Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Posts Tagged ‘banca etruria’

Boschi è una primula “rara”?

Posted by fidest press agency su lunedì, 26 febbraio 2018

“Renzi lamenta la mancanza di confronti tv durante questa campagna elettorale… ma se io sono dovuta arrivare fino a Bolzano per un confronto con Maria Elena Boschi, catapultata lì per avere un collegio sicuro. L’ho rincorsa per tutto il giorno, l’ho raggiunta persino nell’hotel dove era alloggiata, ma non c’è stato verso di incontrarci… Mentre Boschi annullava tutti gli appuntamenti della giornata, per un’improvvisa influenza. Non è abituata al freddo di Bolzano?
Continua a dire che il suo interesse su Banca Etruria nasca dal fatto di avere a cuore i propri concittadini di Arezzo, e allora perché non si confronta con me? La commissione di inchiesta sulle banche, grazie a Giorgia Meloni ed il lavoro del centrodestra, ha smascherato gli inganni del salva-banche. Mentre il Partito Democratico è abituato a mettere la polvere sotto il tappeto, tanto che in campagna elettorale il tema banche e risparmiatori è stato completamente silenziato. Ancora migliaia di risparmiatori sono azzerati di tutti i loro risparmi, e oltre a questo non si è fatto nulla per rimediare alla cattiva gestione di tantissime banche italiane: ci troviamo di fronte ad uno stallo che tutt’ora blocca il sistema e del quale la politica dovrebbe farsene carico.” E’ quanto dichiara Letizia Giorgianni, candidata alla Camera per Fratelli d’Italia e presidente dell’associazione “Vittime del Salva-Banche”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La Boschi e i conflitti d’interesse

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 dicembre 2017

camera deputati“Lo ripeto, l’avevo detto già altre volte: io e il mio partito abbiamo votato contro la sfiducia individuale al ministro Boschi in Parlamento. Però, non prendiamoci in giro. Noi abbiamo acquisito, dai lavori della Commissione, che tra gennaio e marzo, forse anche aprile, 2014 Banca Etruria è soggetta a ispezioni della Banca d’Italia, ispezioni che evidenziano notevoli criticità. Abbiamo appurato un attivismo, in questi stessi mesi, non solo della Boschi, ma anche del presidente Renzi, con Vegas, Visco e Panetta. E poi, a fine 2014, ancora attivismo della Boschi su Ghizzoni, mentre si sta preparando il decreto sulle popolari.Tutto questo sta a significare un crogiolo di conflitti di interessi. Siamo certamente di fronte ad una situazione molto confusa e molto opaca”. Lo ha detto Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, intervenendo in Commissione parlamentare di inchiesta sul sistema bancario e finanziario, durante l’audizione di Federico Ghizzoni, ex amministratore delegato di Unicredit.
A sua volta l’on.le Fabio Rampelli dichiara: “Le affermazioni eclatanti dell’ad di Unicredit Ghizzoni smascherano la bassezza del livello morale ed etico di Renzi, Boschi e di tutto il Pd che sapeva e non ha fatto nulla per arrestare questa deriva affaristica. Avevamo intuito la putrescenza del materiale umano, ma le continue interferenze della Boschi ci lasciano di sasso. La sua delega al governo, all’epoca dei fatti, era sulle riforme costituzionali e i rapporti con il Patlamento, niente giustifica la sua onnipresenza nelle relazioni con il sistema bancario se non la tutela degli interessi di famiglia in Banca Etruria. Dopo averla spolpata, la famiglia Boschi utilizzava il ministro Maria Elena per mendicare un salvataggio vantaggioso, fino a usare il noto faccendiere amico e benefattore di Matteo Renzi Carrai che nella sua email a Ghizzoni sollecita una risposta all’incontro tra lui e la Boschi, nel rispetto dei ruoli. Già, ma lui non ne aveva e, quindi, sollecitava a nome della Boschi. Una vicenda squallida che sconvolge le istituzioni. Gente che ha giurato fedeltà alla Costituzione e che andrebbe ora messa sotto accusa per alto tradimento. Se esistesse la possibilità di farlo saremmo i primi”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Banca Etruria e le fake news

Posted by fidest press agency su domenica, 17 dicembre 2017

banca d'itaa“Prima fake news: non è vero che Banca Etruria è stata commissariata dal governo Renzi. Il commissariamento è stato chiesto da Bankitalia che ne ha la competenza e il governo, per atto dovuto, si è limitato a ratificare a ratificare la richiesta. Seconda fake news: non è vero che il governo Renzi ha tutelato i risparmiatori truffati. Con il decreto salva banche l’esecutivo ha scudato gli amministratori delle banche fallite impedendo ai risparmiatori di potersi rivalere su di loro se non attraverso un arbitro, con arbitri nominati dal governo.” È quanto scrive su Facebook il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni che continua: “La tenuta della Boschi che continua a sostenere cose non vere mi stupisce ma su una cosa sono d’accordo con lei: il caso di Banca Etruria non è “il” caso delle banche italiane e neanche l’emblema della commistione tra sinistra e banche italiane (pensiamo a MPS) ma questo non toglie che c’è un enorme conflitto di interessi di questi governi col sistema bancario, che è costato agli italiani miliardi e miliardi di euro e rispetto al quale pretendiamo chiarezza immediata.”

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Banca Etruria: sanzioni in arrivo

Posted by fidest press agency su mercoledì, 9 agosto 2017

consobSecondo Repubblica sarebbero in arrivo le sanzioni della Consob per gli ex vertici di Banca Etruria.”Ovviamente, se fosse vero, meglio tardi che mai! Certo, come al solito, si tratterebbe di provvedimenti a dir poco tardivi, decisi ex post, dopo che i buoi sono già scappati ed i risparmiatori rimasti con un pugno di mosche. Un fatto grave, che dimostra come funzionano poco gli organismi che dovrebbero vigilare, controllare e tutelare il risparmio” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.
“Chiediamo, comunque, il sequestro dei beni della dirigenza responsabile di eventuali violazioni e che questi soldi vadano a risarcire i risparmiatori” conclude Dona. (n.r. Come dire: quando le pecore scappano si chiude la stalla. E non ci vengono a dire in campagna elettorale che i colpevoli sono stati sanzionati. Alla beffa si aggiungerebbe lo scorno o meglio come dicono a Napoli: cornuti e mazziati).

Posted in Diritti/Human rights, Economia/Economy/finance/business/technology, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

MPS: Il Governo ha imparato dal caso Etruria, ma ora serve una soluzione sistemica per le sofferenze bancarie

Posted by fidest press agency su lunedì, 26 dicembre 2016

sienaA giudicare dal comunicato ufficiale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, i provvedimenti presi per il salvataggio del Monte dei Paschi di Siena tutelano completamente i risparmiatori coinvolti. Apprendiamo, infatti, che gli obbligazionisti subordinati con obbligazioni Tier 2 (praticamente tutti i piccoli investitori) potranno scegliere fra una conversione in azioni al valore nominale (100%) oppure la conversione in obbligazioni non subordinate. Oggettivamente si tratta di una soluzione ottima, ma – come sempre – il diavolo sta nei dettagli e fino a quando l’articolato non sarà disponibile non scopriremo ad esempio come il Governo ha pensato di distinguere l’investitore retail dallo speculatore istituzionale. Benissimo, infatti, tutelare i risparmiatori ma al tempo stesso non si possono regalare soldi a coloro che hanno speculato su questa situazione. In ogni caso, una volta che il Governo fa una cosa buona a favore dei risparmiatori è corretto evidenziarla cosi’ come facciamo le molte volte che fanno cose improponibili.
etto questo, resta il nodo principale che è quello di un intervento sistemico. La soluzione trovata per l’emergenza (la garanzia sulle obbligazioni emesse per la liquidità immediata, l’intervento nel capitale dello Stato) è sicuramente positiva, ma se non si troverà in tempi rapidissimi una soluzione definitiva per il problema delle sofferenze bancarie, rischiamo fra un anno di dover tornare in Parlamento a chiedere un’ulteriore aumento del debito pubblico per ampliare il fondo per i salvataggi bancari, senza aver risolto definitivamente il problema. (Alessandro Pedone, responsabile Aduc per la Tutela del Risparmio)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Banca Etruria: 180 milioni di prestiti concessi e mai rientrati. Sul lastrico 150 mila risparmiatori

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 dicembre 2016

salva bancheConcluse le indagini su Banca Etruria con 22 richieste di rinvio a giudizio per gli accusati di bancarotta fraudolenta. Ricordiamo che la principale causa del fallimento della popolare aretina, e quindi dell’avvio dell’inchiesta è stata l’erogazione di crediti contestati o l’agevolazione degli stessi. Nello specifico, le aperture sono state concesse: alla società Sacci per 60 milioni, alla Privilege Yard per 30 milioni e altri finanziamenti concessi alla San Carlo Borromeo, a Isoldi, a città Sant’Angelo a un cantiere navale a Civitavecchia, alla Pegasus, alla High Facing e alla Castelnuovese.Si parla di 180 milioni di prestiti concessi e mai rientrati. Il fallimento della banca ha polverizzato oltre 400 milioni di euro e mandato sul lastrico 150 mila risparmiatori. Per questo Codici ha deciso di invitare gli obbligazionisti che vogliono costituirsi parte civile nel processo a contattarci, in quanto offriremo loro assistenza legale gratuita.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Banca Etruria: micidiale groviglio di interessi renziani

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 giugno 2016

bancaDichiarazione dell’onorevole Renato Brunetta, presidente dei deputati di Forza Italia: “In merito al sistema bancario italiano e a quanto accaduto negli ultimi mesi Banca Etruria merita un discorso a parte. Non tanto per la grandezza – Banca Marche è un caso di dimensioni maggiori – quanto per il micidiale groviglio di interessi che per molti anni si è sostanziato in una dissennata politica di prestiti di cui fin d’ora risulta essere stata beneficiaria la nomenklatura renziana. Quel poco che è dato conoscere trapela dai rilievi del commissario Santoni. Silenzio assordante, invece, sul versante della Procura di Arezzo, il cui inquirente Rossi ha prima negato di conoscere Pierluigi Boschi, padre del ministro e vicepresidente della banca, e poi è risultato addirittura essere un consulente del DAGL di Palazzo Chigi, regnante Renzi. Ma il CSM a trazione renziana ha preferito sorvolare. Cosa dobbiamo pensare, infine, dei recenti avvicendamenti nella GdF, polizia giudiziaria nel caso Etruria? Non manca chi ha messo in relazione tanto la nomina del comandante generale, Toschi, quanto la rimozione del comandante dei reparti speciali, generale Carta, con la vicenda Etruria”.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »