Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Posts Tagged ‘barocco’

Concerto corale: “Un florilegio sacro dal Barocco ai giorni nostri”

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 maggio 2019

Ivrea sabato 25 maggio alle 21 nella chiesa del Sacro Cuore di Cantone Maridon 11 ad Ivrea, è in programma il concerto corale intitolato “Un florilegio sacro dal Barocco ai giorni nostri”. Protagonisti dell’appuntamento eporediese sono la Cappella musicale e il Coro di voci bianche della Cattedrale di Vercelli, accompagnati all’organo portativo da Carlo Montalenti e diretti dal maestro direttore e concertatore monsignor Denis Silano.Il programma propone brani corali che coprono l’arco temporale dall’età barocca al XX secolo. Gli autori scelti sono Marc’Antonio Centorio (vissuto a cavallo tra il XVI e il XVII secolo), Pietro Heredia, Orazio Colombano, Maurice Duruflè (1902-1986) e Domenico Bartolucci (1917-2003), quest’ultimo maestro della Cappella Sistina. Sarà presentato il CD Elegia interamente dedicato a Marc’Antonio Centorio e Pietro Heredia, con mottetti, inni e antifone eseguite dalla Cappella Musicale della Cattedrale di Vercelli diretta da monsignor Silano. Il concerto è patrocinato dalla Città di Ivrea.“Organalia 2019 nel Canavese” proseguirà sabato 1 giugno alle 21 nella chiesa parrocchiale di San Maurizio Martire a San Maurizio Canavese con il concerto “Il soffio del vento. Musiche tradizionali irlandesi, francesi e del nord Italia” di cui saranno protagonisti lo studioso della cornamusa e concertista Fabio Rinaudo e l’organista Silvano Rodi. Saranno eseguiti brani di Turlough O’Carolan (1670-1738), John Dowland (1563-1626), Johan Helmich Roman (1694-1758), Michel Corrette (1707-95), Louis-Claude Daquin (1694-1772), Jean-Jacques Beauvarlet-Charpentier (1734-94), Carlo Monza (1735-1801), Fortunato Chelleri (1690-1757), Pietro Alessandro Yon (1886-1943), oltre a composizioni tradizionali piemontesi, della celtic music e della new age. Da oltre trent’anni Fabio Rinaudo è interprete e studioso delle cornamuse irlandesi Uilleann Pipes, delle cornamuse francesi Musette Bechonnet e del flauto Whistle britannico e irlandese. Ha tenuto oltre millecinquecento concerti in tutta Europa e può vantare una produzione discografica notevole, svariate incisioni radiofoniche in Italia e all’estero, collaborazioni con le maggiori reti televisive italiane e con cantautori del calibro di Riccardo Cocciante, Angelo Branduardi e Paolo Conte. Con il gruppo “Birkin Tree” da lui fondato ha inciso tre album di successo, sia a livello nazionale che internazionale. Innumerevoli le collaborazioni musicali al suo attivo, tra cui quella iniziata con Claudio De Angeli, chitarrista ligure dedito da anni allo studio della musica acustica e tradizionale. Alla consolle dell’organo costruito da Vittino Vegezzi Bossi nel 1912 siederà invece Silvano Rodi, diplomato in clavicembalo, organo e composizione organistica al Conservatorio di Genova, “Premier Prix d’Orgue” al Conservatoire Pierre Cochereau di Nizza, organista titolare della chiesa di Santa Devota nel Principato di Monaco, concertista in Europa e in Sud America come solista e in collaborazione con altri musicisti e con l’ensemble barocco “Collegium Musicum Alpazur”. Rodi è consulente della Commissione di Arte Sacra per la tutela e restauro degli antichi organi della Diocesi di Ventimiglia-Sanremo ed è stato ispettore onorario presso la Soprintendenza ligure. E’ autore di CD e pubblicazioni su organi storici. Dal 1994 al 2000 è stato direttore e docente di organo all’Istituto di Musica Sacra della Diocesi di Ventimiglia-Sanremo. Dal 1998 insegna organo e clavicembalo al Conservatoire Départemental de Musique des Alpes-Maritimes di Nizza.
http://www.organalia.org http://www.elegiaclassics.com

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Summer School di alti studi: “Ripensare il Barocco”

Posted by fidest press agency su sabato, 27 aprile 2019

Torino Da Lunedì 2 a Sabato 7 Settembre 2019 si svolgerà la Summer School di alti studi “Ripensare il Barocco” organizzata dalla Fondazione 1563 per l’Arte e la Cultura della Compagnia di San Paolo. È possibile candidarsi per partecipare gratuitamente all’evento fino al 31 Maggio su fondazione1563.it.
Le richieste sono aperte agli studiosi di ambito storico, storico-artistico, architettonico e letterario con meno di 40 anni e in possesso di Dottorato, specializzazione, master di secondo livello o iscrizione al secondo anno degli stessi corsi.La Summer School riguarderà i momenti cruciali della produzione cultuale europea nell’arco cronologico dei secoli Seicento e Settecento, la riflessione critica sugli studi dedicati al Barocco e la sua periodizzazione.Sono previste lezioni frontali su questioni di metodologia della ricerca storica; dibattiti di contenuto multidisciplinare; focus formativi su digital humanities e digital tools; discussioni delle ricerche proposte dai partecipanti. In calendario anche visite guidate a luoghi di interesse storico artistico a Torino e la presentazione della mostra Roma, Torino, Parigi 1680-1750 che aprirà alla Reggia di Venaria (TO) nella primavera 2020: un percorso espositivo che nasce dal progetto Antico e Moderno. Roma, Torino, Parigi 1680-1750 curato da Michela di Macco e Giuseppe Dardanello e sviluppato dalla Fondazione 1563.A conclusione dei corsi verrà rilasciato un certificato di partecipazione e gli esiti dei lavori potranno confluire in una successiva pubblicazione elettronica con ISBN.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Concerto Barocco all’Eliseo con l’orchestra NuovaKlassica, Marco Scolastra e Hyo Soon Lee!

Posted by fidest press agency su domenica, 29 gennaio 2017

orchestra-nuovaklassicaRoma Domenica 5 febbraio 2017 ore 11.30 Teatro Eliseo Via Nazionale 183 53 di 59 Concerto Barocco all’Eliseo con l’orchestra NuovaKlassica, Marco Scolastra e Hyo Soon Lee! Brani di autori come Bach, Händel, Vivaldi e Paisiello rivivranno nell’esecuzione dei diciotto solisti diretti dal Maestro Carlo Stoppoloni con la partecipazione di Marco Scolastra al pianoforte e del soprano Hyo Soon Lee.
Col termine “musica barocca” si indica quella produzione tra il 1600 e il 1750, anche se l’utilizzo del sostantivo “barocco” in campo musicale è piuttosto recente, ed è fatto risalire ad una pubblicazione del musicologo Curt Sachs del 1919.
Principale obiettivo di quell’epoca fu lo stupire e il meravigliare attraverso l’esperienza artistica. Il Barocco può essere considerato uno stile piuttosto che un’epoca; cambi repentini di tempo, passaggi di grande virtuosismo strumentale o vocale e l’uso del contrappunto e della fuga, sono gli elementi che più caratterizzano la produzione musicale di questo periodo, insieme ad uno sviluppato senso dell’improvvisazione. Con questo concerto NuovaKlassica prosegue il suo itinerario di promozione della musica e della comprensione del suo linguaggio, per gustarne ogni aspetto e il meraviglioso mondo che in essa si racchiude. Prezzi platea 16 euro/ragazzi 13 euro – galleria 11 euro (foto: orchestra NuovaKlassica)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Torino capitale del Barocco

Posted by fidest press agency su sabato, 26 novembre 2016

torino-baroccoTorino Lunedì 28 e martedì 29 Novembre nell’Auditorium Vivaldi della Biblioteca Nazionale Universitaria (Piazza Carlo Alberto, 3) a Torino, grazie alla Fondazione 1563, studiosi e appassionati di Barocco potranno ripercorrere in due giorni un secolo di mostre dedicate a questo movimento culturale ed artistico nelle sue più affascinanti declinazioni: dall’architettura all’arte figurativa alla scultura.
Il convegno, intitolato Fortuna del Barocco in Italia: le grandi mostre del Novecento, riunisce esperti internazionali che presenteranno al pubblico le grandi esposizioni che hanno dato vita a un corpus documentario fra i più ricchi e importanti del settore.Una delle esposizioni protagoniste degli incontri sarà la grande “Mostra del Barocco Piemontese” realizzata a Torino nel 1963 fra Palazzo Reale, Palazzo Madama e la Palazzina di Stupinigi: un evento durato da giugno a ottobre e raccontato in un documentario di 34 minuti a cura di Carlo Casalegno, oggi custodito nelle Teche Rai.Tra gli altri interventi al Convegno, il prof. Joseph Connors, docente di storia dell’arte e dell’architettura alla Harvard University, parlerà dell’Italia vista dall’estero attraverso le mostre di architettura sul Barocco, mentre il prof. Giovanni Romano dell’Università degli studi di Torino approfondirà la grande esposizione del 1989 “Diana trionfatrice”. Il prof. Andrea Zezza, invece si occuperà della mostra “La pittura napoletana dei secolo XVII-XVIII-XIX” tenuta nel 1938 e di “Civiltà del Settecento a Napoli” (1979) e “Civiltà del Seicento a Napoli” (1984-1985).L’iniziativa riassume anni di lavoro della Fondazione 1563 nell’ambito del Programma di studi sull’Età e la Cultura del Barocco e precede alcune pubblicazioni previste tra fine 2016 e il 2017. Fa inoltre parte del progetto “Antico/Moderno: Parigi, Roma, Torino 1680-1750”, curato dalla professoressa Michela di Macco (La Sapienza, Roma) e dal professor Giuseppe Dardanello (Università degli Studi di Torino) che propone un confronto dialettico fra Parigi e Roma come centri di elaborazione e Torino come centro di sperimentazione di modelli.La Fondazione 1563 gestisce e valorizza l’Archivio Storico della Compagnia di San Paolo e sostiene un articolato programma di ricerca sul Barocco, anche attraverso un bando annuale per borse di alti studi rivolto giovani ricercatori umanisti. La pubblicazione digitale dell’imponente materiale storico rappresenta una delle attività più recenti e di ampio richiamo internazionale.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Vittorio Bodini: Leonardo Sciascia

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 aprile 2012

Leonardo Sciascia

Leonardo Sciascia (Photo credit: Wikipedia)

I percorsi intellettuali di Vittorio Bodini e Leonardo Sciascia occupano un posto di primo piano nella storia della cultura (non solo meridionale) del Novecento. Quello che emerge dal loro carteggio è l’affascinante profilo di due scrittori curiosi e poliglotti, poeti e narratori di talento e dalle letture sterminate, con una tensione mai dismessa verso la mappatura di esperienze poetiche e letterarie che dalla provincia del Sud approdano in Europa e arrivano fino al mondo arabo-ispanico. Forse le pagine più rivelatrici dell’epistolario sono proprio quelle incentrate sulla attività di traduzione e promozione editoriale; in particolare sui progetti portati a compimento e su altri mai realizzati, come un’antologia della poesia spagnola contemporanea o una collana dedicata alle scritture antiche e moderne del Mediterraneo. Intanto Sciascia e Bodini perfezionavano o completavano il rispettivo apprendistato letterario con la pubblicazione di opere fondamentali quali Le parrocchie di Regalpetra (1956), Dopo la luna (1956) e la traduzione del Chisciotte di Cervantes (1957).Autore: Vittorio Bodini- Leonardo Sciascia (a cura di Fabio Moliterni)
Collana: Bodiniana 2 Categoria: letteratura italiana Pagine: 164 ISBN 978-88-497-0803-5 Prezzo: € 15,00 Besa editrice.
Vittorio Bodini (Bari 1914 – Roma 1970), ispanista tra i più autorevoli del Novecento, studioso e traduttore del Barocco, del Teatro di Lorca (1952), del Don Chisciotte di Cervantes (1957) e dei Poeti surrealisti spagnoli (1963) ha pubblicato prose, saggi critici e alcune raccolte di poesia come La luna dei Borboni (1952) e Dopo la luna (1956), quest’ultima in una collana diretta da Leonardo Sciascia.
Leonardo Sciascia (Racalmuto 1921 – Palermo 1989) è ormai considerato un classico del Novecento. Il profilo che sta assumendo in questi ultimi anni è quello di uno scrittore europeo, in contatto soprattutto con la letteratura francese (da Stendhal a Diderot ai philosophes) e con quella spagnola, della quale è stato traduttore autodidatta oltre che studioso “dilettante”.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dal barocco al risorgimento nei palazzi di Torino

Posted by fidest press agency su mercoledì, 30 marzo 2011

Museo del Risorgimento Italiano (aka Palazzo C...

Image via Wikipedia

Il 62° Itinerario di “Immagine per il Piemonte” ci immerge nella Torino barocca e del Risorgimento per un’eccezionale visita guidata agli Appartamenti dei Principi (riaperti dopo la chiusura nel 1961) nello splendore di Palazzo Carignano e alla mostra interattiva “Sarà l’Italia. La ricostruzione del primo Senato” nel cuore di Palazzo Madama. A Palazzo Carignano la Soprintendenza ai beni artistici ha restituito ai torinesi e ai turisti gli appartamenti barocchi chiusi al pubblico dal 1961, da oggi inseriti in un percorso museale di livello europeo, con la ricostruzione di uno degli studi del conte Camillo Benso, lo splendore delle boiseries e degli specchi dell’appartamento dei Principi – qui risiedevano i Savoia del ramo Carignano, poi ci furono gli uffici del primo Parlamento d’Italia – l’appartamento di Mezzanotte, lo scalone monumentale, che conduce all’aula parlamentare. Scale elicoidali scendono poi nel “segreto” dei suggestivi sotterranei. Stucchi, ori, tele antiche, testimoni del lavoro di grandi maestri – Legnanino, Maratta, Pozzo, Seiter – accolgono il visitatore e lo stupiscono in quest’ala discreta dell’antica dimora sabauda(www.palazzocarignano.it fino al 26 giugno). Spostandoci in piazza Castello, Palazzo Madama rinnova i fasti del Risorgimento con la ricostruzione del Senato, grande ambiente al piano nobile del palazzo che dal 1848 ospitò prima il Senato Subalpino, quindi il proclamato Senato del Regno d’Italia (1861-64). Grazie all’apporto della Fondazione Crt questa architettura scenografica riprende forme, materiali e decoro di quella ottocentesca catturando l’attenzione del visitatore e offrendogli un viaggio nel passato ricco di suggestioni. Per dirla con l’assessore Alfieri: “apriamo un luogo di eccellenza per incontrarsi, un sito della narrazione della storia della città”, mentre Alberto Vanelli, del Comitato Italia 150 si dichiara “sinceramente emozionato di trovarsi dove furono decise e deliberate le prime leggi dell’Italia unita: un’operazione ben riuscita grazie alla collaborazione perfetta di molti enti coordinati dal Comitato”. La ricostruzione è stata pensata anche come spazio del presente, “forum” destinato ad accogliere momenti di discussione sui temi della vita sociale. Ieri, oggi e domani: il visitatore entra così in uno dei momenti storici più significativi dell’Unità. “Sarà l’Italia. La ricostruzione del primo Senato” (16 marzo-8 gennaio 2012 http://www.palazzomadamatorino.it) (Vittorio G. Cardinali)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Serata dedicata al barocco

Posted by fidest press agency su giovedì, 3 febbraio 2011

Siena venerdì 4 febbraio alle ore 21 al teatro dei Rozzi il calendario dell’88ª stagione Micat in Vertice proporrà il concerto “Händel e Napoli, ovvero i percorsi del caro Sassone”. Protagonista dell’appuntamento l’ensemble vocale e strumentale barocco Accordone, con Guido Morini clavicembalo e direzione musicale, Marco Beasley canto, Enrico Gatti violino, Rossella Croce violino, Joanna Huszcza viola, Marco Frezzato violoncello e Franco Pavan tiorba.
L’originale programma del concerto proporrà alcuni brani che il giovane Händel potrebbe aver ascoltato nel corso del suo breve soggiorno napoletano, nel 1708. Si tratta di composizioni i cui autori sono poco noti al pubblico.
Guido Morini e Marco Beasley fondano Accordone nel 1984, mossi da una grande passione per la letteratura musicale precedente a Bach, per gli strumenti originali e per il nuovo approccio musicologico ai problemi dell’interpretazione.
I biglietti per assistere al concerto (interi 25, 21 o 18 euro, ridotti 8 euro per studenti, giovani sotto i 26 anni e over 65) saranno in vendita giovedì 3 febbraio dalle ore 16 alle ore 18.30 a Palazzo Chigi Saracini e venerdì 4 febbraio a partire dalle ore 16 al teatro dei Rozzi. Per informazioni è possibile rivolgersi all’Accademia Musicale Chigiana, tel. 0577 22091, http://www.chigiana.it.(accordone)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sacro lombardo

Posted by fidest press agency su sabato, 9 ottobre 2010

Milano fino al 5/1/2011 piazza Duomo, 12 Palazzo Reale Dai Borromeo al Simbolismo La mostra, promossa dal Comune di Milano – Cultura e prodotta da Palazzo Reale con 24 ORE Cultura – GRUPPO 24 ORE si apre con la data 1610, anno della canonizzazione di Carlo Borromeo, e si conclude con il 1922, quando viene eletto papa Achille Ratti di Desio, il primo dei tre papi lombardi del XX secolo.  La sequenza delle opere si propone di farci ripercorrere questi tre secoli di storia lombarda ricchi di grandi personalità come le figure dei cardinali Carlo e Federico Borromeo, proseguendo attraverso gli sviluppi del Barocco, per poi affrontare il passaggio dalla dominazione spagnola all’ambito austriaco. Il percorso espositivo, seguendo il classico ordine cronologico, si apre con la stagione artistica del Seicento Lombardo, dove emergono le figure di Giulio Cesare Procaccini, di Daniele Crespi e del Morazzone, ma soprattutto l’autorità del Cerano, principale interprete della stagione federiciana. (sacro lombardo)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Festival Contemporaneamente Barocco”

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 ottobre 2010

Siena 8 ottobre ore 21.00 al Teatro dei Rinnovati, con un progetto di Stefano Bollani dedicato alla musica di Henry Purcell torna  a Siena il “Festival Contemporaneamente Barocco”, ospite di alcuni tra i luoghi più suggestivi della città. Al centro di questa III edizione l’artista come punto di sintesi tra antico e contemporaneo, capace di assimilare e restituire l’eredità di forme e linguaggi preesistenti attraverso la propria esperienza artistica.
Sabato 9 ottobre alle ore 21 nella magnifica cornice della Chiesa del Santuccio il giovane ensemble Animantica e il suo direttore Saverio Villa, con il concerto “Il furore e la grazia – Musica al tempo del Guercino e dei suoi allievi”, racconteranno il dialogo tra musica e pittura, dipanando attorno alla biografia del grande artista il racconto della rivoluzione della musica nel primo Seicento. Il concerto si terrà e si replicherà domenica 10 ottobre alle ore 17.00, a Chianciano Terme, presso il Museo Archeologico.
Domenica 10 ottobre alle ore 11.00 visita a cura dello storico dell’arte Alessandro Bagnoli alla Chiesa di San Giorgio.  Grazie agli incontri i “Teatri del Sacro – lo spazio del sacro nell’architettura barocca a Siena”, quest’anno per tre domeniche consecutive, sarà possibile visitare alcune delle più belle chiese barocche della città, veri scrigni d’arte, solitamente non aperte al pubblico. I percorsi, affidati a storici dell’arte, guideranno i visitatori alla scoperta dei preziosissimi tesori architettonici e pittorici. Primo appuntamento
Sabato 16 ottobre al Teatro dei Rinnovati (ore 21.00), il Festival ospiterà l’Accademia Bizantina diretta da Ottavio Dantone con il concerto “Estro e follia”, che attraverso la musica di Corelli, Geminiani, Händel e Vivaldi ci farà scoprire in un viaggio vorticoso tra Roma Venezia e Londra la storia affascinante del concerto strumentale italiano nel primo Settecento.
domenica 17 ottobre alle ore 16.00 a  San Gimignano, presso il Museo Civico il violinista Stefano Montanari, terrà un concerto, “Il Virtuoso il Tempo la Vanità”, incentrato sul repertorio virtuosistico per eccellenza, le sonate per violino di Biber, Bach e Telemann. L’evento è stato realizzato grazie alla collaborazione con la Fondazione dei Musei Senesi,
Venerdì 22 ottobre  nella  Chiesa di Santa Maria degli Angeli (ore 21.00) l’ Ensemble Arcomelo con le espressive voci di Elena Bertuzzi, Matteo Zenatti e Paolo Borgonovo affronterà attraverso la Gerusalemme Liberata del Tasso il dialogo tra musica e poesia: “Il combattimento di Tancredi e Clorinda – Tasso, la musica e gli affetti” è il titolo del coinvolgente percorso attraverso il recitar cantando e gli affetti in musica di Monteverdi, Mazzocchi, Sigismondo d’India.
Sabato 23 ottobre (ore 21.00, Teatro dei Rozzi) il virtuoso di clavicembalo, Michele Benuzzi eseguirà una selezione delle trascrizioni bachiane per cembalo della musica strumentale italiana e francese, nel concerto “Bach – Diario di un viaggio impossibile”.   L’evento sarà in replica domenica 24 ottobre ore 17, Asciano, Palazzo Corboli .
Martedì 26 ottobre ore 21.00 Teatro dei Rinnovati  concerto di chiusura “La viola celtica – arie e danze dalla tradizione scozzese e irlandese”, , è affidato a due stelle di prima grandezza, Jordi Savall e Andrew Lawrence-King,
Rilievo particolare meritano le collaborazioni con la Fondazione Musei Senesi e con la Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio di Siena e Grosseto che hanno permesso di allargare il Festival al territorio della Provincia attraverso i Musei di Asciano, Chianciano Terme e San Gimignano, e di portare la musica in alcuni dei luoghi più suggestivi della città, come la splendida Chiesa di Santa Maria degli Angeli.
L’esperienza ormai triennale della installazione “Il Paese delle Meraviglie”, quest’anno ospitata nel suggestivo spazio dei Magazzini del Sale (apertura 22 ottobre) ingresso gratuito, tutti giorni dalle 10.30 alle 18.00), offrirà ai ragazzi la possibilità di sperimentare acustica, effetti prospettici, macchine teatrali, attraverso modelli antichi o ricostruiti fedelmente, perfettamente funzionanti, e di esplorare il mondo “magico” del dietro le quinte.(ottavio, d’alessandro)

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Una Gloria Europea

Posted by fidest press agency su martedì, 22 giugno 2010

Firenze fino 11/10/2010 Via Ghibellina 70, Casa Buonarroti Pietro da Cortona a Firenze (1637-1647) a cura di Roberto Contini e Francesco Solinas.  L’artista, nato come Pietro Berrettini (Cortona, 1596 – Roma,1669) visse e lavorò a Firenze tra il 1637 e il 1647, e con le sue opere appago’ l’interesse e l’apertura della città verso lo stile Barocco, che alle porte del XVII sec cominciava ad affermarsi come importante movimento culturale, artistico e letterario.  Il pittore realizzo’ diversi lavori per le stanze di Palazzo Pitti, come la “Santa Martina rifiuta di adorare gli dei”, e lascio’ varie testimonianze artistiche a casa Buonarroti, dove soggiornò nel periodo fiorentino, grazie ai favori del mecenate Michelangelo Buonarroti il Giovane, nipote del piu’ famoso pittore Michelangelo. L’esposizione oggi premette di contemplare le opere proprie di Casa Buonarroti come: -La vergine col Bambino- nella camera degli Angioli, l’affresco -Buonarroto di Lodovico e’ nominato conte palatino da papa Leone X- nella stanza della notte e del Di’ e sei porte intarsiate a doppia anta della Galleria. A completare il percorso espositivo, vi e’ una corposa selezione di disegni e dipinti risalenti agli anni fiorentini provenienti da musei italiani ed esteri, che descrivono l’operato artistico di Piero di Cortona ed il ruolo di mecenate dello scrittore Michelangelo Buonarroti il Giovane.  Il nome di Pietro da Cortona e’ senza dubbio sinonimo del Barocco, e non soltanto per l’attività romana dell’artista, ma anche per quanto riguarda Firenze: egli opero’ lungamente, a piu’ riprese, tra il 1637 e il 1647, nel capoluogo granducale, lasciando sue tracce principalmente come frescante nelle celebri stanze di Palazzo Pitti. Personaggio chiave della permanenza fiorentina di Pietro da Cortona fu Michelangelo il Giovane, proprietario della Casa Buonarroti, dove l’artista dimoro’, lasciandovi, per manifestare riconoscenza all’amico e generoso ospite, testimonianze importanti della sua arte, dalle quali prende le mosse questa mostra. (Immagine: Pietro Berrettini, detto Pietro da Cortona)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cinque Perle del Barocco

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 aprile 2010

Roma – Dal 4 al 12 giugno 2010 le “Cinque Perle del Barocco” organizzato dal Centro culturale San Luigi di Francia dell’Ambasciata di Francia presso la Santa Sede. Cinque appuntamenti con altrettanti prestigiosi ensemble francesi ed italiani, nelle cinque splendide chiese francesi di Roma. Un’occasione unica per celebrare la musica barocca assieme al patrimonio architettonico francese presente nella Città Eterna. San Luigi dei Francesi, San Nicola dei Lorenesi, Sant’Ivo dei Bretoni, Santi Andrea e Claudio dei  Borgognoni, Trinità dei Monti ospiteranno la seconda edizione delle “Cinque Perle del Barocco”. In questi luoghi, alcuni raramente accessibili al pubblico, riecheggeranno le musiche e le arie composte nel periodo d’oro del Barocco da compositori italiani, francesi ed europei, su strumenti d’epoca ed eseguite da ensemble di fama internazionale. Tutti i concerti si svolgono alle ore 21 – ingresso libero.
Il festival verrà inaugurato giovedì 4 giugno dai 37 Pagi e Cantori e l’orchestra della Maîtrise du Centre de Musique baroque de Versailles, il cui effettivo corrisponde al coro della Chapelle Royale sotto il regno di Luigi XIV. Diretto da Olivier Schneebeli, la Cantoria eseguirà il Vespro della Beata Vergine alla Cappella Giulia (Bencini) e sarà registrato da Radio Vaticana per un’incisione discografica dalla casa K167. Sabato 5 giugno sarà il Concerto Soave (Regione Lorena), diretto da Jean-Marc Aymes, con la soprano Monique Zanetti e Christine Plubeau (viola di gamba), a proporre Sur les traces de Claude Gelée, programma sugli scambi musicali tra Roma e la Lorena, durante il soggiorno italiano del grande pittore loreno Claude Gelée (musiche di Mazzochi, Sances, Foggia, de Montigny, de Boismortier, Madin). La terza serata del festival, giovedì 10 giugno 2010, sarà affidata a l’Ensemble Faenza, diretto da Marco Horvat, con la soprano Nora Tabbush e Bruno Helstroffer (tiorba, chitarra barocca), col programma Laudate eum in cythara – Musiques de dévotion au temps de la contre-réforme (Ferraro, Kapsberger, Sances, Rossi, Mazzochi, Guédron, Peuret, Notari, Merula). Il gruppo italiano Musica Antiqua Roma si esibirà venerdì 11 giugno 2010 sotto la direzione di Riccardo Minasi con i tre strumentisti Ludovico Minasi, Dmitry Sinkovsky e Cipriana Smarandescu (musiche di Colista, Stradella, Lonati, von Biber e Vivaldi). Il festival si concluderà sabato 12 giugno 2010 con il Concert de l’Hostel Dieu (Lione). Sotto la direzione di Franck-Emmanuel Comte, con la soprano Marine Vernant e sei strumentisti, quest’ensemble presenterà Musique au siècle des Lumières – Manuscrits lyonnais du XVIIIème siècle, ricerca su manoscritti lionesi del settecento a confronto con alcune importanti pagine di autori del Barocco Romano (Rameau, Gouffet, Leclair, Stradella, Scarlatti, de Mondonville). I luoghi delel manifestazioni:
1 giugno 2010 Concerto di anteprima – Alessandro Stella e Mauro Conti
venerdì 4 giugno 2010 – Chiesa di San Luigi dei Francesi – Piazza S. Luigi de’ Francesi, 20
sabato 5 giugno 2010 – Chiesa San Nicola dei Lorenesi – Largo Febo, 17
giovedì 10 giugno 2010 – Chiesa Sant’Ivo dei Bretoni – Vicolo della Campana, 8
venerdì 11 giugno 2010 – Chiesa di Santi Andrea e Claudio dei Borgognoni – Piazza San Silvestro
sabato 12 giugno 2010 – Chiesa della Trinità dei Monti – Piazza della Trinità dei Monti, 3 (Maitrise, hostel, faenza)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Expo: Carsten Nicolai

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 dicembre 2009

Napoli fino al 10/1/2010 Piazza del Plebiscito, Pionier II. Seconda installazione nell’ambito di ‘Barock’ Diviso tra il mondo dell’arte contemporanea e quello della musica elettronica, l’artista tedesco Carsten Nicolai, presenta due opere disegnate e progettate appositamente per -Barock-, la mostra del museo MADRE dedicata all’arte barocca contemporanea.  La prima installazione, Pionier I, posizionata nel cortile del museo, consiste in un paracadute, che ricorda vagamente quelli utilizzati per l’atterraggio delle capsule spaziali sulla superficie extraterrestre o quelli per lanciare carichi in territori inaccessibili. Gonfiato tramite un ventilatore, il paracadute e’ illuminato da una forte fonte di luce che ne evidenzia la struttura al calare della sera.  La seconda installazione, Pionier II, vede tre mongolfiere ad elio, illuminate e collegate al suolo tramite cavi metallici, ondeggiare su Piazza Plebiscito, sede, anche quest’anno, della tradizionale installazione pre-natalizia. Il progetto e’ completato da un suono di sottofondo, trasposizione sonora delle onde telluriche prodotte dal Vesuvio. Entrambe le installazioni affrontano il tema dell’interazione tra gli elementi artificiali e naturali, direttamente ispirati al rapporto antagonista che la città vive con il sottosuolo.  Considerato una tra le figure più importanti del panorama artistico internazionale, da alcuni anni Nicolai esegue sperimentazioni sonore nel campo della musica elettronica sotto lo pseudonimo Alva Noto, eseguendo concerti all’interno di musei e spazi istituzionali tra cui il Solomon R. Guggenheim Museum a New York, il San Francisco Museum of Modern Art, il Centre Pompidou a Paris, la Kunsthaus di Graz e la Tate Modern di Londra. (carsten)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dipinti lombardi dal rinascimento al barocco

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 dicembre 2009

Milano fino al 28/2/2010 Grattacielo Pirelli – Atrio istituzionale (via Fabio Filzi 22) una grande esposizione presenta importanti opere realizzate tra Rinascimento e Barocco, di autori quali Giovanni Cariani, Moretto da Brescia, Romanino, Giovanni Battista Moroni, Camillo Procaccini, Fra’ Galgario ed altri, provenienti dal patrimonio delle Istituzioni Ospedaliere Lombarde.  L’iniziativa – col contributo della Fondazione Cariplo, main sponsor FNM Group e Pirelli, media partner 24 ORE Motta Cultura. Gruppo 24 ORE – propone 22 opere realizzate tra il Cinquecento e il Settecento, da autori quali Giovanni Cariani, Moretto da Brescia, Romanino, Giovanni Battista Moroni, Camillo Procaccini, Fra’ Galgario ed altri, appartenenti al patrimonio delle Istituzioni Ospedaliere Lombarde, al fine di consentire una precisa verifica e uno studio approfondito di queste collezioni, e allargare l’interesse a importanti scrigni, finora ignorati, consentendone una piu’ vasta conoscenza e valorizzazione.  Questi capolavori, infatti, non provengono solo dal capoluogo lombardo, ma anche dalle province di Como, Bergamo, Brescia, Lodi, Varese, Pavia.  Con questi lavori il gruppo dei dipinti del primo Cinquecento bresciano appartenenti a istituzioni ospedaliere lombarde assume una dimensione considerevole. A essi si affianca, sempre degli Spedali Civili di Brescia, anche il genere della natura morta, qui presentata in due versioni che appartengono al raro repertorio animalistico di Giorgio Duranti, un pittore bresciano che s’ispirava alla lezione di Borromaus Andreas Ruthart, maestro del barocco tedesco.  Accompagna la mostra un catalogo 24 ORE Motta Cultura. http://www.clponline.it (Hayez)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »