Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Posts Tagged ‘campi rom’

Campi rom a Roma e bonifiche

Posted by fidest press agency su venerdì, 4 agosto 2017

romRoma. “In seguito al sopralluogo della Commissione parlamentare di inchiesta sulle periferie nei campi di Centocelle, Torrespaccata, Via di Salone, La Barbuta e Tor Pagnotta è stata valutata la situazione dei campi rom a Roma. E’ chiaro che il governo può e deve fare di più per Roma. Il ministro Minniti deve sostenere la Capitale stanziando con urgenza dei fondi che aiutino l’amministrazione nell’opera di bonifica e risanamento dei campi per tutelare la salute dei cittadini e garantire la loro sicurezza. Nel campo nomadi di via di Salone, ad esempio, abbiamo trovato una situazione insostenibile poiché i rifiuti sono accumulati da anni e anni: segno dell’inadeguatezza delle precedenti amministrazioni che non hanno speso fondi sufficienti per monitorare e bonificare la zona. L’amministrazione M5S sta facendo un grande lavoro che porterà nel medio-lungo periodo al superamento dei campi rom ma per uscire dalla fase di emergenza attuale occorre un forte impegno a tutti i livelli istituzionali soprattutto da parte del governo. Per le bonifiche abbiamo speso solo dall’inizio di quest’anno quasi mezzo milione di euro ma è doveroso che si intervenga con un piano bonifiche straordinario che insieme al controllo della magistratura sul traffico criminale dei rifiuti risolva definitivamente la questione. Se il governo ha davvero a cuore le periferie deve utilizzare anche i soldi del grande fondo che Palazzo Chigi ha a disposizione per le bonifiche. Fino al 2032 il governo gestirà un ‘tesoretto’ di 45 miliardi di euro. Il Parlamento deve coscienziosamente prevedere che una parte di questi fondi sia destinata al risanamento delle periferie romane”.
Lo dichiarano in una nota stampa il Presidente della Commissione Ambiente, Daniele Diaco, e il vicepresidente della Commissione Lavori Pubblici, Fabio Tranchina.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Periferie Roma: sopralluogo commissione inchiesta in campi Rom

Posted by fidest press agency su lunedì, 31 luglio 2017

romRoma. Martedì, 1 agosto, la commissione parlamentare di inchiesta sulle condizioni di sicurezza e degrado delle città e periferie, presieduta da Andrea Causin, effettuerà sopralluoghi nei campi Roma della Capitale. Oltre ai deputati della commissione, saranno presenti Giuseppina Montanari, assessore alla sostenibilità ambientale, Laura Baldassarre, assessore alla persona, scuola e comunità solidale; Marco Cardilli, vice Capo di Gabinetto con delega alla Sicurezza; Fabio Tranchina, vice Presidente LL.PP; Michela Micheli, direttore dell’Ufficio Speciale Rom, Sinti e Caminanti; Diego Porta, comandante del corpo della Polizia locale e per Arpa Lazio, Sergio Ceradini, direttore della sezione provinciale di Roma.
Si partirà alle ore 9, con la visita al campo Rom di Centocelle, presso il parco di Centocelle in via Casilina. Al sopralluogo saranno presenti il presidente del V e VII municipio, Giovanni Boccuzzi e Monica Lozzi.
Alle ore 10, sopralluogo all’insediamento abusivo rom di via Torrespaccata, via Palmiro Togliatti, con i presidenti del IV e VI municipio, Roberta Della Casa e Roberto Romanella.
Alle ore 11, visita al campo rom di via di Salone – ingresso da ex distributore Agip via Casilina, via Palmiro Togliatti, con il presidente del VI municipio Roberto Romanella.
Alle ore 12.30, il campo rom “La Barbuta”, via di Ciampino, con il presidente del VII municipio Monica Lozzi.
Dalle ore 14.45 alle ore 16.45, la commissione incontrerà associazioni e comitati presso la parrocchia “Cristo Re” di via Scido, 130, a Morena e, a seguire, farà un punto con la stampa alle 16.45.
Alle ore 17.45, la commissione si sposterà a Tor Pagnotta, per un sopralluogo presso un insediamento residenziale privo di acqua potabile dove vivono circa 120 famiglie. Al sopralluogo saranno presenti il presidente del IX Municipio, Dario D’Innocenti ed Emanuele Belluzzo, presidente del Comitato di quartiere Belpoggio Casale Bicocca.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roghi tossici e campi rom

Posted by fidest press agency su sabato, 15 luglio 2017

romRoma “Sui campi rom la giunta Raggi naviga a vista, e come le abbiamo rappresentato durante l’audizione presso la Commissione d’inchiesta parlamentare sulle periferie Periferie i problemi sui roghi tossici e i campi nomadi sparsi in città confermano che dopo quindici mesi siamo ancora all’anno zero. Di giorno e di notte, non fa differenza: Roma brucia e il più delle volte, oltre al quotidiano abbandono delle aree verdi lasciate nell’incuria da una manutenzione inesistente, gli incendi sono causati dagli insediamenti rom, altra piaga che il sindaco Raggi vorrebbe debellare chiudendo i villaggi ma regalando loro case e buoni per l’affitto. Quanto accaduto questa notte a Monte Mario, con fiamme provenienti dal campo di Casal Lombroso, sono state percepite in tutto l’hinterland di Roma Nord, è solo l’ultimo degli episodi avvenuti. Raggi faccia il sindaco se è in grado, mandi immediatamente l’Ama a rimuovere i rifiuti speciali accatastati si bordi della città e il servizio giardini a sfalciare l’erba per impedire la propagazione degli incendi.
Nel frattempo chiediamo a Questore e Prefetto di sgomberare e chiudere definitivamente il campo rom di Casal Lombroso”.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Piano campi rom a Roma

Posted by fidest press agency su giovedì, 6 luglio 2017

romRoma. “Nel corso della seduta di qualche giorno fa della Commissione Politiche Sociali e Salute, assieme all’assessore alla Persona, Scuola e Comunità Solidale Laura Baldassare e al Dipartimento Politiche Sociali, abbiamo parlato del Piano Rom approvato nel mese di maggio dalla Giunta capitolina. Un piano che recepisce le prescrizioni in materia a livello europeo e internazionale e che si rende necessario alla luce del degrado e del sottosviluppo conseguenti a queste vere e proprie ghettizzazioni. La strategia di superamento dei campi Rom, Sinti e Caminanti si basa principalmente su misure miranti a favorire l’integrazione di queste popolazioni nel tessuto socio-territoriale romano, attraverso percorsi di scolarizzazione e politiche abitative, occupazionali e di educazione alla salute. Un piano che vedrà il coinvolgimento di tutti i Dipartimenti mediante la costituzione di un ufficio di scopo e che sarà orientato ai risultati, non ultimo quello di debellare l’assistenzialismo nei confronti di chi non necessita di alcun sostegno per provvedere ai propri bisogni primari. La fuoriuscita dai campi, in primis quelli da ‘La Barbuta’, ‘La Monachina’ (entro il 31 dicembre 2020) e dal Camping River (entro il 30 settembre 2017) avverrà nel rispetto del cosiddetto ‘patto di responsabilità solidale’, che prevede l’impegno, da parte di Roma Capitale, di supportare le famiglie che versano in una situazione di disagio economico certificato in cambio della chiusura dei campi. Strutture, queste ultime, sorte sulla base di mere affinità etniche, e non su motivazioni di assistenza e sostegno. Una situazione, quindi, non più sostenibile da nessun attore presente sul territorio e che va a penalizzare la qualità della vita sia dei cittadini che degli ospiti presenti nei campi” Lo dichiara, in una nota stampa, il presidente della Commissione Politiche Sociali e Salute Maria Agnese Catini.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Campidoglio: ampliamento Piano Rom

Posted by fidest press agency su domenica, 2 luglio 2017

romRoma l’Amministrazione capitolina ha esteso le misure previste dal Piano per il superamento dei campi rom, portando a tre il numero dei primi campi da superare. Gli interventi definiti da una delibera approvata in Giunta, includono anche il Villaggio Camping River. La delibera autorizza in via sperimentale, per il periodo 1 luglio 2017 – 31 dicembre 2018, ad attuare, per le persone ospiti del Camping River, le azioni e gli interventi elaborati nel ‘Piano di Indirizzo di Roma Capitale per l’inclusione delle popolazioni Rom, Sinti e Caminanti’ in favore dei circa 430 ospiti attualmente presenti nell’ insediamento. Si tratta quindi dell’avvio immediato di un progetto, della durata di tre mesi a decorrere da domani, 1 luglio 2017, in collaborazione con l’attuale organismo gestore, per l’accompagnamento degli ospiti tramite l’applicazione delle misure di inclusione previste dal Piano. Le misure di inclusione andranno di pari passo con le verifiche reddituali e patrimoniali in collaborazione con la Guardia di Finanza, con l’obiettivo di modulare con precisione l’entità degli interventi e i destinatari in reale stato di bisogno. “Auspichiamo che la soluzione intrapresa sia la più efficace – spiega l’assessora alla Persona, Scuola e Comunità Solidale di Roma Capitale Laura Baldassarre – In coerenza con quanto previsto dal nostro programma, procediamo verso un percorso di superamento dei campi rom legato al rispetto di diritti e doveri”.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I campi rom a Roma: situazione

Posted by fidest press agency su mercoledì, 7 giugno 2017

romRoma. È davvero irrispettoso speculare sulla pelle dei Rom per un trafiletto di giornale. Leggo in queste ore falsità sul piano rom approvato dalla Giunta capitolina. L’obiettivo è garantire il pieno superamento dei primi due villaggi, chiudendo La Barbuta e La Monachina, nel più breve tempo possibile, per avviare contestualmente attraverso i tavoli municipali il processo di superamento anche degli altri campi. Sarà un processo complesso, è innegabile. Chi vuole in queste ore cercare di ‘semplificare’ il problema con fantomatiche ricette vuole solo ostacolare il percorso di superamento o perseguire interessi personali”. Così l’Assessora alla Persona, Scuola e Comunità solidale di Roma Capitale Laura Baldassarre.“Siamo consapevoli della complessità del percorso e della necessità del contributo di tutti, ed è per questo che il primo atto è stato quello di aprire alla partecipazione di istituzioni e associazioni e soprattutto istituire un luogo permanente di confronto al fine di monitorare, studiare, implementare e migliorare le azioni nel tempo. Questa amministrazione ha interrotto drasticamente i fiumi di denaro sprecati negli anni per la gestione del ‘sistema campi’”, spiega. “Abbiamo intensificato i controlli ma allo stesso tempo abbiamo approvato un piano che premia chi vuole avviare un percorso virtuoso con l’amministrazione – aggiunge Baldassarre – Grazie a specifici protocolli da sottoscrivere con l’Agenzia delle Entrate e con la Guardia di Finanza, verrà effettuata l’analisi reddituale a patrimoniale di chi abita negli insediamenti. Con questi elementi sarà possibile individuare le reali fragilità ed accompagnarle verso specifiche modalità di accesso ai servizi”. “Tutti coloro che ne avranno diritto potranno sottoscrivere il Patto di Responsabilità, partecipando ai percorsi di accompagnamento. Gli aventi diritto sono indicati con criteri chiari e certi già negli allegati alla delibera. L’intensificarsi dei controlli in questi mesi ha già determinato una drastica diminuzione dei Rom presenti nei campi”, conclude.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Campidoglio, al via piano per il superamento dei campi Rom. Obiettivo: ripristinare legalità e favorire inclusione

Posted by fidest press agency su venerdì, 2 giugno 2017

romAffermare il superamento dei campi rom, eliminando l’isolamento e la ghettizzazione che caratterizzano alcune aree della città, ripristinando la legalità e recuperando risorse per decenni drenate da un circuito malato. Con questo obiettivo la giunta capitolina ha approvato una delibera che mira a rimuovere del tutto l’approccio esclusivo adottato sino a oggi per i campi, mettendo fine alla logica assistenzialista: in questo modo sarà possibile applicare a tutti i cittadini stessi diritti e stessi doveri. Il piano, che partirà presso ‘La Barbuta’ e ‘La Monachina’, è stato illustrato nel corso di una conferenza stampa in Campidoglio dalla sindaca Virginia Raggi, dall’assessora alla Persona, Scuola e Comunità solidale Laura Baldassarre e dalla presidente della Commissione capitolina Politiche Sociali e della salute Maria Agnese Catini.Per la prima volta, con l’utilizzo di fondi europei, viene adottato un approccio sistemico in materia, incentrato su un’accurata rilevazione dei dati. Viene, inoltre, garantito il ritiro di tutti i bandi coinvolti in Mafia Capitale. Il sistema in vigore in questi anni ha, infatti, determinato gravi disagi sia per chi vive nei campi che alle popolazioni delle zone limitrofe. Per questo il progetto ha come finalità ultima il miglioramento delle condizioni di vita per tutti. In nessun modo le risorse del piano verranno sottratte alla cittadinanza: saranno utilizzati fondi europei già destinati per queste finalità e che, in caso contrario, andrebbero persi.Il piano è sviluppato in piena coerenza con la normativa comunitaria in materia di inclusione socio-economica delle comunità Rom, Sinti, Caminanti (RSC) che viene, in particolare, declinata nella Risoluzione del Parlamento europeo n. 2010/2276-INI del 9 marzo 2011 e nella Comunicazione della Commissione al Parlamento Europeo n. 173/2011 “Quadro dell’UE per le strategie Nazionali di integrazione dei Rom fino al 2020”, quest’ultima recepita nella “Strategia Nazionale d’inclusione dei Rom, Sinti e Caminanti 2012-2020”.Il percorso poggia su quattro elementi chiave: scolarizzazione; occupazione; salute; abitazione. Un approccio che sarà garantito tramite sinergie e coinvolgimento di tutte le istituzioni competenti: dalla Asl sino all’Ufficio scolastico provinciale. Il profilo attuativo sarà agevolato dalla conoscenza dettagliata di tutte le persone che popolano i campi. Si è infatti concluso, per la prima volta, il censimento dei campi, realizzato dalla Polizia locale, da cui emerge che ad oggi, negli attuali nove villaggi, la popolazione Rom è pari a 4.500 persone. Un’analisi che consentirà di attuare più rapidamente soluzioni concrete.Sono previste misure temporanee a sostegno delle persone Rom, Sinti e Caminanti in condizioni di fragilità che accompagnino il processo di superamento dei campi. Gli interventi saranno finanziati con le risorse disponibili su fondi strutturali e di investimento europei (SIE). Sono ammesse alle misure le persone Rom, Sinti e Caminanti, cittadine italiane o straniere, presenti nei campi/villaggi della solidarietà di Roma Capitale ed inserite nell’ultimo censimento redatto dalla Polizia Locale di Roma Capitale (gennaio- febbraio 2017), che versino in condizioni di grave fragilità sociale.Per ciascuna persona (persone singole o appartenenti a nuclei familiari) verrà preventivamente definito un piano individuale di intervento, accompagnato dalla sottoscrizione del Patto di Responsabilità con Roma Capitale da parte del capofamiglia, in base al quale chi non lo rispetta perderà il diritto a fruire delle misure previste dal piano. Il Patto definisce competenze, diritti e doveri dei sottoscrittori. Prevede, inoltre, il coinvolgimento attivo nella definizione dei percorsi di inclusione sociale, trasparenza delle procedure e legalità dei comportamenti. Le azioni e gli interventi contenuti nel Piano, saranno avviati, da subito, nei due campi denominati “La Barbuta” (n. 656 persone organizzate in circa 100 nuclei familiari) e “La Monachina” (n. 115 persone organizzate in circa 30 nuclei familiari) mediante l’utilizzo di fondi europei (3,8 milioni), disponibili sul bilancio 2017 di Roma Capitale. Tale percorso realizza le azioni pianificate per il superamento dei campi e dei villaggi.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Campi rom Roma: concluso censimento

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 marzo 2017

romRoma “Si è concluso il censimento dei campi realizzato dalla Polizia locale, da cui emerge che ad oggi nei nove villaggi attrezzati, la popolazione Rom è pari a 4.500 persone. Finalmente un dato certo su cui basare l’attività di programmazione”. Così in una nota l’Assessora alla Persona, Scuola e Comunità solidale di Roma Capitale Laura Baldassare. “Stiamo seguendo il percorso delineato dalla Delibera di Giunta di dicembre: la bozza di piano elaborata dal Tavolo è stata sottoposta alle associazioni, agli esperti, il tutto rispettando i tempi previsti – spiega – Nel frattempo abbiamo fornito le direttive per il bando che riguarda i campi de La Barbuta e della Monachina, impegnando le risorse di fonte europea del PON Metro per l’attuazione di una delle priorità del programma della Giunta Raggi: il superamento dei campi. Un’ulteriore azione che ha prodotto una precisa inversione di tendenza rispetto al passato è stato l’intervento sui bandi già pubblicati nella fase commissariale: sono stati recuperati fondi ulteriori che potranno ora essere messi a disposizione del Piano, senza sottrarre risorse ad altre finalità ma utilizzando quanto già stanziato per queste popolazioni”.“È stato impossibile revocare il bando per il reperimento di un’area attrezzata nel territorio del Municipio XV o Municipi limitrofi per l’accoglienza e il soggiorno di 500 persone (120 nuclei familiari), in quanto avrebbe comportato l’improvvisa privazione di abitazione per le persone in condizioni di fragilità e di forme di protezione sociale. Si precisa che non si tratta di un ulteriore insediamento”, prosegue Baldassarre.
“L’Anac, qualche ora fa, ha dato notizia di una sua relazione che fotografa una gestione critica e anomala del servizio di scolarizzazione (settembre 2005-agosto 2015) che era dedicato ai bambini che vivono nei campi. Negli anni un fiume di denaro è stato utilizzato per interventi quantomeno inefficaci sulle popolazioni alle quali era destinato, con procedure opache, senza una cultura del monitoraggio e della valutazione. Un vero spreco di risorse pubbliche sulla pelle di una popolazione già pesantemente marginalizzata. Non sorprende la reazione di alcune associazioni incredule che un’amministrazione locale stia cambiando passo”, conclude l’Assessora.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »