Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 302

Posts Tagged ‘cambiamento’

Il prezzo del futuro

Posted by fidest press agency su sabato, 10 ottobre 2020

A cura di Christophe Donay, Head of Asset Allocation & Macro Research di Pictet Wealth Management Il cambiamento climatico non è una novità. L’impatto di tali cambiamenti è già in parte percepibile. La temperatura media globale è già aumentata di circa 1°C rispetto ai livelli pre Rivoluzione industriale, i modelli delle precipitazioni si modificano e si assiste all’acidificazione degli oceani. Inoltre, gli eventi climatici estremi sono sempre più frequenti e distruttivi. In ogni caso, quanto accaduto sinora potrebbe rivelarsi ben poca cosa rispetto a quel che ci attende se le emissioni di gas serra manterranno la traiettoria attuale. Per far fronte a questo gravissimo problema sono state varate diverse iniziative. Con la firma dell’Accordo di Parigi nel 2015 i Paesi si sono impegnati a contenere il rialzo della temperatura media globale ben al di sotto di 2°C rispetto ai livelli preindustriali e a fare il possibile per limitare l’incremento a 1,5°C. In base al Gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico [Intergovernmental Panel on Climate Change, IPCC], in presenza di una probabilità di raggiungere tale obiettivo pari al 66%, il bilancio di carbonio residuo [carbon budget] ammonterebbe a 420 GtCO2, corrispondenti a circa 10 anni di emissioni ai ritmi attuali.In ogni caso gli economisti concordano sul fatto che le emissioni di gas serra rappresentino un’esternalità (comportano un costo per la collettività che gli emittenti non sostengono) che i mercati non sono sinora riusciti a internalizzare. Pertanto, l’attribuzione di un prezzo al carbonio non è solo vista come una necessità, ma in generale è anche considerata la via ottimale per passare a un’economia a basse emissioni di carbonio. Tuttavia, il prezzo a cui dovrebbero essere tassate le emissioni di carbonio è ancora oggetto di un acceso dibattito (le stime vanno da USD40 a diverse centinaia di USD per tonnellata). Ovviamente i governi rivestono un ruolo fondamentale nella destinazione degli investimenti e nella promozione di determinate condotte tramite l’erogazione di incentivi adeguati (sussidi, tassonomia, ecc.). Gli effetti del cambiamento climatico sulle asset class sono notoriamente difficili da valutare alla luce dei numerosi fattori in gioco. Ad esempio, la scelta di combattere il cambiamento climatico tramite l’innovazione oppure tramite una “decrescita” avrebbe ripercussioni estremamente diverse sul futuro dell’economia. Pertanto, optiamo per un approccio basato su scenari che considera molteplici variabili al fine di individuare tutti i potenziali rischi e opportunità.Non dobbiamo guardare al cambiamento climatico solo in termini di rischio. Come dimostrato dalla crisi da Covid-19, anche da gravi pandemie possono nascere delle opportunità. Le banche centrali, preoccupate dalle possibili conseguenze del cambiamento climatico per la stabilità finanziaria, sono sempre più propense a integrare valutazioni di carattere ecologico nel loro processo decisionale. Potremmo quindi assistere all’adozione di politiche di tassi estremamente bassi volte a creare le condizioni adatte a consistenti investimenti a lungo termine da parte di enti pubblici e privati. Di conseguenza, è plausibile un’erosione dei rendimenti degli strumenti a reddito fisso.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’Italia del cambiamento dietro la bandiera Pentastellata

Posted by fidest press agency su martedì, 29 settembre 2020

Il Recovery fund con i suoi duecento e passa miliardi disponibili all’uso stanno agitando le segreterie politiche di maggioranza e di opposizione poste, come sono, sotto pressione dai vari settori economici, sindacati e società civile. Tutti vorrebbero una fetta da gestire in proprio e non sempre per fini indirizzati agli interessi generali del Paese. La domanda, a questo punto, che ci chiediamo, è se abbiamo una classe politica, nel suo insieme, in grado di reggere il peso di una scelta di campo che sappia guardare senza tentennamenti al futuro dell’Italia fatto di persone in primis e non da interessi corporativi e settoriali che non riescono a guardare oltre il proprio naso. La prima domanda che dovremmo porci è quali strumenti dobbiamo attivare per offrire al sistema paese un cambiamento in grado di rispondere alle nuove sfide tecnologiche in atto e in tale contesto rendere i beni prodotti competitivi in un mercato globalizzato dove spesso si esportano manufatti scadenti con la logica dell’usa e getta e con una classe lavoratrice ghettizzata. Dobbiamo anche capire sino a quando le tecnologie informatiche, robotiche et similia incideranno sulla forza lavoro in termini d’impieghi, di remunerazioni per i lavoratori e di profitti per la aziende. E il tutto va anche inquadrato in ciò che può offrirci l’adozione di un modello neoliberista fondato sulla dottrina economica che tende a ridurre l’influenza dello Stato sull’economia lasciando che le forze del mercato, guidate dalle regole della concorrenza, disciplinino l’equilibrio del sistema economico oggi, per altro, succube da chi usa la libertà senza regole per agire irresponsabilmente e sono soggetti di grande potere che operano all’interno dei mercati servendosi di strumenti operativi ad hoc come le multinazionali, e non solo. La sfida quindi si interfaccia con grossi interessi e da procacciatori d’affari senza scrupoli tanto da saper tenere, all’occorrenza, sotto scacco matto l’intera classe politica di un Paese. Ciò ci fa comprendere l’importanza di tenere alto lo scudo politico se vogliamo realmente sostenere gli interessi generali di una nazione e farla prosperare. E in questo contesto i Pentastellati possono giocare una partita importante diventando di nome e di fatto lo spirito critico del sistema paese perché lo hanno nel loro Dna, a dispetto di chi vi rema contro anche nel suo interno. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your and my opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Gli strateghi del cambiamento”

Posted by fidest press agency su martedì, 19 maggio 2020

Animali che fanno la fotosintesi, polpi che imitano animali velenosi, gabbiani che durante uno scontro si mettono a strappare fili d’erba. Non si tratta di nuovi effetti del Coronavirus, bensì naturali adattamenti all’ambiente.Saranno “Gli strateghi del cambiamento”, gli animali dagli apparentemente bizzarri comportamenti, i protagonisti della nuova puntata di Scienza Contagiosa, live sulla pagina Facebook e sul canale YouTube di Frascati Scienza, giovedì 21 maggio alle 16 .A raccontare le risposte del regno animale alla continua evoluzione del nostro Pianeta è Filippo Fratini, naturalista e biologo marino, membro della Società Italiana di Biologia Marina, moderato da Marzia Cannella staff di Frascati Scienza delle trascorse edizioni della Notte Europea dei Ricercatori, biologa, insegnante e divulgatrice scientifica.
Come di consueto, la puntata di Scienza Contagiosa è visibile sui canali Facebook e YouTube di Frascati Scienza. È possibile interagire con gli speaker inviando domande attraverso la sezione “Commenti” delle due piattaforme. Successivamente è prevista una replica su IGTV di Instagram.Scienza Contagiosa ha stipulato un protocollo d’intesa con il Ministero dell’Istruzione per il riconoscimento del programma di lezioni virtuali come azioni a supporto delle istituzioni scolastiche per la realizzazione di attività di didattica a distanza, a seguito dell’emergenza sanitaria da COVID-19. L’iniziativa del Ministero si chiama “protocolli in rete” e comprende già moltissimi contenuti di qualità pensati per la didattica a distanza.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Il lavoro cambierà per oltre 6 mln di lavoratori di prossimità

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 aprile 2020

Sono 6 milioni 145 mila i lavoratori di “prossimità” in Italia – camerieri, commessi, operatori sanitari e infermieri, parrucchieri ed estetiste – che per svolgere le proprie mansioni necessitano del contatto diretto, in alcuni casi fisico, con il pubblico. Si tratta di una quota importante dell’occupazione italiana (il 26,5%) concentrata maggiormente nel Nord Italia (48,7%) che, man mano che il lockdown inizierà ad alleggerirsi, si troverà a modificare il proprio stile di lavoro. Non solo mascherine e guanti, obbligatori per tutti, ma anche dispositivi specifici di protezione e una riorganizzazione dell’attività per garantire quel distanziamento sociale destinato ad accompagnarci ancora per i prossimi mesi. È la fotografia scattata dalla Fondazione Studi Consulenti del Lavoro nell’indagine “Come cambieranno le professioni di prossimità” contenente una classifica dei lavoratori maggiormente esposti al contagio e più bisognosi di tutele per la Fase 2.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Quali sono gli effetti del cambiamento climatico sul nostro Pianeta?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 1 aprile 2020

Per scoprirlo, collegarsi sui canali di Frascati Scienza lunedì 30 marzo alle ore 14.30, con Copernicus is watching us, la virtual classroom di Scienza Contagiosa in cui Giancarlo Filippazzo programme coordinator presso il Copernicus Space Office dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA) di Frascati, ci farà vedere i segni del climate change osservati dallo Spazio.Copernicus è il complesso programma di osservazione satellitare della Terra che rileva e gestisce dei dati sullo stato di salute del pianeta. Ad esempio, è proprio questo programma che negli ultimi giorni ha confermato un calo di inquinamento dovuto alla sospensione delle attività come misura di contrasto all’avanzamento del COVID-19.Per partecipare agli appuntamenti di Scienza Contagiosa, basta seguire la diretta sui canali Facebook e YouTube di Frascati Scienza. È possibile interagire con gli speaker inviando domande attraverso la sezione “Commenti” delle due piattaforme, lo staff di regia si occuperà di raggrupparle e proporle ai docenti che risponderanno in diretta ai vostri quesiti. Subito dopo è prevista la replica su IGTV di Instagram.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Europa sociale e cambiamento demografico

Posted by fidest press agency su lunedì, 2 marzo 2020

La commissione SEDEC del Comitato europeo delle regioni ha iniziato il suo nuovo mandato con una discussione sulle iniziative della Commissione europea volte a rafforzare la dimensione sociale dell’UE. Nella riunione del 24 febbraio, i membri hanno inoltre adottato un parere nel quale il CdR esorta ad affrontare le sfide demografiche a tutti i livelli di governo e in tutte le politiche dell’Unione. Questi due temi figurano tra le principali priorità del programma di lavoro della commissione SEDEC per il 2020. In gennaio la Commissione europea ha pubblicato la comunicazione Un’Europa sociale forte per transizioni giuste , nella quale definisce il quadro generale per le prossime iniziative legislative in materia di politica sociale, come quelle riguardanti salari minimi equi, un regime europeo di riassicurazione contro la disoccupazione e il rafforzamento della garanzia per i giovani. Joost Korte , direttore generale della Commissione europea per l’Occupazione e gli affari sociali, ha sottolineato la necessità di rispondere alle rapide trasformazioni indotte dai cambiamenti climatici e dalla digitalizzazione, insieme alla demografia (spopolamento) e agli effetti della globalizzazione, sollevando inoltre la questione dello status dei lavoratori tramite piattaforma digitale.Gli ha fatto eco Anne Karjalainen (FI/PSE), consigliera comunale di Kerava, eletta in febbraio presidente della commissione SEDEC all’inizio del nuovo mandato quinquennale del CdR, la quale ha affermato che: “Attuare il pilastro europeo dei diritti sociali significa garantire un tenore di vita dignitoso a tutti, incrementare il numero degli occupati e offrire posti di lavoro di qualità, adottare misure adeguate per ridurre la povertà, proteggere i giovani e garantire pari opportunità a tutti. Le regioni e le città condividono questi obiettivi, sottolineando che per formulare politiche efficaci è necessario un migliore monitoraggio a livello locale e regionale”.
Nel corso del 2020 la Commissione europea pubblicherà una nuova relazione sugli effetti dei cambiamenti demografici e un Libro verde sull’invecchiamento. Nel progetto di parere Cambiamenti demografici: proposte per misurare e contrastare gli effetti negativi del fenomeno nelle regioni dell’UE , il CdR segnala che l’invecchiamento della popolazione europea, i bassi tassi di natalità e la sempre maggiore disomogeneità nella disparità della distribuzione demografica richiedono una risposta strategica coerente a tutti i livelli di governo e in tutte le politiche dell’UE. Le raccomandazioni formulate dal relatore János Ádám Karácsony (HU/PPE), consigliere comunale di Tahitótfalu, saranno adottate nella prossima sessione plenaria del CdR del 25 e 26 marzo.La commissione SEDEC sta elaborando inoltre due altri pareri: uno sul quadro di valutazione dell’innovazione regionale , che offre una valutazione comparativa dei risultati in materia di ricerca e innovazione in tutta l’UE, e uno sul Libro bianco sull’intelligenza artificiale pubblicato di recente dalla Commissione europea. I relatori dei due pareri sono, rispettivamente, Mikel Irujo (ES/AE), assessore all’Azione esterna della regione Navarra, e Guido Rink (NL/PSE), assessore comunale di Emmen.La commissione Politica sociale, istruzione, occupazione, ricerca e cultura (SEDEC) è una delle sei commissioni tematiche del CdR.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cambiano i ritmi di vita

Posted by fidest press agency su venerdì, 24 gennaio 2020

Cambiano i luoghi di consumo, gli stili alimentari, ma una cosa è certa: la passione degli italiani per il ristorante e la buona cucina non accenna a tramontare. Al contrario.Se si guarda ai dati messi in fila da Fipe, la Federazione dei Pubblici esercizi, all’interno del rapporto 2019, infatti, si nota come il settore della ristorazione stia conoscendo una stagione estremamente dinamica. Gli italiani infatti non solo investono di più, ma lo fanno in maniera sempre più mirata, andando a ricercare la miglior qualità dei prodotti locali e un servizio attento alla sostenibilità ambientale.Una marcia in più per un comparto che si muove all’interno di un quadro congiunturale niente affatto semplice, con un 2019 che ha visto il moltiplicarsi di forme di concorrenza sleale nel mondo del food.
Dall’analisi in dettaglio del rapporto 2019, si scopre che ogni giorno circa cinque milioni di persone, il 10,8% degli italiani, fa colazione in uno dei 148mila bar della penisola. Altrettante sono le persone che ogni giorno pranzano fuori casa, mentre sono poco meno di 10 milioni (18,5%) gli italiani che cenano al ristorante almeno due volte a settimana. Un vero e proprio esercito di persone che nel 2018 ha speso, tra bar e ristoranti, 84,3 miliardi di euro, l’1,7% in più in termini reali rispetto all’anno precedente e che nel 2019 ha fatto ancora meglio, arrivando complessivamente a spenderne 86 milioni.La ciliegina sulla torta di un decennio che ha visto i consumi degli italiani spostarsi al di fuori delle mura domestiche: tra il 2008 e il 2018, infatti, l’incremento reale nel mondo della ristorazione è stato del 5,7%, pari a 4,9 miliardi di euro, a fronte di una riduzione di circa 8,6 miliardi di euro dei consumi alimentari in casa. Una cifra, quest’ultima, che nel 2019 è salita a 8,9 miliardi di euro. Una performance che consente al mercato italiano della ristorazione di diventare il terzo più grande in Europa, dopo quelli di Gran Bretagna e Spagna e che ha ricadute positive sull’intera economia italiana e in particolare sulla filiera agroalimentare. Ogni anno, infatti, la ristorazione acquista prodotti alimentari per un totale di 20 miliardi di euro, andando a creare un valore aggiunto superiore ai 46 miliardi, il 34% del valore complessivo dell’intera filiera agroalimentare.
Nonostante la sperimentazione degli chef televisivi abbia raggiunto in questi anni livelli record, ciò che attira in maniera sempre più marcata i consumatori all’interno dei ristoranti è la tradizione. Il 50% degli intervistati da Fipe, infatti, cerca e trova nei locali che frequenta un’ampia offerta di prodotti del territorio, preparati con ricette classiche ma non solo. Il 90,7% dei clienti confessa di essersi fatto tentare da piatti nuovi e mai provati, mentre il 60,5% ammette di andare al ristorante anche per affinare il proprio palato.
Quello dell’Italian sounding è un problema che si sta estendendo sempre più e che ormai non vede coinvolti solo i prodotti italiani. Sempre più numerosi sono infatti i casi di plagio all’estero dei marchi dei principali ristoranti e delle pasticcerie italiane più note. Per questo è stato creato il marchio di riconoscimento “ospitalità italiana”, attraverso il quale il nostro Paese certifica che si tratta di ristoranti che utilizzano prodotti italiani e si ispirano ad autentiche ricette italiane con una forte enfasi sulle cucine del territorio. La presenza è diffusa ovunque, dall’Europa all’Oceania: il Paese con il maggior numero di ristoranti certificati sono gli Stati Uniti d’America e la prima città è New York. In totale, sugli oltre 60mila ristoranti “all’italiana” presenti nel mondo, solo 2.200 hanno ottenuto questo importante riconoscimento. Secondo l’ultimo censimento disponibile, sono 336mila le imprese della ristorazione attualmente attive. Sono 112.441 quelle gestite da donne che scelgono in un caso su due di aprire un ristorante.
Esistono alcune criticità strutturali nel mercato della ristorazione e alcuni fenomeni recenti. Da un lato il settore soffre ancora di un elevato tasso di mortalità imprenditoriale: dopo un anno chiude il 25% dei ristoranti; dopo 3 anni abbassa le serrande quasi un locale su due, mentre dopo 5 anni le chiusure interessano il 57% di bar e ristoranti. Un dato che fa il paio con la bassa produttività di questo settore: il valore aggiunto per unità di lavoro è di 38.700 euro, il 41% più basso rispetto al dato complessivo dell’intera economia. Nel corso degli ultimi 10 anni il valore aggiunto per ora lavorata è sceso di 9 punti percentuali.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

«Grafoterapia» è un nuovo strumento per la crescita e il cambiamento interiore

Posted by fidest press agency su lunedì, 30 dicembre 2019

In libreria per Rubbettino il libro di Emma Paolillo Magaldi. Quanto può raccontare di noi la grafia? Può essere usata da chi si occupa della reclutazione del personale per indagare alcuni aspetti della personalità del candidato o per aiutare le persone che lavorano con noi a migliorarsi? Lo studio della nostra grafia può dunque essere uno strumento per attivare quel cammino di pacificazione e rigenerazione interiore a cui molti di noi aspirano? 
Queste e altre domande trovano risposta nel nuovo saggio di Emma Paolillo Magaldi “Grafoterapia. L’arte di esprimere e interpretare le emozioni” in libreria per Rubbettino Editore. Il saggio è frutto di un cammino di meditazione alla ricerca di quel filo che collega il progetto dell’anima al divino interiore. L’autrice focalizza l’attenzione sui grafemi e sul simbolismo grafico già indagato da illustri grafologi, per dimostrare che la scrittura, in quanto espressione del nostro essere fisico, mentale ed emozionale, ha il potere benefico della guarigione. Il grafologo esperto studia e individua le peculiarità di ogni grafema legate al comportamento e ne indica la correzione volta al raggiungimento del benessere della persona. L’autrice ha tratto spunto per le sue ricerche da Change Your Handwriting. Change Your Life di Vimala Rodgers, del 1993. La grafoterapia crea l’opportunità di vivere una nuova esperienza cambiando alcuni comportamenti di vita abitudinari. Il messaggio è indirizzato a coloro i quali avvertono la spinta a dare un nuovo senso alla propria esistenza e che sono pronti a fare un viaggio interiore. Le storie, riportate nel testo, dimostrano che la grafoterapia ha successo quando la persona è intenzionalmente proiettata verso l’obiettivo e ha la volontà di attivare l’energia psichica necessaria per raggiungere il fine desiderato.
Emma Paolillo Magaldi è laureata in Sociologia presso l’Università di Salerno, diplomata in Grafologia presso il Ce.S.Graf di Roma, ha conseguito il Diploma di Counselor Professionale presso il Q.I.S.S. di Salerno. Dal 1983 è Responsabile della selezione, valutazione e incentivazione del personale presso Magaldi Group Aziende leader mondiali di impianti industriali nel settore Power.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Conferenza sul controllo degli armamenti, intitolata L’onere del cambiamento

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 novembre 2019

Roma. Si è svolto nella capitale presso la sala Ritz del prestigioso St Regis Grand, il Forum sul controllo degli armamenti, intitolata L’onere del cambiamento. I principali esperti in riduzione, controllo e non proliferazione delle armi nucleari provenienti da Stati Uniti, Russia, Francia, Svezia, Canada, Brasile, Australia e altri paesi hanno affrontato le questioni più importanti e urgenti in materia di sicurezza nucleare, compresa la possibilità di mantenere il controllo degli armamenti in assenza di un trattato sulle forze nucleari a raggio intermedio, preservando il controllo strategico degli armamenti dopo il 2021 e mantenendo la stabilità strategica e regionale. I partecipanti si sono concentrati sugli standard e sui meccanismi esistenti per prevenire il crollo del Trattato di non proliferazione delle armi nucleari (TNP), e hanno dibattuto delle nuove minacce di terrorismo nucleare nonché sulle misure per contrastarle alla luce della prossima Conferenza di revisione del TNP del 2020.
CP Centro Pilota, quale “preferred supplier” della sede ospitante, in linea alle esigenze comunicative e scenografiche del Forum ha messo in campo le proprie migliori forze per realizzare un evento perfetto. Si trattava di collaborare attivamente, step by step, con gli organizzatori e realizzare congiuntamente una struttura tecnica di alto livello, corrispondente agli obiettivi del Forum.
Per questo si era deciso di arredare la sala Ritz con un allestimento tecnologico importante ma stando attenti a evitare soluzioni scenograficamente fastose. fonte http://www.centropilota.it

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

«Le pmi siano guida del cambiamento»

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 ottobre 2019

Le imprese sono le realtà verso cui le persone oggi hanno più fiducia e hanno perciò l’opportunità – e insieme la responsabilità – di guidare il cambiamento. Oscar di Montigny, manager di primo piano in Banca Mediolanum, fondatore e presidente della start-up innovativa a vocazione sociale Be Your Essence, è intervenuto oggi in una Sala Ajace completamente sold out, una platea con circa 150 giovani imprenditori arrivati a Udine per il primo incontro internazionale, “Business meets future”, a loro dedicato e organizzato dal Comitato imprenditoria giovanile della Camera di commercio di Pordenone-Udine, presieduto da Fabio Passon. Il discorso di di Montigny ha preso le mosse dall’intervento dell’altro ospite d’onore dell’evento, Sergio Arzeni, presidente Insme e già direttore all’Ocse di Parigi. Se Arzeni ha evidenziato la necessità per l’Italia di invertire la sua incapacità di attrarre e trattenere talenti invece di farli scappare e ha parlato dell’evoluzione del mondo del lavoro oggi, dove la formazione è essa stessa lavoro e va coltivata di pari passo e con costanza, di Montigny ha introdotto quattro grandi temi che stanno modificando non solo il modo di fare economia, ma le nostre vite, su cui è necessario prendere consapevolezza, soprattutto da parte degli imprenditori, per saperli gestire. «Servono aziende consapevoli – ha detto di Montigny –. I tempi sono maturi per un’economia più sana». E, in questo senso, ha confermato come tutte le più autorevoli statistiche indichino come non ci sia nessuno meglio dei privati e delle piccole e medie imprese per essere il motore del cambiamento. I driver che più lo stanno producendo sono demografia, oggi in crescita esponenziale, attenzione all’ambiente non più svincolabile dal lavoro, dall’impresa, dalla consapevolezza quotidiana, ovviamente le tecnologie, sempre più pervasive e in modi che le nostre menti non sono in grado di elaborare e prevedere, e infine anche etica, valori, comportamento, questi ultimi una sorta di sintesi di tutti i precedenti driver. Per di Montigny, due parole che descriveranno il prossimo futuro sono “innovabililty”, miscela di innovation e sustainability («hanno senso solo se concepite e coltivate insieme»), e la più tradizionale “gratitudine”, applicata però oggi al fare impresa e al mercato. Le aziende sempre più dovranno lavorare in modo che le persone che fruiscono dei loro beni o servizi siano loro grate, in senso positivo, perché la gratitudine è l’unico sentimento vero, onesto e durevole a cui il lavoro di tutti deve tendere. Tendere cioè a un’ “economia 0.0”, che ritrova il suo senso, non è la velocità a fare tutta la differenza ma l’orientamento, il fare business in modo innovativo e utile.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Lo sviluppo sostenibile e il cambiamento degli attuali equilibri

Posted by fidest press agency su venerdì, 27 settembre 2019

La comunità internazionale è in grado di realizzare gli obiettivi di sviluppo sostenibile che si è prefissata entro il 2030, ma ciò avverrà solo attraverso un cambiamento profondo degli equilibri attuali. E’ necessario infatti garantire un volume adeguato di investimenti pubblici che possano orientare l’economia globale su un percorso espansivo, afferma il Rapporto sul Commercio e lo Sviluppo 2019 dell’UNCTAD.Il rapporto propone di rilanciare le misure di politica economica adottate con successo ai tempi della grande depressione, e di farlo su scala globale. Un Global Green New Deal offrirebbe, secondo l’UNCTAD, il quadro di riferimento adeguato per superare il decennio di austerità e di insicurezza che ha fatto seguito alla crisi finanziaria del 2007/2008, contribuirebbe inoltre a generare una distribuzione dei redditi più equa ed a invertire il trend di degrado ambientale in essere. Il rapporto propone una serie di misure che possano facilitare il finanziamento di un tale accordo.
Il cambiamento climatico in corso sta già causando gravissimi danni e rappresenta ad oggi una reale minaccia esistenziale. Decarbonizzare l’economia richiede un aumento significativo degli investimenti pubblici, diretti in particolare ai sistemi di trasporto, all’energia ed alla produzione alimentare. Ciò dovrà essere sostenuto da politiche industriali efficaci, da sussidi mirati, incentivi fiscali e prestiti facilitati nonché da crescenti investimenti in ricerca, sviluppo ed adattamento tecnologico.
Il rapporto stabilisce una tabella di marcia che possa portare i tassi di crescita nelle economie avanzate, dall’attuale 1% all’1,5%. Per le economie in via di sviluppo, esclusa la Cina, i guadagni saranno maggiori, compresi tra l’1,5% ed il 2% annuo.Ma saremo davvero in grado di conciliare crescita economica e tutela dell’ambiente?
Un aumento annuo degli investimenti “verdi” pari a circa il 2% della produzione globale – 1,7 trilioni di dollari, cioè solo un terzo di quanto attualmente speso per sovvenzionare l’utilizzo di combustibili fossili – potrebbe, secondo l’UNCTAD, generare un aumento netto dell’occupazione globale pari ad almeno 170 milioni di posti di lavoro, oltre a garantire un’industrializzazione più pulita nei paesi in via di sviluppo ed una riduzione complessiva delle emissioni di carbonio in linea con gli obiettivi dell’Agenda 2030.Ma il rapporto sottolinea anche come aumentare gli investimenti in maniera da sradicare la povertà e realizzare gli obiettivi in materia di nutrizione, salute ed istruzione imponga oneri finanziari impossibili da assolvere nel contesto attuale per molti paesi in via di sviluppo. Riformare profondamente il sistema commerciale, finanziario e monetario a livello internazionale è dunque di primaria importanza per realizzare l’Agenda 2030.
Le scelte di politica economica adottate nell’ultimo quarto di secolo ed in molti casi dettate dagli interessi del settore privato, infatti, non ci hanno condotto su un sentiero di crescita sostenibile dal punto di vista economico, sociale ed ambientale. Il rapporto mette in discussione l’idea di continuare a battere la stessa strada e di finanziare lo sviluppo con gli stessi strumenti che hanno favorito l’indebolimento del tessuto economico conducendoci alla crisi del 2007/2008.
Al contrario, l’UNCTAD propone di porre il settore pubblico al centro della sfida per il finanziamento del Global Green New Deal ed invita la comunità internazionale a costruire il consenso necessario alla realizzazione di questo obbiettivo.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il più grande motore del cambiamento di fronte al più grande motore di ricerca

Posted by fidest press agency su martedì, 24 settembre 2019

Nel 2020, 825.000 posti di lavoro nell’UE saranno legati all’informatica e alle telecomunicazioni, ma attualmente, in seno all’OCSE, solo 1 laureato in Ingegneria su 5 è donna. Loro continuano a preferire fare la maestra o l’infermiera, le classiche ‘professioni da donna’. Anche se sono sempre più numerose quelle che sognano di diventare ‘youtuber’, ‘instagramer’ o influencer.Tuttavia, l’interesse delle bambine per la scienza e la tecnologia raddoppia quando hanno dei punti di riferimento in questo campo. Ed è qui che sorge il problema: non è affatto facile trovare dei referenti femminili. Soprattutto attraverso il primo strumento di ricerca di informazioni: Google.Internet si è dimenticato di loro. Neanche l’ombra, nelle prime ricerche, di referenti donne… in quasi nulla che non rientri nello stereotipo sessista femminile. Oggi Internet ci mostra un’immagine prevalentemente distorta della donna. C’è qualcosa che non va e la Fundación Esperanza Pertusa vuole risolvere il problema.A cominciare da quel modo di decidere che cos’è più rilevante. Per questo hanno chiesto a Google di renderle più visibili su Internet, al fine di aiutare a risvegliare l’interesse di altre bambine per le STEM (Science, Technology, Engineering and Mathematics). Una cosa così complessa (eppure così semplice) come cambiare il suo algoritmo. Quella formula segreta che decide ciò che esiste e ciò che no, e che, pur essendo aggiornata 500 volte all’anno, non ha ancora corretto quella carenza. «Se con Google Adwords è possibile apparire ai primi posti delle ricerche, semplicemente per aver pagato, supponiamo che Google potrà posizionare ai primi posti donne ispiratrici di altre donne, semplicemente per responsabilità» afferma Esperanza Navarro, presidente della fondazione.Infatti, allo stato attuale, è più probabile che una bambina preferisca essere ‘famosa’ che scienziata o ingegnera nucleare. Abbiamo bisogno «di più Marie Curie, di più Nuria Oliver, di più Walley… e di meno ‘silicone’». Un grido di aiuto che, prima o poi, dovrà essere ascoltato: «Cambiate il vostro algoritmo o tra non molto lo cambieremo noi!», assicurano queste future ingegnere del team di robotica di una scuola di Alicante, ‘Las Peque Robots’ (Le piccole robot), protagoniste del video della campagna.
Girls4Tech è un progetto educativo creato per promuovere l’interesse delle bambine per la scienza, la tecnologia, l’ingegneria e la matematica, che rientra nell’ambito del programma Women4Change della Fundación Esperanza Pertusa dell’azienda di calzature Gioseppo.
Abbiamo bisogno di più donne nei settori tecnologici, nella ricerca, nelle aziende e a capo dei principali progetti che stanno definendo il futuro, se vogliamo costruire un mondo più giusto, egualitario e sostenibile.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il Governo è cambiato, e allora cambino anche le politiche

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 settembre 2019

Oggi presentiamo l’ennesima storia di disperazione che evidenzia le contraddizioni più evidenti del nostro Paese. A denunciare è Maria Rondine, commessa Coop:”Buongiorno Francesco sono Maria, ti volevo far sapere cosa mi è successo. Ieri mio zio 88enne si sente male, chiamiamo il 118, vengono lo visitano ma ci dicono che è meglio non portarlo al pronto soccorso perché sono pieni e aspetterebbe per delle ore su una barella. Ci consigliano di chiamare un centro analisi per fargli fare le analisi a domicilio. Io ieri dalle 17 chiamo tutti i centri analisi a pagamento per chiedere questo servizio. Ebbene o sono già chiusi o chi è aperto mi dice che la domenica non fanno questo servizio!!! Passo la notte in bianco vicino a mio zio perché per me è un padre e stamattina alle sei sono già in viaggio per andare a lavorare, perché la pizza e le rosette oggi non devono mancare.«Storie come quella di Maria sono all’ordine del giorno – dichiara Francesco Iacovone, del Cobas nazionale – e ci raccontano di una sanità allo sbando, di veri e propri calvari nei Pronto Soccorso dei nostri nosocomi e di una carenza di organico strutturale e pericolosa per le nostre vite. Mentre la possibilità di fare shopping sembra essere l’unico “servizio” che non ci deve mai mancare. Sulla pelle di chi quel servizio per nulla essenziale lo presidia senza sosta.»«Lunedì il nuovo Governo chiederà la fiducia in Parlamento – prosegue il rappresentante sindacale – e noi vogliamo sapere come intende affrontare questa questione, che è stata snobbata nonostante le promesse dal passato Governo giallo verde. Ci aspettiamo dai nuovi Ministri Speranza e Catalfo una vera e propria inversione di rotta, che ci garantisca i servizi davvero essenziali e di pubblica utilità e riconsegni ai lavoratori del commercio una porzione di vita per curare i propri affetti e vivere una vita dignitosa ».«Noi certo non smetteremo di lottare, qualsiasi sia il colore del Governo, perché un paese che non riparte dal welfare e dal lavoro ha già perso.» – conclude Iacovone.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Quando i partiti ci dicono di voler cambiare tutto

Posted by fidest press agency su mercoledì, 14 agosto 2019

Se volessimo citare il primo uomo che ha soggiogato i suoi simili con la suggestiva proposta di voler cambiare tutto dovremmo tornare all’età della pietra. Da allora ad oggi ne è passata di acqua sotto i ponti ma la barca della speranza e dell’attesa è riuscita a tenere la barra dritta a dispetto delle acque agitate in cui si è trovata. E’ uno strano destino il nostro. Ci accontentiamo dei trenta miseri denari e per guadagnarli non ci facciamo scrupolo di tradire il nostro simile per affidarlo nelle mani del carnefice. Ma perché queste anime pie hanno bisogno di un cambiamento? Perché lo attendono con tanta ansia tanto da illudersi delle parole del primo imbonitore di turno seguendolo docilmente come nella storia del pifferaio di Hamelin? Perché la nostra mente è limitata a tal punto da deprivarsi dalla capacità che dovrebbe essere innata nel discernere il falso dal vero? Forse perché è stata tanta l’attesa e l’amarezza della disillusione che abbiamo finito con l’affidare ai posteri questa lunga attesa non volendo rinunciare a quell’ultimo barlume da un moccolo di candela. E’ che di generazione in generazioni ci prendiamo in carico questa pesante eredità ma finiamo sempre con il vanificarla non riuscendo a fare altro che a rinviarne la soluzione. Se in base a questa premessa ci caliamo nella realtà italiana potremmo spiegare meglio il grado umorale degli elettori da 25 anni a questa parte. E ci sono voluti 25 anni per arrivare a una sola conclusione: le promesse non sono mancate ma è rimasta immutata la logica gattopardesca “del tutto cambiare per nulla cambiare”. Abbiamo avuto persino partiti e movimenti nuovi o partiti che ci hanno fatto credere d’aver cambiato pelle ma hanno finito solo con il fare la fine dei pifferi di montagna che andarono a suonare e furono suonati. Ora è la volta del piffero verde e che dire se non ai posteri: a voi la “facile” sentenza. (Riccardo Alfonso)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il mondo del lavoro sta cambiando più velocemente che mai

Posted by fidest press agency su martedì, 25 giugno 2019

E temi quali diversità e inclusione sul posto di lavoro non sono mai stati tanto rilevanti quanto oggi. Qualsiasi organizzazione, per lavorare al massimo delle sue potenzialità, necessita di una molteplicità di idee, punti di vista diversificati e approcci non convenzionali, elementi che solo un ambiente di lavoro inclusivo può favorire. Per questo è necessario che dipendenti e datori di lavoro operino in sinergia per garantire la valorizzazione della diversità e il rispetto dei diritti in azienda.“Un team diversificato, ma allo stesso tempo bilanciato e soprattutto ben gestito può rappresentare un enorme vantaggio per un’azienda – ha commentato Sofia Cortesi, Chief Financial Officer di Hays Italia -. Può incoraggiare la nascita e lo scambio di nuove idee tra colleghi e clienti, favorendo una più ampia visione del business. Un ambiente di lavoro inclusivo, inoltre, può aumentare la coesione del gruppo e la lealtà nei confronti dell’azienda, migliorando la produttività e le performance dell’intera organizzazione”.
I metodi di assunzione sono il primo strumento per favorire la diversity in azienda e, già a partire dalla prima scrematura dei CV, ci sono molti accorgimenti da osservare per migliorare il processo di selezione delle risorse. Spesso datori di lavoro e responsabili HR, ad esempio, valutano i candidati in base al loro curriculum, scartando risorse di talento a causa di periodi di inattività nel loro percorso professionale. Questo può costituire un particolare svantaggio, ad esempio, per coloro – in gran parte donne – che hanno scelto di staccarsi temporaneamente del lavoro per prendersi cura di figli o familiari. Supportare il rientro nel mondo del lavoro di questi professionisti, invece, è fondamentale per tutte le aziende che desiderano reclutare e fidelizzare risorse di talento.Molte aziende ricorrono già al cosiddetto “blind CV”, in cui informazioni quali età, genere e provenienza del candidato vengono omesse per evitare che pregiudizi inconsci influenzino la fase di scrematura. Impostare un processo di selezione focalizzato principalmente sulla valutazione delle competenze è utile per verificare soft skill fondamentali quali capacità comunicative, intelligenza emotiva, attitudine al problem solving e motivazione personale. Inoltre, è indispensabile che, anche in fase di colloquio, si mantenga un approccio neutrale per mitigare qualsiasi possibile pregiudizio nella selezione.
Se un’azienda è realmente impegnata nel garantire politiche di inclusione, è opportuno che comunichi ai propri dipendenti le iniziative intraprese per creare un ambiente di lavoro rispettoso della diversità. Che si organizzino meeting periodici, che si invii una newsletter o che si compilino dei veri e propri “Diversity & Inclusion Report”, è indispensabile che lo staff sia informato in modo puntuale e trasparente sui progressi dell’azienda in questo frangente. Un’azienda che si dichiara inclusiva deve anche saper dimostrare di esserlo, in primis ai propri dipendenti.
Il lavoro flessibile è generalmente sinonimo di professioniste che vogliono conciliare carriera e famiglia, di un vantaggio che si guadagna dopo numerosi anni di lavoro nella stessa azienda o, infine, di un benefit facoltativo concesso dalle aziende. Per favorire l’inclusione, invece, il lavoro flessibile dovrebbe essere offerto, come opzione, a tutti i dipendenti già al momento dell’assunzione, così come andrebbero create delle politiche “family friendly” anziché “female friendly” per abbattere i pregiudizi. Conciliare famiglia e lavoro, ad esempio, non deve essere visto come un problema di genere, ma come un problema sociale a cui le aziende devono porre rimedio se desiderano fidelizzare i talenti. Il lavoro agile deve essere concepito come uno strumento per attirare e mantenere in azienda le risorse migliori, siano esse donne o uomini, madri o padri, professionisti junior o senior. Inoltre, la flessibilità lavorativa, fondamentale per la creazione di una forza lavoro realmente diversificata, deve essere incoraggiata e correttamente comunicata a partire dai vertici aziendali: i dipendenti devono essere costantemente informati sulle opportunità a loro disposizione.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

La divisa del cambiamento e la grisaglia che ricorda Monti

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 giugno 2019

“Il tono dimesso del ministro Tria conferma ancora una volta la preoccupante mutazione genetica in essere all’interno della maggioranza. Conte ha dismesso la divisa del cambiamento e ha assunto una grisaglia che ricorda quella montiana. Ha messo la museruola a Salvini e Di Maio e si appresta a chinarsi all’Europa discutendo di ‘zerovirgola qualcosa’ di austerità. È l’esito scontato di chi sino ad oggi ha chiesto di sforare non per lo sviluppo ma per l’assistenzialismo con conseguente esplosione del debito pubblico. Per fratelli d’Italia il sovranismo economico è andare in Europa a chiedere di sforare per curare una Nazione ferita, per tagliare il cuneo fiscale con un importante piano industriale e per rilanciare gli investimenti. E invece questo governo non solo non va a chiedere di sforare per gli investimenti ma addirittura blocca anche quelli europei come la Tav. Il governo Conte si arrende al declino e ipotizza che l’unica politica di lavoro è il reddito di cittadinanza, cioè il metadone di Stato applicato alle politiche del lavoro. Insomma chiede di sforare per fare un po’ di finanza allegra e per aumentare la spesa improduttiva e assistenziale”. Così Andrea Delmastro, deputato di Fratelli d’Italia intervenendo in aula sulla informativa del ministro dell’Economia Giovanni Tria.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

La Rai del cambiamento resta nel mondo delle buone intenzioni

Posted by fidest press agency su venerdì, 19 aprile 2019

“La lotta per un cambiamento radicale del servizio pubblico è iniziata da tempo, ma non sta procedendo sui giusti binari.Ho voluto dirlo in maniera esplicita al Presidente Rai Foa stamattina in audizione in commissione di Vigilanza Rai. Riteniamo sia stato fatto un lavoro approfondito sul piano industriale triennale, ma ci sono delle incongruenze: penso alla capacità dell’azienda RAI sul mercato realtà degli OTT, sempre più competitive, che aggrediscono il mercato dei contenuti mentre il servizio pubblico rimane sempre più indietro.La riorganizzazione generale in corso, pensiamo alla chiusura di RaiMovie, avrebbe potuto portare un completo cambio di paradigma: quello che chiamo “Raiflix”.
Netflix, Amazon e gli altri OTT praticano un’attività predatoria, e la Rai annaspa. Invitiamo i vertici Rai a tutelare e garantire il pluralismo interno. Non è ammissibile il tono delle dichiarazioni del sottosegretario Vito Crimi sulla chiusura di Radio Radicale. Vergognoso è inoltre il mancato rifinanziamento del credito d’imposta per l’editoria per il 2019, che costringe molti giornali ai tagli del personale.
Questo governo, attraverso anche la Rai, si sta dimostrando un governo liberticida. Abbiamo richiesto l’audizione del sottosegretario per chiedere chiarimenti su questi atteggiamenti.Un appunto: Giorgia Meloni, quarto o quinto leader nell’indice di gradimento, è agli ultimi posti per numero di apparizioni televisive sui canali Rai, come denunciato francesco storace sul Secolo d’Italia. È pluralismo? Dubbi vengono oltretutto posti sul piano delle assunzioni: perché verranno assunti nuovi collaboratori mentre quelli precari non vengono stabilizzati e le graduatorie in sospeso non vengono assorbite? Completa solidarietà al Vicedirettore del TG1 Angelo Polimeno. L’azienda faccia velocemente chiarezza sull’eventuale lite e irrori le eventuali sanzioni.
Gli atteggiamenti aggressivi di Carboni in vigilanza fanno supporre che, probabilmente, una lite ci sia stata. La Rai del cambiamento, per ora, è sempre la stessa.”

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Valutazioni, titoli BBB e cambiamento di rotta delle politiche monetarie”

Posted by fidest press agency su domenica, 14 aprile 2019

Le imprese della maggior parte delle economie sviluppate godono da anni di costi di finanziamento estremamente bassi (a volte persino negativi nell’eurozona). Le aziende sono state avvantaggiate dalla risposta delle banche centrali alla crisi finanziaria globale, e in particolare dalla riduzione dei tassi d’interesse e dagli acquisti di titoli, incluse obbligazioni societarie, effettuati dalla Banca centrale europea. Gli interventi delle autorità monetarie hanno contribuito inoltre a ridurre i rendimenti dei titoli di Stato a livelli che non si vedevano da decenni. Dato che il prezzo del debito corporate è fissato in relazione ai rendimenti sovrani, gli emittenti societari hanno beneficiato di un decennio di condizioni di indebitamento estremamente vantaggiose.Non sorprende che molte aziende abbiano trovato l’offerta di denaro “a buon mercato” molto allettante e abbiano emesso debito per finanziare fusioni, in aggiunta ad effettuare acquisizioni e altre operazioni più favorevoli agli azionisti, compresi i riacquisti di azioni proprie. Nel far questo hanno accumulato ingenti livelli di debito, che seppure relativamente facili da finanziare a tassi o rendimenti estremamente bassi potrebbero dare maggiori problemi qualora i costi di finanziamento dovessero aumentare notevolmente o persino normalizzarsi. Di conseguenza, le dimensioni del mercato investment grade europeo sono aumentate di circa due volte e mezzo, passando da un valore facciale di circa 800 miliardi di euro all’inizio del 2005 a oltre 2.100 miliardi di euro alla fine del gennaio di quest’anno.Nel frattempo, le decisioni delle agenzie di rating hanno creato una sovrabbondanza di titoli con rating BBB in Europa e negli Stati Uniti. Secondo i dati di ICE Bank of America Merrill Lynch (Figura 2), questa fascia a basso rating del mercato investment grade è passata da circa il 20% dell’indice europeo nel 2005 a oltre il 45% dello stesso all’inizio di quest’anno.
Ciò significa che il mercato europeo presenta oggi una struttura per rating analoga a quella del proprio omologo statunitense, anche se la duration complessiva del mercato è ovviamente inferiore di circa due anni. Alcuni temono che se una parte di questi emittenti fosse declassata ulteriormente alla categoria high yield, magari in seguito a un aumento dei costi di finanziamento, il ben più piccolo mercato dell’alto rendimento europeo avrebbe difficoltà ad assorbire un debito di tale entità.Noi siamo meno preoccupati. La crescente presenza di obbligazioni con rating BBB è dovuta in gran parte all’ingresso sul mercato di nuovi emittenti appartenenti al settore delle utility regolamentate, che prima della crisi finanziaria globale si finanziavano presso le banche e, naturalmente, al settore bancario stesso. Negli anni antecedenti alla crisi la maggior parte delle obbligazioni bancarie aveva rating più elevati, ovvero A o AA. La successiva transizione dei rating rispecchia il fatto che nel 2005 il merito di credito delle banche era stato erroneamente valutato.Dopo un decennio di ri-regolamentazione e risanamento, con conseguente aumento dei coefficienti patrimoniali e della liquidità, le banche sono diventate emittenti più solidi rispetto al periodo precedente il crollo. Contemporaneamente, la quota del debito subordinato o junior (bancario e societario) nell’indice è diminuita da oltre il 20% al 10% circa di oggi.
Un reale deterioramento della qualità del credito corporate si riscontra nel settore delle telecomunicazioni e in quello dei beni di consumo (incluse le auto). Tra gli emittenti di spicco il cui debito BBB è aumentato figurano Volkswagen, AB InBev e compagnie di telecomunicazione come Telefonica, Orange e Deutsche Telecom.
L’anno scorso il mercato europeo del credito investment grade ha evidenziato un andamento deludente. Come indicato, gli spread sono aumentati di circa il 90% in appena 12 mesi. Se consideriamo queste valutazioni nel contesto degli ultimi 20 anni, troviamo che attualmente sono di 0,5 deviazioni standard superiori alla media. In una prospettiva di più breve periodo, ad esempio cinque anni, sono più vicine a uno scarto di 2,5 deviazioni standard rispetto alla media. È evidente che il mercato è tornato a offrire un discreto valore.
Questo miglioramento delle valutazioni trova chiaramente spiegazione in alcuni sviluppi fondamentali, tra cui il cambiamento delle politiche monetarie, il rallentamento dell’attività economica e i comportamenti aziendali più favorevoli agli azionisti. Quest’ultima influenza si è tradotta in parte nell’aumento degli emittenti con rating BBB all’interno del benchmark. Restiamo convinti, come lo siamo da tempo, che il ciclo del credito sia giunto a una fase avanzata; tuttavia, nella misura in cui il miglioramento delle valutazioni rispecchia i timori riguardo alla maggiore presenza di titoli BBB, siamo diventati più ottimisti riguardo al mercato. (by Columbia Threadneedle Investments in abstract)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La scuola in piazza per il cambiamento: quello vero

Posted by fidest press agency su venerdì, 23 novembre 2018

Venerdì 30 novembre sarà una giornata di mobilitazione per le lavoratrici e i lavoratori della scuola (docenti, personale ATA, EX LSU ATA) e delle cooperative sociali che insieme agli studenti di Bastalternanza manifesteranno in tre luoghi diversi della città di Roma.
Una giornata di sciopero su vertenze molto importanti che l’Unione Sindacale di Base in questi anni ha portato avanti a difesa dei reali interessi dei lavoratori e del servizio pubblico che essi garantiscono, nell’ostilità di governi e sindacati subalterni a interessi completamente diversi: i profitti delle imprese private.Tre piazze con tre manifestazioni che vedranno uniti in un cordone virtuale i lavoratori della scuola che manifesteranno al MIUR insieme agli studenti, per l’immissione in ruolo immediata per tutti i docenti con 36 mesi di servizio, per un piano straordinario di assunzione del personale ATA a copertura del reale fabbisogno delle scuole, eliminando, con una vera internalizzazione del servizio e l’assunzione diretta dei lavoratori, anche la vergogna degli appalti cui sono adibiti gli EX LSU ATA, per un vero rinnovo contrattuale con consistenti aumenti salariali, contro la regionalizzazione del sistema d’istruzione che lede il principio solidaristico delle redistribuzione delle risorse e determinerebbe differenze sostanziali tra alunni del Sud rispetto al Nord, per l’abolizione completa dell’alternanza scuola lavoro e l’eliminazione dell’INVALSI, strumenti funzionali all’asservimento degli studenti e all’abitudine al lavoro precario.Piattaforma che si collega immediatamente con l’altra piazza, quella di Montecitorio, dove a protestare sarà appunto la platea di tutti gli ex LSU ATA che da oltre 20 anni salvaguardano il servizio di pulizia e decoro degli istituti scolastici, in condizioni di lavoro disastrose dal punto di vista salariale e dei carichi di lavoro. In questi anni questi due parametri si sono modificati in modo inversamente proporzionale: con il diminuire dei finanziamenti statali si sono ridotte le ore di lavoro, e quindi i salari, e sono invece aumentati i metri quadrati da pulire. Un appalto che ha consentito grossissimi guadagni per imprese, consorzi e cooperative, con uno spreco di risorse enorme ed un servizio sempre peggiore. La loro assunzione, per la quale sono stati accantonati oltre 11.500 posti di lavoro, farebbe risparmiare decine di milioni allo Stato e impedirebbe che centinaia di lavoratrici e lavoratori debbano rimanere anche fino ad 11 mesi senza salario pur continuando ad assicurare il servizio, sottoposti a continui ricatti delle aziende, per uno stipendio che nella generalità dei casi non va oltre i 4/500 euro e raramente raggiunge gli 8/900 euro. Porre fine a questa indecente esternalizzazione, che ha visto spesso le ditte coinvolte in scandali di malaffare, sarebbe solamente una misura di buon senso.
Nelle stesse ore al Senato manifesteranno gli educatori dei servizi socio-sanitari-pedagogici, che da tempo denunciano come nel nostro paese siano a rischio migliaia di posti di lavoro a causa di un riordino professionale derivante dal combinato disposto delle leggi Lorenzin/ex IORI, che potenzialmente espelle migliaia di educatori che, pur lavorando da moltissimi anni, oggi rischiano di vedersi accusati di abuso della professione educativa o di doversi pagare, in altri casi, percorsi formativi costosissimi senza alcuna garanzia di un riconoscimento formale della qualifica. Anche in questo caso un sistema di appalti che garantisce ricchi profitti alle imprese ma non tutela il lavoro. Il nuovo governo deve capire che difendere la qualità del servizio parte innanzitutto dalla professionalità degli operatori e che difendere i posti di lavoro significa assicurare a milioni di cittadini il diritto alla salute, al welfare universale, all’accoglienza, ai servizi culturali e alla persona. Insieme agli educatori ci saranno gli operatori sociali di tutti i servizi di welfare, da quelli assistenziali e sanitari a quelli per l’accoglienza, per dire basta alla precarietà, per la reinternalizzazione dei servizi, per svincolare da Patto di Stabilità il finanziamento di Sanità – Welfare – Cultura, per un CCNL che riconosca il Lavoro Pubblico di chi oggi è impiegato nel Terzo Settore.Alla base di tutto il rifiuto della gabbia finanziaria in cui siamo costretti dall’Unione Europea e dall’art.81 della Costituzione, che prescrive il pareggio di bilancio ed impedisce politiche espansive da parte dello Stato, inserito all’epoca del Governo Monti, che ha prodotto impoverimento e distruzione di diritti sociali, per l’abolizione del quale USB raccoglierà, anche durante le manifestazioni del 30 novembre, le firme sulla proposta di Legge di Iniziativa Popolare.

Posted in Cronaca/News, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Governo del cambiamento?

Posted by fidest press agency su domenica, 4 novembre 2018

Le promesse del governo del cambiamento sull’abbattimento immediato del precariato scolastico non trovano alcun riscontro nella legge di bilancio. Dopo la denuncia dell’Anief, ad ammetterlo è stato anche il Ministro dell’Istruzione, Marco Bussetti, intervenuto al Question Time alla Camera. Rispondendo ad una precisa domanda sugli organici dei docenti, in particolare sull’ampliamento di quelli della scuola dell’infanzia e primaria, il Ministro ha detto di avere “chiesto al presidente del Consiglio Conte e al ministro dell’Economia Tria che nella legge di bilancio vengano trovate le risorse per il rafforzamento dell’organico dei docenti, in particolare alla scuola dell’infanzia e alle primarie”. Perché solamente “attraverso un consistente ampliamento dell’organico che riguarderebbe, in particolare, le regioni meridionali dove è maggiore l’esigenza di potenziamento del tempo pieno – ha concluso Bussetti – potranno, infatti, crearsi le condizioni per dare soluzione agli effetti negativi prodotti dalla legge 107″. L’ammissione del Ministro non è sfuggita ai commenti della stampa specializzata. “Ci si aspettava che le risorse venissero stanziate nella legge di bilancio – scrive Orizzonte Scuola – ma di nuovi posti neppure l’ombra. A farne le spese, come al solito, il potenziamento del tempo pieno al sud, nonché le assunzioni in più per infanzia (si contava di recuperare 20.000 posti). Nel complesso, i posti che sono saltati, rispetto alle aspettative del Miur, sono 27.400”.Salvo interventi in Parlamento, quindi, sfuma il “pacchetto” di 27.400 assunzioni di insegnanti a Ata che il Ministro dell’Istruzione ha presentato in vista del prossimo anno scolastico. E allora viene da chiedersi: perché i politici di maggioranza e al governo, in testa lo stesso Ministro dell’Istruzione, continuano a perorare l’esigenza di incentivare sensibilmente il numero di cattedre nelle regioni dove i tassi di abbandono scolastico e disoccupazione sono altissimi e dove l’offerta culturale è vicina ai Pasi del terzo mondo? Perché si continua a penalizzare il primo ciclo, in particolare la scuola dell’infanzia, negando un potenziamento di organici degno di questo nome?Solo qualche settimana fa, avevamo ascoltato con serio interesse le parole dell’on. Luigi Gallo (M5S), presidente della commissione Cultura alla Camera, che ha parlato della necessità di organizzare delle iniziative culturali nei territori più degradati, affermando che “è necessario trasformare le scuole in presìdi di aggregazione per attività culturali ed educative” e riguardo al tempo pieno ha preso un preso un preciso impegno, sostenendo che “in questi cinque anni, bisogna necessariamente ridurre quella distanza che separa il Settentrione dal Meridione. Laddove esiste questo divario vanno posti rimedi. Il contratto di Governo prevede il recupero dei gap che esistono fra una regione e l’altra”.Ora, però, le buone intenzioni si perdono nella concretezza delle disposizioni del governo. Del progetto di ampliamento del tempo pieno, attraverso l’innalzamento degli organici del personale, non c’è traccia all’interno del testo della manovra economica del 2019: “I 27.400 mila posti chiesti dal Ministro Bussetti – commenta Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal – erano già una quota risibile, rispetto alle effettive necessità, visto che oggi vi sono 120 mila posti vacanti, di cui quasi le metà su sostegno. Avere negato anche quelli significa che al momento non c’è alcuna volontà di investire su potenziamento tempo pieno. Addirittura, se non si cambia marcia, la prossima estate potremmo ritrovarci con un numero record di supplenti annuali. Così il governo del cambiamento negherà se stesso. Inutile promettere mari e monti se poi nell’unico provvedimento utile, nella legge di stabilità, non si trovano coperture finanziarie”, conclude Pacifico.

Posted in scuola/school, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »