Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n°159

Posts Tagged ‘audizioni’

Scuola – Audizione dell’Udir in I e VIII Commissione del Senato sul Decreto-Legge 135/18 “Semplificazioni”

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 gennaio 2019

Alle commissioni di rifermento, presso Palazzo Madama, la delegazione Udir, composta da Patrizia Costantini, Pietro Perziani e Serena Maiorca, ha presentato modifiche per il reclutamento dei ricorrenti al bando di concorso 2011, del nuovo regolamento di contabilità degli istituti, per la valutazione dei dirigenti scolastici, sulla responsabilità in tema di sicurezza e di utilizzo delle risorse, del nuovo salario accessorio con il versamento della RIA nel FUN di area. Con questa iniziativa l’Udir inizia il nuovo anno in prima linea e, nella giornata odierna, richiede modifiche al disegno di legge n. 989, poiché sono molteplici i punti che riguardano il sistema scolastico contenente “Disposizioni urgenti in materia di sostegno e semplificazione per le imprese e per la pubblica amministrazione”. Il giovane sindacato presenta infatti l’elenco delle proposte di modifica agli articoli 10 e 11 del Decreto – Legge 14 dicembre 2018, n. 135. Il testo, diviso in 5 sezioni, chiede nelle specifico: la semplificazione del reclutamento dei DS; la semplificazione della contabilità dell’istituto; la semplificazione della valutazione dei dirigenti scolastici; la semplificazione delle norme sulla sicurezza degli istituti scolastici; il salario accessorio dei dirigenti scolastici.Per quanto riguarda la semplificazione del reclutamento dei dirigenti scolastici, la norma intende semplificare le procedure “prevedendo l’ammissione dei ricorrenti avverso il bando di concorso 2011 e dei presidi incaricati a un nuovo corso intensivo per l’immissione nei ruoli di dirigente scolastico per sanare il contenzioso in corso giunto alla Corte Costituzionale sulla legittimità costituzionale dell’articolo 1, comma 88, della legge n. 107/15 e delle successive assunzioni disposte. Le ulteriori risorse finanziarie sono reperite dal fondo della Buona scuola”.Per il campo invece concernente la semplificazione della contabilità d’Istituto, si chiede di aggiungere al comma 2, articolo 10, che “le risorse rese disponibili per ogni anno scolastico e non assegnate negli anni scolastici precedenti ad ogni istituzione scolastica sono impiegate dalla stessa negli anni successivi anche per finalità diverse da quelle originarie”, per poter quindi assicurare l’utilizzo integrale delle risorse ripartite dal Fondo “La Buona scuola” di cui all’articolo 1, comma 202 della legge 13 luglio 2015, n. 107, come incrementate dai risparmi autorizzati dall’articolo 1, comma 793 della legge 30 dicembre 2018, n. 145, e attuare le attività di istruzione, di formazione e di orientamento proprie dell’istituzione interessata, come previste ed organizzate nel piano triennale dell’offerta formativa, di seguito denominato P.T.O.F.”. Infatti, alla luce delle improrogabili esigenze di funzionamento delle istituzioni scolastiche, la norma semplifica le procedure di utilizzo delle risorse del Fondo per “La Buona Scuola” e delle altre eventuali risorse finanziarie non distribuite senza aggravio di spese per la finanza pubblica.
Il sindacato richiede anche la semplificazione della valutazione dei DS, attraverso l’aggiunta, all’articolo 10, del seguente comma: “a partire dall’a. s. 2019/2020, la valutazione dei dirigenti scolastici si effettua con le stesse modalità previste per i dirigenti dell’AFAM, delle Università e della Ricerca confluiti nella stessa Area Istruzione e Ricerca di cui all’Ipotesi di Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro sottoscritta il 13 dicembre 2018 per il Triennio 2016-2018. Conseguentemente entro 180 giorni dall’approvazione della presente legge è emanato dal Ministro dell’Istruzione e della Ricerca una Direttiva sulla valutazione dei dirigenti scolastici nel rispetto di quanto già disposto dall’articolo 1, comma 93 della legge 13 luglio 2015, n. 107. Conseguentemente, a partire dal 1 settembre 2019, cessa di aver efficacia la composizione del nucleo di valutazione previsto dal successivo comma 94, dell’articolo 1 della suddetta legge. Gli eventuali risparmi di spesa sono versati nel Fondo Unico Nazionale di cui all’articolo 42 del Contratto Collettivo Nazionale Lavoro del 1 marzo 2002”. La norma intende infatti adottare, nel rispetto delle competenze specifiche individuate dal legislatore sul ruolo e le responsabilità del dirigente scolastico, le stesse modalità di valutazione riservati agli altri dirigenti confluiti nella stessa area dell’istruzione e della ricerca il Fondo Unico Nazionale di cui all’articolo 42 del Contratto Collettivo Nazionale Lavoro del 1 marzo 2002 a seguito dell’approvazione del CCNQ del 13 LUGLIO 2016. Si passa ora a un argomento molto sentito da Udir, quello sulla Sicurezza: si intende infatti snellire l’iter, in modo da semplificare le norme sulla sicurezza degli istituti e da fortificarne l’efficacia, rendendo il proprietario dell’immobile responsabile delle varie azioni di messa in sicurezza. Si vuole infatti aggiungere all’articolo 10, dopo il comma 2, che: “Nell’ipotesi di pericolo grave, immediato e imprevedibile, il Dirigente Scolastico ha la facoltà di inibire porzioni di spazi didattici o l’intera Istituzione scolastica ed educativa, senza essere sanzionato per il reato d’interdizione di pubblico servizio e senza la necessità di recuperare le giornate lavorative didatticamente perse per il raggiungimento della soglia dei duecento giorni di lezione, dando comunicazione al Proprietario dell’immobile nonché al Prefetto”. Il Proprietario dell’immobile, ricevuta la notifica dell’inibizione parziale o dell’interdizione dell’intera Istituzione scolastica, è obbligato ad intervenire repentinamente mediante relazione tecnica, al fine di trovare una soluzione alternativa utile al prosieguo in sicurezza delle attività didattiche. Inoltre, ogni “Dirigente Scolastico è autorizzato a creare nel bilancio annuale d’Istituto un capitolo di spesa destinato alla sicurezza, al fine di far fronte agli obblighi per la costituzione del R.S.P.P. e del S.P.P cui poter stornare qualunque tipologia di risorse assegnate annualmente alle Istituzioni scolastiche ed educative dal Ministero del Lavoro di concerto con il Ministero dell’Istruzione e della Ricerca e del Ministero dell’Economia e Finanza mediante specifico capitolo di spesa oltre a quelle previste dall’articolo 39 del Decreto Interministeriale del 28 agosto 2018, n. 129”. Si passa poi all’ultima sezione, il Salario accessorio; si intende aggiungere la lettera C all’articolo 11 comma1: “c) alle quote di retribuzione individuale di anzianità dei dirigenti scolastici cessati dal servizio a partire dal 31 agosto 2012. Conseguentemente è rideterminato, dal 1 settembre 2019, il Fondo Unico Nazionale di cui all’articolo 42 del Contratto Collettivo Nazionale Lavoro del 1 marzo 2002. Per quanto riguarda il recupero delle quote spettanti ai dirigenti in servizio dal 1 settembre 2012 si provvede mediante utilizzo delle risorse destinate alla contrattazione collettiva nazionale di lavoro in favore dei Dirigenti Scolastici integrate da quelle previste dall’articolo 1, comma 86, della legge 13 luglio 2015, n. 107, come modificata dall’articolo 1, comma 591, della legge 29 dicembre 2017, n. 205 e da ulteriori risparmi di spesa”.

Posted in scuola/school, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Audizioni all’Ente Luglio Musicale Trapanese

Posted by fidest press agency su martedì, 10 aprile 2018

Trapani 12 e il 13 Aprile 2018 Palazzo De Filippi Audizioni all’Ente Luglio Musicale Trapanese: il 12 e il 13 aprile al Palazzo De Filippi, a Trapani, numerosi cantanti lirici di tutte le nazionalità, tra i 18 e i 35 anni saranno selezionati per “Opera Studio”, un progetto didattico di alto perfezionamento finalizzato alla messa in scena dell’opera “L’importanza di essere Franco”, commedia in 3 atti di Oscar Wilde con adattamento e versione ritmica del compositore Mario Castelnuovo Tedesco.Il Luglio Musicale Trapanese intende scoprire e valorizzare nuovi interpreti per il repertorio operistico della stagione lirica.L’Opera Studio si svolgerà a Trapani, nella seconda decade di Giugno, la produzione e le prove dell’opera avranno inizio domenica 8 luglio 2018. L’opera sarà rappresentata presso il Chiostro di San Domenico a Trapani nei giorni 29 Luglio e 1 Agosto 2018.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’Accademia Teatrale di Roma dà il via alle audizioni per il 2017/18

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 settembre 2017

accademia teatraleRoma. L’ Accademia Teatrale di Roma Sofia Amendolea, dopo aver vinto 2 nuovi prestigiosi premi internazionali che la confermano una delle migliori scuole di teatro a livello internazionale, da il via alle audizioni per il nuovo anno accademico 2017/2018. I 2 nuovi premi conquistati dagli allievi dell’Accademia Teatrale di Roma Sofia Amendolea sono il prestigioso Premio della Giuria al Festival Internazionale di Varsavia-Polonia e il premio per il Miglior Spettacolo al Festival di Teatro Internazionale di Casablanca-Marocco. Due nuovi successi della Scuola di Teatro Sofia Amendolea che si aggiungono ai numerosissimi premi vinti all’estero, con oltre 100 partecipazioni a festival internazionali in tutto il mondo e oltre 50 premi Internazionali vinti. Partecipazioni e premi che confermano da ormai 10 anni l’Accademia come eccellenza italiana nello studio del teatro, rappresentando la didattica teatrale italiana all’estero. Le lezioni di teatro dell’Accademia Sofia Amendolea Gli allievi attori della scuola di teatro “Sofia Amendolea” grazie a queste partecipazioni internazionali hanno la possibilità di incontrare centinaia di strutture didattiche teatrali provenienti da tutto il mondo. All’Accademia, dedicata alla grande “Sofia”, attrice e docente di Teatro, prematuramente scomparsa e che ha fatto del teatro una scelta di vita, si lavora 11 mesi l’anno per 3 anni (il minimo che uno studente di teatro dovrebbe fare), con classi rigorosamente a numero chiuso. Oltre 5.000 le ore di lavoro, e solitamente si entra in Accademia con il sole e si esce che è già buio. Numerosi i viaggi studio all’estero, 16 i docenti di ruolo e numerose le materie di studio tra cui Interpretazione, Espressione Corporea, Improvvisazione, Costume, Uso dell’Oggetto, Dizione, Lingua Inglese, Teatro Greco, Mimo, Portèes Drammatici, Commedia dell’Arte, Recitazione Cinematografica, Lettura Interpretativa, Storia del Teatro, Storia del Cinema, Storia del Costume, Canto Corale, Musical Coach, Teatro Comico, Spada Medievale. Nel programma anche Boxe ed Equitazione che si svolgono in due strutture di eccellenza della capitale. Prima di prenotare un’audizione (gratuita) bisogna avere ben chiaro che si tratta di un percorso lungo e faticoso, si deve avere una forte motivazione ed una grande passione per il teatro, oltre ad avere il “talento” per fare questo mestiere, ovvero avere il teatro “dentro di se”. Le opportunità per gli attori dell’Accademia Sofia Amendolea L’Accademia, per le sue caratteristiche è la scelta ideale per gli allievi attori che hanno in mente l’idea chiara e decisa di “trasformare la propria passione per il teatro in una professione”. L’attore diplomato della “Sofia Amendolea” si trova ad avere infatti ad avere alla fine del triennio un curriculum da far invidia ai più navigati attori. Per questo sono durissime le audizioni rivolte a chi vuole intraprendere un percorso professionale. Le uniche cose che contano sono il talento, la passione e la motivazione dei 15 studenti che costituiranno la nuova classe accademica, che affronterà un percorso lungo e faticoso. Dentro la prestigiosa Accademia Teatrale di Roma Sofia Amendolea A vedere gli interni e le sale si capisce subito che ci si trova in un luogo sacro. Sacro è il palco, sacri i camerini, sacro è il lavoro quotidiano che vediamo fare agli allievi della “Sofia Amendolea” (tutti rigorosamente vestiti di nero). Nero è il palco, nere sono le quinte, nera è la divisa del teatro, perché con il nero non si hanno distrazioni nell’insegnamento e tutto è focalizzato sul viso e sul movimento. Il team dell’Accademia Fabio Omodei, Paolo Alessandri e Monica Raponi, Docenti dell’Accademia si occupano anche della Direzione. Affiancano la didattica numerosi Maestri di Teatro del panorama nazionale ed internazionale come Elisabetta De Vito, Flavio Albanese, Pierre Massip, Sara Mangano, Marta Iacopini, Adriano Evangelisti, Ramona Genna, Flavia Martino, Danilo Butcovich, Valeria Fiore, Francesco Felli, Michele Costantini, Roberto Ferri. Le partnership dell’Accademia Sofia Amendolea Fondamentale è la simbiosi e la sinergia con il Roma Teatro Festival (Prima Edizione nel lontano 2003), un festival teatrale internazionale organizzato e gestito dall’Accademia Teatrale di Roma Sofia Amendolea che seleziona gli spettacoli delle migliori scuole e accademie di tutto il mondo. Tanti i giovani attori da tutto il mondo che si incontrano, scambiano esperienze e creano opportunità di lavoro. Numerosi i gemellaggi e gli scambi didattici con numerosi Festival del mondo, grazie a cui gli allievi attori della Scuola di Teatro Sofia Amendolea hanno l’opportunità concreta di partecipare ad esperienze all’estero, a Workshops con maestri di livello internazionale, oltre all’opportunità di andare in scena presso i più prestigiosi Festival e teatri del mondo. Queste caratteristiche uniche fanno della Sofia Amendolea di Roma un’isola felice di studio, di disciplina e di sacralità dedicate esclusivamente al teatro, in un momento particolare del nostro Paese, che nella cultura, teatro e spettacolo potrebbe vedere delle grandi opportunità di rilancio. Per maggiori informazioni sull’Accademia consigliamo di visitare il sito internet http://www.accademiateatralediroma.com. (foto. accademia teatrale)

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Intercettazioni: i sindacati chiedono audizione

Posted by fidest press agency su giovedì, 1 luglio 2010

Le OO.SS di categoria., in relazione al disegno di legge attualmente  all’esame in seconda lettura della Camera dei Deputati ed in discussione in sede referente  presso la Commissione Giustizia della Camera dei Deputati, in considerazione che sono state programmate le audizioni,  chiedono un’audizione presso la Commissione competente.  I sindacati fanno presente che già presso la omologa Commissione del Senato della Repubblica le OO.SS. della Polizia di Stato sono state convocate per essere audite nell’ambito  dell’esame dello stesso disegno di legge, ma dopo quella audizione il testo ha subito alcune modifiche sostanziali sulle quali si chiede di esprimere le  valutazioni di merito.

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Intercettazioni e audizioni

Posted by fidest press agency su mercoledì, 30 giugno 2010

“C’è una cosa che neppure tra mille anni si potrà comprendere, ma se i nostri politici ed amministratori hanno un problema agli occhi, vanno a chiedere consiglio al macellaio ignorando l’oculista? E se devono preparare un arrosto, vanno a fare la spesa in farmacia? Immaginiamo proprio di no. Ed allora, si può sapere perché se devono prendere decisioni in comparti ad alta specificità come giustizia o sicurezza con tutti si confrontano tranne che con chi in quei settori ci opera quotidianamente? Il fatto che ciò non avvenga, ci si passi la malizia, è davvero un pochino troppo strano!”.  Così  Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp, Sindacato Indipendente di Polizia, commenta la notizia di alcuni giorni fa che il presidente della commissione Giustizia della Camera, Giulia Bongiorno, ha autorizzato sette audizioni a proposito del ddl intercettazioni, ritenendo opportuno un ulteriore approfondimento rispetto al testo licenziato dal Senato. “Dobbiamo certamente riconoscere il merito alla presidente Bongiorno di aver ragionevolmente deciso di aprire la discussione anche ad interlocutori fondamentali, come certamente sono, ad esempio, il procuratore nazionale Antimafia Pietro Grasso, il procuratore capo di Reggio Calabria, Giuseppe Pignatone, e gli altri illustri e competenti soggetti con i quali è previsto un incontro. Ma nella stessa ottica non sarebbe stato naturale, e diremmo addirittura ovvio, ascoltare anche i rappresentanti delle Forze di Polizia? Non averlo previsto è esattamente come perdersi in un bicchiere d’acqua!”.   “Con la questione intercettazioni – conclude il Segretario Generale del Coisp – si sta adottando il solito pessimo metodo del ‘gettare via il bambino con l’acqua sporca’. E si stanno trascurando le cose più utili: anzitutto confrontarsi con chi utilizza materialmente quello strumento indispensabile per assolvere ai propri doveri verso i cittadini; e, non ultimo, guardare un pochino più in là del proprio naso… oltre i confini dell’Italia, magari là dove le cose funzionano, per vedere come mai altrove non regna il disastro!”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Hello Kitty

Posted by fidest press agency su mercoledì, 3 febbraio 2010

Milano martedì 9 febbraio 2010  Teatro Nuovo  Debutto in Prima assoluta.   A 35 anni dalla sua ideazione, al fortunatissimo marchio giapponese “Hello Kitty”, ormai vero e proprio fenomeno di costume, viene dedicato un musical che si prepara a debuttare in anteprima mondiale sui palcoscenici italiani con “Hello Kitty The Show, musical di una favola moderna”. Il personaggio di Hello Kitty vivrà una coinvolgente avventura legata ai sogni e alle aspirazioni di tre giovani ragazze, le Kitty Girls, interagendo per la prima volta con attori reali.  Questa la trama del musical che vede alle sue spalle un progetto di produzione importante e di respiro internazionale, con un investimento iniziale di realizzazione di tre milioni di euro; venticinque attori e ballerini in scena, scelti durante le audizioni di Londra, Milano e Parigi; scenografie imponenti e tecnologiche; musiche che coinvolgeranno il pubblico andando incontro ai gusti di spettatori estremamente eterogenei, con brani musicali che esplorano il genere pop con richiami al punk, al rock, alla dance alla musica elettronica e alle melodie teen pop; ed infine, un esclusivo merchandising dedicato che proporrà una collezione di articoli unici ispirati allo show, in vendita unicamente nei foyer dei teatri della tournée. È da tutti avere un sogno nel cassetto, ma poi… come realizzarlo? Questa è la domanda che si fanno tre ragazze come tante, ognuna con la propria passione che come sempre, nel routine della vita quotidiana, sembra destinata a rimanere in secondo piano. Ma grazie ad un piccolo atto di coraggio e di speranza si troveranno catapultate in un mondo ai confini tra realtà e fantasia, in cui bizzarri personaggi metteranno alla prova la loro tenacia e resistenza. Il loro scopo? Incontrare l’eroina di tutte le teenager (e non solo), Hello Kitty!Muovendosi tra atmosfere magiche e scenari grigi, tra ritmi gioiosi e momenti di sconforto, ecco che il loro viaggio si trasforma sempre di più in un percorso di crescita, per tutte e tre differente, alla fine del quale scopriranno di non essere mai state sole… E crescendo capiranno una grande verità: che tanto la realtà quanto la fantasia sono gli ingredienti essenziali per trasformare l’entusiasmo sognante del desiderio in una vita davvero felice. Hello Kitty The Show è la storia di tre ragazze, ma come ogni favola è anche la storia di tutte le persone che coltivano un sogno. (Yuko, Londra)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Le sfide del nuovo anno

Posted by fidest press agency su sabato, 16 gennaio 2010

Con il cambio di decennio comincia una nuova fase per l’Unione europea e le sue istituzioni. L’entrata in vigore del Trattato di Lisbona ha chiuso la lunga e tortuosa fase di rinnovamento istituzionale che di fatto si era aperta a Nizza proprio un decennio fa. Tra poche settimane diventerà operativa la nuova Commissione (sono in corso le audizioni al Parlamento europeo dei singoli Commissari), che avrà lo stesso presidente, Barroso, ma nuove e rafforzate competenze, dettate dal Trattato. La novità principale riguarda le relazioni esterne nella persona di Lady Ashton, vice presidente dell’esecutivo e Alto Rappresentante per le relazioni esterne o, per meglio dire, Ministra degli Esteri dell’UE. Conclusa la fase istituzionale, quella celebrativa (i 50 anni dei Trattati di Roma, i venti dalla caduta del muro) e quella di rinnovo delle cariche (la Commissione e il Parlamento eletto nell’estate scorsa), è tempo di rimboccarsi le maniche, perché le sfide sono molte ed enormi. La crisi, il percorso duro verso la ripresa, i dossier chiusi male prima di Natale ma che restano di estrema attualità (il riferimento a Copenaghen è ovvio), un nuovo modello economico più sostenibile ancora da disegnare, un’azione più forte e coesa su temi come l’immigrazione, la giustizia, i diritti, le relazioni con i partner esterni, dal commercio allo sviluppo fino all’aiuto umanitario. Un’Unione forte è più che mai necessaria, pena il definitivo accantonamento del Vecchio Continente, dei suoi valori e dei suoi interessi, fuori dalla stanza dei bottoni globale. Le istituzioni disegnate dal Trattato sono chiamate a svolgere pienamente il loro ruolo, con un entusiasmo che vada anche oltre i limiti che caratterizzano i soliti compromessi. Il Presidente del Consiglio deve farsi sentire e impedire i soliti scivoloni che, soprattutto negli anni più recenti, hanno caratterizzato i girotondi tra le più o meno deboli presidenze semestrali. La “Ministra degli Esteri” deve rafforzare il Servizio Esterno con il sostegno convinto delle 27 diplomazie nazionali. La Commissione e il suo Presidente devono tenere fede agli impegni per costruire un nuovo modello economico che porti crescita e sviluppo ma che rafforzi anche la tutela del pianeta da una parte, e i diritti sociali, delle persone e dei lavoratori. Il Parlamento europeo, vero soggetto attivo e forte secondo il Trattato, deve sostenere tutti questi sforzi e avvicinarli alla realtà di tutti i 500 milioni di cittadini europei. (Matteo Fornara Rappresentanza a Milano commissione europea)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Audizioni dei nuovi commissari europei

Posted by fidest press agency su martedì, 12 gennaio 2010

Dall’11 al 19 gennaio il Parlamento terrà i ‘colloqui d’assunzione’ dei nuovi candidati commissari, che saranno i membri dell’esecutivo europeo per i prossimi cinque anni. Ce la farà la squadra di Barroso a passare l’esame? Ogni commissario sarà interrogato dai membri della commissione corrispondente alla sua delega (per esempio, il commissario designato all’Industria Antonio Tajani verrà interrogato dalla commissione parlamentare Industria) più altre eventuali commissioni competenti. Le domande verteranno sull’esperienza passata, sui programmi, gli ideali europei e l’indipendenza di ogni commissario. La maggioranza degli incontri si tengono a Bruxelles questa settimana. La prossima, gli ultimi quattro saranno a Strasburgo. 26 commissari da interrogare 3 ore per audizione 10 minuti per il discorso iniziale del commissario Da 2 a 6 le audizioni ogni giorno, spesso 2 in contemporanea 2 sale attrezzate ad hoc per l’occasione 22 lingue coperte dalla traduzione e dal sito speciale delle audizioni 6 telecamere mobili per ogni sala trasmettono in diretta l’evento 50 posti riservati alla stampa in ogni sala 1 conferenza stampa del commissario subito dopo l’audizione 425 tazze di caffè davanti a ogni sala, pronte per essere servite 59.000 fan su Facebook possono commentare nel forum dedicato alle audizioni. Unisciti a loro! Il voto finale sull’insieme del collegio di Commissari dovrebbe tenersi il 26 gennaio in una seduta plenaria speciale a Bruxelles. La Commissione non può entrare in funzione fino a quel momento.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

La partecipazione italiana a missioni internazionali

Posted by fidest press agency su martedì, 20 ottobre 2009

Roma 21 ottobre, le Commissioni riunite III Affari esteri e IV Difesa, nell’ambito dell’esame delle proposte di legge recanti Disposizioni per la partecipazione italiana a missioni internazionali (C1213 Cirielli e abb.), svolgeranno le audizioni di rappresentanti del Cocer Interforze. – “Sul tema dell’audizione in programma è necessaria una posizione condivisa da tutto il personale militare. – lo afferma Luca Marco Comellini, segretario del partito per la tutela dei diritti dei militari (PDM) – È indispensabile evitare quello che è già avvenuto nelle precedenti convocazioni, riguardanti le procedure negoziali per il biennio economico 2008/2009 e il riordino delle carriere, dove i delegati Cocer hanno espresso solo posizioni personali, che per alcuni si sono limitate solo alla richiesta di prorogare il mandato della rappresentanza militare in corso.” – “Ci auguriamo – prosegue il deputato radicale Maurizio Turco – che sull’argomento oggetto dell’audizione i Cocer abbiano acquisito preventivamente i pareri dei COIR e COBAR anche per evitare che, l’espressione di posizioni non condivise favoriscano nel personale l’affermazione di sentimenti di sfiducia verso i Cocer che non sembrano dare il giusto peso agli aspetti della sicurezza del personale, dei mezzi e delle attrezzature in dotazione ai contingenti impiegati all’estero”.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Banche

Posted by fidest press agency su giovedì, 24 settembre 2009

Il Sistema bancario, nell’audizione alla Camera del Presidente dell’ABI, dichiara che non intende estendere la moratoria, già concessa alle imprese, anche alle famiglie. Adiconsum sostiene, invece, che è necessario un intervento rapido a favore delle famiglie che non riescono più a pagare le rate di fine mese. Come per le imprese Adiconsum non chiede una moratoria generalizzata, ma di affrontare le situazioni di particolare disagio che stanno colpendo molte famiglie mutuatarie alle prese con licenziamenti e cassa integrazione. Le misure fin qui assunte da alcuni intermediari e da alcune regioni sono certamente utili, ma devono essere estese a tutto il sistema bancario. Allo stesso modo è necessario che Governo e Parlamento accelerino l’attuazione di tutte le misure assunte, ma ancora non applicate. Tra tutte le misure ferme è necessario che sia immediatamente reso attivo il Fondo di garanzia per la sospensione delle rate dei muti in caso di morte, infortunio o perdita del posto di lavoro del mutuatario (cd. fondo Gasparrini). Altrettanto importante è l’intervento degli enti locali. Le facilitazioni per l’accesso al credito sono certamente importanti per alcune categorie di cittadini (giovani, neo sposi, ecc.) come per alcuni tipi di finanziamento, tra tutti l’acquisto della prima casa. Adiconsum chiede però che la stessa attenzione, e soprattutto specifici fondi, siano riversati su chi già è indebitato. La proposta di Adiconsum, in attesa dell’avvio del Fondo di garanzia è chiara, di estrema semplicità e già attuata per le imprese: 1.  sospensione per massimo dodici mese per i cittadini che siano in cassa integrazione o abbiano perso il posto di lavoro. 2.  Offerta da parte di tutte le banche di consentire l’accesso alla possibilità di sospensione 3.  Rapida attuazione del fondo di garanzia per i mutuatari Adiconsum tornerà a chiedere ad Abi, quale rappresentante di tutto il sistema bancario e finanziario, di confrontarsi sulle proposte e di contribuire alla rapida attuazione delle norme di legge ancora inapplicate.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »