Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘cannabis’

Ms. Louisa Mojela Speaks on Cannabis in Africa

Posted by fidest press agency su giovedì, 27 giugno 2019

Ms. Louisa Mojela, Chairman of Bophelo Bioscience & Wellness speaks on the current state of cannabis in Africa with BBC Money Daily. Lesotho was the first country in Africa to legalize the cultivation and manufacturing of cannabis, creating a unique opportunity to capitalize on early entry. Halo Labs recently entered into an LOI with Bophelo to acquire the company and will appoint Ms. Mojela to Chairman upon closing of the acquisition. As one of Lesotho’s most prominent business figures and an extremely successful investment banker in Africa, Ms. Mojela is a valuable addition to the Halo team. Halo will be attending and presenting at European Cannabis Week along with the Ms. Mojela and the Deputy Prime Minister of Lesotho, Mr. Monyane Moleleki.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Cannabis: la priorità è chiudere gli shop per tutelare i nostri figli

Posted by fidest press agency su domenica, 2 giugno 2019

Nel 68% dei casi, i rivenditori dei cannabis shop hanno venduto ai minorenni. Nel 72,2% dei casi non è stato chiesto loro un documento prima dell’acquisto. Nel 72,2% dei casi i minori dicono che non è stato chiesto loro un documento prima dell’acquisto in un cannabis shop; mentre nel 68% dei casi il rivenditore non si è rifiutato di vendere il prodotto nonostante fossero minorenni. Sono questi i dati allarmanti e inaccettabili della recentissima indagine “Venduti ai Minori” sui prodotti vietati dalla legge come Alcol, Tabacco, Cannabis, Giochi d’azzardo, Pornografia e ugualmente venduti ai minori, presentata il 15 gennaio scorso in Senato e curata dall’Università Europea di Roma.Inoltre, l’indagine ha rilevato con quanta facilità i minori accedano alla “Cannabis light”, non conoscendone i danni per la salute e il divieto per uso ricreativo. All’interno dei cannabis shop: nel 30% dei cannabis shop non sono presenti cartelli di divieto di vendita ai minorenni e il 35% dei minori dichiara di non averci fatto caso (quindi non esposti in luogo visibile). Solo il 21% degli intervistati li ha visti in alcuni negozi e il 14% dichiara di averli visti sempre. Inoltre: il 69,6% degli intervistati dichiara l’assenza di cartelli per spiegare il corretto utilizzo della sostanza; solo il 3,1% di loro dice di averli visti sempre”I risultati sono chiari inoltre nel confermare che le informazioni veicolate dai media tendono a confondere i giovani. Infatti, solo il 68,1% del campione intervistato riconosce come serie e permanenti le conseguenze del consumo di cannabis, tuttavia non è da sottostimare il dato che il 7,5% dei minori ritiene che la cannabis non abbia nessun tipo di effetto sulla salute e sullo sviluppo. Per quanto riguarda la cannabis ‘’light’’ i ragazzi, tuttavia, non conoscono la norma che ne regolarizza la vendita e l’utilizzo, tant’è che solo il 27% di loro sa che è un prodotto tecnico e da collezione, non adatto alla combustione (quindi ad essere fumata) e vietato ai minori di 18 anni. Gli altri rispondono che è legale e si può fumare (27%) o che è sempre illegale (26%). Come per la cannabis, moltissimi (20%) rispondono che è legale su prescrizione medica; ancora una volta, probabilmente, le informazioni veicolate dai media tendono a confondere i giovani. (Nota del Moige – Movimento Italiano Genitori)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

FSD Pharma Receives Cannabis Sales License from Health Canada

Posted by fidest press agency su martedì, 23 aprile 2019

FSD Pharma Inc. (CSE:HUGE) (OTCQB:FSDDF) (FRA:0K9) (“FSD” or the “Company”), announced today that its wholly-owned subsidiary FV Pharma Inc. has received its Sale for Medical Purposes license to sell cannabis under the Cannabis Act (Canada). The license went into effect on April 18, 2019.The license allows the current FSD facility to supply and sell cannabis products. The company anticipates receiving the amended sales license that will include the sale of dried and fresh cannabis flower in the near future.Dr. Raza Bokhari, Executive Co-Chairman and CEO congratulated the FSD Pharma team, shareholders and stakeholders on this much anticipated achievement. Dr. Bokhari stated, “Our sales license is a key development for FSD Pharma and a huge success and step forward for our Cobourg Facility.” “We have achieved this milestone thanks to the efforts of our dedicated team. We are exceptionally proud of this achievement and look forward to accelerating our efforts,” commented Dr. Sara May, President of FV Pharma Inc.Zeeshan Saeed, President and Founder, added, “The granting of our sales license allows FSD to serve the growing medicinal use markets in Canada. We intend to quickly scale up production at our current facility, while continuing to build out the plant to add additional grow capacity. In addition, our sales license opens the door for our partner Canntab Therapeutics to commence sales of its suite of novel cannabis oral dose delivery platforms, including CBD and THC capsules, in Canada and global markets. We expect that this will provide an immediate benefit to both parties, since FSD is entitled to a share of Canntab’s revenue from sales as a result of the collaboration and profit sharing agreement that we entered into this past fall.” Anthony Durkacz, Founder and Executive Co-Chairman of the board speaking on behalf of the FSD Pharma Board of Directors stated, “We are proud of the leadership at FSD Pharma. This industry is transforming very rapidly and the leadership has positioned the company well to generate top tier revenue from our medicinal grade cannabis production.”

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Game-Changing Evolve Formulas Products Soon to Disrupt the Oregon Cannabis Market

Posted by fidest press agency su venerdì, 16 novembre 2018

NanoSphere Health Sciences, Inc. (CSE: NSHS) (OTC: NSHSF), the biotechnology leader behind the patented NanoSphere Delivery System™, today signed a new letter of intent with Cascade Pure, LLC, which will bring Evolve Formulas products to the Oregon medical and recreational cannabis markets. The brand’s pioneering product, the Evolve Formulas Transdermal NanoSerum™, will hit dispensary shelves in the first quarter of 2019.“Coming on the heels of Evolve Formulas’ California debut, we are eager to continue our west coast expansion by entering Oregon, with additional markets soon to follow,” said Robert Sutton, Chairman and CEO of NanoSphere Health Sciences and Evolve Formulas. “Cascade Pure shares NanoSphere’s mission to bring revolutionary solutions to the cannabis industry from seed to sale, making them an ideal partner fit. Together, we will drive innovation and set a new precedent for quality, safety and precision in cannabis-infused products.”
“Nanotechnology is the future of cannabis, and NanoSphere Health Sciences has mastered the art with its industry-leading NanoSphere Delivery System™,” said Cascade Pure Co-Founder and CEO Edward Bonn. “We are proud to break ground with NanoSphere and foster Evolve Formulas’ growth in a new market of consumers looking for a unique, discreet and approachable option that provides unparalleled relief.” Cascade Pure, LLC will provide a state-of-the-art cultivation and processing facility located in Bend, Oregon. Their conceptual plan is designed around the Smart Grow Systems solutions, and will be modified to fit NanoSphere’s needs. Their proprietary building system revolutionizes indoor cultivation and processing facilities. NanoSphere plans to take this partnership into additional markets in the future.Cascade Pure, LLC is an Oregon-based company formed to operate the production of genetically superior, pathogen and bug-free clones as well as a seed bank second to none, utilizing tissue culture technology. Cascade Pure offers over 800+ strains of rare, high value and in-demand stains. It also has the ability to offer limited exclusive genetic strains to preferred customers. Evolve Formulas will be the sole brand that Cascade Pure distributes.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Tilray® to Supply More Critically Ill Children in Australia with Medical Cannabis

Posted by fidest press agency su mercoledì, 26 settembre 2018

Tilray, Inc. (NASDAQ: TLRY), a global pioneer in cannabis production and distribution, today announced that it has successfully exported medical cannabis from Canada to Australia to distribute to critically ill children.Tilray will distribute its CBD 100 product to three hospitals in the state of Victoria via its wholly-owned subsidiary Tilray Australia New Zealand Pty Ltd. The products are being supplied to Royal Children’s Hospital, Monash Children’s Hospital and Austin Health with support from the Government of Victoria’s Department of Health and Human Services, Victoria (DHHS), where they will be distributed to children suffering from intractable epilepsy.Tilray first announced that the company successfully exported medical cannabis products to Victoria in March 2017. The products were distributed to 29 critically ill children through a compassionate access scheme designed to fast-track medical cannabis access for pediatric patients in need. According to the government, these 29 patients became the first in Victoria to legally access medical cannabis.Earlier this year, the Victorian government released an update on the status of the compassionate access scheme. According to the update, in less than one year the scheme “has already helped children see a reduction in seizures and has significantly improved their quality of life.” The additional number of patients gaining access over the next three years was labelled a “significant expansion” by the Victorian government.Tilray CBD 100 is an oral solution of concentrated cannabinoid extract. Tilray CBD 100 has a target concentration of 100mg/ml CBD in a 25ml vial. The Tilray CBD 100 products, which will be supplied to Australian patients via compassionate access, were successfully exported from Nanaimo to Victoria, Australia, this month.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Dorsey Launches New Cannabis Blog

Posted by fidest press agency su sabato, 28 luglio 2018

International law firm Dorsey & Whitney LLP announced today that the Firm’s Cannabis Practice Group has launched a new blog. The Dorsey Cann blog, managed by Dorsey attorneys Michael Weiner and Christopher Barry and authored by various Dorsey attorneys, is a collection of articles and timely updates about cannabis-related transactional matters – debt and equity raises, commercial contracts, corporate governance, real estate transactions, intellectual property licensing and regulatory developments. Visit the blog at: https://dorseycann.com/.
The cannabis industry is a fast growing, emerging industry in the United States and Canada. Legalization of cannabis for medical and recreational use in a number of states in the United States and in Canada has presented a variety of opportunities and legal challenges for pioneering companies that are creating a multi‐billion dollar industry.Dorsey’s cannabis practice group has attorneys located in all the major hubs of the industry including: Denver, Seattle, Southern California and Toronto. We monitor regulatory developments nationally and counsel clients on the impact of regulatory changes on their business and investments. Our lawyers have extensive corporate transactional experience that is well suited to advising companies in the cannabis industry. Lawyers in this space are well versed in transactions in Colorado, California, Washington and other states where state laws permit medical or recreational cannabis operations.
Clients have relied on Dorsey since 1912 as a valued business partner. With locations across the United States and in Canada, Europe and the Asia-Pacific region, Dorsey provides an integrated, proactive approach to its clients’ legal and business needs. Dorsey represents a number of the world’s most successful companies from a wide range of industries, including leaders in the banking, energy, food and agribusiness, health care, mining and natural resources, and public-private project development sectors, as well as major non-profit and government entities.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

VividGro Acquires Home Grow Marijuana App

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 febbraio 2018

cannabis

VividGro, a manufacturer of high-quality LED grow lighting products that has become an AgTech leader, acquired WeGrow, a cannabis home grow app with over 20,000 downloads in the iTunes Store. WeGrow, which launched its chatbot-based technology in April 2017, has dramatically simplified the learning process of growing cannabis using personalized conversations.“VividGro acquired WeGrow to further its transition from a provider of LED lighting solutions to being an integrated AgTech company that provides crop-agnostic hardware and software solutions to indoor farmers of all varieties and sizes,” said David Friedman, VividGro’s President. Friedman added, “WeGrow’s superior technology supports this transition. We plan to rapidly expand the functionality of WeGrow’s chatbot platform for the home grow market and extend our reach to licensed cannabis cultivators worldwide”.“We’re excited to have completed this sale less than a year after launching our first smartbot,” said Mason Levy, CEO of Education Bot, Inc. “VividGro is a perfect partner who will advance our vision of WeGrow while expanding into every aspect of horticulture — from cannabis to tomatoes.“A 2017 Harris poll shows that 8.8 million, or 16% of all adults, would grow marijuana if it were legal to do so in their state. Growing marijuana for personal use increases the number of gardeners in the United States by 9% to 152.1 million. The survey also finds that the age group most likely to grow their own cannabis is millennials, the target market for a chatbot platform. Moreover, VividGro’s expansion of the platform to serve other crops addresses the growing needs of indoor home gardeners (people who grow vegetables or flowers indoors), a segment consisting of 60% of people worldwide.The chatbot technology is designed for users to engage via conversation with the platform, which uses artificial intelligence to provide proactive insights to optimize the performance of home gardens or commercial operations.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ziel Expands to Offer APEX Radio Frequency Technology for the Cannabis Industry

Posted by fidest press agency su sabato, 4 novembre 2017

CannabisZiel, a food safety solutions company with proven technology utilized across the globe, has launched a new cannabis division to help medium and large scale cultivators, processors, and distributors achieve regulatory compliance while maximizing product revenue. Ziel’s chemical-free, organic technology reduces total yeast and mold count in cannabis while retaining potency and terpenes.
Cannabis is placed in APEX to receive a patent-pending radio frequency treatment process that reduces yeast and mold. APEX is used by companies such as Los Suenos Farms and The Green Solution. (Photo: Business Wire)Ziel’s APEX technology is currently being used by Los Suenos Farms, the largest outdoor cannabis farm in the country, and The Green Solution, a vertically integrated retailer, cultivator and processor of cannabis flower with 13 locations in Colorado.Offering custom solutions using radio frequency (RF) technology and hand-crafted machine design, Ziel’s APEX ensures that total yeast and mold count present in cannabis falls within U.S. state regulatory guidelines of less than 10,000 colony-forming units (cfu) per gram. Ziel’s patent pending technology achieves this challenging target while retaining high potency and preserving terpenes using an efficient and organic treatment method free of chemicals. Mold and yeast count levels that rise beyond regulatory compliance will not only fail regulatory guidelines, but can pose a consumer health risk, as well as jeopardize a company’s license, brand, revenue, and enterprise value.“The ideal growing environment for cannabis is also the ideal growing environment for yeast and mold, making mold an issue for any indoor or outdoor cultivator,” explains Ketch DeGabrielle, cannabis consultant and former operations manager at Los Suenos Farms, the largest outdoor grow facility in the United States. “After exhaustively testing every disinfection option on the market, we found that Ziel’s radio frequency technology was the most effective and reliable method in removing contaminants while retaining the integrity of the plant.” Using APEX is a turnkey solution with no chemicals or waste. Up to 20 pounds of cannabis is placed in a box with probes to monitor temperature in real time, then placed in the RF cavity for 10 minutes process time. By creating an oscillating electromagnetic field at 27.12 MHz between two electrodes, any product containing polar molecules, such as water, will oscillate when placed in this field. The rapid internal gyration of molecules generates heat volumetrically, which then, based on Ziel’s proprietary processing parameters, kills targeted contaminants, pasteurizing and disinfecting the raw material, making it safe for consumption or inhalation. Ziel’s APEX also comes with a CE mark, and the design is UL compliant. Another version of the APEX with a CSA mark, suitable for the Canadian market, will be available in the first quarter of 2018. (photo: cannabis)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Appello congiunto al Ministro Lorenzin sul prezzo della Cannabis terapeutica

Posted by fidest press agency su martedì, 13 giugno 2017

cannabis

Il prezzo di vendita al pubblico attualmente fissato per la cosiddetta Cannabis terapeutica rischia di compromettere la possibilità per le farmacie di realizzare le preparazioni magistrali a base di questa sostanza, a danno dei pazienti. L’importo di 9 euro al grammo, stabilito dal Ministero della Salute con il Decreto pubblicato lo scorso 3 giugno, è infatti inferiore a quello richiesto dai distributori per questa sostanza. Questa circostanza, che la Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani aveva già segnalato in fase di istruttoria del provvedimento di fissazione del prezzo nazionale, fa sì che i farmacisti si trovino a pagare la materia prima – la Cannabis – una cifra superiore al prezzo della preparazione magistrale stessa, quindi costringendo il farmacista a operare in perdita. Di qui la richiesta di avviare un confronto urgente che le organizzazioni FOFI, FEDERFARMA, ASFI, ASSOFARM, FARMACIE UNITE , SIFAP e UTIFAR hanno rivolto al Ministro della Salute, Onorevole Beatrice Lorenzin. Al di là del caso particolare della Cannabis, si legge nella richiesta, è la stessa Tariffa nazionale dei medicinali che andrebbe rivista nel suo complesso. Infatti, benché la normativa preveda che la tariffa venga aggiornata ogni due anni per allineare gli importi all’andamento del mercato, gli importi oggi in vigore sono immutati da oltre vent’anni. In questo modo diviene sempre meno sostenibile economicamente la realizzazione delle preparazioni magistrali da parte delle farmacie, con un crescente disagio per i pazienti. E’ il caso di ricordare che i destinatari delle preparazioni sono in maggioranza pazienti fragili – neonati, bambini, persone affette da malattie rare – i cui bisogni clinici non trovano risposta nel farmaco di produzione industriale. In tempi di personalizzazione della medicina, è grave che uno dei principali strumenti per adattare le terapie ai bisogni individuali del paziente sia reso impossibile per motivi economici. Quello della Cannabis, in definitiva, è solo il caso più recente di prezzo inadeguato: la revisione della Tariffa nazionale, come previsto peraltro dalle leggi vigenti, non è più rinviabile.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cannabis di Stato e d’importazione: Cosa cambia?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 gennaio 2017

cannabisCannabis di Stato e d’importazione, ecco cosa cambia. I chiarimenti da Sifap È ufficialmente al via la distribuzione della cannabis nostrana ad uso terapeutico nelle farmacie territoriali e ospedaliere che desiderano farne richiesta, e già a fine dicembre alcuni titolari hanno cominciato ad approvvigionarsi dallo Stato. Attualmente lo stabilimento farmaceutico militare di Firenze sta producendo un solo tipo di cannabis simile al bediol olandese: sono pronti per la consegna 20 chilogrammi di prodotto, ma le serre stanno lavorando a pieno ritmo e per il 2017 si preparano a “sfornare” circa 100 kg di infiorescenze. Nello stabilimento non si lavora solo sulla quantità ma anche sulla “qualità”, e i ricercatori stanno mettendo a punto un’altra varietà di cannabis che contiene solo Thc in elevata concentrazione. Approvvigionarsi è semplice, basta seguire le indicazioni riportate per esteso sul sito internet dell’Istituto farmaceutico militare, oltre che sul sito del Ministero della salute. Tra la cannabis di importazione e la produzione nostrana cosa cambia esattamente? Chi pensa si tratti solo di una questione di prezzo si sbaglia: il prezzo della cannabis importata, infatti, negli ultimi mesi è stato ribassato di circa due terzi, nel lungimirante tentativo dei distributori di rendere concorrenziale un prodotto che difficilmente sarebbe rimasto appetibile per il mercato dopo l’immissione in commercio della produzione nostrana. A chiarire cosa fa veramente la differenza è il segretario della Sifap Marco Fortini che, parlando con Farmacista33, ha spiegato come «il certificato di analisi della cannabis di Stato sembrerebbe risolvere alcune delle principali criticità date dalla poca chiarezza del certificato di analisi della cannabis di importazione. Inoltre – prosegue – si parla di infiorescenze femminili essiccate e macinate, dunque una polvere che, qualora la granulometria lo permetta, potrebbe facilitare l’allestimento di capsule preriempite invece che di cartine. Per chi deve imbastire un quantitativo importante di prodotto, specialmente farmacie ospedaliere ma anche territoriali, è sicuramente una svolta e permette di risparmiare un notevole quantitativo di tempo all’operatore». Se da una parte, dunque, ciò che potrebbe far propendere la scelta del farmacista per la cannabis statale è prettamente di natura pratica, dall’altra con l’iniziativa statale viene spianata la strada ad un processo fondamentale per un utilizzo terapeutico corretto del prodotto, ovvero la standardizzazione: «Un certificato di analisi chiaro e facilmente interpretabile è fondamentale per favorire la riuscita della standardizzazione degli allestimenti alla quale sta lavorando la Sifap – spiega Fortini – le preparazioni a base di cannabis rivestano un carattere di necessità terapeutica e quindi hanno un valore aggiunto e per questo necessitano di ordine, condivisione e standardizzazione di comportamenti e metodiche per il bene del paziente». (Attilia Burke: fonte farmacista33) (foto: cannabis)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cannabis di Stato

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 dicembre 2016

marijuana plant in flowering, bid bud cannabisSono state stabilite modalità di distribuzione. A gennaio in farmacia A partire da gennaio la cannabis di Stato verrà distribuita a tutte le farmacie territoriali e ospedaliere che ne faranno richiesta. Doveva essere disponibile già da ottobre, ma alcuni cavilli burocratici avevano rallentato l’iter procedurale che avrebbe portato il prodotto finito dai magazzini dell’Istituto farmaceutico militare di Firenze al consumatore finale. «Le modalità di distribuzione sono state definite in tutti i dettagli nel mese di novembre nell’ambito di una convenzione tra la direzione generale della prevenzione sanitaria del Ministero della Salute e l’Agenzia Industria Difesa da cui noi dipendiamo», spiega a Farmacista33 il colonnello Antonio Medica. Bisognerà aspettare ancora qualche giorno per conoscere tutte le procedure informative che «verranno messe a disposizione dal Ministero della Salute sul proprio sito internet, oltre che sul nostro – spiega Medica – ci sarà tutto quello che serve al medico e al farmacista, dalla scheda tecnica del prodotto alle spiegazioni su come effettuare gli ordini». Attualmente sono 20kg di cannabis pronti per la distribuzione, mentre «già l’anno prossimo garantiremo la produzione di almeno 100kg anno – spiega Medica – tuttavia, siccome sappiamo già che il fabbisogno nell’ultimo anno è cresciuto ci stiamo organizzando e siamo già pronti ad aumentare il numero di serre, se necessario».Al momento l’Istituto farmaceutico militare ha messo a punto un solo tipo di cannabis simile al Bediol olandese, una qualità che contiene due principi attivi: thc e cbd. Tuttavia, «stiamo mettendo a punto un’altra varietà di cannabis che contiene solo Thc in elevata concentrazione, speriamo di averla a disposizione già per il 2017 – spiega Medica – Sappiamo che per alcune patologie i medici preferiscono utilizzare la cannabis a elevate concentrazione di thc, mentre quella che contiene i due principi attivi che stiamo già producendo, sembra che sia più facilmente impiegabile per le restanti patologie perché il Cbd, che non ha azione stupefacente psicotropa, ha però azione compensativa su quelli che sono gli effetti collaterali che il thc tende a dare se assunto a solo. Ci sono poi altri medici che vorrebbero un prodotto che contiene solo cbd perché sembrerebbe essere efficace per trattare l’epilessia pediatrica». Inizialmente continuerà l’importazione in parallelo di cannabis da Olanda. «Via via che arriveremo a saturare il fabbisogno italiano le importazioni cominceranno a diminuire», commenta medica. Due le modalità di produzione approvate: decotto o vaporizzazione. «Bisogna fare attenzione a non confondere infuso e decotto: la bollitura delle infiorescenze deve essere prolungata, 15-20 minuti, perché se si mette la bustina nell’acqua calda appena tolta dal fuoco non viene disperso nell’acqua nemmeno un microgrammo di principio attivo», spiega Medica. (Attilia Burke fonte Farmacista33) (foto: cannabis)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Legalizzazione Cannabis

Posted by fidest press agency su lunedì, 25 luglio 2016

droga cannabis-vicinoOggi 25 luglio 2016, il Dj Aniceto, uno dei dj piu’ impegnati nel sociale, già membro della Consulta per le politiche antidroga a palazzo Chigi, testimonial antidroga in tv anche con Piero Chiambretti e con quasi 20 anni di esperienza nella prevenzione della tossicodipendenza, ribadisce il proprio assoluto disappunto e la propria assoluta contrarietà.
Non usa mezzi termini il DJ ANTISBALLO: “Sapere di una discussione in Parlamento sulla legalizzazione delle droghe leggere, mi ha profondamente indignato, è stato come ricevere un violento schiaffo in faccia! Una persona sana non pensa a vendere la droga legalmente o illegalmente ma ad evitare in tutti i modi il diffondersi di questa piaga sociale” – ha affermato Aniceto, “Ma da chi siamo governati? Dai Pokemon? Si fa tanto per debellare la piaga della droga” – continua Aniceto – “E poi bastano proposte di legge ‘oscene’ come queste, per vanificare in un’attimo, l’impegno di tanti operatori che quotidianamente si impegnano in questa che, ormai, può essere definita una vera e propria missione a favore della vita. La legalizzazione ha l’unico scopo di risolvere un problema di ordine economico. Ma lo StaTo non può essere una banca o ancora peggio una volgarissima agenzia di scommesse. Lo stato non può abbandonare i giovani a loro stessi ridicolizzando i rischi di una sostanza stupefacente, ma deve assumere un ruolo educativo. La legalizzazione è un cattivo messaggio al mondo dei giovani, la trasgressione si sposterà in avanti, verso altre frontiere. Se la cannabis diventa legale, allora la trasgressione sarà farsi una pippata di cocaina! La libertà delle idee è importante, fondamentale, ma divulgare questi messaggi in contesti dove si dovrebbero invece, discutere in modo assolutamente negativo temi come quelli delle droghe e che interessano il futuro morale e fisico delle nuove generazioni assolutamente no! I giovani italiani non sono abbastanza maturi per affrontare seppure una piccola legalizzazione. Sarebbe come invitare Lucignolo sull’albero della cuccagna. Ricordiamo e gridiamo invece con tutte le nostre forze invece che tutte le droghe, leggere e pesanti, danneggiano gravemente la salute, in maniera irreversibile, condizionando negativamente la vita dei ragazzi e di conseguenza anche quella delle loro famiglie!”

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Calendarizzazione della legge sulla cannabis

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 luglio 2016

droga cannabis-vicino“Ci sono almeno tre ragioni di sostanza per considerare inopportuna la calendarizzazione della legge sulla cannabis per la fine di luglio, ossia subito prima di andare in vacanza. La prima ragione riguarda la gerarchia delle priorità nel Paese. Liberalizzare la cannabis non è in assoluto una priorità: ci dibattiamo tra il ddl sulla povertà e la prossima legge di Stabilità, le famiglie italiane sono stufe di essere prese in giro, ora vogliono vedere in pole position le loro necessità. Basta tergiversare. La seconda ragione è che nessuno crede che questa legge avrà solo una valenza terapeutica, ossia un uso della cannabis come cura. È evidente lo stravolgimento dell’impostazione che punta invece ad una diffusione della droga anche tra i più giovani e i più fragili. Le dipendenze sono in vistoso aumento e questa legge non potrà che accelerare questo processo di disfacimento, facendo saltare uno dei pilastri della prevenzione per la tutela della salute”.
Lo afferma Paola Binetti, deputata di Area popolare.
“In terzo luogo – spiega – è davvero molto ambigua questa sovrapposizione di ruoli che vede impegnato il sottosegretario agli Esteri, Benedetto Della Vedova, tra i primi e principali proponenti della proposta di legge, anche nel ruolo di responsabile del governo. Il governo pensi se davvero è opportuno aumentare ulteriormente i motivi diffusi di perplessità che serpeggiano nel Paese, con scelte che appaiono in flagrante contraddizione con le necessità del Paese stesso”.
“Legalizzare la cannabis per fare cassa con nuove entrate fiscali e usare queste risorse per combattere la droga mi sembra un atteggiamento schizofrenico che dimostra la pochezza degli argomenti di chi ha voluto portare in Parlamento una proposta di cui non si sentiva assolutamente bisogno. Il Paese ha ben altre urgenze, per i giovani, per le famiglie, per l’educazione, per l’occupazione, per la lotta alla povertà, per il degrado delle periferie. O veramente crediamo che la cannabis sia un modo per uscire dalla crisi? Semmai è un palliativo per estraniarsi dalla realtà facendo finta che non esista”. Lo dichiara Maurizio Lupi, presidente dei deputati di Area popolare.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cannabis e terapia del dolore

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 ottobre 2014

droghePromossa da Advanced Algology Research, associazione per la ricerca scientifica senza scopo di lucro, si svolgerà sabato 4 ottobre, alle ore 15:00, presso l’Hotel Holiday Inn di Viale Vespucci a Rimini, la tavola rotonda, aperta alla cittadinanza, dal titolo “La Medicina del Dolore nel terzo millennio”, durante la quale verranno trattate tematiche di grande attualità, tra cui le applicazioni terapeutiche e la prescrivibilità dei farmaci cannabinoidi. È recente, infatti, la notizia dell’accordo siglato fra Ministero della Salute e della Difesa per l’avvio di un progetto pilota che consentirà la produzione di cannabis terapeutica, in linea con il nuovo disegno di legge che si prefigge di semplificare e agevolare il regime di produzione, importazione, prescrizione e dispensazione dei farmaci cannabinoidi.Ma a circolare è anche molta confusione e disinformazione, pertanto l’obiettivo dell’incontro del 4 ottobre è proprio quello di fare chiarezza grazie all’intervento di medici ed esperti che illustreranno l’utilità di questa particolare categoria di farmaci per tutti i pazienti affetti dalle diverse forme di dolore cronico. “L’utilizzo della cannabis, o degli oppioidi e di futuri principi attivi, può e deve implementare le possibilità terapeutiche della medicina del dolore”, dichiara il dottor Gilberto Pari, medico algologo, Presidente di Advanced Algology Research. “Il rischio è che si sollevi del ‘fumo’ sull’argomento per mascherare i tanti limiti che la cura del paziente affetto da sofferenza ancora presenta”.La tavola rotonda si inserisce all’interno del corso di approfondimento organizzato annualmente da Advanced Algology Research. L’evento, intitolato quest’anno “Aggiornamenti in Medicina del Dolore: Integrazioni ed Interazioni terapeutiche”, si svolgerà dal 2 al 4 ottobre, è accreditato ECM e chiamerà a raccolta medici e infermieri del Centro-Nord Italia, interessati alla tematica del dolore persistente e cronico.Le novità d’interesse per i tanti pazienti che soffrono – il 25% della popolazione – non finiscono qui. Per rispondere più adeguatamente alle esigenze di cura del territorio, infatti, nel 2015 a Rimini, in Via Montefeltro, verrà attivato un nuovo Poliambulatorio di Medicina del Dolore, che ambisce a diventare un vero e proprio punto di riferimento in tutto il riminese. Sarà caratterizzato da un approccio multidisciplinare e si occuperà delle diverse forme di sofferenza: dal dolore acuto (ad insorgenza improvvisa, come nelle patologie acute del rachide), a quello persistente tipico di una serie di patologie tra cui fibromialgia, osteoporosi, artrosi, artriti croniche. Verranno trattati anche i dolori neuropatici (neuropatie, dolore centrale, post–ictale, radiocolopatie, nevralgia del trigemino, nevralgie post-erpetiche). Tutte queste patologie necessitano di un servizio integrato e per tale motivo si è costituto un team multidisciplinare di specialisti per la diagnosi e la terapia delle diverse sindromi algiche.Un’ulteriore iniziativa che coinvolge i pazienti riminesi è quella della Fondazione per la Qualità di vita, ente senza fini di lucro il cui obiettivo è promuovere progetti che favoriscano l’assistenza sanitaria e/o riabilitativa gratuita nel campo della Medicina del Dolore. In collaborazione con Advanced Algology Research e Università di Siena, la Fondazione ha infatti avviato lo studio: “Alimentazione e dolore”, che intende valutare gli effetti della dieta sul dolore e sulla qualità di vita in pazienti affetti da mal di schiena (Low Back Pain). Recentemente sempre più attenzione è stata rivolta allo studio dell’interazione fra nutrizione e patologie croniche. Attraverso il cibo ogni individuo assume le sostanze indispensabili per il proprio metabolismo e le proprie funzioni vitali ed è ormai noto che una cattiva alimentazione sia uno dei fattori principali nell’insorgenza e nel mantenimento di svariate patologie (ipertensione, diabete, malattie dell’apparato cardiocircolatorio, per citare gli esempi più conosciuti). Ad oggi esistono invece pochissimi dati sulla relazione fra cibo e dolore persistente e cronico. Lo scopo del progetto è proprio quello di verificare se la dieta regolarmente assunta dai pazienti sofferenti di mal di schiena sia equilibrata e se la sua semplice regolamentazione possa, e in quale misura, migliorarne la qualità di vita.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rischi marijuana sui giovani

Posted by fidest press agency su martedì, 3 settembre 2013

Cannabis

Cannabis (Photo credit: Duncan Brown (Cradlehall))

Uno studio condotto dall’Université de Montréal e Icahn School of Medicine di New York del Mount Sinai Hospital ha rivisto una serie di ricerche sugli effetti della marijuana sugli adolescenti stabilendo non solo che causa in essi una maggiore dipendenza ma anche seri rischi per la salute mentale. La notizia, spiega Giovanni D’AGATA, presidente e fondatore dello “Sportello dei Diritti”, giunge mentre il dibattito sulla legalizzazione della marijuana si anima in Canada, ed il nuovo studio evidenzia che il consumo della droga leggera potrebbe essere più rischioso per i ragazzi di quanto si pensasse in precedenza.
I ricercatori hanno condotto una revisione di 120 studi che hanno esaminano la cannabis e lo sviluppo del cervello degli adolescenti, e hanno concluso che c’è una forte evidenza tra l’uso di cannabis in giovane età ed il rischio di sviluppare problemi per la salute mentale e dipendenze da adulti. Il dottor Didier Jutras-Aswad, dell’Université de Montréal ha rilevato che ‘La questione non è se la cannabis è buona o cattiva, ma chi ha più probabilità di soffrire di problemi.’
Alcuni studi hanno anche scoperto legami tra l’uso di cannabis e la schizofrenia precoce, ma sempre lo stesso Jutras-Aswad ha sottolineato che ci sia un evidente profilo di rischio che comprende la genetica e le caratteristiche comportamentali, oltre all’età. Tuttavia, gli autori dello studio sottolineano che vi è una diffusa percezione che la marijuana è poco dannosa.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Droga: italiani al primo posto in Europa per consumo di cannabis nell’ultimo anno

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 Mag 2012

Ancora una volta l’Italia nelle posizioni d’avanguardia nelle graduatorie negative a livello internazionale. Un’altra conferma in tal senso viene dall’Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze (EMCDDA) che ha preso in esame la popolazione compresa nella fascia che va dai 15 ai 64 anni. Pensate che nella speciale classifica abbiamo la medaglia d’oro in Europa per consumo di cannabis nell’ultimo anno(14,3%); siamo al secondo posto (6,9%), dopo la Spagna (7,6%) per uso della canapa nell’ultimo mese; mentre il 32%, quindi circa un terzo della popolazione ha consumato cannabis almeno una volta nella vita piazzandoci così al terzo posto dopo la Danimarca (32,5%) e la Spagna (32,1%). Tutte cifre che nelle singole classifiche (+7,6%, +3,3%, +8,8%) ci pongono ben al di sopra delle rispettive medie europee, un primato che condividiamo solo con la Spagna.
Altissimo anche il consumo di droghe pesanti. Si pensi che l’Italia è puntualmente al terzo posto per utilizzo nell’ultimo mese (0,7% della popolazione analizzata; +0,2 rispetto alla media europea) di cocaina, nella fascia 15-64, nell’ultimo anno (2,1%; +0,9%) e nella classifica di chi ha provato la polvere bianca almeno una volta (7%; +2,7%).
Meno utilizzate le droghe sintetiche quali anfetamine ed ecstasy con percentuali al di sotto della media europea: gli italiani tra i 15 e i 64 anni che hanno fatto uso di queste sostanze nell’ultimo mese sono lo 0,3%; quelli che le hanno usate nell’ultimo anno sono l’1,1%; quelli che le hanno provate almeno una volta nella vita sono il 6,2%..
La cosa che fa più preoccupare è il trend negativo vissuto dall’Italia dal 2001 al 2008 che ha segnato aumenti da capogiro, dal 9,2% al 20,3%, che segnano il massimo incremento a livello europeo, ovvero un aumento dei consumatori di cannabis dell’11,1% in meno di dieci anni.
Preoccupante anche il numero dei giovani e giovanissimi italiani (15-34) che hanno fatto uso di cocaina nell’ultimo anno, dal 1990 al 2010 se si guarda alla media europea, è preoccupante: dal 2001 al 2005 i consumatori di polvere bianca sono cresciuti dell’1,5% mentre solo dal 2005 al 2008 c’è stato un leggero trend inverso con un decremento dello 0,3%.
Secondo Giovanni D’Agata, componente del Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori e fondatore dello “Sportello dei Diritti”, alla luce di numeri così alti, sul consumo di cannabis e cocaina non è semplice ipotizzare soluzioni rapide ed efficaci che riducano in maniera drastica i consumi di sostanze stupefacenti.
A tal proposito è interessante il rapporto 2011 della Commissione globale per le politiche sulla droga, di cui fanno parte Kofi Annan e numerosi ex capi di Stato, che ha esortato i governi a prendere in considerazione la via della legalizzazione delle droghe leggere al fine di colpire efficacemente la criminalità organizzata e costituire un’ingente fonte di liquidità per le casse dello Stato. Addirittura una ricerca dell’Università La Sapienza di Roma da parte del prof. Marco Rossi ha calcolato che con provvedimenti di tal tipo si potrebbero recuperare 5,5 miliardi di euro all’anno rivenienti dalla tassazione sulla vendita della sola cannabis.
Per i proibizionisti, ovviamente la liberalizzazione è da ripudiare per una serie di motivazioni anche condivisibili tra cui il rischio di un aumento ancor più marcato dell’uso di droghe. In tal senso però sono scarsi i dati scientifici a supporto dell’una o dell’altra tesi. Per la verità il Portogallo a partire dal 2001 ha legalizzato il consumo delle droghe ed in particolare di quelle leggere con la conseguenza accertata di un drastico calo nell’utilizzo proprio della cannabis.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Su uso terapeutico della cannabis

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 Mag 2012

Cannabis

Cannabis (Photo credit: Duncan Brown (Cradlehall))

Il Consiglio Regionale della Toscana ha approvato una legge sull’uso terapeutico della cannabis. Un voto a nostro avviso importante che ci permette di portare nuovamente all’attenzione dell’opinione pubblica una nostra proposta di legge.Il progetto di legge da noi presentato si poneva l’obiettivo di normare l’uso dei cannabinoidi per fini terapeutici. La nostra proposta si pone l’obiettivo di riempire un vuoto normativo, senza alcun fine antiproibizionista, ma con forte valenza scientifica.
Con il decreto ministeriale del 18 aprile 2007 è divenuto possibile anche in Italia prescrivere e utilizzare alcuni cannabinoidi, derivati naturali o di sintesi della Cannabis. In realtà l’accesso a questi farmaci resta molto problematico. È evidente la necessità di una Legge Regionale applicativa delle norme quadro nazionali, al fine di poter evitare le attuali confusioni ed equivoci, causa illegittima di grave ed ingiustificato danno ai malati.La proposta di legge di Sinistra Ecologia Libertà è in sostanza un protocollo attuativo delle norme già pienamente in vigore a livello nazionale, al fine di evitare perdite di tempo gravemente nocive per il malato.
Questa norma regionale permetterebbe una vera svolta nell’uso di questi medicinali, anche perché la legge nazionale vigente non prevede il rimborso dei medicinali derivati dalla cannabis, un costo che – con l’approvazione di questa legge – sarebbe a carico del servizio sanitario regionale e non più dei singoli pazienti. Si noti che una terapia completa di medicinali a base di cannabinoidi ha un costo mensile di circa 600 euro.Con questa norma si potrà poi convenzionare la Regione Piemonte con stabilimenti dotati delle autorizzazioni necessarie a produrre cannabinoidi e si eviterà la dipendenza totale dalle importazioni di tali sostanze, consentendo anche un notevole risparmio.A differenza del progetto di legge toscano, la proposta di SEL prevede la somministrazione del farmaco anche fuori dalle strutture ospedaliere, ferma restando l’esclusiva responsabilità del medico richiedente, che valuta la carenza di adeguata e percorribile alternativa terapeutica.In tal proposito anche il coordinamento nazionale di Sinistra Ecologia Libertà aderirà alla Million Marijuana March che si terrà come ogni anno a Roma il sabato 5 maggio da piazzale dei Partigiani a Piazza Bocca della Verità dalle ore 16,00 in poi. Si tratta di una mobilitazione che si terrà contemporaneamente in 420 città che vuole rilanciare la discussione sulle droghe leggere: riproponendo lotte libertarie e antiproibizioniste contro il narcotraffico internazionale che produce morte ed economia sommersa ed illegale. La legalizzazione delle sostanze leggere e la regolamentazione della coltivazione domestica sono l’unico strumento praticabile per far emergere sia una nuova economia basata sulla canapa, ed i suoi derivati, e sia per sottrarre dall’illegalità e dalla criminalità milioni di consumatori nel mondo. E’ quanto dichiara Monica Cerutti della Sinistra Ecologia Libertà

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cannabis: la vendita di semi online è legale

Posted by fidest press agency su domenica, 15 agosto 2010

Ancora una volta, un tribunale ha ribadito che la vendita di semi di cannabis online e’ legale. Il Tribunale del riesame di Trento ha infatti ordinato l’immediata liberazione di Matteo Filla, responsabile del sito Web mariujana.it. Accogliendo in toto le argomentazioni dell’avvocato difensore Carlo Alberto Zaina, consulente legale Aduc in materia di stupefacenti, il giudice del riesame ha affermato -come già numerosi altri tribunali (tra cui Bolzano, Firenze, Rovereto e Cagliari)- la liceità della vendita di semi online, vendita che non costituisce reato di istigazione, induzione o proselitismo all’uso di sostanze stupefacenti anche se accompagnata da informazioni o strumenti per la coltivazione. Viene cosi’ smontata e sempre più indebolita una politica del diritto penale sugli stupefacenti fondata sulla repressione dei reati d’opinione, cosi’ come la vorrebbe la legge Fini-Giovanardi. Se la vendita di semi di cannabis è di per se’ legale e riconosciuta tale dalla Convenzione di New York del 1967, il Governo -e a ruota diverse Procure e la stessa Corte di Cassazione- hanno voluto proibirla indirettamente punendo i commercianti non tanto per l’attività di vendita, ma per il reato di istigazione o induzione al consumo di droghe che sottenderebbe l’attività commerciale. Una strada che si sta rivelando impercorribile perche’ in contrasto con i principi fondamentali del diritto. Ma le numerose pronunce giudiziarie mettono in luce anche uno degli aspetti piu’ repulsivi dell’attuale politica sulle droghe. Nell’impossibilità di ridurre la domanda e l’offerta di sostanze stupefacenti, ormai certificata da quarant’anni di fallimenti della guerra alla droga che ha dato vita a un ricco mercato nero di cui beneficiano a pieno le peggiori organizzazioni criminali, la repressione si concentra sui piccoli consumatori di cannabis, sostanza infinitamente meno pericolosa di alcool e tabacco. Dal sequestro dei registri di siti di vendita come marijuana.it sono scaturite migliaia di perquisizioni  e arresti di acquirenti di semi di cannabis. Come già aveva ribadito il Tribunale di Firenze, investito di un caso simile: “La verità che non si vuol vedere e’ che questi esercizi di rivendita legale di semi per collezione hanno plausibilmente quali unici estimatori proprio coloro che hanno esigenza di fare uso di marijuana rendendosi pero’ indipendenti proprio dal mercato illegale della droga, e facendo cosi’ in proprio a livello domestico” (2). In altre parole, punendo condotte di per se’ legali e alla luce del sole, il proibizionismo finisce ancora una volta per alimentare le grandi organizzazioni criminali e i loro traffici. Fino a quando dovremo subire politiche cosi’ irrazionali e controproducenti?

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Stupefacenti: nuova stretta sulle coltivazioni

Posted by fidest press agency su mercoledì, 7 luglio 2010

Roma. Da Piazza Cavour nuova stretta sulle coltivazioni fai da te di sostanze stupefacenti. Possono essere sequestrati i semi di canapa se venduti insieme ad opuscoli illustrativi delle modalità di coltivazione di piante di cannabis.  È la sentenza emessa dalla Corte di Cassazione sulla vicenda giudiziaria di un giovane di Ruvo di Puglia nel negozio del quale erano stati sequestrati i semi di cannabis, gli opuscoli e il materiale che spiegava come coltivare la canapa e gli attrezzi per il consumo. Infatti contro l’ordinanza di sequestro di questo materiale il proprietario dei prodotti aveva presentato attraverso il suo legale un ricorso nel quale chiedeva la restituzione almeno dei semi di canapa. I giudici della Sesta Sezione Penale però hanno confermato il sequestro. «È vero che il mero possesso di semi di canapa, non aventi contenuto stupefacente, non integra alcun reato contemplato dalla legge – hanno scritto i giudici nella motivazione della sentenza- ma essi ben possono rivestire, in correlazione con altre cose sequestrate (in particolare opuscoli illustrativi delle modalità di coltivazione di piante di cannabis) prova dell’attività di induzione all’uso illecito di sostanze stupefacenti».  Secondo il componente del Dipartimento Tematico “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori, Giovanni D’AGATA il nuovo giro di vite della Cassazione sulle coltivazioni fai da te di sostanze stupefacenti è un’ottima notizia, perché pone uno sbarramento posto che da circa un anno a questa parte sono aumentati i sequestri di quantitativi di droga.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cannabis e vendita semi al consumo

Posted by fidest press agency su domenica, 21 marzo 2010

Lo scorso 16 marzo il GUP presso il Tribunale di Firenze, dott. Pietro Ferrante, ha assolto due commercianti di semi di cannabis – M.G. di Firenze e R.M. di Empoli – imputati del reato di cui all’art. 82 dpr 309/90 di istigazione all’uso di sostanze stupefacenti. Entrambi gli imputati, assistiti dall’avvocato Carlo Alberto Zaina, erano stati coinvolti nella operazione partita dalla Procura della Repubblica di Ferrara nel novembre 2008 che aveva portato a centinaia di provvedimenti cautelari.Quell’operazione, fortemente sostenuta dal sottosegretario Carlo Giovanardi, si basava sul reato d’opinione di istigazione al consumo di droghe ed aveva portato al sequestro di numerosi negozi e siti Web, e all’incriminazione di numerosi commercianti. La sentenza, le cui motivazioni verranno pubblicate entro 90 giorni, appare molto importante, perchè pare rifarsi all’unico precedente di merito esistente allo stato e che è quello della Corte di Appello di Firenze, che nel novembre 2008, accogliendo le osservazioni dell’avv. Zaina in un altro procedimento, ha assolto un suo assistito, riformando la sentenza di condanna di primo grado pronunziata da altro GUP di Firenze. In pratica, la vendita di semi, anche in presenza della commercializzazione di altri elementi o strumenti per la coltivazione in genere (e non necessariamente specificamente per la cannabis) non configura l’ipotizzato reato. Quest’ultima sentenza conferma altri pronunciamenti di assoluzione dall’accusa di istigazione, come quelle emessa dai GIP presso il Tribunale di Cagliari e quello di Milano.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | 18 Comments »