Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 344

Posts Tagged ‘bombardamento’

“Bombardamento Libia vera causa emergenza umanitaria”

Posted by fidest press agency su domenica, 27 gennaio 2019

“Non accettiamo lezioni dai francesi che, come emerge dal carteggio pubblicato dal Dipartimento di Stato americano e mostrato oggi da Giorgia Meloni, prima bombardano la Libia per difendere il franco Cfa e poi ci fanno la morale sull’accoglienza. Le politiche francesi di sfruttamento dell’Africa sono la vera causa dell’emergenza umanitaria che stiamo vivendo”. Lo ha detto il deputato e responsabile organizzazione di Fratelli d’Italia Giovanni Donzelli, intervenendo alla trasmissione “Studio 24″ su Rai News 24.”Stando ad un’informativa inviata da un funzionario Usa all’allora Segretario di Stato Usa Hillary Clinton – ha detto Donzelli – i francesi avrebbero bombardato Gheddafi per contrastare il suo progetto di creare una moneta panafricana per liberarsi dal franco coloniale, che la Francia tutt’oggi impone a 14 nazioni africane, e favorire così la loro autodeterminazione. La Francia prima sfrutta le nazioni povere e poi scarica su di noi la responsabilità dell’accoglienza. Ora l’unico modo per fermare le partenze ed evitare le morti in mare è un blocco navale al largo delle coste della Libia, chi non ha diritto di stare in Italia deve essere espulso: su questo saremo vigili e incalzeremo il governo. Le altre nazioni europee prima di riempirsi la bocca inizino a prendersi in carico gli immigrati come avevano promesso – ha concluso Donzelli – tutti vogliono insegnare come si fa accoglienza in Italia: facile essere accoglienti con i porti altrui”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

73° anniversario secondo bombardamento su Cori

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 febbraio 2017

coricori2Cori (Latina) Ricorre oggi il 73° anniversario del secondo bombardamento su Cori. Era il 6 Febbraio 1944 quando le squadriglie di bombardieri alleati colpirono nuovamente il paese distruggendo quanto si era salvato una settimana prima (Foto: scatti della Seconda Guerra Mondiale a Cori – autori vari – dagli album del gruppo Facebook Còri mé bbéglio). Come ricostruito dall’Archivio Storico Comunale, ancora una volta furono prese di mira le chiese, una decina quelle distrutte e danneggiate, e poi i caseggiati di via delle Colonne e piazza Montagna, il cimitero e per finire l’edificio scolastico, dov’era un ospedale militare tedesco, nonostante vi fosse dipinta una grossa croce rossa sul terrazzo in modo ben visibile agli aerei.Altre bombe caddero sulle colline intorno al santuario della Madonna del Soccorso dove si erano rifugiate molte famiglie. Fu colpita in pieno una grande grotta poco distante, detta “Arnale céco”, causando molte vittime e feriti che furono soccorsi con difficoltà, data la tempesta di neve che imperversava quel giorno. Distrutto il paese ed evacuata la popolazione superstite, le continue incursioni aeree e i cannoneggiamenti dal mare riversarono sugli sfollati bombe e granate. Una delle località più duramente colpita fu “L’abboccatora”, nel bosco corese, dove dal 30 Gennaio si erano rifugiate, in capanne e baracche, oltre duemila persone, e qui trovarono la morte molti bambini. (foto: cori)

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Libia: fermate la repressione

Posted by fidest press agency su giovedì, 24 febbraio 2011

Le forze armate della Libia stanno usando mitragliatrici e caccia da combattimento contro i manifestanti pro-democrazia: migliaia di loro sono stati ammazzati e senza un’azione internazionale immediata la repressione potrebbe tramutarsi in un bagno di sangue nazionale.  L’Unione europea e il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite si sono riuniti d’emergenza sulla Libia. Hanno condannato la violenza, ma se riusciremo a farli passare dalle parole ai fatti, affinché si accordino per istituire una zona di non sorvolo sulla Libia, il congelamento dei beni di Gheddafi e dei suoi generali, sanzioni mirate contro il regime e l’avvio di un procedimento presso i tribunali internazionali per tutti gli ufficiali militari coinvolti nella repressione, ciò potrebbefermare i bombardamenti aerei e dividere la struttura di comando di Gheddafi.  Non abbiamo tempo da perdere: le persone in Libia sono massacrate dal loro stesso governo.Clicca per mandare un messaggio direttamente a tutti i delegati del Consiglio di Sicurezza dell’ONU, ai Ministri degli esteri dell’UE e all’Alto Rappresentante dell’UE per fermare la violenza, e fai il passaparola con tutti. Sproniamo l’ONU e l’UE ad agire ora inondandoli di messaggi:  http://www.avaaz.org/it/libya_stop_the_crackdown_eu/?vl

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma ricorda bombardamento Hiroshima

Posted by fidest press agency su venerdì, 6 agosto 2010

Il Comune di Roma ricorda le vittime della tragedia nucleare di Hiroshima, provocata il 6 agosto di 65 anni fa dal lancio della bomba atomica e seguito tre giorni dopo da quello su Nagasaki. Per l’occasione verrà esposto sulla piazza del Campidoglio lo stendardo che raffigura una gru di carta, simbolo di pace e speranza. La città di Roma prosegue così il percorso di scambio culturale con la città di Hiroshima, iniziato lo scorso anno con la visita di una delegazione di studenti romani in Giappone, organizzata nell’ambito dei viaggi nella Memoria, promossi dall’assessorato alle Politiche Educative Scolastiche, della Famiglia e della Gioventù del Comune di Roma, con la collaborazione dell’Ambasciata del Giappone e la Fondazione Italia – Giappone, che ha permesso di ripercorre  e approfondire la storia e le tragedie del ‘900. Approfondimento, che ha visto i bambini e i ragazzi delle scuole romane impegnati in una serie di iniziative: dai laboratori sull’arte dell’origami, a conferenze con esperti della cultura giapponese,  fino alla “cerimonia delle mille gru”  dedicata alla cultura, alla storia e alle tradizioni del Giappone. “Ci troviamo di fronte ad una tragedia che ha segnato la storia del Giappone e di tutto il XX secolo. Perchè non si ripeta mai più occorre conoscerla. Il Comune di Roma rivolge il suo invito ai giovani, affinchè partendo dal ricordo di questo avvenimento, possano impegnarsi per un futuro senza conflitti e per la costruzione di una cultura senza le armi nucleari. Per quanto concerne l’impegno all’interno delle scuole, il progetto della memoria su Hiroshima viene riproposto anche per il nuovo anno. Al fine di consolidare lo scambio culturale vorremmo invitare a Roma  gli studenti delle scuole giapponesi, assieme al Sindaco di Hiroshima, Tadatoshi  Akiba”. È quanto dichiara l’assessore alle Politiche Educative Scolastiche, della Famiglia e della Gioventù  del Comune di Roma, Laura Marsilio.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La strage di Kabul

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 settembre 2009

In riferimento alla strage degli italiani a Kabul, Guido Barbera, presidente del Cipsi – coordinamento di 42 Ong e associazioni di solidarietà internazionale – ha dichiarato: “Innanzitutto esprimiamo la nostra vicinanza, solidarietà e cordoglio ai familiari dei soldati italiani vittime della strage, ai feriti e a tutti i civili coinvolti, compresi quelli colpiti la scorsa settimana da un bombardamento della Nato. Ma non possiamo tacere. Il problema è politico: qual è il ruolo e la politica internazionale dell’Italia, dell’Europa, degli Usa, della Nato, nello scenario afghano? E’ necessario fare un’analisi storica e politica di cosa è accaduto in Afghanistan, soprattutto negli ultimi otto anni di guerra, e del disastro che è stato provocato; attraverso un dibattito in Parlamento, decisioni del Governo, un conferenza che porti a un accordo della comunità internazionale. Non è solo con i militari che si potrà risolvere la situazione afghana. Non si risolvono i conflitti con la forza, ma con il dialogo. Noi associazioni del Cipsi e della società civile crediamo che sia necessario invertire la tendenza delle scelte di politica internazionale in Afghanistan. La risposta è incrementare in modo decisivo la cooperazione internazionale nel paese, per contribuire al processo di pace: che siano visibili interventi e relazioni solidali, scuole, salute, istruzione, alimentazione e difesa dei diritti di tutti. Sono l’antidoto alla guerra e al terrorismo. Condanniamo la violenza sui civili.  Rivolgendoci ai ministri e ai parlamentari che continuano a ripetere che i problemi dell’Afghanistan, dell’Africa, delle guerre e dell’immigrazione si risolvono con la cooperazione, diciamo di essere coerenti, di dar seguito alle promesse con impegni reali sia a livello di finanziamenti che di risorse e di strumenti. Per questi motivi aderiamo all’iniziativa della Tavola della Pace del 3 ottobre. Perché pace e informazione sono due beni fondamentali a rischio. Perché senza un’informazione di pace non c’è neanche una politica di pace.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

In memoria del passato

Posted by fidest press agency su domenica, 19 luglio 2009

Roma, 19/7/2009 scalo S. Lorenzo. ll sindaco, Gianni Alemanno, depone una corona di alloro ai piedi della lapide C.Valletticommemorativa delle incursioni aeree sul quartiere Tiburtino – San Lorenzo, nel 66° anniversario. Il Sindaco depone inoltre un omaggio floreale al monumento dedicato al Sommo Pontefice Pio XII sito sul piazzale del Verano. Sue due eventi che si accomunano per la carica di umanità e di paterno affetto che il Pontefice volle dimostrare, in quell’occasione, ai romani che durante il bombardamento anglo-americano, persero i loro cari o furono feriti. Egli si recò sul posto a poche ore dalla tragica vicenda. Lo ricordiamo anche noi con grande affetto e riconoscenza e ci associamo al dolore per quanti ancora oggi sentono sulle loro carni la violenza di una offesa così atroce. (foto c.valletti)

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »