzioni maestri scuola d’infanzia, poche e sofferte

Posted by fidest press agency su domenica, 19 novembre 2017

ministero-pubblica-istruzioneSono gli unici insegnanti a non essere stati contemplati nel piano straordinario della riforma Renzi-Giannini e nemmeno nel “potenziamento” che ne è conseguito. Tanto è vero che oggi sono il raggruppamento di gran lunga più numeroso delle Graduatorie ad esaurimento. Ora, però, si potrebbe dare loro la possibilità di riscattarsi, attraverso l’ultima manovra del Governo Gentiloni. L’emendamento Pd prevede al massimo 2mila stabilizzazioni, peraltro pure in dubbio, ma ne servirebbero quindici volte di più. Le proposte Anief sono confluite nelle modifiche al ddl 2960, presentate da più raggruppamenti politici.
Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Non è possibile che quando si tratta di venire incontro alla stabilizzazione dei maestri che operano nei nostri asili si debba sempre arrivare ad un nulla di fatto. Non abbiamo mai smesso di credere nelle loro assunzioni e per questo abbiamo fatto pervenire alla Commissione Bilancio del Senato 40 emendamenti, alcuni dei quali specifici per risolvere l’annosa questione. Non vogliamo più sentire parlare di strada in salita, ma di assunzioni in gran numero e sicure: ne abbiamo sempre indicate 20mila per il potenziamento e almeno 8mila per il turn over degli ultimi anni. In caso contrario, se non se dovesse fare nulla, non ci vengano a dire che si fa un uso troppo disinvolto del giudice per dirimere i problemi: noi pure stavolta ce l’abbiamo messa tutta per centrare un’operazione sacrosanta tramite il legislatore. Chiediamo il blocco temporale delle supplenze brevi e che venga sciolta la riserva su inserimenti in graduatoria, a seguito del provvedimento amministrativo.

Posted in Diritti/Human rights, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Non lo assumono perché ha cambiato sesso

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 giugno 2017

regione piemonteTorino Il tema delle discriminazioni in ambito GLBTQI rimane una questione centrale all’interno dell’agenda politica e culturale del nostro Paese. A sottolinearlo è l’assessora regionale alle Pari Opportunità in seguito all’ennesimo caso avvenuto sul territorio piemontese.La vicenda, accaduta nel biellese, è quella di un uomo che si vede negata un’assunzione nel momento in cui i suoi nuovi datori di lavoro vengono a conoscenza dell’operazione che gli ha permesso di cambiare sesso, prima era una donna. L’assessora regionale alle Pari Opportunità ha messo in evidenza come storie di questo tipo indichino l’esigenza di rendere sempre più operativa la Legge regionale n. 5 del 23 marzo 2016 “Norme di attuazione del divieto di ogni forma di discriminazione e della parità di trattamento nelle materie di competenza regionale”. Attualmente la Regione Piemonte sta lavorando alla sua attuazione.
I fatti e l’attualità indicano come il lavoro svolto dall’amministrazione regionale sia necessario e urgente, ha dichiarato l’assessora regionale alle Pari Opportunità che però ha voluto sottolineare come sia necessario rispettare anche la decisione della vittima di discriminazione che in questo caso ha voluto cedere il passo all’oblio ritirando la denuncia. La legge regionale contro le discriminazioni sostiene però chi decide di ribellarsi a eventuali soprusi anche grazie al Fondo per il gratuito patrocinio a favore delle vittime. Il Piemonte è la prima Regione italiana a dotarsi di uno strumento del genere. La Regione ha stanziato 300mila euro e sta firmando le convenzioni con gli Ordini degli Avvocati che determineranno per ciascun Ente un elenco di professionisti abilitati ai quali le vittime potranno rivolgersi, per casi relativi anche al passato, purché successivo all’approvazione della legge.Inoltre sta ricostituendosi la Rete regionale dei Nodi antidiscriminazione ed è previsto un finanziamento di 150mila euro alle Province e alla Città metropolitana sedi di un nodo, come Biella. Nel caso specifico, infatti, ha affermato l’assessora regionale alle Pari Opportunità, l’impegno della Regione è di incentivare il lavoro in sinergia tra il nodo locale della rete, la consigliera di parità provinciale e gli avvocati che potranno sostenere le vittime di discriminazioni.

Posted in Uncategorized, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Hays Response: svelati i principali motivi per cui non si viene assunti

Posted by fidest press agency su venerdì, 27 gennaio 2017

imprenditoriÈ capitato a tutti, almeno una volta nella vita, di candidarsi per una posizione lavorativa, sostenere un colloquio, sentirsi la vittoria in tasca per poi essere scartati, senza capire davvero il perché. In aiuto di chi non riesce a comprendere come mai la propria candidatura non superi le maglie della selezione, arriva Hays Response, la divisione di Hays Professional Services dedicata ai profili più junior, che svela alcuni dei motivi per cui l’attenzione dei responsabili HR si concentra su altri e non su di noi.“Le cause che frenano l’assunzione di un candidato sono tra le più disparate – afferma Marco Oliveri di Hays Response -. Alcuni partono proprio con il piede sbagliato e vengono scartati per banalità e mancanza di attenzione: per esempio, arrivando in ritardo all’appuntamento, presentandosi senza essersi minimamente preparati sull’azienda o con un look non consono al tipo di ruolo per cui si stanno candidando. Altri, quando si trovano vis-à-vis con il recruiter, sbagliano completamente atteggiamento dimostrandosi o troppo remissivi o troppo arroganti. Attenzione infine all’incoerenza: ad un CV impeccabile deve corrispondere un candidato preparato e con una forte expertise. Meglio quindi non bluffare troppo ed evitare di far perdere tempo a chi si occupa della selezione”.Ecco, secondo gli esperti di Hays Response, l’elenco delle più comuni cause che portano ad un fallimento nel processo di selezione.
1. Puntualità – Arrivare puntuali è un “must”. Non ci sono scuse che tengano per un ritardo ad un colloquio di lavoro. Anche solo 10 minuti sono un pessimo biglietto da visita. Meglio quindi organizzarsi per tempo, controllare esattamente dov’è la sede in cui si dovrà sostenere il colloquio e consultare App e navigatori per capire quale sia il percorso più breve per arrivare con qualche minuto di anticipo.
2. L’abito non fa il monaco. Tuttavia… – È vero, non si giudica un libro dalla copertina e le apparenze non sono tutto. Ma spesso una delle motivazioni per cui un candidato viene scartato e perché si presenta con un look non in linea con la realtà aziendale con cui si deve rapportare o con il contesto. Non è necessario copiare l’ultimo taglio di capelli della fashion blogger del momento o indossare abiti da pop star. Un dress code neutro e sobrio – idealmente abito per uomini e tailleur per le donne – è perfetto per evitare di finire nella pila dei candidati che vengono scartati.
3. Sicuri di sé – Vanno evitati atteggiamenti remissivi, scialbi o poco incisivi: per chi ha anni di esperienza alle spalle nel mondo del recruiting, è facile intuire il livello di fiducia di un candidato semplicemente dalla sua stretta di mano. È una questione di “Personal Branding”, per cui il candidato deve saper esporre, in modo appropriato e sintetico, i progetti vincenti seguiti. Al colloquio, la proprietà di linguaggio è fondamentale per apparire sicuri e dimostrare di essere idonei per la posizione. Attenzione però a non sconfinare nell’antipatia o, peggio ancora, nell’arroganza. Va trovato il giusto mix tra sicurezza, calma e decisione. Una regola utile per accrescere il senso di sicurezza è quello di documentarsi, in modo da arrivare preparati al colloquio, individuando valori e dinamiche alla base dell’azienda.
4. Non esagerare – Sistemare il proprio CV rendendolo in linea con il tipo di posizione ricercata è un accorgimento utile per incrementare le possibilità di essere presi in considerazione. Attenzione però a non esagerare e a non millantare skill e capacità che in realtà non si possiedono: basteranno pochissime domande del selezionatore per essere smascherati e far perdere credibilità. Va quindi fatta un’attenta autoanalisi di quali siano i punti forza da valorizzare e quali le debolezze da minimizzare, sia nel cv sia in fase di colloquio. Attenzione quindi a non vantare conoscenze linguistiche che non si possiedono o skill con cui non si ha familiarità.
5. Motivazione al cambiamento – Uno degli aspetti più importanti, assolutamente da non sottovalutare e che talvolta si rivela cruciale nella scelta di un candidato anziché di un altro, è la motivazione al cambiamento. Che cosa spinge un professionista a cambiare lavoro? Si tratta solo di motivazioni economiche? Professionali? È bene evitare di cadere nei soliti stereotipi del tipo “voglio crescere professionalmente” e arrivare con un discorso un po’ più strutturato e ricco, capace di catturare l’attenzione del responsabile della selezione.
6. Disponibilità – Quando si viene contattati da un selezionatore, è importante cercare di essere flessibili. Per non essere etichettati come candidati “poco disponibili” o impossibili da incontrare, meglio evitare di rimandare l’appuntamento o di fare i difficili. Per fare un’ottima impressione, è caldamente consigliato presentarsi all’incontro negli orari e nei giorni proposti dal selezionatore. E se l’agenda è blindata e non ci si riesce a liberare, è bene proporre date alternative, mostrandosi proattivi.

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Top 200 business school al mondo

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 ottobre 2010

Londra. Il nuovo rapporto annuale di QS sulle 200 migliori business school al mondo é stato pubblicato su http://www.topmba.com e molte delle scuole di questa classifica parteciperanno al QS World MBA Tour di Milano il prossimo 21 Ottobre. Le QS Global 200 Top business schools sono state selezionate da  2,145 recruiter in un sondaggio che é il piú grande condotto sinora su scala globale. La selezione effettuata da queste societá e compagnie internazionali si basa sulla loro esperienza e preferenza per l’assunzione di staff che possieda una qualifica Mba. Ursula Schwarzmann, Staffing Manager di GE Energy Europe afferma  che la sua societá  assumerá per un totale di circa 1300 posizioni nel 2010. Lo scorso anno il 20% dei neo-assunti possedeva una qualifica Mba o un master. “In questo momento stiamo assumendo in tutta europa e in particolare in Francia, Germania, Inghilterra, Italia e Russia.” L’Mba é una qualifica a prova di recessione, con una media di compensi riportata dai recruiter europei di  87.500 US$.  Quest’anno le societá farmaceutiche hanno riportato la media piú alta tra  gli stipendi base per Mba, 92.264 US$, seguite dai servizi finanziari (90.926 US$), dale societá di consulenza (87.627 US$). Le societá tecnologiche hanno pagato una media di 85.815 US$ e la grande industria  82. 443 US$. Molte top Business schools riportano compens molto piú alti delle medie indicate qui sopra. Le seguenti business school sono presenti nella classifica  QS Global 200 Top Business Schools. La tabella in calce illustra la classifica dei programmi Mba  che hanno dichiarato la media piú alta di compensi ottenuti dai propri ex-studenti. E’ importante notare che questi dati non includono i bonus e altri incentivi che spesso vengono retribuiti a possesori di una qualifica Mba, specie negli Stati Uniti.

Posted in Estero/world news, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Obesità: nuovo studio dall’America

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 ottobre 2010

– Arriva dagli Stati Uniti d’America uno studio innovativo che può dare un contributo concreto a combattere la piaga dell’obesità. L’autorevole rivista specializzata nel campo della nutrizione “American Journal of Clinical Nutrition” ha pubblicato, nel numero di settembre, una ricerca che dimostra come una dieta ricca di latticini, un’adeguata assunzione di calcio e una corretta produzione di vitamina D da parte dell’organismo possano favorire la riduzione del peso corporeo.
Lo studio evidenzia che i pazienti obesi (con indice di massa corporea superiore a 30) che presentavano concentrazioni di vitamina D più elevate e calcio, dopo 6 mesi, indipendentemente dal tipo di dieta seguita e da altre possibili variabili interferenti, perdevano più peso. L’interessante tesi della rivista americana ha suggerito ai medici specialisti dell’Osservatorio Nutrizionale Grana Padano di verificare quanto calcio assumono effettivamente gli italiani, valutando la consistenza dell’introduzione di calcio e il BMI  (Body Mass Index, indice di massa corporea) in un campione di 6500 soggetti italiani, in diverse fasce d’età.
“Lo studio pubblicato dall’American Journal of Clinical Nutrition è assai innovativo – spiega la dottoressa Michela Barichella dell’Osservatorio nutrizionale Grana Padano e presidente dell’Associazione italiana di Dietetica (ADI) Lombardia – perché permette anche di sfatare il mito, molto diffuso soprattutto tra le donne, che suggerisce di abolire completamente i formaggi e ridurre i latticini nella speranza di perdere peso.  Va sottolineato, come premessa, che l’obesità è a tutti gli effetti una malattia e, come tale, va diagnosticata e trattata da specialisti. Ecco alcuni consigli per migliorare l’apporto di calcio e la salute delle ossa:
Praticare regolare attività fisica durante il periodo adolescenziale/giovanile, per favorire il massimo sviluppo minerale osseo.
Evitare le  diete  “fai-da- te”, la dieta è un atto medico e deve essere prescritta da specialisti
I formaggi, soprattutto quelli a pasta dura sono un’ottima fonte di calcio e pertanto dovrebbero essere sempre presenti, in quantitativi adeguati, anche nelle diete ipocaloriche
È possibile assimilare buone quantità di calcio assumendo latte, i suoi derivati (yogurt, formaggi)
Anche le verdure come i broccoli, i carciofi, la cicoria e il radicchio contengono calcio, si consiglia pertanto di assumere una porzione di verdura ad ogni pasto
Le acque minerali risultano una buona fonte di calcio biodisponibile, scegliere quelle ricche di calcio aiuta a soddisfare il fabbisogno giornaliero raccomandato
L’assorbimento di calcio può diminuire perché il calcio si lega alle fibre, ai fitati e agli ossalati presenti nell’intestino (gli ossalati sono contenuti negli asparagi, spinaci, nei piselli e nel tè, mentre i fitati sono contenuti nei cereali e nei legumi)
Attenzione alla caffeina, che può favorire l’eliminazione di calcio mediante i suoi effetti diuretici, bisogna moderare il consumo di caffé e di tutte le bevande che contengono caffeina
Una dieta troppo ricca di proteine può determinare un’eccessiva eliminazione di calcio attraverso la diuresi, occorre quindi preferire una dieta equilibrata, con un apporto di proteine controllato
L’alcol riduce l’attivazione della Vitamina D a livello del fegato, si consiglia di bere non più di un bicchiere di vino, preferibilmente rosso, ai pasti
Esporre quotidianamente viso, collo e braccia alla luce solare, non filtrata da vetri e filtri solari, almeno 10-15 minuti al giorno in estate, e 20-30 minuti in inverno

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La comunità: un nuovo stile educativo

Posted by fidest press agency su domenica, 12 settembre 2010

Nel quotidiano bailamme di intemperanze etiche, di utopie violente, ci sono, a fare da ponte verso una qualche salvezza, realtà  serie e credibili, che si mettono a mezzo a quel disagio sociale che miete vittime innocenti, mentre in seno al consorzio civile crescono persone sempre più fragili, giovani che non ce la fanno a prendersi in braccio e stringere i denti. Da molti anni c’è la Comunità Casa del Giovane a Pavia, una comunità di servizio e terapeutica per quanti sono in ginocchio a causa  dell’assunzione di sostanze stupefacenti, dell’alcol, per vere e proprie patologie psichiatriche derivate dal poliabuso. Svolgendo il mio servizio di accoglienza e accompagnamento in comunità  nei riguardi di chi è ultimo, azzoppato da una vita sopravissuta, mi rendo conto di quanto l’informazione sia soggetta a forme idiosincratiche, come a voler mantenere inalterati i meccanismi perversi che producono personalità disgregate o frantumate.  Chi come me passa molto tempo in una comunità a lavorare e ascoltare non ha difficoltà a imbattersi nell’inganno per cui: i giovani sono il problema, e così dicendo gli adulti si autoassolvono dall’aver conciato a questa maniera non soltanto gli adolescenti, ma la società e le regole che ne tutelano i diritti e i doveri. E’ un teatrino delle maschere e dei ruoli, dapprima usurati e poi usurpati, delle invettive che fanno audience, dei nuovi comportamenti di vita che passano sopra ai giovanissimi, incapaci di affrontare le ordinarietà di cui la vita necessita, le banalità derivanti dal rispetto delle regole. Quando parliamo di droga, di violenza, di devianza, parliamo di adolescenza rapinata, mai di una normalità da sbandierare con fatalità  impropria, non tanto per porre rimedio a un disagio divenuto sociale, piuttosto per giustificare l’uso e abuso di sostanze, gli atteggiamenti aggressivi che divengono violenti, creando allarme non di facciata. Bisognerebbe invitare la collettività a venire a trovarci in comunità, dove io svolgo il mio servizio, a partire dalla scuola, dalla famiglia, dalle istituzioni, ai conduttori di coscienze da formare. E’ un  invito che non ha a che fare con l’ufficialità della cerimonia, della ricorrenza legata a momenti  esponenziali di dolore per i tanti ragazzi feriti a causa  delle regole defenestrate di autorevolezza. Si tratta di un invito per prendere atto di come le lacerazioni tutto intorno assomigliano alle riproposizioni dei mali  a cui ci siamo incredibilmente abituati, vere e proprie diaspore,  disturbi della personalità così gravi da non esser più capaci di sanare. Sarebbe un viaggio di poche ore ad ascoltare, a incontrare, a comprendere come mai in questo momento di atomizzazione di etiche e di morali, questo spazio educativo rappresenti lo spaccato sociale più  autentico, residuo di un mondo adulto irresponsabilmente celato, che non riesce a frenare quelle brame di possesso e quelle fughe in avanti che rispediscono al mittente richieste di aiuto disperate e disperanti. Forse è davvero importante accettare un momento di incontro in comunità, dare voce alla possibilità di uno stile di vita equilibrato perché dignitoso, affinché possa diventare criterio da seguire per tentare di riconsegnare un’attenzione, un piacere, un interesse, e allontanare quei desideri dilanianti per non sentirsi uno zero, e la paura di ciò è tanta di questi tempi. (Vincenzo Andraous)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gelmini annuncia non assunzione per 200000 precari

Posted by fidest press agency su domenica, 5 settembre 2010

Nella conferenza stampa il Ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini ha dichiarato che la Scuola non riuscirà ad assorbire i duecentomila precari attuali, gelando così le speranze dei supplenti che nei giorni scorsi si sono resi protagonisti di manifestazioni a Roma, di fronte al Ministero e in tutta Italia presso le Prefetture. Aggiunge inoltre la Gelmini che questi esuberi sono causa delle scellerate politiche sull’assunzione ereditate dalle precedenti Gestioni, e non dal Governo in carica “Tutto ciò è inaccettabile – tuona Annalisa Martino Responsabile per la Scuola e l’Istruzione dell’Italia dei Diritti – i precari in lista d’attesa sono stati previsti perché ce n’è realmente necessità. Bisogna ricordare che non sono stati assunti per beneficenza in quanto sono vincitori di concorso pubblico oppure hanno frequentato l’ormai abolita SSISS”. Un invito viene lanciato dall’esponente del movimento presieduto da Antonello De Pierro a ponderare con attenzione il problema di un’informazione televisiva univoca che lancia i comunicati ministeriali come diktat senza garantire un onesto contradditorio con l’opposizione e le  categorie sociali interessate. Non esente da colpe, sarebbe, inoltre inteso, il comportamento latitante dei sindacati.“Il problema della non assunzione di precari comporta – aggiunge la Martino – una cattiva distribuzione del monte ore assegnato alle principali materie di studio, pur di non assumere un’unità docente in più, causando nella continuità didattica evidenti interruzioni.”“La scuola deve, nella sua missione sociale fondamentale, garantire il rispetto dei principi costituzionali di efficacia e meritocrazia, cosa che con l’attuale Esecutivo non abbiamo e non avremo”.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Droga test per le vie di Roma

Posted by fidest press agency su domenica, 8 agosto 2010

E’ iniziato il progetto sperimentale proposto dal coordinamento Politiche della sicurezza del Comune di Roma in collaborazione con la Polizia municipale, per il controllo su strada e il contrasto della guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti. Due le pattuglie, una a Ostia e una nel centro storico, che da mezzanotte alle sei del mattino hanno effettuato drogatest sui giovani fermati, con un sistema innovativo che permette di eseguire le analisi nell’immediato,  verificando attraverso un tampone salivale l’eventuale assunzione di sostanze stupefacenti. Il progetto sperimentale con i test antidroga proseguirà per tutto il mese di agosto, nelle notti di venerdì e sabato, in diverse zone di Roma.
«L’amministrazione guidata dal sindaco Alemanno – dichiara il delegato alla sicurezza Giorgio Ciardi – sul tema della sicurezza urbana e stradale sta dimostrando un impegno straordinario. Con questa iniziativa vogliamo ricreare le condizioni di una maggior sicurezza tanto per i ragazzi quanto per la comunità cittadina. La sperimentazione dei drogatest, al di là dei numeri, deve avere un effetto di deterrenza accompagnata alla sempre maggiore educazione nell’ambito del divertimento sicuro e consapevole. Alla fine di agosto saranno valutati i risultati del progetto, e se positivi sarà portato avanti e implementato».

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Fazio mette al bando le droghe furbe

Posted by fidest press agency su sabato, 10 aprile 2010

Dal 7 aprile è vietato importare, fabbricare e vendere anche online due prodotti: le miscele aromatizzanti e i profumatori ambientali noti come Spice’ e n-Joy. E’ quanto prevede un’ordinanza firmata dal ministro della Salute, Ferruccio Fazio, d’intesa con il Dipartimento politiche antidroga della Presidenza del Consiglio dei ministri. L’ordinanza, che prevede appunto il divieto di fabbricazione, importazione, immissione sul mercato e commercio (compresa la vendita online) dei due prodotti “e delle relative presentazioni commerciali”, nasce “da una segnalazione del Sistema nazionale di allerta precoce e risposta rapida per le droghe, coordinato dal Dipartimento politiche antidroga, che riferiva di alcuni casi di intossicazione acuta, specificamente attribuiti all’assunzione di tali prodotti”, spiega il ministero della Salute in una nota. “Analisi chimico-laboratoristiche ad hoc hanno rilevato la presenza in queste miscele di molecole di cannabinoidi sintetici, denominati JWH-018 e JWH-073, che, come confermato dall’Istituto superiore di sanità (Iss) sono pericolosi per la salute”. I sintomi documentati dai dati forniti dall’Iss e dal Dipartimento politiche antidroga vanno dai disturbi cardiocircolatori ai disturbi psichici, manifestatisi dopo l’assunzione delle sostanze attraverso il fumo. “Contestualmente all’ordinanza di divieto – conclude la nota – sono state avviate le procedure per l’immissione dei cannabinoidi sintetici in questione nella tabella delle sostanze stupefacenti, così come previsto dall’articolo 13 del Dpr 309 del 1990 e successive modificazioni e integrazioni”. (fonte farmacista33)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nel fortino delle illusioni

Posted by fidest press agency su domenica, 17 gennaio 2010

Tanti anni sono trascorsi dal mio arrivo nella Comunità  Casa del Giovane, ho conosciuto tanti ragazzi, nei sorrisi nascondevano il dolore delle assenze, delle rinunce, delle  illusioni già  morte, ragazzi e ragazze che pur nel silenzio della sofferenza mantengono una loro dignità, nonostante ciò che li colpisce a tradimento, gettandoli impreparati nella devastazione dell’assunzione delle sostanze, tutte le droghe, nessuna esclusa.Ragazze violentate, ragazzi perduti, giovani dentro una guerra che non è mai stata loro, né lo sarà mai, giovani inascoltati, mal accolti, persino da Dio troppe volte inteso così lontano e remoto, una storia che ci portiamo appresso come un peso quotidiano, adolescenti che drammaticamente stramazzano davanti a noi, eppure rimaniamo incollati alla nostra vocazione di cattivi maestri, di educatori presuntuosamente inventati, obbligandoli alle nostre spalle, senza possibilità di vedere il grande bluff.Pensiamo a questi ragazzi come plotoni allineati  in un perimetro tutto loro, non riusciamo neppure a impegnare tempo a sufficienza per comprendere la loro capacità di sentirsi parte di qualcosa, di qualcuno: più noi rimarremo alla finestra a guardare, più loro si sentiranno parte di una fortezza a loro misura, a tal punto da ritenersi l’unica guarnigione preparata affinché il “fortino delle illusioni “  non abbia a cadere in mani nemiche. Occorre parlare ai più giovani, con i loro mondi provocatoriamente chiusi in scatole cinesi, nei miti e nei simboli che tramandano desideri tribali, e uccidono le stesse emozioni, travisando il bisogno di non subordinare mai le passioni alle regole, truccando lo scontro culturale e intimo della trasgressione, per andare rovinosamente a sbattere nella “cultura” dei rischi più estremi. E’ sempre utile stare ad ascoltare quelli che guardano alla vita con occhi smarriti nel tentativo di viverla, e con quegli altri  che nella follia lucida tentano di dominarla, inconsapevoli di esserne diventati miseramente schiavi. C’è anche il rischio di insegnare dal pulpito, dalla cattedra, di dire agli altri quel che non siamo capaci di ascoltare di noi stessi, possiamo travestirci da duri o da vittime, passare sopra a qualche rimorso, trucidare le speranze e i sogni di quanti più deboli e indifesi, ma è un errore non pensare ai dazi da pagare dopo, perché dopo, i dazi si dovranno pagare fino all’ultima notte più buia, dove non ci saranno mani tese né pacche sulle spalle ad attenderci. Adolescenti indiani bianchi, riuniti in tribù, e sbrigativamente licenziamo una diversità che è importante, vite differenti, stili esistenziali diversi, ruoli sociali definiti e da declinare con qualche probabilità. Può significare un’evoluzione che porta a riconoscersi nell’altro, non nella somma banale altro-io (dato fisico), bensì come attrazione e amore per l’unità ontologica originaria umana, che è vita insieme, quel noi ( dato sostanziale ) non semplicemente interrelazione tra persone, ma percezione della similarietà umana, condivisione, accettazione, solidarietà. E’ necessario afferrare quel filo di Arianna che è la memoria, e ricordare le cadute per raccontare ciò che si è imparato, come ha saputo fare David Maria Turoldo:  guerra è appena il male in superficie, il grande male è prima, il grande male è l’amore per il nulla. (Vincenzo Andraous)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

A Roma morte due ragazze nella mattinata

Posted by fidest press agency su domenica, 6 settembre 2009

<< Erano due ragazze ventenni quelle che questa mattina sono morte, in un incidente nei pressi di Roma, sedute in  una macchina che andava a forte velocità e guidata da una persona ubriaca. Non possiamo più accettare che si muoia per alcol, la vita è un bene sacro, serve farlo capire ai giovani che nei fine settimana in modo imprudente, decidono di sballare al volante>>. Ad affermarlo è Carmelo Lentino, portavoce di BastaUnAttimo la campagna nazionale per la sicurezza stradale e contro le stragi del sabato sera promossa da AssoGiovani e Forum Nazionale dei Giovani in merito all’incidente avvenuto nella mattinata di oggi nei pressi di Roma dove due studentesse sono morte. << Ultimamente – spiega Lentino – sentiamo spesso minimizzare l’abuso di alcol quando invece rappresenta un problema grave che comporta, assieme all’assunzione di stupefacenti quasi il 50% degli incidenti stradali mortali. Purtroppo sono spesso i giovani ad essere bersagli di falsi modelli di vivere civile>>. << Oggi – conclude il portavoce di BastaUnAttimo – siamo davanti ad una tragedia, due ragazze non torneranno più dalla loro famiglia e tutto è stato provocato dalla velocità eccessiva di un’auto e dalle condizioni psico-fisiche del conducente. Come giovani continueremo imperterriti con interventi di sensibilizzazione nei locali, nelle discoteche e per strada. Serve però la collaborazione di tutti, delle associazioni di categoria e delle istituzioni, perchè stiamo parlando di un problema non di qualcuno ma di tutti>>

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Giornata di lotta per i precari

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 settembre 2009

Roma 3 settembre Piazza Cavour 25 – ore 9.30 Presidio presso Scuola Superiore della P.A. Locale; Presidio al Ministero della Pubblica istruzione – ore 10.30 con traslazione della “Beata Assunta” Riprende la mobilitazione dei precari del Pubblico Impiego per dire no ad un futuro a scadenza e chiedere la stabilizzazione con  il presidio dei precari della Scuola davanti al Ministero della Pubblica Istruzione e quello in Piazza Cavour attuato dai precari dell’Agenzia Autonoma per la Gestione dell’albo dei Segretari comunali e della Scuola Superiore di Pubblica Amministrazione Locale (AGES-SSPAL), in sciopero nazionale indetto dalla RdB-CUB. Il blocco della copertura del turn over con nuove assunzioni, stabilito di fatto dai provvedimenti economici approvati dal governo Berlusconi; i forti tagli degli organici e delle risorse per il servizio pubblico e, non ultime, le norme “ammazza-stabilizzazioni” del Ministro Brunetta approvate col decreto anti-crisi, fanno sì che i costi della crisi vengano pagati proprio dalle parti più deboli: i precari e, indirettamente, gli utenti del servizio pubblico.  Nella scuola i forti tagli e le controriforme del Ministro Gelmini stanno producendo il licenziamento di centinaia di migliaia di precari soprattutto al sud, che da giorni protestano in cima ai tetti. Stessi rischi e stesse rivendicazioni anche per gli oltre 40 precari dell’AGES-SSPAL, che il 3 settembre saranno in sciopero nazionale. L’Agenzia Autonoma per la Gestione dell’albo dei Segretari comunali e la Scuola Superiore di Pubblica Amministrazione locale sono due importanti enti per la promozione della buona amministrazione, che da oltre otto anni si avvalgono dei precari per svolgere le loro funzioni, senza nessun passo concreto per la stabilizzazione di un personale in possesso di tutti i requisiti di legge per l’assunzione a tempo indeterminato. Le due iniziative romane saranno legate dall’ideale filo rosso rappresentato dalla Beata Assunta, la cui statua verrà traslata dal presidio di piazza Cavour a quello di Viale Trastevere, per accogliere e moltiplicare l’appello delle precarie della Scuola di Benevento: “Tutti su pei tetti!”.

Posted in Roma/about Rome, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

1 milione di euro di incentivi per le PMI baresi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 29 luglio 2009

Sono stati pubblicati questa mattina all’Albo camerale e sul sito internet della Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Bari, http://www.ba.camcom.it, i bandi per favorire l’occupazione e la qualificazione professionale nelle imprese iscritte nel Registro delle imprese della CCIAA di Bari. 1 milione di euro la somma  complessivamente messa a disposizione da parte dell’ente barese. Due le tipologie di incentivi per complessivi 500mila euro ciascuno. Il primo si rivolge alle imprese che assumono giovani con contratto di apprendistato professionalizzante, così come previsto dal D. Lgs. n. 276/2003 e dalla L.R. n. 13/2005 e successive modifiche.  al fine di favorire l’assunzione di giovani apprendisti di età compresa fra i 18 ed i 29 anni, attraverso la formazione sul lavoro volta all’accrescimento delle capacità tecniche al fine di farli divenire lavoratori qualificati. Ciascuna azienda potrà beneficiare di un contributo di 4mila euro, a titolo di compartecipazione per i costi sostenuti per l’assunzione per un periodo pari ad almeno 12 mesi continuativi. Il secondo è finalizzato invece a favorire le imprese per l’occupazione e l’inserimento di soggetti di età compresa tra 30 e 50 anni, che:- non abbiano ancora ottenuto il primo impiego regolarmente retribuito; – siano disoccupati di lungo periodo, ossia persone senza lavoro per 12 dei 16 mesi precedenti; – abbiano perso il posto di lavoro a seguito di licenziamento nei 12 mesi precedenti. La misura massima del singolo contributo è fissata in 4mila euro (per contratti full time) ed 2mila euro (contratti part time per almeno 20 ore di lavoro settimanali), a titolo di compartecipazione per i costi sostenuti per l’assunzione di tali soggetti per un periodo non inferiore a 12 mesi continuativi. È ammessa la presentazione di una sola richiesta di contributo da parte della medesima impresa. I bandi sono consultabili all’Albo camerale e sul sito internet della Camera di Commercio di Bari http://www.ba.camcom.it. Copia degli stessi e delle modulistica per la richiesta del contributo può essere, inoltre, ritirata presso l’Ufficio Affari Generali dell’Ente camerale – C.so Cavour 2, Bari – dal lunedì al venerdì dalle ore 9.30 alle ore 12.30 o presso la portineria dell’ente. La richiesta dell’incentivo va inviata a mezzo di raccomandata a.r. alla Camera di Commercio, Industria Artigianato e Agricoltura di Bari, Corso Cavour n. 2, 70121 Bari, dal giorno 27 luglio 2009 al giorno 21 settembre 2009. Le domande di contributo saranno ammesse seguendo l’ordine cronologico (data e ora) di spedizione  fino ad esaurimento della somma stanziata.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tumori prostatici: no all’integrazione del selenio

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 luglio 2009

Nei pazienti con tumore prostatico l’assunzione di selenio potrebbe essere controindicata. Gli integratori di selenio sono stati finora venduti e promossi come mezzo di prevenzione per questi tumori, la un ampio studio recente ha già dimostrato che la loro assunzione non modifica minimamente l’incidenza di questi tumori, ed è stato ora suggerito che il selenio possa essere dannoso nei pazienti già affetti: elevati livelli ematici di selenio infatti sono associati ad un netto aumento di fenotipo aggressivo della malattia. Il rischio risulta particolarmente elevato per gli uomini portatori di una variante del gene codificante l’enzima SOD2. Fino alla disponibilità di ulteriori dati che consentano di individuare i pazienti in cui l’assunzione di selenio è sicura al di là di ogni ragionevole dubbio, è consigliabile che i pazienti con tumore prostatico evitino gli integratori contenenti selenio. (J Clin Oncol online 2009, pubblicato il 15/6)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Body-guard di Berlusconi: pagati dallo stato?

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 giugno 2009

Gli interrogativi di Massimo Donati parlamentare dell’Idv: “E’ vero che i 24 uomini della scorta del presidente del Consiglio, da gennaio in carico all’Aisi e prima al Cesis, sono ex body-guard Fininvest? E’ vero che sono equiparati, sia dal punto di vista retributivo che normativo, ai funzionari dei nostri servizi segreti che, come prassi consolidata, sono selezionati tra le forze dell’ordine? E’ vero che, per garantire l’assunzione ai suoi personal body guard il presidente del Consiglio si è inventato, esclusivamente per loro, una competenza per i Servizi, ovvero l’assunzione per chiamata diretta?..”.

Posted in Confronti/Your opinions, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »