Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 30 n° 340

Posts Tagged ‘blockchain’

DMX Announces VINblock™ –– Blockchain for Everyday Car Business

Posted by fidest press agency su venerdì, 14 dicembre 2018

Dealer Market Exchange is introducing a new take on how dealers, car makers, vendors and consumers may all soon be doing business together –– on blockchain. The powerful technology behind cryptocurrencies is already flexing its muscle with new services from Microsoft, IBM and Amazon, and DMX has now stepped into the ring with some muscle of their own.
VINblock is the first in line of their business blockchain solutions menu for the automotive community. Reportedly designed to track the lifetime activity of any vehicle by its unique Vehicle Identification Number (VIN), a new industry ecosystem would be created by their participating users.“Our VINblock permanent, shared ledger, based on Hyperledger Fabric blockchain technology, provides a critical value-add for building a foundation of connected mobility for OEMs, dealers and consumers to conduct business well into the 21st century,” said Jason Bennick, CEO and Co-Founder of DMX. “As we innovate next-generation solutions across automotive, we’re striving to create new channels that can operate faster and more efficiently than most everything out there, and in a new, low-cost and fully trusted, secure environment.”
Based on Hyperledger Fabric permissioned blockchain and related technologies, VINblock’s permanent shared ledger of VINs aims to provide accurate, timely tracking of vehicle identity, ownership changes and status in DMX markets. This approach offers significant advantages on trust, security, provenance, accuracy, cost and speed over traditional, disparate database systems, applications and integration methods.“Blockchain is just one of our key technologies along with automation, AI, analytics, IoT and intelligent API’s that we’re integrating in our mobile, cloud platform and solutions that deliver strategic advantages for all our customers,” stated Wes Reid, DMX Co-Founder and Head of Technology.VINblock will combine on-chain data, private data, off-chain data and services to efficiently deliver the information needed by applications hosted by DMX and their other partners.Users will access VINblock through their mobile devices on the DMX platform. At enterprise level, OEMs are provided additional, secure, integration options including DMX’s REST API and the VINblock shared ledger network.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Malta: Italy Blockchain Summit

Posted by fidest press agency su giovedì, 25 ottobre 2018

Malta 24 Novembre 2018, la Camera di Commercio Italo Maltese organizza Italy Blockchain Summit.L’evento rientra all’interno del primo Malta Italy Business Forum che si terrà dal 21 al 24, organizzato dalla Camera di Commercio Italo Maltese. 4 giornate dedicate ai professionisti e imprenditori italiani e maltesi che operano nel settore dell’internazionalizzazione, fiscalità internazionale, fintech, blockchain e quotazioni in borsa.”Malta è stata definita la Blochchain Island – dice Victor Camilleri, presidente della Camera di Commercio Italiana a Malta – in quanto dal 1 di Novembre entrerà in vigore la nuova legislazione che regolamenta la Blockchain e le Crypto valute, trasformando Malta nel primo hub regolamentato in Europa e tra i primi a livello mondiale”.Durante il primo Blockchain Summit Italiano a Malta, gli imprenditori e i professionisti italiani del settore si confronteranno con i più importanti avvocati e consulenti nel settore della Blockchain dell’isola. Il programma è molto vasto e saranno trattate tutte le peculiarità della legislazione maltese del settore quali la procedura di avvio di una ICO, la differenza tra utility o security Token, la tassazione dei token e delle monete virtuale.”Cercheremo di fornire una panoramica chiara sulla Blockchain a Malta – ha dichiarato Oliver La Rosa, membro del Consiglio della MICC e esperto di Blockchain – i nostri relatori, tra i più affermati professionisti di Malta, affronteranno nel dettaglio la peculiarità della nuova legislazione. Attraverso casi concreti, i partecipanti avranno la possibilità di capire al meglio la regolamentazione delle ICO del futuro e di come gestire una già realizzata prima del 1 novembre”.I posti sono limitati ed è posssibile prenotare sul sito del Malta Italy Business Forum http://www.italiamalta.net

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Tutti potranno essere produttori e venditori di energia, grazie alla blockchain

Posted by fidest press agency su venerdì, 12 ottobre 2018

In futuro tutti potranno essere produttori e venditori di energia, grazie alla blockchain, che si affaccia anche nel settore energetico, aprendo nuovi scenari e possibilità per i consumatori anche grazie a una gestione più sicura della distribuzione. Del rapporto tra futuro del mercato energetico e blockchain si sta discutendo durante la World Energy Week di Milano. Secondo un’indagine realizzata dal WEC in collaborazione con PwC, nonostante le interessanti potenzialità, l’85% degli addetti del settore crede che non ci siano ancora i presupposti per un impatto commerciale tangibile nel breve periodo. L’indagine, dal titolo “Is blockchain in energy driving an evolution or a revolution?” ha preso in esame le risposte di 39 tra leader globali del settore dell’energia, autorità di controllo e think tank attivi nel campo.
I principali ostacoli verso un’applicazione diffusa della blockchain nel settore energetico nell’immediato futuro, restano principalmente lo scetticismo dei consumatori, la mancanza di un quadro normativo abilitante e un chiaro modello di business. Nonostante quanto emerso dal report – l’Italia si sta già impegnando per l’implementazione delle tecnologie blockchain a partire dal bando indetto dal Mise per 30 esperti di alto livello che studieranno la strategia nazionale sulle tecnologie basate sulla blockchain.Dalla ricerca, discussa nel corso della World Energy Week, è emerso che un altro intralcio è costituito dalla “pigrizia” dell’utente medio, restio a rivestire un ruolo attivo e più incline a mantenere le proprie abitudini. Accendere l’interruttore e pagare la bolletta elettrica a fine mese, restano le preoccupazioni principali del consumatore, accanto alla tendenza a restare fedele al proprio fornitore, a scapito di un eventuale risparmio. Un esempio è costituito dalla Gran Bretagna dove, con l’apertura del mercato, il 60% dei consumatori ha preferito rimanere con il proprio fornitore, nonostante paghi 300 sterline in più all’anno. Resta poi la poca fiducia verso un sistema non ancora regolamentato. Senza la specificazione di parametri preliminari, come la definizione stessa di consumatore, il mercato dell’energia legato alla blockchain non potrà svilupparsi velocemente.Alla World Energy Week, è arrivato oggi, anche il ministro russo dell’Energia Alexander Novak, a suggellare un protocollo d’intenti tra WEC Italia e WEC Russia per una collaborazione tra i due Paesi siglato lo scorso mese di luglio.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Perché da Blockchain e monete digitali non si torna indietro

Posted by fidest press agency su lunedì, 25 giugno 2018

Roma 26 giugno alle ore 11:00, presso la sede dell’Ateneo in Via del Casale di San Pio V 44 – verrà presentato oltre al primo Master in “Economia delle Criptovalute e della Blockchain”, Paesi Edizioni “Cripto-svelate”, un volume a cura di Andrea e Massimo Tortorella che raccoglie le voci dei massimi esperti in materia, con i contributi dell’economista Edward Luttwak e una recensione del presidente della Casaleggio Associati Davide Casaleggio. L’argomento è molto attuale ma ancora non del tutto compreso: il mondo delle valute digitali e dalla cosiddetta Blockchain hanno raggiunto in poco tempo una sorprendete notorietà che le ha portate all’attenzione del grande pubblico e degli investitori internazionali. Ciononostante sono concetti conosciuti e sfruttati da meno dello 0,4% della popolazione globale. Il saggio raccoglie le voci dei massimi esperti in materia – con contributi dell’economista Edward Luttwak, che ha firmato la prefazione, e con l’apprezzamento ricevuto dal presidente della Casaleggio Associati, Davide Casaleggio – e intende svelare i “segreti” di una tecnologia destinata a cambiare il mondo, dalle sue origini alle possibilità che questo fenomeno ha di rendere efficienti istituzioni pubbliche e private. Tra i temi affrontati fondi regolamentati, copyright, voto elettronico e trasparenza amministrativa, sviluppati e spiegati in maniera semplice e alla portata di tutti. Al loro saggio d’esordio, Andrea e Massimo Tortorella – rispettivamente CEO e Presidente diConsulcesi Tech, hi-tech company specializzata in soluzioni all’avanguardia legate alla Blockchain – guidano il lettore nell’innovazione, affinché possa cogliere le prospettive della tecnologia della “catena a blocchi”. Ripercorrendo la storia di questo cambiamento dagli albori, il volume è un vero e proprio manuale che introduce alle possibili rivoluzioni nei processi economici, finanziari e burocratici internazionali e analizza e spiega termini quali ICO, hash, mining, token e Smart Contracts, vocaboli non ancora parte del linguaggio comune ma fondamentali per orientarsi nel mondo di oggi, cavalcando l’onda dell’innovazione tecnologica. Attraverso le voci di informatici, economisti, capitani d’industria, consulenti aziendali, hacker, esperti di cyber-sicurezza, giornalisti e avvocati interpellati per la realizzazione del saggio, Andrea e Massimo Tortorella delineano un quadro chiaro anche ai non addetti ai lavori, perseguendo assieme alla Link Campus University l’obiettivo di diffondere sempre maggiore conoscenza sul tema.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Come la Blockchain cambia il Digital

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 maggio 2018

Fidelity House, il social content network di proprietà della digital agency padovana Horizon Group di Francesco Fasanaro, punta a tutelare gli utenti online di tutto il mondo e a sanitizzare il mercato Digital grazie alla tecnologia Blockchain. Dopo applicazioni nell’Industria 4.0 e il Manufacturing, la Blockchain trova da oggi un nuovo impiego nel comparto Digital in forza dell’ambizioso quanto puntuale progetto di internazionalizzazione avviato da una società tutta italiana, che da oltre 10 anni collabora in maniera diretta con gli utenti nella creazione e condivisione online di contenuti informativi di qualità, fornendo loro anche una possibilità di monetizzazione per le visualizzazioni raggiunte.
“Il modello di e-business di Fidelity House è il nostro fiore all’occhiello che oggi intendiamo estendere su scala globale con un’attenzione particolare alla sicurezza dei dati condivisi e alla garanzia delle transazioni economiche a favore di quanti partecipano attivamente alla vita della community, possibile grazie al ‘libro mastro’ della Blockchain aperto a tutti e immutabile senza il consenso di ciascuno” dichiara il Presidente di Horizon Group, Francesco Fasanaro.Blockchain che, in forza dei suo algoritmi matematici, rappresenta un sistema di garanzia e Trust per gli utenti, in quanto privilegia le decisioni della maggior parte degli utenti senza poter essere sfruttato da interessi di singoli o di colossi centralizzati. La decentralizzazione dei nodi della stessa rete, la gestione di transazioni condivisibili tra questi e l’immutabilità e memorizzazione nel tempo applicati all’ambito Digitale, che come noto è chiamato quotidianamente a gestire una quantità elevata di dati sia personali sia pubblici, è quanto consente l’ulteriore evoluzione di un sistema articolato come quello digitale.“La Blockchain è una tecnologia che definirei democratica così come lo era il principio alla base di Internet ai suoi esordi: un ambiente che permetteva a tutti di accedere alle informazioni contribuendo alla loro creazione, senza distinzioni di ceto, formazione, cultura. Forti della nostra esperienza di successo, intendiamo portare il Digital a un livello superiore e soprattutto più sicuro e scalabile su un modello certificato come quello di Fidelity House” afferma Alessandro Benini, Chief Marketing Officer di Horizon Group. “Crediamo fortemente nella necessità di dare al mercato Digital un segno forte di affidabilità, in particolare dopo le recenti incresciose vicende (ndr fake news, bufale etc) che hanno minato la credibilità di Internet e di quanti, tra operatori del settore e creatori di contenuti, vi operano. Il sostegno fino ad oggi raccolto è un indicatore significativo di quanto questa volontà sia condivisa da parte di professionisti affermati che come noi vogliono vedere garantita la qualità e il rispetto online”.Se il Digital ha consentito negli anni l’emergere di nuove figure professionali (basti pensare a blogger e influencer), rappresentando un bacino sempre più rilevante per i brand che vi hanno nel tempo indirizzato in misura crescente i propri investimenti, il settore ha più di altri favorito la creazione di community di liberi utenti, accomunati dai medesimi interessi, che proprio qui hanno potuto esprimere i propri talenti e gusti.Questa peculiarità, unica nel suo genere, ha richiesto nel tempo una attenzione crescente a temi quali la sicurezza, la generazione e mantenimento di valori reali quali la fiducia, il rispetto, la trasparenza a cui gli operatori hanno risposto con soluzioni tecnologiche e strategie aziendali dedicate. Dai sistemi di monitoraggio e tracciamento delle attività e delle transazioni, a quelli preposti all’ottimizzazione delle attività e delle performance, il Digitale ha messo a disposizione degli utenti strumenti raffinati capaci di incontrare esattamente le loro esigenze. Oggi, con la Blockchain, si apre per il Digitale un nuovo modo di approcciarsi alle informazioni e ai dati, che punta a ‘democratizzare’ una volta di più processi e sistemi.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Kinesis Forms Strategic Partnership with MLG Blockchain

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 maggio 2018

Kinesis, a company presenting a new monetary system secured by precious metals and powered by blockchain, announced that it has formed a strategic partnership agreement with MLG Blockchain. Under the partnership, MLG Blockchain will provide initial token offering consulting services for their Kinesis Velocity Token (KVT) slated for July.Kinesis offers a stable cryptocurrency with each Kinesis Currency secured by physical precious metals on a 1:1, fully-backed basis. Kinesis Currencies will be created, minted and emitted from a unique wholesale marketplace developed and managed by Allocated Bullion Exchange (ABX). Allocated Bullion Exchange is the premier electronic exchange for physical precious metals trading.“Kinesis has seen tremendous growth in its community since its launch,” said Thomas Coughlin, CEO of Kinesis. “We are excited to have partnered with MLG Blockchain on our initial token offering, as their track record speaks for itself and they have been a fundamental help in identifying opportunities. We are looking forward to working more closely with them during our campaign.”The upcoming Kinesis Velocity Token (KVT) Initial Token Offer (ITO) slated for July offers participants a one-time opportunity to:
Receive a share in 20% of all aggregated transaction fees generated by the Kinesis currency suite;
Receive a 20% share of commissions generated in the Kinesis Commercial Center;
Benefit from anticipated significant capital gains on the KVTs themselves;
Receive pre-ICO benefits on offers for the future Kinesis Currency suite.
“Kinesis has a leading business model that brings the security and stability of precious metals to the world of digital currencies,” said Michael Gord, CEO of MLG Blockchain. “This is a significant blockchain project, and we look forward to working with the Kinesis team on advancing their vision.”

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Inaugurato l’Osservatorio e forum dell’UE sulla blockchain

Posted by fidest press agency su venerdì, 2 febbraio 2018

european commissionBruxelles. La Commissione europea ha inaugurato l’Osservatorio e forum dell’UE sulla blockchain con il sostegno del Parlamento europeo, rappresentato dal deputato Jakob von Weizsäcker, autore della recente relazione sulle valute virtuali.L’Osservatorio e forum sulla blockchain si occuperà di evidenziare gli sviluppi più importanti di tale tecnologia, di promuoverne i protagonisti europei e di rafforzare l’impegno assunto a livello europeo con i diversi soggetti interessati coinvolti nel settore della blockchain.Le tecnologie blockchain registrano blocchi di informazioni distribuiti in tutta la rete e sono considerate una grande innovazione, in quanto offrono elevati livelli di tracciabilità e sicurezza nelle transazioni economiche online. Si prevede che tali tecnologie influiranno sui servizi digitali e trasformeranno i modelli aziendali in molteplici settori, ad esempio in ambito sanitario, assicurativo, finanziario, energetico, logistico e nel settore della gestione dei diritti di proprietà intellettuale o dei servizi pubblici.La Commissione, attraverso il settimo programma quadro per la ricerca (7°PQ) e il programma Orizzonte 2020 dell’Unione europea, finanzia progetti relativi alla blockchain dal 2013. Da qui al 2020 la Commissione finanzierà progetti in grado di sfruttare le tecnologie blockchain fino a un massimo di 340 milioni di euro.
Gli innovatori e gli imprenditori europei hanno già iniziato ad offrire soluzioni basate sulla blockchain. I protagonisti di settori tradizionali, ad esempio le banche, le compagnie di assicurazioni, le borse, le imprese logistiche o altre società, sono impegnati in progetti pilota. Numerosi Stati membri hanno annunciato iniziative con le quali intendono rafforzare l’uso della tecnologia blockchain.
L’Osservatorio e forum dell’UE sulla blockchain svolgerà un ruolo proattivo nell’aiutare l’Europa a cogliere le nuove occasioni offerte dalla blockchain, nello sviluppo delle competenze e nell’assumere un ruolo di guida in questo settore; si occuperà di raccogliere informazioni, di seguire ed analizzare le tendenze, di affrontare le sfide e di esplorare il potenziale socioeconomico offerto dalla blockchain. L’Osservatorio e forum dell’UE renderà possibile la cooperazione transfrontaliera nei casi di utilizzo pratico, riunendo i maggiori esperti a livello europeo e promuovendo uno spazio aperto in cui tecnici della blockchain, innovatori, cittadini, operatori del settore, pubbliche autorità, regolatori e supervisori possano discutere e sviluppare nuove idee al fine di imparare, partecipare e contribuire in modo aperto.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Alleanza blockchain per la sicurezza del cibo in Cina

Posted by fidest press agency su sabato, 16 dicembre 2017

pechinoPechino. Walmart (NYSE: WMT), JD.com (NASDAQ: JD), IBM (NYSE: IBM) e il laboratorio ingegneristico nazionale di tecnologie E-commerce dell’Università di Tsinghua hanno annunciato che lavoreranno insieme a una blockchain per la sicurezza alimentare, il cui primo passo vedrà una collaborazione atta a ottimizzare la tracciabilità e la sicurezza del cibo in Cina e a ottenere una maggior trasparenza nell’ambito della supply chain alimentare. Le quattro aziende lavoreranno insieme per creare un metodo basato su standard di raccolta dati circa l’origine, la sicurezza e l’autenticità del cibo, utilizzando la tecnologia blockchain per fornire tracciabilità in tempo reale attraverso la supply chain. Ciò favorirà l’affidabilità e darà ai fornitori, ai regolatori e ai consumatori una miglior comprensione e trasparenza relativamente a come il cibo è gestito dal produttore al consumatore. Ciò è stato tradizionalmente una sfida a causa di sistemi di condivisione dati complessi e frammentari che sono spesso cartacei e soggetti a errore.
Walmart, JD, IBM e l’Università di Tsinghua lavoreranno con i fornitori e i regolatori della supply chain alimentare per sviluppare gli standard, le soluzioni e le collaborazioni per abilitare la creazione ad ampio raggio di un ecosistema di sicurezza alimentare in Cina. IBM fornirà la propria piattaforma Blockchain e la propria esperienza, mentre l’Università di Tsinghua fungerà da consulente tecnico, mettendo a disposizione le proprie conoscenze nelle tecnologie chiave e nell’ecosistema di sicurezza alimentare in Cina. IBM e Tsinghua collaboreranno con Walmart e JD per sviluppare, ottimizzare e distribuire la tecnologia a fornitori e rivenditori che si uniscano all’alleanza.
Da leader mondiale nella sicurezza alimentare globale, Walmart lavora a stretto contatto con fornitori, regolatori, partner industriali e la comunità di ricerca in tutto il mondo. In Cina investe molto nella ricerca sulla sicurezza alimentare attraverso il Centro di Collaborazione e Sicurezza Alimentare Walmart e ha promosso la sicurezza alimentare sia tramite la propria rete di fornitori sia lavorando con JD, che ha una ricca esperienza su tutti i canali di commercializzazione alimentare. I due sono stati in grado di fare leva sull’esperienza di JD nell’impiego di intelligenza artificiale (IA), Blockchain, Big Data e altre nuove tecnologie a protezione dei consumatori. Questa collaborazione, segue l’annuncio fatto nell’agosto scorso tra IBM e Walmart circa un nuovo consorzio a favore della sicurezza alimentare, e porta l’esperienza di IBM relativa alla blockchain nella sicurezza alimentare fino in Cina. IBM, Walmart e l’Università di Tsinghua hanno testato l’utilizzo della blockchain per tracciare prodotti alimentari, come la carne di maiale in Cina e il mango negli Stati Uniti, lungo tutti i loro spostamenti attraverso la supply chain per raggiungere gli scaffali dei negozi. Un recente collaudo di Walmart ha mostrato che l’applicazione della blockchain ha ridotto il tempo necessario a tracciare il percorso di una confezione di mango dalla fattoria al negozio da giorni o settimane a due secondi. “L’Università di Tsinghua si impegna nella ricerca approfondita sulla sicurezza alimentare -una delle aree più importanti per migliorare la qualità della vita in Cina e anche nel resto del mondo. Stiamo già lavorando con IBM e Walmart per creare un nuovo modello di tracciabilità del cibo, utilizzando blockchain per favorire la trasparenza e l’affidabilità della supply chain e vediamo questa nuova cooperazione come un passo importante in questo tentativo”, ha detto il Professor Yueting Chai dal Laboratorio Ingegneristico Nazionale per le Tecnologie di E-Commerce, Università di Tsinghua.
La collaborazione è atta ad assicurare la privacy dei dati dei proprietari dei marchi, mentre li si aiuta ad integrare la loro tracciabilità online e offline per la sicurezza alimentare e i canali di gestione della qualità. Le aziende che si uniscono all’alleanza saranno in grado di condividere informazioni utilizzando la tecnologia blockchain, e i piani includono la libertà di scelta della soluzione di tracciabilità basata sullo standard che più si confaccia ai propri bisogni e sistemi legacy. Ciò porterà a sua volta maggior trasparenza alla supply chain e introdurrà nuove tecnologie per il settore della vendita al dettaglio, progettate per creare un ambiente alimentare più sicuro e ottimizzare l’esperienza del consumatore. Gli spunti tratti dal lavoro in Cina faranno luce su come la tecnologia blockchain possa aiutare a migliorare processi, quali richiami e verifiche, e sviluppare la fiducia del cliente grazie alla maggior trasparenza. (fonte: https://ibm.co/2CbZruu)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Blockchain: il futuro è alle porte

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 giugno 2017

blockchainLa blockchain, tecnologia alla base delle cripto valute, è un software su modello tecnologico che si applica a diversi settori di servizio dove esiste una intermediazione.
E’ così dirompente da poter cambiare i paradigmi che oggi conosciamo, è applicabile a diversi processi, che possiamo raggruppare in alcune macroaree. Ad esempio al trading dell’energia e agli smart contract, in questi settori la blockchain permette di essere più performante. Negli Stati Uniti e in Giappone ha permesso lo scambio tra produttore ed acquirente di energia anche tra privati. Si può applicare al commercio all’ingrosso e al regolamento di settore, sviluppando dei contratti intelligenti ed avendo modelli di funzionamento migliori di quelli attuali.Anche la distribuzione e la misura potrebbero venire impattati dalla tecnologia blockchain, è perciò fondamentale approfondire in maniera tecnica e divulgativa l’argomento. Infatti il prossimo autunno, faremo una conferenza nazionale sull’impatto della blockchain nel segmento elettrico.Nel segmento elettrico e del gas inoltre, la blockchain potrebbe divenire fondamentale nell’evitare i contratti non richiesti o le truffe del porta a porta, attraverso le quali arriverebbero automaticamente le bollette di un altro operatore di energia. In che modo?
Attraverso la tecnologia blockchain devono essere soddisfatte le specifiche condizioni descritte nel codice, e siccome il libro mastro blockchain è immutabile, il codice concordato, e quindi il contratto concordato può essere annullato o modificato solo nel rispetto dei termini già consentiti nel codice stesso. Quindi, se ad esempio si ha un contratto con un operatore di energia sancito in un codice, questo non potrebbe essere modificato da una telefonata o pratica commerciale scorretta che legherebbe ad un altro operatore. Il pagamento della bolletta inoltre, venendo automatizzato in uno smart contract e solo in quello attraverso un codice ben definito, non potrebbe essere soggetto a sottrazioni indebite.Inoltre vi sarebbe uno snellimento generale perché: i costi delle transazioni verrebbero ridotti e le interazioni sarebbero più sicure.
Alcune procedure potrebbero anche essere automatizzate grazie agli smart contract. Il fatto che i dati nella blockchain siano immutabili, ossia che una volta immessi non possano essere modificati o rimossi, garantisce inoltre trasparenza e responsabilità.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Blockchain: il possibile new deal del mercato energetico italiano

Posted by fidest press agency su domenica, 28 maggio 2017

energia-risparmio

Per Codici è ormai evidente come possibile soluzione al problema dell’insopportabile peso delle bollette, che niente hanno a che fare con il prezzo del gas e dell’energia finale, la tecnologia blockchain derivante dalla crittografia, la stessa logica alla base della moneta elettronica. Alla luce delle analisi di impatto condotte sui costi in bolletta, questa tecnologia potrebbe ridurre del 30% il costo della bolletta dell’energia in quanto eliminerebbe l’intermediazione di soggetti inutili e costosi che frenano lo sviluppo reale del settore.E se la tecnologia Blockchain venisse applicata agli smart metering cosa succederebbe? Codici dopo l’introduzione della cripto – valuta propone l’introduzione del cripto – metering.Per scongiurare che possa succedere ciò che è avvenuto per la prima generazione di contatori, quando si millantava che il dato sarebbe stato letto in remoto, che non sarebbero state prodotte code o stime e che con i nuovi smart meter non dovrebbe quindi esistere il bisogno di remunerare in bolletta il servizio di lettura, servizio per il quale il consumatore paga senza che gli venga reso, oppure si pensa di mantenere questa voce in bolletta anche con il nuovo sistema di telegestione?Il fatto
che il nuovo smart meter sia al centro di un sistema complesso in cui interagiranno diverse tecnologie e nuovi servizi, che renderanno maggiormente fruibile ad esempio la domotica, non ci distoglierà dalla reale tutela del consumatore che verterà su: trasparenza e quantificazione dei costi, qualità e conformità dello smart meter e
lettura rilevata e certa del dato.Questi problemi sfociano in un cattivo rapporto tra consumatore e venditore di energia, inoltre non si spiega l’alta marginalità del distributore senza essere a mercato.Gli oneri di misura e distribuzione gravano per più del 10% sulla bolletta, andando a remunerare un’attività di misura che spessonon viene svolta oppure è del tutto arbitraria, ed è qui che si annidano i principali problemi della filiera elettrica.
Non ci interessa il tipo di misuratore installato e su quale linea lavora, il nostro interesse è che: a prescindere dall’apparecchio, la tecnologia di trasmissione dati non possa discostarsi dalla tecnologia blockchain, essendo i misuratori paragonabili a tutti gli effetti a dei computer installati nelle case degli italiani e messi a rete,
afferma Luigi Gabriele di Codici.Si prestano perfettamente alla filosofia e alla tecnologia blockchain, afferma ancora Luigi Gabriele, quindi facciamo un appello all’Aeegsi affinchè riapra il fascicolo dei contatori di seconda generazione e tenga in considerazione questa nuova tecnologia.In secondo luogo, ai distributori e ad Enel chiediamo
da subito di aprire un tavolo tecnico congiunto, al fine di elaborare un paper che abbia lo scopo di modificare l’hardware e il software dei contatori 2G.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »