Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘body scanner’

UE: Body scanner

Posted by fidest press agency su mercoledì, 1 giugno 2011

Sicurezza o privacy e libertà? Grandi paure o fiducia nella possibilità di realizzare una pace permanente e nei controlli già esistenti? I dilemmi sono tanti, così in Europa si continua a discutere degli strumenti di controllo da introdurre negli aeroporti, sempre più invasivi della salute e della riservatezza dei cittadini. Per tali ragioni, Giovanni D’Agata, componente del Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori e fondatore dello “Sportello dei Diritti” porta all’attenzione quanto accaduto nei giorni scorsi nella commissione trasporti del Parlamento dell’Unione Europea. Gli eurodeputati, riuniti in merito alla discussione relativa all’installazione dei famigerati “body scanner” negli aeroporti europei, hanno votato favorevolmente per l’introduzione seppur a precise condizioni, facendo presente, però che la scelta o meno d’introdurli è attribuita ai vari stati nazionali. Il voto finale nell’aula di Strasburgo sarà il 23 giugno. Il relatore del provvedimento lo spagnolo del PPE, Luis de Grandes Pascual, ha voluto evidenziare che tali apparati possono aumentare la sicurezza, ma devono offrire garanzie sulla salute e la privacy. Il voto del Parlamento avrà lo scopo di condizionare la Commissione Europea che entro l’estate dovrà introdurre nuove regole europee al fine di consentire l’utilizzo dei body scanner nei paesi dell’UE, condizionandone l’uso a determinati requisiti. In particolare, secondo la commissione Trasporti, per ottenere il via libera i body scanner dovranno rispondere a due principi fondamentali: da una parte dovranno garantire la salute dei passeggeri e dall’altra tutelare la privacy.Peraltro, dovrà essere garantito il diritto dei singoli passeggeri a rifiutare gli scanner e sottoporsi a controlli di altro tipo, come i classici metal detector o l’ispezione personale.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

UE: Body scanner

Posted by fidest press agency su martedì, 31 Mag 2011

Sicurezza o privacy e libertà? Grandi paure o fiducia nella possibilità di realizzare una pace permanente e nei controlli già esistenti? I dilemmi sono tanti, così in Europa si continua a discutere degli strumenti di controllo da introdurre negli aeroporti, sempre più invasivi della salute e della riservatezza dei cittadini. Per tali ragioni, Giovanni D’Agata, componente del Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori e fondatore dello “Sportello dei Diritti” porta all’attenzione quanto accaduto nei giorni scorsi nella commissione trasporti del Parlamento dell’Unione Europea. Gli eurodeputati, riuniti in merito alla discussione relativa all’installazione dei famigerati “body scanner” negli aeroporti europei, hanno votato favorevolmente per l’introduzione seppur a precise condizioni, facendo presente, però che la scelta o meno d’introdurli è attribuita ai vari stati nazionali. Il voto finale nell’aula di Strasburgo sarà il 23 giugno. Il relatore del provvedimento lo spagnolo del PPE, Luis de Grandes Pascual, ha voluto evidenziare che tali apparati possono aumentare la sicurezza, ma devono offrire garanzie sulla salute e la privacy. Il voto del Parlamento avrà lo scopo di condizionare la Commissione Europea che entro l’estate dovrà introdurre nuove regole europee al fine di consentire l’utilizzo dei body scanner nei paesi dell’UE, condizionandone l’uso a determinati requisiti. In particolare, secondo la commissione Trasporti, per ottenere il via libera i body scanner dovranno rispondere a due principi fondamentali: da una parte dovranno garantire la salute dei passeggeri e dall’altra tutelare la privacy.Peraltro, dovrà essere garantito il diritto dei singoli passeggeri a rifiutare gli scanner e sottoporsi a controlli di altro tipo, come i classici metal detector o l’ispezione personale.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Body scanner all’aeroporto di Palermo

Posted by fidest press agency su venerdì, 6 agosto 2010

“Secondo quanto comunicato dall’ENAC (Ente Nazionale per l’Aviazione Civile) il body scanner sperimentalmente istallato all’aeroporto di Palermo non emetterebbe energia o onde elettromagnetiche attive”. Così l’On. Domenico Scilipoti (IDV), con riferimento all’istallazione, all’aeroporto di Punta Raisi “Falcone e Borsellino”, di questa misura di controllo aggiuntiva finalizzata ad aumentare il livello della security. “Considerato il costo non indifferente di ciascuna apparecchiatura, ci auguriamo che non possa davvero nuocere alla salute dei passeggeri, in particolare dei bambini e delle donne in stato interessante. Vorremmo comunque capire sulla base di quale innovativa tecnologia operi questa nuova apparecchiatura. Ricordiamo – continua il deputato di Italia dei Valori – quanto pericolose possano essere le esposizioni a raggi X e similari, che possono procurare alterazioni degenerative negli esseri umani”. “Attiviamo tutti i controlli che garantiscano una maggiore sicurezza – conclude l’On. Dott. Scilipoti (IDV) – ma chiediamo, al Comitato Interministeriale per la Sicurezza del Trasporto Aereo e degli Aeroporti, un esame severo dei risultati della sperimentazione. Questa, che vuole essere una riflessione e una denuncia, pone un grave quesito: Sig. Ministro della Salute, nel malaugurato caso di danni alla salute di bambini, donne gravide, passeggeri in genere, chi è che paga? ”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Body scanner più sicuri dei cellulari

Posted by fidest press agency su sabato, 6 marzo 2010

«Stia tranquillo» chi teme ripercussioni sulla salute dall’uso di body scanner negli aeroporti. A tranquillizzare gli italiani mentre nello scalo di Fiumicino viene inaugurata la prima apparecchiatura ‘anti-attentato’ è il presidente della Società italiana di radiologia medica (Sirm) Alfredo Siani. «La tecnologia impiegata nell’aeroporto di Fiumicino, in particolare – spiega il numero uno della Sirm all’AdnKronos Salute – è la più sicura per la salute, poiché si basa su un sistema a onde radio». Se si temono comunque conseguenze negative sull’organismo, «per star tranquilli e frenare ogni timore basti pensare – suggerisce Siani – che l’esposizione alle onde durante il controllo è di 10 mila volte inferiore a quella derivante da una chiacchierata al cellulare». Nessun dubbio, dunque, «anche per bambini e donne in gravidanza – assicura il radiologo – mentre per queste due categorie qualche perplessità c’è per l’altra tipologia di body scanner, ovvero quello a raggi X». Anche in questo caso, comunque, l’esposizione a radiazioni per chi attraversa l’apparecchiatura è minima. «La macchina infatti – sintetizza Siani – emette un quantitativo di raggi X equivalente a quelli assorbiti in due ore di volo transoceanico, ovvero ad alta quota». Gli italiani in procinto di essere ‘spogliati’ da un body scanner «possono star tranquilli», assicura pertanto il radiologo che, in veste di presidente della Sirm, nei mesi scorsi diede compito alla società scientifica da lui presieduta di stilare un documento sui possibili rischi, dopo che, a seguito del fallito attentato di Natale sul volo Amsterdam-Detroit della Delta Airlines, divampò la polemica su queste apparecchiature in procinto di approdare nei nostri aeroporti.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Body scanner, sicurezza e salute

Posted by fidest press agency su sabato, 9 gennaio 2010

Il “body scanner” negli aeroporti serve a tutelare la nostra sicurezza. E’ la frase che in questi giorni abbiamo sentito ripetere da telegiornali e radiogiornali. Posta la questione  in questi termini, i cittadini intervistati, a stragrande maggioranza si sono espressi favorevolmente all’istallazione del “body scanner”. E’ proprio cosi’? Basta prendere in considerazione le parole del presidente degli Stati Uniti d’America, Barack Obama, in merito al mancato attentato, il 25 scorso, ad un aereo diretto negli Usa. Obama ha dichiarato che le informazioni utili sono state raccolte ma non sono state utilizzate in modo corretto. Il problema, allora, sono le persone e le strutture che non hanno funzionato. Rilevatore o non rilevatore il problema rimane comunque e sollecitare la paura dei passeggeri serve a nascondere i prossimi grandi affari, il business della paura insomma. C’e’, inoltre, il problema della salute dovuto al bombardamento di radiazioni ionizzanti sul corpo umano dovuto al “body scanner”. La preoccupazione non riguarda tanto il passeggero occasionale quanto quello abituale, le donne in gravidanza e i bambini. Scopriremo tra qualche anno che le leucemie nei bambini sono state prodotte dai “body scanner”? (Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 2 Comments »