Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Posts Tagged ‘breast cancer’

Susan G. Komen® Launches New Podcast for Those Touched by Breast Cancer

Posted by fidest press agency su venerdì, 24 maggio 2019

Susan G. Komen®, the world’s leading breast cancer organization, announced the launch of a new podcast, Real PinkTM, debuting on Apple Podcasts, Google Play, Spotify, Stitcher and all other podcast platforms this month. The Real Pink podcast is a weekly series that brings people together for meaningful and honest conversations about breast cancer – tackling tough, emotional or life-changing issues and topics.Each week, host Adam Walker will interview people who have been impacted by breast cancer, or those on the front lines in the fight against the disease, including celebrities, survivors, people living with the disease, physicians, researchers and advocates to offer their personal perspectives and first-hand information and guidance. Through Real Pink, Susan G. Komen will strive to help those affected by breast cancer – including patients and the people in their lives who love them – by providing the information needed to make informed decisions.In Real Pink’s debut episode, Walker and Samantha Harris, entertainment journalist, Emmy-winning television host and breast cancer survivor, discuss her emotional journey of diagnosis and treatment. Real Pink is available now on Apple Podcasts, Google Play, Spotify, Stitcher and iHeart Radio. New episodes will be available every Monday and will include interviews from guests such as Titus O’Neil, WWE Superstar and Kikkan Randall, 5-time Olympic cross-country skiing champion and breast cancer survivor. To learn more about Susan G. Komen’s new podcast series, visit https://realpink.komen.org/.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Annual San Antonio Breast Cancer Symposium

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 dicembre 2018

Generon BioMed Holding Ltd. (Generon), announced today at the annual San Antonio Breast Cancer Symposium (SABCS), positive results from a placebo-controlled trial with F-627, a recombinant human Granulocyte Colony Stimulating Factor (rhG-CSF) protein, designed using Generon’s DikineTM technology platform.Led by Principle Investigator Dr. John Glaspy, Estelle, Abe and Marjorie Endowed Chair in Cancer Research at the Jonsson Comprehensive Cancer Center of UCLA, this global study of 122 woman with stage II-IV breast cancer receiving Myelotoxic chemotherapy demonstrates that subcutaneous administration of F-627 significantly reduced the duration of Grade 4 (severe) neutropenia in chemotherapy cycle 1 (P<0.0001); the mean treatment difference was 2.8 days (1.1 days vs. 3.9 days in the placebo arm). F-627 administration also resulted in lower incidence and shorter duration of Grade 4, Grade 3 and Grade 2 neutropenia. Other significant results included the finding that treatment with F-627 significantly reduced the incidence of febrile neutropenia (FN) (P<0.0016). The incidence of FN in the experimental arm was 4.8% and 28.2% in the placebo arm during cycle 1. Subjects in the experimental arm also had lower rates of antibiotic medication and pain medication use. In this study, F-627 was shown to be safe and well tolerated with no deaths, no injection site reactions and less gastrointestinal AEs (diarrhea, vomiting, stomatitis, and gastritis) than the placebo arm. During cycle 1 in the experimental arm, the five most common TEAEs (incidence rate >10%) were leukopenia, anemia, thrombocytopenia, nausea, and alopecia. Across all cycles, there were 17 SAEs from 15 subjects of which 15 were FN.A single subcutaneous injection of F-627 significantly reduced the duration and incidence of severe neutropenia and febrile neutropenia while maintaining an excellent safety profile in patients with breast cancer undergoing high-dose chemotherapy.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Physicians’ Education Resource® Announces the Miami Breast Cancer Conference®: Attendee Tumor Board

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 ottobre 2017

miamiMiami. Physicians’ Education Resource® (PER®), the leading resource for oncology and hematology continuing medical education (CME), will host the Miami Breast Cancer Conference®: Attendee Tumor Board at 2 p.m., Oct. 27, announced Phil Talamo, president, PER®.“As one of the largest and most impactful breast cancer meetings in the world, we are excited for this new educational opportunity for our loyal attendees. They will be able to log in and present their own cases in real time and they will hear the experts discuss and provide their perspectives in a virtual video environment,” said Talamo.Miami Breast Cancer Conference®: Attendee Tumor Board webcast, is an educational extension to the annual Miami Breast Cancer Conference®, which will discuss the latest in breast cancer research, controversies and other breakthroughs. The webcast is designed to provide medical professionals the newest information on clinical trials, novel agents and evolving treatment strategies, and emerging data. The livestream will feature the following expert faculty from renowned health care institutions: Patrick I. Borgen, M.D., chair, department of surgery, Maimonides Medical Center Elizabeth A. Mittendorf, M.D., Ph.D., associate professor, department of breast surgical oncology, The University of Texas MD Anderson Cancer Center.
Debu Tripathy, M.D., professor and chair department of breast medical oncology, The University of Texas MD Anderson Cancer Center For more information, visit Gotoper.com/go/mbcc18atb

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cure per il tumore al seno

Posted by fidest press agency su martedì, 22 dicembre 2009

Roche ha annunciato nuovi dati di follow-up a lungo termine di due studi pivotal su larga scala che hanno valutato l’utilizzo di trastuzumab in adiuvante per il trattamento del tumore al seno HER2 positivo in fase iniziale, presentati al San Antonio Breast Cancer Symposium (SABCS).  Entrambi gli studi – l’N9831 condotto dal North Central Cancer Treatment Group (NCCTG), e il BCIRG006 effettuato dal Breast Cancer International Research Group – hanno dimostrato che trastuzumab ha ridotto di circa un terzo il rischio di recidiva del tumore in donne con carcinoma mammario HER2 positivo in fase precoce, rispetto alle pazienti che hanno ricevuto la sola chemioterapia. Entrambi gli studi hanno inoltre dimostrato la sopravvivenza libera da malattia a 5 anni in almeno l’80 per cento delle donne che hanno ricevuto trastuzumab per un anno.  I trial hanno anche confermato il profilo favorevole di sicurezza cardiaca di trastuzumab con il follow-up a lungo termine. Inoltre, entrambi gli studi hanno dato risposta alle domande della comunità medica circa la migliore modalità di somministrazione del farmaco.
Il BCIRG006 è uno studio indipendente randomizzato di Fase III mirato a valutare l’uso di due trattamenti chemioterapici (docetaxel e carboplatino) associati con trastuzumab successivamente al trattamento adiuvante iniziale con chemioterapia a base di doxorubicina e ciclofosfamide per la cura del carcinoma mammario HER2 positivo in fase precoce. Lo studio è stato condotto dal Breast Cancer International Research Group (BCIRG).  L’endpoint primario dello studio era la sopravvivenza libera da malattia, mentre quelli secondari erano la sopravvivenza globale, la tossicità e i marker patologici e molecolari predittivi dell’efficacia.  Lo studio ha dimostrato che trastuzumab somministrato in associazione con un regime a base di antracicline riduce il rischio di recidiva del 36 per cento nelle donne trattate per un anno con trastuzumab rispetto a quelle trattate con la sola chemioterapia, mentre il rischio di decesso è stato ridotto del 37 per cento. I risultati dello studio hanno dimostrato anche che trastuzumab somministrato in associazione con regimi liberi da antracicline ha ridotto il rischio di recidiva del 25 per cento nelle donne trattate per un anno con trastuzumab rispetto a quelle trattate con la sola chemioterapia, mentre il rischio di decesso è stato ridotto del 23 per cento. In entrambi i casi, i risultati erano statisticamente significativi.
Il carcinoma mammario è il tumore femminile più diffuso al mondo. Ogni anno vengono diagnosticati oltre un milione di nuovi casi e quasi 400.000 persone perdono la vita a causa di questa malattia. La caratteristica del carcinoma mammario HER2 positivo è la presenza di maggiori quantità  di proteina HER2 sulla superficie delle cellule tumorali. Questo fenomeno è noto come positività HER2 e colpisce circa il 20-25 per cento delle donne affette da carcinoma mammario.
Trastuzumab è un anticorpo monoclonale umanizzato, creato per identificare e bloccare l’attività di HER2, una proteina prodotta da un gene specifico a potenziale cancerogeno. Il meccanismo di azione di trastuzumab è unico in quanto attiva il sistema immunitario e inibisce i recettori HER2 per combattere il tumore. Si è dimostrato efficace nel trattamento del carcinoma mammario HER2 positivo, sia nello stadio iniziale che in quello avanzato (metastatico). L’uso di trastuzumab è stato approvato anche in associazione con un inibitore dell’aromatasi per il trattamento delle pazienti in post-menopausa con carcinoma mammario metastatico co-positivo al recettore HER2 e al recettore ormonale. Nello stadio iniziale della malattia (adiuvante), trastuzumab è approvato per l’uso dopo il trattamento chemioterapico standard (adiuvante).   Trastuzumab viene commercializzato negli Stati Uniti da Genentech, in Giappone da Chugai e a livello internazionale da Roche. Dal 1998, trastuzumab è stato utilizzato per curare quasi 600.000 donne affette da carcinoma mammario HER2 positivo in tutto il mondo.
Roche Con sede centrale a Basilea, Svizzera, Roche è uno dei principali gruppi al mondo leader nell’area salute ed opera nei settori farmaceutico e diagnostico, con un forte orientamento alla ricerca. Roche è la più grande azienda di biotecnologie al mondo, con farmaci innovativi nelle aree oncologia, virologia, malattie infiammatorie, metabolismo e sistema nervoso centrale. È leader mondiale nella diagnostica in vitro, nella diagnostica istologica del cancro ed è all’avanguardia nella gestione del diabete. Fornire farmaci e strumenti diagnostici che permettano miglioramenti tangibili della salute, della qualità di vita e della sopravvivenza dei pazienti è la strategia di Roche nella Medicina Personalizzata. Roche conta oltre 80.000 dipendenti nel mondo e nel 2008 ha investito quasi 9 miliardi di franchi svizzeri in ricerca e sviluppo registrando un fatturato di 45,6 miliardi di franchi svizzeri. Roche è proprietaria di Genentech, negli Stati Uniti e ha interessi di maggioranza in Chugai Pharmaceutical, Giappone. http://www.roche.com

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tumore del seno

Posted by fidest press agency su sabato, 18 aprile 2009

La mammografia dovrà essere “su misura”: la presenza di uno o più casi di tumore del seno in famiglia, il sovrappeso, l’aver o meno avuto figli, la sedentarietà, l’assunzione della terapia ormonale sostitutiva, particolari caratteristiche della mammella e interventi precedenti diventeranno criteri per dividere le donne in tre categorie di rischio (normale, medio e alto “Lo screening ha consentito di ridurre del 50% la mortalità, ma ora è necessario rinnovare i criteri – spiega il prof. Francesco Cognetti, direttore dell’Oncologia Medica del Regina Elena di Roma e presidente del Convegno International Meeting on new drugs in breast cancer.  Un’italiana su 11 rischia di ricevere una diagnosi di tumore del seno nel corso della vita e una su 50 di morirne. L’incidenza è simile in tutte le regioni ma ciò, purtroppo, non è vero per i programmi di screening. “Esiste una grave differenza fra Centro-Nord, Sud e Isole – spiega Cognetti –. Se nel settentrione 8 donne su 10 dichiarano di aver eseguito almeno una mammografia preventiva, la percentuale scende a una su 2 nell’Italia meridionale. L’estensione effettiva dei programmi di screening attivi al 2007 è pari all’82.9% al Nord, al 73.3% al Centro e solo al 27.6 % al Sud. E la sopravvivenza cambia di conseguenza: al nord è del 10% più elevata. Su questo tema si sta impegnando in particolare la Commissione Prevenzione e Screening del Ministero, con progetti e proposte concreti per garantire pari accesso all’assistenza sanitaria a tutti i cittadini”. Altra battaglia che vede gli specialisti uniti e determinati è il contrasto dello screening “opportunistico”: “Troppe donne si rivolgono per la mammografia alla piccola struttura “sotto casa” e questo rischia di minare la serietà dei controlli e la credibilità dei risultati. Va invece potenziato l’accreditamento istituzionale di Centri specialistici nazionali di livello”. Sull’importanza di potenziare le strutture di eccellenza interviene anche il prof. Francesco Bevere, Direttore Generale dell’Istituto Nazionale Tumori Regina Elena e dell’Istituto Dermatologico San Gallicano “Bisogna investire per creare reti oncologiche regionali fortemente collegate e coordinate da centri di altissima specializzazione, quali il Regina Elena ed il S. Gallicano di Roma per la Regione Lazio, in grado di esprimere la centralizzazione di tutte le tecniche diagnostiche necessarie anche alla identificazione dei più avanzati  fattori prognostici e predittivi di risposta, in un’ottica di innovazione e di appropriatezza ed in un contesto di sicurezza e di una elevata performance scientifica”. Le italiane guarite dal tumore del seno sono oggi circa 500.000, merito di una strategia su più fronti: prevenzione, nuove terapie, ma anche ricerca.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »