Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 338

Posts Tagged ‘biennale arte’

VI edizione della Biennale di Arte Ambientale

Posted by fidest press agency su venerdì, 23 luglio 2021

Seminaria Sogninterra compie dieci anni e torna tra i vicoli del borgo di Maranola con la VI edizione della Biennale di Arte Ambientale. Per dieci anni, ogni due anni, per tre brevi giorni sul finir dell’estate, il borgo di Maranola si è trasformato grazie all’intervento di artisti, musicisti, curatori e volontari. Migliaia di visitatori hanno attraversato i vicoli e le case aperte per SEMINARIA. Un ampio network di collaborazioni di rilievo locale, nazionale e internazionale ha dato respiro a questa remota biennale di arte ambientale tra i Monti Aurunci e il Golfo di Gaeta, vincitrice di molteplici premi e presentata come caso-studio in Università e centri di ricerca in tutto il mondo.Nel 2021 torna con l’obiettivo di rinnovare e ripensare la propria natura, da sempre attenta alla relazione con la comunità di riferimento. L’incertezza attuale ha posto infatti molti vincoli alla possibilità di immaginare le distanze, concrete o virtuali, ma questo non può precludere l’opportunità di percepire il limite non come una costrizione, ma come un mezzo per farsi interpreti virtuosi del proprio tempo. Questa speciale edizione si è aperta sin dall’inizio al confronto tra artisti e abitanti, i quali, durante le residenze e gli incontri si interrogano sul disagio e la paura che la pandemia ha disseminato soprattutto nelle piccole comunità. Date queste considerazioni, il titolo della sesta edizione della Biennale SEMINARIA è “indivenire” e racchiude l’idea di un programma che segue un ritmo di creazione e fruizione più lento e riflessivo, tutto in divenire, appunto. A partire dal mese di giugno si susseguiranno in residenza a Maranola gli artisti Andrea Aquilanti, Sara Basta, Carlo De Meo, Sarah Deslandes, Davide Dormino, Nicola Rotiroti, Daniele Spanò ed Ellen Wolf per sviluppare, insieme ai residenti, progetti di “immaginazione del futuro”. A partire dal mese di luglio, con una speciale collaborazione con il Gaeta Jazz Festival, fino al 30 settembre partiranno gli eventi pubblici in cui gli artisti saranno invitati a condividere le opere prodotte con l’aiuto della comunità e degli artigiani locali. Cicli di incontri e workshop, in presenza ed in remoto, residenze artistiche, opere temporanee e permanenti, performance, talk, musica, didattica, visite guidate attiveranno il dialogo con il territorio e con realtà analoghe a quelle di Seminaria.Infine, in occasione dei dieci anni del Festival sarà realizzata una festa pensata come un mémoire attivo alla riscoperta di ciò che già è stato lasciato dagli oltre sessanta artisti che hanno partecipato alla manifestazione e di tutto ciò che gli abitanti hanno conservato. Pezzi, resti, testimonianze delle passate edizioni per riflettere insieme su quanto Seminaria abbia modificato la percezione dei luoghi di Maranola agli occhi della comunità e sull’importanza della partecipazione di ognuno.Anche quest’anno SEMINARIA mira a stabilire dialoghi creativi con realtà affini ed altri festival del territorio ed oltre. Oltre al proficuo scambio di idee e di artisti con Gaeta Jazz Festival, la collaborazione con il pluriennale Festival Salerno Letteratura, porterà il videomaker e storyteller Raffaele Morrone alla realizzazione di un racconto inedito e collettivo per SEMINARIA.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Il maestro Carlo Iacomucci da Stoccarda all’invito alla Biennale di Arte Contemporanea “Premio Marche 2018”

Posted by fidest press agency su martedì, 4 dicembre 2018

di Patrizia Minnozzi. I riconoscimenti artistici per il Maestro Iacomucci non finiscono mai… è di appena un mese fa la notizia che alcune sue opere, appartenenti alla prestigiosa collezione d’arte contemporanea del CESMA Centro Studi Marche di Roma, sono state esposte al Rathaus di Stoccarda, durante un importante evento dal titolo” Uno sguardo sulla cultura delle Marche”.I riflettori dell’arte per Iacomucci non si sono ancora spenti e, alcuni giorni fa, l’artista urbinate è stato invitato a partecipare, con alcune sue opere, al Premio Marche 2018- Biennale d’Arte Contemporanea: la celebre manifestazione espositiva che, fin dagli anni Cinquanta, si è caratterizzata come una delle più significative nel territorio della Regione Marche e di valenza nazionale.Il Premio Marche 2018si propone di valorizzare l’attività degli artisti delle Marche e di accrescere la sensibilità e le conoscenze dei marchigiani nei confronti delle arti figurative e visuali. Il suo scopo è quello, altamente meritorio, di promozione dell’arte contemporanea in Italia al fine d’individuare artisti, anche affermati, e giovani con spiccate qualità tecniche e poetiche.
Con questa edizione 2018, il Premio Marche, torna a essere la celebre Biennale d’Arte Contemporanea, che, per l’occasione, è stata inaugurata nella cornice del bellissimo e imponente Forte Malatesta di Ascoli Piceno e rimarrà aperta fino al 31 gennaio 2019.Il Premio Marche, da sempre legato alla città di Ancona, in questa speciale occasione diventa itinerante e verte sul tema dell’interpretazione artistica come armonia ed è dedicato agli artisti marchigiani operanti nella regione, siano essi già affermati oppure emergenti, selezionati e, successivamente, invitati dal Comitato Scientifico.
Al tavolo degli organizzatori erano presenti:il Prof. Fabio Mariano, il Prof. Stefano Papetti, il Prof. Stefano Tonti , la dott.ssa Arianna Trifogli e il sindaco di Ascoli Piceno Avv. Guido Castelli.
Numerosa l’affluenza del pubblico, come anche la presenza di tanti artisti provenienti da tutta la Regione, tra i quali anche il Maestro Carlo Iacomucci, con una sua opera, come testimonianza diretta della fertile carriera di artista e di incisore. Personaggio eclettico, Iacomucci nella sua pluriennale carriera artistica, si è cimentato in percorsi e stili differenti che hanno avuto, come denominatore comune, la tematica del segno attraverso i motivi ricorrenti delle gocce o tracce o segni, che rappresentano la sua inconfondibile impronta.I premi prestigiosi e i molti riconoscimenti ricevuti nel corso della sua carriera, rendono il Maestro Iacomucci, il testimonial ideale per mantenere alto il nome delle Marche non solo in Italia, ma anche fuori dai confini nazionali.
Prossimi appuntamenti per Iacomucci: un’ opera in omaggio alla mostra in onore di Padre Stefano Troiani a Sassoferrato; in seguito, Iacomucci terrà una conferenza sulle tre tecniche dell’incisione a Civitanova Marche, e successivamente a Firenze e Spello.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

V Biennale d’Arte di Zamosc

Posted by fidest press agency su sabato, 14 Maggio 2016

museo guidiForte dei Marmi Museo Ugo Guidi – Giovedì 19 maggio ore 18.00 incontro con gli artisti italiani ispirati dalle poesie del grande poeta polacco Boleslaw Lesmian selezionati a partecipare alla V BIENNALE D’ARTE DI ZAMOSC dedicato a LESMIAN “Due mondi”, che si svolgerà in agosto – settembre 2016 con inaugurazione il 5 agosto in Polonia presso Museo di Zamosc alla Galleria della Scultura Prof. M. Konieczny.
La mostra è organizzata dall’ Associazione “Renesans” di Zamosc (Zamojskie Towarzystwo “Renesans”) in collaborazione con Museo di Zamosc (Muzeum Zamojskie) e con il patrocino del Comune di Zamosc a cura di Elzbieta Gnyp – artista pittrice e presidente dell’Associazione “Rensesans” di Zamosc. La Biennale d’Arte di Zamosc, ispirata alle poesie di Boleslaw Lesmian, entra nelle tradizioni culturali della città Zamosc iscritta nel 1992 nell’elenco mondiale dell’UNESCO. La Biennale è una forma artistica ispirata alla promozione dell’opera letteraria di Boleslaw Lesmian – uno dei più grandi poeti del ventesimo secolo e cittadino di Zamosc negli anni 1922-35. L’intenzione della Biennale è tenere viva la memoria delle poesie di Lesmian nella cultura polacca ma anche all’estero come fonte di museo guidi1ispirazione creativa. Il titolo di questo anno è “Due mondi” – si intende la dualità dei mondi che troviamo nelle poesie di Lesmian, quello reale e quello di fantasia, creato dal poeta.
La partecipazione alla mostra è solo ed esclusivamente su invito della curatrice della Biennale con artisti accuratamente selezionati e di alto livello. Questa è già la terza edizione con la partecipazione degli artisti italiani selezionati dall’artista grafica Joanna Brzescinska-Riccio polacca – italiana che fa da ponte che unisce i due mondi. Alla V Biennale d’Arte di Zamosc parteciperanno le pittrici Annamaria Maremmi e Maria Rita Vita, lo scultore Massimo Facheris oltre che Joanna Brzescinska-Riccio. Sarà in mostra anche l’opera dell’artista e poetessa scomparsa Marta Gierut. AL MUG durante l’incontro sarà presente un’opera di ciascun artista che sarà presente a Zamosc in Polonia.
La Biennale è patrocinata dal Museo Ugo Guidi – MUG di Forte dei Marmi, Associazione “Amici del Museo Ugo Guidi” onlus e Comitato Archivio artistico – documentario Gierut.
All’incontro interverranno Vittorio Guidi – curatore del Museo Ugo Guidi, la scrittrice Marilena Cheli Tomei, l’artista grafica Joanna Brzescinska-Riccio, la pittrice Maria Rita Vita, la pittrice Annamaria Maremmi e lo scultore Massimo Facheris.
Ospite speciale il critico d’arte Lodovico Gierut. L’organizzazione è curata dal Museo Ugo Guidi con la collaborazione di Joanna Brzescinska-Riccio e Maria Rita Vita.
Il Museo Ugo Guidi – MUG e gli Amici del Museo Ugo Guidi Onlus ricordano che la manifestazione si inserisce nella mostra del pittore marchigiano Carmine Galiè dal titolo “Tra sogno e realtà” a cura di Massimo Pasqualone, che sarà possibile visitare.L’esposizione al MUG sarà visitabile fino al 25 maggio 2016 (foto: museo guidi)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »