Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Posts Tagged ‘boschi’

Disastro Forestale, Usb: noi l’avevamo detto

Posted by fidest press agency su martedì, 26 giugno 2018

La soppressione del Corpo Forestale risulta a oggi un delitto di Stato, che alle porte della seconda estate calda senza unità, mezzi scadenti e senza la professionalità dei forestali, arrestati dall’Arma dei carabinieri e finiti tra le grinfie della riforma Madia, ci preoccupa oltremodo.Sperare che il governo si ravveda ponendo rimedio al più presto perché la salvaguardia del paese è un dovere di tutti traspare dalle parole del presidente della commissione Affari costituzionali Maurizio Cattoi. Nel frattempo qualcuno dovrebbe scrivere nell’agenda del ministro Salvini, oggi in Libia, che i vigili del fuoco avrebbero bisogno di un ministro dell’Interno con il quale interlocuire.
La riforma del Corpo forestale dello Stato e il suo accorpamento nell’Arma dei Carabinieri è la cronaca di un fallimento annunciato. Noi siamo stati facili profeti: era chiaro a tutti che la scelta del governo Renzi non aveva nulla a che fare con la salvaguardia del territorio. L’enorme superficie boschiva incendiata nel 2017, le incombenze legate alla gestione della fauna e della biodiversità, oltre che del patrimonio forestale, indicano che è necessario restituire dignità e autonomia a un corpo specializzato che nei decenni ha rappresentato un fondamentale presidio di tutela dell’ambiente e dell’incolumità delle persone, garantendo la presenza e la prossimità necessarie a una corretta gestione del territorio.In contemporanea con la scellerata operazione di cannibalizzazione della Forestale, il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco non è stato messo in condizioni reali di poter agire sul fronte incendi boschivi. Per ora il meteo ci sta aiutando ma non si può sempre sperare che tutto vada per il verso giusto. Prevenire vuol dire prepararsi, non affidarsi al caso. (Fonte: Coordinamento nazionale Vigili del Fuoco USB)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La Boschi e i conflitti d’interesse

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 dicembre 2017

camera deputati“Lo ripeto, l’avevo detto già altre volte: io e il mio partito abbiamo votato contro la sfiducia individuale al ministro Boschi in Parlamento. Però, non prendiamoci in giro. Noi abbiamo acquisito, dai lavori della Commissione, che tra gennaio e marzo, forse anche aprile, 2014 Banca Etruria è soggetta a ispezioni della Banca d’Italia, ispezioni che evidenziano notevoli criticità. Abbiamo appurato un attivismo, in questi stessi mesi, non solo della Boschi, ma anche del presidente Renzi, con Vegas, Visco e Panetta. E poi, a fine 2014, ancora attivismo della Boschi su Ghizzoni, mentre si sta preparando il decreto sulle popolari.Tutto questo sta a significare un crogiolo di conflitti di interessi. Siamo certamente di fronte ad una situazione molto confusa e molto opaca”. Lo ha detto Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, intervenendo in Commissione parlamentare di inchiesta sul sistema bancario e finanziario, durante l’audizione di Federico Ghizzoni, ex amministratore delegato di Unicredit.
A sua volta l’on.le Fabio Rampelli dichiara: “Le affermazioni eclatanti dell’ad di Unicredit Ghizzoni smascherano la bassezza del livello morale ed etico di Renzi, Boschi e di tutto il Pd che sapeva e non ha fatto nulla per arrestare questa deriva affaristica. Avevamo intuito la putrescenza del materiale umano, ma le continue interferenze della Boschi ci lasciano di sasso. La sua delega al governo, all’epoca dei fatti, era sulle riforme costituzionali e i rapporti con il Patlamento, niente giustifica la sua onnipresenza nelle relazioni con il sistema bancario se non la tutela degli interessi di famiglia in Banca Etruria. Dopo averla spolpata, la famiglia Boschi utilizzava il ministro Maria Elena per mendicare un salvataggio vantaggioso, fino a usare il noto faccendiere amico e benefattore di Matteo Renzi Carrai che nella sua email a Ghizzoni sollecita una risposta all’incontro tra lui e la Boschi, nel rispetto dei ruoli. Già, ma lui non ne aveva e, quindi, sollecitava a nome della Boschi. Una vicenda squallida che sconvolge le istituzioni. Gente che ha giurato fedeltà alla Costituzione e che andrebbe ora messa sotto accusa per alto tradimento. Se esistesse la possibilità di farlo saremmo i primi”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Caso Boschi-Vegas

Posted by fidest press agency su venerdì, 15 dicembre 2017

renato-brunettameloni“Premesso che Forza Italia ha votato contro la sfiducia individuale all’allora ministro Boschi, in tutta questa vicenda mi viene da dire: che non ci sia stata una mancanza di trasparenza? Non voglio usare parole grosse – ha mentito al Parlamento, conflitto di interessi –, ma che non ci sia stata una mancanza di trasparenza?”.Lo ha detto Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, intervenendo in Commissione parlamentare di inchiesta sul sistema bancario e finanziario, durante l’audizione di Giuseppe Vegas, presidente Consob.“La Boschi era perfettamente informata sui matrimoni bancari pur non avendo competenza. Banca Etruria riguardava il suo collegio elettorale? Va bene, però se uno decide di fare il ministro della Repubblica dovrebbe avere un minimo di contenimento, diciamo così. Se poi c’è un padre di mezzo, e una vicepresidenza del padre di mezzo, questo contenimento dovrebbe mantenerlo ancora di più”.“Dopo questa audizione la mia personale valutazione è che, sia in merito al decreto sulle banche popolari – con la vicenda De Benedetti e i suoi 5-6 milioni di euro investiti poco prima del decreto proprio sulle dieci banche coinvolte dal decreto stesso – sia sul caso Boschi-Vegas, ci sia stata improntitudine da parte di chi era al governo, Renzi compreso, e una grave mancanza di trasparenza, forse dovute anche ad una mancanza di esperienza”.
Per l’on.le Giorgia Meloni non ci sono dubbi. scrive, infatti, su Facebook: “Il sottosegretario Maria Elena Boschi ha mentito al Parlamento e agli italiani dichiarando più volte di non essersi mai interessata a Banca Etruria. Menzogna svelata dal presidente della Consob in Commissione banche. D’altronde è il segreto di pulcinella che il PD e i banchieri sono un tutt’uno indissolubile. Pretendiamo le dimissioni della Boschi, e anche il resto del governo, asservito alle banche, dovrebbe dimettersi. Purtroppo non lo faranno, ma tra pochi mesi ci penseranno gli italiani”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Campidoglio: ordinanza per prevenire gli incendi boschivi nel periodo estivo

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 maggio 2017

vigilidelfuoco14Roma. In vista del periodo estivo la sindaca di Roma Virginia Raggi ha disposto il divieto nel territorio comunale di tutte le azioni che anche solo potenzialmente possono provocare incendi boschivi. L’ordinanza sarà in vigore dal prossimo 15 giugno e fino al 30 settembre.Nel provvedimento sono previsti una serie di divieti tra i quali: compiere azioni che possono arrecare pericolo anche immediato di incendio nelle zone boscate e cespugliate ed in tutti i terreni condotti a coltura agraria; accendere fuochi per bruciare sterpaglie e residui di vegetazione provenienti da pascoli, prati, colture arboree e terreni abbandonati; usare apparecchi a fiamma o elettrici per bruciare metalli, motori e fornelli o inceneritori che producano braci; compiere altre operazioni che possono creare pericolo di incendio.L’utilizzo di fuochi d’artificio autorizzati è permesso a distanze non inferiori a 1 Km dalle aree boscate o cespugliate, mentre nelle aree adiacenti autostrade, ferrovie e grandi vie di comunicazione non possono essere accesi fuochi entro una fascia di 100 metri. Previste anche alcune prescrizioni per enti e privati possessori di boschi, terreni agrari, prati, pascoli ed incolti, che devono effettuare operazioni di pulizia o realizzare apposite fasce parafuoco per prevenire l’insorgere ed il propagarsi di incendi.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Referendum governo Renzi Boschi

Posted by fidest press agency su sabato, 8 ottobre 2016

maria elena boschiIl ministro per le Riforme e per i Rapporti con il Parlamento, Maria Elena Boschi, tornata dal suo tour (spesato dai contribuenti italiani) in Sud America tiene ad informarci che il suo primo dovere è quello di informare i cittadini”. Lo scrive su Facebook Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati.“Certamente, gentile ministra. Ma informare non in maniera faziosa e distorta, come invece state facendo da mesi e mesi. Il governo, se fosse degno di questo nome, dovrebbe essere super partes proprio per il rispetto che si deve ai cittadini. Il governo è il governo di tutti gli italiani, non solo di chi l’ha votato (non è il caso di questo esecutivo) o di chi si riconosce in una determinata parte politica che pro tempore occupa le stanze di Palazzo Chigi. Ma Matteo Renzi e Maria Elena Boschi fingono di non saperlo, e vanno avanti per la loro strada. Ancora per poche settimane, poi prenderanno la via che li riporterà a Firenze…”, conclude.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Polemiche sessiste su Boschi e Renzi

Posted by fidest press agency su domenica, 14 agosto 2016

maria elena boschirenzi“E’ esplosa in questi giorni la polemica sulla satira sessista, anche perché ha come oggetto privilegiato una delle ministre più influenti del Governo, intestataria della legge sulla riforma costituzionale e quindi leader naturale del prossimo Referendum, in cui lei rappresenta il sì per antonomasia. Bisogna riconoscere che la Boschi in questa legislatura ha colpito tutti, sostenitori ed avversari, fin dall’inizio, per la naturalezza e la competenza con cui si è mossa, nonostante la giovane età: perché è oggettivamente molto giovane nel ruolo che ricopre e l’inesperienza, tenuto conto che è alla sua prima esperienza parlamentare. La satira di questi giorni avrebbe potuto avere il semplice sapore di un complimento che si deve ad una donna giovane e bella, che comunque suscita una qualche invidia tra colleghe e colleghi, tra maggiorana di governo e opposizione sempre più agguerrita. Nessuno nega l’eleganza con cui ha affrontato questioni tutt’altro che facili e dinamiche relazionali più che complicate, quasi da missione impossibile, ma oggi nella prossimità del referendum bisogna attendersi che gli animi si surriscaldino e che tutti possano scivolare in una qualche gaffe, più o meno istituzionale”. Lo afferma l’onorevole Paola Binetti di Area popolare.
“Anche oggi c’è una vignetta che potrebbe essere interpretata in modo più o meno malevolo, o che più semplicemente potrebbe far sorridere i più. Tutti infatti sono convinti che una parte delle fortune del premier, almeno nei suoi rapporti con il Parlamento, sia dovuta al sodalizio strettissimo con la ministra Boschi, che per l’appunto è ministra dei rapporti con il parlamento. La vignetta non richiede né spiegazioni né apparati interpretativi complessi, mette insieme due persone che condividono il peso di una legislatura che sta andando sempre più in salita e che si sostengono reciprocamente. Nessuna malizia – prosegue Binetti – ma una battuta che rievoca quella di pochi giorni fa e accentua il senso della polemica nella satira politica. In realtà tra un Paese ancora in deflazione, come riportano le prime pagine dei quotidiani più attenti alla realtà economica e meno concentrati sul gossip, e i segnali d’allarme sempre più forti, su di una eventuale vincita del No al referendum, meriterebbero una riflessione più profonda e più concreta da parte del governo ora che le vacanze volgono al termine. Gli sforzi combinati del duo Renzi-Boschi dovrebbe dare al parlamento risposte assai più oggettive, realiste alla situazione economica del paese che appare tutt’altro che risolta, perché anche questo nfluirà moltissimo sull’esito del referendum. E a chi chiede che c’entri la riforma costituzionale con l’indice di deflazione diremo con tutta semplicità che agli italiani il secondo interessa più del primo perché è esattamente quello che percepiscono giorno per giorno. Quello con cui le famiglie dovranno fare i conti alla prossima riapertura delle scuole e si troveranno nell’impossibilità di affrontare i costi che comporta. Dovranno misurarsi con la frustrazione dei figli che non potranno soddisfare i loro desideri; con l’irritazione dei docenti che non avranno allievi con tutti i libri necessari fin dal primo giorno; con le bollette da pagare e con i redditi sempre più esigui. Il referendum – conclude Binetti – si vince o si perde anche su questo fronte di pura e semplice economia domestica, che non ha nulla di sessista, ma che rimanda alle preoccupazioni della famiglia media italiana”.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Missione Boldrini-Boschi in Usa

Posted by fidest press agency su domenica, 31 luglio 2016

Boldrini lauramaria elena boschiIl presidente dei deputati di Forza Italia, Renato Brunetta, ha presentato un’interrogazione al presidente del Consiglio, Matteo Renzi, e ministro degli Affari esteri, Paolo Gentiloni, in merito alla partecipazione di Laura Boldrini e Maria Elena Boschi alla convention democratica in Usa.“E’ noto – scrive Brunetta – che nella settimana corrente una folta delegazione istituzionale del nostro Paese sia in visita negli Stati Uniti per partecipare alla convention dei Democratici a Philadelphia, in cui sarà ufficializzata la nomination di Hillary Clinton come candidata alla Casa Bianca. Della delegazione fanno sicuramente parte la presidente della Camera dei deputati, Laura Boldrini, e il ministro per le Riforme e i Rapporti con il Parlamento, Maria Elena Boschi”.
“E’ meno nota – sottolinea il capogruppo azzurro – la dinamica degli inviti, e il sostegno del governo alla suddetta missione, nonché, più in generale, il rapporto delle nostre Istituzioni con le elezioni presidenziali americane, dato che la scorsa settimana a Cleveland, sede della convention dei Repubblicani che ha ufficializzato la candidatura di Donald Trump, la presenza dell’Italia era limitata al solo Armando Varricchio, ambasciatore del nostro Paese negli Stati Uniti”.
Brunetta chiede di sapere “sulla base di quali inviti, quali criteri e quali motivazioni sia stata composta la delegazione istituzionale presente all’interno della convention dei Democratici a Philadelphia, e se e come il governo italiano abbia sostenuto tale missione, anche in riferimento ai costi”.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Giornalisti e certificazione forestale

Posted by fidest press agency su domenica, 30 ottobre 2011

il primo sentiero in salita

Image by micheleluconi via Flickr

Un tour alla scoperta dei vantaggi della certificazione forestale. Un giro di tre giorni tra le eccellenze delle aziende friulane impegnate nella filiera del legno. Protagonista, un gruppo di 20 giornalisti italiani di quotidiani, mensili e tv. L’idea è venuta al Pefc Italia, l’ente di gestione dello schema di certificazione delle foreste gestite in modo sostenibile più diffuso al mondo. I boschi del Fvg partecipano, con le altre regioni del Nord Est al 97% del legname di conifera prodotto in Italia. Il Fvg, con 80.800 ettari di boschi certificati è la terza regione d’Italia per superficie gestita secondo i criteri della sostenibilità. «Molto spesso – ha spiegato Cristina D’Orlando, vicepresidente del Pefc Italia e funzionaria dell’Ufficio Foreste della Regione Fvg – i giornalisti non conoscono le eccellenze della filiera bosco-legno che pure sono assai frequenti nel nostro territorio. Non conoscendo bene queste realtà – prosegue D’Orlando – non possono far capire adeguatamente all’opinione pubblica i vantaggi economici, sociali e ambientali degli investimenti nella certificazione forestale. Una Regione di 1,2 milioni di abitanti è oggi ai vertici delle produzioni in legno in tutto il mondo. Con questo press tour, giunto alla seconda edizione, vogliamo aumentare la consapevolezza di chi avrà il compito professionale di informare i cittadini. È la prima fase di un circolo virtuoso che può rappresentare un volano per l’economia regionale e per la costruzione di un modello di progresso a ridotto impatto ambientale, rispettoso delle molte risorse naturali offerte dalla nostra regione».Assai ricco il programma dei tre giorni di tour, organizzato grazie alla collaborazione della Regione Fvg e di Legno Servizi-Ar Pefc Fvg. Dalla pianura alle Alpi, sono state presentate molte realtà aziendali del settore: dalla Foresta certificata di Pramosio, di proprietà regionale, ai boschi dell’Ammistrazione Beni Frazionali di Pesariis, una delle realtà più interessanti per quanto riguarda la gestione dei beni collettivi con diritto di uso civico; al Consorzio dei Boschi Carnici, gestore di una vasta proprietà boschiva distribuita tra 18 Comuni della Carnia, alla Segheria Fratelli De Infanti, che dal 1948, a Paluzza, ha sviluppato la propria attività integrandola con la produzione di travi lamellari. E ancora: la Casa Sadilegno di Prato Carnico, realizzata interamente da legno delle foreste locali, primo esempio in Italia di applicazione delle linee guida per la “certificazione di progetto” secondo lo schema Pefc; Legnolandia di Forni di Sopra, produttrice di arredi urbani e da giardino secondo i più rigorosi principi dell’ecosostenibilità; il birrificio artigianale Foglie d’Erba (a Forni di Sopra), che aromatizza la birra con resine e pini mughi certificati; il tartufo bianco di Muzzana del Turgnano, primo tartufo al mondo a ottenere la certificazione di tracciabilità dai boschi certificati Pefc. Fino ad arrivare alla scoperta della Stratex (Palazzolo dello Stella), un’azienda leader nella produzione di strutture e archittetture in legno lamellare la quale, tra l’altro, ha realizzato le avveniristiche coperture del Teatro Petruzzelli di Bari e del San Carlo di Napoli.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Camminata tra i boschi di Fornio”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 29 giugno 2011

Fidenza (PR). 2 luglio 2011 Marcia non competitiva “Camminata tra i boschi di Fornio” La prima parte del percorso è comune per entrambe le possibilità 6 e 12 Km. Lungo la strada asfaltata dirigersi verso la chiesa di San Lorenzo martire, oltrepassare la chiesa e continuare in direzione del cimitero. In questo punto si abbandona il centro abitato, si apre la visuale e le colline di Fornio si mostrano in tutto il loro splendore. Si sale su una collina lungo la strada che porta al cimitero di Fornio nel quale giace il pittore fidentino Oreste Emanuelli. Passato il cimitero si prosegue diritto, la strada diventa sterrata e costeggia i boschi di Fornio, dopo qualche metro si svolta a destra e si prosegue diritto. Proseguendo sulla stradina ad un certo punto si attraversa un piccolo boschetto dopo il quale si affronta una breve discesa alla fine della quale la strada cambia di nuovo e diventa ghiaiata e polverosa. Passando su un piccolo ponticello si attraversa il rio di Fornio e a sinistra si può ammirare un laghetto nascosto dagli alberi utilizzato per l’irrigazione nel quale spesso trovano ristoro uccelli di varie specie. Dopo una breve salita ci si ritrova sulla strada comunale, si svolta a sinistra e si prosegue sulla strada asfaltata in direzione della via Emilia. Dopo circa un chilometro si svolta a sinistra su un’altra strada ghiaiata e si prosegue diritto fino alla fine della strada. Percorrendo questa stradina, si trova un maneggio e vari campi coltivati, volgendo lo sguardo a sinistra si può vedere la via Emilia con il suo costante traffico e nelle giornate più limpide si possono scorgere le punte delle alpi giù in fondo. Nel punto in cui la strada ritorna ad essere asfaltata, dopo circa 3 km dalla partenza, si trova in primo punto di ristoro nei pressi dell’Agriturismo Viantiqua. Alla fine di questa strada si svolta a destra e poi di nuovo a destra sull’altra strada comunale che porta in paese. Si deve percorrere la strada in direzione Fornio per 700/800 metri fino ad arrivare alla strada con il cartello “Ranch Californio”. Si svolta a sinistra imboccando un’altra strada ghiaiata. Di fronte è molto evidente una grande azienda agricola nella quale finisce la strada, poco prima svoltiamo a destra e proseguiamo lungo questa strada fino all’incrocio successivo. Qui i 2 percorsi si dividono, per il percorso di 6km si svolta a destra, si prosegue fino in fondo alla strada ghiaiata e si svolta a sinistra sulla strada del paese e si prosegue dritto fino a ritornare alla sede del Circolo Folkloristico Sportivo Fornio, per il percorso di 12 km si prosegue dritto.

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | 3 Comments »

Lungo la strada del tartufo

Posted by fidest press agency su sabato, 23 maggio 2009

E’ stato creato un nuovo itinerario, di 40 chilometri, nella provincia di Rieti, a contatto con i sapori, i profumi e le storie di una terra circondata dai boschi  Una “strada” lunga circa 40 chilometri che comprende diversi comuni (Belmonte in Sabina, Rocca Sinibalda, Longone Sabino, Colle di Tora, Castel di Tora, Ascrea (e la sua frazione Stipes), Paganico Sabino, Collalto Sabino, Nespolo, Collegiove e Turania e altri sono in fase di adesione), in una zona tutta da scoprire, in cui sono ancora possibili sorprese per chi cerca l’autenticità. Nell’atmosfera che si respira, tra i volti della gente un po’ schiva, nella disarmante semplicità dell’accoglienza, nei sapori come nei paesaggi.   Bastano poche ore per apprezzare tutto di questa terra: i colori cangianti della vegetazione (ci sono molti boschi – con cerri, aceri, salice, pioppo bianco – e sentieri dove poter fare lunghe passeggiate), le vette solitarie (i monti Cervia e Navegna che costituiscono l’omonima riserva regionale, di 3600 ettari e oltre 900 specie vegetali), le fresche valli, le dolci colline solcate da alberi secolari.   Ovviamente il clou di tutto l’itinerario è rappresentato “dal felice incontro” con il tartufo e dalla castagna, questi due frutti della terra che arricchiscono il territorio. La Valle del Turano, infatti, può vantare la presenza di tutte le specie più pregiate della famiglia “Melanosporum”, ovvero il Bianco e il Nero pregiato, ma anche lo Scorzone e l’Uncinato che si nascondono in abbondanza sotto le sue terre. Oltre a crescere in maniera spontanea, questo fungo ipogeo, prezioso quanto un diamante, viene anche coltivato nelle tartufaie mediante piantumazione d’essenze boschive specifiche e semina delle spore tra le radici delle piante. E non solo. Lungo tragitto, a poco più di 3 km dal paese di Collegiove, lo sguardo incrocia vari appezzamenti di castagneti di grandi dimensioni, alcuni di quasi 300 anni, unici per la loro forma straordinaria, possenti e contorti dal tempo che passa, i cui rami s’intrecciano a creare onde e nodi dalla bellezza inusuale. Diverse le varietà, da quella Marrone di Antrodoco alla Rossa del Cicolano, la più diffusa lungo la strada che si caratterizza per il sapore delicato e dolce, con non più di tre frutti per riccio e di forma tondeggiante.   L’occasione per andare nella Valle del Turano, è dunque ghiotta. Il tartufo e le castagne aprono le porte ad un piccolo universo di sapori ed emozioni.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »