Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 289

Posts Tagged ‘bonus bebè’

Raddoppio del bonus bebè?

Posted by fidest press agency su lunedì, 16 maggio 2016

istatSi fa sempre più strada l’ipotesi di un raddoppio del cosiddetto bonus bebe’, che sarebbe portato dagli attuali 80 a 160 euro. Indipendentemente dalle politiche che spingono il nostro esecutivo e i nostri legislatori a decidere incentivi basati sulle donazioni “caritatevoli” piuttosto che su incentivi e agevolazioni economiche e commerciali che potrebbero dare anche un respiro maggiore alla mefitica politica dei consumi nel nostro Paese… politiche che possono essere giudicate in vari modi…. resta una dato di fatto a nostro avviso tragico: lo spirito di voler incrementare la natalita’ che, anche come di recente ci ha ricordato l’Istat, nel nostro Paese, e’ in diminuzione. Calo che che per questi governanti e legislatori sembra essere una sorta di iattura piuttosto che una consapevolezza del nostro Paese rispetto al disastroso trend mondiale in materia. Viviamo nei confini nazionali? No. Siamo in Ue e, soprattutto, siamo nel mondo, con trattati di libero scambio all’ordine del giorno di tutti i summit mondiali, con migrazioni economiche (cosiddette) o per sfuggire alle guerre: milioni di persone che si spostano verso i nostri (Occidente) Paesi con la speranza di vivere e non dover lottare ogni giorno contro fame e morte, sia essa per strascichi del negretto colonialismo dei secoli scorsi che delle odierne irresponsabili politiche perseguire da non pochi nel mondo (fanatismo o incapacita’ economica e politica che sia).
E l’Italia, Paese che -pur con una terrificante burocrazia esecutiva- si distingue insieme ad altri per politiche di accoglienza dei migranti, di cosa si preoccupa oggi? Della natalita’ in calo e pensa che con 160 euro per figliolo di dare il suo contributo alla italianita’. Premesso che l’italianita’ allo scrivente (a parte la storia, che e’ poco politica e piu’ che altro fisica) la ritiene -come tutti i concetti e le pratiche di patria- uno dei maggiori responsabili della distruzione umana, ambientale, sociale ed economica del nostro Paese e dell’intero Pianeta, l’aspetto che rende ancor piu’ drammatico questo tipo di irresponsabili proposte col naso corto e la visione sotto zero del futuro, e’ che su di essa si fantastica per presupposte rinascite economiche; come se l’esplosione demografica nel mondo non esistesse e come se questa esplosione non stia facendo pressione alle notre porte -fisiche e virtuali- per chiedere una distribuzione delle ricchezze e delle opportunita’ in ambito di un libero scambio di mercato e di democrazia. Certo non siamo fessacchiotti, e ben comprendiamo che con la carita’ (non quella religiosa, che e’ un’altra cosa) si compra anche il consenso elettorale… ma questo finisce molto presto perche’ non basta solo avere le poltrone per comandare ed eseguire, ma bisogna soprattutto fare, e fare bene. Per questo cerchiamo di volare piu’ alti, si’ da far riflettere i decisori del nostro Paese perche’ indirizzino altrove le loro energie: politiche di incentivo dei consumi legate ad un mercato semre piu’ libero e non solo alla presunta maggiore disponibilita’ dei consumatori (i 160 euro…), aperture dei mercati internazionali, abbattimento dei dazi doganali, politiche di accoglienza dei migranti basate non solo sul buonismo, blocco e boicottaggio dei rapporti con i finanziatori dei massacratori di civilta’ democratica nel mondo, decisori comunitari ed internazionali con maggiori poteri ed eletti direttamente dai cittadini (un
presidente Ue cosi’, per esempio, deve continuare ad essere solo un’utopia?). Visionari? Se erano visionari quei carcerati che a Ventotene scrissero il famoso manifesto mentre in Europa e nel mondo i governanti facevano massacrare i loro popoli… si’ siamo visionari. Ma forse andrebbe reiscritto il significato di questa parola nei nostri vocabolari….. (Vincenzo Donvito, presidente Aduc)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Bonus bebè non dovuto e restituzione

Posted by fidest press agency su martedì, 19 luglio 2011

A diverse famiglie sta arrivando una comunicazione raccomandata A/R del ministero dell’Economia per recriminare la restituzione del bonus bebè elargito nel 2006, così come stabilito dalla legge 266/2005 per i bimbi nati o adottati nel 2005 e nel 2006. Richiesta in parte legittima perchè i requisiti per goderne erano di avere un reddito inferiore a 50.000,00 euro. Alcuni, sbagliando, hanno creduto che si intendesse il reddito netto e non -come sempre in questi casi- lordo, ed hanno fatto una autocertificazione sbagliata. A distanza di tempo, il ministero e’ andato a riguardare queste autodichiarazioni e, messele in parallelo con la reale situazione reddituale, ha scoperto che in diversi sforavano, anche se di poco, i 50mila euro. Il ministero oggi, pero’, non ce dice tutta. In diversi casi la richiesta di restituzione e’ stata inoltrata oltre i cinque anni da quando il bonus e’ stato riscosso, quindi soggetta a prescrizione. Inoltre il ministero ha strutturato la raccomandata di richiesta in modo ambiguo, si’ da far credere al chi la riceve che deve pagare subito anche la sanzione amministrativa di 3.000,00 euro: solo in fondo, dopo le intimazioni e i riferimenti delle violazioni penali ipoteticamente commesse, si legge che la sanzione sara’ dovuta solo dopo pronuncia del giudice; pronuncia che, telefonando agli uffici del ministero, viene chiesto ai contribuenti di andare a compilare presso di loro per inviarla… una sorta di autodenuncia. A nostro avviso i contribuenti dovrebbero comportarsi cosi’:
a) se sono trascorsi più di cinque anni dalla riscossione al momento in cui e’ partita la richiesta di rimborso, inviare una raccomandata A/R in cui eccepisce la prescrizione della loro richiesta (senza aggiungere altro). Ovviamente se i cinque anni non sono trascorsi, occorre restituire il dovuto;
b) non fare nulla per la sanzione amministrativa di 3mila euro. Per la denuncia ci penserà, eventualmente, il ministero per proprio conto e, se il giudice darà loro ragione, non ci si potrà opporre al pagamento di questa sanzione se la dichiarazione resa a suo tempo era mendace.

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Bonus bebè:“Che fine ha fatto?”

Posted by fidest press agency su sabato, 21 novembre 2009

Roma. «Non c’è traccia del bonus bebè di 500 euro per i nati nel 2008. Il sostegno sarebbe dovuto essere erogato una tantum  dalla Regione Lazio alle mamme con requisiti idonei. Dopo il successo di domande, un vero e proprio boom, solo a Roma ne sono state raccolte 4.495,  le mamme ora non sanno se e quando questi soldi arriveranno, mentre tra Comuni e Regione è uno scaricabarile reciproco». E’ quanto dichiara Luigi Celori, consigliere del Pdl alla Regione Lazio. «Non vorremmo che si trattasse di un’ennesima presa in giro  – continua –,come quella sul reddito minimo garantito. Del resto, il modo di agire del centrosinistra in questi cinque anni di amministrazione della Regione Lazio si è caratterizzato per immobilismo e nessuna  risposta ai tanti bisogni dei cittadini». «E’ necessario – conclude Celori – che dalla prossima primavera, quando sarà il centro destra al governo regionale, il Lazio possa essere più attento alle esigenze delle fasce più deboli che non vanno illuse con promesse di sussidi che non arriveranno mai».

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »