Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Posts Tagged ‘astronomia’

Festival calabrese dell’astronomia: Usque ad sidera

Posted by fidest press agency su sabato, 17 agosto 2019

Locri Domenica 18 agosto 2019, alle ore 21.00, a Locri (Reggio Calabria), nel suggestivo scenario del Tempio di Marasà, si terrà, nell’ambito del Festival calabrese dell’astronomia, Usque ad sidera. L’iniziativa, indetta dai Musei e parco archeologico nazionale di Locri e dall’ArcheoClub di Locri, vedrà coinvolto il Planetario Provinciale Pythagoras Società Astronomica Italiana – Sez. Calabria diretto dalla prof.ssa Angela Misiano, istituto che cura attività formative in materia di astronomia per i ragazzi e che è stato individuato dal Comitato Olimpico Nazionale quale decimo polo interregionale per lo svolgimento delle Olimpiadi Nazionali di Astronomia. Il Planetario in questa occasione sarà rappresentato dagli esperti Marco Romeo e Nicola Sgambelluri che accompagneranno i visitatori ad una Osservazione astronomica con i telescopi resa ancora più accattivante dal trovarsi tra i resti della colonia magno-greca di Locri ricordando al pubblico l’importanza che per i Greci ebbe la scienza astronomica. Interverranno, inoltre, all’atteso incontro, Rossella Agostino, Nicola Monteleone e Tiziana Romeo.
I Musei e parco archeologico nazionale di Locri, diretti dalla dottoressa Rossella Agostino, afferiscono al Polo museale della Calabria, guidato dalla dottoressa Antonella Cucciniello.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Esperimento scientifico in Piazza S. Marco

Posted by fidest press agency su martedì, 21 giugno 2011

Venezia campo San Geremia 21 giugno, alle ore 11.30 presso la sede Rai di Palazzo Labia il direttore di RAI 3 Giovanni De Luca, l’assessore comunale alla Pianificazione Strategica Pier Francesco Ghetti, il gruppo “Vortici e Frequenze”, gli scienziati Fabrizio Tamburini del Dipartimento di Astronomia dell’Università di Padova e Bo Thidè dello Swedish Institute of Space Physics e Visiting Professor CARIPARO della Scuola Galileiana di Studi Superiori, avranno il piacere di illustrare ai Media l’evento internazionale “Onde sulle Onde – Il Momento Angolare Orbitale della Luce – il Momento di una storia del mondo”, che si terrà in Piazza San Marco, alle ore 21 venerdì 24 giugno 2011

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Pianeti di altri sistemi solari”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 22 settembre 2010

Roma 5 ottobre 2010, alle ore 18.00 presso la Biblioteca del Centro di Studi dell’Accademia Polacca delle Scienze, vicolo Doria, 2 (Piazza Venezia) Andrzej T. Niedzielski, astronomo terrà una conferenza sull’astronomia. Ha conseguito il dottorato di ricerca nel 1992. Si è abilitato nel 2005. Dal 2010 professore all’Università Nicolò Copernico di Torun. Dirige la cattedra di Astronomia e Astrofisica del Centro di Astronomia della stessa Università. E’ autore di numerose pubblicazioni. Dalla fine degli anni ’80 ha lavorato come visiting researcher nei più prestigiosi istituti di ricerca in Europa e negli Stati Uniti. In Italia ha lavorato all’Università di Padova e nell’osservatorio astronomico di Asiago. Dal 2003 ha soggiornato varie volte all’Università di Pennsylvania negli Stati Uniti, collaborando con uno dei più eminenti astronomi di questi tempi, il Professor Aleksander Wolszczan e con il professor L. Ramsey. Partecipa alla ricerca dei pianeti in altri sistemi solari per mezzo di uno dei più grandi telescopi del mondo Hobby-Eberly in Texas (dal diametro di 10 metri). Il frutto di questa collaborazione è la scoperta di qualche pianeta vicino alle stelle apparse molto tempo prima del Sole, i cosiddetti “giganti rossi” (red giants).
Quando Nicolò Copernico ha messo nel centro dell’Universo il Sole e ha fatto girare i pianeti intorno ad esso, non era cosciente di aver scoperto il primo sistema planetario. Osservando nel corso dei secoli le stelle nella nostra e nelle altre galattiche, gli astronomi si aspettavano che almeno alcune di loro sono accompagnate dai pianeti. Purtroppo, le possibilità tecniche non permettevano di osservarle. Solo nel 1992, il professore Wolszczan ha annunciato la scoperta del primo sistema planetario intorno ad un’altra stella, pulsar PSR 1257+12. Le seguenti scoperte dei pianeti intorno alle stelle simili al Sole, prima da Mayor e Queloza nel 1995 (51 Pegasi), di seguito anche da altri astronomi, hanno dimostrato che i pianeti fuori al nostro sistema Solare esistono veramente. Oggi conosciamo già alcune centinaia di pianeti intorno ad altre stelle, tra cui una decina di sistemi multi planetari simili al nostro. Abbiamo assistito recentemente ad una rivoluzione non soltanto in astronomia ma anche nella percezione dell’Universo dall’uomo comune.
La conferenza sarà tenuta in lingua polacca e sarà tradotta in italiano, accompagnata dalla presentazione multimediale.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Spaziale! Astronomia in mostra

Posted by fidest press agency su domenica, 31 gennaio 2010

Trento fino al 30/6/2010 via Calepina 14, Museo Tridentino di Scienze Naturali a cura di Christian Lavarian  Un viaggio coinvolgente lungo l’evoluzione dell’astronomia, dai suoi esordi fino al futuro. Un viaggio da protagonisti e non da spettatori. Imparando, divertendosi. Che e’ poi un viaggio, non meno affascinante, nella rappresentazione che della natura si e’ andata creando l’umanità. Non tralasciando i viaggi che nell’immensità siderale si possono compiere, e si sono sempre compiuti, con le ali dell’immaginazione. In Spaziale! il filo rosso narrativo sarà costituito dalla rappresentazione della natura che l’umanità si e’ data nel corso dei secoli, riferita in particolar modo agli spazi siderali: la luce, le distanze, le masse e i moti dei corpi celesti che sono poi i nuclei fondanti dell’astronomia, cosi’ come gli strumenti scientifici a disposizione degli astronomi per conoscere l’Universo. L’esposizione si articola su cinque sezioni, introdotte ciascuna da un “testimonial” d’eccezione: Aristotele, Isaac Newton, Edwin Hubble, Joceyn Bell sino al potente Kwaij, Cavaliere Jedi dell’universo di Guerre Stellari. Il personaggio di Artistotele introdurrà alla prima sezione, dedicata al pensiero antico dalle origini al Medioevo, attraversato dalle scoperte di greci e arabi: il rapporto antichissimo tra uomo e cielo, le prime testimonianze storiche di misure astronomiche, il sistema tolemaico e la filosofia di Aristotele, appunto. Sarà quindi la volta dei grandi scienziati del passato, moderni nel loro pensiero critico: Copernico e Keplero, Cartesio, Galileo e Newton (testimonial della sezione) e della nascita del metodo scientifico.  All’interno della mostra si potrà diventare piloti di una sonda spaziale, manovrarla nello spazio, o passare vicino ad un buco nero, venendone spaventosamente inghiottiti. O ancora guardare la nostra immagine riflessa su di uno specchio lunare cosi’ come ascoltare la nostra voce giungere in ritardo da mondi lontanissimi: potremo anche compiere dei prodigiosi salti sul muro della gravità, come se fossimo sulla Luna o su Marte. Con Galileo riproporre l’esperimento sulla caduta dei gravi, o entrare nel territorio dell’astrologia, potendo creare il proprio personalissimo oroscopo e scoprendo se c’e’ qualcosa di vero. Si andrà poi alla scoperta di tutti i segreti dei telescopi osservando cio’ che questi potenti occhi artificiali ci mostrano, fino ai confini dell’Universo dove giungeremo a bordo di fantascientifiche astronavi. Tutto per imparare, scoprire, approfondire. Divertendosi!  “Spaziale!. Astronomia in mostra” e’ una esposizione-progetto ideata da Michele Lanzingher, Direttore del Museo Tridentino di Scienze Naturali e da Stefano Oss, del Dipartimento di Fisica dell’Università di Trento, a cura di Christian Lavarian del MTSN; con la collaborazione dell’Università di Trento – Dipartimento di Fisica, Laboratorio di Comunicazione delle Scienze Fisiche. (spaziale)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Galileo, Venezia e la Luna

Posted by fidest press agency su lunedì, 28 settembre 2009

galileoVenezia fino al 18/10/2009 Isola di San Servolo, Mostra iconografica storico-scientifica itinerante-Galileo, Venezia e la Luna- resterà allestita nella Manica Lunga dell’Isola di Servolo fino al 18 ottobre per passare poi a Palazzo Zorzi, sede dell’Ufficio UNESCO di Venezia, dal 19 ottobre al 16 novembre, e raggiungere quindi Asiago dove, da dicembre a gennaio, sarà ospitata in una delle sedi espositive del Capoluogo dei Sette Comuni dell’Altopiano. E’  una mostra del tutto particolare. Particolare per il taglio che la curatrice, la storica dell’astronomia Luisa Pigatto, le ha voluto dare, particolare perche’ si pone come uno dei momenti di punta di una delle assise mondiali piu’ importanti di questo Anno Internazionale dell’Astronomia, singolare infine perche’ percorre, fisicamente, un itinerario che dall’Adriatico di Venezia sale idealmente a Cima Ekar sull’Altopiano di Asiago, ovvero dalle osservazioni galileiane della Luna ad uno dei piu’ grandi telescopi italiani della moderna ricerca astronomica.  Il rapporto tra Galileo e Venezia fu breve ma molto intenso. Ai primi di settembre del 1592 Galileo arrivo’ nella -maravigliosa città di Venezia-, – cosi’ egli la defini’ nei suoi scritti – per farsi conoscere dal patriziato veneziano come aspirante alla cattedra ad Mathematicam dell’Università di Padova vacante dal 1588.  Per l’occasione fu ospite del Residente toscano a Venezia, Giovanni Uguccioni, a Ca’ Gradenigo in Santa Giustina. In questo soggiorno di una ventina di giorni, Galileo ebbe l’opportunità di frequentare il celebre ridotto di Andrea Morosini a ca’ Morosini – l’attuale Palazzo Cavalli sul Canal Grande – e qui ebbe modo di conoscere, tra molti altri, il frate servita Paolo Sarpi col quale intreccio’ una proficua amicizia umana e intellettuale. A Venezia Galileo fu assiduo frequentatore dell’Arsenale da lui celebrato molti anni dopo nell’incipit della sua prestigiosa opera scientifica – Discorsi e dimostrazioni matematiche intorno a due nuove scienze – come luogo dove ebbe modo di imparare la lezione mai dimenticata della -sensata esperienza e certa dimostrazione-. Fu a Venezia che Sarpi lo incito’ a costruire il cannocchiale, e fu a fra’ Paolo e alla sua cerchia di amici, all’interno del convento dei frati Serviti, che Galileo si affretto’ a mostrarne i risultati, comprese le successive e straordinarie scoperte celesti. (galileo)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il riconoscimento della libertà religiosa

Posted by fidest press agency su mercoledì, 26 agosto 2009

Se scorriamo le pubblicazioni che fanno il punto sulla libertà religiosa nel mondo ci accorgiamo che anche taluni paesi ritenuti a ragione appartenenti alla sfera della democrazia compiuta rivelano pecche di non poco conto su questo tema. E’ forse il frutto di una laicità intesa in modo maldestro? E’ forse il timore, mai riposto, che non possono esistere una matematica o un’astronomia cristiana? Queste scienze e tante altre, si fa osservare, hanno raggiunto la loro maturità epistemologica proprio quando sono state “neutralizzate”, quando cioè si sono riconosciute come “laiche”, ed hanno accettato come presupposto il ragionare “fuor dall’ipotesi di Dio”. In altri ambiti, però, la neutralizzazione del sapere e di conseguenza l’utilizzazione di un simile concetto di laicità fa sorgere grossi problemi. E’ il caso del riconoscimento della libertà religiosa, inteso non come mero fatto, ma come valore, nell’esperienza etica, o, se si preferisce, come diritto umano fondamentale, nell’esperienza giuridica. Proprio perché l’idea di Dio non può e non deve trovare alcun posto nelle sue categorie mentali, un laico sarà portato a vedere la religione come un fenomeno culturale, più o meno rilevante storicamente, ma comunque privo di qualsiasi referente sul piano della verità. L’atteggiamento del laico verso la religione, insomma, è un atteggiamento analogo al paternalismo che un bravo europeo dell’Ottocento riteneva corretto avere nei confronti dell’africano o dell’orientale che si dedicassero con entusiastica ingenuità all’adorazione dei propri idoli: un atteggiamento di curiosità, a volte di comprensione anche simpatetica, nei confronti di una pratica sociale che però, in sé per sé, non era possibile che venisse presa sul serio. Chi voglia ripercorrere la storia della rivoluzione francese, troverà la migliore esemplificazione di come la proclamazione di tutta una serie di diritti potesse essere svuotata, dall’interno nei limiti in cui i giacobini non li prendevano realmente sul serio.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il riconoscimento della libertà religiosa

Posted by fidest press agency su martedì, 25 agosto 2009

Se scorriamo le pubblicazioni che fanno il punto sulla libertà religiosa nel mondo ci accorgiamo che anche taluni paesi ritenuti a ragione appartenenti alla sfera della democrazia compiuta rivelano pecche di non poco conto su questo tema. E’ forse il frutto di una laicità intesa in modo maldestro? E’ forse il timore, mai riposto, che non possono esistere una matematica o un’astronomia cristiana? Queste scienze e tante altre, si fa osservare, hanno raggiunto la loro maturità epistemologica proprio quando sono state “neutralizzate”, quando cioè si sono riconosciute come “laiche”, ed hanno accettato come presupposto il ragionare “fuor dall’ipotesi di Dio”. In altri ambiti, però, la neutralizzazione del sapere e di conseguenza l’utilizzazione di un simile concetto di laicità fa sorgere grossi problemi. E’ il caso del riconoscimento della libertà religiosa, inteso non come mero fatto, ma come valore, nell’esperienza etica, o, se si preferisce, come diritto umano fondamentale, nell’esperienza giuridica. Proprio perché l’idea di Dio non può e non deve trovare alcun posto nelle sue categorie mentali, un laico sarà portato a vedere la religione come un fenomeno culturale, più o meno rilevante storicamente, ma comunque privo di qualsiasi referente sul piano della verità. L’atteggiamento del laico verso la religione, insomma, è un atteggiamento analogo al paternalismo che un bravo europeo dell’Ottocento riteneva corretto avere nei confronti dell’africano o dell’orientale che si dedicassero con entusiastica ingenuità all’adorazione dei propri idoli: un atteggiamento di curiosità, a volte di comprensione anche simpatetica, nei confronti di una pratica sociale che però, in sé per sé, non era possibile che venisse presa sul serio. Chi voglia ripercorrere la storia della rivoluzione francese, troverà la migliore esemplificazione di come la proclamazione di tutta una serie di diritti potesse essere svuotata, dall’interno nei limiti in cui i giacobini non li prendevano realmente sul serio.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Educare la scienza in un contesto umanistico

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 Maggio 2009

Roma, 16 maggio 2009, alle ore 18.30, presso il centro convegni “Bonus Pastor” (Via Aurelia, 208, Roma), il Prof. Giorgio Israel, Ordinario di Strutture algebriche presso l’Università di Roma “La Sapienza”, terrà una con conferenza pubblica dal titolo “Educare alla scienza in un contesto umanistico”. Lo studioso, autore attento alla storia e alla sociologia della scienza nel nostro Paese, è stato recentemente ospite del Forum del Progetto Culturale della Conferenza Episcopale Italiana (CEI). La conferenza si svolgerà nell’ambito del II° Workshop, “Questioni interdisciplinari sulla natura e sulla vita. Riflessioni intorno all’Anno Internazionale dell’Astronomia e al II° Centenario darwiniano”, promosso dal DISF Working Group, un programma di formazione interdisciplinare finalizzato ad accrescere la cultura umanistica, filosofica e teologica, di giovani laureati che operano in particolare nel settore della ricerca scientifica.
Il DISF Working Group, attività sorta nel 2005 ed ora sostenuta dal Progetto STOQ III (Science, Theology and the Ontological Quest) della Facoltà di Filosofia della Pontificia Università della Santa Croce, opera in stretta sinergia con il Portale internet di Documentazione Interdisciplinare di Scienza e Fede (www.disf.org),  diretto dal rev. prof. Giuseppe Tanzella-Nitti, già curatore – con  Alberto Strumia – del Dizionario Interdisciplinare di Scienza e Fede (Città Nuova e Urbaniana University Press, Roma 2002).

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Le stelle olimpiche approdano al Tan

Posted by fidest press agency su sabato, 25 aprile 2009

tanPresso l’auditorium dell’Accademia Navale si è tenuta  una interessantissima  conferenza associata all’anno internazionale dell’astronomia per i giovani studenti toscani, alla quale hanno partecipato il  Vicepresidente della Provincia Lucia Bandini, l’Ammiraglio Comandante R. Caruso ed altre autorità civili e militari. A seguire, il raduno internazionale della classe 420 al Circolo Velico Antignano. Contemporaneamente sono riprese le regate per le classi  IRC-ORC,  per le 62 imbarcazioni in competizione, che hanno visto primeggiare nella classe IRC 1-2 White Goose, IRC 2-3 Meria Two, per le classi ORC 1-2 Despeinada, ORC 3-4 Low Noise. Alle 10.30  nel suggestivo Museo di Storia Naturale del Mediterraneo la Vicepresidente della Provincia  livornese ha tagliato il nastro  inaugurale della  Mostra Pittori di Marina. Sono stati esposti affascinanti quadri eseguiti con diverse tecniche artistiche  applicate alla raffigurazione di soggetti marinareschi, ed anche un’altra mostre presente al museo ha preso vita con una affluenza da record “Leonardo ed il volo” con ricostruzioni fisiche e digitali di strumenti straordinari elaborati nel “Codice del volo”. Alle ore 17.30 presso il  Luogo Incontri del Villaggio Tuttovela si è tenuta la conferenza stampa “progetto Stelle Olimpiche”, un  team tutto al femminile, composto da campionesse olimpiche di vari sport. Protagoniste al TAN, di  una  sfida sportiva   sull’imbarcazione ARYA 415, e sociale che le vede impegnate a fianco dell’ UNICEF a favore dei bambini del Terzo Mondo, vendendo cartoline autografate,  i cui proventi verranno devoluti in beneficenza. ALLE 18.30, alla presenza dell’artista Federica Berner , autrice di alcuni dipinti esposti si  è svolta la conferenza stampa  della mostra  “Vele e Mare” prossimamente ai Navicelli, curata ed esposta con affascinanti immagini dall’Arch. Paola Barzanò. A chiudere l’intensa giornata sarà l’attesissimo spettacolo “Jazz in mare”, alla sua seconda edizione, nato proprio al 25°TAN. Oggi si prospettano ancora nuove e imperdibili  occasioni  sportive e culturali da vivere in mare con le classi Dinghy e Open Bic, 420 e a terra con  i “Live characters” della Warner Bros.  TAN to be continued… (foto tan)

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »