Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Posts Tagged ‘catena’

Presentazione di: “Reazione a catena”

Posted by fidest press agency su domenica, 26 Mag 2019

Napoli Giovedì 30 maggio Ore 11.30 Studio Tv2 di Napoli Centro di Produzione Tv Rai Via Marconi, 9 conferenza stampa per la presentazione di: “Reazione a catena”Conduce Marco Liorni Un programma di Tonino Quinti, Francesco Ricchi, Stefano Santucci Regia di Claudia De Toma Interverranno:
Teresa De Santis – Direttore di Rai1
Francesco Pinto – Direttore Centro di Produzione Tv Rai di Napoli
Adriano De Maio – Dirigente responsabile del programma Marco Liorni
In onda su Rai1 da lunedì 3 giugno ore 18.45

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La lettura dei nostri padri per i nostri figli nella catena del pensiero

Posted by fidest press agency su mercoledì, 25 luglio 2018

La lettura è stata, per molte generazioni lo stile di vita di chi riempiva la propria solitudine con la meditazione e l’immaginazione. Quante volte, infatti, i personaggi erano soliti uscire dalle pagine di un libro e diventare reali? Era un modo per materializzare una prosa a tratti arida e che pure faceva muovere i personaggi che descriveva a volte sin nei minimi particolari e metteva a nudo i loro più riposti segreti.
Forse così è nato il teatro con il guitto che scendeva nell’arena e si immedesimava nella parte del narratore recitante e chi l’ascoltava ritornava al racconto e gli dava un senso, lo vedeva materializzarsi sotto gli occhi e lo seguiva ancor meglio mentre le parole uscivano dalla loro prigione nel chiuso di una pagina tra le tante che ispessivano la pubblicazione.
Oggi questa trasposizione in alcuni casi è impraticabile per via del ritmo che abbiamo imposto al nostro vivere tra il lavoro, le piccole faccende casalinghe, gli affetti familiari che richiedono tempo e attenzioni e quant’altro.
Nell’ecclettismo spaventevole del pensiero contemporaneo è sterile pretesa quella di rincantucciarsi in un angolo e di là occhieggiare umile e incapace di liberi voli perché una lettura può diventare un lusso che non possiamo più permetterci.
Mi riferisco, ovviamente, ai libri letterari, a una letteratura colta, al riaccostarsi ai classici, a farne un motivo di personale appagamento nella maturità e non certo in quel tempo dove si studia e si legge per imposta necessità e non per libera scelta.
E’ un discorso che non è rivolto solo agli altri ma include anche me. Ora credo di essere giunto a qualche pratico risultato usando razionalmente un metodo che molti praticano, ma non tutti bene. Mi servo, cioè, di una sorta di diario quotidiano, non fatto di date, di titoli e di appunti, ma di cose intime e personali, di tutto quel mondo fuggevole di impressioni e di meditazioni e di desideri e di sogni che sorge e s’illumina nelle nostre ore più inerti.
Del libro letto e del sentimento provato, non mi curerò di catalogare il tempo e la durata e l’origine ma la intensità, la forza di gaudio o di sofferenza. Avrò come un termometro graduale e ogni giorno ascendente del mio spirito.
Allora ogni più fugace e labile lettura troverà modo di mutarsi in elemento della mia cultura e della mia intelligenza. Acquisterò una sempre più interiore abitudine all’analisi, alla scelta, alla riflessione, alla sintesi, in quel cercare e sognare ciò che più vicino mi è e più utile, e insieme una sempre più industre facilità nel rendere per iscritto i miei più minuti pensieri. Da qui parte la voglia di dare contenuti rappresentativi che permettano di comunicare, di spiegare, di dare un senso alla vita, di saggiare i sentimenti e di renderli ove possibile condivisibili.
E qui entro immancabilmente nel suggestivo mondo dell’arte e dove ogni arte manifesta il desiderio di accostarsi all’arte sorella. I pittori introducono gamme musicali, gli scultori del colore della pittura, i letterati dei mezzi plastici nella letteratura e gli altri artisti calcano le scene e danno corpo alle nostre fantasie. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Per fermarli in tempo utile

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 giugno 2011

Se li lasciamo fare tasseranno anche l’aria che respiriamo. E’ già iniziata la manovra per far digerire anche la prossima manovra che riguarderà l’aria. Mi trovavo a Perugia ospite di parenti. Assunsi il compito di provvedere alla spesa quotidiana. Così mi recavo in un supermercato di una nota catena, appartenente ad un noto personaggio. Notai che alla fine della striscia della spesa c’era una non meglio identificata “cac”, per un importo di 0,50 €, una cifra irrisoria, della quale non veniva chiesta spiegazione, forse per falso pudore. Al terzo giorno che si ripeteva, chiesi spiegazioni alla imbarazzata cassiera. Si tratta del Contributo Aria Condizionata, mi rispose a bassa voce, che finsi di non aver sentito per farglielo ripetere a voce più forte. Ci fu un borbottio generale della gente in fila in quella cassa (in tutto le casse funzionanti erano 12. A questo punto volli fare una rapida ricerca; il solo supermercato che frequentavo rilasciava una media di 3000 scontrini al giorno (aperto anche la domenica). Quanti sono in Italia i punti vendita? Bisognerebbe chiederlo al titolare, facente funzioni di proprietario, ma testa di legno degli inventori del liberismo creativo. “Accettare il sindacato in azienda è come portarsi le puttane sotto casa”, così asserisce, con estrema eleganza, un dirigente di un’azienda che si propone come punta di diamante del nuovo capitalismo e di quel modello di liberismo che Berlusconi e Tremonti vorrebbero per l’Italia e che nella grande distribuzione c’è già da anni e che tuttavia rifugge la Borsa perché il vero proprietario non intende condividere la gestione, si fa vedere il meno possibile, non rilascia interviste, se non è garantito il monologo a domande concordate. Bisogna fermarli in tempo e far capire che il popolo italiano non è suscettibile a lunghe ipnosi, perché prima o poi si sveglia. (Rosario Amico Roxas)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Processo breve: una storia in sintesi

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 aprile 2011

“La russa scatena la rissa, oscura Berlusconi e affonda il processo breve. Cicchitto bacchetta La Russa. Baldelli manda il processo breve alla deriva. Reguzzoni smentisce Baldelli. Baldelli zittisce Reguzzoni. Corsaro smentisce Baldelli. Ci mette un’ora per confondersi le idee in un avvitamento alla Tafazzi. Gli ir-(responsabili) assistono stralunati. La capigruppo gliele chiarisce e spedisce l’urgentissimo  processo breve all’ultimo posto. Si stacca lo scotch, si disarticola la vincibile armata e la catena di comando si squaglia.  Ecco perché ci tengono lontani dalla guerra: non e’ affare per principianti”. Così, in una nota, Federico Palomba, capogruppo IdV in commissione Giustizia alla Camera.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Catena di franchising australiana

Posted by fidest press agency su martedì, 14 dicembre 2010

Howards Storage World, catena di franchising australiana, ha annunciato l’apertura di tre nuovi punti vendita in Europa nei prossimi mesi, in aggiunta ai due già previsti in Asia. Dirk Spence, Amministratore Delegato dell’azienda, spiega che vi è grande interesse nel marchio australiano di articoli casalinghi e per la casa, in particolare in Europa, dove prevede di stringere nuove alleanze nel 2011.  Attualmente Howards Storage World detiene contratti di master franchising in nove regioni internazionali, tra cui Scandinavia, Benelux, Irlanda, Regno Unito, Spagna, Medio Oriente, Singapore, India e Filippine.   “Consideriamo l’Europa un mercato cruciale per il marchio Howards Storage World”, ha commentato l’Amministratore Delegato Dirk Spence. “Francia, Germania e Italia sono regioni di particolare interesse per Howards Storage World, in quanto rappresentano opportunità di crescita significative e non presentano un’offerta di vendita al dettaglio paragonabile alla nostra”.   Spence si è recato di recente in Italia per presentare Howards Storage World al Salone internazionale del franchising e del commercio a Milano e ha altresì avuto incontri con interlocutori interessati in Francia, Germania e Repubblica Ceca.  “Investitori e consumatori hanno espresso forte interesse in Howards Storage World, assolutamente diverso dagli altri concept presenti sul mercato”.   Howards Storage World è specializzato nella vendita di prodotti e soluzioni di organizzazione domestica. Oltre a offrire una gamma di 3.000 articoli, fornisce anche assistenza specializzata ai consumatori per ridurre al minimo il disordine in casa e ottenere uno spazio abitativo dall’atmosfera e dall’aspetto più ordinati. Dei cinque nuovi punti vendita al dettaglio, due saranno ubicati a Madrid, in Spagna; uno a Oslo, in Norvegia; uno a Manila nelle Filippine e uno a Bangalore, in India.   La sede centrale di Howards Storage World in Australia segue da vicino la formazione e lo sviluppo dei partner di master franchising, che si devono poi occupare dell’apertura dei punti vendita nelle rispettive regioni. http://www.hsw.com.au. (dirk spencer)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Autovie venete: tamponamenti a catena

Posted by fidest press agency su venerdì, 14 Mag 2010

Centrale radio operativa e ausiliari al traffico di Autovie Venete mobilitati dalle sette e trenta del mattino a causa di una serie di tamponamenti che hanno richiesto la chiusura dell’autostrada A4 e l’attivazione del by pass verso la A28, in entrambe le direzioni di marcia. Il primo incidente si è verificato alle 7 e 18 del mattino tra San Donà di Piace e il bivio con la A57 tangenziale di Mestre. Un maxi tamponamento causato probabilmente dalla nebbia piuttosto fitta che gravava nella zona. Cinquantotto, complessivamente i veicoli coinvolti fra mezzi pesanti, auto e pulman. Venticinque i feriti di cui due gravi. Alle 7 e 30 l’autostrada è stata chiusa con uscita obbligatoria prima a San Donà di Piave e successivamente, alle 8,45 a Portogruaro. Inevitabili le code, da Cessalto al bivio con la A57. Dieci minuti dopo il primo sinistro, sulla carreggiata opposta in direzione Trieste, i rallentamenti dei curiosi hanno provocato un altro tamponamento con  una decina di feriti lievi. L’evento, oltre a causare una coda immediata (il venerdì è una delle giornate con maggior traffico fin dal mattino presto) ha innescato una serie di ulteriori micro incidenti, uno dei quali in particolare ha contribuito a rendere la situazione più critica: un mezzo pesante, tamponato, ha perso il carico di plastica che trasportava ostruendo la carreggiata e richiedendo un ulteriore rinforzo di soccorsi per liberarla. Chiusa l’autostrada anche in direzione Trieste e code di 14 chilometri. Per far defluire il traffico, di concerto con Cav che gestisce il passante e con la Polstrada, è stato attivato il bypass verso l’A28 e la A27, indirizzando i mezzi in uscita verso Sacile Est facendoli poi proseguire in direzione Conegliano e poi rientrare sul Passante. L’autostrada è stata riaperta tra le 11 e le 11,30 prima in direzione Trieste e poco dopo in direzione Venezia. Tutti fuori gli uomini di Autovie Venete, dagli ausiliari al traffico, al personale della manutenzione e dei caselli, che hanno permesso di smaltire le code rapidamente. Alle 12,30, infatti, la situazione era tornata alla normalità. “Un lavoro egregio – è il commento del presidente di Autovie Giorgio Santuz – svolto con la consueta professionalità. Ci tengo a sottolineare l’organizzazione, la sinergia e il coordinamento che hanno caratterizzato gli interventi, confermando che il sistema operativo di Autovie è una macchina perfetta”. Un apprezzamento particolare il presidente Santuz lo rivolge anche a tutte le forze dell’ordine, ai vigili del fuoco e al personale sanitario “il cui ruolo è fondamentale in questi casi”. Secondo Santuz, la critica situazione di oggi ha permesso di verificare ancora una volta, se mai ce ne fosse bisogno, le capacità della Concessionaria nel gestire le emergenze (“riaprire l’autostrada in poco più di tre ore – ribadisce – a fronte di un sinistro con oltre 50 veicoli coinvolti non è cosa di poco conto) e l’importanza della A28 come valvola di sfogo.  “Per questo – conclude – ci siamo impegnati per portare a compimento i lavori il prima possibile e credo di poter dire, condizioni metereologi permettendo, che ce l’abbiamo fatta”.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cresce il mercato del libro

Posted by fidest press agency su venerdì, 14 Mag 2010

E’ quanto emerge dall’indagine NielsenBookScan presentata a Torino nell’ambito del convegno “Che fine farà l’e-book: tra libri di carta e applicazioni digitali”, organizzato da Associazione Italiana Editori (AIE) e Salone internazionale del libro di Torino. Se infatti il 2009 ha registrato complessivamente una crescita a valore del 3,1% (si è passati per i canali trade dai 1.324milioni di euro del 2008 ai 1.365 del 2009), nei primi 3 mesi e mezzo del 2010 la crescita è passata al 3,7% rispetto allo stesso periodo del 2009. Sono le librerie a costituire ancora una volta il canale privilegiato per la vendita dei libri di carta ma con una peculiarità: il 2009 vede infatti le librerie di catena crescere ancora rispetto alle librerie indipendenti (+4,6% sul 2008) e il canale online registrare un’accelerazione forte pur se con numeri che restano ancora piccoli (+ 14% sul 2008 su una quota di mercato del 3,5% nel 2009). Le librerie indipendenti registrano invece una crescita più contenuta: lo 0,6% in più nel 2009 rispetto all’anno precedente. Nei primi tre mesi e mezzo del 2010 si registra un’accentuazione ancora maggiore: l’online cresce del 24,8% sullo stesso periodo del 2009 (e arriva a coprire il 4,7% del mercato a valore a prezzo di copertina), le librerie di catena affiancano le librerie indipendenti, superando entrambi il 39% del mercato. Nel 2009 crescono molto la fiction (+ 6,4% sull’anno precedente) e la manualistica (+3,5%), un poco meno la saggistica (+1,6%), mentre resta sostanzialmente stabile il settore dell’editoria per ragazzi (-0,7%). Decresce invece il mercato dell’editoria professionale. Complessivamente i titoli movimentati nel 2009 sono stati 325mila. In questo quadro l’ebook comincia a ricoprire un ruolo interessante se si pensa che secondo le stime dell’ufficio studi AIE l’ebook arriverà a coprire a dicembre 2010 l’1,5% del catalogo vivo dei titoli e l’8-9% delle novità. Secondo l’indagine elaborata dall’ufficio studi AIE, in collaborazione con l’Università di Tor Vergata di Roma e la fiera nazionale della piccola e media editoria Più libri più liberi, su 1743 questionari, l’attenzione all’ebook va ben al di là della semplice curiosità.  Al top nelle scelte sono i romanzi italiani o stranieri (per il 54,6%) o i libri difficili da trovare in libreria (per il 60,7%). Ma anche classici della letteratura e saggi.

Posted in Recensioni/Reviews, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Niente di personale

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 settembre 2009

Editoriale fidest. Vorrei mettermi nei pensieri, ma solo per un momento, di quelli che ogni giorno devono inventarsi, l’idea vincente per attrarre l’attenzione dei media per il loro capo. E’ un lavoro improbo e non è infrequente che la trovata diventi infelice o faccia scattare una imprevedibile reazione a catena dagli effetti non certo esaltanti per chi l’ha promossa. Questo discorso non vale solo per i politici ma anche per molte altre categorie di personalità che per il ruolo che svolgono hanno come interfaccia il grosso pubblico. In tutto questo bailamme ai “furori” degli uni si contrappongono, inevitabilmente quelli delle vittime costrette alla difensiva, ma alla fine questa “bolla accusatoria” si sgonfia da sola perché non sono le persone come tali ad essere colpite ma ciò che rappresentano. L’ultimo caso, in ordine di tempo, è quello di Dino Boffo e al suo accusatore rappresentato da Feltri e il suo “Giornale”. Il primo, con le dimissioni da direttore del quotidiano cattolico ha in pratica sgonfiato il castello accusatorio nei suoi confronti. Non è più il caso di parlarne perché non era Boffo come persona ad essere trafitto ma ciò che rappresentava. Vi è stato, quindi, un problema a monte che il capo ha individuato e che ha opportunamente esternato ai suoi collaboratori che devono essersi messi rapidamente al lavoro per affrontarlo e gestirlo nei migliore dei modi. Così, per quanto è dato di sapere, lo spunto è venuto da una lettera anonima che circolava negli ambienti “bene” dei cattolici sul conto di Boffo per screditarlo. Si trattava di un misto tra verità e menzogna, calibrate opportunamente. Ma chi era il vero bersaglio? Nella fattispecie potremmo dire che si è trattato di una sorta di avvertimento. E il ragionamento potrebbe essere stato questo: voi raccattate la “spazzatura”? E io ve la rimando con gli interessi. E il povero Boffo si è ritrovato tra l’incudine e il martello. Ma questi giochetti fatti di calunnie, insinuazioni, sospetti, creati spesso ad arte per lanciare segnali ambigui e in linguaggi cifrati sono l’aspetto più significativo di una decadenza dei costumi che il palazzo non dovrebbe raccogliere per darsi una visibilità, i media dovrebbero ignorare e la gente evitare di seguire con tanta curiosità. Ma ci confessa un editore: è impossibile non tener conto di tali provocazioni. Diventano un grosso affare poiché fanno aumentare la tiratura dei giornali e attraggono pubblicità. E le vittime? Sono solo un danno collaterale, inevitabili ma “niente di personale” (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Editoriali/Editorials | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“La città aromatica”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 agosto 2009

pino danieleSiena  dal 24 al 28 agosto in Piazza del Campo al via la nona edizione del festival “La città aromatica”, la festa dell’estate senese che propone spettacoli unici di musica rock, etnica, jazz e danza.   Quest’anno, la rassegna prodotta dal Comune di Siena per volontà del sindaco Maurizio Cenni e diretta da Mauro Pagani, con Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A main sponsor e il contributo fondamentale della catena Royal Demeure e Siena Parcheggi, si presenta ancora più ricca di sorprese.  Nel trentennale della sua scomparsa, l’edizione 2009 sarà dedicata a Demetrio Stratos, interprete tra i più raffinati e originali.  Martedì 25 agosto in Piazza San Francesco (ore 21.00), Patrizio Fariselli, Paolo Tofani e Ares Tavolazzi proporranno tre imperdibili concerti: in omaggio alla straordinaria voce e anima degli Area, la serata regalerà tante sorprese e culminerà con una reunion molto attesa a cui prenderà parte anche il direttore artistico del festival senese Mauro Pagani. Il festival ospiterà inoltre altri importanti appuntamenti con la musica e la danza. Le compagnie Francesca Selva e Motus, mercoledì 26 agosto ore 21.15 sempre in Piazza San Francesco, che daranno vita a coreografie ideate in esclusiva per “La città aromatica” e ispirate al tema della rassegna che è la voce.  Torna poi il “Nuovo rock in città” con la performance di due band senesi: i Cube e i Profusion che si esibiranno giovedì 27 agosto  a partire dalle 21.15 in Piazza San Francesco, con alcuni pezzi suonati con Mauro Pagani e, a seguire, il concerto di John de Leo, ex cantante dei Quintorigo, artista che come Stratos conduce una particolare ricerca artistica. Sarà poi la voce di Pino Daniele a chiudere la rassegna nel concerto finale previsto per venerdì 28 agosto in Piazza del Campo (ore 21.30). Il cantantautore napoletano darà vita ad uno spettacolo unico, nel quale ai brani del passato, tra cui gli immancabili Quando e Napule è, si mescoleranno i brani del nuovo album Electric Jam, di cui fa parte il singolo di successo Il sole dentro di me.  Quest’anno, oltre al consueto prologo realizzato in collaborazione con la Fondazione Siena Jazz, che il 24 luglio ha visto esibirsi in Piazza del Campo il Brasilian All Star Plays Jobim con special guest Eddie Gomez, seguirà un’altra curiosa anticipazione, lunedì 24 agosto (ore 21.30), in piazza Duomo, con l’esibizione della Cambridge University Musical Society Chorus and Orchestra diretta da Mark Austin.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Extra ecclesiam… E il Partito Mediterraneo

Posted by fidest press agency su giovedì, 6 agosto 2009

Berlusconi  ha  liquidato  Lombardo e il partito del sud, con  una delle proposizioni del Sillabo di Pio V: Extra ecclasiam nulla salus”   come dire “fuori dal PdL …. etc.etc.”  Se non fosse ilare, tale analogia,  sarebbe blasfema e profana. Identificare il PdL come una Chiesa universale, ci appare quanto meno azzardato, perché ci conduce alla identificazione anche del capo del PdL, quindi se stesso,  con il Pontefice dell’Ecclesia, mentre si tratta solo del padrone di un partito pseudo-politico, assimilabile ad una catena di supermercati adibiti alla raccolta indifferenziata di consensi; catena di supermercati che non tollera pericolose concorrenze, per cui, appena può  “li getta nella pattumiera”.  Avevo previsto l’aborto del  Partito del Sud di Lombardo,  e ne ho parlato anche con il diretto interessato, perché si trattava di una gestazione anomala, totalmente priva e privata del radicamento nel territorio, calato dall’alto, con l’aggravante di  un elevatissimo tasso di inquinamento ambientale, che ne ha provocato l’aborto. L’idea sarebbe stata  sana, attesa, voluta, e lo sarebbe ancora; ma dopo l’aborto necessiterebbe di un profondo raschiamento, per eliminare le scorie che ne hanno provocato la fine. Lombardo si è lasciato incaprettare dalle parole e dalle promesse, dimostrando di non essere un novello Federico II; non ha avuto fiducia in se stesso e nel Mezzogiorno, buttando tutto nel Mediterraneo per appellarsi ai siciliani. Nessuno avrebbe accettato un “Partito del Sud”,  parto della fantasia  dell’ideologo Marcello dell’Utri,  perché avrebbe rappresentato il riconoscimento di un isolazionismo geografico che non ci compete.   Il Mezzogiorno in generale (e la Sicilia in particolare)  non è il sud d’Europa dopo essere stato il Sud dell’Italia, è il Centro del Mediterraneo, unico possibile trait d’union tra Europa, Africa e Asia Minore; se non si procede verso l’identificazione di un Partito Meridionalista Mediterraneo, si rimarrà sempre  all’ancora, o, per essere più precisi, si rimarrà nella sacrestia di  quella Ecclesia a contare le elemosine che le gerarchia di quella medesima  Ecclesia elargiscono “per i più bisognosi”. (Rosario Amico Roxas)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Festa d’Estate del PPU, grande successo!

Posted by fidest press agency su martedì, 7 luglio 2009

Roma. Si è chiusa con una grande Festa d’Estate la prima parte di stagione degli Eventi organizzati dal PPU, il Professional People in Urbe, il più importante Business Social Network della Capitale. Presenti volti noti del Giornalismo e del mondo degli affari romano, i Soci del PPU hanno potuto salutarsi in vista dell’estate in una atmosfera sobria ed elegante quale è quella della Terrazza dell’Hotel Aleph, il 5 stelle lusso della catena Boscolo, posto sopra Piazza Barberini.  Una serata unica, con circa 140 partecipanti, allietati dalle note degli Isolati Fenomeni e ristorati dalle preparazioni dello chef Max Mariola, volto noto del Gambero Rosso Channel.   A far la parte del leone sono stati gli sponsor, Ford Italia che ha presentato la sua nuova Kuga, in bella mostra di sé all’ingresso, andata in prova gratuita per due settimane ad un fortunato Socio, così come Hi-Performance che ha offerto ad un’altra fortunata Socia la possibilità di partecipare all’Evento Seminario del 2009, il corso di Anthony Robbins, il noto “motivatore personale” di personaggi del calibro di Bill Clinton. Molto gradita da tutti è stata la generosa partecipazione del Casale Del Giglio che, con i suoi deliziosi vini e sotto la guida di un Sommelier professionista, Luca di Carluccio, ha presentato ben sei nettari della sua ormai più che affermata produzione. tra questi in particolare sono risultati particolarmente graditi il Petit Verdot, il Mater Matuta e l’Albiola, un rosato di rara fattura.   A tenere le fila della serata c’erano i due Vice Presidenti del PPU, Marco Lungo impegnato a presentare la serata e a far scaturire iniziative e amicizie fra i soci, mentre Arianna Mallus provvedeva a far sì che l’organizzazione di tutta la location funzionasse come un orologio. Infine, ma non ovviamente ultima, la Presidente Carmen Lo Duca ha intrattenuto le relazioni con gli sponsor e con gli ospiti della serata, in una atmosfera di allegria e di focalizzazione alle occasioni di business, che sono la mission fondamentale del PPU.  Non sono mancati i ringraziamenti a tutti ed il rinvio a fine estate, quando il PPU riprenderà le proprie attività con rinnovato impegno e con nuove iniziative per i propri Soci e per gli Sponsor che attivamente partecipano al successo di questa affermata realtà romana che è oggi il Professional People in Urbe. http://www.ppunet.com.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La generosità dei ricchi e quella dei poveri

Posted by fidest press agency su domenica, 5 luglio 2009

Editoriale fidest. La catena di solidarietà che scatta regolarmente in Italia allorché accadono tragedie come le ultime de L’Aquila e di Viareggio ci danno la misura del sentimento popolare che è così fortemente diffuso e radicato nella tradizione di un popolo da sempre esposto alle angherie dei potenti e dei prepotenti che trasversalmente sono individuabili in tutte le categorie sociali. L’Italia è anche un paese “docile” e “tollerante” ma queste sue virtù sono ora messe duramente alla prova da una classe politica cinica e avida. Una politica che è urlata, che va avidamente a caccia di fattacci per creare paure, disagi, sofferenze ma anche aberrazioni. In tutto questo si avverte una differenza di fondo tra la spontaneità dei poveri a donare e quella dei più abbienti a ritrarre la mano, a manifestare indifferenza sotto la scorza del buonismo. Taluni se la prendono con i nostri governanti ma ci chiediamo chi li ha eletti? Che siano stati i poteri forti e occulti di certo è innegabile ma che si siano serviti di coloro che abitano dall’altra parte della barricata è meno comprensibile. In tutta la storia dell’umanità siamo stati, consapevoli o inconsapevoli gli eredi dei plebei e dei patrizi ma questo rapporto di per sé conflittuale è stato sempre sedato dallo spirito gregario e del buonismo dei plebei, alias proletari, alias servus servorum dei. E’ questo il vero dramma che non riesce ad avere una soluzione di continuità. In questi ultimi secoli abbiamo nutrito una grande speranza. Una speranza illuminista, marxista, liberista, socialista, che si è spenta soffocata da un sogno impossibile: la costruzione di una società di uguali, votata alla solidarietà, ispirata alla giustizia sociale, ispirata al travaso tra chi vive del superfluo e chi muore perché gli manca il necessario. Eppure potremmo arrivarci se i plebei riuscissero a prendere coscienza della loro forza numerica, dei valori che essi misurano sul campo, sulla concretezza dei loro propositi. Oggi abbiamo una grande opportunità che è quella che ci offre internet con la sua finestra aperta sul mondo per ritrovare la forza dispersa in tanti rivoli, distratta dalla disinformazione, umiliata dai cattivi esempi, beffeggiata dai prepotenti. Cerchiamo di coglierne l’opportunità prima che anche questo veicolo sia messo fuori uso. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Editoriali/Editorials | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Letteratura mon amour

Posted by fidest press agency su martedì, 30 giugno 2009

Una catena di hotel speciali, legati tra loro dall’amore per la lettura e la letteratura, dove si respira un’aria intellettuale. Sono i Golden Book Hotels, una quarantina di alberghi italiani legati tra loro dalla scelta di far trovare in camera ai propri ospiti un volume da leggere, sfogliare e amare. Un souvenir originale per una vacanza dal valore speciale. Negli ultimi tre anni sono state distribuite negli alberghi del gruppo 55.000 copie di libri nel 2006, 61.000 nel 2007, 68.000 nel 2008; nel gennaio 2009  si è superato il tetto di 500.000 libri complessivi offerti agli ospiti da quando esiste Golden Book Hotels. Si tratta di cifre relative a resort che si trovano in Italia principalmente, ma anche all’estero in Francia, Spagna, Germania, Svizzera, Austria, Inghilterra. I libri sono stati realizzati per il 65% in versione bilingue italiano/inglese, per il 25% in italiano/tedesco e per il 10% in italiano/francese, e si è iniziato recentemente a editarli anche in edizione italiano/spagnolo. Esistono anche alcune versioni internazionali dove l’italiano non è presente, ma sono abbinate altre due lingue fra loro. L’idea va di moda, come la ricerca di piccoli boutique hotel dove sentirsi a casa, e una casa vissuta è quella dove ci sono tanti libri! Nelle speciali edizioni Golden Book Hotels sono presenti più di 80 titoli, suddivisi in diverse collane, seguendo sempre il criterio di offrire un mix di autori e di brevi racconti, storie, poesie, per fare in modo che l’offerta di lettura sia il più possibile diversificata all’interno dello stesso libro. Ecco quindi autori di diverse nazionalità che si incontrano, magari in generi letterari diversi mescolati tra di loro. C’è la collana Il Caffè, che riunisce i grandi classici; Le Menadi, dedicata agli scrittori toscani; I Rebbi, dedicata alla gastronomia; Le Naiadi, con storie di natura e ambiente; Le Mimose, racconti d’autrice; Albatross, dedicata ad autori europei; i MiniLibri, nella versione ridotta di sole 64 pagine; una raffinata collana di letteratura erotica, chiamata X-Libris; e infine Eureka!, con i racconti di autori contemporanei emersi dai concorsi letterari che la stessa Golden Book Hotels bandisce ogni anno, dando spazio e vetrina al talento spesso sottovalutato di tanti bravi scrittori, dimenticati dai tradizionali circuiti di distribuzione libraria. Il fascino un po’ intellettuale del turista con il libro in mano, che passeggia tra i monumenti di una città d’arte rimanda a tradizioni letterarie e cinematografiche, in un circuito di richiami e rimandi che mette al centro il piacere della vacanza come ritmo lento. Lontanissimo dalle tentazioni mordi e fuggi, ma come vero spazio e tempo alla ricerca di sé.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »