Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Posts Tagged ‘bere’

Bevete tanto, idratatevi, soprattutto se siete anziani

Posted by fidest press agency su venerdì, 28 giugno 2019

E naturalmente cercate di restare in un ambiente fresco. Il dottor Gerardo Foglia, responsabile della unità Operativa di Pronto Soccorso e Accettazione e Area di Emergenza Cardiovascolare dell’Ospedale Sacra Famiglia Fatebenefratelli di Erba (Como), lancia un appello alla popolazione, perché, come ci dice, «in queste ore di solleone gli accessi al pronto soccorso sono in netto aumento». Il reparto tratta 36mila pazienti all’anno e nei periodi estivi si tratta spesso di anziani disidratati, per i quali non è necessario il ricovero, perché è sufficiente una terapia di idratazione per rimetterli in sesto. Ma la temperatura di queste ore non va presa alla leggera» ammonisce Foglia, parlando soprattutto degli anziani e particolarmente di coloro che vivono da soli: bisogna aumentare il controllo della temperatura degli ambienti, assicurarsi che la persona anziana consumi una quantità di liquidi opportuna (non meno di 2 litri di acqua al giorno a meno di indicazioni diverse del medico di famiglia), e fare in modo che beva acqua o spremute di frutta anche nel caso non li richieda esplicitamente; inoltre è necessario sospendere qualsiasi tipo di attività fisica nelle ore più calde della giornata (dalle 11 alle 18) e stare attenti alla comparsa di sintomi come confusione mentale e agitazione, che possono indicare sofferenza dovuta alle elevate temperature, spiega il responsabile del Pronto Soccorso erbese. Quando sopravviene una ’“ondata di calore” -con alte temperature per giorni, anche di notte – «la regolazione della temperatura cutanea attraverso la produzione di sudore può essere poco efficiente, oppure l’assunzione di acqua può essere inadeguata. Molti anziani non avvertono o avvertono poco il senso di sete e, anche quando sudano molto, non bevono abbastanza; di conseguenza, il loro organismo si disidrata e ciò spiega perché si debbano seguire gli accorgimenti che abbiamo segnalato, vestendo leggero, in cotone o lino, esponendosi il meno possibile al sole ed evitando bevande alcoliche (vino, birra, superalcolici), come pure le bevande ghiacciate, gassate e zuccherate. È opportuno preferire la frutta e la verdura e abolire cibi grassi e conditi e bere molta acqua» spiega Foglia, ricordando di non esporre i prodotti farmaceutici ai raggi solari o a fonti di calore. Alcune medicine vanno tenute in frigorifero (mai nel freezer), indicazione che si trova comunque specificata sulla confezione del farmaco.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Acqua: Quanta ne dobbiamo bere?

Posted by fidest press agency su domenica, 17 maggio 2015

acqua-fresca4Quanta acqua dobbiamo bere nel corso della giornata? Gli studi scientifici hanno stabilito che un adulto, in condizioni ambientali temperate e moderata attivita’ fisica, ha necessità di circa 2 litri di acqua al giorno. L’acqua e’ essenziale per quasi tutte le funzioni del corpo ed e’ particolarmente importante per la termoregolazione, infatti, una perdita di acqua del 10% puo’ essere fatale. L’acqua assunta non e’, pero’, solo quella del rubinetto o della bottiglia di minerale, ma anche quella proveniente da bevande, analcoliche e alcoliche, dai cibi, in particolare da frutta e verdura e dai processi ossidativi del corpo. Se si ha una alimentazione equilibrata non e’ necessario avere la bottiglia da due litri sul tavolo con l’impegno categorico di terminarla entro la giornata perche’ il rene ha un tasso di escrezione di 0,7 – 1 litro di acqua all’ora ed e’ inutile caricarlo di eccessivo lavoro. L’ intossicazione da acqua, con pericolo di vita dovuta a ipo-osmolarita’, e’ rara ma puo’ verificarsi quando si ha rapida reidratazione, con consumo eccessivo di acqua che supera il tasso di escrezione massima del rene. Nella realta’, ed in particolare nelle persone anziane, l’assunzione totale di acqua e’ sempre un po’ carente e va reintrodotta per mantenere l’equilibrio osmotico del nostro corpo. (Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Arriva l’estate: bere più acqua

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 giugno 2011

Per combattere il caldo estivo è importante assumere una maggiore quantità di cibi ricchi di acqua, senza dimenticare di bere comunque più acqua. Da uno studio dell’Osservatorio Nutrizionale e sugli stili di vita “Grana Padano” (composto da medici, pediatri e dietisti, vedi scheda di seguito), risulta che gli italiani seguono generalmente una dieta ricca di cibi “idratanti”, ma devono in ogni caso essere più attenti all’idratazione, soprattutto nel periodo estivo.
I cibi più “acquosi” sono la frutta, in particolare anguria e melone, la verdura, il latte, i succhi di frutta, lo yogurt, i sorbetti e i gelati, cibi che gli italiani consumano mediamente a sufficienza. L’Osservatorio nutrizionale “Grana Padano” ha svolto uno studio sulla base dei dati riguardanti 7.500 persone, studio da cui emerge che gli italiani introducono, attraverso ciò che mangiano, circa 1200 millilitri di acqua al giorno: a introdurre più alimenti ricchi di acqua sono gli uomini (1263 ml) rispetto alle donne (1061 ml) e gli alimenti più ricchi di acqua sono introdotti maggiormente nel periodo primaverile rispetto all’inverno (1266 ml versus 981 ml).
Secondo gli esperti dell’Osservatorio nutrizionale, gli anziani tendono a bere poco e, soprattutto nei periodi caldi, sono soggetti a malori dovuti proprio alla scarsa idratazione. I passati e le creme di verdura sono sicuramente preziosi per coloro che, in là con gli anni, magari faticano a masticare, mentre per la merenda dei bambini, che non sempre bevono a sufficienza, sì a ghiaccioli e gelati, senza esagerare a causa dello zucchero contenuto in questi prodotti. Per mantenere un’adeguata idratazione in estate meglio quindi più spremute, frullati, centrifugati, frappé, verdura (soprattutto cotta), latte e yogurt, e, naturalmente, più acqua. L’acqua infatti, non ha valore calorico, può essere bevuta indifferentemente frizzante o naturale, ed è un’ottima fonte di sali minerali.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Festa dell’Uva

Posted by fidest press agency su mercoledì, 30 settembre 2009

festa uvaCapoliveri (Isola d’Elba) dal 2 al 4 ottobre 2009 Festa dell’Uva. Una tradizione che si rinnova e si arricchisce, e che porta gli appassionati di enologia e gli amanti del buon bere a ritrovarsi in un clima gioioso, che vede i calici elevarsi verso il cielo! Venerdì 2 ottobre 2009 alle 21 la Festa dell’Uva inizia con lo svolgimento delle gare tra i 4 Rioni di Capoliveri, con competizioni a tema. Ecco quindi che si può assistere alla corsa dei tinelli, alla gara di pigiatura dell’uva nelle gabbie, alla disfida del grappolo d’uva e alla corsa delle botti. A seguire musica, e naturalmente degustazione di vini e di prodotti tipici. Sabato 3 ottobre 2009 alle 18 alla sala Consiliare del comune di Capoliveri si tiene la conferenza “Il vino: alimento e salute”, alla presenza di esperti del campo scientifico e sommelier di fama, oltre al gastronomo della rivista L’Espresso, Leonardo Romanelli. Alle 18.30, durante la messa nella chiesa di Santa Maria Assunta si celebra la benedizione degli stendardi dei quattro rioni: Baluardo, Fosso, Fortezza e Torre. Alle 19 si aprono gli stand enogastronomici, con la partecipazione dei produttori vinicoli elbani, e musica e balli in piazza. Domenica 4 ottobre 2009 alle 10 il “Bacco” lascia il Fosso (vincitore della scorsa edizione) e torna in piazza Matteotti e alle 12 si esibisce al suo cospetto la banda musicale del paese. Nel pomeriggio i Rioni sfilano, si balla in piazza e alle 19 vengono assegnati il “Trofeo Bacco” e il premio “Piatto Slow Food Isola d’Elba”. Alle 19.30, come massima celebrazione della vittoria, il Bacco viene portato all’interno del rione che ha conquistato il titolo 2009, e si continua a festeggiare tra canti e balli. (festa uva)

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Educazione sessuale nelle scuole

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 luglio 2009

L’educazione sessuale è come quella fisica: una materia scolastica da insegnare ai ragazzi per restare in salute. Per un corretto stile di vita non bere, non fumare, non drogarti, fai movimento, cura l’alimentazione e utilizza sempre metodi contraccettivi sicuri, pillola e preservativo. La Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia (SIGO) non ha dubbi: “In Italia una ragazza su tre non usa alcuna precauzione la sua “prima volta” e il 50% continua a non proteggersi neppure in seguito. Crescono le under 14 che chiedono il ricorso all’interruzione volontaria di gravidanza (dallo 0,5% del 1995 all’1,2% del 2005) e le malattie sessualmente trasmissibili (MST) sono in forte crescita – sottolinea il presidente Giorgio Vittori –. Distribuire contraccettivi nelle scuole superiori è utile per sensibilizzare i giovani sull’importanza di praticare sesso con responsabilità per salvaguardare la loro salute e anche la fertilità futura. Ma non basta. Per colmare l’ignoranza dilagante servono soprattutto interventi strutturati nelle classi, da parte di medici e psicologi”. L’educazione sessuale in altri Paesi viene da anni insegnata regolarmente nelle scuole: in Germania dal 1970, in Francia dal 1973, in Svezia dal 1956. In Inghilterra, per rispondere all’emergenza di aborti fra le adolescenti, si è pensato di introdurla fin dalle elementari. Ma nel nostro Paese, dove la prima proposta di legge in merito risale al 1910, nessun tentativo è riuscito a raccogliere consensi sufficienti per il varo di una legge nazionale. “La scuola resta il campo più controverso, anche se noi operatori siamo pronti – commenta Emilio Arisi, componente del Direttivo SIGO – . Ci siamo interrogati su questo tema già nel 2007: il 67% degli intervistati nella nostra indagine è favorevole all’introduzione negli istituti superiori italiani di una distribuzione diretta e controllata di contraccettivi, pillola e preservativo, alla presenza di un medico”. È questo il modello utilizzato nei Paesi Bassi (la duplice protezione, il cosiddetto “doppio olandese”), che presentano una delle più basse percentuali di ragazze madri al mondo e sono considerati un esempio da imitare. Ma fra gli attori chiave del processo educativo non va tralasciata la famiglia: “Servono corsi sulla sessualità anche per mamma e papà – spiega la Graziottin -: solo il 40% delle madri delle ragazze nate dall’85 in poi parla di contraccezione con le figlie, appena il 47% dei genitori considera il profilattico sicuro nei confronti delle malattie sessualmente trasmesse, il 52% ritiene la pillola contraccettiva sicura, mentre usata bene lo è al 99,9%. L’81% dei maschi parla di contraccezione, ma soltanto il 4% si rivolge al padre e appena il 3% alla madre (prevalgono gli amici, 59%).

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »