Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Posts Tagged ‘autoritratto’

Diana Pintaldi: Autoritratto

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 luglio 2019

Roma 30 luglio 2019 ore 18.00 2019 MACRO Museo d’Arte Contemporanea di Roma Via Nizza 138 – Via Reggio Emilia, 54 Sala Cinema. Dal 30 luglio al 4 agosto 2019 Diana Pintaldi presenta la sua ultima ricerca artistica all’interno dell’Atelier #2 del MACRO – Museo d’Arte Contemporanea di Roma. L’artista, durante il periodo di permanenza al MACRO, pone l’accento su quello che è il processo creativo delle sue opere: il suo lavoro, sviluppatosi negli anni in maniera molto spontanea, inizia con un supporto apparentemente statico, la tela, e con un soggetto apparentemente immobile, l’istante catturato da una fotografia o un fermo immagine. Attraverso sovrapposizioni temporali, cerca successivamente di riconsegnare all’istante il movimento che gli è stato tolto: l’obiettivo è riuscire a dipingere un mo(vi)mento in sospensione in cui tutto può ancora accadere, in cui lo spettatore può sentirsi padrone del tempo avvicinandosi al futuro dell’azione, poichè l’opera è il processo stesso. Partendo dallo studio degli strumenti di animazione basati sulla persistenza retinica, l’artista costruisce anche una sua versione di fenachistoscopio: il visitatore potrà così interagire con l’opera e diventare per qualche secondo padrone del tempo. Diana Pintaldi nasce in una famiglia di artisti a Roma nel 1988. Affascinata già da piccolissima dai fotogrammi che generano i filmati, impara a disegnare usando il fermo immagine. Dopo il Liceo Scientifico, la Laurea in Scienze Motorie le permette di approfondire l’anatomia e il movimento del corpo umano non solo a livello biomeccanico, ma anche come manifestazione armonica-espressiva dell’interiorità dell’individuo. Nel 2014 apre il suo studio per iniziare la ricerca del dinamismo sulla tela. Tra i principali progetti ed esposizioni: 2018 Open studio per Rome Art Week: “The first step”; 2018 Una pallottola nel cuore 3 – RAI in cui uno dei protagonisti è ispirato alle opere dell’artista; 2018 “Mimicry” progetto itinerante negli atelier di artisti; 2018 “Tu vieni dall’infinito”; 2017 “Continuità”; 2017 Open studio per Rome Art Week : “Retrospettiva da Incipit a oggi”; 2017 “Il colore Nascosto delle cose” Regia di Silvio Soldini dove appaiono alcune opere dell’artista; 2016 Progetto di Residenza: “Il Tevere nel MACRO”; 2016/2019 Progetto Fotografico: “Water world”; 2014/2016 “Proiezione“; 2015 Mostra collettiva “Creative Room Art Gallery”, Roma; 2015 Mostra Personale Creative Room Art Gallery, Roma; 2013 “Incipit”. Orari: martedì, mercoledì, giovedì, venerdì e domenica dalle 10.00 alle 20.00 Sabato dalle 10.00 alle 22.00www.museomacro.it

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra “Luciano De Vita. Autoritratto”

Posted by fidest press agency su sabato, 27 luglio 2019

San Giorgio in Poggiale,(via Nazario Sauro 20/2) 4 settembre – 4 ottobre 2019 nel novantesimo anniversario della nascita di Luciano De Vita, Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna e Genus Bononiae e Musei nella città, in collaborazione con ALI – Associazione Liberi Incisori, vogliono ricordare l’artista con una mostra.
Nato ad Ancona ma trasferitosi a Bologna appena sedicenne, Luciano De Vita è diventato un’eccellenza per la città di cui andare orgogliosi: si iscrive nel 1949 all’Accademia di Belle Arti dove frequenta i corsi di pittura di Virgilio Guidi e di Incisione di Giorgio Morandi. Di Morandi diventa assistente, dal 1954 al 1956. Nel 1961 comincia ad insegnare all’Albertina di Torino e l’anno seguente vince la cattedra all’Accademia di Brera di Milano. A Milano resterà fino al 1975, quando torna a Bologna per assumere il corso di Tecniche dell’incisione che fu di Morandi.
Pur non avendo ancora ricevuto il giusto riconoscimento che meriterebbe, Luciano De Vita è senza dubbio uno tra i maggiori incisori del Novecento, ultimo interprete di una tradizione secolare che a Bologna unisce i Carracci a Giorgio Morandi, passando per Giuseppe Maria Mitelli e Antonio Basoli.
Le acqueforti in mostra, provenienti dalla raccolta di un collezionista bolognese, vogliono restituire l’intero arco evolutivo della sua carriera e sono suddivise nelle tre sezioni che corrispondono ai tre periodi con cui la critica è ormai solita suddividere l’opera di De Vita: il periodo accademico dal 1951 al 1956, il periodo informale dal 1957 al 1959 e il periodo della maturità dal 1960 al 1982.
Artista a tutto tondo, De Vita si è misurato anche con la pittura, la scultura e, dagli anni ‘70 con il teatro, per il quale ha lavorato come scenografo e regista. È tuttavia nell’incisione che egli è riuscito a raggiungere esiti tra i più innovativi e personali, sia dal punto di vista della sperimentazione tecnica sia per quanto concerne la drammaticità espressiva. L’esposizione, ospitata non casualmente a San Giorgio in Poggiale, biblioteca che custodisce un ricco patrimonio grafico, si inserisce all’interno dell’attività espositiva che da sempre Fondazione e Genus Bononiae dedicano alle vicende della città e alla riscoperta di pagine poco note della sua storia. In questo senso la mostra su De Vita si affianca a quella su Angelo Caviglioni (2007), a quella su Alfredo Baruffi (2014), su Sante Mingazzi, artista del ferro, legato alla cerchia dell’Aemilia Ars di Alfonso Rubbiani (2015), o ancora su Enrico Barberi e alla vicenda che per oltre vent’anni lo vide alle prese con la fontana del Nettuno (2018).Accompagna la mostra un esaustivo volume, curato da Marco Fiori e Marzio dall’Acqua per le edizioni dell’ALI, che, attraverso una accurata selezione di studi, anche inediti, redatti dai principali critici che si sono avvicinati al lavoro del Maestro, si propone di diventare lo strumento più completo per comprenderne la poetica.
In occasione della mostra sono previsti due incontri di approfondimento sull’artista: mercoledì 25 settembre alle ore 17.30 la presentazione del volume Luciano De Vita (edito da ALI) e della ristampa della cartella Per d’Aubigné (edita da Pendragon), con gli interventi di Marco Fiori, Marzio Dall’Acqua e Antonio Bagnoli. Giovedì 3 ottobre, sempre alle 17.30 la conferenza di Marilena Pasquali dal titolo “La maniera nera di Luciano De Vita. Le prime incisioni 1950-1956”. Ingresso gratuito Orari: lunedì, mercoledì, giovedì, venerdì 9 – 13; martedì 9 – 17

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra: Angelo Titonel

Posted by fidest press agency su martedì, 25 novembre 2014

angelo titonelRoma giovedì 27 novembre 2014, alle ore 17, si inaugura alla MAC Maja Arte Contemporanea (via di Monserrato 30 – Roma) la personale del pittore Angelo Titonel, che torna ad esporre a Roma dopo la mostra antologica del 2001 al Complesso del Vittoriano.Tra i protagonisti più importanti, negli anni Settanta, del Realismo magico italiano, Titonel racconta così l’origine di questo suo ultimo ciclo di lavori, di cui si espone una selezione di quindici dipinti inediti, tutti datati 2014:“Risale agli inizi degli anni Sessanta il mio interesse per la pittura dell’uomo primitivo il quale, attraverso il segno e la forma, esprime in maniera sintetica l’emozione del contatto con gli uomini e con la natura. Ho nel tempo sviluppato un mio linguaggio creativo che, pur mantenendo questi requisiti sintetici, si è andato arricchendo – negli anni – di nuove problematiche col ricambio sociale e con i relativi sviluppi economico-culturali che ne sono seguiti.Questa grafia dei miei lavori recenti mi è stata suggerita dai nuovi primitivi che imbrattano i muri delle nostre città. Di questi gesti provocatori e incolti utilizzo ciò che mi serve per creare un’immagine colta in combinazione con la natura”.La nuvola, nella sua continua trasformazione, suggerisce pensieri introspettivi che lentamente salgono alla superficie cosciente liberando la fantasia. Nella pittura di Angelo Titonel questo processo si traduce in segni e gesti che entrano in rapporto dialettico con la nube stessa, ottenendo una nuova e complessa poesia d’arte visiva.
Nasce a Cornuda (TV) nel 1938. Si trasferisce giovanissimo a Milano dove consegue il diploma alla Scuola Superiore d’Arte Applicata all’Industria del Castello Sforzesco. Opera a Milano in qualità di graphic-designer e art director in agenzie internazionali di pubblicità. Lasciata questa attività per dedicarsi totalmente alla pittura, espone per la prima volta nel 1964 a Velbert (Essen) in Germania.
Trasferitosi a Roma, negli Anni Settanta è tra i protagonisti più importanti del Realismo «magico» italiano. Nel 1973 espone al Museo Civico di Bologna; nel 1974 al Museo d’Arte Contemporanea di Skopije (Macedonia); nel 1994 al Parlamento Europeo di Strasburgo; nel 2001 al Complesso del Vittoriano a Roma; nel 2005 al Museo Olimpico di Losanna; nel 2010 al Palazzo Pubblico Antichi Magazzini del Sale a Siena.
Numerose sono le mostre realizzate in Europa, specialmente in Germania, e negli Stati Uniti (New York).
Invitato a Biennali Internazionali e Quadriennali in Italia e all’Estero (Grand Palais, 1990) riceve numerosi premi e riconoscimenti. Ha realizzato per conto del Palazzo del Quirinale i ritratti dei Presidenti della Repubblica e personaggi storici quali Garibaldi, Mazzini, D’Azeglio e Cavour. Ha inoltre dipinto il quadro ufficiale del Papa Benedetto XVI per il Vaticano, collocato nel Patriarchio-Galleria dei Papi in San Giovanni in Laterano. Su richiesta della Direzione della Galleria degli Uffizi di Firenze, ha realizzato il proprio autoritratto per la Collezione degli Autoritratti degli Artisti della Galleria stessa. Del lavoro di Titonel hanno scritto critici e storici d’arte italiani e stranieri. Nel 1992 si trasferisce a Imola dove vive e lavora.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Autoritratto di Kalongo

Posted by fidest press agency su venerdì, 7 Mag 2010

Siena fino al 26/5/2010 Palazzo Comunale in Piazza del Campo. c/o Cortile del Podestà L’Africa raccontata da giovani apprendisti fotografi Per la prima volta quattro fondazioni, Compagnia di San Paolo, Fondazione Cariparma, Cariplo e Monte dei Paschi di Siena e 14 tra le principali ong italiane stanno realizzando insieme due importanti progetti a favore degli sfollati del Nord Uganda e a sostegno delle popolazioni rurali in Senegal. Oltre all’intervento in loco a favore della popolazione, il progetto Fondazioni4Africa prevede anche un’attività in Italia di restituzione all’opinione pubblica in termini di sensibilizzazione e di educazione rivolta alle scuole, attraverso una serie di eventi itineranti. La mostra, curata da Paola Riccardi, presenta 20 scatti sui conflitti dimenticati e il ritorno a casa realizzati da 20 giovani studenti ugandesi nell’ambito di un laboratorio tenuto da Fotografi Senza Frontiere, onlus che si occupa di allestire laboratori permanenti di fotografia in aree critiche del mondo come strumento di educazione e di auto-rappresentazione. I ragazzi hanno ripercorso e rappresentato la loro esperienza di sfollati fino a raccontare se stessi, i propri sogni e speranze per il futuro. (kalongo)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’autoritratto nella storia dell’arte

Posted by fidest press agency su lunedì, 23 novembre 2009

Roma. E’ stato ed è ancora un punto fondamentale per poter raccontare attraverso il proprio corpo e la propria ricerca pittorica un momento fondamentale di quanto attraverso il colore si esprime la propria idea. Da Leonardo a Van Gogh a qualsiasi altro grande pittore l’autoritratto è stato fondamentale per poter raccontare non solo la propria opera ma anche e soprattutto l’opera nel tempo in cui essa si è sviluppata e l’artista ha vissuto. Il Comune di Roma – Decimo Municipio intende quindi svolgere questa ricerca applicando nella stessa le nuove formule e tecniche esistenti nel contemporaneo web art. L’opera di tutti gli autoritratti inviateci sara’ pubblicata on line – ogni artista avra’ il suo spazio con la sperimentazione dell’autoritratto.Per partecipare bisogna inviare 10 proprie fotografie realizzate dall’artista stesso, primi piani mezzo busto o come si vuole e 10 proprie opere pittoriche. L’operazione autoritratto verrà poi impostata dai nostri tecnici i migliori che sono sul campo i quali sovrapporranno il vostro autoritratto fotografico con quello delle vostre opere. In questo modo si evidenziera’ se tra l’artista e la sua operazione espressa e nell’autoritratto fotografico e  nelle proprie opere sovrapposte alle sue immagini ci sara’ unione creativa ed emotiva oppure contrasto tra  quanto pensa e quanto esprime. Tutti gli artisti saranno comunque presentati uno ad uno in uno spazio web linkato dal Comune di Roma. Per sapere come partecipare o porre altre domande in merito e come inviare le proprie foto autoritratto e le 10 opere da sovrapporre alle stesse, scrivere a giornale@namir.it e in oggetto all’email scrivere Autoritratto nome cognome e un recapito telefonico e che se intende partecipare alla sperimentazione  on line. In questo modo intendiamo realizzare la prima sperimentazione on line visto che gli artisti penseranno a svolgere il proprio compito espressivo sul corpo fotografandosi e noi a sovrapporre al loro autoritratto fotografico l’opera che realizzano. La redazione Namir oltre che concedere il proprio spazio web all’iniziativa in questione offrira’ la massima pubblicita’. Invieremo comunicato stampa ad oltre 3 milioni di email le migliori operazioni riuscite nella sperimentazione.  Tutte le partecipazioni verranno pubblicate completamente su un numero di namir dedicato a questa prima iniziativa e ricerca per l’arte.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Ritrovamento” di un autoritratto di Caravaggio

Posted by fidest press agency su lunedì, 2 novembre 2009

Firenze Il ritrovamento della immagine riflessa nella caraffa di vino del Bacco degli Uffizi (la testa di un personaggio, verosimilmente l’autoritratto dell’artista), già resa nota da Marangoni nel 1922 e successivamente più volte discussa dalla critica, non è una novità, come riportato dalla stampa dopo la comunicazione fattane da Art Test (comunicato ANSA del 29 ottobre 2009). Il ritrovamento diagnostico era già stato documentato dall’Opificio delle Pietre Dure di Firenze grazie alla innovativa strumentazione ottica (scanner Multi NIR) messa a disposizione dall’Istituto Nazionale di Ottica Applicata – CNR di Firenze nell’ambito di un progetto congiunto, avviato nel 2006 e finalizzato alla ricerca dell’underdrawing di Caravaggio.  L’immagine e la relativa documentazione sono state presentate al Convegno “Studying Old Master Paintings – Technology and Practice. The National Gallery Technical Bulletin 30th Anniversary Conference”, un consesso internazionale che riuniva gli esperti dei laboratori di restauro più importanti del mondo, tenutosi alla National Gallery di Londra dal 16 al 19 settembre 2009,  i cui atti sono in corso di stampa.  La conferenza presentata a Londra, Caravaggio’s underdrawing: A ‘Quest for the Grail’? , da Cecilia Frosinini, Roberto Bellucci (Opificio delle Pietre Dure) e Luca Pezzati (Istituto Nazionale di Ottica Applicata) verteva su una più ampia serie di scoperte relative alla tecnica artistica di Caravaggio e in particolare al rinvenimento di vari esempi di underdrawing, di cui la presentazione della testina riflessa (peraltro parzialmente visibile anche ad occhio nudo)  era solo un dettaglio curioso.  Le scoperte sono state prontamente segnalate dalla stampa di settore: Giorgio Bonsanti, nella recensione al Convegno di Londra pubblicata su “Il Giornale dell’Arte” (ottobre 2009), rilevava l’impatto scientifico della comunicazione, mentre Emily Sharpe, in The Art Newspaper, novembre 2009, si è interessata particolarmente della testina riflessa.  I temi scientifici dello studio su Caravaggio, frutto del lavoro congiunto dei due Istituti, in stretta collaborazione con i responsabili dei Musei proprietari delle opere, hanno quindi la primaria finalità di indagare nel suo complesso il disegno preparatorio del grande artista, finora ritenuto assente, e saranno presto a disposizione della comunità scientifica nella edizione degli Atti del Convegno. (Cecilia Frosinini e Roberto Bellucci, Opificio delle Pietre Dure, Firenze)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’autoritratto ritrovato

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 giugno 2009

RITRATTO RESTAURATORoma 5 giugno ore 18,30 sale del bramante-piazza del popolo. Conferenza stampa sul tema “la chiave di leonardo l’autoritratto ritrovato”, una tavola scoperta in Lucania dal noto studioso medievalista Nicola Barbatelli e divenuta famosissima in tutto il mondo in appena tre mesi. la conferenza sara’ curata da noti accademici e scienziati che tratteranno l’attribuzione autografa al genio di vinci. l’evento sara di carattere  scientifico-culturale e di notevole interesse. L’iniziativa è della direzione del museo delle antiche genti di lucania-vaglio basilicata (pz).  (autoritratto ritrovato)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »