Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Posts Tagged ‘bagagli’

Ryanair: ennesima modifica alle tariffe sui bagagli

Posted by fidest press agency su venerdì, 31 maggio 2019

Il comportamento della compagnia continua ad essere poco trasparente e disorienta i consumatori. Non c’è pace per i passeggeri che viaggiano con RyanAir. La low cost irlandese continua a modificare le tariffe e le regole sui bagagli a mano, perseverando in una condotta poco trasparente e che genera confusione nei consumatori. In questi giorni i costi sono cambiati di nuovo e non è facile per i consumatori orientarsi nella giungla tariffaria creata dalla compagnia irlandese, quindi facciamo un breve riepilogo per chiarire il quadro della situazione… almeno fino al prossimo cambiamento!
Con la tariffa “basic” il passeggero può portare in cabina SOLO una piccola borsa personale, delle dimensioni massime di 40x20x25 cm. Per aggiungere, al momento della prenotazione, l’opzione che include un secondo bagaglio a mano (dimensioni massime 55x40x20 cm, peso fino a 10 kg) e l’imbarco prioritario il costo varia da 6 a 12 €. A tale proposito sottolineiamo anche un altro aspetto: al momento della prenotazione il consumatore deve, per poter portare a bordo il secondo bagaglio, acquistare anche l’imbarco prioritario, poiché non esiste un’opzione che consenta di aggiungere al biglietto SOLO il bagaglio a mano e che assicuri al passeggero di avere lo spazio necessario a posizionare la valigia in cabina. La compagnia obbliga così i viaggiatori a pagare per entrambi i servizi (imbarco prioritario e secondo bagaglio a mano).
Nel caso in cui il biglietto non includa l’opzione “secondo bagaglio” e il passeggero voglia acquistarla direttamente in aeroporto, il prezzo arriva a 20 euro per l’acquisto al banco deposito bagagli e addirittura a 25 euro per l’acquisto al gate di imbarco.
Ricordiamo che Ryanair e Wizzair sono state sanzionate dall’Antitrust proprio in merito alla policy sui bagagli (anche se il provvedimento dell’AGCM è stato sospeso da parte del TAR del Lazio) e che comunque è da tempo che la compagnia mette in atto comportamenti a dir poco equivoci: si tratta di una condotta che, non ci stanchiamo di ribadirlo, non solo genera confusione ma che di fatto impedisce la concreta e reale comparabilità con le tariffe applicate dagli altri vettori. Il comportamento di Ryanair, oltre a provocare un continuo aumento dei costi, è un vero e proprio affronto al diritto degli utenti alla trasparenza e alla completezza delle informazioni.

Posted in Estero/world news, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ryanair cambia nuovamente la politica sui bagagli

Posted by fidest press agency su mercoledì, 29 agosto 2018

Dal 1° novembre non sarà più possibile viaggiare gratuitamente con un trolley di dimensioni ridotte, neanche imbarcandolo in stiva come è invece oggi, ma si dovrà comunque pagare.
“Di male in peggio! Vigileremo perché questa nuova ed ennesima gabella sia evidenziata in modo chiaro e trasparente sul sito, altrimenti procederemo con un altro esposto all’Antitrust, denunciando la compagnia per l’ingannevolezza della pratica commerciale” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.L’associazione di consumatori, infatti, ha denunciato all’Antitrust pochi giorni fa la compagnia aerea irlandese che dal 13 giugno ha ristretto, da 4 a 2 giorni, i termini per poter effettuare il check-in on line gratuito, senza che scatti la penale di 55 euro. La sovrattassa, infatti, secondo l’UNC, non è indicata in modo chiaro e trasparente. Il costo della penale, infatti, non è indicato né nei Termini e Condizioni né nel “Regolamento Ryanair su argomenti specifici”, né nelle “Domande Frequenti”, bensì è scritto in corrispondenza della voce “Tassa Check-In” che si trova nella “Tabella Supplementi Facoltativi”.Ma per l’associazione è evidente che non si tratta di un supplemento facoltativo, dato che non è una somma pagata per fruire di un servizio migliorativo rispetto a quello base o, comunque, di una spesa che il consumatore può decidere liberamente se acquistare o meno, come avviene per servizi extra. Da qui la segnalazione all’Antitrust affinché accerti se la pratica commerciale di Ryanair è scorretta e presenta eventuali profili di ingannevolezza ai sensi degli articoli 20 e seguenti del Codice del Consumo.

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Bagagli smarriti: la tecnologia italiana conquista oltre 2.000 aeroporti nel mondo

Posted by fidest press agency su sabato, 2 giugno 2018

Grandi novità per quei viaggiatori aeroportuali di tutto il mondo che si trovassero a dover affrontare lo smarrimento del proprio bagaglio. Da oggi sarà infatti molto più facile per loro avere una comunicazione diretta, tramite il proprio smartphone, con gli uffici aeroportuali Lost & Found di oltre 2000 aeroporti in tutto il mondo.Dopo l’implementazione VoIP apportata da TelcaVoIP International, azienda specializzata in telecomunicazioni VoIP in tutta Europa, tramite l’App Safebag24, grazie alla quale ogni viaggiatore può seguire e rintracciare il proprio bagaglio, entrando in contatto telefonico diretto con i Lost & Found di oltre 2.000 aeroporti, TelcaVoIP ha iniziato ora l’implementazione diretta delle “Hot Line” Lost & Found nei 60 maggiori aeroporti della Federazione Russa.L’obiettivo è arrivare a servire i 250 maggiori aeroporti della Federazione Russa grazie anche alla partnership in essere con Safe-Bag Spa, ovvero il leader mondiale della protezione bagagli. TelcaVoIP ha così rafforzato la propria leadership nella gestione delle comunicazioni tra gli uffici aeroportuali Lost & Found di numerosi aeroporti internazionali ed i viaggiatori che loro malgrado si trovino a dover rincorrere il proprio bagaglio smarrito. Dopo la conquista di numerosi aeroporti internazionali in Europa, America del Nord ed America Latina, questo è un nuovo importante traguardo per l’azienda di telecomunicazioni Anglo-Moldava che però ha cuore e cervello Made in Italy.

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Viaggiare in aereo e perdere i bagagli

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 agosto 2011

Terminate le vacanze si torna, si aspetta il bagaglio davanti al nastro trasportatore e, con un tonfo al cuore, si constata che la propria valigia non c’e’ o arriva con la maniglia divelta o il carrellino privo di ruote. Che fare? La prima cosa e’ quella di andare all’Ufficio oggetti smarriti (lost&found), presentare il proprio biglietto, il tagliando del bagaglio e compilare un modulo. Queste operazioni servono per avviare le ricerche del bagaglio perso. Il viaggiatore che vuole essere risarcito, per il bagaglio perso o danneggiato, deve presentare anche una denuncia alla compagnia aerea entro 21 giorni in caso di ritardo e entro 7 giorni in caso di danneggiamento. Spesso si dimentica di effettuare quest’operazione, confortati dalle assicurazioni degli addetti all’Ufficio oggetti smarriti che il bagaglio sara’ prontamente ritrovato e riconsegnato. Occorre pero’ fare attenzione ai tempi entro i quali fare la denuncia, poichè si rischia di non ricevere il risarcimento dovuto. La Convenzione di Montreal o di Varsavia stabiliscono valori diversi e prevedono un rimborso a bagaglio, indipendentemente dal valore del bene perduto (salvo il caso di maggiore dichiarazione di valore):
• Per gli Stati che aderiscono alla Convenzione di Montreal: in caso di distruzione, perdita, danno o ritardo si ha diritto ad un risarcimento fino a 1.134 euro;
• Per gli Stati che non aderiscono alla Convenzione di Montreal: per smarrimento o danno si ha diritto ad un risarcimento di 19 euro a kg di bagaglio.
Si può chiedere anche il rimborso degli abiti acquistati, allegando le ricevute e il risarcimento del danno “biologico” subìto, la cui quantificazione e’ lasciata alla valutazione del passeggero che, per avere soddisfazione, dovra’ con molta probabilita’ rivolgersi al Giudice di pace.

Posted in Diritti/Human rights, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Viaggiare in aereo e perdere i bagagli

Posted by fidest press agency su martedì, 11 gennaio 2011

Terminate le vacanze natalizie si torna, si aspetta il bagaglio davanti al nastro trasportatore e, con un tonfo al cuore, si constata che la propria valigia non c’è o arriva con la maniglia divelta o il carrellino privo di ruote. Che fare? La prima cosa è quella di andare all’Ufficio oggetti smarriti (lost&found), presentare il proprio biglietto, il tagliando del bagaglio e compilare un modulo. Queste operazioni servono per avviare le ricerche del bagaglio perso. Il viaggiatore che vuole essere risarcito, per il bagaglio perso o danneggiato, deve presentare anche una denuncia alla compagnia aerea entro 21 giorni in caso di ritardo e entro 7 giorni in caso di danneggiamento. Spesso si dimentica di effettuare quest’operazione, confortati dalle assicurazioni degli addetti all’Ufficio oggetti smarriti che il bagaglio sara’ prontamente ritrovato e riconsegnato. Occorre pero’ fare attenzione ai tempi entro i quali fare la denuncia, poiche’ si rischia di non ricevere il risarcimento dovuto. La Convenzione di Montreal o di Varsavia stabiliscono valori diversi e prevedono un rimborso a bagaglio, indipendentemente dal valore del bene perduto (salvo il caso di maggiore dichiarazione di valore): * Per gli Stati che aderiscono alla Convenzione di Montreal: in caso di distruzione, perdita, danno o ritardo si ha diritto ad un risarcimento fino a 1.134 euro;
* Per gli Stati che non aderiscono alla Convenzione di Montreal: per smarrimento o danno si ha diritto ad un risarcimento di 19 euro a kg di bagaglio. Si puo’ chiedere anche il rimborso degli abiti acquistati, allegando le ricevute e il risarcimento del danno “biologico” subìto, la cui quantificazione e’ lasciata alla valutazione del passeggero che, per avere soddisfazione, dovra’ con molta probabilita’ rivolgersi al Giudice di pace. (Primo Mastrantoni, segretario dell’Aduc)

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Disservizi Aeroporti

Posted by fidest press agency su giovedì, 24 dicembre 2009

Adiconsum: Necessario un Fondo bilaterale per risarcire i passeggeri. Il Presidente di Enac, Vito Riggio, ha chiesto una relazione sulla gestione di emergenza maltempo da parte delle società aeroportuali, il Direttore di Enac ha preannunciato la convocazione delle società di gestione degli aeroporti dopo il periodo natalizio, per una verifica della gestione degli aeroporti e, soprattutto, della preparazione strutturale degli scali rispetto al verificarsi di situazioni di difficoltà meteo. Come dire – dichiara Paolo Landi, Segretario Generale Adiconsum – che si chiudono leporte dopo che i buoi sono fuggiti.In estate abbiamo assistito ad un sistema aeroportuale a brandelli, con perdite di bagagli, overbooking selvaggio, ritardi e voli cancellati, fallimenti di intere compagnie aeree, senza che l’Enac ritenesse opportuno convocare per trovare le giuste soluzioni le Associazioni dei Consumatori, nonostante avesse annunciato in giugno un’apposita riunione per la valutazione dell’accaduto successivamente alle ferie estive. A poche ore dalle partenze per le vacanze natalizie lo spettro di ulteriori disservizi, oltre a quelli registrati in questi giorni, è sempre più concreto, non essendoci stato alcun intervento teso ad affrontare e risolvere i disservizi radicati in un sistema di trasporto aereo pensato negli anni ’60. Il Ministro Matteoli, a fronte di tale drammatica realtà, non trova di meglio che annunciare aumenti delle tariffe aeroportuali a carico di passeggeri e turisti. Come dire – continua Pietro Giordano, Segretario Nazionale Adiconsum – che al danno si aggiunge la beffa. Adiconsum chiede ad Enac la convocazione urgente del tavolo negoziale che affronti una volta per tutte i disservizi prodotti dalle aziende del volo e ribadisce che solo la creazione di un Fondo bilaterale, costituito dalle Associazioni dei Consumatori, dalle Associazioni delle Aziende aeroportuali e delle compagnie aeree, sotto il controllo dell’Enac, alimentato con una quota minima per tratta a carico delle Aziende, può dare immediato e concreto rimborso ai passeggeri danneggiati e può rivalersi nei confronti di aziende aeroportuali e compagnie aeree che producono i suddetti disservizi. Adiconsum, ha stilato un decalogo sui diritti dei passeggeri, quale strumento di informazione e difesa dei consumatori.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Aeroporti

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 ottobre 2009

Adiconsum accoglie positivamente – afferma Paolo Landi, Segretario Generale Adiconsum – le dichiarazioni del Commissario Europeo ai Trasporti, Antonio Tajani, che recepiscono le nostre sollecitazioni in merito alla realizzazione di un Regolamento Europeo che dia garanzie alle migliaia di passeggeri e di turisti. Altrettanta soddisfazione Adiconsum manifesta per l’istituzione di un Fondo ad hoc, che superi il Fondo di Garanzia in essere e che risarcisca i consumatori colpiti dal fallimento di compagnie aeree. Adiconsum propone poche, ma significative riforme, in merito alla perdita dei bagagli  e vacanze rovinate: – reale potere di vera Authority del Trasporto Aereo al’Enac, per il controllo, la prevenzione e il sanzionamento dei disservizi a danno dei passeggeri, senza dar vita ad ulteriori Autorità del Volo; –  sanzioni certe e con effettivo potere deterrente alle compagnie aeree, e non multe simboliche ed una tantum (attualmente la sanzione è di duemila euro al di là della quantità di bagagli persi). Tali multe dovrebbero confluire in un costituendo Fondo capace di risarcire prontamente le “vittime” dei disservizi aerei; – costituzione di un Ente Bilaterale, formato pariteticamente dalle Aziende del Volo e del Turismo e dalle Associazioni dei Consumatori, controllato dall’Enac, attraverso la nomina del Presidente del Collegio dei revisori, che abbia tra i suoi scopi, non solo la gestione del costituendo Fondo, ma anche la realizzazione di un Osservatorio stabile del settore, capace di monitorare il comparto e quelli ad esso strettamente connessi, come il turistico; – conciliazione pre-giudiziale dei reclami e dei contenziosi tra consumatori e aziende del volo e turistiche, con effetti positivi di decongestionamento della giustizia pubblica; – implementazione della informazione sui diritti dei passeggeri; individuazione di criteri e standard, concordati, nei sistemi di qualità; – gestione, da parte dell’Ente Bilaterale così come descritto, del Fondo proposto dal Vice Commissario Tajani, non solo per la tutela dei consumatori colpiti dai fallimenti di compagnie aeree, ma anche per la gestione dei danni subiti dai passeggeri e dai turisti per la perdita dei bagagli e per vacanze rovinate. Adiconsum propone che il Fondo sia a carico delle compagnie aeree, alimentato da una quota da stabilire per ogni tratta venduta, oltre che dalle sanzioni irrogate per la perdita dei bagagli. Non è possibile, secondo Adiconsum, continuare a escludere le associazioni dei consumatori, che sono i rappresentanti delle “vittime” dei disservizi, immaginando di promuovere un sistema in cui i controllati coincidono con i controllori!

Posted in Diritti/Human rights, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Aerei: no ad aumenti del costo del biglietto

Posted by fidest press agency su mercoledì, 30 settembre 2009

I consumatori non possono e non devono pagare i disservizi delle compagnie aeree, degli handler e delle società di gestione degli Aeroporti. Adiconsum: subito un Fondo di Garanzia a carico delle Aziende del Volo, per risarcire con celerità la perdita dei bagagli; subito multe dissuasive per ogni bagaglio perso; subito un Fondo mutualistico per risarcire i turisti per vacanze rovinate Il Ministro Matteoli annuncia aumenti dei costi del biglietto aereo da 1 a 3 euro, mascherandoli con “adeguamenti”. Adiconsum dice basta a questo modo di agire e chiede: 1)   un Fondo bilaterale tra Associazioni dei Consumatori e Associazioni delle Aziende del Volo, controllato da Enac, che risarcisca con celerità i passeggeri e i turisti in caso di disservizi subiti. Il Fondo sia alimentato da un euro a tratta a carico delle aziende del volo; 2)   sanzioni di 500 euro a carico delle compagnie aeree e degli handler per ogni bagaglio perso; 3)   un Fondo bilaterale tra Associazioni dei Consumatori e Associazioni delle Aziende del Turismo (Agenzie Viaggio, Tour Operator), controllato dal Ministero del Turismo, che risarcisca i danni subiti dai turisti per “vacanza rovinata” ed alimentato con le sanzioni di 500 euro per la perdita dei bagagli e con un euro a carico delle Aziende Turistiche per ogni tratta contenuta nei pacchetti turistici. Basta con le furbizie! Benetton e altre grandi Aziende che controllano le società del trasporto aereo, non possono continuare a pensare che il rilancio del settore sia pagato solo, sempre e comunque dai consumatori.

Posted in Cronaca/News, Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Aeroporti. No all’aumento delle tariffe

Posted by fidest press agency su martedì, 29 settembre 2009

Dopo averci offerto una marea di disservizi, dai bagagli persi a quelli che arrivano in ritardo e danneggiati e dopo le condizioni igieniche disastrose, ora le societa’ aeroportuali vogliono un aumento delle tariffe, proposta che trova il sostegno del ministro ai Trasporti, Altero Matteoli. Insomma oltre al danno anche la beffa. Cosi’ comprendiamo il perche’ dell’atteggiamento morbido che il ministro ha avuto questa estate quando e’ esploso il problema dei bagagli. Ricordiamo che i passeggeri hanno gia’ subito un aumento, da 1 a 3 euro della “tassa di solidarieta’”  per i lavoratori che perdono il posto nel settore del trasporto aereo (dicasi Alitalia). Adesso si aggiunge un ulteriore aumento “giustificato” dagli investimenti dei gestori (soprattutto monopolisti) degli aeroporti. Noi siamo dell’idea che prima occorre offrire un servizio migliore e poi chiedere un aumento. Della serie “ok, il prezzo e’ giusto”. Qui di giusto non c’e’ proprio nulla. Si paventa l’ipotesi che gli aumenti siano attuati solo per i prossimi 18 mesi. Ricordiamo al ministro che stiamo pagando ancora l’addizionale sulla benzina per la guerra di Abissinia (Etiopia). Il ministro Matteoli se n’e’ dimenticato? (fonte aduc)

Posted in Cronaca/News, Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Perdita bagagli negli aeroporti

Posted by fidest press agency su sabato, 29 agosto 2009

Se non aumentano le sanzioni da comminare alle Compagnie aeree per i disservizi nella restituzione del bagaglio a loro affidato dai viaggiatori e al contestuale più oneroso risarcimento ai danneggiati, sarà difficile che si potrà rientrare alla normalità. E’ questo il parere dell’Associazione consumatori Aiconsm. Nello specifico “Adiconsum chiede al Vicepresidente Tajani e al Ministro Matteoli urgenti norme europee e italiane e sanzioni pesanti per ogni bagaglio perso”. Si ricorda, infatti, che le sanzioni oggi comminate dall’Enac “sono ridicole (duemila euro) mentrre le compagnie se la cavano, nei confronti dei viaggiatori con qualche centinaio di euro”. Una vessazione inaccettabile –  dichiara Paolo Landi, Segretario Generale Adiconsum – quella subita dai passeggeri negli scali degli aeroporti italiani cui bisogna mettere mano. Adiconsum – afferma  Pietro Giordano, Segretario Nazionale Adiconsum – chiede all’Europa e all’Italia il varo urgentissimo di norme a tutela reale dei consumatori con sanzioni pesanti, ad esempio 500 euro, per ogni bagaglio smarrito, da sommare al risarcimento dovuto al passeggero che ha subito lo smarrimento. Non, quindi,  sanzioni “generaliste”, ma parametrate alla quantità ed all’inefficienza del disservizio. Adiconsum chiede, inoltre, all’Enac la convocazione urgente anche delle Associazioni dei Consumatori e delle Associazioni delle aziende del turismo, unitamente alle associazioni aeroportuali e del trasporto aereo.

Posted in Cronaca/News, Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Benzina: come risparmiare

Posted by fidest press agency su sabato, 25 luglio 2009

Carissima benzina. Non e’ l’inizio di una lettera ma, purtroppo, la constatazione che il carburante, indispensabile alla nostri spostamenti specialmente per chi si appresta a partire per le vacanze, incide notevolmente sui costi della villeggiatura.  Alcuni suggerimenti per risparmiare ci appaiono utili. Ecco i consigli.* Scegliere il “fai da te” nel rifornimento fa risparmiare, anche se e’ scomodo; * Si risparmia fino al 30% mantenendo la velocita’ a 2/3 di quella massima  consentita dalla propria auto;* Si risparmia fino al 30% con un carico di bagagli non eccessivo. Da evitare carichi esterni;* Si risparmia fino al 10% con una conduzione dolce della guida;* Si risparmia fino all’11% con un uso accorto del condizionamento. Meglio utilizzare il ricircolo dell’aria gia’ rinfrescata;* Si risparmia fino al 10% con una corretta pressione dei pneumatici; * Si risparmia fino al 10% spegnendo il motore in caso di lunghe file. (Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Più diritti per chi viaggia in autobus

Posted by fidest press agency su venerdì, 24 aprile 2009

Il Parlamento europeo si è pronunciato su una proposta legislativa che stabilisce un quadro comunitario sui diritti dei passeggeri di autobus nel trasporto nazionale e internazionale. Fissa gli obblighi dei vettori, compresi gli indennizzi, in caso di cancellazione o ritardo, smarrimento o danneggiamento dei bagagli e decesso o lesioni dei passeggeri. Sancisce i diritti dei disabili, incluso quello all’assistenza, e intende garantire l’informazione dei passeggeri e la possibilità di reclamare. Con riguardo al rapporto passeggeri-chilometro, il trasporto effettuato con autobus rappresenta il 9,3% di tutti i servizi di trasporto terrestre nell’UE e – dopo l’automobile privata (82,8%) – costituisce il principale mezzo di trasporto di persone (8,3% di tutti i modi di trasporto). Il settore è protagonista di una crescita costante dell’ordine del 5,8% tra il 1995 e il 2004, passando dai 474 ai 502 milioni di persone trasportate. Il volume di viaggiatori che utilizzano il trasporto internazionale con autobus si aggira intorno ai 72,8 milioni di persone all’anno. Attualmente, però, non esiste una disciplina comune relativa al trattamento dei reclami e alla composizione delle controversie tra i viaggiatori e le imprese di trasporto e vi sono notevoli differenze tra le norme sulla responsabilità delle imprese di trasporto.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »