Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Posts Tagged ‘brevetti’

Alberto Gambino nominato nella Commissione Ricorsi contro i provvedimenti dell’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 6 marzo 2019

E’ previsto dall’articolo 135 del Codice della Proprietà Industriale.Si tratta di un organismo di particolare rilevanza per il comparto industriale italiano dell’innovazione, che funge da giudice di appello rispetto ai provvedimenti con i quali l’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi respinge la brevettabilità di invenzioni e altri titoli di proprietà industriale.L’organo resterà in carica per il biennio 2019/2020 e sarà presieduto da Vittorio Ragonesi, magistrato ausiliario per lo svolgimento del servizio onorario presso la Corte di Cassazione in pensione.Gli altri componenti sono il Prof. Gustavo Olivieri, membro del Comitato Scientifico ella rivista DIMT “Diritto Mercato e Tecnologia” e dell’Accademia Italiana del Codice di Internet (IAIC), il Dott. Francesco Antonio Genovese, Consigliere della Corte di Cassazione, il Dott. Massimo Scuffi, magistrato in pensione.La Comunità Accademica dell’Università Europea di Roma ha accolto con soddisfazione la nomina del Prof. Gambino, segno di un impegno e di un’attenzione costante alle innovazioni e ai cambiamenti dell’economia e della tecnologia.Il Prof. Gambino è tra i promotori di InnoLawLab – Laboratorio di Diritto dell’Innovazione dell’Università Europea di Roma, che ha l’obiettivo di indagare gli aspetti legali in un’ottica di interdisciplinarità. Una proposta innovatrice rivolta ai nuovi “giuristi tecnologici”, con un’immediata spendibilità nel mondo del lavoro.L’iniziativa fa parte Profilo del Corso di Laurea in Giurisprudenza dell’Università Europea di Roma di Diritto e Gestione delle nuove tecnologie. Questo Profilo è finalizzato a favorire l’acquisizione di conoscenze e competenze oggi molto richieste nel mondo professionale, fornendo gli elementi necessari per una corretta comprensione della rivoluzione tecnologica, con un approccio multidisciplinare sotto il profilo giuridico, tecnologico ed economico.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

IBM: nuovo record di brevetti

Posted by fidest press agency su giovedì, 10 gennaio 2019

ARMONK, NY, USA Gli inventori IBM (NYSE: IBM) hanno ottenuto il numero record di 9.043 brevetti nel 2017, permettendo alla società di aggiudicarsi per il 25° anno consecutivo la leadership nel settore e di superare il traguardo dei 100.000 brevetti. I nuovi brevetti sono stati concessi a un gruppo eterogeneo di oltre 8.500 ricercatori, ingegnieri, scienziati e progettisti presenti in 47 diversi stati degli Stati Uniti e in 47 nazioni nel mondo.“Nel corso degli ultimi 25 anni, la leadership di IBM nell’ambito dei brevetti ha cambiato il modo in cui il mondo si trova ad affrontare il progresso nell’era dell’informatica.” afferma Ginni Rometty, presidente e CEO di IBM. “Oggi, circa la metà dei nostri brevetti rappresentano innovazioni rivoluzionarie in settori quali intelligenza artificiale, cloud computing, sicurezza informatica, tecnologia blockchain e informatica quantistica – tutte mirate ad aiutare i nostri clienti a portare avanti e realizzare attività più smart.”
Considerando che un numero sempre crescente di imprese opera in cloud, gli scienziati IBM hanno ottenuto nel 2017 oltre 1.900 brevetti in questo ambito, incluso uno realizzato per prevedere le richieste di risorse cloud, che utilizza dati non strutturati relativi ad eventi mondiali o locali. Il sistema è in grado di monitorare le sorgenti dei dati – inclusi nuovi feed, statistiche di rete, bollettini metereologici e social network – per identificare dove e come le risorse cloud vadano assegnate per rispondere alle esigenze.Un’altra serie di innovazioni contribuisce a risolvere uno dei limiti attuali dell’intelligenza artificiale: la mancanza di personalizzazione, che può ostacolare il modo in cui l‘AI comunica con le persone. Tra i 1.400 brevetti nel campo dell’intelligenza artificiale, agli inventori IBM è stato concesso nel 2017 un brevetto per un sistema in grado di aiutare l’AI ad analizzare e riflettere i modelli di linguaggio degli utenti per migliorare la comunicazione tra macchine e esseri umani.
Gli inventori IBM hanno ottenuto anche 1.200 brevetti nell’ambito della cybersecurity, incluso uno relativo a una tecnologia che permette ai sistemi di intelligenza artificiale di cambiare le carte in tavola nei confronti degli hacker, attirandoli all’interno di scambi e-mail e di siti web con l’obiettivo di far sprecare loro risorse e vanificare gli attacchio le e-mail di “phishing”.Gli inventori IBM hanno brevettato anche innovazioni significative in settori emergenti come quelli dell”informatica quantistica, incluso un modo nuovo per migliorare la capacità del computer di acquisire e archiviare informazioni – chiamato “signal readout fidelity.” Questo metodo aumenta l’efficienza dei componenti necessari a realizzare un sistema di informatica quantistica.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

IBM batte il suo record aggiudicandosi il maggior numero di brevetti negli Stati Uniti per il 25° anno consecutivo

Posted by fidest press agency su giovedì, 11 gennaio 2018

ibmARMONK, NY, USA. Gli inventori IBM (NYSE: IBM) hanno ottenuto il numero record di 9.043 brevetti nel 2017, permettendo alla società di aggiudicarsi per il 25° anno consecutivo la leadership nel settore e di superare il traguardo dei 100.000 brevetti. I nuovi brevetti sono stati concessi a un gruppo eterogeneo di oltre 8.500 ricercatori, ingegneri, scienziati e progettisti presenti in 47 diversi stati degli Stati Uniti e in 47 nazioni nel mondo.“Nel corso degli ultimi 25 anni, la leadership di IBM nell’ambito dei brevetti ha cambiato il modo in cui il mondo si trova ad affrontare il progresso nell’era dell’informatica.” afferma Ginni Rometty, presidente e CEO di IBM. “Oggi, circa la metà dei nostri brevetti rappresentano innovazioni rivoluzionarie in settori quali intelligenza artificiale, cloud computing, sicurezza informatica, tecnologia blockchain e informatica quantistica – tutte mirate ad aiutare i nostri clienti a portare avanti e realizzare attività più smart.”Considerando che un numero sempre crescente di imprese opera in cloud, gli scienziati IBM hanno ottenuto nel 2017 oltre 1.900 brevetti in questo ambito, incluso uno realizzato per prevedere le richieste di risorse cloud, che utilizza dati non strutturati relativi a eventi mondiali o locali. Il sistema è in grado di monitorare le sorgenti dei dati – inclusi nuovi feed, statistiche di rete, bollettini metereologici e social network – per identificare dove e come le risorse cloud vadano assegnate per rispondere alle esigenze.Un’altra serie di innovazioni contribuisce a risolvere uno dei limiti attuali dell’intelligenza artificiale: la mancanza di personalizzazione, che può ostacolare il modo in cui l‘AI comunica con le persone. Tra i 1.400 brevetti nel campo dell’intelligenza artificiale, agli inventori IBM è stato concesso nel 2017 un brevetto per un sistema in grado di aiutare l’AI ad analizzare e riflettere i modelli di linguaggio degli utenti per migliorare la comunicazione tra macchine e esseri umani.Gli inventori IBM hanno ottenuto anche 1.200 brevetti nell’ambito della cybersecurity, incluso uno relativo a una tecnologia che permette ai sistemi di intelligenza artificiale di cambiare le carte in tavola nei confronti degli hacker, attirandoli all’interno di scambi e-mail e di siti web con l’obiettivo di far sprecare loro risorse e vanificare gli attacchi o le e-mail di “phishing”.Gli inventori IBM hanno brevettato anche innovazioni significative in settori emergenti come quelli dell’informatica quantistica, incluso un modo nuovo per migliorare la capacità del computer di acquisire e archiviare informazioni – chiamato “signal readout fidelity.” Questo metodo aumenta l’efficienza dei componenti necessari a realizzare un sistema di informatica quantistica.Altre innovazioni brevettate nel 2017 sono:
· Un sistema di machine learning ideato per passare il comando da un veicolo a guida autonoma a un conducente umano in base alle esigenze, come per esempio in caso di emergenza.
· Un metodo che supporta la tecnologia blockchain per ridurre il numero di operazioni richieste nelle transazioni di pagamento tra diverse parti commerciali, anche quelle che non sono conosciute e che potrebbero richiedere validazione da parte di soggetti terzi “clearinghouse”.
· Una tecnica che eleva automaticamente il livello di sicurezza di un dispositivo mobile quando rileva che esso è lontano dal suo possessore e probabilmente sotto il controllo di qualcun altro.
Il traguardo di quest’anno si attesta a oltre 105.000 brevetti concessi a IBM negli Stati Uniti dal 1993 al 2017. Tra questi possiamo trovare idee rivoluzionarie come transazioni sicure con carte di credito, guida per persone con disabilità visive grazie alla tecnologia RFID, i supercomputer più veloci al mondo e rilevatori di movimenti sismici.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Brevetti: Italia e Germania sono più vicine grazie alla collaborazione tra Università di Trieste e GLP Intellectual Property Office

Posted by fidest press agency su mercoledì, 7 giugno 2017

brevetti_t1Dai rapporti commerciali alla proprietà intellettuale, l’Italia rafforza il legame con la Germania. Nell’ambito del progetto “Sistemi multilivello delle fonti e tutela della proprietà industriale in ambito europeo” dell’Università di Trieste è stato pubblicato il volume “Das italienische Gesetzbuch für das gewerbliche Eigentum. Codice della Proprietà Industriale Italiano”, curato dal professore Angelo Venchiarutti con la collaborazione dello studio GLP, per gli editori Giappichelli e Nomos. Un testo in tedesco e in italiano, unico nel suo genere, che non solamente raffronta i due sistemi giuridici per evidenziarne somiglianze, differenze e peculiarità, ma vuole essere un utile strumento per avvicinare ulteriormente i due Paesi in un ambito strategico per lo sviluppo e la crescita.
«L’Italia ha delle strettissime relazioni economiche con la Germania. Insistere sul tema della proprietà intellettuale è creare un volano per la crescita», premette Davide Petraz, Managing Partner di GLP, studio che da 50 anni opera nel campo della tutela della proprietà intellettuale a livello internazionale (ha sedi a Udine, Milano, Perugia, San Marino e Zurigo). «La collaborazione con l’Università di Trieste ci ha portato a sviluppare quest’opera che va in una duplice direzione: da una parte la condivisione delle informazioni, dall’altra fornire uno strumento completo agli operatori del settore».
La scelta della Germania non è stata casuale. Con oltre 112 miliardi di euro di interscambio commerciale (Istat 2016), la Germania è il primo partner commerciale per l’Italia. Inoltre ha molto da insegnare all’Italia: è il primo Paese in Europa – e il quinto a livello mondiale – per deposito dei brevetti. Ben 67mila quelli depositati nel 2015; a fronte di un’Italia ferma sotto quota 10mila (fonte WIPO). «Le relazioni economiche che coinvolgono i due Paesi riguardano prevalentemente i settori della meccanica e dell’elettromeccanica. Sono settori ad alto valore aggiunto e ad elevata innovazione, dove la proprietà intellettuale riveste un ruolo fondamentale», aggiunge Petraz. «Siamo fermamente convinti che la proprietà intellettuale rappresenti uno strumento fondamentale per la crescita e lo sviluppo di un sistema economico prima, e di un sistema Paese poi».Nella convinzione che in questo campo sia necessario un cambio culturale, «redigiamo e mettiamo gratuitamente a disposizione pubblicazioni specifiche, organizziamo e promuoviamo eventi, corsi e seminari al fine di trasmettere l’importanza di spostare l’attenzione sul piano intellettuale del lavoro industriale». Continua: «Questa pubblicazione vuole favorire un’attualizzazione e un’armonizzazione delle legislazioni dei Paesi dell’Unione Europea, in particolare di Italia e Germania, storicamente interdipendenti per molti fattori. Infatti, attraverso un diretto parallelismo bilingue è possibile far emergere in maniera più chiara e diretta le somiglianze, le differenze e le peculiarità che ci sono fra il sistema giuridico italiano e quello tedesco, al fine di arricchirli entrambi, dove possibile, con nuovi spunti».La traduzione del Codice della Proprietà Industriale è stata effettuata dal Dr. Matthias Probst, con il coordinamento della Prof.ssa Lorenza Rega e la revisione del Prof. Michael Lehamn del Max Planck Institute für Innovation und Wettbewerb di Monaco.
GLP – Fondata da Gilberto Luigi Petraz nel 1967 a Udine e gestita oggi dai figli Davide e Daniele, GLP è tra le prime cinque aziende italiane nel settore della tutela della proprietà intellettuale. Con sedi Udine, Milano, Perugia, San Marino e Zurigo, conta più di 70 dipendenti, un portafoglio di oltre 7mila clienti con all’attivo più di 90mila casi trattati a livello nazionale e internazionale. Dal 2003 al 2007 ha detenuto il primato mondiale per numero di Modelli Comunitari depositati; un suo brevetto è stato preso a modello dall’Epo (Ufficio Brevetti Europeo) quale esempio di brevetto ben scritto. GLP ritiene la proprietà intellettuale uno strumento fondamentale per la crescita e lo sviluppo di un sistema economico prima, e di un sistema Paese poi. http://www.glp.eu

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Canon è prima tra le aziende giapponesi nella classifica dei brevetti US

Posted by fidest press agency su martedì, 17 gennaio 2017

canon1Secondo i risultati preliminari rilasciati da IFI CLAIMS Patent Services a gennaio 2017, Canon si riconferma al primo posto tra le aziende giapponesi e al terzo posto assoluto per numero di brevetti depositati negli Stati Uniti nell’anno 2016. Canon è costantemente impegnata in attività di ricerca e sviluppo, che si concentrano sia nell’ideazione di prodotti, soluzioni e servizi nelle proprie aree di business che nell’analisi di nuovi possibili settori d’ingresso. Per tale motivo promuove l’incremento del numero di brevetti, valutando strategie di business, tecnologie e prodotti in linea con le tendenze di ogni mercato. Gli Stati Uniti, con le loro aziende altamente tecnologiche e l’ampio mercato, rappresentano una nazione particolarmente importante in termini di ampliamento del business e alleanze tecnologiche.
Grazie a una stretta collaborazione tra le divisioni che si occupano di tecnologia e quelle che si occupano di proprietà intellettuale, l’azienda punta a migliorare ulteriormente le proprie capacità tecnologiche e i relativi diritti di proprietà. Per 31 anni consecutivi, Canon si posiziona tra le prime cinque aziende detentrici del più elevato numero di brevetti depositati.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Gli inventori IBM nel 2016 hanno battuto il record con più di 8.000 brevetti

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 gennaio 2017

ibmArmonk, N.Y. IBM ha annunciato di aver battuto con 8.088 brevetti il record 2016 negli USA, segnando per il 24° anno consecutivo la sua leadership nell’ambito dell’innovazione. I brevetti di IBM dell’anno appena trascorso comprendono una vasta gamma di invenzioni nel campo dell’Intelligenza Artificiale e del cognitive computing, della salute, del cloud, della sicurezza informatica e in altre aree di crescita strategiche per l’azienda.Agli inventori IBM sono stati assegnati più di 22 brevetti al giorno, consentendo alla società di essere la prima a ottenerne più di 8.000 nel solo 2016. I ricercatori IBM, gli ingegneri e i progettisti hanno generato più di 2.000 invenzioni nell’ambito dell’Intelligenza Artificiale, del cognitive computing e del cloud. “Continuare ad essere leader a livello mondiale nel campo dell’innovazione per 24 anni consecutivi non avviene per caso. L’impegno di IBM nella ricerca rimane ineguagliato e si riflette nel nuovo record di quest’anno, che supera per la prima volta la barriera degli 8.000 brevetti”, ha detto Ginni Rometty, IBM chairman, presidente e CEO. “Siamo molto orgogliosi del contributo che i nostri inventori portano al settore delle scienze e della tecnologia, guidando il progresso di imprese e società e aprendo la strada alla nuova era del business cognitivo”.
I ricercatori di IBM hanno anche brevettato invenzioni che aiuteranno a fare passi avanti nel settore della sanità cognitiva. Per esempio:
• L’uso di immagini per meglio valutare la salute del cuore
• Un apparecchio acustico personalizzato per soddisfare esigenze specifiche
• Un drone per effettuare le pulizie negli ospedali, nei reparti produttivi e nei campi agricoli
• Utilizzo del Machine Learning per arrivare a risposte più aderenti alla realtà
• Pianificare il percorso di viaggio migliore a seconda dello stato d’animo del viaggiatore
• Il Cloud cognitivo per le tue app: il Cloud Computing consente resilienza e disponibilità di risorse per le applicazioni
• Rilevare e isolare preventivamente intrusioni nella reti di applicazioni in cloud
• Gestione delle comunicazioni in entrata per prevenire il phishing e la diffusione di contenuti dannosi (foto: patents)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Farmaci generici: scadenza brevetti

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 febbraio 2012

Si prevede che il mercato globale dei farmaci generici assisterà ad una forte crescita nei prossimi anni, dovuta alla scadenza dei brevetti per i farmaci più venduti ed al giudizioso impegno per il contenimento dei costi da parte dei Governi e dei fornitori di servizi sanitari in tutto il mondo.Allo stesso tempo, l’equilibrio in termini di spesa sanitaria e ricavi delle vendite è destinato a spostarsi dai mercati sviluppati a quelli emergenti – tra cui India, Cina, Brasile, Russia, Turchia e Corea del Sud – a causa dell’enorme potenziale che rimane tuttora inesplorato in questi Paesi.Una nuova analisi di Frost & Sullivan (http://www.pharma.frost.com), intitolata “Generic Pharmaceuticals Market – A Global Analysis”, rileva che il mercato ha prodotto entrate per 123,85 miliardi di dollari nel 2010 e stima che questa cifra raggiungerà quota 231 miliardi nel 2017, con un tasso di crescita annuo medio (CAGR) del 9,29% tra il 2011 e il 2018. La ricerca coinvolge le seguenti regioni: Stati Uniti, Europa (Germania, Regno Unito, Francia, Spagna e Italia) ed Asia (India e Cina).“La scadenza dei brevetti per molti dei farmaci più venduti, per un valore di 150 miliardi di dollari tra il 2010 e il 2017, alimenterà la crescita del mercato globale dei farmaci generici, – osserva Aiswariya Chidambaram, analista di Frost & Sullivan. – La tendenza si sta spostando verso segmenti meno competitivi – e tuttavia commercialmente attraenti – come quello dei farmaci generici difficili da produrre, specialistici e biosimili.”I principali produttori globali di farmaci generici si sono impegnati nella creazione di alleanze strategiche con le case farmaceutiche per i diritti di marketing e per l’esclusiva nella produzione di versioni generiche dei farmaci più venduti, tra cui LIPITOR, Cozaar, Crestor e molti altri. Inoltre, i leader di mercato quali ad esempio Teva, Sandoz e Mylan si stanno focalizzando sempre di più sui biosimili, poiché questo settore offre un buon margine competitivo ed un enorme margine di profitto.Se da una parte si riscontrano dei segnali positivi per gli operatori del mercato, un potenziale ostacolo è il progressivo inasprimento delle normative e delle misure per il controllo dei prezzi imposte dai Governi, che tendono a ridurre i margini di profitto per i produttori di farmaci generici“L’aumento della diffusione di malattie croniche, di nuove malattie e della popolazione anziana ha avuto come conseguenza un’enorme pressione sui Governi per l’implementazione di misure per il contenimento dei costi e la riduzione della spesa sanitaria galoppante,” – aggiunge Aiswariya.Con l’intensificarsi della competizione, i produttori di farmaci generici dovranno dunque fare scelte attente per quanto riguarda i settori di prodotti in cui competere e le tempistiche più appropriate per l’ingresso nel mercato.“Le grandi aziende multinazionali produttrici di farmaci generici devono adottare un approccio differenziato, optando per prodotti con formulazioni tecnologicamente complesse, prodotti che richiedono un sostegno legislativo rilevante e prodotti con limitata disponibilità di ingredienti farmaceutici attivi (API), – suggerisce Aiswariya. – Le piccole e medie imprese dovrebbero focalizzarsi su prodotti con margini di profitto relativamente maggiori”. er maggiori informazioni su questo studio, si prega di contattare Anna Zanchi, Corporate Communications di Frost & Sullivan, all’indirizzo anna.zanchi@frost.comL’analisi “Generic Pharmaceuticals Market – A Global Analysis” fa parte del programma Pharmaceuticals & Biotechnology Growth Partnership Service, che comprende anche ricerche nei seguenti mercati: “European Biosimilars Market” e “European Pharmaceutical and Biotech Contract Manufacturing Markets”. Tutti i servizi di ricerca inclusi nel pacchetto forniscono dettagliate opportunità di mercato e trend di produzione stimati in seguito ad esaurienti colloqui con gli attori che operano sul mercato.
Frost & Sullivan, la Growth Partnership Company, permette ai suoi clienti di accelerare la propria crescita e raggiungere posizioni di rilievo in termini di progresso, innovazione e leadership di mercato. La Growth Partnership Service di Frost & Sullivan offre al CEO e al suo Growth Team ricerche accurate e modelli “best practice” da seguire per guidarli nella creazione, valutazione e attuazione di efficaci strategie di crescita. Frost & Sullivan vanta 50 anni di esperienza come partner delle più importanti società a livello globale (indice Global 1000), di aziende emergenti e della comunità degli investitori, lavorando in modo capillare in più di 40 uffici distribuiti su sei continenti. Per far parte della nostra Growth Partnership, visita il sito http://www.frost.com.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ibm: record brevetti Usa

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 gennaio 2012

IBM Series x3655

Image by Rubén Marcos via Flickr

IBM ha raggiunto un nuovo record per numero di brevetti nel 2011, rimanendo al vertice della classifica statunitense per il 19° anno consecutivo. I brevetti conseguiti da IBM sono stati 6.180, più di quattro volte il numero di Hewlett-Packard e più del totale di quelli ottenuti complessivamente da Apple, Amazon, Google, EMC, Hewlett-Packard, Microsoft e Oracle/Sun. Questo risultato è il frutto dell’attività di 8.000 ricercatori e specialisti IBM, che lavorano negli Stati Uniti e in 36 Paesi di tutto il mondo. Le persone IBM residenti fuori dagli Stati Uniti hanno collaborato per oltre il 26% dei brevetti nel 2011, con un aumento del 48% rispetto ai contributi precedenti degli ultimi quattro anni.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Un sistema unitario di brevetti

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 febbraio 2011

Bruxelles. La richiesta è stata originariamente presentata a dicembre da 12 Stati membri dopo aver costatato l’impossibilità di trovare un accordo fra tutti i paesi UE in Consiglio sul brevetto comunitario.  Intanto, tutti gli altri Stati membri, ad eccezione di Italia e Spagna, hanno deciso di partecipare alla procedura: questi due paesi potranno entrare a farne parte in qualsiasi momento. Il Consiglio competitività dovrebbe approvare la procedura di cooperazione rafforzata il prossimo 8-9 marzo. In seguito, la Commissione presenterà due proposte legislative: una sulla creazione del nuovo sistema comunitario di brevetti (con procedura legislativa ordinaria) e l’altra sul regime linguistico, che dovrebbe prevedere solo la consultazione dei deputati. Tuttavia, la risoluzione preparata da Klaus-Heiner Lehne (PPE, DE) e approvata martedì con 471 voti a favore, 160 contrari e 42 astensioni, chiede pieni poteri legislativi per il Parlamento su entrambi i provvedimenti. Gli Stati membri hanno cercato per diversi anni e senza successo un accordo per la creazione del brevetto comunitario, con la questione della scelta del regime linguistico a bloccarne il proseguimento. Attualmente, i vari sistemi nazionali convivono con un modello europeo troppo complicato e costoso, che può arrivare a pesare 10 volte di più del brevetto USA sulle imprese europee.
Cos’è la cooperazione rafforzata? Secondo i Trattati, la procedura di cooperazione rafforzata permette a un numero ristretto di Stati membri di avanzare su dossier sui quali non è possibile raggiungere un accordo unanime. Le regole UE prevedono che un minimo di 9 Stati membri possa iniziare la procedura in un’area legislativa di non esclusiva competenza comunitaria; è la seconda volta che tale procedura è utilizzata, dopo l’approvazione di quella in materia di divorzio transfrontaliero nel 2010. La procedura inizia dopo il consenso del Parlamento e l’approvazione del Consiglio.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Il sistema europeo dei brevetti

Posted by fidest press agency su mercoledì, 10 novembre 2010

Parma, 12 novembre, alle ore 11, presso l’Aula Magna del Palazzo Centrale dell’Ateneo (via Università 12), si terrà la conferenza “Il sistema europeo dei brevetti. Tutela delle proprietà intellettuale e prospettive per giovani laureati. Prepararsi a cogliere opportunità internazionali di lavoro”. Il convegno sarà aperto dai saluti del Rettore Gino Ferretti e del Pro Rettore per i Rapporti Internazionali Sandro Cavirani. Seguirà la relazione dell’Ing. Eros Capostagno, Directorate Adviser all’Epo – European Patent Office. L’obiettivo del convegno è scoprire le opportunità di impiego che l’EPO offre a giovani laureati in Ingegneria e in altre discipline scientifiche per lavorare con le tecnologie di domani, in un contesto multinazionale e intellettualmente stimolante, assieme a colleghi provenienti da 30 diversi Paesi, con il fine di sostenere la crescita economica dell’Europa attraverso la qualità dei brevetti assegnati. Nel solo 2008 l’EPO ha reclutato circa 300 nuovi esaminatori di brevetto.
L’EPO è nato nel 1977 con lo scopo di migliorare la cooperazione per la protezione delle invenzioni in Europa. Nel 2008 sono state circa 147000 le richieste di brevetto presentate all’EPO. Al momento sono circa 6700 le persone che lavorano presso l’EPO nelle sue diverse sedi (Monaco, Berlino, L’Aia, Vienna e Bruxelles). Di essi circa 500 sono italiani.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Allungare i brevetti dei biologici?

Posted by fidest press agency su venerdì, 15 ottobre 2010

La proposta dell’AIOM di prevedere un prolungamento della copertura brevettuale dei farmaci biologici sempre più spesso impiegati nel trattamento dei tumori “è una strada che l’Italia ha già percorso per i farmaci di sintesi con risultati – negativi – che tutt’ora stiamo pagando” commenta Giorgio Foresti, Presidente di AssoGenerici. Foresti si riferisce alla disciplina italiana sui brevetti, e in particolare ai cosiddetti certificati di protezione complementare, che per decenni ha reso il nostro paese un’eccezione rispetto all’Europa, “bloccando di fatto lo sviluppo del generico, al punto che quando in Gran Bretagna si potevano vedere pubblicità di equivalenti dei medicinali più largamente impiegati in terapia sulle riviste scientifiche, il medico Italiano ancora non sapeva che cosa fossero i generici. Inutile ricordare, oggi che le conseguenze sono sotto gli occhi di tutti, che cosa ha significato per il Servizio sanitario nazionale prima, e ora per le Regioni, questo ritardo. Non vorremmo che la storia si ripetesse con i farmaci biosimilari, medicinali che hanno le stesse indicazioni e lo stesso meccanismo d’azione degli originali, hanno dimostrato in trial clinici la stessa efficacia e sicurezza ma consentono risparmi rilevanti” prosegue Foresti.
La tendenza in atto nei paesi industrializzati è ben diversa: negli Stati Uniti, l’amministrazione Obama, già nell’estate 2009, ha dichiarato la sua intenzione di ridurre la protezione dei farmaci biologici a sette anni, così da permettere l’ingresso sul mercato dei biosimilari. La responsabile della Riforma sanitaria Nancy-Ann DeParle e del responsabile dell’Office of Management and Budget, Peter Orszag, hanno da subito chiarito che “prolungare l’esclusiva a  lungo termine (sui farmaci biologici) si tradurrebbe in un danno per i pazienti perché diminuisce la spinta all’innovazione e ritarda senza ragione l’accesso a farmaci più economici”. Entro pochi anni, ricorda il Presidente di AssoGenerici, i farmaci biologici rappresenteranno la parte preponderante della terapia “e sarebbe suicida pensare di affrontare la situazione impedendo che la concorrenza tra originali e biosimilari porti a una riduzione dei costi e a un aumento dell’innovazione. AssoGenerici si batterà perché per i biosimilari non vengano attuate le pratiche ostruttive che hanno caratterizzato la storia del generico”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Stati Uniti e imprese friulane

Posted by fidest press agency su martedì, 21 settembre 2010

Udine 22 settembre, alle 11, nella Sala Valduga della Cciaa seminario in Cciaa su Opportunità di mercato e incentivi agli investimenti negli Stati Uniti: quali scenari per le pmi del Friuli Venezia Giulia? E’ il tema del seminario che si terrà. L’incontro sarà occasione per trovare nuovi spunti e possibilità per le imprese italiane di aprire i propri orizzonti commerciali in Usa, sviluppare nuove relazioni economiche, gestire i rapporti con le controparti americane. Ma si parlerà anche di recupero crediti e tutela dei brevetti, grazie alla presenza dell’avvocato Charles Bernardini, membro dello Studio Ungaretti & Harris di Chicago e Washington, ex Presidente della Camera di Commercio Italiana di Chicago e Midwest, e avvocato di fiducia presso il Consolato Italiano di Chicago. Il seminario si tiene nell’ambito del progetto di promozione della collaborazione economica tra le Pmi della Regione e l’area di libero scambio Nafta, cofinanziato dalla legge regionale 1/05 sostenuta dall’assessorato alle attività produttive per favorire l’internazionalizzazione delle imprese.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Classifica dei brevetti negli Stati Uniti

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 gennaio 2010

IBM  ha annunciato di aver conseguito  4.914 brevetti negli Stati Uniti  nel 2009, occupando per il 17° anno consecutivo il vertice della classifica delle aziende più innovative del mondo.  IBM ha dichiarato anche che, per la prima volta, offrirà il proprio know-how e il proprio software per la gestione dei brevetti e delle invenzioni ai clienti che intendono potenziare le proprie capacità di gestione della proprietà intellettuale, a supporto delle strategie di crescita basate sull’innovazione. Il numero totale di brevetti conseguiti da IBM nel 2009 è quasi il quadruplo rispetto a quello di Hewlett-Packard e supera i brevetti conseguiti da Microsoft, Hewlett-Packard, Oracle, Apple, Accenture e Google complessivamente. Leader nei brevetti USA nel 2009* 1 IBM 4.914,  2 Samsung  3.611,  3  Microsoft 2.906,  4  Canon  2.206,  5   Panasonic  1.829,  6 Toshiba 1.696,  7   Sony   1.680,  8   Intel 1.537,  9 Seiko Epson 1.330,  10   HP 1.273.  Dati forniti da IFI Patent Intelligence  Non solo, nel 2009 IBM ha pubblicato quasi 4000 invenzioni tecniche, anziché richiedere la tutela brevettuale, rendendole così accessibili ad altri per contribuire all’innalzamento del livello qualitativo delle invenzioni. Le invenzioni pubblicate sono disponibili gratuitamente in un database pubblico e possono essere citate dagli uffici brevetti per limitare l’ambito delle domande di brevetto in esame.  La  pubblicazione intende stimolare ulteriori innovazioni, che consentano una crescita del business.  Gli esperti in Proprietà Intellettuale (IP) della IBM  hanno sviluppato e utilizzano da oltre un decennio un software per analizzare, valutare e amministrare efficacemente il proprio portafoglio di 30.000 brevetti statunitensi.  Il software, abbinato alle esperienze maturate, ha consentito a IBM di bilanciare la strategia in materia di brevetti e proprietà intellettuale con le esigenze di business e di generare nuovi modi per ottenere  maggior valore dai brevetti. http://www.research.ibm.com/

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Marchi e brevetti

Posted by fidest press agency su giovedì, 10 dicembre 2009

Monopoli (Bari) 11 Dicembre 2009 ore 9,30. Castello Carlo V – P.zza Castello Unioncamere Puglia, con il consorzio Bridg€conomies, partner della rete Enterprise Europe Network, in collaborazione con la Camera di Commercio Industria Artigianato ed Agricoltura di Bari e lo studio De Tullio Liberatore & Partners, con il Patrocinio del Comune di Monopoli, organizza e promuove il workshop ” Marchi e brevetti: innovare, difendere e comunicare”. Il workshop sarà finalizzato a trasmettere gli strumenti necessari per riconoscere all’interno della propria impresa se e in che termini vi sono conoscenze tutelabili sotto il profilo della proprietà intellettuale, in che modo proteggerle e utilizzarle per aumentare la propria competitività, per affrontare i mercati internazionali e per accedere a finanziamenti sulla base di fondi pubblici e privati.
Sulla base delle norme in materia di proprietà intellettuale possono costituire oggetto di protezione, per fare degli esempi, le attività di ricerca (di nuove varietà vegetali, di nuovi processi di ottimizzazione, di nuove soluzioni meccaniche per la raccolta o la selezione delle materie prime) attraverso il brevetto, il packaging (o, in alcuni casi, addirittura la composizione “estetica” e la presentazione del prodotto come nel caso del food design nella ristorazione) attraverso il design, il branding e le campagne di comunicazione attraverso il marchio. Il tutto finalizzato al marketing vale a dire alla corretta collocazione del prodotto sul mercato in chiave di penetrazione ed espansione internazionale. La proprietà intellettuale può rappresentare un valido strumento per dare valore ai prodotti, penetrare i mercati, avviare strategie di comunicazione e creare valore all’interno della propria impresa. Nel corso del workshop saranno affrontati alcuni temi tradizionali e suggerite alcune indicazioni sulle più efficaci strategie di gestione e valorizzazione degli asset di proprietà intellettuale e sulle principali forme di sfruttamento attraverso contratti di vario tipo (licenza, trasferimento di tecnologia, distribuzione). Sarà successivamente approfondito il tema della lotta alla contraffazione e della tutela giudiziale dei diritti di proprietà intellettuale oltre che  del trasferimento tecnologico.  Esperti in comunicazione illustreranno le strategie più efficaci nel marketing e nella comunicazione dei prodotti agroalimentari. Interverranno tra gli altri dopo i saluti dei rappresentanti delle istituzioni e delle associazioni coinvolte: Elio De Tullio (De Tullio & Partners – Intellectual Property Attorneys); Giuseppe Miccolis (ordinario di procedura civile – Facoltà di Giurisprudenza – Università degli Studi di Lecce); Prof. Bernardo de Gennaro (professore Associato di marketing agroalimentare – Facoltà di Agraria – Università degli Studi di Bari); Antonio Rotondo (assessore Attività Produttive e Ambiente Comune di Monopoli)  che presenterà il “Marchio d’area/Qualità Città di Monopoli”, quale strumento di valorizzazione del territorio.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Brevetti e mercato globale

Posted by fidest press agency su lunedì, 5 ottobre 2009

Parma, venerdì  23 ottobre 2009 ore 9,30 Aula dei Filosofi dell’Università Via Università  12 Convegno su Nuovi orientamenti del diritto e prospettive di evoluzione  Per questa nona edizione dell’annuale Convegno nazionale di diritto industriale organizzato dall’Università di Parma – in collaborazione con l’Unione Parmense degli Industriali, la Camera di Commercio di Parma e le maggiori Associazioni che si occupano di proprietà industriale nel nostro Paese: AIPPI, LES, e INDICAM, l’Istituto di Centromarca per la Lotta alla Contraffazione – abbiamo scelto di occuparci della tutela dell’innovazione nella prospettiva, sempre più attuale, dell’internazio-nalizzazione dei mercati. Questa internazionalizzazione si esprime principalmente sotto due profili: da un lato, il frequente ricorso al decentramento produttivo da parte delle nostre imprese e l’importazione nei nostri mercati di prodotti-copia provenienti dai Paesi emergenti impone di affrontare in una prospettiva nuova le problematiche della circolazione delle tecnologie e della lotta alla contraffazione; dall’altro lato, l’importanza crescente degli strumenti giuridici sovrannazionali (dalla Convenzione sul Brevetto Europeo, recentemente rivista, al TRIPs Agreement) impone di ripensare orientamenti giuridici che potevano apparire consolidati, anche alla luce delle esperienze straniere. Entrambi gli aspetti richiedono per essere gestiti al meglio una stretta cooperazione tra le imprese e le diverse figure professionali che si occupano della difesa della proprietà intellettuale, Magistrati, consulenti e legali, ed un’integrazione sempre più stretta delle rispettive competenze.  Anche questa volta il Convegno di Parma intende affrontare alcune delle questioni di maggiore attualità nella materia trattata, prendendole in esame in una chiave che cerca di coniugare rigore scientifico e attenzione alle esigenze della pratica: così da fornire a tutti coloro che hanno professionalmente a che fare con questi problemi una serie di approfondimenti sui principali temi sul tappeto.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Brevetti e mercato globale

Posted by fidest press agency su sabato, 3 ottobre 2009

Parma, venerdì  23 ottobre 2009 ore 9,30 Aula dei Filosofi dell’Università Via Università  12 Convegno su Nuovi orientamenti del diritto e prospettive di evoluzione  Per questa nona edizione dell’annuale Convegno nazionale di diritto industriale organizzato dall’Università di Parma – in collaborazione con l’Unione Parmense degli Industriali, la Camera di Commercio di Parma e le maggiori Associazioni che si occupano di proprietà industriale nel nostro Paese: AIPPI, LES, e INDICAM, l’Istituto di Centromarca per la Lotta alla Contraffazione – abbiamo scelto di occuparci della tutela dell’innovazione nella prospettiva, sempre più attuale, dell’internazio-nalizzazione dei mercati. Questa internazionalizzazione si esprime principalmente sotto due profili: da un lato, il frequente ricorso al decentramento produttivo da parte delle nostre imprese e l’importazione nei nostri mercati di prodotti-copia provenienti dai Paesi emergenti impone di affrontare in una prospettiva nuova le problematiche della circolazione delle tecnologie e della lotta alla contraffazione; dall’altro lato, l’importanza crescente degli strumenti giuridici sovrannazionali (dalla Convenzione sul Brevetto Europeo, recentemente rivista, al TRIPs Agreement) impone di ripensare orientamenti giuridici che potevano apparire consolidati, anche alla luce delle esperienze straniere. Entrambi gli aspetti richiedono per essere gestiti al meglio una stretta cooperazione tra le imprese e le diverse figure professionali che si occupano della difesa della proprietà intellettuale, Magistrati, consulenti e legali, ed un’integrazione sempre più stretta delle rispettive competenze.  Anche questa volta il Convegno di Parma intende affrontare alcune delle questioni di maggiore attualità nella materia trattata, prendendole in esame in una chiave che cerca di coniugare rigore scientifico e attenzione alle esigenze della pratica: così da fornire a tutti coloro che hanno professionalmente a che fare con questi problemi una serie di approfondimenti sui principali temi sul tappeto.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La giustizia vista dagli addetti ai lavori

Posted by fidest press agency su martedì, 15 settembre 2009

Il 3 ottobre 2009 Ancona sarà al centro del dibattito che ormai da mesi accende il mondo delle professioni economiche e giuridiche e delle riforme radicali richieste a gran voce dai professionisti e dal mondo industriale.  L’evento, organizzato dalla Società Italiana Sviluppo & Impresa s.r.l. (www.soisvi.it per scaricare il programma) è stato promosso dall’Associazione Studi Legali Associati (ASLA) di Milano che riunisce i più importati studi legali italiani, per numero di professionisti e fatturati. ASLA è la più critica quanto alla bozza di riforma presentata dall’organo nazionale degli avvocati. Saranno inoltre presenti i Presidenti di tutti gli Ordini Nazionali La direzione scientifica è stata affidata al noto studio del capoluogo marchigiano, Andreano StP, socio dell’associazione, che ha stilato e programmato un calendario dei lavori di tutto rispetto (Alfano, Marcegaglia, Lega, Piccoli, Alpa, Siciliotti, Polegato, Urso, Bernini Anna Maria, Vatti, e ministri di Etiopia). Il ruolo del moderatore, non a caso, è stato affidato al Dr. Nicola di Molfetta, direttore del primo mensile del mercato legale nazionale, Toplegal Vedremo se, e in che termini, il simposio sarà in grado di dare impulsi, se non risposte, alle professioni che debbono fronteggiare crisi, innovazione e competitività richieste a gran voce dal mondo delle imprese, che mal vede la richiesta degli avvocati (non tutti, tra questi Asla), di ritornare al “vecchio” tariffario abrogando la riforma Bersani sul punto. Insomma: gli avvocati si devono pagare sempre e comunque o debbono mettersi in discussione e rischiare?Sono previsti interventi programmati da parte di:  On. Angelino Alfano Ministro delle Giustizia On. Adolfo Urso Vice Ministro con delega al Commercio Estero Min. Tadesse Haile Ministro del Commercio e dell’Industria – Repubblica Federale di Etiopia Prof. Avv. Anna Maria Bernini – Portavoce nazionale Vicario PdL Dott.ssa Emma Marcegaglia Presidente Confindustria Prof. Avv. Augusto Fantozzi Professore Ordinario di Diritto Tributario Avv. Giovanni Lega Presidente ASLA (Associazione Studi Legali Associati) Dott. Paolo Piccoli Presidente Consiglio Nazionale del Notariato Avv. Prof. Piero Guido Alpa Presidente Consiglio Nazionale Forense Dott. Claudio Siciliotti Presidente Consiglio Nazionale dei Commercialisti ed Esperti Contabili Dott. Ato Abebe Kelemu Ministro Consigliere Ambasciata di Etiopia in Roma Dott. Mario Moretti Polegato Fondatore e Presidente GEOX S.p.A. Dott. Francesco Vatti Fumero Studio di Consulenza Brevetti

Posted in Cronaca/News, Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »