Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 344

Posts Tagged ‘bancomat’

Governo: La tassa sul bancomat

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 settembre 2019

Così, potremmo definire la proposta della Confindustria di tassare, al 2%, il prelievo di denaro dal bancomat, superiore a 1500 euro mensili. Non sappiamo se la proposta della Confindustria troverà consenso in sede governativa, ma ha tutta l’aria della palla alzata per essere poi essere schiacciata. Chi alza è la Confindustria e chi schiaccia è il governo.La domanda sorge spontanea: perché un risparmiatore deve pagare una tassa per prelevare soldi sui quali ha già pagato le tasse? Serve per incentivare l’uso delle carte, dichiara la Confindustria, perché una analoga percentuale, cioè il 2%, sarebbe utilizzata come credito di imposta per chi paga con le carte. Già, cosi si innesca un meccanismo complicato, perché la detrazione verrebbe applicata quando si farà la dichiarazione dei redditi.Insomma, il debito si paga subito, il credito si avrà in seguito. Un film già visto.Nel nostro Bel Paese ci sono circa 108 miliardi di evasione fiscale e contributiva. Basterebbe controllare i settori a maggior rischio, piuttosto che inventarsi tasse aggiuntive per il contribuente che le tasse già le paga. (Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cinque stelle: il bancomat della politica italiana

Posted by fidest press agency su martedì, 27 agosto 2019

Quanto accade in questi giorni ha creato disorientamento nell’opinione pubblica. Lo avverto nei conversari della gente di tutte le età ed estrazioni sociali e livelli d’istruzione. Senza la pretesa di considerare i miei contatti dei sondaggi d’opinione in quanto non ne hanno i presupposti essendomi limitato ad ascoltare più che a porre domande devo convenire che questo modo di procedere dei politicanti non è piaciuto. Alla base di tutto ciò, non dobbiamo dimenticarlo, i pentastellati sono nati come movimento di protesta nei confronti dei partiti che hanno mal gestito la cosa pubblica e generato corruzione, indifferenza per le aspettative di un buon governo e quanto altro. Un disappunto che non aveva e continua a non avere distinzione tra destra e sinistra. Ora accade che la Lega attraverso Salvini è riuscita, sia pure ciurlando nel manico, ad attrarre il popolo del centro destra ed è diventato naturale che i protestatari di quella fazione hanno pensato bene di ritornare nel loro alveo facendo calare drasticamente il consenso ai pentastellati. Ora quest’ultimi sembrano propensi ad offrire lo stesso servizio al PD andando a governare con loro. E’ così facendo i Cinque stelle sembrano diventati una sorta di bancomat dove la destra e la sinistra vanno all’incasso per riprendersi quello che ritengono il loro elettorato naturale. Con questo marchingegno gli unici sconfitti, mi verrebbe da dire, sono i pentastellati, ma non è così. E’ la politica il perdente e al suo seguito la democrazia. L’Italia ha bisogno che la politica ritrovi il suo ruolo di guida perché stiamo andando verso una deriva pericolosa dove la globalizzazione, le politiche migratorie usate più per destabilizzare che per esprimere un aiuto concreto ai fuggitivi, i frutti degenerativi del capitalismo e l’indiscriminato uso delle risorse stanno cambiando in peggio la faccia del mondo. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

“Niente Bancomat niente certificati. Il Campidoglio ha già abolito la moneta”

Posted by fidest press agency su giovedì, 24 gennaio 2019

Roma Anagrafe. Palumbo (PD): ” Niente Bancomat niente certificati. Il Campidoglio ha già abolito la moneta” “Niente certificati se non hai il bancomat. Questo è ciò che sta accadendo negli Uffici anagrafici della nostra Capitale. Il corso legale della moneta è stato abolito dal Campidoglio. Non è sufficiente avere con se pochi spicci serve la carta bancomat altrimenti viene rilasciato un foglietto che si chiama “reversale” con il quale ci si deve recare alla posta o presso qualche tabaccaio autorizzato, pagare quei pochi centesimi, tornare al Municipio e finalmente si potrà avere il prezioso certificato. Una volta si era soliti chiedere ai genitori in pensione di disbrigare le pratiche negli Uffici per evitare di prendere permessi di lavoro, oggi invece sta accadendo esattamente il contrario. Tutto questo perché la sindaca Raggi e la sua giunta non hanno rinnovato l’appalto al portavalori. Il perché non è dato sapere, risparmio? Ennesima dimenticanza? La risposta degli Uffici si sintetizza in un laconico inno alla trasparenza degli incassi. Quando la tecnologia facilità la vita del cittadino è sempre ben venuta, ma quando la si usa per complicare la vita che ci pare già abbastanza gravosa dei cittadini romani bisogna soffrire di una grave pulsione autolesionista. Anche per questo i cinque stelle si giustificheranno dicendo il solito: l’abbiamo ereditato dal passato??? Per ora la povera vecchietta è dovuta tornare a casa nella speranza che qualcuno munito di bancomat le faccia il favore di andare al Municipio al suo posto a ritirare l’agognato certificato.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Tutto quello che c’è da sapere sulle nuove commissioni bancarie

Posted by fidest press agency su sabato, 27 gennaio 2018

salva bancheContinua il nostro approfondimento nelle più interessanti novità a tutela dei consumatori varate dalla Comunità Europea a partire dal 2018. Dopo le novità in tema viaggi, bollette, lampadine e caldaie, oggi ci soffermiamo su altre piccole/grandi questioni che accompagnano la vita di tutti i giorni di milioni di cittadini. Nello specifico ci occupiamo di pagamenti con carte di debito/credito, di roaming e di mediazioni obbligatorie in caso di controversie.
CARTE DI CREDITO E BANCOMAT. Dal 13 gennaio sono state ridotte tutte le commissioni applicate dalle banche per chi paga con una carta di credito o con un bancomat. Commissioni che non potranno essere superiori allo 0,2% del valore dell’operazione effettuata con carta di debito e che non potranno essere superiori allo 0,3% del valore dell’operazione effettuata con carta di credito.
Inoltre viene abolito l’antipatico “sovra-costo” di 50 centesimi spesso presentato in cassa da piccole attività quali bar o tabaccai in caso di importi esigui versati con carta di debito/credito. Da oggi infatti anche i commercianti pagheranno commissioni ridotte.
ADDIO AL ROAMING. Il roaming internazionale è già stato abolito per tutti coloro che viaggiano all’estero utilizzando una scheda telefonica nazionale. La normativa prevede che i viaggiatori dell’UE non possano più ritrovarsi maxi-addebiti sulla bolletta in caso di utilizzo di un gestore diverso dal proprio nel momento in cui non c’è copertura di rete.
MEDIAZIONI OBBLIGATORIE. Il consumatore deve potersi difendere da sé e dunque diventa vietato imporre una mediazione con presenza necessaria di un avvocato in tutte le controversie in cui sia presente il consumatore. Un input arrivato direttamente dalla Comunità Europea, che cambia le carte in tavole per quello che riguarda la normativa italiana.Anche in questa occasione noi di CODICI accogliamo con piacere nuovi provvedimento che intervengano a tutela del consumatore ed allo stesso tempo manteniamo altissima la soglia della nostra attenzione. Se avete subìto un comportamento scorretto non abbiate paura: ottenere giustizia è possibile, soprattutto se ci si rivolge a professionisti di comprovata esperienza.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Bancomat obbligatorio: a settembre decreto con sanzioni

Posted by fidest press agency su martedì, 8 agosto 2017

bancomatIl viceministro dell’Economia, Luigi Casero, ha annunciato l’intenzione, entro settembre, di firmare il decreto che introduce le prime sanzioni per chi rifiuta un pagamento elettronico.”Bene, era ora che si desse finalmente attuazione a quanto previsto fin dal 22 dicembre 2015, con la legge di stabilità 2016. La proposta dell’on Boccadutri, infatti, prevedeva fin dall’inizio le sanzioni, considerato che senza questa sollecitazione i commercianti avrebbero continuato a rifiutare l’uso del bancomat per importi bassi, come puntualmente verificatosi” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori. “Solo dando al cliente la possibilità di segnalare la trasgressione, si faranno passi avanti per avere anche nel nostro Paese sistemi moderni di pagamento, dando al consumatore la possibilità di poter pagare come meglio crede” prosegue Dona.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Bancomat: Multa per prelievi ingiustificati

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 luglio 2015

bancomatLa sanzione prevista dal comma 7 bis della delega fiscale – in via di approvazione definitiva – che introduce la multa dal 10 al 50 per cento per i lavoratori autonomi che prelevano soldi al bancomat senza giustificazione è incostituzionale in quanto viola lo Statuto dei diritti del contribuente e gli art. 3, 23, 53 e 97 della Carta Costituzionale. La afferma Vittorio Carlomagno Presidente di Contribuenti.it Associazione Contribuenti Italiani che richiama il Governo al rispetto dello Statuto e della sentenza della Corte Costituzionale n. 228/2014. In 15 anni, secondo una ricerca di Contribuenti.it lo Statuto dei diritti del Contribuente è stato violato 14.117, con punte record nel primo semestre del 2015 con 1553 violazioni. “Con Lo Sportello del Contribuente – dichiara Vittorio Carlomagno – abbiamo cercato di garantire i di ritti previsti dalla L. 212/00 È’ importante per il Governo ed il Legislatore non ledere il principio di collaborazione e buona fede con i contribuenti, per non compromettere definitivamente la tax compliance”.

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Monti racconta bugie

Posted by fidest press agency su martedì, 10 aprile 2012

Dalla Cina al Medioriente Monti continua a raccontare bugie sulla riforma del lavoro e sull’operato del suo governo. Infatti, il presidente del Consiglio esalta la riforma delle pensioni, che sono state utilizzate come un bancomat, nonostante il sistema fosse in equilibrio fino al 2050, per produrre come unico risultato il dramma sociale degli esodati e, nei prossimi tre anni, la perdita di 800mila posti di lavoro per i giovani.
Monti definisce poi ‘bilanciato’ un provvedimento come quello sul mercato del lavoro, che non risolve minimamente la piaga del precariato e invece smantella l’articolo 18. In realtà, il ddl lavoro è un raggiro vergognoso perché trasforma il reintegro per i licenziamenti ingiustificati in un’illusione e non interviene sugli ammortizzatori sociali né sulle forme di contratto precarizzanti. Non si capisce, quindi, come questa controriforma sui licenziamenti facili possa rilanciare l’economia, far uscire l’Italia dalla recessione e abbattere la disoccupazione giovanile che ha ormai raggiunto percentuali da incubo. L’Italia dei Valori si opporrà in Parlamento con tutti i mezzi possibili per impedire che i diritti dei lavoratori vengano sacrificati sull’altare della Bce e dei banchieri europei.(Maurizio Zipponi)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Bancomat clonati

Posted by fidest press agency su martedì, 28 settembre 2010

Rimborsi immediati per bancomat e carte di credito clonate alla Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate. Una scelta fatta per agevolare i correntisti. “Abbiamo deciso di arrecare il minor disagio possibile ai nostri correntisti” – così Luca Barni, direttore generale della Banca di Credito Cooperativo di Busto Garolfo e Buguggiate, spiega la posizione presa dall’istituto di credito che dirige. “Per questo, anche in caso di clonazione di bancomat o carte di credito, rimborsiamo subito i nostri correntisti, e aspettiamo poi per rientrare i soldi dall’assicurazione, che mediamente arrivano dopo 4-6 mesi. Una volta accertato che le transazioni sono fraudolente ai danni dei nostri correntisti, agiamo immediatamente. Il disagio per il cliente si limita alla sola attesa del nuovo bancomat o della nuova carta, che la banca richiede immediatamente. Recentemente la nostra Bcc è stata vittima di una attacco al bancomat di Villa Cortese e di uno a quello di Dairago, presumibilmente ad opera di una banda. Sono state interessate solo un centinaio di carte sulle svariate migliaia emesse dal nostro istituto di credito. Il nostro ufficio legale ha provveduto subito a denunciare il fatto ai carabinieri, siamo immediatamente intervenuti per bloccare le carte interessate dalle transazioni, anche quelle, dove gli addebiti non erano ancora arrivati. Nel contempo abbiamo aumentato la sorveglianza presso tutti i nostri sportelli, in modo da non dover subire ulteriori attacchi. Oltre alla video-sorveglianza sul perimetro esterno delle filiali, ci sarà anche la presenza della vigilanza privata. La sicurezza per noi viene prima di tutto”. Tutti i clienti interessati sono stati contattati e si è già provveduto alla richiesta delle nuove carte.

Posted in Diritti/Human rights, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

UniCredit e frodi su bancomat

Posted by fidest press agency su sabato, 14 novembre 2009

Dal 2006 ad oggi abbiamo ridotto del 96% le perdite per frodi legate alle carte di debito. Lo ha detto Luigi Altavilla, responsabile antifrode del dipartimento della sicurezza di UniCredit Group, intervenendo oggi al convegno dell’Abi sulle carte di credito e di debito. “Questo è stato possibile – ha spiegato il manager di UniCredit – grazie alle contromisure adottate. Il parco ATM UniCredit è ormai completamente dotato di lettori randomici e protezioni anti-skimming. Esiste un servizio di prevenzione frodi attivo 24 ore su 24 e sette giorni su sette per la verifica e la segnalazione ai clienti di operazioni sospette. Viene utilizzato sempre di più il nostro servizio di sms alert. C’è, infine, un’assistenza dedicata ai clienti vittime di frodi nell’iter di accertamento e denuncia di operazioni fraudolente mentre il rimborso effettivo ai clienti avviene in tempi sempre più rapidi”. E’ sempre la sicurezza uno degli elementi su cui UniCredit ha puntato con Genius Card, la nuova alternativa al conto corrente. “E’ dotata – ha spiegato nel suo intervento Andrea Gnetti, responsabile dei clienti mass market Italia di UniCredit Banca – di microchip associato al pin, di SecureCode (il servizio di sicurezza per le transazioni via internet), è collegata al servizio di sms alert e per le operazioni bancarie online c’è il token, l’innnovativo dispositivo elettronico che cambia la sua password ogni 60 secondi, proteggendola da spiacevoli inconvenienti. Nei primi due mesi e mezzo dal lancio – ha aggiunto Gnetti – sono state vendute oltre 100 mila Genius Card principalmente a clienti con meno di meno di 35 anni. Con questo prodotto – ha concluso il manager di UniCredit Banca – abbiamo raccolto le esigenze dei giovani che ne hanno apprezzato convenienza e contenuti di servizio”.

Posted in Diritti/Human rights, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »