Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n°159

Posts Tagged ‘automazione’

Automazione: ai robot 75 milioni di posti di lavoro

Posted by fidest press agency su martedì, 25 settembre 2018

Entro il 2025 più della metà dei lavori attualmente esistenti sarà svolta da un robot. È quanto prevede uno studio dell’autorevole World Economic Forum, secondo il quale nei prossimi 7 anni oltre il 50% delle attuali mansioni lavorative sarà eseguita da macchine automatizzate, contro il 29% di oggi.Tale trasformazione avrà un profondo effetto sulla forza lavoro globale. «Senza volere entrare nel merito se tale “progresso” porterà o meno ad una crescita della disoccupazione, quello che a noi preoccupa maggiormente è la possibile disumanizzazione dell’essere umano» spiega lo psicologo Stefano Benemeglio (www.stefanobenemeglio.com), padre delle Discipline Analogiche, direttore scientifico dell’Università Popolare delle Discipline Analogiche (www.upda.it).Fino a pochi anni fa era impensabile potere indossare uno smartwatch per monitorare la nostra velocità o il nostro battito cardiaco, ascoltando musica, controllando le email e ricevendo nel contempo allerte sul meteo. Oggi invece tutto questo è diventato realtà e presto saranno disponibili sul mercato le prime interfacce uomo-device che sembrano arrivare direttamente da un episodio di Star Trek.A preoccupare gli analisti dell’Università Popolare delle Discipline Analogiche (www.upda.it) non è tanto l’automazione di 75 milioni di mansioni svolte oggi dall’uomo quanto gli effetti a livello psicologico e sociale di un’automazione a così grande scala.«Ed ancora più preoccupante è l’integrazione uomo-macchina. I nostri corpi saranno così trasformati nei controllori biologici dei nostri dispositivi digitali» sostiene puntualizza Samuela Stano, presidente dell’Università Popolare delle Discipline Analogiche (www.upda.it).La tecnologia si sta chiaramente spostando dall’esterno all’interno dei nostri corpi. Si va verso la creazione di circuiti flessibili stampati su pellicola che potranno essere applicati sulla nostra pelle consentendo un’ampia gamma di utilizzi diversi, dal supporto per il business ai sistemi che offrono consigli per la vita quotidiana.«Il cambiamento è tanto radicale da essere in grado di disumanizzare l’essere umano. L’unico modo per affrontarlo è la consapevolezza. Senza consapevolezza tutto questo progresso porterà ad alterare l’equilibrio psicologico, alla dipendenza emotiva, al narcisismo egoico e perfino al delirio di onnipotenza» specifica il padre dell’immenso patrimonio culturale rappresentato dalle Discipline Analogiche, Stefano Benemeglio. (AJ-Com.Net). AJ/LL 24 SET 2018 14:48 NNNN

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Turismo 4.0 diventa competitivo con più digitale e più automazione

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 febbraio 2018

Roma. Competere, in partnership con Federturismo, ha presentato, presso il Senato della Repubblica, il documento “Turismo Italia – Strategie e proposte per la crescita” che contiene 17 proposte articolate in punti programmatici per la crescita e la competitività dell’industria turistica. Alla presentazione, oltre al presidente di Federturismo Gianfranco Battisti e al presidente di Competere Pietro Paganini, si sono confrontati anche esponenti del governo e dei partiti candidati alle prossime elezioni, fra i quali Francesco Palumbo – Direttore Generale Turismo del MiBACT, Loredana Capone – Partito Democratico, Gian Marco Centinaio – Lega Nord, Edoardo Colombo – 10 Volte Meglio, Mattia Fantinati – Movimento 5 Stelle, Carlo Fidanza – Fratelli d’Italia e Licia Ronzulli – Forza Italia.
Il documento programmatico “Turismo Italia” è indirizzato ai movimenti politici e ai candidati, ma, contemporaneamente, anche a stakeholder e cittadini: uno strumento utile a comprendere le problematiche del settore turistico italiano e le possibili soluzioni, ma anche per misurare l’azione della politica e i suoi risultati. Le proposte contenute al suo interno affrontano diversi nodi ancora irrisolti della filiera e sono divise per aree tematiche. In particolare viene analizzato il contributo del turismo all’economia italiana, più del 10% – oltre 180 miliardi di euro – del PIL nazionale e oltre 2 milioni e mezzo di occupati, e sottolineata la necessità di considerare il turismo un settore industriale a tutti gli effetti per il quale è necessaria una nuova governance che sia in grado di guidare il sistema turistico attraverso nuove sfide, con particolare attenzione ai temi dell’occupazione, della fiscalità, della burocrazia e della trasformazione digitale.
“L’Impresa 4.0 del futuro deve passare necessariamente da qui” afferma Pietro Paganini, presidente di Competere che continua “Il turismo è un settore vitale per l’Italia come dimostrano i numeri in crescita degli ultimi anni. È necessario che stia al passo con i tempi della trasformazione digitale e dell’automazione per essere competitivo a livello internazionale ed essere sempre più un volano della crescita economica”.
“I Governi e la politica possono giocare un ruolo importante nel creare le condizioni necessarie allo sviluppo del settore” conclude Pietro Paganini “Il documento ‘Turismo Italia’ è quindi un punto di partenza fondamentale per tutti i candidati e i partiti che vogliono portare avanti proposte concrete e attuabili sia nel breve sia nel medio-lungo periodo. Allo stesso tempo ha lo scopo di fornire uno strumento ai cittadini e agli operatori per misurare l’azione della politica. Riteniamo che la misurabilità dei risultati sia fondamentale e debba essere valorizzata”.

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Investire nella Robotica&Automazione: la tecnologia che cambia le nostre vite

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 giugno 2017

MassimoSianoCommento di Massimo Siano, Head of Southern Europe per ETF Securities: La robotica e l’automazione stanno rapidamente rivoluzionando ogni aspetto del nostro lavoro e della nostra vita. I progressi tecnologici hanno reso i robot in grado di realizzare compiti estremamente sofisticati e delicati e di lavorare fianco a fianco con gli umani per accrescere la produttività. Nel contempo, i loro costi sono in fase di diminuzione.Il settore della robotica e automazione dovrebbe registrare una crescita nel lungo termine con l’incremento della domanda per usi sia industriali che di consumo. Il principale settore ad adottare robot continuerà a essere quello della produzione manifatturiera.I fattori chiave di questo megatrend della robotica e automazione non sono difficili da capire. Ci troviamo infatti davanti a numerose sfide importanti, dall’invecchiamento della popolazione, all’inquinamento, alla scarsità delle risorse. La robotica e l‘automazione promettono di affrontare molti di questi problemi, consentendo miglioramenti sulla produttività che rafforzeranno il progresso umano per molti anni.L’interesse per la gamma di ETP tecnologici di ETF Securities ha registrato un’accelerazione nel corso di quest’anno: gli AUM dei nostri ETF su sicurezza informatica e robotica&automazione sono aumentati del 233% e del 184% rispettivamente nel 2017 (dati all’8 giugno 2017), segnando 12 settimane consecutive di afflussi.Siamo orgogliosi di disporre di questi prodotti innovativi e di renderli accessibili agli investitori in Italia. Riteniamo che nel lungo periodo l’esposizione ai megatrend della robotica e della sicurezza informatica potrà permettere di ottenere performance elevate perché questi due settori sono parte di una rivoluzione enorme. A maggio, i ricavi nel settore tecnologico americano hanno superato le attese e l’84% delle compagnie che operano nel campo tecnologico, uno dei più forti all’interno dello S&P 500, ha fatto meglio di quanto si potesse prevedere (dati FactSet, Earnings Insight, giugno 2017).Il ROBO Global® Robotics and Automation ETF di ETF Securities, lanciato a ottobre 2014 in partnership con ROBO-GLOBAL® ha visto afflussi per 272 milioni di dollari americani nel 2017 e l’AUM ha superato la soglia dei 537 milioni di dollari americani. Il prodotto è stato il primo ETF in Europa sull’industria globale della robotica&automazione, offrendo agli investitori accesso semplice, liquido ed economico al megatrend in rapida evoluzione della robotica. Il mercato della robotica e automazione a livello globale varrà oltre 1.2 trilioni di dollari americani entro il 2025 (dati Myria Research, The Chief Robotics Officer, gennaio 2015).
ETF Securities nel 2015 ha poi lanciato, in partnership con ISE ETF Ventures, il primo ETF in Europa sulla sicurezza informatica, l’ETFS ISE Cyber Security GO UCITS ETF. Il prodotto fornisce accesso a un paniere diversificato globale di società focalizzate sulla sicurezza informatica, suddivise per capitalizzazione sub-industry, di Paese e di mercato. I recenti attacchi informatici ransomware hanno fortemente aumentato l’attenzione verso il settore della sicurezza informatica e l’AUM dell’ETF è pari in questo momento a 257 milioni di dollari americani. Secondo le stime, fra il 2017 e il 2021 verrà speso un trilione di dollari americani in prodotti e servizi di sicurezza informatica (dati cybersecurity Ventures, Cybersecurity Market Report, febbraio 2017). (foto: MassimoSiano)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Pictet Asset Management: al via il nuovo comparto Pictet- Robotics

Posted by fidest press agency su sabato, 10 ottobre 2015

robot chirurgicoPictet Asset Management, la divisione di asset management del Gruppo Pictet, pioniere negli investimenti tematici, annuncia il lancio di Pictet-Robotics, uno dei primi fondi nel suo genere a investire in robotica e tecnologie di intelligenza artificiale.Il fondo azionario punta su un settore che nel prossimo decennio dovrebbe crescere a un ritmo quattro volte superiore a quello dell’economia globale.1
Il portafoglio avrà un’esposizione su 3 segmenti globali: l’automazione industriale (produzione, logistica e stampanti 3 D), le applicazioni per il consumatore e servizi professionali (domotica, medicina, sicurezza) e le aziende che forniscono tecnologie per permettere ai robots di percepire l’ambiente in cui si trovano (lettori, sensori, sistemi di visione).La gestione di Pictet-Robotics è stata affidata a Karen Kharmandarian, Senior Investment Manager, Thematic Equities. Kharmandarian che vanta oltre 20 anni di esperienza nella gestione di portafogli specializzati nella tecnologia, è coadiuvato da un team composto da altri 3 gestori di provata esperienza.
Robotics è l’ultimo nato della famiglia di prodotti tematici di Pictet Asset Management, che comprende già, fra gli altri, fondi specializzati in comunicazioni digitali, sicurezza, sanità, acqua, risorse forestali, agricoltura ed energie pulite. Le strategie tematiche consentono agli investitori di sfruttare i trend socio-economici di lungo periodo che ridefiniscono il mondo in cui viviamo.I progressi in campo informatico come il cloud computing e la comparsa di nuovi potenti microprocessori stanno rivoluzionando la robotica e le tecnologie di automazione, ormai uscite dalla fabbrica per entrare nella nostra vita quotidiana.I moderni dispositivi robotici sono dotati di una straordinaria capacità di sentire, raccogliere, elaborare e mettere in pratica le informazioni dando prova di abilità, versatilità e cognizione.Nell’ambito dei servizi e della sicurezza si utilizzano robot in grado di riconoscere i cambiamenti di espressione facciale e tono di voce; nel settore sanitario, sofisticati robot assistono già i chirurghi in operazioni complesse; nei trasporti si progettano auto senza guidatore con tecnologie Smart Sensor.“Per decenni i robot sono stati utilizzati nelle fabbriche per l’automazione di compiti pericolosi, faticosi o noiosi. Oggi, nel contesto di una spinta all’innovazione senza precedenti, i robot stanno diventando indispensabili nella nostra vita lavorativa e privata. Le società attive nel campo della robotica godranno di una forte crescita legata a questa profonda trasformazione.”, afferma Karen Kharmandarian, il gestore del fondo.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La seconda tappa di Time to Flex IT

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 marzo 2015

time to flexSarà il 20 marzo 2015 presso le Cantine Lungarotti, Torgiano (PG) Forte del successo dell’evento Time to Flex IT, organizzato insieme a Cisco, NetApp e Schneider Electric a Vimercate lo scorso 26 febbraio, VEM sistemi annuncia un secondo incontro a Perugia per rinnovare l’appuntamento dedicato alle più recenti strategie e soluzioni per semplificare la gestione degli ambienti IT e generare efficienza e competitività, riducendo la complessità e i tempi di risposta dell’infrastruttura informatica.Sono sempre di più le aziende, soprattutto quelle di medie e piccole dimensioni, che si scontrano con la crescente complessità di gestione degli ambienti IT, dovendo utilizzare server dedicati per ogni singola applicazione e che potrebbero avvalersi dei benefici di una soluzione come Flexpod che, grazie all’integrazione delle diverse componenti in gioco, all’automazione del provisioning e alla semplificazione delle problematiche di gestione, annulla il digital divide tra i grandi data center e le complesse architetture server ancora utilizzate dalle PMI.La giornata di lavoro, organizzata da VEM sistemi e avvalorata dalla presenza maggiori player nel settore data center, Cisco, Netapp e Schneider Electric, vedrà la partecipazione di Fabio Pepe, Responsabile Sistemi Informativi di Angelantoni Industrie, azienda che ha già potuto avvalersi dei benefici di un sistema convergente ideato per rendere disponibili a tutte le aziende le migliori tecnologie fino a poco tempo fa appannaggio solo dei Data Center OTT (Over The Top).
9.00 Accoglienza e registrazione partecipanti
9.30 Benvenuto e Scenario
Andrea Ceccaroni – Direttore Vendite, VEM sistemi
Andrea Giuliani – Cloud Technologies Team Leader, VEM sistemi
9.45 Il Data Center integrato e semplificato: strategie per generare efficienza e competitività
Vincenzo Spagnoletti – Data Center / Secure Power & IT Partners Director, Schneider Electric Italy
10.05 Dalla convergenza delle risorse all’accelerazione del service provisioning
Stefano Landi – Account Manager, Cisco Italia
Marco Mengotto – System Engineer, NetApp Italia
10.45 Coffee break
11.15 Case Study Angelantoni
Fabio Pepe – Angelantoni Group
11.45 User experience e live demo
Giovanni Toscani – Responsabile NOC, VEM sistemi (foto:time to flex)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Automazione degli edifici in crescita, grazie a efficienza energetica e nuove tecnologie

Posted by fidest press agency su mercoledì, 1 ottobre 2014

frostI proprietari di edifici in tutto il mondo stanno sempre più adottando sistemi di automazione per far fronte ai costi crescenti dell’energia. Poiché gli edifici rappresentano circa un terzo dell’utilizzo di energia a livello globale e contribuiscono in larga misura alle emissioni di gas serra, la necessità di sistemi di automazione non potrà che crescere. Le opportunità per i produttori saranno particolarmente promettenti nelle economie in via di stabilizzazione, come Brasile, Russia, India, Cina, Germania e Stati Uniti, a causa dell’elevata spesa per l’infrastruttura. Una nuova analisi di Frost & Sullivan, intitolata “Global Building Automation Market”, rileva che il mercato ha prodotto entrate per 5,78 miliardi di dollari nel 2013 e stima che questa cifra raggiungerà quota 7,28 miliardi di dollari nel 2018. I segmenti relativi a data center e ospitalità assisteranno a una rapida crescita grazie all’aumento della diffusione di Internet nei paesi emergenti e all’espansione del mercato del turismo. “Le policy e i regolamenti governativi volti a migliorare l’efficienza energetica degli edifici sospingono il mercato dei sistemi di automazione, specialmente in Nord America, Europa e in alcune parti della regione Asia-Pacifico, – afferma Balaji Anand Sagar, analista di Frost & Sullivan. – Gli operatori del mercato comprendono che questi sistemi sono essenziali per raggiungere gli obiettivi di efficienza energetica fissati dai governi, e stanno offrendo soluzioni affidabili a prezzi competitivi”.
Tuttavia, l’insufficiente chiarezza sui benefici dei sistemi di automazione scoraggia i proprietari di edifici dal prendere in considerazione queste soluzioni nelle fasi di definizione del budget e di formulazione delle offerte. Inoltre, la mancanza di standardizzazione dei prodotti per l’automazione degli edifici nelle diverse regioni diminuisce la fiducia dei clienti. Fornire soluzioni ‘chiavi in mano’ con solide caratteristiche ingegneristiche e di ICT aiuterà le aziende del settore a dare slancio alla propria visibilità in mercati specifici. Anche il rilascio di sistemi di automazione ‘open’ che utilizzano protocolli standard sarà una valida strategia per posizionarsi sul mercato. “I sistemi intelligenti per il controllo degli edifici, il rilevamento dei guasti, la diagnostica predittiva, l’analisi dei big data e la correzione da remoto via cloud plasmeranno il mercato nei prossimi anni, – osserva Sagar. – Inoltre, la connettività ‘open’ e l’interoperabilità consentiranno l’automazione di un ‘Internet dei dispositivi’ molto più ampio, portando il mercato globale dell’automazione degli edifici verso nuove vette”. Lo studio intitolato “Global Building Automation Market” fa parte del programma Building Management Technologies Growth Partnership Service. Altri studi di Frost & Sullivan collegati all’argomento sono: “North America Data Centre Cooling Market”, “World LED Lighting Markets (2013 Update)”, “European Lighting Control Systems Market” e “North American Integrated Facility Management Market”. Tutti i servizi di ricerca compresi nel servizio in abbonamento forniscono dettagliate opportunità di mercato e tendenze del settore, valutate in seguito ad esaurienti colloqui con gli operatori del mercato.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Un “socio” per misurarsi con l’innovazione

Posted by fidest press agency su sabato, 27 marzo 2010

Alfacod, Elettronica Santerno, Energifera, Sis.Ter, Con.Ami e Studi Legali Riuniti. In più, tutta una serie di giovani imprese dell’incubatore Innovami: Geas, Italiana Software, Optit, Regolcom, Skanergy, Xelia. Queste le realtà – tra cui spiccano alcune imprese eccellenti operative nel campo delle nuove tecnologie e dei servizi ad alta intensità di conoscenza – che hanno già aderito all’Associazione Innovami.  Costituita nel 2009, l’Associazione Innovami nasce per contribuire allo sviluppo competitivo del comprensorio imolese e della Bassa Romagna. Sostenere la creazione e l’evoluzione di imprese nei settori dell’automazione industriale, dell’informatica, dell’elettronica e telecomunicazioni, dell’ambiente e dell’energia. Rispondere efficacemente a queste esigenze è proprio lo scopo dell’Associazione Innovami che, partendo da un’ulteriore semplificazione del rapporto di collaborazione tra ricerca e impresa e una parallela accelerazione del trasferimento di conoscenze e competenze – grazie alla possibilità di operare come realtà autonoma dal punto di vista giuridico – potrà lavorare nei prossimi mesi su progetti concreti, mirati e condivisi con i singoli soci. Questi ultimi, infatti, avranno l’opportunità di accedere a servizi ad alto valore aggiunto, con particolare riferimento a quei “modelli efficaci di innovazione” già sperimentati da Innovami in questi anni come Centro per l’innovazione e, dal 2006, come incubatore d’imprese. Da quest’anno anche tutte le nuove imprese che entreranno nell’incubatore Innovami – grazie alla business plan competition Start Cup o al bando per l’accesso diretto, del quale il prossimo 31 marzo ricorre la prima scadenza intermedia – avranno l’opportunità di associarsi a Innovami come socio di merito, di usufruire dei servizi di base per l’incubazione- spazi e uffici attrezzati – e di ulteriori servizi aggiuntivi a tariffe agevolate, forniti in base alle esigenze specifiche dell’associato.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“C” come casa, “d” come domotica, “e” come efficiente

Posted by fidest press agency su martedì, 8 settembre 2009

casa domoticaPieve di Campi (Parma) 12 settembre 2009 inaugurazione Casa domotica. Ridurre gli sprechi energetici, risparmiare tempo e denaro, gestire molte incombenze domestiche senza sforzo, sentirsi più sicuri: sono i dichiarati obiettivi della domotica, un insieme di conoscenze e tecnologie finalizzate ad innalzare la qualità della vita di ogni giorno. è ormai prossima l’inaugurazione di un interessante esemplare di Casa Domotica, una villetta monofamiliare nella quale l’automazione dei dispositivi elettronici e meccanici della casa, dagli elettrodomestici ai serramenti, dal climatizzatore all’irrigazione, dalla videosorveglianza al riscaldamento, fanno riferimento a impianti elettrici di ultima generazione. Per riscaldare gli ambienti non si usa il gas metano, ma membrane termoelettriche posizionate sotto i pavimenti, mentre il piano cottura della cucina è dotato di piastre elettriche. Gran parte del fabbisogno di elettricità è coperto da pannelli fotovoltaici. In base al contratto stipulato con il Gestore dei Servizi Elettrici (GSE), infatti, quest’ultimo pagherà 0,46 euro per ogni KWH prodotto. L’acqua calda sanitaria, invece, è prodotta dall’impianto solare termico. Un touch screen e un PC Media Center rendono possibile il controllo dell’intera abitazione da un unico punto, ma è possibile anche sorvegliare e “dirigere” la casa direttamente dai propri uffici, grazie al collegamento internet e al software di gestione Easydom.  Il progetto, nato dalla volontà di impiegare sistemi innovativi, come gli impianti domotici, per ottenere la massima efficienza energetica, con ricadute positivi non solo sul fronte economico, ma anche su quelli della qualità della vita e dell’ambiente, prevede la rilevazione e la comparazione di consumi energetici nei prossimi tre anni per dimostrare la lungimiranza delle soluzioni installate in Casa Domotica. La domotica consente di adattare la casa alle proprie esigenze, orari e ritmi di vita. È possibile, infatti, predisporre scenari (una sequenza programmata di eventi) per avere il clima e l’illuminazione ideale in ogni stanza e, magari, coccolarsi un po’ creando un’atmosfera particolare con profumi e colori ad hoc. Tante e ingegnose  applicazioni non si limitano all’edilizia privata, ma offrono molteplici potenzialità per le aziende, la pubblica amministrazione e perfino le imbarcazioni. Per maggiori ragguagli su questo articolo di Valeria Gasperi si popolis.it, cliccare su: http://www.popolis.it/SezioneEspansa.aspx?EPID=2!2!0!12!52542!  (casa domotica)

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »