Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Posts Tagged ‘Borsa Italiana’

Roomie fa il +10% nel 2020

Posted by fidest press agency su sabato, 7 marzo 2020

Roomie, start up italiana specializzata nel co-living ed entrata nel progetto Elite di Borsa Italiana, continua la sua crescita ampliando il portafoglio di immobili con 60 nuove unità abitative a Milano. Da Viale Monza a Porta Venezia, da Lorenteggio a Dateo, le nuove unità abitative acquisite sono tutte di proprietà privata: un segnale del rafforzamento della fiducia per questo tipo di investimento sempre più chiaro.“Il rendimento che assicuriamo ai proprietari nel mettere a reddito immobili non utilizzati o scarsamente valorizzati è sempre più convincente” commentano Filippo Ronfa ed Alessandro Urbani, soci fondatori di Roomie. “Persino in queste giornate di panico per Milano, il nostro modello di business non ha avuto scossoni e non abbiamo avuto cancellazioni. A differenza degli affitti a breve, l’affitto a medio e lungo termine crea garanzie certe e offre una grande stabilità su contratti con durata fino ai 18 anni, assicurando una rivalutazione costante dell’immobile. Roomie si occupa direttamente della ristrutturazione per offrire prodotti “su misura” per il mercato: sia dal punto di vista dello studente, sia da quello dell’investitore o proprietario”.Il mercato dello student housing è in forte espansione: solo il 3,3% della domanda trova un prodotto strutturato e secondo gli operatori immobiliari, il segmento offre possibilità di sviluppo per il futuro perché risponde a strategie di diversificazione degli asset di ricerca di flussi di cassa stabili e a rischio contenuto, soddisfa la domanda crescente di soluzioni abitative di qualità e garantisce rendimenti competitivi rispetto al segmento residenziale tradizionale. (DATI Osservatorio Immobiliare Nomisma Luglio 2019)I piani dei prossimi mesi prevedono l’espansione ulteriore del portafoglio, concentrandosi in particolare nell’acquisizione di immobili cielo-terra, per assecondare il business plan della start up che punta a raddoppiare entro la fine del 2020 il numero di proprietà gestite.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Oscar di Bilancio 2019

Posted by fidest press agency su giovedì, 26 settembre 2019

Milano martedì 12 novembre presso Palazzo Mezzanotte, sede di Borsa Italiana in Piazza Affari a Milano si terrà la 55esima edizione dello storico appuntamento organizzato da FERPI (Federazione Relazioni Pubbliche Italiana). Fin dal 1954 l’Oscar di Bilancio ha premiato le aziende più virtuose nell’attività di reporting e nella cura dei rapporti con gli stakeholders, con l’obiettivo di promuovere e divulgare una cultura d’impresa capace di legare strategia e performance finanziaria con il contesto sociale e ambientale in cui l’azienda opera. Il bilancio non è più solo uno strumento per rendicontare il passato, ma anche un mezzo per raccontare la missione, il progetto e il futuro dell’impresa: quindi, per contribuire a costruire la reputazione del brand. “Oggi il bilancio non è più solo materia di professionisti finanziari, ma coinvolge anche esperti delle pubbliche relazioni e della comunicazione. Partecipare all’Oscar di Bilancio significa, per un’impresa grande o piccola, quotata o non, saper cogliere un’occasione di confronto con altre realtà in uno scenario sempre più complesso e dinamico, di condivisione di know how e best practice e di spinta verso l’eccellenza” dice Rossella Sobrero, Presidente di FERPI. Categorie:
§ Grandi imprese nei segmenti FTSE MIB (escluse le imprese finanziarie): lo scenario attuale è complesso, in continua evoluzione e spesso internazionale. Una maggiore trasparenza nella comunicazione, anche degli aspetti non strettamente finanziari, può tradursi in una maggiore fiducia verso il brand e, dunque, in una più forte competitività sul mercato.
§ Medie e piccole imprese quotate (escluse le imprese finanziarie): il tessuto economico italiano è costituito soprattutto da pmi. Tra le loro sfide di oggi, quella di comunicare dati e informazioni strettamente tecniche a stakeholders non sempre specializzati ricorrendo ad uno storytelling che sappia raccontare i numeri e spiegare il valore aggiunto che l’azienda è in grado di fornire alla società.
§ Imprese finanziarie quotate: le modalità e le qualità della comunicazione, a maggior ragione se obbligatoria per legge, possono fare la differenza nella costruzione di un rapporto di fiducia e di fidelizzazione degli investitori.
§ Imprese ed enti finanziari non quotati: la chiarezza e l’efficacia della comunicazione sono alla base della costruzione di un rapporto forte e duraturo con i diversi stakeholders.
§ Imprese sociali e associazioni non-profit: la credibilità delle associazioni passa soprattutto attraverso l’immagine di sé che trasmettono, per questo la comunicazione acquista un’importanza strategica.
§ Fondazioni erogatrici: la promozione degli scopi delle fondazioni riguarda, innanzitutto, la comunicazione dei valori che trasmettono.
Premi Speciali:
§ Oscar di Bilancio per la comunicazione: raccontare i numeri e i dati, spiegare il valore aggiunto generato dalla propria attività e far passare in maniera efficace i propri messaggi in coerenza con la propria immagine è la nuova sfida delle aziende.
§ Oscar per l’integrated reporting: si può innovare in campi diversi, dalle tempistiche della narrazione aziendale, alla presentazione visuale e concettuale, all’approccio e all’utilizzo dei canali.
§ Oscar di Bilancio per la Dichiarazione non Finanziaria: comunicare non solo i dati finanziari, ma anche relativi alla sostenibilità in tutte le sue declinazioni, non rappresenta solo un obbligo per le aziende, ma una vera e propria opportunità per puntare all’eccellenza.
La partecipazione all’Oscar di Bilancio è semplice e gratuita: è necessario compilare il modulo scaricabile al link https://www.ferpi.it/oscar-di-bilancio/ e inviarlo via e-mail entro il 14 ottobre 2019.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Impresa Percassi entra nel programma ELITE di Borsa Italiana

Posted by fidest press agency su giovedì, 15 novembre 2018

Impresa Percassi S.p.A., società tra i principali general contractor in Italia nel segmento dell’edilizia civile privata, entra a far parte del programma Elite, l’iniziativa nata nel 2012 e promossa da Borsa Italiana in collaborazione con Confindustria, che prevede l’inserimento delle aziende all’interno di una piattaforma internazionale di servizi integrati, creata per supportare le imprese nella realizzazione dei loro progetti di crescita. Impresa Percassi – operante da oltre 50 anni nel settore delle costruzioni e diventata negli ultimi anni uno dei principali general contractor nazionali – ha chiuso un fatturato 2017 in forte crescita pari a oltre 68 milioni di euro, raddoppiati rispetto ai 34,5 milioni di euro dell’anno precedente, e prevede per il 2018 un fatturato superiore ai 70 milioni di euro consolidando così il proprio posizionamento. Vanta ad oggi un portafoglio lavori di oltre 150 milioni di euro, che la proiettano verso una ulteriore significativa crescita nell’esercizio 2019.L’accesso al programma Elite – avvenuto con il supporto di Avvalor, in qualità di advisor – è riservato ad aziende selezionate e di grande potenziale e rappresenta la conferma della solidità del modello di business e della strategia sviluppata da Impresa Percassi, che si pone al livello delle più qualificate imprese del settore di riferimento. L’Impresa è impegnata in progetti di primario standing tra cui spiccano la realizzazione del Bocconi Urban Campus a Milano, la nuova sede di Confindustria Bergamo, la costruzione del complesso “Abitare in Maggiolina” per la società quotata AbitareIn. Di recente acquisizione inoltre l’appalto per l’ampliamento dell’Energy Park di Vimercate per Segro.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

London Stock Exchange Group collabora con IBM

Posted by fidest press agency su sabato, 22 luglio 2017

borsa milanoBorsa Italiana, parte di London Stock Exchange Group (LSEG), e IBM (NYSE: IBM) hanno annunciato oggi lo sviluppo di una soluzione basata sulla tecnologia blockchain per digitalizzare l’emissione dei titoli di piccole e medie imprese (PMI) in Europa. Concepito per semplificare la tracciabilità e la gestione delle informazioni sulle partecipazioni, il nuovo sistema intende creare un registro condiviso e distribuito di tutte le transazioni tra gli azionisti, per aprire nuove opportunità di trading e investimento.
“Grazie alla collaborazione con IBM nello sviluppo di questa soluzione, Borsa Italiana vuole assumere una posizione di guida nella trasformazione del modo in cui le PMI europee possono gestire le liste dei propri azionisti e, al contempo, ampliare l’accesso al credito – il tutto su un’affidabile piattaforma digitale”, ha dichiarato Raffaele Jerusalmi, CEO di Borsa Italiana.La soluzione basata sulla blockchain per le PMI europee non quotate è pensata per sostituire i certificati di trading cartacei, che vengono di norma emessi oggi alle società private. Grazie alla tecnologia blockchain – sinonimo di processo più digitalizzato, agile e trasparente – gli stakeholder, come emittenti, autorità vigilanti ed investitori, potranno godere di una panoramica informativa ed esaustiva sulle società coinvolte nella iniziativa. Solitamente, le PMI private non hanno accesso alle reti delle borse valori pubbliche né alle strutture di credito formalizzate (forse istituzionali??). Con questa innovazione, le PMI europee potranno avvalersi di un accesso ottimizzato al credito e di un legame con un ecosistema d’investimento più ampio e maturo, che consentirà loro di tracciare nuove linee di trading e ottenere finanziamenti condividendo i propri dati finanziari in un’arena pubblica trasparente e assolutamente sicura. Con l’implementazione della soluzione blockchain, Borsa Italiana si ripropone di portarsi alla guida di un percorso di trasformazione volto ad aiutare le società private a modificare le proprie modalità di negoziazione, aumentare la trasparenza ed espandere l’accesso al credito.“LSEG sta testando l’impiego della tecnologia blockchain in un ambito finanziario per cui la separazione dei dati e la riservatezza sono aspetti essenziali. Lavorando col supporto di IBM, pioniere nello sviluppo di soluzioni blockchain avanzate per il settore finanziario, siamo impegnati a creare, collaudare e ampliare nel tempo le nostre capacità sul fronte delle tecnologie emergenti”, ha affermato Chris Corrado, COO del Gruppo e CIO di London Stock Exchange Group.Basato sulla blockchain Hyperledger Fabric versione 1.0, il sistema assicura la condivisione dei dati altamente sensibili solo fra i partecipanti autorizzati della rete, garantendone al contempo la sicurezza e la protezione. Sviluppata in collaborazione con IBM, questa soluzione basata su tecnologia blockchain sfrutta un’infrastruttura altamente sicura, dotata dei massimi livelli di crittografia disponibili in commercio . La soluzione è inoltre pensata per un’eventuale interoperabilità con i sistemi LSEG esistenti, all’insegna dell’efficienza e della continuità del business.“Condividere dati critici in una rete sicura e trasparente accessibile agli azionisti è difficile se si utilizza un sistema tradizionale”, ha spiegato Marie Wieck, General Manager di IBM Blockchain. “La blockchain contribuirà a eliminare alcune delle barriere tipiche dei metodi tradizionali di trasferimento del valore, proprio come ha fatto Internet con lo scambio di informazioni alla fine degli anni ‘90.”La soluzione è in fase di collaudo iniziale presso un gruppo ristretto di partner e clienti.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La Di Leo Pietro SpA entra nel programma ELITE di Borsa Italiana

Posted by fidest press agency su sabato, 5 novembre 2016

La_Borsa_-_Dettaglio_-_Foto_di_Giovanni_Dall'OrtoC’è anche la Di Leo Pietro Spa, azienda nata nel 1860 ad Altamura e con sede a Matera, impegnata nella produzione e commercializzazione di prodotti da forno, tra le trenta aziende italiane che oggi, nella sede di Borsa Italiana, a Milano, sono entrate ufficialmente a far parte di ELITE, l’innovativo programma per rendere le PMI italiane con alte potenzialità di crescita ancora più competitive e attraenti nei confronti degli investitori.Nato dalla collaborazione tra Borsa Italiana e le più importanti istituzioni e organizzazioni italiane (tra cui ABI, ministero dell’Economia e delle finanze, Sace, Confindustria, Bocconi), ELITE affianca le migliori PMI italiane in un percorso di sviluppo organizzativo e manageriale, e per facilitare l’internazionalizzazione.Le società certificate ELITE, infatti, oltre ad avere accesso a una selezionata community e internazionale di investitori, possono cogliere le opportunità di business e networking con private equity e investitori istituzionali, sistema bancario, imprenditori e management di gruppi quotati e con la rete di professionisti di Borsa Italiana al servizio dell’impresa.Con più di 40 dipendenti e uno stabilimento produttivo di circa 18.000 mq, la Di Leo Pietro Spa ha registrato nell’ultimo quinquennio una notevole crescita del fatturato: dai 10,5 milioni del 2010 ai 14,9 del 2015. Per consolidare il suo posizionamento nel segmento salutistico-integrale, nel quale è già leader di mercato in Puglia e Basilicata, l’azienda ha pianificato un investimento di 8,5 milioni di euro da completarsi nel 2018, per costruire un nuovo opificio di 6.000 metri quadri, avviare una nuova linea produttiva di biscotti ‘gluten free’ e potenziare gli impianti esistenti dedicati alla produzione di biscotti bio e vegani. L’azienda, inoltre, ha di recente completato il percorso volto all’eliminazione dell’olio di palma dai propri biscotti che, oggi, sono tutti ‘palm oil free’.«Abbiamo aderito a ELITE – spiega Pietro Di Leo, amministratore unico della Di Leo Pietro SpA – per valorizzare le nostre potenzialità, migliorare la governance aziendale e sviluppare nuovi rapporti commerciali e finanziari confrontandoci con realtà di diversi settori. L’esperienza formativa che faremo ci consentirà anche di valutare le modalità più opportune di accesso ai mercati di capitali per finanziare la nostra ulteriore crescita».
Nata nel 1860 ad Altamura, la Di Leo Pietro SpA l’azienda, con uno stabilimento produttivo di circa 18.000 mq (su un’area totale di 100.000 mq) a Matera, produce e commercializza una vasta gamma di prodotti da forno realizzati con la tecnica del ‘taglio filo’: biscotti tradizionali, frollini dal basso contenuto calorico o biologici con importanti proprietà nutrizionali, a ridotto contenuto di grassi e senza zuccheri aggiunti. La Di Leo Pietro, quarta azienda produttrice di biscotti in area 4 Nielsen e seconda in Puglia e Basilicata, ha ottenuto le certificazioni ISO 22000 – ISO 14001 – IFS che attestano la qualità dell’organizzazione; inoltre è stata una delle prime imprese del meridione ad aver ottenuto la BRC Global Standard Food, prestigiosa certificazione inglese di qualità, specifica del settore alimentare, nella categoria “A”, massimo riconoscimento ottenibile.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | 1 Comment »

“Con il programma Elite di Borsa Italiana puntiamo al mercato globale”

Posted by fidest press agency su martedì, 24 Maggio 2016

Nicola VoltanRubàno (PD). Nicola Voltan, 42 anni, AD di Siav Spa, marchio storico dei più diffusi software e servizi per la gestione elettronica dei documenti e una delle poche aziende venete ammesse al programma Elite di Borsa Italiana (6 in tutto), presenta il programma di espansione di Siav che ha motivato l’adesione all’esclusivo circuito internazionale, studiato per le aziende in grado di mirare alla quotazione.
“Ho personalmente candidato Siav al progetto Elite di Borsa Italiana – dichiara Nicola Voltan – perché è una piattaforma che offre servizi utili al piano di crescita che abbiamo intrapreso per il prossimo triennio. Tra i nostri obiettivi, l’internazionalizzazione ha un ruolo primario e, in contemporanea, puntiamo al rafforzamento della presenza di Siav in diversi mercati verticali, anche attraverso partner, ai quali dedichiamo prodotti ad hoc, per esempio per l’ERP.”.
“L’azienda che mio padre Alfieri fondò nel 1990,- continua l’AD di Siav-, oggi è la prima impresa italiana nel suo settore, unica presente nel Magic Quadrant di Gartner per l’ECM, e da ben 7 anni, e tra le poche accreditate dall’Agenzia per l’Italia Digitale. A fine 2015, come abbiamo annunciato, ha segnato un +10%, pari a un fatturato di oltre 16 milioni fatto solo con la vendita di tecnologia documentale, caso più unico che raro nel nostro comparto, confermando una leadership conquistata con investimenti continui in innovazione per rispondere alle nuove tendenze, e spesso anticiparle.
L’ultima sfida sono le applicazioni per SmartWorker orientate non solo alla gestione dei documenti, ma anche delle informazioni peril Digital Workplace.
Elite ci piace in quanto offre la possibilità di stabilire collaborazioni con società che come noi vogliono essere aperte, dinamiche e competitive, ma soprattutto perché lo riteniamo un percorso ideale per le nostre strategie.
Non so dire al momento se al termine della collaborazione ci quoteremo, ma certamente siamo pronti per replicare il successo italiano nel mercato globale”.
Fondata nel 1990, Siav è un’azienda leader nel mercato ECM, con sede a Rubano (Padova), e altre sedi a Roma, Milano, Genova e Bologna.
Negli ultimi dieci anni ha più che raddoppiato il giro di affari, arrivando ad un organico di oltre 150 dipendenti. Il 2015 si è chiuso con un fatturato di oltre 16,6 milioni di euro con una crescita superiore al 10 %,
Siav è presente con i propri software, le proprie soluzioni documentali e un’offerta qualificata di servizi di Business Process Outsourcing in tutti i mercati verticali, oltre al Retail: Manufacturing, Finance, Utilities, Sanità privata e realizza il 55% del suo business nella Pubblica Amministrazione, con referenze come Banca d’Italia, Cassa Depositi e Prestiti, Sanità, Regioni, Multiutility, Province e Comuni. Siav è l’unica azienda italiana presente nel Magic Quadrant di Gartner per l’Enterprise Content Management, inoltre è tra le poche realtà accreditate dall’Agenzia per l’Italia Digitale per i servizi di Conservazione Digitale.
Alfieri Voltan, 64 anni, fondatore e attuale presidente, presiede anche la Fondazione Siav Academy ed è membro del Consiglio Direttivo dell’Associazione Amici dell’Accademia Nazionale dei Lincei.
Siav investe costantemente in Ricerca e Sviluppo, e collabora a numerosi progetti con primarie istituzioni accademiche nazionali e internazionali. (foto: Nicola Voltan)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Acquisizione del 100% della società di diritto polacco CMA Monitoring e del 25% dell’italiana Datamove

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 aprile 2016

borsa milanoMilano. Si è conclusa la presentazione alla stampa e alla comunità finanziaria, organizzata da Viasat Group alla Borsa Italiana (Palazzo Mezzanotte) di Milano, per illustrare le ultime due operazioni condotte dal Gruppo in Europa: l’acquisizione del 100% della società di diritto polacco CMA Monitoring e del 25% dell’italiana Datamove. Solo a gennaio, Viasat Group, azienda leader nella progettazione e produzione di sistemi elettronici automotive con applicazione di tecnologie telematiche satellitari, aveva annunciato la costituzione della newco BluSat in Portogallo, estendendo la propria presenza in Europa dopo la Spagna, la Romania, il Regno Unito e naturalmente l’Italia, oltre al presidio indiretto, grazie a specifici rapporti di distribuzione con operatori locali, in oltre 25 paesi tra Africa, Medio Oriente e America Latina, dove vengono quotidianamente utilizzate le tecnologie Viasat.
CMA Monitoring opera in Polonia nel segmento fleet, che rappresenta il 95% dei propri ricavi (il restante è sviluppato sul mercato del building monitoring), con 19.000 mezzi connessi alla propria piattaforma. Ha due sedi principali, a Varsavia e Bytom (Katovice), sei sedi commerciali, 96 dipendenti e una centrale operativa h24. Quello polacco è uno dei mercati in più rapida crescita in Europa, dove la telematica satellitare è in forte espansione, favorito senza dubbio da una posizione geografica strategica che colloca la Polonia al centro delle direttrici europee per gli scambi commerciali. “Le caratteristiche di CMA Monitoring – ha dichiarato Marco Petrone, responsabile del Corporate Development e dell’operazione – sono coerenti e complementari con quelle del resto del Gruppo: dalla vocazione al servizio, alla qualità resa eccellente da prodotti sviluppati internamente e Made in Europe; fino ad arrivare ad una customer satisfaction, garantita da un team di professionisti locali con esperienza decennale nel settore. Questo deal rende Viasat ancora più competitiva e soddisfa la crescente domanda del mercato nel poter contare sulla nostra presenza diretta a livello Paneuropeo”.
Datamove, società italiana con sede a Treviglio (BG) proprietaria del marchio SIUNET, è specializzata nella progettazione, realizzazione e gestione di piattaforme software dedicate al monitoraggio e certificazione dei servizi e delle attività svolte dalle società che operano nell’ambito del mondo dei servizi di igiene ambientale, fornendo anche strumenti dedicati alla gestione del customer care per un bacino tra cittadini e aziende servite quotidianamente pari a circa 3.000.000 di utenze. Tale alleanza consente a Viasat Group di proporsi sul mercato europeo con una soluzione integrata e unica nel suo genere per soddisfare appieno le esigenze di un settore specializzato, come quello dell’igiene urbana, dove la richiesta in termini di automazione dei processi, di raccolta dati e monitoraggio e certificazione delle attività, da parte di aziende private e pubbliche, è in costante crescita sia in Italia che all’estero.
Alla presentazione sono intervenuti Domenico Petrone (Presidente Viasat Group), Massimo Getto (Vice Presidente e CFO Viasat group), Gianni Barzaghi (CEO di Datamove) e Giovanni Panigada di Nash Advisory che ha condotto l’operazione in Polonia.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Credere nell’euro, diversificare il portafoglio e puntare sulla Borsa italiana

Posted by fidest press agency su venerdì, 21 agosto 2015

bassaAnche dopo gli scossoni della Grecia, l’Euro non corre alcun pericolo e non ha senso correre a investire in monete diverse, anche se, in un’ottica di diversificazione di portafoglio, una piccola percentuali di investimenti in valute può essere utile. Bisognerà, piuttosto, guardare con attenzione alla Cina per capire rischi e opportunità in arrivo in seguito ai mutamenti in atto nel colosso asiatico. Buone occasioni di investimento verranno, invece, dalla Borsa italiana, che è già la più performante d’Europa, ma che ha margini di crescita, grazie anche alla probabile ripresa dell’economia nazionale.Queste, in sintesi, le opinion espresso da Mario Bianchi Disette, specialista in risparmio e investimenti della Cassa di Risparmio del Friuli Venezia Giulia, Mario Fumei, consulente finanziario esperto in wealth management e personal financial advisor e Luigi Riganelli, responsabile private banking della sede di Trieste del Monte dei Paschi di Siena, che mercoledì 19 agosto hanno preso parte al terzo appuntamento di Economia sotto l’ombrellone 2015, confrontandosi sul tema “Investire dopo la crisi greca”.Meglio evitare il fai da te e affidare sempre i propri risparmi a operatori professionali che possano dimostrare un track record positivo, spiegano gli esperti, soprattutto in una fase complessa come questa. Perché non è tanto la Grecia a preoccupare, quanto la Cina, con la svalutazione della sua moneta. Ma non bisogna spaventarsi, ha affermato Bianchi Disette: «Trattandosi di una svalutazione controllata dal governo non dovrebbero esserci effetti drammatici, anche se, ovviamente, qualsiasi movimento su un’economia trainante come quella cinese risveglia l’attenzione di tutti gli operatori». «Certamente un rallentamento dell’economia cinese –ha aggiunto Mario Fumei– influenza tutta l’economia mondiale e il fatto che la Cina guidi la propria economia alternando dirigismo e liberismo, crea significative incertezza su tutti i mercati. Nonostante questo, però, nel medio periodo non vedrei particolari difficoltà per l’economia europea derivanti dalla svalutazione cinese». «Il mercato cinese ha ancora sconfinate possibilità di crescita sui consumi interni –ha spiegato Riganelli– e, quindi, penso che in termini di investimento siano da tenere presenti alcuni ottimi prodotti che investono sul mercato dei consumi cinese».Positivo il giudizio dei tre relatori sulle possibilità di investimento sul mercato azionario italiano, con la nostra Borsa che nell’ultimo anno ha fatto registrare ottime performance. «Ci sono, però, ancora spazi di crescita –secondo Fumei– anche perché gli investitori internazionali in questo momento si dimostrano molto interessati a entrare sul mercato italiano. Non solo su quello azionario, ma anche direttamente sulle aziende. Nei prossimi mesi punterei sul settore finanziario e sarei, invece, prudente nei confronti del settore energetico considerata l’attuale debolezza delle materie prime». Dello stesso parere Riganelli che, dopo un recente rallentamento, crede in «una nuova ripartenza perché ai valori attuali Piazza Affari è ancora sottovalutata. Quanto ai settori punterei decisamente sul quello finanziario-assicurativo». Bianchi Disette si è dichiarato ottimista per quanto riguarda l’Italia: «Non mi meravigliere di un mini rally di Piazza Affari anche negli ultimi mesi dell’anno. Fra i vari settori non trascurerei nemmeno quello industriale. Il mercato, poi, presenta anche alcune opportunità su singoli titoli, ma bisogna sapersi muovere con attenzione ed è praticamente impossibile poterlo fare senza affidarsi a professionisti del settore». I tre relatori hanno poi giudicato positivamente l’arrivo a Piazza Affari di nuove aziende, ma hanno suggerito di analizzare bene i fondamentali e i motivi dello sbarco in Borsa di ogni singola azienda prima di decidere se acquistarne o meno le azioni.In conclusione gli esperti si sono detti ottimisti sulle possibilità di rafforzamento della crescita dell’economia italiana, che ha buoni imprenditori e buoni prodotti. «Ma molto –ammoniscono– dipenderà dal proseguimento sulla strada delle riforme che è appena stata intrapresa».Il prossimo appuntamento di Єconomia sotto l’ombrellone si terrà mercoledi 26 agosto alle ore 18.30 al Palapineta di Lignano Sabbiadoro, avrà per tema “Dove va la cooperazione?” e, moderato dal giornalista Carlo Tomaso Parmegiani, vedrà la partecipazione di Franco Bosio presidente di Confocooperative Fvg, Sergio Emidio Bini presidente di Euro&Promos Group, Eugenio Sartori direttore dei Vivai Cooperativi di Rauscedo. (foto bassa)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

EXPERT SYSTEM: consolida la propria presenza in UK e nomina il nuovo Vice President of Sales per il Regno Unito e l’Irlanda

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 gennaio 2015

Expert SystemExpert System, società leader nello sviluppo di software semantici per la gestione strategica delle informazioni e dei big data, quotata sul mercato AIM Italia, organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A., consolida la propria presenza in UK e Irlanda, puntando sulle potenzialità uniche di Cogito per l’espansione del business, e nomina Nicky Singh Vice President of Sales per il Regno Unito e l’Irlanda. Nicky Singh, che assumerà nella sede di Londra un ruolo strategico per lo sviluppo delle vendite e delle relazioni con i partner, entra nel team di Expert System dopo aver maturato una significativa esperienza nel mercato dei software aziendali e aver guidato con successo l’ingresso di nuove realtà aziendali nel complesso mercato del Regno Unito. Nicky Singh ha ricoperto posizioni commerciali di rilievo per Microsoft UK, Autonomy e Coveo, contribuendo alla crescita del fatturato e all’entrata in nuovi mercati di interesse.
“Siamo molto lieti di accogliere Nicky Singh nel nostro Gruppo” ha dichiarato Luca Scagliarini, CEO Expert System USA. “In Europa, il mercato UK si configura come uno dei più interessanti per quanto riguarda l’ambito delle tecnologie per la gestione delle informazioni: siamo certi che Nicky, grazie a un’esperienza di oltre 10 anni nel settore delle vendite e a una profonda conoscenza del settore di riferimento, supporterà con successo questa nuova fase di crescita di Expert System.”La nomina del nuovo Vice President of Sales si pone in linea con i piani di crescita internazionale, intrapresi con l’ingresso nel mercato tedesco, svizzero e austriaco, la fondazione di “Expert System Iberia” al fine di presidiare il mercato spagnolo e dell’America Latina con l’acquisizione delle divisioni ICM e iLab di iSOCO.
Expert System S.p.A, leader in tecnologia semantica e società quotata sul mercato AIM Italia di Borsa Italiana, ha sviluppato Cogito, il software brevettato che combina linguaggio e tecnologia per potenziare la capacità di usare contenuti non strutturati. I prodotti e le soluzioni di Expert System, basati sull’avanzato motore di analisi di Cogito e su una ricca rete semantica, superano i limiti dei tradizionali approcci a parole chiave e offrono un’ampia gamma di funzionalità, tra cui: ricerca semantica, text analytics, sviluppo e gestione di tassonomie e ontologie, categorizzazione automatica, estrazione di dati e metadati, elaborazione del linguaggio naturale. Tra i principali clienti: Eni, ING Direct, Telecom Italia, Ansa, Camera dei Deputati, Intesa Sanpaolo, Il Sole 24 ORE. Expert System ha uffici in Italia, Europa e Stati Uniti.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Digital magics quotata in borsa

Posted by fidest press agency su mercoledì, 31 luglio 2013

Digital Magics, venture incubator di startup digitali, comunica che oggi Borsa Italiana ha ammesso alle negoziazioni le azioni di Digital Magics su AIM Italia, Mercato Alternativo del Capitale dedicato alle piccole e medie imprese italiane ad alto potenziale di crescita. La data di inizio delle negoziazioni delle azioni ordinarie della società è prevista per Mercoledì 31 luglio 2013. L’operazione di collocamento ha comportato l’emissione di 1.239.247 nuove azioni (630.847 al servizio della conversione anticipata dei prestiti obbligazionari convertibili emessi dalla società e 608.400 al servizio dell’aumento di capitale riservato a investitori qualificati). L’aumento di capitale complessivo è pari a Euro 8.585.000 (incluso sovrapprezzo) e porta la capitalizzazione della società post quotazione a circa Euro 25,6 milioni con un flottante pari a circa il 37% dell’intero capitale. Il primo prezzo di negoziazione è fissato in Euro 7,50 per azione.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »