Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 259

Posts Tagged ‘camera deputati’

Camera deputati: Elezioni supplettive a Roma

Posted by fidest press agency su martedì, 14 gennaio 2020

Roma Anche Volt Italia parteciperà alla corsa per le elezioni suppletive alla Camera del Collegio uninominale n. 1 della XV Circoscrizione Lazio 1, previste il 1 marzo 2020. Il candidato sarà Luca Maria Lo Muzio Lezza, architetto 31enne e responsabile comunicazione del team romano. I volontari di Volt, partito paneuropeo, progressista e ambientalista, sono attivi nelle piazze di Roma in questi week-end per la raccolta delle firme necessarie, un obiettivo che appare alla loro portata. Mentre gli altri partiti non hanno ancora sciolto le riserve sui nomi degli avversari, la candidatura di Volt e di Lo Muzio sono la vera novità di queste elezioni. “La nostra campagna – dichiara Lo Muzio – si concentrerà sulla centralità dell’Europa nella vita dei cittadini, la sostenibilità ambientale quale motore innovativo per far ripartire il Paese, il rilancio dell’occupazione giovanile , l’equità sociale, la lotta alle discriminazioni, la parità di genere e la partecipazione informata dei cittadini alla definizione delle priorità dello Stato.” La votazione suppletiva a Roma è stata resa necessaria dalle dimissioni di Paolo Gentiloni, nominato Commissario europeo agli Affari economici.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Omotransfobia, legge incardinata in Commissione Giustizia alla Camera

Posted by fidest press agency su martedì, 29 ottobre 2019

“Accogliamo con grande soddisfazione la notizia dell’inizio dell’iter di approvazione della legge contro l’omotransfobia nella Commissione Giustizia di Montecitorio”. così Gabriele Piazzoni, segretario generale di Arcigay. Che prosegue: “Quella legge andrebbe a colmare una lacuna grave che si ripercuote direttamente sulla vita delle persone lgbti. Le discriminazioni e le violenze che colpiscono le persone in ragione del loro orientamento sessuale e della loro identità di genere riempiono un bollettino quasi quotidiano al quale non si può non prestare attenzione. Ed è altrettanto noto che la negazione dei diritti di quelle persone è in cima all’agenda politica delle destre e dei movimenti neofascisti in tutto il mondo, Italia compresa. Perciò è fondamentale che la politica metta in campo un provvedimento serio ed efficace, che ponga un argine concreto all’ondata d’odio da cui anche il nostro Paese è attraversato. In questa legislatura, tra Camera e Senato, sono diversi i progetti di legge contro l’omotransfobia depositati: l’auspicio è che il lavoro parlamentare si ponga l’obiettivo di costruire una sintesi trasversale tra gli aspetti migliori di ciascuna delle proposte in campo e che questo percorso si apra all’ascolto della comunità lgbti, per non replicare gli errori del passato, quando progetti di legge analoghi, a causa di compromessi di palazzo, vennero prima svuotati, per poi insabbiarsi e finire in un nulla di fatto. Impariamo allora dagli errori del passato – conclude Piazzoni – e proiettiamo questo percorso verso quello che deve essere, cioè la risposta efficace a un allarme sociale concreto.”

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il discorso di Conte alla Camera dei deputati

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 settembre 2019

Stamani vi è stato l’intervento programmatico del governo Conte illustrato alla Camera dei deputati. Per Debora Serracchiani, capogruppo Pd in commissione Lavoro alla Camera: “Conte ha fatto un discorso ambizioso ed equilibrato, e le contestazioni scomposte delle opposizioni confermano che abbiamo lanciato una sfida molto alta. Spero che dopo il giorno dello show la destra contribuirà ai lavori in modo più utile”. “Gli impegni programmatici del nuovo Governo in materia di lavoro sono positivi e – ha aggiunto la parlamentare dem – andranno accompagnati a buon esito dall’impegno congiunto dell’Esecutivo e del Parlamento. Sono state chiare le puntualizzazioni sulla parità di genere nelle retribuzioni, sulla piaga degli infortuni sul lavoro e sulle malattie professionali. Particolarmente importante l’annuncio del taglio del cuneo fiscale cui – ha concluso – il Pd teneva molto”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Parlamento italiano: Ratifica accordi internazionali

Posted by fidest press agency su venerdì, 12 aprile 2019

L’on. Fucsia Nissoli Fitzgerald, eletta nella Circoscrizione estera – Ripartizione Nord e Centro America, è intervenuta a nome di Forza Italia, nell’Aula di Montecitorio, per dichiarare il voto favorevole del suo Gruppo parlamentare alla ratifica di tre importanti Accordi internazionali. In particolare, l’on. Nissoli è intervenuta sulle ratifiche concernenti l’Accordo con il Niger, fatto a Roma nel 2017, e con il Libano, fatto a Beirut nel 2016, intese particolarmente decisive in considerazione della necessità di consolidare i nostri rapporti mediante specifiche intese, nell’ottica di una rinnovata evoluzione della nostra politica estera, con paesi che stanno diventando sempre più strategici per gli interessi italiani.
Inoltre, la deputata eletta in Nord e Centro America è intervenuta sulla ratifica della Convenzione del Consiglio d’Europa sulla manipolazione delle competizioni sportive, fatta Magglingen nel 2014. Tale Convenzione consente di contrastare, con strumenti omogenei in tutta Europa e con misure non solo sanzionatorie, le attività criminali in ambito sportivo, per fermare i flussi finanziari tra gli operatori di scommesse illegali e i consumatori, intervenire fin dall’inizio per bloccare i fenomeni corruttivi, le agevolazioni e i contributi in favore di coloro che si sono resi responsabili di reati connessi alle manipolazioni sportive.

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Camera deputati: Incontro rappresentanti associazioni insegnanti diplomati

Posted by fidest press agency su venerdì, 6 luglio 2018

Roma Il vicepresidente della Camera dei deputati Fabio Rampelli ha incontrato oggi i rappresentanti dei delegati dei comitati e delle associazioni degli insegnanti diplomati magistrale. L’invito era stato esteso anche ai vincitori del concorso 2016, ai laureati di Scienze della Formazione primaria nuovo ordinamento, e alle Gae storiche, che però non si sono presentati.Nel corso dell’incontro ogni delegazione ha esposto i problemi dell’insegnamento precarizzato nelle scuole dell’infanzia della scuola primaria, e destinato, secondo la sentenza del Consiglio di Stato, a concludersi al termine della scadenza della proroga decisa dal ministro dell’Istruzione Marco Bussetti. “La sentenza del Consiglio di Stato ha creato divisioni tra i vari gruppi di interessati e contro interessati.– ha spiegato Rosa Sigillò, coordinatrice nazionale Mida Precari- A oggi, la sentenza ha determinato che 50mila docenti, ossatura per decenni della didattica primaria, tornino nelle graduatorie per le supplenze, senza possibilità di stabilizzazione né tantomeno di un lavoro stabile annuale. In assenza di un reclutamento ben definito, questi insegnanti rischiano di andare in pensione da precari”.“Dobbiamo utilizzare al meglio questi 120 giorni – ha detto il vicepresidente Rampelli -per aiutare il Governo a emanare un decreto legge affinché non si neghino dignità, continuità didattica, e stabilizzazione a una categoria già vessata da 20 anni”. Alla riunione hanno anche partecipato i deputati di Fratelli d’Italia Maria Teresa Bellucci, Federico Mollicone,e Paolo Trancassini.

Posted in Politica/Politics, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Intervista a Brunetta a “La Repubblica” sulle presidenze delle Camere

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 marzo 2018

“Io dico che se si raggiunge un accordo istituzionale serio sulle presidenze, che non si presti a trabocchetti e agguati d`aula, allora potremmo compiere un buon primo passo verso la formazione di un governo”.Così Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, in un’intervista a “la Repubblica”. Sta dicendo che andiamo verso un possibile governo centrodestra-5Stelle? “Questo lo sta dicendo lei. Io mi limito a dire, alla Catalano, che è meglio avere un accordo sulla presidenza delle Camere che non averlo. E forse siamo a buon punto”.
“Di nomi finora non si è parlato e io non ne faccio. Non sono stati al centro dell`incontro avuto con Toninelli e Grillo”. Non le hanno fatto dunque quello di Fico? “Non spetta ai capigruppo trattare e pronunciarsi sui possibili candidati. È una scelta demandata ai leader e nel vertice del centrodestra in programma oggi a Roma tra Berlusconi, Salvini e Meloni si scioglieranno gli ultimi nodi”.
I grillini, da voi incontrati, insistono invece sulla Camera. “Questi sembra siano i desiderata di Di Maio, stando alle sue dichiarazioni. Nulla è ancora deciso”.
“Una cosa è certa: il calendario. Il centrodestra unito sta lavorando per arrivare a una soluzione in tempi rapidi. lo penso che entro la giornata di sabato, se la situazione resta quella che si sta delineando, potremmo eleggere i presidenti di Camera e Senato. La settimana successiva gli uffici di presidenza e i capogruppo, che poi dovranno presentarsi al Quirinale per le consultazioni”.Al Colle il centrodestra si presenterà unito o in ordine sparso? “Una decisione non è stata presa. Ricordo solo che nel 2013 ogni formazione si presentò con i propri vertici, separatamente”.Presidenze tra centrodestra e M5S, tutti gli altri fuori? “No. Ci siamo fatti carico di far presente ai colleghi dei 5Stelle che la rappresentanza istituzionale, per vicepresidenze, questori, segretari, deve essere la più ampia possibile. Necessario ed opportuno cioè coinvolgere il Pd, contrariamente a quanto fatto da loro cinque anni fa”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Banche venete: Camera vota fiducia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 luglio 2017

camera deputatiLa Camera ha votato la fiducia sul decreto relativo alle banche venete. “Ennesima occasione perduta. E’ incredibile, in particolare, che, nonostante l’ampio consenso registrato in commissione Finanze della Camera, non si siano nemmeno votati gli emendamenti, peraltro della maggioranza, che miravano ad ampliare la platea di chi poteva accedere al ristoro forfettario e prevedevano l’interdizione dai pubblici uffici e dagli uffici direttivi delle persone giuridiche per i manager riconosciuti responsabili dei dissesti finanziari” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori. “Quanto agli azionisti, ci si continua a dimenticare che non sono furbetti del quartierino, persone che hanno consapevolmente acquistato prodotti rischiosi credendo di poter far soldi, ma risparmiatori innocenti, ingannati, vittime di illeciti” conclude Dona.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ddl concorrenza: pessimo testo, occasione perduta

Posted by fidest press agency su domenica, 2 luglio 2017

camera deputati“Il ddl concorrenza, approvato ora dalla Camera, è un testo pessimo, oltre che un’occasione perduta. Sarebbe bastato stare dalla parte dei consumatori invece che delle varie lobby, per ridurre, a costo zero per lo Stato, spese che mandano in rosso i bilanci delle famiglie” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.
“Ma quello che è più inaccettabile, è che, in alcuni casi, si peggiori addirittura la normativa vigente, come è avvenuto eliminando il mercato tutelato nel settore dell’energia, nonostante, per la luce, i primi cinque operatori detengano l’87,8% del settore domestico e per il gas i primi tre gruppi controllino il 44,8% del mercato” prosegue Dona. “Quanto all’rc auto, la solita ipotesi di reintrodurre il rinnovo tacito per l’rc auto grida vendetta, considerato che l’averlo eliminato ha consentito in questi anni ai consumatori di risparmiare, cambiando velocemente compagnia. Il rinnovo tacito può essere ammissibile solo se all’assicurato viene concesso il diritto di poter recedere in qualunque momento dal contratto, a zero spese. Bene, invece, chiarire definitivamente che anche le assicurazioni sui rischi accessori non si rinnovano tacitamente e si risolvono automaticamente alla loro scadenza” conclude Dona.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Legittima difesa: intesa possibile in commissione

Posted by fidest press agency su sabato, 29 aprile 2017

camera deputati“Alternativa popolare continua la sua battaglia per migliorare il testo sulla legittima difesa, in Aula alla Camera la prossima settimana. In merito accogliamo con favore le dichiarazioni del vicepresidente della commissione Franco Vazio che, in buona sostanza, condivide la nostra impostazione sulle modifiche da apportare al ddl. Allo stesso tempo riteniamo positiva la posizione del responsabile Giustizia del Pd Davide Ermini, espressa tramite un proprio emendamento, il quale interpreta in una chiave nuova e più stringente i riferimenti agli interventi sull’art. 59 del codice penale. Si tratta di un significativo passo in avanti. Bisogna infatti tenere in considerazione come ‘l’errore’, che porta all’esclusione della colpa dell’agente, possa essere conseguenza del grave turbamento psichico, causato proprio da un’azione violenta che investe e mette in pericolo la vita o l’integrità fisica di chi è oggetto di tale violenza. Siamo quindi sulla buona strada per raggiungere un risultato che tranquillizzi l’opinione pubblica. Manca un ultimo sforzo per un’intesa che certamente è possibile. Il nostro obiettivo finale, contenuto nei nostri emendamenti, rimane ovviamente quello di privilegiare la sicurezza di chi non può assistere inerme alla violazione del proprio domicilio, con la conseguente messa in pericolo della vita propria, dei propri familiari e delle proprie cose”. E’ quanto dichiara il capogruppo di Ap in commissione Giustizia alla Camera, Nino Marotta.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La separazione bancaria approda alla Camera

Posted by fidest press agency su martedì, 18 aprile 2017

camera deputati2La Commissione Finanze della Camera ha iniziato la discussione sulle proposte di legge relative alla separazione tra banche ordinarie e banche d’affari. Le varie proposte sono accomunate dalla medesima finalità fondamentale, la salvaguardia e la tutela del risparmio dei cittadini. In generale le banche che svolgono attività di “commercio in proprio” di strumenti finanziari non dovrebbero svolgere anche le attività di raccolta del risparmio tra il pubblico né effettuare l’esercizio del credito.
In alcune proposte opportunamente si fa riferimento alla legge Glass-Steagall che venne introdotta negli Usa dal presidente Roosevelt nel 1933 per combattere la speculazione e impedire l’utilizzo del risparmio delle famiglie in operazioni ad alto rischio da parte delle banche. Il tema della separazione è diventato da tempo oggetto di discussione a livello mondiale, ma in Italia si è imposto soprattutto dopo il gennaio 2016 quando i governi europei, anche il nostro, hanno sottoscritto l’obbligo di applicare il “bail in” in caso di dissesti bancari. Per coprire i buchi dei fallimenti bancari la nuova norma impone di rivalersi sugli azionisti, sugli obbligazionisti e sui depositi oltre i 100.000 euro . E’ il passo obbligato dopo l’approvazione del decreto legge relativo alle “Disposizioni urgenti per la tutela del risparmio nel settore creditizio”. C’è da sperare che la Camera concluda in tempi brevi l’iter legislativo del provvedimento in questione.
Intanto i dati riguardanti la salute del sistema bancario, evidenziati dalla Banca d’Italia, devono far riflettere. Si evince che il 70% delle sofferenze bancarie, pari a 140 miliardi di euro su un totale di 210, è in mano al 3% dei debitori! Il che significa che il restante 97% dei debitori detiene solo il 30% delle sofferenze bancarie.
Non possono essere, quindi, le famiglie e le pmi a pagare per le sofferenze succitate. I responsabili sono i grandi gruppi e le grandi imprese. E’ chiaro che le sofferenze sono state determinate dai prestiti facilmente concessi a chi evidentemente ex ante non era degno di credito. Continuiamo a ritenere indispensabile il puntuale accertamento delle responsabilità specifiche degli amministratori e del management delle singole banche.
Le perdite accumulate dalle cinque banche a rischio fallimento, in primis il Monte dei Paschi di Siena, sfiorano i 20 miliardi di euro, quasi pari a una manovra finanziaria. Purtroppo si calcola che dal 2013 i risparmiatori abbiano perso almeno 30 miliardi dei loro risparmi, più di 10 miliardi sarebbero stati persi solo dai 200 mila azionisti delle due banche popolari venete. Rispetto al problema delle sofferenze il governo e le autorità sembrano navigare ancora a vista. Secondo noi, bisognerebbe considerare le esperienze altrui. In Germania, per esempio, nel caso della Erste Abwicklungsanstalt, l’agenzia centrale creata per far fronte alle sofferenze bancarie tedesche, lo Stato ha recuperato quasi tutti i 246 miliardi di non performing loans. Berlino non solo ha fatto una rigorosa analisi delle cause ma ha anche accertato le responsabilità. Naturalmente sono state realizzate le opportune politiche per la crescita dell’economia reale.
Si ricordi che, dopo l’esplosione della crisi finanziaria globale, per stabilizzare i relativi sistemi bancari nazionali, la Germania spese 238 miliardi, la Spagna 52 e gli Stati Uniti 426. Purtroppo l’Italia non si attivò in merito prima dell’entrata del bail in. In conclusione si può affermare che, eliminate le varie degenerazioni, il sistema bancario italiano non sarebbe in pessime condizioni. Infatti il livello degli impieghi sul totale degli attivi, cioè i prestiti che le banche fanno sul totale delle loro attività, è quasi del 70%, mentre in Germania sarebbe del 56%. Inoltre i livelli dei derivati in Italia, sul totale degli attivi, sono meno del 10% a fronte di una media Ue del 20%, mentre in Germania essi arrivano al 34%.   L’argomento della separazione bancaria e della difesa del risparmio è troppo importante perché diventi materia per un ulteriore scontro elettorale ed ideologico. Potrebbe invece diventare un campo di fruttuosa cooperazione, mostrando che il bene comune è superiore agli interessi partitici o di bottega. Sarebbe anche un modo concreto per mostrare che in Italia vi sono anche degli statisti e non solo dei politicanti. (Mario Lettieri già sottosegretario all’Economia e Paolo Raimondi economista)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Legge sul testamento biologico

Posted by fidest press agency su sabato, 11 febbraio 2017

montecitorio

“Penso che una legge debba muoversi affermando principi e delineando situazioni, piuttosto che definendo comportamenti. Una eccessiva interpretazione dei comportamenti dettati potrebbe causare cortocircuiti”. È questa la riflessione di Giuseppe Lavra, presidente dell’Ordine provinciale di Roma dei Medici-Chirurghi e degli Odontoiatri (OMCeO), in merito alla legge sul testamento biologico, che sara’ discussa alla Camera il 20 febbraio.
“Dobbiamo ragionare in termini di principi e mettere i paletti tra questi principi. Un paletto e’ senz’altro il valore del principio della vita- spiega il medico- l’atro e’ quello della dignita’ umana, che non deve essere mai sottoposta ad atteggiamenti curativi che scadano in accanimento o nelle sproporzioni palesi di trattamenti futili. Una volta sanciti i principi, anche per legge se si vuole, poi tutto deve essere calato nelle specifiche realta’. Attenzione- avverte Lavra- tutti i casi sono a se’ ed eviterei di fare riferimenti netti rispetto alle situazioni che hanno un po’ diviso il Paese”.
Il presidente dell’Omceo Roma consiglia, nella legge, di “evitare vincoli che non possano ovviamente calarsi nelle specifiche realta’. Se da un lato rassicurerebbero chi ha una fiducia cieca nelle potenzialita’ di una legislazione, dall’altro io non la ho tale fiducia cieca. In materia di bioetica – sottolinea Lavra- tutto deve essere contemplato con estremo rigore, estrema prudenza ed estremo rispetto delle situazioni. So che in ambito clinico tutti i casi sono singoli, singolari e non omologabili. La legge non puo’ fare altro che esprimere situazioni che non possono adattarsi a tutte le fattispecie dei singoli casi. È un’ambizione che porta con se’ un elemento di superbia e noi non abbiamo queste potenzialita’”.
Per il presidente dell’Ordine provinciale di Roma dei Medici-Chirurghi e degli Odontoiatri (OMCeO) “lo sforzo di carattere normativo” nell’ambito del testamento biologico “si deve limitare ad affermare principi sui quali trovare condivisioni ampie. Uno sforzo che abbiamo gia’ fatto nel nostro codice deontologico, che e’ una norma ed ha un suo valore”.
L’Omceo Roma invita a “disgiungere le situazioni collegate alle condizioni relative agli stati di coscienza (stati vegetativi) – che spesso sono attendistiche, indeterminate e indeterminabili – dalle situazioni in cui si conoscono i quadri clinici nella loro progressione terribilmente peggiorativa- precisa Lavra- e che determinano una compromissione dei parametri vitali di primo ordine, come il respiro e il circolo. In quest’ultimo caso, oltre ad una valutazione di ordine prognostico, possono esserci anche situazioni in cui sia compromessa la dignita’ naturale della persona, in ragione dei provvedimenti che si pongono in essere per mantenere delle condizioni di sopravvivenza piu’ che di vivenza. Dobbiamo soppesare le situazioni”.
Quando c’e’ la consapevolezza che “la compromissione sia cosi’ importante, tale da poter essere percepita da chi vive suddetta condizione in maniera quasi aggressiva per la propria dignita’ umana- prosegue il medico- allora bisognera’ confrontare questo anche con le volonta’. Dobbiamo interrogarci e chiederci quanto possiamo condannare o imporre a un individuo, magari ancora cosciente, di dover subire condizionamenti che possano essere aggressivi rispetto al sentimento di dignita’ personale”. Lavra propone come riferimento per una norma sul Biotestamento il codice deontologico dei medici: “E’ stato approvato poco piu’ di 2 anni e mezzo fa, e ritengo che la legge potrebbe attingere ai principi in esso sanciti, magari riscrivendoli in modo formalistico, nel linguaggio normativo”.
Ad esempio “il mondo anglosassone, anche in materia di procreazione e altro, ha spesso preso come riferimento i codici deontologici degli ordini professionali. È li’ che queste cose vengono affrontate”. Il presidente dell’Omceo Roma opera poi un chiarimento, rifacendosi al codice: “Nel caso delle persone capaci di intendere e volere, che possono manifestare la propria volonta’ in maniera cosciente, non abbiamo dubbi: non possiamo costringerli. Nel codice deontologico e’ scritto in maniera inequivocabile. I problemi si pongono, invece, nel caso in cui c’e’ l’incapacita’ di manifestare la propria volonta’ perche’ si versa in una determinata condizione. Allora o ci vengono in soccorso le dichiarazioni anticipate di trattamento (i cosiddetti testamenti biologici), o la possibilita’ di avere un fiduciario gia’ nominato antecedentemente, che possa essere il referente che esprime le volonta’ dell’interessato. Situazioni gia’ adottare in altri paesi”. Insomma i suggerimenti principali di Lavra sono: “Valutare caso per caso, tenendo conto delle volonta’, e non fare tabelle di comportamenti”. Il presidente conclude con un paragone: “Pensiamo, infine, alle linee guida che sono importantissime, ma se vengono applicate in ambito clinico in maniera assoluta e categorica possono produrre disastri. Sono suggerimenti preziosi da tenere in grande considerazione pero’ bisogna sempre muoversi caso per caso. Le rigidita’ vanno evitate”.

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Renzi e il paese bloccato

Posted by fidest press agency su lunedì, 28 novembre 2016

palazzo consultaPer il presidente del Consiglio pro tempore, Matteo Renzi, la decisione della Consulta in merito alla riforma della Pubblica amministrazione del ministro Marianna Madia ‘dimostra che Paese è bloccato’. Eh no, caro Renzi… La Consulta non dimostra che il Paese è bloccato, la Consulta dimostra che tu non rispetti le leggi e purtroppo questo ti accade troppo spesso nel tuo agire politico. Te ne freghi delle norme e delle regole, e pensi solo al tuo tornaconto personale. Questo è vero il problema dell’Italia, non la Consulta”. Semmai la bocciatura della riforma della PA è paradigmatica: questo governo non è capace e non è in grado di fare alcuna riforma, men che meno quella Costituzionale”.Lo scrive su Facebook Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati. (n.r. Dobbiamo proprio alla Corte costituzionale se è stata riconosciuta l’illegittimità del blocco delle pensioni, del fermo del contratto ai pubblici dipendenti e altre cosette del genere. E’ che la Consulta, per quanto già ora fortemente condizionata, resta l’unico baluardo all’invadenza del potere esecutivo e di questa maggioranza del Parlamento agli abusi e alle illegittimità perpetrate ai danni dei ceti medi che pure costituiscono la maggioranza assoluta del paese ma che viene sistematicamente ingannata e ricattata con lo spettro dell’ingovernabilità e della instabilità sistematica del paese.)

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cyberbullismo

Posted by fidest press agency su martedì, 13 settembre 2016

montecitorio“Inizia alla Camera il dibattito sul disegno di legge sulle Disposizioni a tutela dei minori per la prevenzione e il contrasto del fenomeno del cyberbullismo: tutto sommato è un buon disegno di legge che potrà migliorare ulteriormente se verranno accolti alcuni emendamenti che ne semplificano la struttura e accentuano gli aspetti della prevenzione e della formazione nei confronti di tutti i protagonisti: genitori, docenti e studenti… Ma formazione e prevenzione non possono essere ancorate solo all’aspetto centrale del rispetto della persona, della solidarietà tra coetanei, e della continua scoperta di quel particolare valore che è l’accoglienza della fragilità e la valorizzazione della diversità. C’è qualcosa di più che va fatto in questo caso: occorre sollecitare i giovani a rendersi conto dell’enorme potere della tecnologia, soprattutto delle nuove tecnologie informatiche. Un potere che amplifica a dismisura quel che si dice, connotando in modo del tutto particolare quel che si dice. Lavorare con i giovani alla prevenzione significa far capire in profondità teorie e tecniche della comunicazione e quindi portare la formazione ad un livello molto più alto di quanto non possa far prevedere il semplice consiglio o l’ammonizione nella stanza del preside”. Lo afferma l’onorevole Paola Binetti di Area popolare.
“Lavorare sulla potenza mediatica di mezzi come le chat, twitter, facebook, instagram, ecc. può diventare una modalità di formazione-informazione che rinnova la scuola più di quanto non si preveda in un primo momento. Ma per farlo occorre che genitori e docenti si mettano in discussione – prosegue Binetti -, cerchino modalità concrete per mostrare cosa accade quando i confini tra mondo virtuale e mondo reale si assottigliano. Il rischio è che siano figli e alunni ad insegnare loro come si usano questi mezzi e che effetti possano avere. Per questo l’aggiornamento tecnologico non è estraneo alla riscoperta di un codice di valori etici da declinare anche quando si lavora sul web. Ma può aiutarli anche a capire come siano gonfiati certi sondaggi che avvengono solo via web; rendersi conto della sostanziale fragilità dei dati che il web molto spesso offre, dovrebbe aiutarli a recuperare non solo senso critico ma anche un sano realismo. Questa è la sfida che una scuola moderna deve poter affrontare per sviluppare la sua dimensione tecno-scientifica, senza però rinunciare alla nostra tradizione umanistica. Oggi per mettere la persona al centro – conclude Binetti – bisogna saper maneggiare tutte le tecnologie disponibili”.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Camera dei deputati: si stringe la cinghia

Posted by fidest press agency su martedì, 19 luglio 2016

camera deputati2“Chissà se la notizia che la Camera ha apportato significativi tagli al suo bilancio, con un risparmio netto di parecchie decine di milioni, convincerà i cittadini che c’è una buona politica che lotta contro la corruzione e si oppone concretamente agli sprechi a tutti i livelli, cominciando da quanto sta nelle sue mani. I risparmi della Camera ammontano a 270 milioni di euro dal 2013 al 2016. Arriva oggi in Aula la Relazione 2015 del Collegio dei Questori e si procederà all’approvazione del bilancio della Camera“.
Lo dichiara l’onorevole Paola Binetti di Area popolare.
“Il risparmio effettuato – prosegue – chiama in causa tutta una serie di comportamenti virtuosi messi in atto quest’anno, intervenendo su tutte le voci del bilancio, a cominciare dal personale: siamo passati in pochissimo tempo da circa 1.900 dipendenti a poco più di 1.200 persone. Molti sono andati in pensione e non ci sono state nuove assunzioni, con la conseguenza immediata che il lavoro si è andato ridistribuendo sulle spalle di quanti sono rimasti in servizio. E credo che non ci si possa spingere oltre su questo fronte, anche per rispetto della qualità del lavoro fatto dagli Uffici Studi e dai funzionari delle diverse commissioni. Molti tagli sono stati fatti nei benefits offerti ai deputati e anche a questo livello è difficile immaginare ulteriori riduzioni. Dove invece si possono invece fare ancora tagli molto consistenti è sotto il profilo del modello organizzativo dei lavori della Camera: anche qui occorre innovare se si vuole risparmiare. Giorni di lavoro alla Camera e orari più chiari, sul modello del Parlamento europeo, potrebbero creare un risparmio sostanziale in termini di viaggi programmati per tempo e quindi realizzati a basso costo. Una diversa programmazione del lavoro delle commissioni, potrebbe rendere più spedito l’iter dei provvedimenti in Aula; una digitalizzazione più avanzata dovrebbe consentire enormi risparmi sul materiale cartaceo prodotto: basterebbe che sui banchi ci fossero dei monitor su cui compaiono emendamenti da votare, aggiornamenti, dichiarazioni di voto, sintesi degli interventi, senza dover ristampare ogni giorno tutto il materiale necessario per tutti i parlamentari”.
“Sono convinta infatti – conclude Binetti – che i costi della politica in Parlamento siano già stati tagliati a sufficienza: proseguire in ulteriori tagli, significherebbe compromettere un accesso effettivamente democratico al ruolo parlamentare. Occorre garantire la qualità del lavoro parlamentare, che non rappresenta un costo della politica, ma piuttosto un costo della democrazia, che è tutt’altra questione”.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Riconoscimento a Luigi Gattuso

Posted by fidest press agency su sabato, 14 maggio 2016

gattusoRoma Un riconoscimento, «per il suo costante impegno a favore dei grandi valori della vita, cooperando nell’educare i giovani a colorare il mondo con la gioia». Sono le parole di lode che l’imprenditore musicale Luigi Gattuso – anima della scuola di musica Cast di via in via Maggiore Tommaso de Cristoforis 8 a Palermo – ha ricevuto, partecipando a Montecitorio, sede della Camera dei Deputati a Roma, alla manifestazione intitolata “Parlamento della legalità internazionale.A dare l’attestato – nell’aula del Palazzo dei Gruppi parlamentari – i professori Carlo Pacella e Nicolò Mannino, con Salvo Sardisco.
L’evento è stato anche occasione per consegnare al Cast – Centro arte spettacolo e tecnologia in via Maggiore Tommaso de Cristoforis 8 a Palermo – un attestato per avere partecipato al convegno nazionale sul tema “Giovani per la legalità. Un investimento per l’Italia, e per l’Europa in onore dei nostri Martiri”.
Luigi Gattuso è stato premiato anche per l’impegno in Cast Agency, agenzia di management, produzione e distribuzione musicale di Palermo, che nel corso del 2015 ha contribuito alla diffusione della musica e di nuove realtà musicali giovanili nel mercato dell’intrattenimento. «Questo premio lo condivido con Mariano Tarsilla e tutti quelli che con me lavorano al Cast – dice Luigi Gattuso – ed è il frutto del lavoro di insieme che ha portato a raggiungere questo privilegio». (foto: gattuso)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Da Roma riparte il grande sogno Europa

Posted by fidest press agency su martedì, 10 maggio 2016

camera deputati“Festa dell’Europa e alla Camera porte aperte per oltre 800 giovani; l’obiettivo é quello di proporre un modello di Europa che abbia solide radici nei valori proposti dai Padri fondatori senza cedere alla duplice tentazione della rabbia e della paura. Un’Europa aperta alla speranza e che parli di solidarietà al cuore della gente. In tal senso si è espresso oggi il ministro Alfano parlando nell’aula magna di uno dei collegi storici della capitale. Davanti ad un pubblico giovane e motivato ha proposto un impegno politico alternativo alla rabbia che anima il M5S e alla paura che aleggia continuamente nella destra di Salvini. Alfano ha delineato i tratti fondamentali di un soggetto politico nuovo, ispiratore di un cambio di rotta concreto in Italia e in Europa.” Lo afferma l’onorevole Paola Binetti di Area popolare, che continua:” La competizione per il Campidoglio acquista ogni giorno contorni un po’ più precisi. Ci dispiacerebbe molto se la mancata accettazione delle liste di Sinistra italiana dovesse escludere Fassina dalla competizione; verrebbe meno una parte significativa di quelle posizioni che definiscono oggi il panorama politico. La nostra posizione è diversa: si colloca al centro di un equilibrio complesso che si fa portavoce di valori ben precisi, in cui l’inclusione, l’accoglienza, la povera e la disabilità fanno da coordinate per un welfare cittadino che sarà punto di riferimento per tutta l’Europa. Siamo in linea con quanto ha detto solo pochi giorni fa Papa Francesco ricevendo il premio Carlo Magno. Ma vogliamo che non restino solo parole: alla rabbia e alla paura rispondiamo con la speranza. Sono i giovani della generazione Erasmus che rispondono rilanciando l’idea di una Europa capace di parlare molte lingue mia di comprendersi sotto la stessa lunghezza d’onda. Centinaia di giovani oggi hanno detto sì a questo progetto, che vede in Roma capitale il perno di una nuova Europa, capace di mettere in rete le tantissime università presenti a Roma e i suoi collegi universitari. Lo studio è una cosa seria e la competenza non si improvvisa come ha più volte ribadito oggi la Lorenzin e la festa dell’Europa è anche la memoria viva degli ideali che l’hanno generata e che con il tempo si sono un po’ troppo offuscati. Oggi da Roma si riparte!”

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Bambini e depressione

Posted by fidest press agency su martedì, 13 ottobre 2015

camera deputati2Roma giovedì 15 ottobre alle ore 11 nella Sala Stampa della Camera dei deputati, in Via della Missione 4. Interverranno Davide Faraone, sottosegretario all’Istruzione; Paola Binetti, deputata del gruppo Area Popolare; Teresa Rongai, segretario Fimp (Federazione italiana medici pediatri) di Roma; Magda Di Renzo, psicoterapeuta dell’età evolutiva e responsabile del servizio Terapie dell’IdO; e, infine, la testimonianza di un genitore: Maurizia Brugé. Sarà presente anche Raffaele Calabrò, capogruppo Area Popolare della commissione Affari sociali. “Esiste una difficoltà negli adulti a riconoscere la depressione in età evolutiva. C’è una visione idealizzata del bambino e una sopravvalutazione delle sue capacità di resilienza”, aggiunge Pollicina. Il neuropsichiatra domenica 18 ottobre tratterà proprio le manifestazioni della depressione nell’età evolutiva. Il convegno dell’IdO sarà quindi l’occasione per affrontare gli indicatori di rischio nelle diverse fasi dello sviluppo del bambino: 0-3 anni (nidi), 3-6 anni (scuole d’infanzia), 6-10 anni (mondo della scuola).
Si parte venerdì 16 ottobre alle 14 con i Livelli essenziali di assistenza (LEA) in ambito psichiatrico attraverso l’intervento del sottosegretario alla Salute, Vito de Filippo, per poi passare il testimone a quanti, ogni giorno, lavorano a contatto con l’infanzia: neuropsichiatri infantili, pediatri, psicoterapeuti, accademici e insegnanti.
La conferenza stampa del 15 ottobre darà quindi il via a una tre giorni di lavori che riunirà nella Capitale esperti provenienti da tutta Italia per aprire una riflessione condivisa sulla necessità di una valutazione clinica più ampia. Verranno anche presentate le ultime ricerche dell’IdO nell’ambito dell’autismo (il Test sul Contagio Emotivo e il Test sulla comprensione dell’intenzione dell’altro), unitamente a uno studio condotta con l’Università degli studi di Padova sui Dsa e l’assestment dell’attaccamento genitoriale. In ultimo, al Convegno Nazionale dell’IdO saranno esposti i ‘Modelli di rilevazione ai fini dello screening e della diagnosi in età precoce’.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cittadinanza agli italiani all’estero che l’hanno perduta

Posted by fidest press agency su sabato, 10 ottobre 2015

camera deputati2“L’Aula di Montecitorio ha esaminato gli emendamenti presentati al Testo di Legge sulla cittadinanza e, con rammarico, ho potuto constatare che il Governo ha deciso di continuare a limitare il provvedimento ai soli minori stranieri nati in Italia o che hanno studiato in Italia e quindi ha dato parere negativo agli altri emendamenti compreso il mio”. Lo ha dichiarato l’On. Fucsia FitzGerald Nissoli (eletta nella Circoscrizione estero – Ripartizione Nord e centro America) in occasione delle votazioni degli emendamenti alla Proposta di Legge sulla cittadinanza in corso a Montecitorio.
“Pertanto – ha proseguito la deputata – ho ritenuto opportuno ritirare l’emendamento per mantenere aperto un canale di dialogo costruttivo e fattivo con il Governo chiedendo, tramite un Odg, di lavorare ad un “provvedimento che permetta ai nati in Italia, figli di almeno un genitore italiano, che hanno perso la cittadinanza in seguito a espatrio, di riacquistare la cittadinanza italiana facendone espressa richiesta al Consolato italiano che ha giurisdizione nel territorio di residenza estera purché ciò non sia in contrasto con accordi bilaterali internazionali in vigore, come previsto nella Proposta di Legge Fitzgerald Nissoli, seguita da altre 316 firme”.
Il Governo, in seguito ha accolto tale Ordine del Giorno per cui “ sicuramente abbiamo fatto un passo avanti e dato un segnale positivo agli italiani all’estero”, ha commentato l’On. Fitzgerald Nissoli.
“Tuttavia – ha concluso l’on Nissoli – dobbiamo continuare a lavorare per far radicare, anche nel Governo, una sensibilità diffusa verso le politiche per gli italiani all’estero. Io continuerò a battermi tenacemente affinché ogni italiana e italiano che ha perso la cittadinanza andando a vivere all’estero possa riacquistarla presso il Consolato di appartenenza”.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Appalti pubblici: nuove regole più semplici e flessibili

Posted by fidest press agency su giovedì, 27 ottobre 2011

'appalti'

Image by unita36 via Flickr

Parlamento europeo. Le regole europee sugli appalti pubblici dovrebbero essere semplificate per permettere alle piccole e medie imprese di accedere più facilmente alle gare d’appalto, affermano i deputati in una risoluzione approvata martedì. In particolare, propongono che l’appalto sia assegnato non solo all’offerta più bassa, ma anche a quella più innovativa o con un miglior impatto ambientale. La Commissione presenterà le proposte di riforma a dicembre.Gli appalti pubblici rappresentano circa il 17% del PIL dell’UE. Utilizzare i fondi pubblici nel modo più efficace per rilanciare l’economia è vitale in un periodo di crisi, secondo quanto sostengono i deputati in una risoluzione preparata da Heide Rühle (Verdi/ALE, DE) e approvata per alzata di mano. Il testo è il contributo del Parlamento alla preparazione delle proposte legislative di riforma che la Commissione presenterà a dicembre.”In questa crisi profonda, abbiamo bisogno di regole chiare: solo così le autorità pubbliche potranno sostenere innovazione e crescita”, ha detto la relatrice durante il dibattito.
Fra le varie proposte approvate dall’Aula per semplificare le procedure di assegnazione di un appalto vi è la creazione di un passaporto elettronico che certifichi rapidamente il rispetto, da parte dell’impresa in gara, delle regole comunitarie in materia.I deputati, per semplificare ulteriormente l’iter amministrativo, propongono l’autocertificazione sul possesso dei requisiti per partecipare all’appalto e che la richiesta della documentazione originale da parte delle autorità si faccia solo per le imprese selezionate per la fase finale della gara.
Le piccole imprese ottengono una percentuale di contratti pubblici minore rispetto al loro peso nell’economia europea: circa il 31-38% rispetto a una partecipazione globale all’economia stimata al 52%. Il motivo principale, secondo il Parlamento, sono le procedure di accesso agli appalti, oggi troppo complicate e costose.L’Aula propone quindi la possibilità di suddividere in lotti gli appalti, che dovrebbe garantire alle piccole e medie imprese migliori possibilità di partecipazione alle gare. I deputati chiedono inoltre alla Commissione di verificare “se per il subappalto siano necessarie nuove norme, ad esempio l’istituzione di una catena di responsabilità” per evitare che le PMI subappaltatrici siano soggette a condizioni peggiori di quelle applicabili all’impresa principale che si è aggiudicata l’appalto.
I deputati affermano che il criterio del “prezzo più basso” non dovrebbe più essere un fattore determinante per l’assegnazione dei contratti, ma dovrebbe essere sostituito da criteri più ampi che includano l’impatto sociale e ambientale della proposta e prendano in considerazione l’intero ciclo di produzione del bene o del servizio in appalto.
I deputati sottolineano che tale proposta risulta vantaggiosa soprattutto per settori specifici quali ospedali, case di riposo, scuole e asili; per garantire un accesso ad alimenti salutari e con un buon rapporto qualità/prezzo e non solo all’opzione meno costosa disponibile. Allargare i criteri di selezione e ammettere sistematicamente offerte alternative permetterebbe, secondo il Parlamento, alle imprese in gara di proporre nuove soluzioni e fare degli appalti un motore d’innovazione, secondo gli obiettivi della strategia UE2020. Infine, i deputati chiedono alla Commissione di valutare l’adeguatezza delle soglie esistenti per gli appalti di beni e di servizi.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rissa alla camera dei deputati

Posted by fidest press agency su mercoledì, 7 luglio 2010

“In riferimento all’aggressione di cui è stato vittima il collega Barbato questa mattina nell’aula della Camera, ci tengo a precisare che ho sentito con le mie orecchie la sequela di ingiurie ed insulti che l’on. Saltamartini ha proferito nei riguardi del collega e che mai e poi mai il collega ha proferito parole triviali o di chiara allusione sessuale nei confronti della deputata del Pdl” lo dichiara l’on. Pierfelice Zazzera, commentando le dichiarazioni dell’on. Barbara Saltamartini. “La critica di Barbato era di natura meramente politica che, evidentemente, a giudicare dalla reazione smisurata e fuori controllo della deputata del Pdl, deve aver punto la Saltamartini nel vivo. Dopodiché, a completare lo scenario, sono partiti dal basso e dall’alto picchiatori scelti in giacca e cravatta, che hanno circondato Barbato e che hanno travolto persone e cose, arrivando a distruggere il pc portatile del collega Palagiano. Se non fosse stato per alcuni di noi che hanno fatto scudo intorno al collega e per il tempestivo intervento dei commessi sarebbe finita anche peggio per il collega” precisa Pieferlice Zazzera.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »