Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Posts Tagged ‘briks’

Ufa: I Brics si istituzionalizzano

Posted by fidest press agency su venerdì, 24 luglio 2015

bricsL’Europa, concentrata sui propri problemi e sul suo difficile quanto insostituibile processo di unificazione, purtroppo sta sottovalutando le recenti importanti decisioni assunte dai paesi BRICS. Eppure esse sono destinate ad incidere profondamente sugli assetti mondiali.
Dall’8 al 10 luglio si è svolta a Ufa, in Russia, la settima conferenza dei BRICS. Nella stessa sede si sono tenute anche la riunione dell’Unione Economica Euroasiatica e quella della Shanghai Cooperation Organization, che coinvolge tutti i Paesi dell’Asia. I tre incontri hanno oggettivamente assunto una valenza politica di grande rilevanza perché, oltre agli aspetti economici, sono stati trattati anche quelli relativi alla sicurezza.
Oggi il peso geo-economico dell’alleanza tra Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa è accresciuto. Insieme occupano il 30% della terra, hanno il 43% della popolazione mondiale e il 21% del Pil del pianeta. La loro produzione agricola è il 45% del totale, mentre la produzione delle merci e dei servizi rappresenta rispettivamente il 17,3% e il 12,7% del totale.
Il loro Pil aggregato supera i 32 trilioni di dollari e fa registrare un aumento del 60% rispetto al momento della loro costituzione 6 anni fa. Sono dati in continua crescita, nonostante gli inevitabili riverberi della crisi occidentale, delle bolle speculative e delle “politiche monetarie non convenzionali” delle banche centrali.
Nella dichiarazione finale si sottolinea che il summit di Ufa segna l’entrata in vigore della Nuova Banca di Sviluppo dei BRICS (con 100 miliardi di capitale) e del Contingent Reserve Arrangement (Cra), che è un fondo di riserva di 100 miliardi di dollari contro eventuali destabilizzazioni monetarie e delle bilance dei pagamenti negli stati membri.
E’ significativo il fatto che la suddetta Nuova Banca di Sviluppo si impegni a collaborare con le altre istituzioni finanziarie aventi la stessa mission, in particolare con l’Asian Infrastructure Investment Bank (AIIB) recentemente promossa dalla Cina, che registra una grande positiva partecipazione anche europea.
”The strategy for BRICS economic partnership” di Ufa prevede l’avanzamento nella cooperazione in tutti i settori fondamentali dell’economia e della società, soprattutto nelle relazioni sud-sud. Comunque la suddetta Banca si impegnerà nella promozione di grandi progetti infrastrutturali e di sviluppo sostenibile anche in altri Paesi emergenti e in via di sviluppo, di cui una cinquantina già avviati.
Sul fronte monetario e finanziario le banche di sviluppo dei singoli Paesi del BRICS daranno luogo ad un “Financial Forum”, per definire nuovi accordi relativi al sistema dei pagamenti, e ad un “meccanismo di cooperazione interbancaria” che preveda tra l’altro l’utilizzo di linee swaps, cioè trasferimenti di liquidità per far fronte anche “all’impatto negativo di politiche monetarie realizzate da Paesi che emettono monete detenute anche nelle riserve”: Cioè gli Usa e l’Ue, quindi il dollaro e l’euro. L’intento è l’utilizzo delle monete nazionali nelle transazioni commerciali, fino al 50% del totale. Evidentemente tale svolta vuole essere una spinta per la costruzione di un paniere di monete rispetto all’attuale dominio del dollaro. Al centro della crescente cooperazione vi sono non solo i tradizionali settori portanti dell’economia ma anche quelli relativi alla scienza, alla tecnologia e all’innovazione nei campi delle nanotecnologie, della biomedicina e della ricerca spaziale. Da ciò si evince l’errore che spesso nei cosiddetti Paesi avanzati si commette banalizzando i Paesi BRICS e ignorando quanto di nuovo in essi si muove.
E’ indubbio che l’”istituzionalizzazione dei BRICS”, così come è emersa a Ufa, rappresenta una notevole pressione verso le grandi istituzione politiche ed economiche internazionali. Anzitutto l’ONU che, a settant’anni dalla sua creazione, è chiamato ad assolvere un ruolo decisivo nelle sfide globali garantendo un ordine internazionale più giusto. Perciò i BRICS sostengono con forza l’iniziativa dell’ONU in merito alla ristrutturazione del debito pubblico dei Paesi più poveri e più esposti, non solo della Grecia, e complessivamente di quello mondiale.In quest’ottica i BRICS intendono rilanciare il ruolo del G20 come “primo forum internazionale di cooperazione finanziaria ed economica”, soprattutto nella definizione di una nuova architettura finanziaria internazionale che tenga conto dell’economia reale. La presidenza della Cina del G20 l’anno prossimo dovrebbe essere il primo banco di prova. La prima vera occasione per vincere le resistenze, soprattutto americane, verso la riforma della governance del Fondo Monetario Internazionale Riteniamo che anche per l’Unione europea, anche se fragile e divisa, non sia più tollerabile sottovalutare quanto si muove in quella parte del mondo. (Mario Lettieri già sottosegretario all’Economia e Paolo Raimondi economista)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Basta Usa, il mondo è multipolare

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 Maggio 2011

I paesi del Brics vogliono realizzare un «grande disegno per una prosperità condivisa», cioè vogliono un mondo multipolare, non più quello unipolare di Geore W. Bush, né quello multi partner di Barack Obama e Hillary Clinton in cui gli Usa siano al timone di comando. Questo è il messaggio forte mandato dai capi di stato dei paesi del Brics che si sono incontrati nell’isola cinese di Hainan per «sentire il polso» dell’economia mondiale e per definire nuove strategie di collaborazione. Al vecchio Bric (Brasile, Russia, India e Cina) si è aggiunta una s, quella del Sud Africa, un paese di solo 50 milioni di abitanti che, per quanto piccolo rispetto alla Cina e all’India, è molto forte per la funzione assunta, cioè quella di portare l’intero continente africano nella nuova alleanza emergente. È una notizia che ispira fiducia nel domani, rispetto alla drammatica situazione del Nord Africa. Purtroppo il mondo dei paesi cosiddetti avanzati arranca, troppo ancorato ai fardelli del passato e ai seri problemi dell’oggi. A giorni, precisamente il 16 di maggio p.v., gli Usa dovrebbero raggiungere il limite massimo del debito pubblico consentito dalla legge finanziaria approvata dal Congresso: 14.300 miliardi di dollari! Dopo di che o sfondano il tetto creando nuovo debito o dichiarano default. Con un deficit attuale dell’11% del prodotto interno lordo, qualsiasi decisione prenda, Washington rischia di mandare un messaggio destabilizzante ai mercati monetari e finanziari internazionali. Da parte sua, purtroppo, anche l’Unione europea perde sempre più energia e visione strategica litigando su tutto, come dimostrano le ultime vicende della Libia e dell’immigrazione. Rispetto a ciò i Brics invece fanno scelte concrete. Nel documento finale del citato summit si asserisce anzitutto che «riconoscendo che la crisi ha messo a nudo le inadeguatezze e le mancanze dell’attuale sistema monetario e finanziario internazionale, noi ne sosteniamo la riforma e il miglioramento attraverso la creazione di un sistema allargato di monete di riserva». Si vuole quindi promuovere il ruolo dei Diritti speciali di prelievo e l’allargamento della composizione del paniere di monete che ne è alla base. Attualmente sono il dollaro, l’euro, la sterlina e lo yen. Quattro monete in difficoltà che non riflettono più la vera divisione del potere geoeconomico del pianeta. D’altra parte la Cina da sola ha riserve per 3.000 miliardi di dollari e nel loro insieme i Brics ne contano 4.000 miliardi. Il dollaro oggettivamente ha perso il ruolo di moneta centrale nel sistema economico internazionale. Non si può perciò ulteriormente ignorare il peso dei Brics che rappresentano il 18% per Pil mondiale e le loro monete. Per superare la crescente instabilità del dollaro e il rischio di una guerra delle monete, essi hanno messo in campo nuovi accordi monetari che permettono loro di attivare linee di credito denominate nelle loro singole valute. In altre parole, gli scambi commerciali tra la Cina e il Brasile potranno, ad esempio, essere regolati in yuan o in real. Il volume degli interscambi commerciali tra i 5 paesi è pari a 230 miliardi di dollari. E’ una cifra ancora non molto rilevante ma in crescita, anche rispetto all’aumento di quasi il 30% annuo del commercio interno al Brics. Ad Hainan comunque sono stati siglati decine di contratti per miliardi di euro: dagli aerei alle materie prime, dall’energia ai beni di consumo. Sono le Banche di Sviluppo dei Brics che più di tutti lavorano su queste nuove strategie. La State Corporation for Development and Foreign Economic Affairs russa ad esempio sta per emettere obbligazioni in yuan sul mercato di Hong Kong. Si tratta di un passo ulteriore verso una maggiore indipendenza e diversificazione anche sui mercati finanziari. Questa nuova situazione nello scenario mondiale dovrebbe suscitare interesse nell’Ue e in Italia. Si ricordi che le suddette banche hanno recentemente aderito al Long term investors club creato dalla rete delle Casse depositi e prestiti europee insieme alla Banca europea per gli investimenti. È una iniziativa importante che spinge la finanza pubblica e privata verso il credito per investimenti di lungo termine in infrastrutture, ricerca, nuove tecnologie, ecc. I governi del Brics sono anche intervenuti contro i rischi rappresentati dalla crescita massiccia dei movimenti di capitali cross-border. Nei mesi passati parte della grande liquidità creata dalla Federal reserve è andata in cerca di più alti profitti nei paesi emergenti. Ha provocato una spinta inflazionistica e ha aggravato certe bolle speculative. Nelle grandi città brasiliane per esempio i valori immobiliari sono raddoppiati in poco più di un anno. Nel documento finale del summit si pone grande attenzione «all’eccessiva volatilità dei prezzi delle commodities, in particolare degli alimentari e dell’energia, che crea nuovi rischi alla ripresa dell’economia mondiale». Si chiede fortemente la regolamentazione del mercato dei derivati sulle commodities e soprattutto la riforma del sistema finanziario per prevenire nuove destabilizzazioni dei mercati. (Mario Lettieri Sottosegretario dell’Economia del governo Prodi e Paolo Raimondi Economista)

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »