Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 344

Posts Tagged ‘campagna’

Al via la campagna crowdfunding di Green Arms

Posted by fidest press agency su sabato, 2 novembre 2019

Green Arms (https://www.greenarms.it/) è una nuova realtà nata per diffondere un modello innovativo di energia condivisa, che permetta a cittadini e imprese di investire in maniera semplice e diretta in progetti energetici a impatto ambientale positivo, beneficiando di interessanti ritorni economici.Green Arms nasce da un’iniziativa dei soci fondatori di Energia Positiva (https://www.energia-positiva.it/), start-up innovativa che già oggi offre ai cittadini la possibilità di produrre e consumare energia proveniente da fonti rinnovabili, aiutandoli a ridurre i costi delle loro bollette e a contribuire alla riduzione dell’utilizzo delle fonti fossili. Entrando in Energia Positiva, il singolo socio può infatti sottoscrivere quote di impianti fotovoltaici, eolici o idroelettrici ubicati in Italia, per creare un proprio impianto “virtuale” e diventare produttore di energia rinnovabile. Questo con l’obiettivo di ridurre, fino all’eventuale azzeramento, il costo complessivo delle sue bollette energetiche. L’obiettivo di Green Arms è ancora più ambizioso: proporre sul mercato un nuovo veicolo di investimento centrato sulla sostenibilità ambientale (energie rinnovabili, risparmio energetico e mobilità) ove cittadini e imprese possano investire in modo disintermediato e consapevole il proprio risparmio, al fine di supportare la transizione energetica e la produzione di energia rinnovabile sul territorio italiano.Con questa campagna di crowdfunding, infatti, Green Arms ambisce ad aggregare investimenti diretti da soggetti di diversa natura, dai piccoli risparmiatori agli investitori istituzionali, garantendo una remunerazione al capitale da loro investito.La sua attività consisterà principalmente in operazioni di acquisizione di impianti sul mercato secondario e nello sviluppo di nuovi progetti, inerenti installazioni rinnovabili e specifici interventi di risparmio energetico.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Campagna: proteggi le Eolie

Posted by fidest press agency su domenica, 11 agosto 2019

Cambiamenti climatici, movimenti del suolo e aumento del livello del mare: gli scenari attesi a LipariL’INGV partecipa alla campagna di comunicazione sulle isole Eolie promossa da Blue Marine Foundation (BLUE) e dall’Aeolian Islands Preservation Fund (AIPF) per richiamare l’attenzione sugli effetti dell’aumento del livello marino sulle coste causato da cambiamenti climatici, movimenti tettonici e attività vulcanica. Secondo appuntamento per l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) con la campagna informativa #ProteggiLeEolie volta a far conoscere il mare eoliano e a sensibilizzare i cittadini alla protezione dell’ambiente marino, della biodiversità e delle coste di questo arcipelago patrimonio dell’UNESCO dal 2000. L’INGV, oltre al monitoraggio sismico e vulcanico delle isole Eolie, si dedica allo studio degli effetti dell’aumento del livello marino lungo le coste, anche attraverso progetti multidisciplinari finanziati dall’Unione Europea come SAVEMEDCOASTS (www.savemedcoasts.eu), recentemente concluso. La combinazione di fenomeni quali l’aumento del livello del mare indotto dal riscaldamento climatico globale e la subsidenza connessa all’intensa attività sismica e vulcanica tipica di quest’angolo del Mediterraneo ha come conseguenza ultima il rapido arretramento delle coste dell’arcipelago.
Chiari segnali del fenomeno di arretramento delle coste sono evidenziati, oltre che dal continuo restringimento della fascia costiera, anche da opere marittime di epoca romana come il porto Sottomonastero di Lipari e la banchina di approdo di Basiluzzo, oggi sommersi rispettivamente alle profondità di circa 9 e 3 metri. Da rilievi oceanografici, analisi geofisiche e osservazioni geo-archeologiche di questi manufatti è stato possibile stabilire che a Sottomonastero la linea di costa di epoca romana si trova oggi a circa 12 metri di profondità, mentre a Basiluzzo giace a circa 4,5 metri sotto il livello del mare. Tali differenze di profondità sono dovute alla variabilità dell’attività tettonica e vulcanica che ha agito nel tempo e nello spazio in modo diverso a seconda dei luoghi.A differenza del porto Sottomonastero, non osservabile direttamente a causa del traffico marittimo portuale che ne impedisce la visita per motivi di sicurezza, il sito di Basiluzzo è facilmente visibile dalla superficie e visitabile sott’acqua. Questi due siti, oltre a essere di estremo interesse archeologico, mostrano come le coste delle isole Eolie siano fortemente cambiate nel corso degli ultimi due millenni, e in particolare negli ultimi anni.
Se le proiezioni stimate dall’International Panel on Climate Change (IPCC) indicano un aumento del livello del mare fino a circa 1 metro su scala globale entro il 2100, alle Eolie – e a Lipari in particolare – a causa della subsidenza l’aumento atteso per la fine del secolo potrà raggiungere anche 1,6 metri.

Posted in Spazio aperto/open space, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Campagna ProteggiLeEolie

Posted by fidest press agency su martedì, 23 luglio 2019

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) ha aderito alla campagna informativa #ProteggiLeEolie volta a far conoscere il mare eoliano e a sensibilizzare i cittadini alla protezione dell’ambiente marino e della sua biodiversità.Le attività della Sezione di Palermo dell’INGV, in particolare, sono dedicate anche allo studio dei cosiddetti “sistemi idrotermali sottomarini”, tipici dei fondali dell’arco Eoliano e apprezzabili dai turisti in visita alle isole Eolie attraverso le caratteristiche “bollicine” che risalgono in superficie. Tali risalite in superficie di acque calde ricche di gas (principalmente anidride carbonica) sono accompagnate da variopinti depositi sui fondali composti da un’associazione di minerali (tra cui zinco e ferro) e batteri in grado di sintetizzare elementi chimici direttamente dalle acque termali, dando inizio alla catena della vita.“Appare del tutto evidente la delicatezza dei sistemi idrotermali sottomarini, da proteggere in modo assoluto, ed è importante ricordarlo in occasione di campagne informative come questa” spiega Francesco Italiano, Direttore della Sezione di Palermo dell’INGV. “I sistemi idrotermali sottomarini sono stati riconosciuti come i sistemi da cui può aver avuto origine la vita sulla Terra. Le scoperte della metà degli anni Settanta hanno mostrato, inoltre, come intorno ad essi si instaurino ecosistemi anche a profondità abissali, in assenza totale di luce”, aggiunge il Direttore, “Alterare tali sistemi significherebbe, quindi, interrompere qualunque ciclo vitale con conseguenze irreparabili sulla vita, non solo dell’ambiente marino”.La capacità di mantenere un ecosistema in equilibrio che, da un lato, consenta l’immissione di elementi utili alla sopravvivenza delle comunità microbiche che forniscono l’alimentazione primaria alle altre forme di vita e, dall’altro, garantisca lo sviluppo e il mantenimento di vere e proprie aree di riproduzione di numerose specie floro-faunistiche, dovrebbe essere alla base di qualunque programma di salvaguardia e tutela di questi ambienti particolari e poco diffusi.“L’instaurarsi di un sistema idrotermale sottomarino richiede come condizione primaria la presenza di una sorgente di energia termica (in genere magmi in raffreddamento) e la disponibilità di un trasportatore di materia ed energia verso la superficie”, prosegue Italiano. “Il trasportatore di energia è l’acqua di mare che, laddove le condizioni di permeabilità consentano di infiltrarsi in profondità, raggiungere i corpi magmatici in raffreddamento e circolare al loro interno, riesce ad estrarre calore ed elementi chimici dalle rocce. I sistemi idrotermali sottomarini sono quindi l’indice della disponibilità di un’importante risorsa per l’uomo, che può potenzialmente utilizzarne l’energia geotermica”.Insieme all’energia, utile per produrre elettricità e per numerosi altri scopi, i sistemi idrotermali sono noti per essere delle vere e proprie miniere. I depositi e i camini idrotermali contengono infatti numerosi minerali come rame, zinco, argento e manganese.
“Va ricordato che tali sistemi possono anche produrre effetti negativi per l’ambiente marino. Nel novembre del 2002, ad esempio, al largo di Panarea l’ingresso di fluidi magmatici all’interno di un serbatoio geotermico causò un’esplosione sottomarina. L’evento, naturale e non impossibile in un’area vulcanica attiva come quella delle isole Eolie, ha avuto un forte impatto sull’ambiente marino dell’area intorno al cratere, in cui, però, la vita è ritornata piuttosto velocemente”, conclude Francesco Italiano.La sfida, dunque, è trarre forza da un sistema come questo in continua evoluzione, per valorizzare e trasformare opportunamente queste potenti forme di energia potenzialmente in grado di dare un contributo significativo all’evoluzione socio-economica delle nostre isole.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Campagna stampa di promozione del giornale e dell’edicola

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 giugno 2019

La campagna partirà da venerdì 14 giugno prossimo per “Sensibilizzare i cittadini sull’importanza di comprare e non solo di leggere i giornali perché l’acquisto rende la stampa libera e indipendente; ribadire il ruolo delle edicole quale luogo fondamentale della diffusione della stampa, veri e propri spazi di democrazia e presidi di libertà; sottolineare il valore dell’informazione di qualità.”Sono gli obiettivi della campagna stampa, promossa dalla FIEG in collaborazione con le organizzazioni sindacali degli edicolanti (SNAG, SI.NA.GI, UIL TuCS, FENAGI, Usiagi Ugl, CISL giornalai) “COMPRA UN GIORNALE. SCEGLI L’INFORMAZIONE DI QUALITÀ. EDICOLE E GIORNALI, PRESIDIO PER LA LIBERTÀ”.La campagna – la cui creatività è stata affidata a VMLY&R – si avvarrà di inserzioni sulla stampa quotidiana e periodica.
“Questa ulteriore iniziativa della FIEG di promozione della stampa, quale fondamentale e insostituibile strumento di conoscenza della realtà, e dell’edicola – ha detto il Presidente della Fieg, Andrea Riffeser Monti – impegna tutte le testate quotidiane e periodiche associate e si rivolge direttamente al cittadino, per invitarlo a sostenere con l’acquisto del giornale in edicola l’informazione di qualità e uno spazio di democrazia”.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Campagna di sensibilizzazione sulla Dermatite Atopica dell’adulto

Posted by fidest press agency su giovedì, 6 giugno 2019

Milano Martedì 11 giugno alle 18.30 Milano City Life – Shopping District, Piazza Tre Torri
Attimi by Heinz Beck.La dermatite atopica colpisce la pelle e sulla pelle ha un impatto fortemente visibile.Ma il suo impatto va ben oltre, sia perché la pelle è solo la parte visibile di una patologia che ha radici nel sistema immunitario sia perché la dermatite atopica colpisce nel profondo chi la vive: la dermatite atopica incide infatti in modo importante sulla sua vita e ne influenza profondamente la quotidianità.Pensare alla qualità della vita delle persone con dermatite atopica e a come aiutarle a vincere la loro partita quotidiana con questa patologia sono alla base della nuova campagna di sensibilizzazione su questa invalidante patologia.L’occasione sarà utile per presentare la campagna “Passa in vantaggio contro la Dermatite Atopica”, campagna di respiro nazionale e internazionale che verrà lanciata in corrispondenza del Congresso Mondiale di Dermatologia (WCD) che si svolgerà a Milano dal 10 al 15 giugno 2019.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Presentazione campagna “Rudy=NonSmokers”

Posted by fidest press agency su domenica, 10 marzo 2019

Roma. Dopo una lunga preparazione, giovedì 14 marzo prossimo alle ore 11:00, presso lo “Spazio Europa” del Parlamento europeo e della Commissione europea a Roma, alla Stampa Estera e Italiana verrà presentato il progetto generale, con il piano delle future attività e la campagna contro il fumo dell’associazione “Benessere SenzaFumo ONLUS”, rappresentata dal “Red Papillon”, un papillon rosso divenuto brand dell’associazione dei non fumatori.
In un mondo dove esiste solo chi consuma (“Consumo ergo sum”), l’associazione “Benessere SenzaFumo ONLUS” viene ad essere la prima associazione al mondo di “NonConsumatori”, in realtà molto consumati sia dal fumo passivo che dalle pesanti tasse pagate indirettamente al Servizio Sanitario Nazionale per le tante lunghe cure ai fumatori.La prima strategia che si seguirà sarà quella di indicare finalmente “in positivo” l’80% degli italiani che fanno la cosa giusta, ovvero i non fumatori, e per distinguerli è stato scelto il termine “Rudy” come neologismo indeclinabile, mentre i fumatori (il 20%, Non Colpevoli e Non Viziosi ma vere vittime truffate) diventano negativi e sfortunati, ovvero “NonRudy”.È la prima volta che al marketing miliardario pro-tabacco non viene data una risposta seguendo i tradizionali criteri accademici del mondo scientifico ma utilizzando le idee e le competenze del marketing e della comunicazione.Ma perché il fumo è così tollerato oggi, e chi ci guadagna da tutto questo?Certamente non i cittadini e lo Stato visto che – lutti e sofferenze a parte – i costi ambientali (cicche e aria inquinata), i costi sociali (per famiglie e aziende) e i costi sanitari (per le cure) producono danni finanziari almeno tripli rispetto agli incassi fiscali sulle vendite.Il fumo è un problema immenso, con oltre 6 milioni di morti nel mondo e oltre 80.000 solo in Italia, ogni anno, largamente sottostimato a livello di pubblica percezione e volutamente confinato nell’area del “vizio” e del “piacere”.Invece il NonRudy, ovvero un non fumatore nel gergo dell’associazione, non è affatto un colpevole gaudente che si ammala e muore per colpa delle sue “libere scelte” ma è un malato cronico schiavizzato quasi sempre da ragazzino, una vera vittima consumata da una fortissima tossicodipendenza, seconda solo all’eroina e analoga a quella della cocaina.Tutte le sostanze psicotrope (che modificano lo stato psico-fisico) sono droghe ma vengono ben distinte in tre gruppi: il fumo, l’alcol e gli stupefacenti.
Ogni anno in Italia il fumo (legale, si resta lucidi apparentemente) fa appunto oltre 80.000 morti; l’alcol (legale, e non si resta lucidi) più di 20.000; tutti gli stupefacenti (illegali, e non si resta lucidi) meno di 400.E se l’illegalità è collegata alla pericolosità e ai danni derivanti da un fatto o da una certa situazione, perché 400 morti l’anno sono gravissimi, con leggi e forze dell’ordine costantemente impegnate e con un’altissima riprovazione sociale, mentre per un totale di 100.000 morti ogni anno la sensibilità collettiva è minima?E chi ci guadagna dall’allarmante illegalità degli uni e dalla serena legalità degli altri?“Rudy o Non Rudy (non fumatori o fumatori), siamo tutti vittime del fumo” è l’amara constatazione di Rudy PuntoRudy, presidente dell’associazione.
Occupandosi comunque di una droga legale, l’associazione ha come Mission il voler “cambiare la non cultura del fumo” e come Vision una massima:“Non vogliamo scoprire presto i tumori, vogliamo non farli arrivare affatto”.Quindi l’obiettivo è quello della vera prevenzione, per restare sani e senza dipendenze, non per fare “prevenzione secondaria”, arrivando cioè quando il tumore ormai è partito, oppure per “limitare i danni”, continuando a ben rifornire il malcapitato cliente.In base ad un progetto del tutto innovativo (che sarà un vero format itinerante), verrà dunque avviata per la prima volta in Italia una campagna culturale permanente denominata “Rudy=NonSmokers”, che prevede progressive edizioni annuali operando per dodici mesi in tutte le venti regioni italiane.In 100 gemellate “Città del Benessere” verranno portati sia eventi speciali riservati soltanto ai Rudy Italiani (i “RudyParty”) e sia apposite conferenze (gli “InfoRudy”) dedicate alle scuole secondarie dagli 11 anni in su.Avviando ora il lavoro in Italia, l’associazione già pensa alle edizioni europee delle iniziative.Perché la salute è un bene prezioso, che non dobbiamo mettere in alcun modo in pericolo, e che gli Stati dovrebbero tutelare considerando anche i gravi danni economici che le malattie provocano.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Campagna nazionale: “Malattie Reumatologiche? No grazie!”

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 febbraio 2019

Roma 18 febbraio, presso il Centro Sociale Anziani Sandro Pertini (Via degli Aceri, 57) di Roma si terrà un incontro informativo. L’obiettivo dell’iniziativa è far comprende a tutti gli italiani, non più giovanissimi, la severità di queste patologie. “Possono essere disturbi severi, dolorosi, potenzialmente invalidanti che risultano in forte crescita nel nostro Paese – afferma la dott.ssa Manuela Di Franco, Medicina Interna e Specialità Mediche, Dipartimento di Reumatologia, Sapienza Università di Roma, Delegato Regionale SIR per il Lazio -. In totale colpiscono oltre cinque milioni di italiani. Anche se non vanno considerate come patologie solo ed esclusivamente della terza età, gli anziani risultano particolarmente esposti. Infatti nel nostro Paese il 32% degli over 65 utilizza farmaci antinfiammatori ed antireumatici per la cura, tra gli altri disturbi, di artriti e artrosi. Il 25% invece assume regolarmente vitamina D per contrastare l’osteoporosi”. Per creare una nuova cultura della prevenzione, durante l’incontro verrà distribuito un opuscolo, insieme ad altro materiale informativo, con una grafica attenta e di facile lettura. Durante la lezione della SIR sarà ribadita l’importanza di seguire, anche durante la terza età, stili di vita sani. La campagna prevede 25 incontri su tutto il territorio nazionale e terminerà ad aprile.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mobili in affitto arriva in Italia con la campagna AfforTable

Posted by fidest press agency su giovedì, 24 gennaio 2019

Macherio (MB) sabato 26 gennaio 2019 dalle 18.30 alle 22.00 all’interno dello showroom e laboratorio di Viale Regina Margherita 150 nel cuore del celebre artigianato brianzolo. Un servizio che va a colmare una necessità espressa da sempre più persone, soprattutto le nuove generazioni, che a causa dell’alto prezzo delle case e degli stipendi non all’altezza, cercano il modo per coniugare nel migliore dei modi la qualità alla quantità del denaro speso. Una tendenza internazionale che sta letteralmente rivoluzionando il mercato dell’arredamento, destinato a diventare un vero e proprio trend anche in Italia. In una società dove il concetto di proprietà sta radicalmente cambiando, sempre più spesso gli oggetti che normalmente sono reperibili in vendita ormai lo sono anche in affitto. Un trend dirompente che non tocca più solo auto, case, vestiti e servizi di condivisione di film o musica, ma perfino i mobili di casa. L’ultima svolta nell’odierno universo della sharing economy l’ha dettata infatti Studio Apeiron, azienda di design made in Italy che con il lancio della campagna #AfforTable ha scelto di portare in Italia l’affitto del tavolo: non un semplice complemento d’arredo, ma un tavolo frutto dell’artigianato italiano famoso in tutto il mondo ed eco-sostenibile, realizzato con materiali di pregio naturali e riciclabili, che sarà possibile avere nel proprio salotto o in cucina a solo un euro al giorno.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Campagna di crowdfunding: Io sono Superottimista

Posted by fidest press agency su domenica, 4 novembre 2018

Torino Giovedì 8 Novembre dalle ore 19.30, OffTopic, Via Giorgio Pallavicino 35, ingresso libero L’Archivio Superottimisti organizza un party per festeggiare la fine della campagna di crowdfunding IO SONO SUPEROTTIMISTA con un evento speciale: alle 19,30 DJ SET con Lele Roma e proiezioni in Super8; alle 22,00 giochi e divertimento assicurato con L’incanto di Dario Benedetto; alle 22,30 concerto live degli Ashville e videoproiezioni con immagini d’Archivio. Una festa in piena regola, per ringraziare tutti quelli che hanno lavorato, condiviso e partecipato alla campagna senza dimenticare lo spirito del progetto attraverso un originale utilizzo del patrimonio conservato dall’AMNC e dall’Archivio. In allegato il comunicato stampa, evento facebook.
L’Archivio Superottimisti da 11 anni lavora per conservare la memoria delle famiglie attraverso la raccolta, la digitalizzazione e la catalogazione di pellicole in formato ridotto (Super8, 8 e 9,5 mm). Per sviluppare ulteriormente il progetto abbiamo deciso di realizzare entro il 2019 un sito che possa raccogliere le informazioni del’Archivio e renderle accessibili a tutti. Da qui nasce la campagna di crowdfunding #IOSONOSUPEROTTIMISTA attiva fino all’11 novembre sulla piattaforma Produzioni dal Basso per la realizzazione del portale. Obiettivo della campagna è raccogliere 5.000 Euro per l’ultimazione del database, la realizzazione grafica e tecnica del portale. Per tutti quelli che contribuiranno alla campagna sono previste ricompense originali “superottimiste”.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Campagna “I LOVE LIFE”, un’iniziativa di Novartis

Posted by fidest press agency su sabato, 28 aprile 2018

Poco conosciuto e sotto diagnosticato nonostante sia la seconda causa di morte in Italia: è lo scompenso cardiaco. “Cenerentola” delle malattie cardiovascolari colpisce quasi un milione di italiani causando circa 190 mila ricoveri l’anno e compromettendo pesantemente la qualità della vita di coloro che ne sono affetti. Per accendere i riflettori su questa grave patologia viene presentata oggi a Milano – con il patrocinio del Ministero della Salute – la Campagna “I LOVE LIFE”, un’iniziativa di Novartis dedicata a pazienti e caregiver che prevede una serie di attività sul territorio nazionale e il lancio di una pagina facebook dedicata. La campagna è promossa con il patrocinio di AISC, Associazione Italiana Scompensati Cardiaci. “Il paziente con scompenso cardiaco – ha dichiarato Michele Senni, Direttore della Cardiologia 1 dell’ASST Papa Giovanni XXIII di Bergamo – va incontro ad un significativo decadimento della qualità della vita trovandosi costretto a dover progressivamente limitare le proprie attività quotidiane fino ad arrivare a dover stare in poltrona o addirittura a letto, nei casi più severi. La patologia è caratterizzata da ripetuti ricoveri che pian piano diventano sempre più frequenti e ravvicinati nel tempo, fino a condurre alla morte che può avvenire anche in maniera improvvisa. È una malattia particolarmente subdola: spesso il paziente dopo un primo ricovero torna a casa e, passato l’episodio acuto, si sente “come prima” ed inizia a trascurare la propria condizione facendosi complice inconsapevole di una progressione silente della patologia. Ai pazienti con scompenso cardiaco va, quindi, ricordato che la patologia continua a progredire anche in assenza di sintomi evidenti di peggioramento”.Si tratta quindi di una malattia cronica severa che progredisce silenziosamente, anche in assenza di sintomi evidenti, esponendo il paziente ad un elevato rischio. Basti pensare che 1 paziente su 4 muore entro 1 anno dalla diagnosi.La campagna “I LOVE LIFE. Il cuore è imprevedibile, lo scompenso no. Curarlo si può. Non lasciare andare la tua vita”, ha l’obiettivo di far conoscere l’importanza e la severità di questa patologia, per consentire a chi ne soffre, di rivolgersi tempestivamente ad uno specialista e trovare delle soluzioni che permettano di riprendere in mano la propria vita. “Grazie alle recenti innovazioni terapeutiche oggi lo scompenso cardiaco può essere curato in maniera efficace – ha dichiarato Claudio Rapezzi, Professore di Cardiologia, Dipartimento di Medicina Specialistica, Diagnostica e Sperimentale Alma Mater, Università di Bologna e Direttore Unità Operativa di Cardiologia Policlinico S. Orsola-Malpighi di Bologna – Da un anno, abbiamo una nuova arma a nostra disposizione, gli ARNI (inibitori del recettore dell’angiotensina e della neprilisina). Si tratta di una nuova classe di farmaci che rappresenta la prima novità sullo scompenso cardiaco da 15 anni a questa parte. Sono farmaci che vanno ad amplificare la funzione di sistemi neuro-ormonali in grado di produrre benefici clinici a lungo termine. Studi clinici hanno dimostrato come questa nuova classe di farmaci prolunghi la durata della vita con valori medi intorno ad un anno e mezzo in un soggetto di 60 anni, ma con punte fino a 2-3 anni in più rispetto alle terapie ad oggi disponibili”.
Lo scompenso cardiaco colpisce l’1-2% della popolazione italiana, circa 1 milione di persone². In Italia causa circa 190 mila ricoveri l’anno, che generano una spesa totale di circa 3 miliardi €/anno. Lo scompenso cardiaco è un importante problema di salute pubblica e lo diventerà sempre più per l’invecchiamento della popolazione e il progresso del trattamento delle malattie cardiovascolari (coronaropatie e valvulopatie). Poco conosciuto in generale, lo scompenso cardiaco è la prima causa di morte tra le patologie cardiovascolari in Italia. La mortalità a 5 anni dopo un ricovero per scompenso cardiaco è del 40-50%³, 1 paziente su 4 muore entro 1 anno dalla diagnosi.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Al via la seconda edizione della campagna “Cuoriamoci, piccoli gesti per la salute del cuore”

Posted by fidest press agency su giovedì, 29 marzo 2018

E’ stata promossa da Fondazione Italiana per il Cuore in collaborazione con la Società Italiana di Scienza dell’Alimentazione e con il supporto non condizionato di Parmalat, per sensibilizzare gli italiani sull’importanza di prendersi cura del benessere del proprio cuore grazie a piccoli e semplici gesti: l’alimentazione, l’attività fisica e l’eliminazione di “vizi quotidiani”.
Nel nostro Paese, l’alimentazione non è vissuta solo come una sfera di interesse, di coinvolgimento e come catalizzatore di passioni, ma è ritenuta il principale canale d’accesso verso la salute, la forma fisica e il benessere. Non è, infatti, un caso che, da un confronto internazionale, al nostro Paese si attesti il primato di “food passionate”, ovvero l’auto-percezione della popolazione riguardo alle elevate capacità culinarie e lo spiccato interesse verso la cucina.
Nonostante questa forte attenzione all’alimentazione da parte degli italiani, accompagnata anche da alcuni comportamenti virtuosi come la riduzione del consumo di carne rossa (35% della popolazione italiana), la preferenza di prodotti biologici (43%) e il consumo di alimenti funzionali e arricchiti (27%), gli abitanti del “Bel Paese” sembrano però spesso dimenticarsi, nella pratica e nel quotidiano, le buone regole della Dieta Mediterranea. Questo è ciò che emerge dalla recente ricerca di Gfk (Sinottica TSSP 2017) sulle abitudini degli italiani a tavola.
Dall’analisi risulta che gli italiani non mangiano dosi adeguate di frutta (42%) e di verdura (59%), alimenti “amici del cuore”, poveri di grassi e ricchi di vitamine, minerali e fibre. Un italiano su due non mangia neppure una volta a settimana il pesce, il cui effetto protettivo è dovuto al tipo di grassi contenuti (Omega-3) che contribuiscono alla normale funzionalità cardiaca. Sorte analoga per il latte: ben il 65% della popolazione non lo beve quotidianamente, percentuale che sale al 73% nelle fasce più giovani (17-34 anni). Meno del 10% consuma, invece, frutta secca settimanalmente. Il 37% degli italiani dichiara, inoltre, di aggiungere ai propri cibi molto sale, che può causare problemi di salute fra cui l’ipertensione arteriosa, il 45% non riesce a moderare l’assunzione di alimenti ricchi di grassi nocivi per la salute e il 30% non riesce proprio a ridurre l’assunzione di dolci.
Anche lo stile di vita risulta poco virtuoso: il 20% dichiara infatti di fumare regolarmente mentre l’81% non pratica nessuna attività fisica regolare, portando così la percentuale di persone in sovrappeso di almeno 5 kg al 32%.
Da questa fotografia riparte “Cuoriamoci, piccoli gesti per la salute del cuore”, la Campagna nata nel 2017 che ha visto, nel suo primo anno di attività, una straordinaria partecipazione del pubblico; sono stati infatti ben 35 mila i test sulla salute del proprio cuore raccolti attraverso il sito http://www.cuoriamoci.it. E, per il 2018, l’obiettivo sarà quello di raggiungere un numero ancora più vasto di persone, per aiutarle a prevenire le malattie cardiovascolari.
“Pochi hanno la consapevolezza di questo dato evidente: nel nostro Paese i decessi a causa delle principali patologie cardiovascolari riguardano, ogni anno, 98.000 uomini e ben 127.000 donne (ISS 2014) – ricorda Emanuela Folco, Presidente della Fondazione Italiana per il Cuore – Un dato allarmante se pensiamo che la maggior parte di queste malattie sono prevenibili con un corretto stile di vita e un’alimentazione più equilibrata. Basterebbe, quindi, introdurre nella vita quotidiana di tutti noi piccoli e semplici gesti che possono fare però una differenza enorme in termini di benessere e prevenzione cardiovascolare. Questo l’obiettivo che ci siamo posti con la Campagna Cuoriamoci, che, lanciata con successo lo scorso anno, vogliamo tornare a proporre in questa nuova edizione, augurandoci di continuare a promuovere un autentico circolo virtuoso nelle abitudini degli italiani, affinché imparino a preservare un bene prezioso come il benessere del proprio cuore”.
“Oggi, nonostante la molteplicità di informazioni a riguardo, si fa ancora poco per intraprendere sane abitudini salva cuore, e più in generale a tutela della propria salute: migliorare la qualità dell’alimentazione, ridurre le porzioni di grassi a favore di verdura e frutta, non perdere occasione per praticare attività fisica – aggiunge Andrea Ghiselli, Presidente della Società Italiana di Scienza dell’Alimentazione e Dirigente di Ricerca del CREA, Alimenti e Nutrizione. – Per questo, la Società Italiana di Scienza dell’Alimentazione, da sempre impegnata in iniziative di educazione alimentare, aderisce e appoggia la Campagna Cuoriamoci, che stimola la popolazione a quei piccoli cambiamenti nello stile di vita, in grado di portare grandi vantaggi per la salute”.
Al fine di guidare le persone verso una prevenzione semplice e alla portata di tutti, la Campagna Cuoriamoci promuove anche quest’anno piccoli gesti “salva cuore” da ripetere ogni giorno. Oltre all’astensione totale dal fumo, usare ogni occasione per fare movimento: basta una camminata quotidiana di buon passo di almeno 30 minuti per un totale di 150 minuti settimanali, preferire le scale all’ascensore, scendere a una fermata prima di metro/autobus, parcheggiare l’auto lontano dal posto di lavoro, usare la bici. Altro fattore importante è un’alimentazione più equilibrata, con meno cibi grassi o ricchi di zuccheri semplici e con molto sale, preferendo invece cereali integrali, legumi, frutta, verdura e alimenti ricchi di grassi Omega3 EPA e DHA, che contribuiscono alla normale funzionalità cardiaca. Ne sono ricchi alimenti come noci e frutta secca con guscio, pesce azzurro, semi di lino e alcuni olii vegetali.
Le iniziative della Campagna partono a Marzo e proseguiranno fino al 29 settembre 2018, quando, come ogni anno verrà celebrata la Giornata Mondiale per il Cuore, promossa dalla World Heart Federation e coordinata in Italia dalla Fondazione Italiana per il Cuore, con iniziative educative, testimonianze di esperti, eventi sul territorio e collaborazioni istituzionali.
Oltre alle attività a livello nazionale e locale, i messaggi della campagna saranno diffusi via TV, radio e web (tra cui il sito dedicato http://www.cuoriamoci.it), con lo scopo di promuovere l’informazione scientifica sul tema e incoraggiare le persone a fare propri i gesti quotidiani per la prevenzione delle malattie cardiovascolari, a tutela del proprio cuore. Anche quest’anno ci sarà la possibilità di valutare la propria attitudine ad uno stile di vita sano, effettuando il test online che, attraverso 10 domande su stili di vita, alimentazione e attività fisica, darà riscontri sul grado di consapevolezza rispetto alla salute del proprio cuore. Qui saranno disponibili anche consigli utili e pratici per mettere in atto corrette e salutari abitudini.
La campagna “Cuoriamoci, piccoli gesti per la salute del cuore” è resa possibile grazie al supporto non condizionato di Parmalat, che rinnova il proprio impegno nella promozione di corrette abitudini attraverso iniziative concrete sul territorio: tra queste, Cibus a Parma e la Partita del Cuore con la Nazionale Cantanti, che si giocherà allo Stadio Galileo Ferraris di Genova il prossimo 30 maggio. Le attività di promozione della Campagna Cuoriamoci continuano anche nei principali supermercati, dove sarà possibile ricevere materiali informativi e consigli utili e adatti a tutti sulla prevenzione delle malattie cardiovascolari. (Gianmarco Monterosso)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Prosegue da Roma la campagna di recruiting di Club Esse

Posted by fidest press agency su sabato, 24 marzo 2018

E’ una catena alberghiera italiana con una quindicina tra villaggi e hotel nel centro-sud Italia e nelle isole, di cui ben 9 in Sardegna, che sta cercando 400 persone delle oltre 1200 che impiegherà la prossima estate, da fine aprile a metà ottobre.
Di queste 400, 100 riguardano settore intrattenimento e sport, mentre i restanti sono divisi tra ricevimento, cucina, sala, bar ed economato. Tranne che per le figure apicali, come direttori o chef, la ricerca di personale alberghiero si focalizza però prevalentemente sul territorio in cui sorge la struttura, in modo da esaltare le competenze, le tradizioni, l’accoglienza e i “sapori” locali.I nuovi colloqui su appuntamento si svolgeranno a Roma sabato, 24 marzo, poi il 14 aprile e il 12 maggio. Coloro che intendono candidarsi devono compilare il form sul sito http://www.clubesse.it (o scrivere a personale@clubesse.com per chi è interessato all’alberghiero, a risorseumane@clubesse.com per l’intrattenimento) e attendere l’invito che indicherà sede e orario in cui presentarsi. Il calendario delle selezioni verrà aggiornato periodicamente sul sito http://www.clubesse.it.
Le figure cercate riguardano il settore dell’intrattenimento (i cinque profili più richiesti sono i tecnici audio-luci, gli scenografi, i coreografi, gli animatori per i miniclub e gli istruttori sportivi – in particolare tennis, tiro con l’arco e fitness -, ma non mancano ottime occasioni per i capi animazione, i musicisti, i ballerini, i costumisti, gli assistenti bagnanti, gli addetti alle boutique) ma anche in quello più strettamente alberghiero. Sono aperte posizioni nelle aree ricevimento, economato, cucina, servizio in sala e al bar.
Ai candidati, uomini e donne maggiorenni, si chiede innanzitutto entusiasmo e positività, ma la presenza sempre più massiccia di ospiti stranieri, che negli ultimi anni nei villaggi Club Esse ha superato il 30% della clientela, ha reso molto apprezzata la conoscenza di inglese, francese e tedesco, lingue che si ha così l’opportunità di approfondire. Si richiede inoltre una disponibilità di almeno tre mesi, motivazione, attenzione alle esigenze dell’ospite, capacità di lavorare in gruppo e disposizione al sorriso. Anche le esperienze precedenti non guastano.
Club Esse è una società italiana di gestione turistica in grande crescita che ha chiuso la stagione 2017 con 25 milioni di fatturato (+25% sul 2016). Ogni estate dà lavoro a circa 1000 persone (1200 quest’anno) nelle sue strutture in Sardegna, Sicilia, Calabria e Abruzzo, per lo più personale fidelizzato che però ha sempre bisogno di nuovi “innesti”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Versace: campagna Primavera/Estate 2018

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 gennaio 2018

versace versusversace versus1Proseguimento della campagna ‘Sub Versus’ Autunno/Inverno 2017, ‘Sub Versus 2’ vuole mostrare l’autenticità di una nuova generazione di giovani. Una generazione di innovatori culturali che attraverso la loro comunità, la musica e l’arte promuove la diversità ritrovandosi negli skate-park e nelle spiagge della zona.Questo cast riafferma l’importanza della personalità e dell’anticonformismo, attraverso un road-trip – viaggio nel quale l’individualità è bellezza, e l’inclusività è fondamentale. Senza mai mettere in dubbio il proprio stile, i protagonisti della campagna girano per LA e si fermano in luoghi dove non esistono pregiudizi e dove non ci sono regole. C’è soltanto il divertimento e la libertà di perdersi nel caos.IL CAST è formato da:
Olan Prenatt, che ci guida nello skate-park dove è di casa.
versace versus3versace versus2Il musicista Lindsey Shrederley, a suo agio solo quando compone musica che rompe gli schemi.
Ama Elsesser, la visual artist che trova speranza nelle sue passioni.
Le modelle Hayley Ashton e Lilliya Reid, che non hanno paura di vivere nel presente.
Il modello e amante di macchine TJ Robinson, che vive per la spontaneità di Los Angeles, insieme ai modelli Marley Camacho e Dagsen Love.
L’attrice Fig Abner, originaria di Venice Beach, trae ispirazione dalla sua città natale.
Scattata dal fotografo Ben Toms, la campagna Versus Primavera/Estate 2018 unisce l’energia di Versus alle diverse culture underground che caratterizzano LA. Una pura rappresentazione di ciò che significa essere così liberi e coraggiosi da superare ogni limite. La colonna sonora della campagna, composta dall’artista Def Sound, riprende il ritmo dello stile di vita californiano. “Questo gruppo di giovani talenti di Los Angeles racconta perfettamente lo spirito della sub-cultura Versus: il carattere, l’audacia, e le problematiche della nuova generazione di creativi” – Donatella Versace. (foto: versace versus)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Altrospettacolo: c’è tempo fino al 31 gennaio per aderire alla campagna di crowfunding!

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 gennaio 2018

email rio - foto scanzi -Dopo due settimane di campagna di crowdfunding, il progetto di Altrospettacolo.it ha raggiunto finalmente il primo degli obiettivi che si era prefissato, posto a 7mila euro. Con questi primi soldi raccolti, provenienti da oltre 200 donatori che hanno donato in media circa 35 euro a testa. Aver raggiunto i primi 7mila euro significa tante cose. Per prima cosa aver raggiunto l’obiettivo che il 22 dicembre era per noi primario: non disperdere la redazione e dare un presente a più redattrici e redattori possibili e se ancora non significa aver costruito loro un futuro, quanto meno significa aver assicurato loro quanto meno un presente.
Come avevamo promesso all’inizio, vogliamo essere molto trasparenti nel trattamento di questi preziosi fondi, che arrivano da lettori che — sia per passione che per lavoro — per anni ci hanno letto e seguito con affetto e che si sono mobilitati in prima persona per non lasciarci da soli: al netto delle spese di gestione del progetto (fee di Produzioni dal Basso e di Paypal), il resto dei soldi che stanno entrando ci hanno permesso di dedicarne una parte per far cominciare, alle redattrici e ai redattori che se ne occuperanno, la scrittura di Un’Altrastoria, la storia delle tv italiana all’epoca di TvBlog che è stata scelta da molti come ricompensa per la donazione al nostro progetto. Ma serviranno anche per assicurare la produzione e la spedizione delle ricompense fisiche, ovvero le tazze e le magliette; per pagare le persone che si stanno occupando della comunicazione — Twitter, Instagram, Facebook e come Ufficio Stampa — e anche per iniziare a pagare chi di noi in questi giorni sta scrivendo su Altrospettacolo.it. La mobilitazione del mondo dello spettacolo continua ad essere formidabile, anche dopo due settimane: dopo i primi messaggi e video di solidarietà da alcuni dei più importanti protagonisti della televisione italiana, altri ancora si sono uniti: Savizo Zaba, Paola Perego, Pippo Baudo, Antonella Clerici, Fabrizio Frizzi, Doro Gjat, Saverio Raimondo, Elisabetta Pellini, Adriana Volpe, Enrico Papi, Stefania Orlando, Tony Colombo, Barbara Palombelli e Paolo Bonolis.
Altrospettacolo.it è un nuovo punto di partenza per offrire al nostro pubblico un’informazione ancora più autorevole, sostenibile e libera di quella che eravamo in grado di fornire su Tvblog. È un progetto che verrà supportato dal team di Slow News, composto anch’esso da ex giornalisti di Blogo.it (tra cui il fondatore di Tvblog, Alberto Puliafito) e rifuggirà la logica dei ricavi basati per forza sui click.
I valori che ci ispirano sono la volontà di creare relazioni con il pubblico e di essere, sia verso l’esterno che verso l’interno, trasparenti sull’uso del denaro raccolto con il crowdfunding prima e attraverso gli investimenti che attireremo, dopo.Oltre alle notizie quotidiane, produrremo contenuti a pagamento, dunque anche senza pubblicità. Ciò significa scegliere di puntare sulla qualità e l’indipendenza del progetto giornalistico. Vogliamo ampliare il rapporto di fiducia che in questi anni abbiamo costruito insieme tante lettrici e tanti lettori, anche tra i professionisti del settore.
Il nostro obiettivo è un modello di business sostenibile, che valorizzi gli autori, che rispetti il pubblico e che non ingrassi soltanto l’editore. E racconteremo tutto quello che faremo, in totale trasparenza.Per maggiori informazioni sulla campagna di crowdfunding e sulle ricompense previste: https://www.produzionidalbasso.com/project/altro-spettacolo/

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Divella e ScaF lanciano contratto di filiera su grano duro

Posted by fidest press agency su sabato, 21 ottobre 2017

agricolturaSan Bartolomeo in Galdo (Benevento). In una riunione organizzata da Confagricoltura Benevento – presenti un centinaio di cerealicoltori – la Società cooperativa agricoltori del Fortore, di San Bartolomeo in Galdo e l’impresa molitoria e pastaria Divella di Rutigliano, secondo produttore italiano di pasta secca, hanno lanciato un contratto di filiera che avrà come obiettivo per la Divella di assicurarsi nella campagna cerealicola 2017/2018 almeno 7000 quintali di grano duro fino di alta qualità, con un tenore minimo di proteine del 15,5% ad un prezzo base corrisposto agli agricoltori di 27 euro al quintale.L’accordo di filiera ha l’ulteriore obiettivo di assicurare un tenore medio delle proteine sul raccolto intorno al 16% e prevede un complesso meccanismo di premialità che può portare il prezzo massimo fino a 36 euro al quintale. Nel quadro dell’accordo la ScaF avrà il ruolo di stoccatore, i suoi soci conferitori forniranno la materia prima una volta raccolta e coltivata secondo un disciplinare di produzione ben preciso, che consentirà di raggiungere gli elevati standard di qualità richiesti.La Divella nella campagna 2016/2017 aveva già concluso decine di contratti di filiera sul grano duro in tutto il Centro -Sud Italia per 25mila ettari, con un prezzo minimo in collina per 27 euro al quintale e 28 euro in pianura.Hanno illustrato i vantaggi del contratto di filiera l’amministratore delegato dell’azienda di Rutigliano, Vincenzo Divella e il presidente della Scaf, Mario Monaco. Per Confagricoltura Benevento era presente il sub commissario Giuseppe Precchia, che ha detto:“E’ una grande opportunità per gli agricoltori, perché consente loro di costituire, in un rapporto di dialogo costruttivo con l’industria agroalimentare, una vera e propria polizza sul prezzo del grano duro fino.”“A patto di investire sulla qualità del risultato e sull’osservanza di un preciso disciplinare di produzione, che a determinati costi garantisce un risultato importante in termini di redditività aziendale – sottolinea il presidente della cooperativa Monaco.Divella ha tra l’altro affermato:”E’ oggi una giornata importante, vengo da Sibari e sono diretto a Torremaggiore per altri appuntamenti con gli agricoltori che si stanno sempre più rendendo conto dell’importanza dei contratti di filiera”.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Riso BMTI: si chiude una campagna segnata dai ribassi

Posted by fidest press agency su venerdì, 4 agosto 2017

irrigazione riso2La campagna commerciale 2016/17, ormai prossima alla conclusione, si appresta ad essere archiviata come la peggiore degli ultimi anni per i prezzi dei risoni. Gravato ancora da una quantità ingente di scorte, dovuta anche all’ampia produzione 2016, il mercato risicolo italiano ha evidenziato nel secondo trimestre dell’anno ulteriori segnali di pesantezza, particolarmente evidenti per i risoni del gruppo Tondo e del gruppo Lungo A. E’ quanto emerge dall’analisi compiuta dalla Camera di Commercio di Pavia in collaborazione con Borsa Merci Telematica, relativa al secondo trimestre dell’anno. Nel complesso, i prezzi attuali risultano più bassi rispetto allo scorso anno per quasi tutte le varietà, con la sola eccezione dei risoni Baldo (+12% a giugno sulla piazza di Mortara) e Ariete/Loto (+13% a giugno sulla piazza di Pavia). Pesante, invece, il calo registrato per le tradizionali varietà da risotto come Arborio e Carnaroli, i cui prezzi, prendendo come riferimento il mese di giugno, si sono più che dimezzati rispetto allo scorso anno. Annata segnata dai ribassi anche per i risoni del gruppo Tondo, con i prezzi del Selenio che hanno chiuso la campagna commerciale con un calo su base annua prossimo ai 40 punti percentuali (piazza di Mortara). Confronto con lo scorso anno che risulta negativo anche per le varietà Indica, sebbene in termini percentuali il divario sia decisamente meno accentuato (-1,7% a giugno sulla piazza di Pavia) rispetto a quanto emerso per le varietà da consumo interno e per i risoni del gruppo Tondo.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nuovo “Punto Luce” di Save the Children

Posted by fidest press agency su sabato, 1 aprile 2017

san-lucaSan Luca (RC) Lunedì 3 aprile 2017 alle ore 10.30 in via C. Marconi, verrà inaugurato il nuovo “Punto Luce” di Save the Children, l’Organizzazione internazionale dedicata dal 1919 a salvare la vita dei bambini in pericolo e a tutelare i loro diritti. L’apertura del Punto Luce di San Luca da avvio alla settima di eventi della campagna “Illuminiamo il Futuro” per il contrasto della povertà educativa in Italia: 7 giorni intensi di informazione, sensibilizzazione e mobilitazione, dal 3 al 9 aprile, con oltre 650 eventi e iniziative su tutto il territorio nazionale promosse da scuole, associazioni, enti, istituzioni culturali e realtà locali. In occasione del rilancio della campagna, l’Organizzazione diffonderà un nuovo rapporto con i dati sulla povertà educativa e sul suo impatto negativo sul futuro dei bambini nel Paese. I Punti Luce sono centri ad alta densità educativa che sorgono in alcuni quartieri delle grandi città o in aree territoriali particolarmente a rischio dal punto di vista della povertà educativa per bambini e adolescenti. Il nuovo polo educativo, realizzato in uno spazio messo a disposizione dal Comune di San Luca, nasce nell’ambito di un Accordo quadro siglato da Save the Children e Regione Calabria con l’obiettivo di promuovere un’area ad alta densità educativa nella Locride per il contrasto della povertà educativa creando una rete territoriale tra i Comuni di San Luca, Platì e Brancaleone.Interverranno all’inaugurazione il Presidente della Regione Calabria Mario Gerardo Oliverio, l’Assessore all’Istruzione della Regione Federica Roccisano, il Commissario Straordinario di San Luca Salvatore Gullì e Raffaela Milano, Direttore Programmi Italia Europa di Save the Children.Il Punto Luce di San Luca sarà gestito da Save the Children in collaborazione con l’Associazione Civitas Solis, e offrirà gratuitamente a bambini e adolescenti dai 6 ai 16 anni servizi educativi come accompagnamento allo studio, educazione al movimento e al gioco creativo, laboratori di invito alla lettura, laboratori artistici e musicali, educazione ad un utilizzo sicuro di internet.Il Punto Luce di San Luca, terzo spazio aperto da Save the Children in Calabria dopo quello di Scalea e Gioiosa Ionica, arricchisce una rete di 20 centri dedicati alla lotta alla povertà educativa che Save the Children ha già attivato in 12 regioni italiane, da nord a sud, nell’ambito della campagna “Illuminiamo il Futuro”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Programmazione necessaria per la prossima campagna del pomodoro

Posted by fidest press agency su lunedì, 20 febbraio 2017

pomodoropomodoro1“Una chiara pianificazione degli ettari e un’attenta programmazione delle quantità per la prossima campagna rappresentano elementi fondamentali per l’industria di trasformazione del pomodoro – dichiara Antonio Ferraioli Presidente di ANICAV, l’Associazione Nazionale Industriali Conserve Alimentari Vegetali -Il nostro obiettivo è la definizione di accordi di distretto che siano vantaggiosi per l’intera filiera del pomodoro da industria”.Nel bacino del Nord il confronto con la parte agricola si è già avviato, anche se condizionato da alcune criticità derivanti dalla gestione della scorsa campagna di trasformazione che si riflettono su tutta la filiera. Al Sud il ritardo è sicuramente dovuto all’esigenza di rilancio dello strumento distrettuale, che continua a rappresentare una priorità per l’Industria.
“Come ANICAV – prosegue Ferraioli – siamo disponibili ad impegnarci per trovare le migliori intese possibili. Il dialogo con la parte agricola è necessario”.”Nel bacino del Centro Sud, in particolare – afferma il Direttore Generale di ANICAV, Giovanni De Angelis – bisognerà, tutti insieme, lavorare per andare verso l’evoluzione del Distretto in un Organismo Interprofessionale che sia in grado di garantire il rispetto delle regole e degli accordi raggiunti tra le parti”. (foto: pomodoro)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Campagna per il referendum: Diciamo No

Posted by fidest press agency su domenica, 2 ottobre 2016

respect-costituzioneScrive Stefano Feltri vice direttore il Fatto Quotidiano: la campagna per il referendum del 4 dicembre si sta scaldando, cresce la domanda di informazione. Come sapete il Fatto Quotidiano si impegna dalla sua fondazione per difendere la Costituzione che oggi è minacciata dalla riforma Renzi-Boschi-Verdini. Abbiamo quindi due mesi per raccontare quali sarebbero le conseguenze della Carta e per spiegarlo a tutti quelli che possiamo raggiungere. E’ una missione disperata: avrete notato la massiccia campagna del fronte del Sì, guidato dal premier Matteo Renzi, che sventola in televisione il furbo quesito referendario nel quale sono indicate solo le misure che portano consenso (come l’abolizione del Cnel). In questi giorni sul Fatto abbiamo raccontato anche di come il ministro Maria Elena Boschi approfitti del suo ruolo per andare a spiegare le ragioni del Sì alle comunità di italiani all’estero, dove il Fatto o il comitato del No fatica ad arrivare. E’ una battaglia difficile, ma ce la possiamo fare. Per questo abbiamo deciso di ripubblicare lo speciale referendum che “avvolgeva” il Fatto Quotidiano nell’edizione di martedì 27 settembre. Quel numero del giornale è andato a ruba e in tanti ci avete chiesto come recuperarlo, visto che in molte edicole era esaurito. Detto, fatto. Lo troverete domenica all’interno del Fatto Quotidiano in edicola: una pagina-manifesto da appendere e da esibire, un paginone con tutte le ragioni del No che Marco Travaglio ha spiegato nel suo libro scritto con Silvia Truzzi e nello spettacolo “Perché No”, e poi le infografiche da tagliare e diffondere che riassumono lo scempio della Costituzione che avverrebbe in caso di vittoria del Sì. Acquistate il giornale per voi, ma regalatene una copia anche a chi ancora non ha avuto tempo di informarsi o guarda soltanto i tg della Rai e legge i giornaloni. Magari lasciatene una copia al bar o sull’autobus. Ci vediamo domenica in edicola. Non mancate. E cominciate a prepararvi per un grande evento che il Fatto sta organizzando per dire No alla riforma. Se avete idee creative, mandatecele nella parte del nostro sito “Fatto da voi”: le migliori le pubblichiamo nella nuova sezione dedicata al referendum e su carta nella pagina quotidiana “C’è chi dice no”. In questa prima settimana di campagna ne sono arrivate centinaia, alcune geniali. Insieme, noi e voi, ce la possiamo fare a salvare la Costituzione. (foto: respect costituzione)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Fertilità e campagna ministero: Dannosa e pericolosa

Posted by fidest press agency su domenica, 4 settembre 2016

Ministero saluteIl ministero della Sanità promuove la fertilità in età giovanile. Un film sul ventennio del governo di Benito Mussolini nel secolo scorso? No! A.D. 2016. Proprio mentre migliaia di profughi o migranti affollano i mari che raggiungono la nostra penisola cercando aiuto. Proprio mentre l’esplosione demografica nel mondo e’ un pericolo piu’ volte denunciato dall’Onu. Sembra che il nostro ministero della Sanità viva in un fortino chiamato Italia e, visto l’andamento negativo della natalità, abbia deciso, per meglio combattere chi potrebbe assediare questo fortino, di far fare più figli a cui affidargli le baionette del millennio 2000.
Globalizzazione, liberi scambi, internazionalizzazione della economia e della politica del nostro Paese (su cui il nostro capo del Governo sta mettendo molto impegno), politiche di accoglienza per i disperati dei mondi poveri e/o belligeranti… tutto questo non esiste. C’e’ solo il fortino. Manca solo la razza e la stirpe e potremmo dire che è una campagna fascista. Ma non lo è. Perche’ se fosse fascista, almeno avrebbe una logica ideologica (anche se aberrante). Invece e’ solo una campagna ignorante e  altrimenti ci sarebbe anche la malafede a fini di ricerca di consenso elettorale verso i tanti che ancora abboccano a queste impostazioni uterine della crescita di un Paese. Quindi è una campagna dannosa e pericolosa. Sposta il nostro Paese anche nel ridicolo, oltre che contro tutte le politiche di crescita economica, culturale e politica: che sono quelle di un ruolo da svolgere nel contesto internazionale, puntando alla valorizzazione di organismi transnazionali e di superamento di quei confini ottocenteschi e novecenteschi che ci hanno portato morte, distruzione e disperazione.Dobbiamo quindi scoraggiare e non incoraggiare la natalità? Partendo dal presupposto che ogni donna e’ libera di procreare o meno, sperando che non si faccia abbindolare dai vari bonus bebe’ che spuntano come funghi anche nelle amministrazioni locali… Si’! Dobbiamo incoraggiare la decrescita ovunque sia possibile. E qui in Italia e -piu’ in generale- nei cosiddetti Paesi occidentali, dove e’ piu’ semplice comunicarlo e farsi capire, vanno fatte campagne specifiche. L’esatto contrario di cio’ che fa il nostro ministero della Sanita’. Il Pianeta e’ unico, e sulla demografia come sull’ambiente, potremo consegnarlo piu’ decente ai nostri figli solo se ci sforziamo per campagne uniche a livello mondiale. (Vincenzo Donvito, presidente Aduc)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »