Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘Bargello’

Gli Avori del Museo Nazionale del Bargello

Posted by fidest press agency su domenica, 16 giugno 2019

Firenze Martedì 18 giugno alle 17.30 al Museo Nazionale del Bargello, nel Salone di Donatello, verrà presentato il Catalogo dedicato alla raccolta degli avori del Museo Nazionale del Bargello. La collezione degli avori del Museo è tra le più prestigiose oggi esistenti, con oltre 250 esemplari di incomparabile rilievo storico e artistico. Raccoglie raffinati manufatti, realizzati lungo un arco temporale di oltre 15 secoli, che stupiscono per la perizia tecnica delle lavorazioni (con intagli microscopici e perfetti) e che testimoniano un’ampia circolazione di stili e tecniche tra le diverse civiltà.
Vi sono compresi capolavori come il Dittico Denon (fine IV – inizi V secolo), il Pastorale di Yves de Chartres (fine XI) o il Flabellum (fine IX) il grande ventaglio liturgico carolingio di cui esistono solo 3 esemplari al mondo. E poi decine di esemplari a soggetto sacro e profano medievale, pedine e pezzi per gli scacchi, valve di specchio, cofanetti gotici e rinascimentali, manufatti islamici, selle da parata e molto altro ancora.
Al Bargello questi capolavori dell’arte eburnea giunsero sia dalle collezioni mediceo-granducali, al momento della fondazione del museo (1865), sia dalla ricca raccolta privata che il collezionista francese Louis Carrand, defunto nel 1888, donò al museo col suo lascito testamentario.Da allora la collezione degli avori del Bargello ha stupito i visitatori e raccolto l’interesse di studiosi e specialisti del settore. Mancava ancora, tuttavia, un catalogo che raccogliesse in modo unitario, esaustivo e aggiornato la descrizione sistematica della preziosa collezione.Il Catalogo degli avori del Museo Nazionale del Bargello, curato da Ilaria Ciseri ed edito da Officina Libraria, colma oggi questa lacuna e raccoglie, dopo un meticoloso lavoro di ricerca e schedatura durato quattro anni, i frutti dell’impegno di prestigiosi specialisti della materia. Il volume è suddiviso in 12 capitoli e comprende 226 schede scientifiche ma, grazie alla ricchezza di immagini, risulta fruibile anche da un pubblico di non addetti ai lavori.All’evento, presenziato da Paola D’Agostino (Direttore dei Musei del Bargello), Ilaria Ciseri (curatrice del volume) e Francesco Steidl (vice Presidente della Fondazione Il Bargello Onlus), interverranno Martina Bagnoli, Fulvio Cervini e Fabrizio Crivello.
L’ingresso è libero fino a esaurimento posti.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

2 giugno: giornata di festa ai Musei del Bargello

Posted by fidest press agency su venerdì, 31 maggio 2019

Firenze Domenica 2 giugno, in occasione della Festa della Repubblica, i Musei del Bargello saranno aperti gratuitamente per offrire un’opportunità in più per ammirare i capolavori custoditi nelle sale espositive del Museo Nazionale del Bargello, del Museo delle Cappelle Medicee, di Palazzo Davanzati, e del Museo di Casa Martelli.
Per esprimere con un’immagine tutto il senso ideale di questa celebrazione, i Musei del Bargello hanno scelto il Marzocco, il leone in pietra scolpito da Donatello come emblema dell’antica Repubblica di Firenze. L’opera, un tempo esposta nella Piazza della Signoria e oggi custodita al Museo Nazionale del Bargello, esprime appieno quei valori di libertà, uguaglianza e dignità dell’uomo che spronarono i cittadini di Firenze a costruire la grandezza della loro città e che nutrirono la fioritura culturale e artistica che tutti conosciamo come Rinascimento.Quanti vorranno visitare il Museo Nazionale del Bargello entreranno in quello che, prima di diventare museo, è stato l’antico Palazzo del Podestà, uno dei luoghi-simbolo della Firenze repubblicana, e potranno ripercorrere il farsi dell’arte rinascimentale ammirandone la sua impareggiabile collezione di sculture.
Atmosfere della vita fiorentina tra Medioevo e Rinascimento si respirano anche al Museo di Palazzo Davanzati, una casa costruita da una famiglia borghese del Trecento, oggi ammobiliata ed allestita per evocare la vita quotidiana in un’antica casa fiorentina.
Giovedì 2 giugno l’ingresso sarà libero anche al Museo delle Cappelle Medicee, luogo d’elezione per richiamare alla memoria la grandezza della famiglia Medici e ancor di più per ammirare uno dei capolavori assoluti dell’arte di Michelangelo, la Sagrestia Nuova della chiesa di San Lorenzo.Negli altri musei del Bargello la gratuità è una consuetudine, come nel caso del Complesso di Orsanmichele (di cui domenica sarà visitabile la Chiesa), il monumento celebrativo del lavoro dei cittadini e delle Arti fiorentine, ma anche del Museo di Casa Martelli, le cui atmosfere settecentesche potranno essere gustate con le visite accompagnate che partiranno alle 9.00, 10.00, 11.00 e 12.00.L’iniziativa si inserisce nella campagna #IOVADOALMUSEO che promuove le giornate gratuite nei musei come un modo per avvicinare turisti e cittadini ai luoghi della cultura stimolandone l’interesse per l’arte. http://www.bargellomusei.beniculturali.it

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Bargello: Cappelle Medicee e Davanzati gratuiti il 25 aprile

Posted by fidest press agency su martedì, 23 aprile 2019

Firenze. I Musei del Bargello vi invitano alla loro giornata di ingresso gratuito predisposta per il 25 aprile nell’ambito del programma del Ministero per i beni e le attività culturali #IOVADOALMUSEO. Un modo per avvicinare turisti e cittadini all’arte e celebrare la Festa della Liberazione offrendo la possibilità di visitare gratuitamente le principali realtà facenti parte del circuito: il Museo Nazionale del Bargello, il Museo delle Cappelle Medicee e Palazzo Davanzati. In una giornata emblematica per la storia della Nazione, i Musei del Bargello vogliono aprirsi ad un numero più ampio di visitatori (abbattendo eventuali barriere economiche), avvicinare le persone all’arte e alla bellezza e, se possibile, stimolare in tutti una riflessione sulle proprie origini e sulla propria storia.A coloro che decideranno di festeggiare questa ricorrenza in un museo suggeriamo di lasciarsi stupire dal Museo Nazionale del Bargello (aperto dalle 8.15 alle 17.00) soffermandosi davanti al David o al San Giorgio di Donatello: capolavori rinascimentali portatori di messaggi che richiamano all’umiltà, al coraggio e all’impeto con i quali un intero popolo ha rivendicato le proprie origini e il proprio ideale di libertà. Inoltre il Museo offre anche la possibilità di visitare gratuitamente anche la sezione speciale della mostra “Verrocchio, il maestro di Leonardo” che raccoglie insieme per la prima volta celebri capolavori di Verrocchio e opere capitali dei più famosi artisti della seconda metà del Quattrocento legati alla sua bottega.
Anche il Museo delle Cappelle Medicee, aperto dalle 8:15 alle 14:00, sarà visitabile gratuitamente. Un’occasione in più per osservare gli ultimi lavori di restauro, da poco terminati, che hanno interessato la Sagrestia Nuova di Michelangelo, artista fiero del suo valore e orgoglioso della propria libertà intellettuale.Nello stesso orario (8.15-14.00) si potrà accedere gratuitamente anche nel Museo di Palazzo Davanzati, la dimora storica abitata da quelle famiglie di artigiani e commercianti che, nel Medioevo, furono artefici e protagoniste della libera Repubblica fiorentina. Un luogo ove compiere un viaggio a ritroso nel tempo e attraverso il quale riscoprire la storia di Firenze tra Medioevo e Rinascimento.In fondo è anche dalla Libertà che nasce l’Arte ed è tramite la Libertà che trova espressione e si tramanda negli anni, di generazione in generazione.Liberate la vostra voglia di Arte, visitate i Musei del Bargello!

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le Giornate Europee del Patrimonio ai Musei del Bargello

Posted by fidest press agency su venerdì, 21 settembre 2018

Firenze Sabato 22 e Domenica 23 Settembre presso i Musei del Bargello via del Proconsolo 4 le Giornate Europee del Patrimonio costituiscono il più partecipato degli eventi culturali in Europa avente lo scopo di far apprezzare e conoscere ai cittadini il patrimonio culturale condiviso, incoraggiandone alla partecipazione attiva per la sua salvaguardia e trasmissione alle nuove generazioni. Il tema di quest’anno è “L’Arte di condividere”: condivisione delle conoscenze sul patrimonio culturale presenti nei luoghi della cultura; delle sue espressioni materiali e immateriali; del territorio di cui è espressione; dei saperi e delle esperienze di cui sono depositarie le comunità.
Si inizierà sabato 22 settembre alle ore 12:00 al Museo di Palazzo Martelli (Via Ferdinando Zannetti, 8) con la Presentazione della guida in lingua inglese The Museum of Casa Martelli. Si tratta dell’edizione, aggiornata e tradotta, della guida dello storico palazzo fiorentino, curata da Monica Bietti (curatrice responsabile del museo) e Francesca Fiorelli. La guida è pubblicata dalla casa editrice Sillabe. La presentazione, durante la quale interverrà anche Paola D’Agostino, direttore dei Musei del Bargello, è ad ingresso libero e sarà incastonata tra una serie di visite guidate nelle sale di Casa Martelli (sempre gratuite ma previa prenotazione). In particolare coloro che assisteranno alla presentazione potranno visitare, a margine della stessa, la “sala da bagno” recentemente restaurata.
Nel pomeriggio dello stesso giorno, alle ore 15.00 al Museo delle Cappelle Medicee (Piazza di Madonna degli Aldobrandini, 6), ci sarà l’ultimo appuntamento di Museum Time: spazio ai più piccoli. Si tratta di un ciclo di laboratori didattici dedicati a bambini e famiglie attraverso i quali l’Associazione L’immaginario, che ne cura la realizzazione, ha voluto creare percorsi didattici per far avvicinare le famiglie al mondo dei musei. La partecipazione, previa prenotazione (info@immaginar.io), è gratuita per i minori e libera con il biglietto di ingresso per gli accompagnatori. Per la sera suggeriamo una visita “straordinaria” al Museo Nazionale del Bargello (via del Proconsolo, 4). I motivi per passare una notte al museo sono molti. L’orario prima di tutto: grazie a una serie di aperture straordinarie appositamente predisposte per le Giornate del Patrimonio, sabato 22 il Museo offrirà una vera e propria “maratona” museale con apertura non-stop dalle 8.00 alle 24.00. Il prezzo sarà un’ulteriore incentivo: a partire dalle 21:00, infatti, l’accesso ai capolavori del Bargello, avverrà al costo simbolico di € 1,00 (ma senza fare troppo tardi, perché la biglietteria chiude alle 23.30).
L’incentivo più stimolante sarà sicuramente la presenza, come guida d’eccezione per una visita, in chiave social e all’insegna dell’hashtag #UnitedforArts, dello stesso direttore dei Musei del Bargello: la dottoressa Paola D’Agostino accoglierà i visitatori e alle 21.30 li condurrà personalmente tra le sale del Bargello svelando i segreti di alcuni dei capolavori del Museo.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Museo Nazionale del Bargello: quattro mostre… mille ragioni per visitarlo

Posted by fidest press agency su sabato, 31 marzo 2018

Firenze Museo nazionale del Bargello Via del Proconsolo, 4.La prima settimana di aprile il Museo Nazionale del Bargello offre agli amanti dell’arte un’occasione unica di visita all’interno della propria maestosa cornice architettonica : oltre ai capolavori della collezione permanente (da Donatello a Verrocchio, da Luca della Robbia a Michelangelo, da Benvenuto Cellini a Giambologna) la concomitanza di quattro diverse mostre permetterà ai visitatori di addentrarsi in un suggestivo dialogo, fatto di incroci e rimandi storico-artistici, con alcune prestigiose opere provenienti da altri importanti musei internazionali.
Dal 31 marzo, infatti, la Sala del Medagliere farà rivivere un’affascinante liason tra l’artista, Lorenzo Bernini, e la sua musa, Costanza Bonarelli: uno accanto all’altro, il celeberrimo ritratto marmoreo di Costanza Bonarelli e il dipinto raffigurante l’Autoritratto maturo del massimo artista del barocco romano, permetteranno di ripercorrere un momento singolare della biografia e della carriera del Bernini, evidenziando lo stretto rapporto tra pittura e scultura nella creazione del cosiddetto “ritratto parlante”.
L’Autoritratto, proveniente dalla collezione della Galleria Borghese di Roma, sarà esposto al Bargello fino al prossimo 20 maggio.
Inoltre, fino all’8 aprile, si potranno ancora ammirare la lunetta di Giovanni della Robbia (proveniente dal Brooklyn Museum di New York), i tre studi dal Vero di Vincenzo Gemito (dalle Gallerie d’Italia di Palazzo Zevallos di Napoli) e il Reliquiario di Montalto (dal Museo Sistino Vescovile della stessa città marchigiana). Un inizio di aprile ricco di novità, suggestioni e spunti per scoprire, o riscoprire, il Museo Nazionale del Bargello con i suoi capolavori e i suoi inediti accostamenti di opere d’arte.www.bargellomusei.beniculturali.it

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Da Brooklyn al Bargello: Giovanni della Robbia, la lunetta Antinori e Stefano Arienti”

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 novembre 2017

giovanni della robbiagiovanni della robbia1Firenze fino all’8 aprile del 2018 il Museo Nazionale del Bargello presenta, per la prima volta in Italia, la ‘lunetta Antinori’, un capolavoro del Rinascimento di Giovanni della Robbia commissionato dalla storica famiglia fiorentina del vino all’inizio del 1500. La robbiana, oggi di proprietà del Museo di Brooklyn, è stata appena restaurata grazie al contributo della famiglia Antinori e sarà esposta in dialogo con l’opera dell’artista Stefano Arienti, realizzata nell’ambito di Antinori Art Project. Un evento unico a Firenze.
All’inizio del Cinquecento, Niccolò di Tommaso Antinori, iniziatore della fortuna imprenditoriale della storica famiglia del vino italiano, commissiona a Giovanni della Robbia (Firenze, 1469-1529/30) la lunetta con la “Risurrezione di Cristo” per decorare Villa Le Rose, la residenza di campagna alle porte di Firenze, dove già all’epoca si produceva vino. Un capolavoro del Rinascimento italiano, oggi di proprietà del Brooklyn Museum of Art di New York, che per la prima volta dopo 120 anni sarà presentato al pubblico, in tutto il suo splendore, al Museo Nazionale del Bargello a Firenze dal 9 Novembre 2017 all’8 aprile 2018. Il merito è di una storica circostanza: il restauro della robbiana da parte degli stessi committenti, i Marchesi Antinori, oltre 500 anni dopo, nel solco di una tradizione di mecenatismo culturale che arriva fino ai nostri giorni. Per celebrare lo straordinario ritorno della lunetta e l’esposizione nella “culla” del Rinascimento tra le opere di Michelangelo, Donatello e degli stessi Della Robbia, la famiglia fiorentina continua la sua antica tradizione di “mecenati d’arte” con una nuova committenza: un’opera dell’artista italiano Stefano Arienti, tra i più apprezzati sulla scena internazionale, esposta in mostra con la robbiana – in due sale separate ma comunicanti tra loro – che viene riletta ed reinterpretata attraverso un inaspettato dialogo tra arte rinascimentale e contemporanea. Questa nuova produzione rappresenta la continuità dell’attenzione all’arte della famiglia Antinori che da sempre hanno legato il loro nome all’eccellenza nel vino e alla tradizione mecenatistica. In contemporanea, presso l’avveniristica cantina Antinori nel Chianti Classico sarà giovanni della robbia2giovanni della robbia3esposta un’altra installazione site-specific di Arienti, ispirata sempre dalla lunetta di Della Robbia, e che entrerà a far parte della collezione di famiglia, in dialogo costante con la storia.
Composta da 46 sezioni di terracotta policroma invetriata, la robbiana, splendido esempio della straordinaria tecnica della famiglia di scultori Della Robbia (Luca, Andrea e Giovanni), attivi tra il 1400 e il 1500 a Firenze, presenta un ritratto quasi a grandezza naturale del suo committente, con le mani giunte alla sinistra di Cristo, e due stemmi di famiglia ai lati della base del rilievo, che decorava Villa Le Rose, una delle Tenute di famiglia dove già all’epoca gli Antinori producevano principalmente vino ma anche olio ed altri prodotti agricoli.
Donata al Brooklyn Institute (oggi Brooklyn Museum of Art) nel 1898 dal collezionista americano A. Augustus Healy – dopo averla acquistata dagli stessi Antinori – la robbiana non ha più lasciato New York da allora. Nel 2016, grazie al sostegno della famiglia Antinori, ritrova il suo splendore originale, restaurata per la mostra “Della Robbia: Sculpting with Color in Renaissance Florence”, prima esposizione americana dedicata ai Della Robbia, al Museum of Fine Arts di Boston (9 agosto-4 dicembre 2016) e poi alla National Gallery of Art di Washington Dc (5 febbraio-4 giugno 2017).

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il Viaggio d’Inverno di Franz Schubert in scena al Museo del Bargello

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 settembre 2015

KammeroperDomenica 20 settembre (ore 21.00) al Museo del Bargello, in collaborazione con la Fundación Mateo Vilagrasa e Accademia San Felice, va in scena l’opera “Die Winterreise” (Viaggio d’inverno) del KAMMEROPER FRANKFURT. La raccolta di liriche “Winterreise” è senza dubbio una delle opere più rappresentative del romanticismo tedesco. L’angosciante e intensa sintesi tra la poesia di Wilhelm Müller e la musica di Franz Schubert rappresenta il culmine della visione romantica, dell’amore passionale, della solitudine e dello smarrimento. A quasi due secoli di distanza il regista Rainer Pudenz mette in scena il capolavoro Schubertiano cercando un confronto attuale che realizza inserendo un’opera del pittore spagnolo Mateo Vilagrasa e un recente lavoro ispirato alle stesse tematiche di Andrea Cavallari il quale “materializza” in musica il soggetto femminile, nascosto nei ricordi del personaggio principale del Winterreise. L’opera di Mateo Vilagrasa è costituita da un grande pannello nel quale si intravede un busto femminile. Confronto e dialogo si fondono in un unico complesso spettacolo che trova l’incontro della visione storica con quella moderna.
La KO di FFM “uno dei più quotati complessi teatrali privati di musica in Germania”, si cura dei generi dell’opera, Opera Buffa, “Singspiel” e Operetta. Fine delle rappresentazioni, sempre effettuate in lingua tedesca, è il mostrare allo spettatore un avvenimento artistico-voluttuoso, un accesso diretto ed un’intensa esperienza riferiti alle opere musicali. Da ormai 30 anni, sotto la brillante guida di Rainer Pudenz, ogni nuova messa in scena ha mostrato come uno spettacolo teatrale di alto livello possa essere ottenuto anche senza il ricorso a costi esorbitanti. Intensità ed effetto di una sceneggiatura non dipendono in particolar modo dal denaro investito bensì dalle idee.(foto: Kammeroper)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Così fa Mozart

Posted by fidest press agency su sabato, 2 aprile 2011

Firenze 5 aprile 2011 alle 20.30 via del Proconsolo 4 museo nazionale del Bargello si terrà l’ultima delle sei serate del festival tra musica e arte, in un inedito connubio tra le meraviglie scultoree e quelle musicali. In quest’ultimo appuntamento il noto pianista fiorentino Gregorio Nardi proporrà un imperdibile programma che, in un ampio gioco di rimandi, si articolerà tra le più belle pagine di Kurtag, come Hommage à Jehuda Elkana 70 e Un brin de bruyère à Witold, affrontando anche la Sonata kv 570 diMozart, ma anche Beethoven e Liszt. I grandi capolavori mozartiani affiancati dalle opere dei più importanti compositori del Novecento, in un singolare omaggio al grande genio, definito come “il compositore più universale nella storia della musica occidentale”. Un appassionante viaggio nel repertorio di tutti i tempi, un’occasione per riscoprire la genialità compositiva e la modernità di Mozart e di tutti quegli innovatori del linguaggio musicale che hanno influenzato la storia della musica fino ad oggi. Si conclude anche quest’anno, avendo riscosso un grande successo, la bella rassegna musicale che tra febbraio e aprile ha animato la splendida Sala del Michelangelo del Museo Nazionale del Bargello. Gregorio Nardi è nato a Firenze nel 1964, ha studiato con i nonni Rio Nardi e Gregoria Gobbi, ed è stato l’ultimo allievo di Wilhelm Kempff. (nardi)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »