Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 316

Posts Tagged ‘bank of america’

Bank of America Merrill Lynch Insurance Investor Conference

Posted by fidest press agency su domenica, 10 febbraio 2019

Voya Financial, Inc. (NYSE:VOYA) today announced that Rodney O. Martin, Jr., chairman and chief executive officer, and Michael S. Smith, chief financial officer, are scheduled to participate in the 2019 Bank of America Merrill Lynch Insurance Investor Conference on Thursday, Feb. 14, 2019 at approximately 10 a.m. ET.
Voya Financial, Inc. (NYSE: VOYA), helps Americans plan, invest and protect their savings — to get ready to retire better. Serving the financial needs of approximately 13.8 million individual and institutional customers in the United States, Voya is a Fortune 500 company that had $8.5 billion in revenue in 2018. The company had $467 billion in total assets under management and administration as of Dec. 31, 2018. With a clear mission to make a secure financial future possible — one person, one family, one institution at a time — Voya’s vision is to be America’s Retirement Company®. Certified as a “Great Place to Work” by the Great Place to Work® Institute, Voya is equally committed to conducting business in a way that is socially, environmentally, economically and ethically responsible. Voya has been recognized as one of the 2018 World’s Most Ethical Companies® by the Ethisphere Institute; as a member of the Bloomberg Gender Equality Index; and as a “Best Place to Work for Disability Inclusion” on the Disability Equality Index by Disability:IN.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Alcoa to Participate at Bank of America Merrill Lynch Global Metals, Mining and Steel Conference

Posted by fidest press agency su domenica, 13 Maggio 2018

Miami. Alcoa Corporation, a global leader in bauxite, alumina, and aluminum products, announced today that Roy C. Harvey, President and Chief Executive Officer, and William F. Oplinger, Executive Vice President and Chief Financial Officer, will participate at the Bank of America Merrill Lynch Annual Global Metals, Mining & Steel Conference in Miami, Florida, on Tuesday, May 15, 2018.The session will be available through a live audio webcast beginning at 4:30 p.m. EDT on Tuesday, May 15, on the Investors section of Alcoa’s website, http://www.alcoa.com. Following the conference, the archived webcast will be available for replay on the website.
Alcoa (NYSE: AA) is a global industry leader in bauxite, alumina, and aluminum products, and is built on a foundation of strong values and operating excellence dating back nearly 130 years to the world-changing discovery that made aluminum an affordable and vital part of modern life. Since developing the aluminum industry, and throughout our history, our talented Alcoans have followed on with breakthrough innovations and best practices that have led to efficiency, safety, sustainability, and stronger communities wherever we operate. Visit us online on http://www.alcoa.com

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

U.S. Bancorp to Speak at the Bank of America Merrill Lynch Future of Financials Conference

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 novembre 2017

bank of americaNew York at 2:05 p.m. EST on Tuesday, November 14, 2017 U.S. Bancorp (NYSE: USB) announced today that Leslie Godridge, vice chairman, Wholesale Banking, and Jim Kelligrew, vice chairman, Wholesale Banking, will present at the Bank of America Merrill Lynch Future of Financials Conference.
A live audio-webcast of the session will be available through U.S. Bancorp’s website at usbank.com. To access the webcast, go to U.S. Bancorp’s website and click on “About U.S. Bank” and then “Webcasts & Presentations” under the Investor/Shareholder information heading, which is at the left side near the bottom of the page. A replay of the webcast will be available after the live event at the same location on the website and will remain posted for 90 days.
Minneapolis-based U.S. Bancorp (NYSE: USB), with $459 billion in assets as of September 30, 2017, is the parent company of U.S. Bank National Association, the fifth largest commercial bank in the United States. The Company operates 3,072 banking offices in 25 states and 4,801 ATMs and provides a comprehensive line of banking, investment, mortgage, trust and payment services products to consumers, businesses and institutions. Visit U.S. Bancorp on the web at http://www.usbank.com.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Intercontinental Exchange Completes Acquisition of Bank of America Merrill Lynch’s Global Research Index Platform

Posted by fidest press agency su domenica, 22 ottobre 2017

bank of americaIntercontinental Exchange (NYSE:ICE), a leading operator of global exchanges and clearing houses and provider of data and listings services, announced it has completed its acquisition of the Bank of America Merrill Lynch Global Research division’s fixed income index platform, which will become part of ICE Data Services. Terms of the agreement were not disclosed and the financial impact of the transaction will be immaterial to ICE in 2017.“We’re excited to expand the breadth and scale of our index offering to give customers increased choice of third party benchmark solutions,” said Lynn Martin, President and COO of ICE Data Services. “With the addition of these indices, we are able to offer a comprehensive portfolio that includes the addition of more than 5,000 global fixed income, currency and commodity indices and leverages our trusted pricing and reference data solutions to meet the needs of our customers.”
The acquired indices will be renamed ICE BofAML Indices and will become part of ICE Data Services’ suite of businesses, which provides proprietary indices, and third-party index and ETF calculation services, as well as proprietary market data, pricing and analytics, desktops and connectivity solutions. ICE BofAML Indices are the second largest fixed income indices by assets under management (AUM) globally, and with the completion of this acquisition, the AUM benchmarked against the combined fixed income index business of ICE will be nearly $1 trillion.ICE BofAML Indices will be offered alongside ICE’s existing index offering, which includes the ICE U.S. Treasury indices, which were introduced in 2015, and ICE’s index services, which serve as the basis for ETFs and structured products across fixed income, currencies, equities and commodities. The collective index families are powered by ICE Data Services’ award-winning evaluated prices, reference data and analytics, which provide high-quality information on more than 10 million financial instruments across all major asset classes, including futures, options, equities and fixed income.The full suite of ICE BofAML Indices are available on ICE’s Global Index System (GIS), as well as a broad range of third-party research platforms and execution venues. To register for an extended complementary trial to GIS, please click here. For more information about ICE Index Services, please visit https://www.theice.com/ indices.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Non è questo il momento di rinunciare al settore bancario Usa

Posted by fidest press agency su mercoledì, 14 dicembre 2011

Bank of America Tower

Image via Wikipedia

Londra. Gli investitori dovrebbero evitare che un sentimento del mercato negativo li dissuada dal considerare il settore bancario Usa, afferma Ryan Brist, responsabile del comparto obbligazionario a basso rischio presso la società di gestione globale del reddito fisso, Western Asset Management, secondo il quale “non è ora il momento di rinunciare a questo settore”. Se da una parte è vero che la recente esperienza degli investitori con l’azionario e l’obbligazionario delle banche Usa si è presentata come “rischiosa” spingendo molti investitori a dichiarare il settore come “non investibile”, dall’altra, sostiene Brist, sussistono dei motivi per essere sostanzialmente ottimisti”. L’abnorme ambiente di bassi tassi di interesse, la pressione sul fronte legale e normativo e la paura di un contagio dall’Europa sono tutti e tre fattori che stanno contribuendo a far prevalere nel mercato un sentimento molto negativo verso le banche, cui si somma lo “sciopero dei compratori” in atto verso il settore finanziario Usa, continua Brist. Il gestore ritiene tuttavia che le basse valutazioni che ne risultano forniscano un’opportunità interessante agli investitori per rafforzare le posizioni nei titoli bancari americani, anche se, avverte, potrebbe volerci del tempo prima che queste posizioni rendano.
Brist ricorda che nel corso degli ultimi due anni le banche americane hanno quasi raddoppiato l’entità del capitale netto tangibile nei loro bilanci , oltre ad aver attinto molto meno al mercato delle cartolarizzazioni e a questo tipo di veicolo per finanziarsi. Inoltre, sottolinea Brist, il livello dei prestiti inesigibili delle banche si è abbassato nell’ultimo periodo , e conseguentemente anche le riserve per il credito inesigibile in tutto il mondo. Difatti, le analisi recenti dimostrano che le banche hanno già iscritto a bilancio l’80% delle perdite, mentre il 20% delle perdite previste nel futuro dovrebbe essere assorbito grazie agli utili e a una base del capitale rinvigorita.”Siamo molto preoccupati per la volatilità a breve termine e dalla possibilità che il sentimento negativo influenzi il comportamento dei consumatori, ma non crediamo che le banche americane a grande capitalizzazione comportino il rischio default per i detentori di titoli sparsi in tutto il mondo”, dice Brist. “I prossimi tre/sei mesi continueranno a essere difficili, ma a lungo termine siamo convinti che non si registreranno perdite in capo al capitale nei titoli del reddito fisso dei principali istituti bancari del paese”.Brist è dell’opinione che nemmeno i recenti downgrade di una serie di banche americane da parte delle agenzie di rating dovrebbero pesare molto nella percezione che del settore hanno gli investitori. “Siamo convinti che i fondamentali dei bilanci non corrispondano alla traiettoria dei rating”, aggiunge. “Le banche americane a grande capitalizzazione hanno fatto degli evidenti e significativi passi avanti nell’ambito del finanziamento, dell’adeguatezza del capitale e della qualità degli attivi. Il merito di credito è migliorato sostanzialmente. Anche così, non ci illudiamo di ricevere buone notizie nel breve periodo per quanto riguarda il rating. Il recente declassamento di Bank of America non è che un altro esempio di come le agenzie di rating, Moody’s in questo caso, riparino all’errore di aver continuato ad attribuire al settore rating troppo alti”.Infine, conclude Brist, non si va molto lontano confrontando l’attuale ambiente del mercato con la crisi finanziaria di tre anni fa causata da una mancanza di liquidità. “Oggi ci troviamo nella situazione opposta: da una parte , sul mercato incombe ancora la mancanza di fiducia, dall’altra i depositi bancari non sono mai stati così consistenti e le banche non hanno mai avuto tanta liquidità nei loro bilanci. In poche parole, il cosiddetto “muro della preoccupazione” parte da un punto molto diverso rispetto al 2008″.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gli esecutivi di Wall Street e i loro “bassi” stipendi

Posted by fidest press agency su martedì, 3 novembre 2009

Kenneth Feinberg, lo zar dei compensi nominato dal presidente Obama, ha annunciato tagli drastici del novanta per cento comparati all’anno scorso ai manager di ditte come Bank of America, AIG, Citigroup, ecc. Si tratta di sette aziende che si sono riprese ed hanno pagato i soliti osceni stipendi ai loro esecutivi. Qualche esempio da capogiro: un esecutivo della Citigroup aveva incassato più di dodici milioni di dollari di stipendio. Riceverà “solo” cinquecentomila. Un altro esecutivo della AIG aveva ricevuto più di diciannove milioni di dollari.  I tagli del governo ridurranno anche a lui lo stipendio a poco più di cinquecentomila. L’intromissione del governo per stabilire gli stipendi degli esecutivi si spiega con i contributi fatti dal governo a queste aziende. In effetti, il governo ha investito in queste ditte per non farle fallire ed evitare conseguenze disastrose per il Paese e l’economia mondiale. Il governo ha dunque il potere di limitare i compensi. Nonostante i tagli agli stipendi i compensi sono sempre molto alti. In altri Paesi però gli esecutivi ricevono stipendi molto più bassi di quelli percepiti dagli americani. Gli esecutivi dell’Australia e la Gran Bretagna hanno ricevuto aumenti fra il due e il venticinque per cento fra il 2002 e il 2006. Nello stesso periodo gli omologhi americani hanno visto i loro stipendi aumentare del sessanta per cento. Ovviamente, quando il governo dà sussidi ad alcune aziende, diventa investitore ed ha tutti i diritti di imporre controlli. Inoltre il ruolo del governo è di stabilire le leggi mettendo dunque ulteriori controlli all’iniziativa privata. Ed è qui il nocciolo della questione. Durante l’amministrazione Bush, Wall Street ha avuto libertà totale di operare. Gli esecutivi hanno preso molti rischi e fino a quando uscivano profitti, tutti, inclusi i piccoli risparmiatori, erano contenti. Con il crack di Wall Street però il governo si è sentito in dovere di mantenere l’ordine per il bene dell’economia americana che ovviamente influisce notevolmente su quella mondiale.I sussidi del governo hanno prodotto risultati. L’economia non si è ancora ripresa in modo notevole ma la borsa quest’anno ha avuto buoni aumenti per tutti gli investitori. Disturba dunque sentire che alcuni esecutivi continuano a percepire stipendi osceni. Alcune aziende che avevano ricevuto fondi dal governo li hanno già ripagati. Goldman and Sachs è una di queste. Come sono stati pagati gli esecutivi a Goldman? L’anno scorso Lloyd Blankfein, l’amministratore delegato di Goldman, ha incassato quarantatré milioni di dollari fra stipendio e bonus. Il vero problema a Wall Street non è però gli stipendi osceni che le aziende offrono ai loro esecutivi. Il vero problema e la mancanza di regolamentazione che fino ad ora è debole. Questa situazione dà la libertà agli esecutivi di rischiare grosso e mettere in pericolo i guadagni dei piccoli risparmiatori. (Domenico Maceri in sintesi)
Domenico Maceri PhD della Università della California a Santa Barbara, è docente di lingue a Allan Hancock College, Santa Maria, California, USA.  I suoi contributi sono stati pubblicati da molti giornali ed alcuni hanno vinto premi dalla  National Association of Hispanic Publications.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »