Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 312

Posts Tagged ‘audit’

Ra Medical Systems Announces Substantial Completion of Audit Committee Investigation

Posted by fidest press agency su lunedì, 4 novembre 2019

Ra Medical Systems, Inc. (NYSE: RMED), a medical device company focusing on commercializing excimer laser systems to treat vascular and dermatological diseases, today announced that the Audit Committee of the Board of Directors (the “Audit Committee”) has substantially completed its internal investigation, which was originally announced in August. The Audit Committee, assisted by independent legal counsel, Morrison & Foerster LLP, conducted a thorough investigation of allegations raised by an employee, as well as additional matters discovered during the course of the investigation.
The Audit Committee, in reviewing the allegations, identified certain behavior inconsistent with the Company’s Code of Ethics and Conduct and related policies involving certain current and former executive officers and employees of the Company. With respect to current Company executives and employees, the Audit Committee referred these matters to the Board or the Company for appropriate action and discipline.The Audit Committee made a number of recommendations which the Board of Directors has adopted, including: separation of certain employees, implementing additional and enhanced policies and training, strengthening the Company’s quality regulatory systems, and adopting certain enhanced controls related to the matters investigated.In addition, the Company has continued to take steps in an effort to improve the performance and reliability of the Company’s DABRA laser system, including hiring a VP, Quality, Regulatory and Clinical, conducting extensive internal and external audits of its quality systems, clinical trial data and manufacturing process, as well as initiating the previously announced voluntary recall of DABRA catheters.Based on the results of the investigation, the Company is in the process of evaluating the impact of the results of the investigation on its previously issued or announced financial statements, and its internal controls over financial reporting and compliance procedures.As previously disclosed, due to the Audit Committee investigation the Company has not filed its Quarterly Report on Form 10-Q for the quarter ended June 30, 2019 (the “Form 10- Q”) with the SEC. The Company is working diligently to evaluate the Audit Committee investigation findings, including the assessment of the impact on the Company’s financial statements, if any, and its internal controls over financial reporting. After the conclusion of the Audit Committee investigation and the Company’s evaluation, the Company will file its Form 10-Q as soon as practicable thereafter.The Company notes that its physician customers continue to use the DABRA laser system with success, and the Company believes that the previously announced change in shelf life will significantly reduce the number of catheters that fail to calibrate and thereby improve customer satisfaction with the product. The Company is focusing its efforts on improving the manufacturing process, with the goals of improving product consistency and extending the shelf life.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

2nd Annual Medicare Advantage Compliance and Audit Readiness Forum

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 settembre 2019

The Oct. 28-30 conference will be held at the Embassy Suites Hotel by Hilton in Fort Lauderdale. Sponsored by Insight Network Exchange, the conference provides a series of roundtables, panel discussions and educational sessions all designed to provide participants the information and road-tested tips they need to assure that their health plan remains compliant and audit ready. At the conference, Cleveland will facilitate a roundtable discussion on universe management. “CMS requires health plans to provide a lot of data from various departments during audits, and plans often struggle with interpreting what CMS is looking for and how to capture it for reporting,” said Cleveland. “Universes are the file layouts as to how this data needs to be provided to CMS. The session I am facilitating will help attendees better understand this important topic and provide suggestions on how to best provide CMS with what they are looking for.” Cleveland brings to her facilitator role extensive experience in implementing effective Medicare Advantage compliance programs and multilayered awareness of CMS policies and regulations. At Beacon, Cleveland oversees the company’s Virtual Compliance Manager (VCM), the only solution in the industry to provide a state-of-the-art compliance, analytics, monitoring, and regulatory guidance-tracking and routing capabilities. With separate modules for guidance, audit workflow and automated monitoring, VCM is the only solution to provide real-time auditing and monitoring of transactional data that allows a health plan the opportunity to correct and address issues immediately.
Beacon Healthcare Systems is home to the healthcare industry’s leading compliance and risk management technologies, providing health plans of all sizes and sponsorships with customizable and scalable SaaS (Service as a Software) solutions that ensure accountability, accuracy and operational efficiency. With a focus on appeals, grievances, compliance and analytics, Beacon HCS is the first place health plans turn to when they are looking for a trusted, experienced partner who can help them reduce costs, grow revenue and achieve their strategic goals. Founded in 2011, Beacon HCS is a privately held California-based company with a technology center located in Austin, Texas. beaconhcs.com.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Audit Talks – LIVE” virtual conference

Posted by fidest press agency su domenica, 18 agosto 2019

Experts from the Tax & Accounting division of Wolters Kluwer were joined by speakers from the American Institute of Certified Public Accountants (AICPA) and CPA practitioners from several firms to offer candid insights and share best-practices to help firms better navigate the rapidly changing audit landscape and successfully transform their practices to better serve clients today and in the future. For anyone who missed the virtual conference, the session presentations and recordings are now available for download free of charge on the “Audit Talks – LIVE” webpage.“Adapting to change while working to transform your audit workflow is a challenge all firms are facing. Building an effective plan to meet that challenge is the first step,” said Cathy Rowe, CPA, CA and Director of Accounting and Audit Product Management at Wolters Kluwer Tax & Accounting North America. “We created this virtual event as a platform where auditors looking for guidance and help could listen to experts and peers in their profession talk about how technology has helped transform their practice and how to best navigate the rapidly evolving audit landscape to ensure profitable growth.” With more than a 160 online attendees representing over a hundred firms, “Audit Talks – LIVE” provided participants with a flexible virtual platform offering 15 different sessions, each lasting no more than 30 minutes and several offered on both days to offer flexibility and help accommodate schedules. Topics ranged from avoiding peer review missteps to review of changing client expectations to getting more comfortable with audit analytics and reimagining “audit of the future” with artificial intelligence technologies.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Riforma dei servizi audit dell’UE per ripristinare fiducia negli investitori

Posted by fidest press agency su venerdì, 4 aprile 2014

citta_si_mercatoIl Parlamento, giovedì, ha approvato un accordo con il Consiglio su legislazione per aprire il mercato dei servizi audit dell’UE a nuove imprese, oltre alle “4 big” che lo dominano attualmente, e rimediare alle debolezze rivelate dalla crisi finanziaria. Il progetto mira anche a migliorare la qualità e la trasparenza dell’audit e prevenire i conflitti d’interesse.  Il relazione di Sajjad Karim (ECR, UK) sul “pacchetto di riforme dell’audit” comprende un regolamento, approvato con 332 voti a favore a 253, e 26 astensioni, e una direttiva, approvata con 339 voti a favore a 256, e 27 astensioni. Nella legislazione, i deputati richiedono ai revisori contabili dell’UE di pubblicare relazioni di audit secondo le norme internazionali. Gli enti d’interesse pubblico, come banche, assicurazioni e società quotate, dovranno fornire agli azionisti e agli investitori informazione dettagliata di ciò che il revisore dei conti ha fatto e una garanzia globale sul suo operato. Nel testo approvato sono vietate le clausole contrattuali che impongono che l’audit debba essere fatto da un’impresa specifica, col fine di aprire il mercato a nuove aziende e migliorare la trasparenza. Ai PIEs sarà chiesto di emettere un bando di gara per scegliere il nuovo revisore. Per garantire che le relazioni tra il revisore e la società revisionata non diventino troppo “intime”, i deputati hanno approvato una norma di “rotazione obbligatoria” per cui un revisore può ispezionare i libri contabili di una società per massimo 10 anni, i quali possono essere aumentati di 10 ulteriori anni se sono emessi altri bandi di gara nel frattempo, e fino a 14 anni in caso di audit congiunti, cioè quando l’azienda è controllata da più di una società di audit. La Commissione aveva proposto la rotazione obbligatoria dopo 6 anni, ma la maggioranza ha giudicato che questo sarebbe stato un intervento costoso e non gradito nel mercato dell’audit.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Diabete. Rischio di fallimento per le casse del SSN italiano

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 ottobre 2013

Italiano: Diagramma prevalenza diabete e obesi...

Italiano: Diagramma prevalenza diabete e obesità negli USA. Creazione personale. (Photo credit: Wikipedia)

Il diabete non si vede e non si sente, almeno non prima di rivelarsi attraverso le sue complicanze. Ma intanto sono 250 milioni le persone nel mondo e l’8,6% della popolazione europea affette da questa condizione, che non risparmia neppure i bambini. Solo nel nostro Paese sono più di 200 le persone che ogno giorno si ammalano di diabete. Questa presenza ‘silenziosa’ ma ‘minacciosa, rappresenta la prima causa di ictus e di infarto oltre a causare complicanze a livello di occhio, rene e nervi e “assorbe il 10-15% dell’intero budget sanitario – ricorda la dottoressa Paola Pisanti, Presidente della Commissione Nazionale Diabete del Ministero della Salute. l’Italia – ricorda sempre Pisanti – detiene però il ‘primato’ per essersi dotata per prima, nel mondo, di una legge ‘visionaria’ e ancora molto attuale come la 115/87 interamente dedicata al diabete. A questa, qualche mese, si è aggiunto anche il ‘Piano Nazionale Diabete’, in ottemperanza a quanto richiesto dalla Comunità Europea”. Il ‘Piano Nazionale Diabete’ tricolore è stato formalmente approvato all’unanimità in Conferenza Stato-Regioni alla fine dello scorso anno ma, finora, è stato di fatto recepito solo da 9 Regioni, peraltro con le differenze e le disparità che caratterizzano la nostra sanità regionalizzata. Tanto per fare un esempio, la regione Marche sta di fatto smantellando la rete dei centri diabetologici, trasferendo tutta l’assistenza di questa condizione sulla medicina generale. “E’ paradossale – commenta il professor Stefano Del Prato, Presidente della Società Italiana d Diabetologia – che mentre da un lato, finalmente si sia giunti a un Piano Nazionale del Diabete, dall’altro si insista su una regionalizzazione che tuttora fonte di disparità di trattamento tra cittadini italiani. Questo processo è contrario ai principi enunciati dal Piano che tra il suo decalogo elenca proprio la riduzione delle disparità e la valorizzazione della rete specialistica che così fortemente ha caratterizzato la diabetologia italiana. Se è ragionevole che i centri ‘glicemologici’ non abbiano più ragione di esistere, sarebbe altrettanto ragionevole operare una razionalizzazione della specialistica diabetologica potenziando in modo adeguato i centri di secondo e terzo livello”.Ma al di fuori dell’Italia, qual è la migliore assistenza per un persona con diabete? “In Gran Bretagna – afferma deciso Simon Griffin, professore di Medicina Generale all’Università di Cambridge – è quella basata sui medici di famiglia ma appoggiata a centri specialistici di riferimento. I migliori risultati infatti sono stati ottenuti laddove esiste una collaborazione tra medici di famiglia consentendo il passaggio del paziente ad un’assistenza di secondo livello, cioè a quella specialistica, in qualsiasi momento in caso di necessità”. Il processo passa anche attraverso il monitoraggio di una serie di parametri in tempo reale e questo grazie al fatto che i medici di medicina generale (MMG) immettono i dati relativi ai loro pazienti nei loro computer dotato di un software, grazie al quale possono essere estratti in un attimo a livello centralizzato. La partecipazione dei medici di famiglia a questo progetto è stato scuramente favorito dall’incentivo economico che deriva dall’immissione dei dati nel sistema. Oggi i medici di famiglia lavorano molto meglio di quanto prevedesse il Governo, ma questo sistema è risultato alla fine molto più costoso delle aspettative”.Ma potrebbe un sistema come questo funzionare in Italia? Nel nostro Paese sono ormai numerosi gli esempi di gestione integrata tra medicina generale e medicina specialistica. Un esempio è quello portato dal vicepresidente della Società Italiana di Medicina Generale (SIMG) Ovidio Brignoli. “Utilizzando un sistema di monitoraggio elettronico simile a quello illustrato da Griffin – elucida Brignoli – è stato possibile allargare l’assistenza a un numero maggiore di persone con diabete, ma ancor più è stato possibile coinvolgere sempre più medici di famiglia nel processo di gestione e ottenere tangibili miglioramenti, tra l’altro senza dovere ricorrere a incentivi economici. Questa azione rappresenta comunque il risultato della interazione e collaborazione tra medico di medicina generale e diabetologo. Con lo specialista condividiamo le linee d’azione e lo specialista partecipa ai nostri audit e processi di verifica”. “L’integrazione è parte essenziale del Piano Nazionale del Diabete – ricorda il professor Del Prato – che nasce nella logica di porre al centro dell’azione sanitaria la persona con diabete cui corrisponde, a seconda delle necessità e complessità clinica, la disponibilità di specifiche competenze. In quest’ottica è necessario rafforzare la figura specialistica del diabetologo come referente culturale di un processo di condivisione e verifica continua. Il diabetologo non è un esperto di “glicemia”. Piuttosto è il gestore all’interno di un processo complesso e coordinato della complessità ed evolutività della patologia diabetica. Il diabete costa molto, troppo. Ma questo costo è dovuto per oltre a metà ai ricoveri ospedalieri per le complicanze della malattia. Solo un’accurata integrazione delle cure potrà garantire la necessaria assistenza a un numero così ampio di persone con diabete, assistenza fondamentale per ridurre il rischio di complicanze.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »