Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Posts Tagged ‘borse’

Borse di studio per gli Usa: al via gli incontri con le università americane

Posted by fidest press agency su domenica, 6 giugno 2021

È fissato per il 7 giugno il prossimo incontro online per conoscere i college americani che offrono delle vantaggiose borse di studio ai ragazzi italiani interessati a frequentare le università negli Stati Uniti. Durante quest’anno senza precedenti, sono sempre di più i giovani italiani che decidono di proseguire gli studi all’estero e, gli Stati Uniti sono da sempre la destinazione più gettonata, grazie alla vastissima scelta di corsi, all’ambiente internazionale con studenti provenienti da tutto il mondo e all’ottima introduzione nel mercato del lavoro.Questo dato è confermato anche dalle agenzie di programmi di studio e lavoro all’estero come Mondo Insieme, ad esempio, che ha avuto un record di richieste quest’anno.Non solo da parte degli studenti delle scuole superiori che vogliono frequentare il quarto anno all’estero, ma anche da parte dei ragazzi che, dopo il diploma, hanno deciso di proseguire gli studi negli Stati Uniti.Sono tantissimi gli studenti che, dopo aver frequentato un anno scolastico all’estero completamente in presenza, non vogliono rientrare in Italia per completare il quinto anno del liceo, per paura di tornare in DAD e hanno deciso quindi di completare gli studi direttamente in America.“Viste le tante richieste”- afferma Valeria Sessini, responsabile del Programma Campus USA di Mondo Insieme che offre borse di studio garantite in grado di coprire fino al 70% dei costi di vitto, alloggio e tasse scolastiche – “quest’anno abbiamo organizzato una serie di eventi online per dare l’opportunità ai ragazzi di conoscere da vicino alcune delle università partner”.Questa serie di appuntamenti dal nome “Incontra le Università Americane” ha riscosso molto successo, sono tante le famiglie che hanno partecipato per capire come funziona il sistema universitario americano, molto diverso dal nostro, e per ascoltare le testimonianze di alcuni studenti internazionali.Il prossimo incontro online è fissato per lunedì 7 Giugno alle ore 18.00, dove ci sarà la possibilità di conoscere il Menlo College, la prestigiosa Business School nel cuore della Silicon Valley, a soli 30 minuti da San Francisco e a pochi passi dalla Stanford University. Grazie alla sua location, apre le porte a tante opportunità di tirocinio e crescita professionale. Qualche esempio? Google, Netflix, YouTube, Instagram e tanti altri! Studiare in California con una fantastica borsa di studio può facilmente diventare realtà. Sono sempre di più le opportunità messe a disposizione dei giovani italiani che hanno il coraggio di mettersi in gioco e di investire nel loro futuro, con queste esperienze che cambiano la loro vita.Maggiori dettagli su come partecipare agli incontri e su come ottenere le borse di studio per studiare negli Stati Uniti sono reperibili sul sito internet http://www.mondoinsieme.it,contattando Mondo Insieme allo 051 236890

Posted in scuola/school, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Borse di studio dell’Università Emilia-Romagna

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 dicembre 2020

Nella Regione Emilia-Romagna sarà garantito il sostegno al 100% degli studenti idonei che hanno presentato domanda per le borse di studio universitarie, in denaro e servizi, per l’anno accademico 2020/2021. Il numero complessivo dei beneficiari ammonta a 26.709: di questi, 4.552 sono studenti dell’Università di Parma. Un risultato ottenuto grazie al potenziamento dell’impegno finanziario regionale e alla politica di razionalizzazione delle spese attuata dall’Azienda Regionale per il Diritto agli Studi Superiori ER.GO dell’Emilia-Romagna: tra risorse regionali ed europee, infatti, vengono stanziati 97 milioni di euro, compresi i 38 milioni della quota – la più alta a livello nazionale – destinata all’Emilia-Romagna dal riparto del Fondo integrativo statale 2020 per le borse di studio.Dai dati delle graduatorie provvisorie si registra un aumento del numero di studenti idonei, cioè l’11,3% in più rispetto allo scorso anno accademico, di cui oltre il 45% fuori sede, con un conseguente incremento della spesa di 4 milioni. Sempre più studenti beneficiari, dunque, così come sono sempre più numerosi i giovani che studiano negli Atenei dell’Emilia-Romagna: ad oggi gli iscritti superano i 161 mila (+3% rispetto all’anno accademico 2019/2020), con quasi 53mila immatricolati in più.I dati relativi all’aumento degli studenti in Regione corrispondono all’incremento registrato anche all’Università di Parma: 9.518 sono i nuovi iscritti del nostro Ateneo, corrispondenti ad un aumento dell’11,6% rispetto all’anno accademico 2019/2020. Il 69% dei nuovi iscritti proviene da fuori provincia di Parma e, di questa percentuale, il 41,5% proviene da fuori Regione. Anche il numero di studenti idonei ai benefici ER.GO è in crescita presso l’Università di Parma, di circa il 15% rispetto all’a.a 2019/2020.I dati confermano il robusto sistema della Regione Emilia-Romagna a supporto del Diritto allo Studio Universitario, che ha saputo anche adattarsi all’emergenza sanitaria, introducendo misure straordinarie con grande flessibilità, per favorire la massima inclusione.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

49 le borse di studio regionali per la frequenza di corsi di dottorato di ricerca

Posted by fidest press agency su sabato, 21 novembre 2020

Sono state finanziate con 3 milioni di risorse del Fondo sociale europeo. Si tratta di un intervento che destina, grazie a fondi della programmazione PO FSE 2014-2020, borse di studio aggiuntive, ciascuna del valore complessivo di circa 60 mila euro e di durata triennale, ai corsi di dottorato che le Università siciliane hanno bandito per l’anno accademico 2020-2021. Dopo avere raccolto le proposte progettuali a seguito del bando dell’Avviso 37\2020, il Dipartimento istruzione dell’Assessorato regionale all’istruzione e alla formazione professionale ha stilato la graduatoria definitiva dei corsi ammessi a finanziamento, ripartendo i fondi agli Atenei in proporzione al numero degli iscritti. Sono 18 le borse finanziate all’Università di Catania, 18 all’Università di Palermo, 10 all’Università di Messina, 2 all’Università della Kore di Enna e 1 alla Lumsa di Palermo. Tra i corsi di dottorato finanziati compaiono nuove discipline come le neuroscienze, la biomedicina traslazionale, le biotecnologie, la bioingegneria applicata alle scienze mediche, le nanotecnologie ma anche discipline più tradizionali come le scienze umanistiche, la fisica, l’informatica o le scienze dell’interpretazione. Nell’ambito del dottorato i laureati svolgeranno anche un periodo di ricerca all’estero, variabile da tre a sei mesi, per favorire i processi di internazionalizzazione degli studi.“Tre milioni di euro dal Fondo sociale europeo, 49 borse di dottorato aggiuntive a quelle ordinarie – ha affermato Roberto Lagalla, assessore regionale all’Istruzione e alla Formazione professionale – che la Regione siciliana ha messo a disposizione degli Atenei dell’isola per potenziare l’offerta accademica di terzo livello che guarda alla specializzazione e all’innovazione, alla valorizzazione dei saperi e delle competenze trasversali. Ad ogni corso di dottorato corrisponde anche un’esperienza di lavoro e di studio all’estero variabile da 3 a 6 mesi. I giovani – ha proseguito Lagalla – devono prendere il valore di queste nuove forme educative soprattutto quando vogliono guardare alle sollecitazioni di un mondo che cambia e affrontare la sfida della propria esistenza con un bagaglio di competenze adeguato e all’altezza dei tempi”.Fabio Galvano, professore ordinario di alimentazione e nutrizione umana all’Università di Catania e delegato del Rettore ai dottorati la definisce un’iniziativa “pregevolissima” della Regione Siciliana e del Fondo sociale europeo. “Il dottorato – ha detto Galgano – è un momento estremamente qualificante per un giovane che può acquisire conoscenze successive alla laurea per procedere con la carriera universitaria o per trovare impiego in azienda o in altre strutture lavorative. In Europa uno studente con il dottorato trova lavoro più facilmente e, grazie a questo titolo, viene anche retribuito di più. Auspichiamo che, anche grazie a questo strumento, l’Italia e la Sicilia possano allinearsi al trend europeo”. “A Palermo quest’anno c’è stato un forte incremento di partecipazione ai bandi di dottorato – ha detto Fabio Mazzola, pro Rettore vicario dell’Università di Palermo –. Sono arrivate oltre 1.200 domande per 23 corsi, di cui circa il 40% da parte di studenti stranieri. Il dottorato offre la possibilità di fare rientrare, per una ulteriore formazione, tanti talenti che hanno conseguito la triennale in Sicilia e che poi hanno scelto di conseguire la magistrale in un’altra sede, generalmente nel nord Italia”.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Le borse volano sulle ali del vaccino

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 novembre 2020

A cura di Richard Flax, Chief Investment Officer di Moneyfarm. La settimana è cominciata in modo piuttosto interessante: lunedì i mercati hanno aperto in forte rialzo in seguito alla notizia che il vaccino sviluppato da Pfizer ha dato risultati promettenti (o almeno così hanno detto gli scienziati). A performare positivamente è stata soprattutto l’Europa (+4,6%), mentre negli Stati Uniti l’S&P 500 è cresciuto dell’1,13%, nonostante il passo indietro del Nasdaq (-1,40%). Il momentum positivo è proseguito sulla scia dell’euforia scatenata dalla conclusione del processo elettorale negli Stati Uniti, con tutti i maggiori indici azionari positivi, nonostante il ritracciamento della giornata di martedì. La rincorsa azionaria ha permesso di recuperare quanto si era perso a fine ottobre in termini di performance, quando i mercati prezzavano l’incertezza elettorale e l’esplosione della seconda ondata de da Moneyfarm – Allarme pensioni in Italia: milioni di lavoratori in pensione con metà dello stipendio. Donne fino a 20% in meno l virus in Europa. Nelle ultime settimane i mercati ci hanno abituato ad un andamento volatile, mostrando grande reattività alle notizie. Le ragioni sono principalmente legate al fatto che il Covid 19 costituisca – ancora – un forte elemento di incertezza per il 2021. Questa incertezza è destinata a perdurare nei prossimi mesi, in un percorso che resterà per forza di cose accidentato. In un mondo dove la pandemia imperversa, le aziende digitali dominano. Le imprese tradizionali soffrono: per la recessione, la crisi immobiliare, il calo del prezzo del petrolio e i tassi bassi che rosicano la redditività di banche e istituzioni finanziarie. Gli investitori sembrano più interessati al cambiamento delle abitudini dei consumatori, piuttosto che a trimestrali dominate da rosso e “segni meno” che rendono complicata la valutazione dei fondamentali. Dall’inizio dell’anno la differenza è stata netta, con il comparto growth cresciuto di oltre il 25% e quello value che si è contratto di oltre il 7%. Dobbiamo essere molto cauti, la notizia di progressi rispetto al vaccino è positiva, ma non elimina l’incertezza: la primavera è lontana e nei prossimi mesi avremo ancora notizie in grado di incrinare il sentiment dei mercati (solo due settimane fa commentavamo con preoccupazione le nuove misure di lockdown proposte in Europa). Per questo restiamo, per il momento, ancora in guardia, con l’obiettivo di difendere il valore dei portafogli dai molti fattori di rischio che caratterizzano lo scenario attuale. Per quanto riguarda gli investitori, se sono stati con i mercati sulle montagne russe emozionali di queste due settimane, il suggerimento è di mantenere il sangue freddo. Abbiamo visto come le performance cambino velocemente, ma adottare una prospettiva di lungo termine resta l’approccio migliore in tempi incerti. Inoltre, inseguire i settori top performer, come quello tecnologico, non necessariamente porterà dei benefici da qui in avanti. Si ricorda, inoltre, che non esistono solo scenari negativi (il vaccino non arriva, le misure di quarantena si protraggono per anni), ma esistono anche scenari migliori delle aspettative. Una rondine non fa primavera, ma resta pur sempre una rondine.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Come combattere borse, occhiaie e zampe di gallina

Posted by fidest press agency su domenica, 19 luglio 2020

«La zona degli occhi è una zona ad alta espressività: pensiamo solamente a quante volte durante una giornata tendiamo a socchiudere gli occhi per sorridere oppure per mettere a fuoco, quante volte li strizziamo perché li sentiamo stanchi o irritati. È una zona dove la pelle è molto sensibile. Così i primi segni del tempo si iniziano già a vedere poco dopo i 30 anni».
Porre rimedio è possibile partendo da quelli che sono i classici stili di vita corretti, con una variegata alimentazione, un buon riposo e la protezione dal sole. «Per contrastare le fastidiose zampe di gallina che si formano un rimedio molto efficace è la tossina botulinica: un iniettivo che permette di restituire una pelle tonica, ma anche richiede dei trattamenti di “manutenzione”», osserva Gilardino. «Nelle situazioni un po’ più compromesse è possibile ricorrere anche al laser frazionato: questo non solamente restituisce elasticità alla pelle, ma permette di combattere anche le rughe più sottili che appesantiscono lo sguardo». Differente è l’approccio alle borse e alle occhiaie. «Entrambe possono avere origine genetica e dipendono dalla conformazione del viso. Le prime derivano dalla presenza di un eccesso di tessuto adiposo che ernia e protrude sotto la pelle delle palpebre inferiori e per queste, l’unico intervento efficace è di tipo chirurgico. La chirurgia però non deve spaventare, oggi ci sono tecniche assolutamente mini invasive che non lasciano alcuna cicatrice e in modo rapido permettono l’asportazione della piccola eccedenza di grasso che dà origine alla borsa». Altra cosa sono le occhiaie. «È quando l’occhio si presenta scavato, con la pelle sottostante un po’ più scura che rende lo sguardo, quindi anche tutto il viso, piuttosto stanco. È possibile intervenire con dei filler per riempire le parti che il tempo, o la propria costituzione, hanno “svuotato”, attenuando così anche l’ “effetto scuro” sotto gli occhi. Tendenzialmente le occhiaie sono costituzionali, dipendono dalla conformazione del volto e dalla struttura della pelle». Nei casi in cui l’occhiaia sia determinata anche da un colore più scuro della pelle, «è possibile schiarire il colore con dei peeling», puntualizza la specialista. Per la parte superiore degli occhi, per illuminare lo sguardo, c’è la blefaroplastica non chirurgica. «Nelle palpebre superiori, a fronte di una leggera lassità della pelle, non è più necessario ricorrere ad un intervento chirurgico, ma vi sono delle tecniche di medicina estetica che permettono di migliorare la tonicità della pelle in quell’area. Conosciuta come la “blefaroplastica non chirurgica”, questo trattamento si basa sulla creazione di micro coagulazioni che consentono alla pelle di ritrarsi. Nelle situazioni più compromesse, l’unica strada resta la blefaroplastica più tradizionale che però è stata migliorata molto nei tempi di recupero».In generale, nel periodo estivo è meglio orientarsi verso trattamenti di medicina estetica «avendo cura però di non esporsi al sole per un paio di settimane. La chirurgia è più indicata in autunno», conclude Gilardino.Patrizia Gilardino – profilo professionale. Laureata in Medicina e Chirurgia all’Università degli Studi di Milano nel 1988, Patrizia Gilardino si è specializzata nella Scuola di Chirurgia Plastica Ricostruttiva dell’Università degli Studi di Milano nel 1993

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Borsa di Studio “Giorgia Mileto” per i corsi accademici di Jazz & Popular Music

Posted by fidest press agency su domenica, 14 giugno 2020

In memoria di Giorgia Mileto, il Saint Louis promuove il Bando per l’assegnazione di Borse di studio per frequentare i corsi accademici di I e II livello dei Dipartimenti di Jazz & Popular Music.
Dal 2002, Giorgia Mileto si è occupata con dedizione e passione all’organizzazione della didattica, degli eventi musicali e di tutte le attività del Saint Louis, profondamente coinvolta nella crescita non solo dell’Istituto AFAM, ma anche dei tanti allievi che negli anni lo hanno frequentato, accompagnandoli fin dai primi passi sul palco e sostenendoli nella loro crescita professionale.Per questo, il Saint Louis, in accordo con la famiglia Mileto, ritiene che il miglior modo per ricordare la cara amica e collega Giorgia sia premiare il talento e la dedizione verso la musica di giovani musicisti, promuovendo l’istituzione di borse di studio che consentano ad allievi meritevoli di frequentare i corsi accademici di I e II livello.Verranno assegnate 3 borse di studio integrali, che copriranno la quota di partecipazione per un anno di corso e saranno rinnovate di anno in anno al mantenimento dei risultati attesi in termini di esami sostenuti e media delle votazioni.La Commissione, oltre alle 3 borse di studio integrali, potrà assegnare ulteriori borse di studio parziali a copertura parziale della quota di partecipazione ai corsi.Le borse di studio saranno assegnate tramite audizioni aperte anche ad allievi esterni al Saint Louis per tutti i corsi di strumento e canto dei Dipartimenti di Jazz & Popular Music.Per accedere alle audizioni, occorre inviare una registrazione audio e/o video (preferibile) di due brani suonati in gruppo (duo, trio, quartetto, etc.). In base al materiale ricevuto, verrà effettuata una pre-selezione di allievi ammessi all’audizione. Le audizioni si terranno nel mese di settembre con una band/orchestra residente a supporto di tutti i candidati.
I fondi per le borse di studio sono stati raccolti attraverso le donazioni di amici, musicisti e familiari di Giorgia per un valore complessivo di circa 6.200 euro; il Saint Louis mette a disposizione un ulteriore fondo dello stesso importo per un valore complessivo di borse di studio da assegnare pari a € 12.500. Domanda di partecipazione: compilare il form sul sito http://www.slmc.it

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Brexit e mercati: ed ora? Investec Asset Management

Posted by fidest press agency su sabato, 25 giugno 2016

borsaAlla luce di questo risultato sorprendente riteniamo che si registrerà una notevole volatilità nel breve periodo. In particolare pensiamo che a preoccupare particolarmente i mercati saranno i seguenti aspetti:Volatilità valutaria: La sterlina è crollata rapidamente dai livelli che stavano scontando la possibilità di una vittoria del “Remain”. Fattori fondamentali del Regno Unito, quali il deficit di conto capitale corrente crescente e un mercato immobiliare in difficoltà, stanno diventando sempre meno elementi di supporto.Turbolenze sul mercato azionario UK: i titoli azionari UK sono scesi in maniera repentina sul mercato dei futures ed un clima di incertezza continua andrà ad influire negativamente su multipli e valutazioni. Sarà fondamentale selezionare con attenzione tra i titoli che hanno una maggiore probabilità di essere colpiti da un’ampia gamma di fattori ciclici interni, che per natura non sono di lunga durata, e società, come ad esempio i titoli bancari, che potrebbero essere colpite in maniera più strutturale. Difficilmente il mercato è in grado di fare questa netta distinzione in una prima fase e quindi, per i gestori in grado di adottare un approccio di selezione dei titoli molto scrupoloso, in grado di esaminarli uno ad uno, questo potrebbe rappresentare un notevole vantaggio nel lungo periodo. Molte società UK quotate potrebbero in realtà beneficiare di una sterlina debole o grazie ad un incremento della competitività o dalla conversione degli utili provenienti dall’estero.Calo del mercato immobiliare UK: gli asset immobiliari UK quotati, che erano già stati negativamente influenzati dalle preoccupazioni di “Brexit” a partire dall’ultimo trimestre del 2015, è probabile che vedano una inversione di tendenza dei propri recenti guadagni. Una ulteriore debolezza è possibile alla luce del re-rating dovuto a tassi di interesse strutturalmente più bassi nel lungo periodo.Stabilità macroeconomica e Fed accomodante: riteniamo che gli investitori a livello globale siano posizionati in linea di massima in maniera cauta alla luce delle preoccupazioni su la crescita. L’esito del refendum, oltre a creare un problema in particolare per gli asset UK, getta delle ombre su la recente stabilità macroeconomica e sull’atteggiamento più accomodante sui tassi da parte della Fed. Gli asset difensivi, come i bond governativi, potrebbe registrare un rally momentaneo mentre gli asset più rischiosi saranno probabilmente impattati in maniera negativa nel breve periodo. D’ora in avanti entrambi saranno influenzati dai fondamentali globali e dalle scelte degli investitori.
I mercati tendono ad aggiustarsi rapidamente e talvolta a reagire meglio del previsto. Gli investitori generalmente preferiscono non muoversi nell’immediato sulla scia del referendum. Nel lungo periodo i fondamentali economici e aziendali guideranno i rendimenti.
Gli elettori hanno votato per l’uscita del Regno Unito dall’UE nel referendum di ieri. Seguiremo la reazione iniziale dei mercati dei capitali con interesse. Riteniamo comunque che i movimenti valutari siano probabilmente più significativi, come abbiamo già osservato nella reazione immediata al risultato del referendum.
Aspettiamo che il reale impatto sugli accordi commerciali si dispieghi. Per quanto riguarda gli attuali accordi commerciali, ci sono segnali che indicano che si potrebbero attendere almeno due anni prima che nuovi accordi diventino effettivi. Riteniamo che a subire il maggiore impatto dei cambiamenti nelle tariffe commerciali probabilmente saranno l’agricoltura e la manifattura, poiché i servizi non conoscono un export specifico dell’industria. Sia il settore agricolo sia manifatturiero sono di dimensioni ridotte nella prospettiva del prodotto interno lordo UK (rispettivamente corrispondono allo 0.7% e all’11% del PIL). Riteniamo comunque che le incertezze determineranno un rinvio delle decisioni di investimento e acquisto di consumatori e società.Il grado di pragmatismo nel complesso detterà gli sviluppi nel breve periodo. Gli abitanti del Regno Unito hanno dato il loro messaggio e osserveremo il ritmo al quale la nuova agenda si svilupperà. Sarebbe sorprendente registrare ostacoli alla ripresa economica che l’Europa sta attraversando. Con una politica monetaria accomodante, esistono sia il rischio di rialzo che ribasso nel mercato dei titoli. Con i rendimenti dei mercati azionari di molto superiori a quelli dei mercati obbligazionari, riteniamo che vi siano settori che possono far crescere i dividendi anche in ambiente più difficile. (by Luca Maranesi)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Due borse di ricerca per il sostegno degli studenti nel campo dell’accesso alla pratica sportiva

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 Maggio 2016

parma universitàParma. Scadono il 13 maggio due bandi pubblicati dall’Ateneo per l’assegnazione di due borse di ricerca dedicate al sostegno degli studenti italiani e stranieri dell’Università di Parma nel campo dell’accesso alla pratica sportiva.
La prima borsa di ricerca (bando al link http://www.bioscienze.unipr.it/sites/st02/files/ bando_ 10_bios_2016.pdf) sarà assegnata per il progetto Ricerca e sperimentazione dei sistemi di tutoraggio e assistenza più idonei per l’attuazione del progetto “riconoscimento dell’attività sportiva” agli studenti sportivi di rango nazionale, studenti arbitri o studenti allenatori di rango. Tra le tematiche del progetto: normative europee per gli studenti atleti, arbitri, allenatori di rango nazionale; loro necessità ed esigenze di tutoraggio.
La seconda borsa di ricerca (bando al link http://www.bioscienze.unipr.it/ sites/st02/files/bando_09_ bios_2016.pdf) sarà assegnata per il progetto Analisi e gestione delle richieste degli studenti dell’Università degli Studi di Parma richiedenti il riconoscimento dei crediti sportivi. Miglioramento della attrattività dell’Ateneo verso gli studenti stranieri. Collegamenti tra aree di riferimento. Tra le tematiche del progetto: principi informativi dei diritti allo studio degli studenti universitari; conoscenza del progetto “Riconoscimenti dei crediti sportivi” e del suo inserimento nel piano triennale di Ateneo.
Le borse, entrambe di 12 mesi, sono di 15mila euro. Per l’accesso alla selezione è richiesto il diploma di laurea triennale / magistrale / vecchio ordinamento.L’attività dei borsisti si svolgerà al Dipartimento di Bioscienze, sotto la responsabilità del Delegato allo Sport dell’Università di Parma, prof. Nelson Marmiroli, Direttore del Dipartimento.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Borse ex specializzandi, ricorsi in continuo aumento: urge legge

Posted by fidest press agency su venerdì, 6 novembre 2015

università cattolicaUna legge per fermare i ricorsi e pagare il dovuto ai medici ex specializzandi che hanno intrapreso un’azione legale per le borse di studio non corrisposte tra 1983 e 1993 e solo in parte onorate tra 1993 e 2006: sempre più esponenti del mondo medico la chiedono allo Stato, e i progetti in senato ci sarebbero, ma lo Stato rinvia le preoccupazioni. E i conti rischiano di saltare perché – fino a prova contraria – possono ancora intraprendere un’azione legale non solo tutti e 160 mila i medici interessati dai mancati pagamenti fra 1983 e 2006 ma anche i circa 50 mila immatricolati alle scuole di specialità a partire dal 1978. Secondo dati Fnomceo riferiti dall’Ufficio Stampa Consulcesi in una conferenza stampa a Milano, dove sono stati consegnati gli assegni di Bankitalia ad alcuni ricorrenti vincitori in Lombardia, sarebbero 97.300 i medici che hanno intrapreso azione legale tra 1983 e 2006, e ventuno le cause fin qui vinte (per un totale di 400 milioni di euro) dalla sola Consulcesi, collegio di avvocati che tutela circa 70 mila casi individuali. Su una platea di 160 mila potenziali ricorrenti ci sarebbe posto per altri 62 mila e rotti ricorrenti, né la chance di avere successo con un’azione datata 2015 sarebbe preclusa a priori. Spiega l’avvocato Sara Saurini dell’Ufficio legale Consulcesi: «Per le cause intentate prima del 2009 c’è una giurisprudenza consolidata. Chi ha intrapreso azione legale prima di quell’anno non ha problemi; sulle cause successive per alcune interpretazioni la prescrizione decorre, ma non per tutte, e non esiste una normativa ad hoc che escluda la possibilità di azioni legali». Tra l’altro la recente sentenza 17434 del 2 settembre 2015 ha reso ancora più fosco il quadro per lo Stato. «La Cassazione, attuando una prassi giuridica già utilizzata nel recepimento delle direttive Ue, ha riconosciuto che il bacino degli aventi diritto alla borsa si estende anche a chi nel 1983 aveva già iniziato il corso di specialità e ricomprende gli immatricolati ai corsi dal 1978 in poi», dice Saurini. Che puntualizza come ai ricorrenti non spettino le sole quote riferite alle annualità a partire dal 1983, anno in cui l’Italia avrebbe dovuto attuare la direttiva, «ma tutte le annualità in modo da non creare diseguaglianze in base all’anno d’immatricolazione». Il Senato ha prodotto tre disegni di legge (due a prima firma di Luigi D’Ambrosio Lettieri, Pdl, e un terzo del senatore Carlo Lucherini, Pd) che prevedono un indennizzo omnicomprensivo di 13 mila euro per annualità frequentata, non rivalutabile né passibile d’interessi. Considerata una media di 10 mila specializzandi l’anno – 60 mila in tutto da aggiungere ai 160 mila interessati dalle borse – se tutti ricorressero si arriverebbe alla stima astronomica di 8 miliardi di euro. Consulcesi ha anche accennato ai ricorsi intrapresi con i medici del Ssn per il rispetto degli orari di lavoro e dei turni di riposo, altra direttiva disattesa dall’Italia, puntualizzando che anche in questo caso l’obiettivo delle azioni legali è lo Stato e non l’azienda ospedaliera che ha applicato la normativa vigente e “irregolare”. (Mauro Miserendino fonte doctor33)

Posted in Diritti/Human rights, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

6000 borse di studio per scuole specializzazione medicina

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 ottobre 2015

Paola-Binetti“E’ con una certa soddisfazione che ho trovato nella legge di stabilità 2015 la stabilizzazione di 6000 borse di studio per le scuole di specializzazione in Medicina e chirurgia. E’ vero non sono ancora sufficienti, perché i laureati in medicina sono almeno 7.500 ogni anno. Ma è il doppio di quanto veniva stanziato solo 2-3 anni fa”.Lo afferma in una nota Paola Binetti, deputato di Area popolare (Ncd- Udc).
“Un bel salto di qualità di cui i futuri specializzandi debbono ringraziare il Ministro Giannini, che ha mantenuto quanto aveva promesso in questo campo. Da quando sono in Parlamento tutti gli anni faccio la stessa battaglia a favore dei giovani medici- spiega Binetti- ricordando con tutti i mezzi a disposizione: interrogazioni, interpellanze, emendamenti, che la facoltà di medicina andrebbe considerata come una facoltà a ciclo unico della durata minima di 10 anni, perché la specializzazione è parte integrante della formazione del giovane medico. Senza specializzazione non c’è spazio per un lavoro professionale stabile e dignitoso. Il numero di borse messe a disposizione dei giovani laureati deve coincidere con il numero di posti messi a bando al momento della iscrizione, sei anni prima, perché si tratta di un processo di formazione unico ed unitario. E’ indispensabile avere una specializzazione per poter esercitare in una struttura pubblica o accreditata la propria professione di medico. Più volte interpellata il ministro Giannini ha sempre dato rassicurazioni in tal senso, ma quello di oggi è un fatto concreto che va oltre le generiche rassicurazioni. Per questo la stiamo sollecitando da tempo ad abolire il tirocinio di sei mesi che separa laurea ed abilitazione, essendo quest’ultima conditio sine qua non per accedere al concorso nazionale per le scuole di specializzazione. Meglio saldare la fase formativa di base: i sei anni del corso di laurea, alla fase specialistica successiva, 4-5 anni, senza interruzioni di sorta. In un ciclo che dura almeno 10 anni di formazione, occorre evitare ritardi e dispersione”, conclude la parlamentare.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Borse di studio per giornalisti

Posted by fidest press agency su domenica, 27 settembre 2015

UGIS-Unione giornalisti italiani scientifici indice il bando per tre borse di studio “Paola de Paoli” del valore di 8 mila euro ciascuna al fine di promuovere e incoraggiare la formazione e la crescita professionale dei giovani nel campo del giornalismo scientifico. La prima borsa viene assegnata nel 2015; le altre due nel 2016 nell’ambito del programma per il Cinquantenario dell’UGIS. “In una situazione di crisi dell’editoria”, commenta Alberto Pieri, vicepresidente vicario UGIS e segretario generale Fast, “è encomiabile il gesto della presidente onoraria di UGIS di pensare ai giovani e al loro futuro”.Il bando si rivolge a quanti hanno meno di 35 anni il 31 ottobre dell’anno di assegnazione dei riconoscimenti (2015 o 2016), che abbiano frequentato o stiano seguendo corsi delle scuole di formazione riconosciute dall’Ordine nazionale dei giornalisti; in alternativa, a giornalisti che abbiano o stiano comunicando la scienza e le sue applicazioni.Le domande vanno inviata in forma elettronica via e-mail a ugis@ugis.it e in formato cartaceo via posta (fa fede il timbro postale) o consegnate a mano a: Segreteria tecnica UGIS, Bando borse di studio Paola de Paoli, p.le R. Morandi, 2 – 20121 Milano, specificando: cognome e nome del candidato; data e luogo di nascita; indirizzo per la corrispondenza; telefono cellulare; email; curriculum vitae sia formativo che professionale; lista pubblicazioni, ovvero fino a 10 scritti o articoli più significativi; eventuale tesi a conclusione del percorso formativo; prodotti online o altro. Occorre allegare documento di identità e codice fiscale.Le candidature per la prima borsa vanno presentate entro il 31 ottobre 2015, per le successive due entro il 30 settembre 2016. Il risultato delle valutazioni viene comunicato ai partecipanti entro il 30 novembre. L’assegnazione delle borse è prevista a inizio dicembre dell’anno di riferimento in occasione dell’Assemblea annuale UGIS.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Borse di studio Sogeea

Posted by fidest press agency su sabato, 1 agosto 2015

universita-la-sapienza-romaRoma Tre borse di studio verranno assegnate da Sogeea SpA per frequentare il corso di alta specializzazione su Due diligence e regolarizzazione dei patrimoni immobiliari che l’azienda ha varato in collaborazione con il Centro interdipartimentale dell’università La Sapienza di Roma, C.I.T.E.R.A.. Una borsa di studio darà diritto all’integrale gratuità del corso, mentre con le altre due si potrà beneficiare di un abbattimento del 50% dei costi. La partecipazione è aperta a neolaureati; dirigenti e tecnici di enti pubblici, istituti bancari, società di servizi immobiliari e imprese di costruzioni; architetti, ingegneri, geometri e liberi professionisti che operano nell’ambito del real estate. Per avanzare la propria candidatura alle borse di studio, va inviata una mail all’indirizzo info@drpi.it allegando il proprio curriculum vitae sottoscritto e con l’autorizzazione al trattamento dei dati. L’assegnazione avverrà in base a una graduatoria stilata in considerazione dei seguenti criteri: titolo di studio e votazione, conoscenza delle lingue straniere, esperienze professionali, situazione economico-finanziaria. Il corso, in programma dal novembre 2015 al giugno 2016, prevede 200 ore di lezioni da tenersi il venerdì dalle ore 15 alle 20 e il sabato dalle ore 9 alle 14 presso il centro convegni di Sogeea SpA in via Sabotino 45, a Roma. Obiettivo primario la formazione del professionista sul processo di analisi del patrimonio e la regolarizzazione urbanistica e catastale affrontando tutti gli aspetti pratici che riguardano Catasto, Comuni, Regioni, Sovrintendenze ed Enti Parco.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Borse di studio salve: la Camera elimina tassa sulla specializzazione

Posted by fidest press agency su martedì, 17 aprile 2012

Salta la tassazione sulle borse di studio: in commissione Finanze della Camera è stato approvato all’unanimità un emendamento che ha corretto la norma del Decreto semplificazioni fiscali passata in Senato sull’equiparazione delle borse di studio superiori agli 11.500 euro annui ai redditi da lavoro dipendente, con conseguente imposizione Irpef e un aggravio di circa 200-300 euro mensili sulla busta paga dei medici in specializzazioni. Esprime soddisfazione il Segretariato dei giovani medici, che, insieme a Federspecializzandi, aveva indetto due giornate di astensione da tutte le attività di assistenziali e di ricerca e che sarebbero culminate oggi con un Sit-in al Parlamento. La norma d’altra parte avrebbe danneggiato non poco i giovani «già oggetto di politiche non sempre virtuose in tema di valorizzazione del merito e di visione di sistema». Con il rischio, per altro, di un incremento di chi trova più «vantaggioso esercitare la professione all’estero e ancor prima completare o cominciare la formazione fuori dai confini Italiani». Già ieri, comunque, da parte del ministro della Salute, Renato Balduzzi, che aveva incontrato gli specializzandi a Torino, c’era stato un segnale di apertura, con la promessa di un incontro e l’avvio al più presto di un tavolo. Sulla vicenda è intervenuto anche Amedeo Bianco, presindente Fnomceo: «Si tratta di una correzione di un palese errore di valutazione. Ora ci auguriamo che si possa avvire una riflessione responsabile e matura sul nostro sistema di formazione specialistica, che deve saper produrre competenze di alto profilo tecnico-professionale, a vantaggio di tutti i cittadini, e di garantire serenità e prospettive di lavoro ai nostri giovani, che impegnano una parte rilevante della loro vita in questo cammino lungo e difficile».(fonte doctor news33)

Posted in Spazio aperto/open space, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Borse di studio dedicate esclusivamente alle donne

Posted by fidest press agency su martedì, 10 gennaio 2012

DSCN1924

Image by bpsusf via Flickr

La Cass Business School, parte della City University di Londra, aumenta il numero delle borse di studio per il programma Full Time MBA dedicate esclusivamente alle donne. L’obiettivo della Business School londinese è quello di implementare il suo programma di borse per le donne denominato “Women in business” offrendo quattro borse nel 2012, una in più rispetto all’anno accademico in corso, che ne prevede tre. Ciò significa che il numero di borse di studio “rosa” per il Full Time MBA è quadruplicato dal 2010, quando una sola borsa era disponibile. Tale aumento ha luogo in un momento in cui il numero delle donne che frequentano il programma Full Time MBA è balzato dal 38 % nel 2010 al 45% nel 2011. La Dottoressa Sionade Robinson, direttrice del Full Time MBA, sostiene che questa iniziativa è importante per poter attirare un numero maggiore di candidate e per contribuire a colmare il divario di genere nelle alte sfere delle carriere manageriali. “Le Business Schools hanno un ruolo fondamentale da svolgere, devono contribuire ad aiutare le donne a raggiungere alte posizioni di leadership. Per molte donne, un MBA rappresenta una scalata verso l’apice della propria carriera. L’ultima Association of MBAs’ global 2010 Careers Survey mostra infatti che l’MBA continua ad avere un impatto significativo sui salari e sulla progressione della carriera, in particolare molti anni dopo la laurea.”
“Aumentando il numero di borse di studio per le donne, ci proponiamo di aiutare le candidate di sesso femminile, ambiziose e con un’importante esperienza professionale alle spalle, ad accelerare la loro carriera, permettendo così una più grande rappresentanza globale del genere femminile nelle alte sfere della City ” Le borse del programma “Women in Business” sono destinate a donne altamente competenti che dimostrano di possedere il potenziale per eccellere nella formazione MBA e nella loro futura carriera. Ogni borsa di studio vale 17.250 £ (all’incirca 21.000 €). L’aumento del numero delle borse di studio va di pari passo alla crescita record del numero di donne iscritte al Full Time MBA della Cass Business School. La direttrice dei Programmi MBA, Erica Hensens, spiega così l’aumento di iscrizioni femminili: “Abbiamo preso una serie di misure di reclutamento e di marketing per sfatare il mito dei programmi MBA a dominanza maschile. Ciò include l’organizzazione di una serie di eventi mirati, come i seminari MBA “Women as Leaders” che esaminano le dinamiche di leadership da una prospettiva femminile. “Abbiamo anche cercato di rendere il corso più interessante e accessibile alle donne, aumentando la percentuale di docenti di sesso femminile nel nostro corpo docente MBA, favorendo un clima di collaborazione piuttosto che di competitività spinta ed eccessiva, in modo che le donne possano sentirsi maggiormente a proprio agio.” Anche l’ubicazione e l’architettura contemporanea della scuola influiscono, secondo Hensens. “Cass è un luogo dinamico – lo si percepisce non appena si entra – ed è anche per questo che attiriamo donne dinamiche e ambiziose. Alla Cass non si avverte quella sensazione di chiuso universitario – è un ambiente dinamico, luminoso ed accogliente.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Donazione borse di studio a medicina

Posted by fidest press agency su martedì, 25 Maggio 2010

Parma. Presso la Sala del Senato del Palazzo Centrale dell’Ateneo, si è tenuta la conferenza stampa per la donazione di borse di studio alla Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Parma in memoria dell’imprenditore Quinto Degano, di cui ricorre il 25 maggio il secondo anniversario della scomparsa. Alla conferenza stampa sono intervenuti il Pro Rettore dell’Ateneo per la Ricerca Alessandro Mangia, il Preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia Loris Borghi, don Luigi Valentini, della Comunità Betania di Marore, Sergio Tagliavini, medico e amico di famiglia, Pietro Vitali, in rappresentanza della direzione dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma, e Carlo Quinto Degano, in rappresentanza della famiglia.  Si tratta di borse di studio dell’importo di 12.000 euro l’anno destinate a sostenere la ricerca medica, e in modo particolare gli studi nel campo delle patologie cardio-vascolari, erogate da FORA S.p.A., società specializzata nella distribuzione di articoli sanitari e medicali. Alla conferenza stampa era infatti presente anche Giancarlo Viaroli, socio di FORA, che ha condiviso con la famiglia la donazione di borse di studio in ricordo del fondatore della società.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuove regole anticrisi

Posted by fidest press agency su martedì, 1 dicembre 2009

Inizia a Ginevra la Settima ministeriale dell’Organizzazione mondiale del commercio.  Arci, l’organizzazione equosolidale Fair e Legambiente lanciano, in quest’occasione,  un appello in cui  chiedono di “dare un taglio” alle liberalizzazioni, ma anche alle emissioni climalteranti, visto che a ridosso dei negoziati della Wto si aprirà a Copenhagen l’altra grande partita sul futuro del pianeta legata ai cambiamenti climatici.  Questo è un vertice diverso dai precedenti, perché arriva in piena crisi economica, finanziaria, sociale ed ambientale. Eppure, mentre nelle riunioni di G8 e G20 i leaders globali fanno a gara per mettere faccia e firme sotto proposte di ri-regolazione di borse e mercati finanziari, ai negoziati Wto non si presentano. Affidano alle discrete mani dei loro ministri al commercio, nella defilata cornice di Ginevra, la missione  di chiudere un nuovo pacchetto di liberalizzazioni che, lungi dal ristabilire un riequilibrio Nord-Sud, come denunciano anche i leaders dei Paesi in via di sviluppo, rischia di rafforzare il predominio di pochi interessi forti, a Nord come a Sud, a spese dei diritti di tutti gli altri.  L’ultima crisi economico finanziaria ha dimostrato l’insostenibilità di un sistema dove la finanza ed i capitali si sganciano dall’economia reale, dove persino il cibo diventa oggetto di speculazione finanziaria condannando alla fame oltre un miliardo di persone.  Secondo le tre organizzazioni per questi motivi è arrivato il momento di “dare un taglio” alle vecchie e fallimentari politiche a Ginevra come a Copenhagen, ed è questo il messaggio che ribadiranno fino alla chiusura della Ministeriale con un’azione di mail bombing sui negoziatori italiani attivabile dal sito http://www.faircoop.net/faircoop

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

I fili della memoria mediterranea

Posted by fidest press agency su martedì, 25 agosto 2009

Molto si è parlato in questi ultimi anni di quella Europa i cui confini meridionali si affacciano sul Meridionale ed intravedono la faccia del dirimpettaio e sovente non ne avverte la sofferenza o ne è conseguente stendendovi un ponte di solidarietà più vicino ad un legame fraterno che a un’operazione di natura formale e quasi dovuta per opportunità di varia natura, compresa quella di scongiurare una migrazione selvaggia da quelle terre. Ancora una volta dobbiamo ammettere i nostri limiti di comprensione per eventi di questo genere. Eppure non siamo lontani nel tempo allorché l’Università di Firenze, ai tempi dei Colloqui mediterranei di La Pira, era ricca di migliaia di studenti provenienti dai Paesi mediterranei e che attualmente ne ospita meno di un centinaio di unità e ancora, che il Murst e La Farnesina su questo punto sono in piena ritirata. Perché abbiamo abbandonato una strada così promettente? Le università possono molto su questa strada e la Comunità europea dovrebbe farsi carico di una più intensa circolazione di studenti provenienti dai paesi del terzo mondo favorendoli con borse di studio e con una attenta logistica con alloggi e quanto altro. Ma essere, come La Pira portatori di una cultura di confronto e non di scontro, di solidarietà ma anche di comprensione per i problemi che lo studente straniero porta con sé e con una idea di società occidentale più portata a predicare bene e a razzolare male. Più volte siamo stati definiti dei predicatori ipocriti. E dobbiamo adontarcene? Non di certo perché stiamo qui a dimostrare che molte volte i nostri comportamenti lo dimostrano in tutta la loro evidenza e soprattutto mostriamo un’arroganza culturale che ci fa pretendere di parlare in nome e per conto dei popoli meno fortunati con la pretesa di voler capire i loro problemi ma poco o nulla facciamo per risolverli.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »