Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 316

Posts Tagged ‘bianca d’aponte’

18° “Premio Bianca d’Aponte”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 settembre 2022

Aversa 28 e 29 ottobre teatro Cimarosa concorso in programma per cantautrici diventato ormai un punto fermo nel panorama italiano della musica di qualità con la direzione artistica di Ferruccio Spinetti e media partner ufficiale Rai Radio 1. In veste di madrina ci sarà poi Grazia Di Michele. Il Premio ospita infatti ogni anno una artista di rilievo che presiede la giuria e propone un brano di Bianca d’Aponte, la cantautrice a cui è dedicata la manifestazione. Ad aprire le serate sarà invece la vincitrice dello scorso anno, Isotta, mentre a condurre saranno Daniela Esposito e Ottavio Nieddu. Al cast si aggiungeranno ulteriori ospiti che verranno annunciati prossimamente. Le artiste selezionate per la finale del concorso, come già comunicato, saranno: Angelae (Angela Zanonato) da Padova, Candeo (Paola Candeo) da Milano, Giorgia Canton da Verona, Fefe (Federica Sartori) da Bolzano, Assia Fiorillo da Napoli, Jole (Jole Canelli) da Savona, Jungle J. Anne (Giulia Covitto) da Grosseto, Lamo (Daniela Mornati) da Milano, Lula (Lucrezia Di Fiandra) da Roma, Moà (Martina Maggi) da Terni, Alessandra Nicita da Lecce. Alcune delle concorrenti saranno accompagnate dalla band residente diretta da Alessandro Crescenzo.Le finaliste sono state come sempre selezionate in un mese e mezzo di lavoro del Comitato di Garanzia del Premio, formato da decine di addetti ai lavori. Si tratta di produttori, discografici, manager, cantanti. autori, musicisti, giornalisti tra i più importanti nel mondo musicale italiano. Molti i riconoscimenti in palio. Alla vincitrice assoluta andrà il Premio Bianca d’Aponte, con borsa di studio di € 1.000, la partecipazione come ospite alla prossima edizione del Premio, tre concerti di presentazione prodotti da Doc Live e la possibilità di partecipare al Premio dei Premi del Mei di Faenza. Per chi si aggiudicherà il Premio della Critica “Fausto Mesolella” (storico direttore artistico della manifestazione) è prevista una borsa di studio di € 800. Verranno inoltre assegnate menzioni per miglior testo, migliore musica e migliore interpretazione. A questi si aggiungono vari premi assegnati ad alcune finaliste direttamente da realtà esterne all’organizzazione o da singoli giurati. Fra quelli confermati c’è il “Premio ’Na stella” (titolo di una canzone di Mesolella) del Virus Studio, con l’incisione di un brano con la produzione artistica di Ferruccio Spinetti; una proposta per un anno di assistenza legale e manageriale per l’artista vincitrice o altra finalista da parte di Siedas; un premio di Soundinside Basement Records consistente nella realizzazione di un video live in studio e quello dell’etichetta Suoni dall’Italia di Mariella Nava, con la proposta di una possibile collaborazione artistica. Inoltre, da questa edizione, la Dcave records del produttore artistico Daniele Grasso offre a una finalista la produzione completa di un EP di tre brani.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

La vincitrice della 13a edizione del Premio Bianca d’Aponte

Posted by fidest press agency su lunedì, 30 ottobre 2017

federica morroneAversa. E’ la diciottenne Federica Morrone, la vincitrice della 13a edizione del Premio Bianca d’Aponte – Città di Aversa, l’unico in Italia riservato alla canzone d’autore femminile, che si è svolto venerdì e sabato al Teatro Cimarosa. Il riconoscimento della critica – che da quest’anno prende il nome di “Premio Fausto Mesolella”, dallo storico direttore artistico della manifestazione, scomparso improvvisamente nella primavera scorsa – è andato invece al duo Fede ‘N’ Marlen. Federica Morrone si è aggiudicata anche la menzione per la miglior musica, mentre a Nòe da Menfi (AG) è andata quella per l’interpretazione e a Marta De Lluvia da Recanati (MC) quella per il testo. La manifestazione è stata fitta di omaggi a Fausto Mesolella, a cominciare da quello del suo gruppo storico, gli Avion Travel, nella serata di venerdì, quando anche Fausta Vetere e Corrado Sfogli della Nuova Compagnia di Canto Popolare hanno ricordato con due brani il grande musicista casertano. Il sabato invece Kaballà ha interpretato una propria canzone in siciliano scritta appositamente per lui ed Alessio Bonomo ha offerto un duetto virtuale con Mesolella.
Nella prima serata sono saliti sul palco anche Giuseppe Anastasi, Alessio Arena, Katres e la vincitrice della scorsa edizione, Sighanda, in scena pure il giorno dopo. Anche sabato 28 sono stati molti gli ospiti di rilievo, a partire da Rachele Bastreghi dei Baustelle, che è stata la madrina del concorso e ha interpretato fra l’altro “Non ci credevo più”, un brano di Bianca d’Aponte, la cantautrice a cui il festival è dedicato. Con lei si sono esibiti Mauro Ermanno Giovanardi, Bruno Marro, Musica Nuda (Magoni e Spinetti), Mariella Nava e la giovanissima Frida Bollani Magoni, di soli tredici anni, la grande rivelazione del d’Aponte 2018. Figlia di Stefano Bollani e Petra Magoni, ha incantato il pubblico accompagnandosi al pianoforte in una suggestiva interpretazione di “Stay” di Rihanna.
La vincitrice Federica Morrone è di Castel San Giorgio (SA). All’età di cinque anni ha partecipato allo Zecchino d’oro e a otto ha iniziato lo studio del pianoforte. In qualità di pianista dal 2009 ha ottenuto risultati lusinghieri in vari concorsi. Dopo alcune apparizioni televisive come cantante in erba nel 2013 ha iniziato a scrivere canzoni e a partecipare a contest per cantautori. Come vincitrice del premio assoluto potrà esibirsi in un tour di otto concerti in luoghi prestigiosi reso possibile grazie a NuovoImaie (progetto realizzato con i fondi dell’art.7 L. 93/92). Avrà a disposizione inoltre una borsa di studio di 1000 euro, anche quest’anno attribuita dalla Federazione degli autori, rappresentata ad Aversa da Mario Lavezzi. Fede ‘n’ Marlen sono un duo napoletano nato nel 2013 e formato da Federica Ottombrino e Marilena Vitale. Lo scorso anno è uscito il loro primo album, “Mandorle”, che le due hanno presentato in un lungo tour in tutta Italia. Musicalmente in loro convivono la canzone d’autore italiana e sudamericana, la canzone napoletana, l’amore per gli strumenti acustici e federica morrone1tradizionali e altro ancora. In qualità di vincitrici del “Premio Fausto Mesolella” hanno diritto a una borsa di studio di 800 euro e alla partecipazione al Premio Lunezia 2018.Diversi sono stati i riconoscimenti esterni del contest: quello dell’etichetta Suoni dall’Italia di Mariella Nava, con la proposta di un contratto discografico, se l’è aggiudicato Ima di Torino; quello di Soundinside Basement Records, con la realizzazione di un video live in studio, Nòe; quello del Virus Studio, chiamato Premio “’Na stella” (titolo di una canzone di Mesolella), è andato invece a Patrizia Capizzi di Caltanisetta, che avrà a disposizione due giorni in sala d’incisione per realizzare un brano con la produzione artistica di Ferruccio Spinetti.
Il contest vedeva in gara anche: Marialuisa De Prisco da Gesualdo (AV), Francesca Marì da Taranto, Frida Neri da Fano (PU) e Francesca Romana Perrotta da Lecce. A presentare le serate di Aversa è stata Chiara Morucci (vincitrice della seconda edizione del Premio), affiancata il venerdì da Maria Cristina Zoppa ed il sabato da Roberta Balzotti. Il Premio Bianca d’Aponte è organizzato dall’Associazione Bianca d’Aponte con il patrocinio della Regione Campania e del Comune di Aversa. Partner sono Emergency, Mau, Suoni dall’Italia, Nuovo Imaie, Premio Andrea Parodi, Soundinside, Virus studio, Blogfoolk, L’isola che non c’era. Media partner è Rai Radio live, che trasmetterà in differita ampi stralci delle due serate.(foto: federica morrone)

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Premio Bianca d’Aponte Città di Aversa

Posted by fidest press agency su lunedì, 31 ottobre 2016

sighandaÈ Sighanda (al secolo Dominique Fidanza) di Aragona con ‘L’aciddruzzu’ la vincitrice del Premio Bianca d’Aponte – Città di Aversa, che si è concluso sabato sera. Il Premio della Critica è andato invece a Agnese Valle di Roma con ‘Cambia il vento’.
La manifestazione, giunta alla 12a edizione, è l’unico festival/concorso di canzone al femminile in Italia, intitolato alla cantautrice aversana scomparsa a soli 23 anni alla vigilia della pubblicazione del suo primo album.Insieme alle concorrenti, grandi ospiti si sono susseguiti sul palco del Teatro Cimarosa, sotto la direzione artistica di Fausto Mesolella. Madrina di quest’anno è stata Irene Grandi, che ha presieduto la giuria e cantato, insieme ad alcuni suoi brani di grande popolarità, una canzone di Bianca d’Aponte, ‘Ci ritroveremo’. Fra gli ospiti una leggenda vivente della musica italiana, Fausto Cigliano, che ha interpretato anche uno dei pochi brani in napoletano scritti dalla cantautrice campana, ‘Nenia a Sora Morte’, una composizione molto forte che il Maestro ha definito “una canzone drammatica, profondamente umana. Una poesia immortale”. Il pubblico ha tributato a Cigliano, che era accompagnato alla chitarra da Gianluca Marino, una standing ovation.Ma nella serata finale erano di scena anche Vittorio De Scalzi, storico leader dei New Trolls, in un inedito set con Mesolella. E ancora: la russa Elena Frolova, a cui è stato assegnato il Premio “Bianca d’Aponte International”, istituito lo scorso anno in collaborazione con “Cose di Amilcare” (emanazione spagnola del Club Tenco), Mariella Nava e Kaballà.
Nella serata di venerdì era toccato a Giuseppe Anastasi, Bungaro, Patrizia Cirulli (a cui è andato il Premio “Musica della Poesia”), Giorgia Del Mese, Irene Ghiotto (vincitrice dello scorso anno), Mauro Ermanno Giovanardi, Vera Gotschall, i Letti Sfatti con Fausto Mesolella, Fausta Vetere e Corrado Sfogli, Peppe Voltarelli.Il cuore del festival come sempre è stato nel concorso, che ha assegnato anche la menzione per il miglior testo a Clarissa Vichi di Pesaro con ‘Un fiore’, per la composizione a Giovanna Dazzi di Parma con ‘Orione’, per l’interpretazione a Chiara Minaldi di Palermo con ‘Un’anima’.Erano previsti anche due riconoscimenti esterni: quello dell’Officina della Musica e delle Parole, ideata da Alberto Salerno, che consiste nella partecipazione gratuita a un corso della scuola, è stato assegnato a Nicoletta Noè (al secolo Nicoletta Grazzani) di Lodi con ‘Ad Abelardo, Eloisa’. Quello dell’etichetta “Suoni dall’Italia” di Mariella Nava, con la proposta di un contratto discografico, a Chiara Minaldi.
Le altre concorrenti in gara erano Ilaria D’Amore di Roma con ‘Infiniti miracoli’; Marta Delfino di Savona con ‘Abramovic’; Gabriella Martinelli di Taranto con ‘La pancia è un cervello col buco’; Veronica Punzo di Macerata con ‘Il tempo che ho perduto’.
Le due giurie che hanno scelto i vincitori erano, come sempre al d’Aponte, formate da importanti addetti ai lavori (autori, musicisti, cantanti, editori, discografici, manager, organizzatori di festival e rassegne) e giornalisti.
Nel corso delle serate era disponibile la compilation della 12a edizione del Premio che il pubblico ha ricevuto, come tradizione, con un’offerta per Emergency, cui è stato devoluto l’intero ricavato.
La manifestazione è organizzata dall’associazione Bianca d’Aponte con il patrocinio della Regione Campania e del Comune di Aversa. Partner sono la neonata Unione Premi Musicali, Mau, Suoni dall’Italia, Officina della Musica e delle Parole, Blogfoolk, Osservatorio Cittadino, NerosuBianco, L’isola che non c’era. Sponsor è NuovoImaie. Media partner è Rai Radio7live, che trasmetterà in differita ampi stralci delle due serate. (Sighanda: Foto di Mary Addari)

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La siciliana Chiara Minaldi vince due premi al Bianca D’Aponte

Posted by fidest press agency su lunedì, 31 ottobre 2016

chiara-minaldichiara-minaldi1Il premio per la migliore interpretazione e un contratto con l’etichetta discografica “Suoni D’Italia” della cantautrice Mariella Nava, La Sicilia della musica stravince grazie alla cantante agrigentina Chiara Minaldi, che ha ottenuto due dei riconoscimenti più importanti del premio “Bianca D’Aponte, nella città di Aversa, in provincia di Caserta in Campania, conclusosi nella notte tra sabato 29 e domenica 30 ottobre.Chiara Minaldi, cantante di formazione jazz, ha stupito la giuria – con madrina della serata Irene Grandi – portando il brano “Un’anima”, scritto per lei da Francesco Cusumano, suo paroliere da due anni. La stessa Minaldi ha prima composto la musica, seguita dal testo di Cusumano.«Posso definirla – dice Chiara Minaldi – una canzone leggera. Quasi un acquerello, che parla di emozioni nascoste, come i brividi più intimi dell’innamoramento».Non è la prima volta che Chiara Minaldi – che oltre a essere interprete è docente di canto alla scuola di musica e arte Cast, è biologa infettivologa all’ospedale Buccheri La Ferla di Palermo – porta con la sua musica la Sicilia alla ribalta delle cronache. Lo scorso anno il suo singolo “River” è arrivato in cima alla top ten jazz della classifica delle hit in Sud Corea. Brani della Minaldi sono stati venduti anche in Malesia, Singapore Turchia e Russia. (foto: Chiara Minaldi)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

La cantante siciliana finalista del premio “Bianca D’Aponte – Sono un’isola”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 31 agosto 2016

chiara minaldiirene grandiLa Sicilia della musica e del canto che conta puntella un nuovo obiettivo da star, cercando di conquistare il cuore di Irene Grandi. La cantante agrigentina Chiara Minaldi è tra le dieci finaliste del premio “Bianca D’Aponte – Sono un’isola”, che si terrà il 28 e 29 ottobre nella città di Aversa, in provincia di Caserta in Campania, arrivato alla sua dodicesima edizione.
Chiara Minaldi, cantante di formazione jazz, porterà il brano “Un’anima”, scritto per lei da Francesco Cusumano, paroliere per l’artista da due anni. La stessa Minaldi ha prima composto la musica, seguita dal testo di Cusumano.
«Posso definirla – dice Chiara Minaldi – una canzone leggera. Quasi un acquerello, che parla di emozioni nascoste, come i brividi più intimi dell’innamoramento».
Madrina della serata e presidente della giuria – formata da giornalisti, produttori, autori e musicisti, tra i più importanti del mondo musicale italiano – sarà Irene Grandi. La direzione artistica è di Fausto Mesolella. (foto: chiara minaldi, irene grandi)

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Bianca D’Aponte ritorno a Barcellona

Posted by fidest press agency su sabato, 27 febbraio 2016

bianca d'aponteBarcellona. È ormai una figura internazionale Bianca d’Aponte, che verrà per la seconda volta omaggiata a Barcellona nel “Bianca d’Aponte International”, in programma il 6 marzo al CAT (Centre Artesà Tradicionàrius). La serata è organizzata dall’Associazione barcellonese “Cose di Amilcare”, costola spagnola del Club Tenco, capitanata da Sergio Secondiano Sacchi, coadiuvato da Steven Forti.
Come per la passata edizione alcune canzoni della giovane cantautrice di Aversa, scomparsa nel 2003 all’età di 23 anni, verranno eseguite tradotte in varie lingue. Ci sarà poi l’incontro tra la canzone e la letteratura al femminile: canzoni basate su versi di poetesse o a loro dedicate. Quello di Barcellona è il primo di una serie di appuntamenti annuali dedicati alla cantautrice, che proseguiranno il 28 e il 29 ottobre ad Aversa, in occasione della XII edizione del Premio Bianca d’Aponte (come sempre con la direzione artistica di Fausto Mesolella), per concludersi a dicembre a Sanremo.
La conferma di Aversa come Città di musica (da Cimarosa a molti altri compositori), arriva oggi grazie a Bianca d’Aponte, varcando anche i confini nazionali. Basta leggere i nomi di chi parteciperà a questa edizione del Bianca d’Aponte International: Alessio Arena, Idil Ayral, Indiana Carsin, Vera Gottschall, Enric Hernàez, Katres, Tamar McLeod Sinclair, Fausto Mesolella, Steven Munar, Olden, Yannis Papaioannou, Miquel Pujadó, Ulrich Sandner, Stelios Togias, Zacharis Vamvakousis, Christiana Vlanti, Peppe Voltarelli. A presentare la serata sarà Steven Forti. Oltre a “Cose di Amilcare” e all’Associazione Bianca d’Aponte, hanno collaborato all’organizzazione: BarnaSants, Club Tenco, Istituto Italiano di Cultura di Barcellona, Zibaldone @Contrabanda FM. La grafica sarà curata da un artista noto in tutto il mondo come Marco Nereo Rotelli.È intanto stato avviato il bando per il concorso del Premio Bianca d’Aponte, l’unico in Italia dedicato esclusivamente a cantautrici. La partecipazione è gratuita, mentre la scadenza per le iscrizioni è fissata al 23 aprile 2016. Alla vincitrice sarà attribuita una borsa di studio di € 1.000; per la vincitrice del Premio della Critica la borsa di studio sarà di € 800. Novità di quest’anno è la creazione di una nuova sezione, “Musica della poesia”. Le artiste interessate dovranno musicare e interpretare in canzone una poesia, a propria scelta, di un/una poeta/essa, proposto/a dall’organizzazione; quest’anno la poetessa prescelta è Alda Merini.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Premio Bianca d’Aponte

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 ottobre 2015

irene ghiottoÈ Irene Ghiotto di Vicenza con “La filastrocca della sera” la vincitrice del Premio Bianca d’Aponte – Città di Aversa, che si è concluso sabato sera. Giunto all’11a edizione, è il più importante festival di canzone al femminile in Italia, intitolato alla cantautrice aversana scomparsa a soli 23 anni alla vigilia della pubblicazione del suo primo album. Irene Ghiotto ha prevalso anche nella sezione per la migliore composizione musicale. Inoltre, Mara Maionchi e Alberto Salerno, presenti in sala, hanno voluto premiarla con una segnalazione sul loro seguitissimo blog, FMD.
Il premio della critica è andato invece a Helena Hellwig di Milano con “Come Marylin morrò”, prima anche nelle sezioni riservate alla migliore interprete e al miglior testo. Mariella Nava con la sua etichetta discografica “Suoni dall’Italia” ha invece deciso di proporre un contratto discografico a Priscilla Bei di Roma con “Ulisse”.
Grandi emozioni sono arrivate anche dagli ospiti delle due serate che si sono tenute nell’affascinante Teatro Cimarosa di Aversa. In quella di venerdì, che ha aperto la manifestazione, si sono fra l’altro esibiti Diodato e Renzo Rubino, due degli artisti di maggior successo emersi negli ultimi anni nel panorama italiano, che hanno fra l’altro duettato a sorpresa nel brano di Fabrizio De André “Amore che vieni, amore che vai”. Con loro, Giuseppe Anastasi, Giuseppe Barbera, Bastian Contrario, Carlo Mercadante ed Elisa Rossi (vincitrice della scorsa edizione).
Nella serata di sabato si è svolta la gara vera e propria, davanti ad una vasta giuria che comprendeva circa cinquanta componenti, con molti importanti giornalisti e addetti ai lavori. Sul palco, nomi di spicco della musica italiana, da Fausto Mesolella degli Avion Travel, direttore artistico del Premio, a Raiz, da Andrea Mirò a Mariella Nava fino a Ginevra di Marco, madrina di questa edizione del Premio. E poi un inedito quartetto formato dalla stessa Ginevra di Marco e da Elena Ledda, Brunella Selo, Fausta Vetere della Nuova Compagnia di canto popolare. Hanno proposto prima “Abacada” di Andrea Parodi, a nove anni esatti dalla sua scomparsa dell’artista sardo, già leader dei Tazenda e poi protagonista in prima persona di una carriera nella World Music internazionale. Ed infine “Il canto dei Sanfedisti”, grande classico della musica popolare partenopea che ha concluso la serata ricevendo la standing-ovation del pubblico.
Le altre concorrenti in gara erano: Rossella Aliano di Catania con “Sangue”; Amelie (Paola Memeo) di Milano con “Che cosa c’è”; C.F.F. ( Anna Maria Stasi e Anna Surico) di Bari con “La frana”; Grazia Cinquetti di Parma con “L’alta marea”; Francesca Incudine di Enna con “Di notti nasciunu i canzuni”; Giulia Olivari di Bologna con “Riso e sangria”; Francesca Pignatelli di Taranto con “Sbaglio”.
Importante novità di questa edizione è stata l’istituzione di una sezione internazionale, che nasce dal Bianca d’Aponte International, evento che si è svolto lo scorso 8 marzo a Barcellona e che sarà replicato il 6 marzo del prossimo anno. Il premio viene attribuito ad un’artista scelta, tra le tante monitorate, in accordo tra l’Associazione barcellonese “Cose helenadi Amilcare” e l’Associazione Bianca d’Aponte. La prima a fregiarsi del Premio Bianca d’Aponte International è stata la cantautrice catalana Silvia Comes.
Ma, ad Aversa, l’apertura internazionale del Premio non si è limitata alla presenza della sola Comes; ci sono state anche la tunisina M’Barka Ben Taleb, la catalana algherese Claudia Crabuzza e la francese Céline Pruvost (che ha ricevuto a sua volta da Mariella Nava la proposta di un contratto discografico, per dare il proprio contributo all’apertura internazionale del d’Aponte). Ciascuna ha proposto, nel corso delle due serate, un proprio brano e uno di Bianca d’Aponte tradotto e cantato nelle loro rispettive lingue.
Per l’occasione brani della cantautrice aversana, tradotti ed interpretati da artiste di diversa nazionalità, sono stati raccolti in un album intitolato “Estensioni”. Sia quest’album sia quello contenente i brani finalisti di quest’edizione, integrati da un brano di Bianca d’Aponte cantato da Ginevra di Marco, in qualità di madrina di quest’anno, erano disponibili in teatro devolvendo un contributo ad Emergency a sostegno del “Programma Italia”.
A condurre sono stati Antonio Silva, storico presentatore del Premio Tenco, e Carlotta Scarlatto, presentatrice e cantante con il nome d’arte di Carlotta.
La manifestazione è patrocinata dalla Regione Campania, dal Comune di Aversa e da SIAE. Il Premio Bianca d’Aponte annovera tra i propri partner RaiRadio 7 live, “Suoni dall’Italia – Produzioni Musicali”, “FMD”, Cose di Amilcare, Premio Andrea Parodi, M.A.U. ed Emergency. (foto irene ghiotto, helena)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Premio Bianca d’Aponte

Posted by fidest press agency su martedì, 14 giugno 2011

Aversa (CE), 17 giugno, nel cortile del Palazzo del Popolo, alle ore 19.00, il direttore artistico del Premio Bianca d’Aponte Fausto Mesolella (Avion Travel) assieme al patron Gaetano d’Aponte, presenteranno il concorso per poi lasciare spazio alle vincitrici delle ultime edizioni, la siciliana Laura Campisi e la veneta Erica Boschiero. La serata sarà condotta dalla giornalista RAI Roberta Balzotti, amica di vecchia data del Premio Bianca d’Aponte. Nella stessa sera di venerdì si esibiranno anche Nathalie, Cristina Donà, Paola Turci, Susanna Parigi e Patrizia Laquidara. “Parola Cantata”, nella sua tre giorni di manifestazione vedrà tra gli ospiti Franco Battiato, Enrico Ruggeri e tanti altri. Unico concorso rivolto a sole cantautrici, in pochi anni, il Premio Bianca d’Aponte si è affermato divenendo uno degli eventi più prestigiosi e di richiamo per gli operatori del settore e per i giornalisti. Dopo i recenti gemellaggi con i Premi “Donida” e “Andrea Parodi”, rispettivamente voluti da Monica Donida e da Valentina Parodi ed Elena Ledda, per il Premio Bianca d’Aponte un nuovo attestato di stima da parte del festival “Parola Cantata”.
La prossima edizione del Premio Bianca d’Aponte si terrà come di consueto ad Aversa il prossimo 21 e 22 ottobre 2011. A breve, una giuria presieduta da Mesolella, definirà i venti brani semifinalisti dopo un lungo periodo di ascolto in anonimato delle canzoni pervenute. Sarà, poi, un Comitato di Garanzia composto da numerosi e prestigiosi “addetti ai lavori” a definire le finaliste dopo aver ascoltato, ancora in anonimato, i venti brani loro proposti; ad operazioni concluse, come da tradizione, saranno resi noti i nomi del Comitato insieme a quelli delle dieci finaliste. (img)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Premio Bianca D’Aponte a Laura Campisi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 ottobre 2010

Con il brano “Cuorefisarmonica” e si aggiudica anche la targa Miglior Interpretazione Laura Campisi, palermitana con il brano “Cuorefisarmonica” è la vincitrice assoluta della VI edizione del Premio Bianca d’Aponte, il concorso per cantautrici che si è concluso, sabato 23 ottobre 2010 ad Aversa. Laura Campisi ha ottenuto anche la targa per la miglior interpretazione mettendo d’accordo pubblico e giuria.  Gli altri premi, assegnati dalla giuria di qualità, quasi cento elementi tra giornalisti, musicisti e addetti del settore, e offerti dalla SIAE sono: Premio della Critica a Paola Rossato di Gorizia, con il brano “Io e la Collina”, Miglior Testo a Roberta Gulisano di Enna, con “Troppo profondo per le ventitré”, Miglior Composizione a Lea Esposito di Scafati (Na)  con “Come ruggine”, Premio Top1 Communication a Melissa Ciaramella di Roma (ma nata a Gela) con “Le Radici”.
La manifestazione nata sei anni fa, si fregia dell’adesione del Presidente della Repubblica per l’edizione 2010. Il Capo dello Stato ha assegnato alla manifestazione e agli organizzatori una speciale medaglia presidenziale in fusione di bronzo all’edizione 2010 che a discrezione e sotto la propria responsabilità hanno deciso di conferire a Oscar Avogadro recentemente scomparso e amico del Premio e di Bianca e consegnata alla moglie. Fausto Mesolella ha voluto poi recitare il testo di uno dei brani del paroliere di Loredana Bertè e Anna Oxa.
Il Premio Bianca d’Aponte è promosso dall’Associazione Bianca d’Aponte sotto l’egida della Siae e il patrocinio della Presidenza del Consiglio – Dipartimento per le Pari Opportunità, dell’Osservatorio Parlamentare Europeo (OPE), della Regione Campania, della Provincia di Caserta e del Comune di Aversa.  L’associazione musicale nasce per ricordare la cantautrice Bianca d’Aponte, scomparsa il 15 agosto 2003, a soli 23 anni, alla vigilia dell’incisione del suo primo singolo con la BMG Ricordi.
Informazioni: http://www.biancadaponte.it
Laura Campisi Siciliana, nel 1997 e fino al 2004 studia canto jazz presso la scuola “Musica Insieme” di Palermo sotto la guida di Loredana Spata, ciò le dà la possibilità di partecipare a festival di musica jazz in Italia e all’estero, e di svolgere un’intensa attività concertistica nella propria città. Sono queste le occasioni che la portano a collaborare e ad incrociarsi con  musicisti di grande spessore quali Sheila Jordan, Paul Jeffrey, Salvatore Bonafede, tanto per citarne alcuni. Consegue la laurea in discipline della musica presso l’Università degli Studi di Palermo.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »