Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Posts Tagged ‘casa savoia’

“Le Donne di Casa Savoia”

Posted by fidest press agency su domenica, 26 febbraio 2017

gruppo-storicobasilica-supeergaSuperga (Torino) 11 marzo 2017 ore 15 Basilica di Superga si propone un itinerario di visita che attraverso il chiostro monumentale, condurrà il pubblico nella cripta sabauda, per conoscere illustri figure di donne sabaude, spose, sorelle, madri, anche attraverso l’analisi artistica di importanti monumenti scultorei ad esse dedicati.La visita sarà animata dal Gruppo Storico “Il Ventaglio d’Argento”.
ORE 15,00 1° Visita animata a Tema per Gruppo Culturalway (prenotazioni tel. 339/3885984. A seguire merenda della Regina nella Caffetteria della Basilica.
ORE 16,00 2° Visita animata a Tema (prenotazioni: tel. 011/8997456).
ORE 16,00 Attività Per Famiglie: (laboratorio per bambini dai 7 ai 10 anni. “Ma come ci si vestiva a corte?” Durata: 1 ora; costo € 5,00 a bambino (comprensivo di ingresso alle Reali Tombe Sabaude, al Salone del Re e il materiale didattico). Prenotazioni Servizi Educativi tel. 011/8997456.
Ore 17,00 Merenda della Regina nella Caffetteria della Basilica.
Visita a Tema: Abbonamento Musei € 3,00 – (No Abbonamento Musei € 6,00).
Visita a Tema + Merenda della Regina: Abbonamento Musei € 12,00 (No Abbonamento Musei € 15,00). (foto: gruppo storico, basilica superga)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il ruolo della tradizione nella chiesa e nella società

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 novembre 2011

Torino

Image by bluestardrop - Andrea Mucelli via Flickr

Torino. 1° Dicembre 2011, alle ore 18,00, presso il Teatro del Collegio “San Giuseppe” in via Andrea Doria 18. Presentazione dei saggi di Roberto de Mattei Apologia della Tradizione e Il Concilio Vaticano II. Una storia mai scritta, vincitore del Premio Acqui Storia 2011. Intervengono: Roberto de Mattei, vice presidente del Consiglio Nazionale delle Ricerche, presidente della Fondazione Lepanto; Cristina Siccardi, giornalista e scrittrice. Introduce: Alessandro Cremonte Pastorello di Cornour, presidente del Gruppo Croce Bianca. Modera: Vittorio G. CardinalI, giornalista e storico di Casa Savoia.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Margherita di Savoia regina di cuori

Posted by fidest press agency su mercoledì, 18 maggio 2011

Torino. 19 Maggio 2011, alle ore 18,15, presso la Sala Sala Principe Eugenio della Sede di “Immagine per il Piemonte” in via Legnano 2/b, peritivo culturale sul tema: Margherita di Savoia Regina di cuori nell’Italia unita. Introduce: Vittorio G. Cardinali, giornalista e storico di Casa Savoia. Intervengono: Anna Antolisei, scrittrice e giornalista e Paolo Fiora di Centocroci, docente incaricato in storia e teoria del restauro presso l’Università del Piemonte Orientale “Amedeo Avogadro”. Saluto di: Alessandro Cremonte Pastorello di Cornour, presidente Premio di Cultura L’Arcangelo. Nino Del Bianco, storico e giornalista (Udine), è autore del libro Margherita di Savoia. Regina di cuori nell’Italia unita (Ecig Genova 2011). L’iniziativa è inserita nell’ambio delle celebrazioni 2011 del 150° dell’Unità d’Italia. In collaborazione con ECIG Editori Genova.
Margherita di Savoia-Genova, figlia di Ferdinando Maria, duca di Genova, e di Elisabetta di Sassonia, nasce nel 1851, sposa il 22 aprile 1868 suo cugino, Umberto di Savoia principe di Piemonte. Prima regina d’Italia, vedova nel 1900. Muore a Bordighera il 4 gennaio 1926. Unico figlio nato da questa unione è il principe di Napoli Vittorio Emanuele, futuro Vittorio Emanuele III, 3° re d’Italia (1869-1947).
Nino Del Bianco si occupa di critica storica con particolare riguardo al periodo napoleonico e risorgimentale. Ha pubblicato: Fermo Solari (1990); Il coraggio e la sorte: gli italiani nell’età napoleonica (1997);Francesco Melzi d’Eril: la grande occasione perduta (2002); Enrico Cernuschi: uno straordinario protagonista del nostro risorgimento (2006); Marco Minghetti: la difficile unità italiana da Cavour a Crispi(2008).

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Casa Savoia e l’Unità d’Italia

Posted by fidest press agency su giovedì, 1 luglio 2010

Milano fino al 12/9/2010 viale Vittorio Veneto, 2 Spazio Oberdan  Nell’ambito del 150mo Anniversario dell’Unita’ d’Italia A cura di Filippo Bruno di Tornaforte  Centocinquanta anni fa, Re Vittorio Emanuele II firmava il Decreto di costituzione della Provincia di Milano e affidava il Governo della Provincia a Massimo d’Azeglio. Milano ha celebrato questo avvenimento con un’importante mostra che ripercorre i 150 anni dell’Ente.  Tra i pezzi piu’ pregiati spiccano il Manto di Corte della Regina Margherita portato al Quirinale nel 1891 in occasione del Primo Congresso Internazionale che sanci’ l’ingresso dell’Italia nel novero delle Grandi Potenze, un abito in seta e ricami indossato dalla Regina Margherita al Ballo della Reggia di Monza nel 1886. Molti sono inoltre i documenti storici esposti legati ai passi salienti del Risorgimento e a Milano. I legami tra Milano e Casa Savoia, nel corso dell’epopea risorgimentale, furono profondi e costanti, già a partire dagli anni successivi alla Restaurazione, quando molti patrioti milanesi ripararono in Piemonte per mettersi al riparo dalle periodiche repressioni asburgiche.  E’ il periodo delle Società segrete: i moti del 1820/21 e quelli del 1830 sono motivo di prolungata tensione tra il Lombardo-Veneto ed il Regno di Sardegna per le continue confische a danno dei patrioti piemontesi residenti a Milano. Catalogo edito da Electa.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Casa Savoia e l’unità d’Italia”

Posted by fidest press agency su lunedì, 3 maggio 2010

Torino 3 maggio alle ore 11.00 Palazzo Saluzzo di Cardè Piazza San Carlo 161 conferenza stampa di lancio della mostra “Casa Savoia e l’unità d’Italia” alla presenza di s.a.r. Emanuele Filiberto di Savoia principe di Piemonte e di Venezia  Un evento particolarmente importante che riporta alla memoria di tutti gli italiani che Torino fu la prima Capitale del Regno d’Italia che vide in Casa Savoia la forza propulsiva. Una Mostra che raccoglie molti cimeli appartenuti ai Re e alle Regine d’Italia raccolti dalla Fondazione Principe di Venezia, presieduta dal Principe Emanuele Filiberto di Savoia, e da alcuni collezionisti privati. A Torino verranno per la prima volta esposti pezzi di assoluta rarità come il Collare d’Armatura del Duca Emanuele Filiberto “Testa di Ferro”. Il Savoia che seppe riconquistare il Ducato e che portò la Capitale proprio da Chambery a Torino dando di fatto inizio allo sviluppo della politica sabauda nella penisola italiana. Verranno inoltre esposte i famosi monogrammi di diamanti della Regina Margherita e della Regina Elena disegnati dalla Gioielleria Musy di Torino. Tra i pezzi più pregiati spiccano il Manto di Corte della Regina Margherita portato al Quirinale nel 1891 in occasione del Primo Congresso Internazionale che sancì l’ingresso dell’Italia nel novero delle Grandi Potenze. Molti i documenti storici esposti legati ai passi salienti del Risorgimento. La Mostra è aperta al pubblico da Giovedì 15 Aprile 2010 orario continuato dalle ore 10 alle ore 19, Lunedì sarà chiusa.

Posted in Confronti/Your opinions, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Casa Savoia e l’unità d’Italia”

Posted by fidest press agency su domenica, 18 aprile 2010

Palazzo Saluzzo di Cardè fino al 15 Giugno 2010  Piazza San Carlo 161  L’inaugurazione sarà il 1 Maggio alla presenza delle Loro Altezze Reali i Principi Vittorio Emanuele, Marina ed Emanuele Filiberto di Savoia. L’evento sarà in occasione della Visita del Santo Padre, Papa Benedetto XV, a Torino per l’Ostensione della Sacra Sindone lasciata in eredità nel 1983 da Re Umberto II a Papa Giovanni Paolo II. Un evento particolarmente importante che riporta alla memoria di tutti gli italiani che Torino fu la prima Capitale del Regno d’Italia che vide in Casa Savoia la forza propulsiva. Una Mostra che raccoglie molti cimeli appartenuti ai Re e alle Regine d’Italia raccolti dalla Fondazione Principe di Venezia, presieduta dal Principe Emanuele Filiberto di Savoia, e da alcuni collezionisti privati. A Torino verranno per la prima volta esposti pezzi di assoluta rarità come il Collare d’Armatura del Duca Emanuele Filiberto “Testa di Ferro”. Il Savoia che seppe riconquistare il Ducato e che portò la Capitale proprio da Chambery a Torino dando di fatto inizio allo sviluppo della politica sabauda nella penisola italiana. Verranno inoltre esposte i famosi monogrammi di diamanti della Regina Margherita e della Regina Elena disegnati dalla Gioielleria Musy di Torino. Tra i pezzi più pregiati spiccano il Manto di Corte della Regina Margherita portato al Quirinale nel 1891 in occasione del Primo Congresso Internazionale che sancì l’ingresso dell’Italia nel novero delle Grandi Potenze. Molti i documenti storici esposti legati ai passi salienti del Risorgimento. Sono previste visite guidate a tariffe ridotte per i Gruppi di Pellegrini, per le Scuole e le Istituzioni Religiose. (casa savoia)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Casa Savoia

Posted by fidest press agency su lunedì, 31 agosto 2009

La storia non è quella che ci insegnano. Lo sostiene Paolo Federici nel suo libro “Una Labile Traccia Indelebile” che diventa ora un film in cui realtà e fantasia si intrecciano a partire da un complotto in Casa Savoia. Dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale, Re Umberto II di Savoia avrebbe deciso di mettere la parola fine alla storia di Casa Savoia portandosi nella tomba il sigillo del casato. Questo è il punto di partenza —a cavallo tra realtà e fantasia— del film «Una Labile Traccia», tratto dal libro di Paolo Federici che vede come protagonisti Casa Savoia e una mutazione genetica (una «labile traccia») che secondo l’autore caratterizzerebbe tutti i membri di Casa Savoia a partire da Amedeo VII fino ai nostri giorni e che ancora oggi identificherebbe il vero erede dei Savoia e quindi il legittimo pretendente al trono d’Italia. Perché mettere la parola fine alla storia dei Savoia? Cosa avrebbe scoperto Re Umberto II di così importante da fargli prendere una tale decisione? Il film condurrà lo spettatore in un viaggio nel tempo, in cui passato e presente giocano tra di loro in una danza avvincente che lascia senza fiato, segnato da un segreto custodito nelle tele di Giovanni Canavesio, pittore piemontese della seconda metà del Secolo XV. Ma il punto di partenza di questo «giallo temporale» si colloca nella seconda metà del Secolo XIV, quando —secondo l’autore— Amedeo VII di Savoia, detto il Conte Rosso, si sarebbe innamorato di Aurora. La loro storia è osteggiata da suo padre, il Conte Verde, ma Aurora aspetta un bambino dal Conte Rosso, erede di Casa Savoia, e deve fuggire. Una piccola mutazione genetica caratterizzerà la vita di sua figlia Francesca e ancora oggi —proprio grazie a quella labile traccia (la mutazione genetica)— sarà possibile risalire all’unico vero erede di Casa Savoia, destinato prima o poi a riprendere il potere. I riferimenti storici si intrecciano dunque in un abbraccio appassionato con la fantasia. Una fantasia supportata da dati storici verificabili che rendono il film avvincente e anche convincente, facendo coesistere avvenimenti passati, presenti e addirittura futuri. Dell’esistenza di un complotto in Casa Savoia ne era convinto lo stesso Amedeo VII. È infatti un dato storico che il Conte Rosso morì nel 1391 durante una caccia al cinghiale, ma non pochi avanzarono accuse sulla famiglia e sulla corte per un possibile avvelenamento, tanto da convincere di questa ipotesi lo stesso Amedeo VII ormai morente. A partire dai riferimenti storici verificabili, il film segue il filo rosso del complotto in Casa Savoia. Un complotto che sarebbe poi volto a eliminare anche il vero erede di Amedeo VII, affetto dal raro morbo. Il perno della vicenda è il segreto che Giovanni Canavesio ha nascosto nei suoi dipinti. L’autore azzarda così, insistendo sulla credibilità di avvenimenti che non sono storicamente verificabili ma che potrebbero anche essere veri.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »