Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 29 n° 299

Posts Tagged ‘cattolici’

L’Italia e i cattolici

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 agosto 2017

togliatti_gramsciLeggendo qua e là tra i miei appunti e qualche articolo o saggio è balzata alla mia attenzione un passo riguardante le memorie di Nina Bocenina, la segretaria russa di Palmiro Togliatti. Ella racconta che un giorno attorno al Natale del 1943 ebbe una interessante conversazione all’Hotel Lux di Mosca con l’uomo che lei conosceva come Ercole Ercoli (Togliatti) sul tema dei cattolici sulla storia d’Italia. Togliatti allora si dilungò a spiegarle le caratteristiche particolari della fede e l’organizzazione della Chiesa cattolica. Ad un commento scettico della Bocenina Togliatti le risposte “arrabbiato”: “Non sono sciocchezze cara compagna Nina. Il cattolicesimo in Italia non è semplicemente la Chiesa. E’ un modo di pensare, è un complesso intreccio tra la storia e la politica, tra la cultura e la filosofia. Chi non è capace di discutere alla pari con gli attivisti cattolici può essere paragonato ad un agente dei servizi segreti che va nelle retrovie del nemico senza conoscere la sua lingua e il suo regolamento.” Ora ci chiediamo quanta influenza possa aver avuto, dopo il ritorno di Togliatti in Italia, questo convincimento nell’azione del Partito Comunista Italiano e quanto della “questione cattolica” vi resta oggi che i due partiti di allora si sono sciolti come neve al sole ma hanno lasciato i loro nipotini navigare in acque partitiche affini. Tutto questo probabilmente continua ad accadere in quanto l’Italia non ha ancora fatto definitivamente i conti con una parte rilevante del proprio passato. E ci riferiamo, nello specifico, ai 60 anni posti a cavallo tra il XIX ed il XX secolo allorché si rese aspro il conflitto tra la Chiesa e lo Stato. Di quello spaccato di storia patria quante verità sono emerse e quante altre sono state sottaciute dagli storici? Sarebbe interessante riaprire la questione per una disamina più approfondita di quel trascorso forse doloroso, forse esaltante che ha costellato la vita di una Nazione che cresceva, territorialmente parlando, ma che nutriva in sé profondi travagli esistenziali mai domi, mai sanati completamente a tutt’oggi. (Riccardo Alfonso direttore del centro studi religiosi e filosofici della Fidest)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I cattolici ed il partito che intese rappresentarli in politica

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 agosto 2017

STURZO.Don Luigi SturzoDue sono i momenti che ci sembrano caratterizzare questo rapporto. Il primo deriva dal successo elettorale del 18 aprile del 1948 che segnò l’inizio della centralità democristiana nel sistema politico italiano, ma questa stagione fu molto breve. Seguì la sconfitta elettorale delle elezioni politiche del 1953. A questo punto ci si chiese, come fece Gianni Baget Bozzo, se la Dc non avesse tradito la sua vocazione di partito cristiano per diventare un partito totalmente pragmatico e interessato solo al potere. Il dibattito che ne seguì implicò due aspetti specifici. Il primo che si considerò scontato era quello che la DC avesse abbandonato il modello di cristianità mentre non si poteva dire la stessa cosa riguardo alla idealità cristiana espressa dagli esponenti della Dc. La Chiesa con tutte le sue organizzazioni cattoliche aveva appoggiato la Dc sia nel 1948 sia nel 1953 eppure in termini di consensi elettorali la situazione era cambiata. Cosa voleva dire? Che la Dc doveva camminare con le sue gambe per segnare una maggiore autonomia dalle strutture del mondo cattolico. Da qui ebbe inizio un lungo processo che se per entrambi vi era il comune denominatore del contrasto al comunismo, a distinguerli erano le risposte più laiche e meno religiose da mettere in campo trattando gli aspetti della politica e del governo del Paese. Da qui, se vogliamo, partì la maturazione di un modo diverso d’impostare i problemi della comunità politica puntando ad una separazione dei ruoli secondo il dettato evangelico di dare a Cesare quel che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio. E tutte le volte, come accadde con il referendum sul divorzio, dove la Dc, guidata per l’occasione da Fanfani, si schierò con le gerarchie religiose ne uscì sconfitta o duramente colpita. (Riccardo Alfonso direttore del centro studi religiosi e filosofici della Fidest)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il difficile cammino dei cattolici italiani in politica e nel sociale

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 agosto 2017

Chiesa_di_S.Maria_della_PaceE’ stata, a ben vedere, sempre un aspetto controverso e solo a tratti stemperato dal rispetto per le gerarchie ecclesiastiche che sul territorio hanno cercato di comporre con discrezione le varie “liti” tra fratelli. Ora che le tensioni si sono attenuate sotto il profilo ideologico, emerge la consapevolezza che si sta sviluppando una nuova forma di laicismo che coinvolge anche i cattolici. In nome di questa aconfessionalità si maturano le convinzioni più trasgressive sotto l’aspetto dell’ortodossia religiosa. Pensiamo al divorzio, ma anche all’aborto, alle ingegnerie genetiche e riproduttive e alle varie disinvolture sessuali sia etero che omo. Certe battaglie di “costume”, tuttavia, vanno viste dalle gerarchie religiose in un modo meno rigido e se vogliamo più riflessivo. Non per questo, di certo, venendo meno ai principi, ma nel trovare almeno in qualche forma di trasgressione una via di compromesso onorevole per entrambe le parti. Pensiamo al divorzio. Quante coppie di cattolici hanno divorziato e sono considerate per la Chiesa in peccato mortale? Forse troppe per non cercare di fare qualcosa che le riporti nella comunità ecclesiale prendendo atto che talune scelte sono state fatte per sanare dolorose situazioni familiari che si trascinavano da tempo. Il dover distinguere tra la “moda” il “capriccio” e la “necessità” è un primo passo per non fare di tutta l’erba un fascio e di ricercare un modo di comprendere il senso proprio di quel grande sentimento che si chiama amore. Sentimento, intendiamoci bene, e non altro.(Riccardo Alfonso direttore del centro studi religiosi e filosofici della Fidest)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

4º “Meeting nazionale dei giornalisti cattolici e non”

Posted by fidest press agency su venerdì, 21 aprile 2017

viganòTaquinioGrottammare (Marche) dal 22 al 25 giugno. il 4º “Meeting nazionale dei giornalisti cattolici e non”, si terrà nella “Riviera delle Palme” dal 22 al 25 giugno”. “Le zone terremotate hanno bisogno dei tuoi preziosi talenti, perché la bellezza abbia visibilità e possa dare conforto ad ogni persona. Per questo intendiamo vivere con te in maniera speciale questo meeting.” Con queste parole, Padre Andrea Dall’Asta, presidente di Giuria, invita gli artisti di tutta Italia a partecipare alla mostra d’arte “Terremoto, connessi alla speranza” che verrà inaugurata in occasione del prossimo Meeting che si terrà nelle Marche. Il comitato scientifico del Meeting dei giornalisti – che nasce dalla collaborazione tra l’Ufficio Comunicazioni Sociali della Conferenza Episcopale Italiana, la FISC, l’UCSI, TV2000, Radio InBlu, Agenzia SIR, Avvenire, e Ordine Dei Giornalisti -, desidera infatti coinvolgere gli artisti a partecipare in maniera speciale al prossimo appuntamento di giugno chiedendo di donare una loro opera artistica affinché tutti possano trovare conforto e aiuto dalla bellezza dell’arte.“Pur nella piena e totale libertà che ogni artista deve esercitare nel suo operato – spiegano gli organizzatori -, è chiesto di realizzare opere nello spirito della biblia pauperum: opere didascaliche che sappiano descrivere il tema scelto, evitando, per quanto possibile, intellettualismi esasperati, registri polemici, provocatori o scandalistici, considerato che le opere verranno esposte anche in luoghi sacri. Ogni artista maggiorenne potrà presentare una sola opera”.
RuffiniCorradoLe opere dovranno avere le dimensioni di 50 x 70 cm, realizzate su tela o carta/cartone o altro supporto piano a scelta (compensato etc.). La tecnica è libera, disegno come pittura, escludendo le tecniche scultoree, bassorilievo e affini di qualunque materiale. Le opere dovranno essere fornite di cornice con attaccaglia, la larghezza massima, cornice compresa, non deve superare i 70 cm e dovranno essere consegnate entro il 15 giugno 2017 per permetterne la collocazione presso la struttura collegata con il “Meeting nazionale dei giornalisti cattolici e non”.La consegna andrà fatta presso la Curia Vescovile di San Benedetto del Tronto, Piazza Sacconi, 1
Per partecipare alla mostra non è richiesto il versamento di alcuna quota d’iscrizione.
“Le opere saranno esposte – afferma Simone Incicco, responsabile organizzativo del Meeting – prima nella “Riviera delle Palme” e poi seguiranno un percorso che le porterà nei luoghi del terremoto, in particolare ad Arquata del Tronto, Accumoli, Amatrice, Norcia, Camerino e nei vari comuni colpiti dall’ultimo sisma. Al termine dell’esposizione itinerante saranno vendute pubblicamente e il ricavato andrà a sostegno delle opere della Caritas Italiana nei luoghi del terremoto”.
Ad aprire i lavori della quarta edizione del Meeting dei giornalisti, giovedì 22 giugno, sarà Mons. Dario E. Viganò, Prefetto della Segreteria per la Comunicazione della Santa Sede. Alla prima giornata prenderanno parte come relatori anche il direttore di Avvenire, Marco Tarquinio, il direttore di Tv2000, Paolo Ruffini, il direttore dell’Agenzia SIR, Vincenzo Corrado. Il meeting inoltre riconoscerà 16 crediti formativi a tutti i giornalisti che parteciperanno ai lavoriIl programma completo sarà presentato nei prossimi giorni.Sito: http://www.giornalisticattolici.it (foto: viganò, Taquinio, Ruffini, Corrado)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Laudato Sì e Investimenti Cattolici Energia Pulita per la nostra Casa Comune

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 gennaio 2017

lateranense_ingressoRoma. Venerdì 27 gennaio a Roma dalle ore 9,00 sino alle 17,00 presso la Sala Pio XI della Pontificia Università Lateranense, in via di San Giovanni in Laterano 4, si terrà la Conferenza Laudato Si’ e Investimenti Cattolici: Energia Pulita per la nostra Casa Comune promossa da FOCSIV – Volontari nel Mondo, la Commissione Giustizia e Pace del USG – Unione dei Superiori Generali e del UISG – Unione Internazionale delle Superiori Generali, il GCCM – Movimento Cattolico Mondiale per il Clima, CAFOD – Catholic Agency Development Charity, Trócaire – Irish Charity Working for a Just World e CIDSE – Coopération Internationale pour le Développement et la Solidarité.
In seguito all’accorato appello alla conversione ecologica di Papa Francesco, proposto nell’Enclica Laudato Si’, l’incontro internazionale intende mettere in collegamento le diverse realtà del mondo cattolico affinché mettano in atto azioni specifiche per una transizione urgente verso la giustizia climatica, compreso il disinvestimento da combustibili fossili e gli investimenti in energie rinnovabili gestite dalle comunità locali. Punto di partenza la condivisione di un’ispirazione comune per il cambiamento e la condivisione delle buone pratiche verso la Casa comune e per le comunità più fragili e vulnerabili. In particolare si vuole indicare fondamenti etici e orientamenti concreti affinché gli ordini religiosi riconsiderino le loro strategie finanziarie, spingendo i fondi pensione e di investimento a togliere risorse alle imprese che non si impegnano nella transizione energetica per investirle in imprese responsabili a favore delle risorse rinnovabili per comunità povere e vulnerabili.Alla conferenza daranno il proprio contributo come relatori il Cardinale Peter Turkson, Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, e Christiana Figueres, ex Segretario Esecutivo della Convenzione ONU su cambiamenti climatici, grazie ai quali si esamineranno i legami tra il disinvestimento dai combustibili fossili e l’investimento in energie rinnovabili gestite da comunità locali ed organizzazioni cattoliche.A questi interventi faranno seguito alcuni responsabili o esponenti del mondo finanziario impegnati nella Responsabilità Sociale d’Impresa ed altri rappresentanti di istituzioni cattoliche, impegnati concretamente sulle questioni relative al clima grazie a precise scelte di disinvestimento e reinvestimento responsabile.A causa del numero limitato di posti è necessario registrarsi appena possibile sul sito http://www.investirenellalaudatosi.com dove è anche possibile avere ulteriori informazioni sulla conferenza.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Assemblea generale dell’Associazione italiana dei notai cattolici

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 ottobre 2016

Roberto Dante CogliandroRoma 14 ottobre alle ore 12:30 Largo S. Lucia Filippini n. 20 presso la sala Conferenze dell’Hotel S. Lucia Filippini si terrà l’Assemblea generale dell’Associazione italiana dei notai cattolici. L’Ainc oggi intende rappresentare al meglio il proprio ruolo sociale di civil servant, di professionisti al servizio della società per garantire, attraverso la professionalità e l’etica del lavoro, maggiore equilibrio sociale. Una visione non meramente assistenziale ma anzi di assunzione di responsabilità di chi è oggi classe dirigente.
La missione dell’associazione viene realizzata attraverso operazioni di vero e proprio welfare alternativo come il servizio in parrocchia o nelle carceri che offre supporto agli ultimi, ai più deboli in operazioni di grande valore umano: basti pensare agli immigrati che hanno bisogno del riconoscimento dei figli o all’anziano che ha bisogno di poter disporre di una piccola eredità; dall’altro lato una costante operazione di diffusione della conoscenza e di rappresentazione della necessità di un nuovo ruolo dei professionisti. Una vera e propria operazione costante di diffusione di una cultura della responsabilità. (foto: Roberto Dante Cogliandro)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cattolici e Induisti si incontrano

Posted by fidest press agency su venerdì, 7 ottobre 2016

Milano Sabato 15 ottobre 2016 dalle ore 10 alle 13 Università Cattolica di Milano Cripta dell’Aula Magna Largo Gemelli 1. Introduce Mons. Luca Bressan, Vicario episcopale per la Cultura, la Carità, la Missione e l’Azione sociale. Saluto di apertura di Svamini Hamsananda, Vice Presidente dell’Unione Induista Italiana, Ministro di culto del Monastero Gitananda Ashram di Altare (SV)Intervengono:
· Prof. K. S. Balasubramanian, Docente di letteratura sanscrita e filosofia indiana, Vice Direttore del Kuppuswami Sastri Research Institute di Chennai
· Prof. T. V. Vasudeva, Docente di sanscrito, Vice Direttore del Kuppuswami Sastri Research Institute di Chennai
· Don Alberto Cozzi, Vice Preside della Facoltà teologica dell’Italia settentrionale
Conclude Mons. Luca Bressan

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Giornata di preghiera condivisa tra cattolici e mussulmani

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 agosto 2016

vaticano“Sembra aver messo sotto gli occhi di tutti una verità fondamentale: è possibile pregare insieme ed è altrettanto possibile condividere i valori più alti, come la pace, il dialogo e la solidarietà. Si può convivere con le proprie specificità culturali, senza interferire con gli stili di vita degli altri, purchè però all’interno di ogni gruppo, di ogni etnia e religione ci sia una larga intesa su quali siano le condizioni necessarie per garantire il rispetto reciproco e assicurare a tutti qualità di vita e dignità personale. Oggi questa grande illusione è sembrata possibile: il terrorismo è apparso a tutti come la più grande debolezza dell’uomo, che ricorre alla violenza quando non ha argomenti per esprimere e difendere le proprie idee”. Lo dichiara l’on. di Area popolare Paola Binetti ”Il No al terrorismo è stato corale e ha attraversato tutta l’Europa, dalla Francia alla Polonia, dal Nord al Sud. Dal Papa al parroco delle chiese più piccole del Paese; dai personaggi pubblici che ricoprono cariche istituzionali di altissimo profilo ai giovani della GMG; dagli imam delle grandi moschee ai giovani mussulmani mescolati con la folla di coetanei che vivono in piccole e grandi città. E’ stata una gioia per gli occhi e un’occasione di ringraziamento per il servizio pubblico delle tante TV, compresa TV 2000, che hanno fatto sentire ininterrottamente una voce

la Moschea di Forte Antenne, Roma

la Moschea di Forte Antenne, Roma

di pace e di speranza almeno in questi giorni. La condanna del terrorismo – spiega Binetti – è stata netta e nessuna simpatia ha accompagnato i diversi servizi, nessuna compiacenza verso gesti di assoluta crudeltà umana. Nessun terrorista, reale o virtuale, può aver pensato che tra le tante persona in giro qualcuno avrebbe potuto schierarsi dalla sua parte e dargli il benché minimo aiuto. Tagliare l’erba sotto i piedi dei sedicenti rivoluzionari, staccare i collegamenti su cui fanno conto, a cominciare da quelli economico-finanziari, sottrarre loro la simpatia della gente, smontare il loro complesso di eroi da fumetto, di personaggi da film. Ricondurli ad uno schema di pura violenza che può essere solo stigmatizzato, condannato e severamente punito. Oggi – conclude Binetti – i servizi televisivi, la stampa, sono stati tutti sincronizzati su questa linea e sarà la nostra unità tra cattolici, tra cattolici e mussulmani, tra mussulmani stessi che ci permetterà di vincere la guerra a pezzetti di cui parla Papa Francesco. Domani sarà un altro giorno ma chissà che non abbiamo imparato tutti qualcosa di più e si possa continuare a sperare”.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Cattolici e musulmani insieme per la cena del Ramadan

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 giugno 2016

incontro ramadamPalermo. La Comunità Islamica di Palermo invita alla cena del Ramadan che si svolgerà giovedì 23 giugno 2016, alle ore 19.30, presso la Moschea di piazza Gran cancelliere. Il ramadan avrà inizio lunedì 6 giugno e si concluderà martedì 5 luglio. Sono stati invitati, l’Arcivescovo di Palermo, le Comunità Cristiane: Cattoliche, Evangeliche, Ortodosse, Anglicana, la Comunità Ebraica, le diverse Confessioni Religiose, il Sindaco di Palermo, i Consoli della Tunisia e del Marocco, il Presidente della Consulta delle Culture e le Autorità Civili e Militari. “Nel condiviso e vivo desiderio di proseguire il cammino intrapreso del dialogo islamico -cristiano – ebraico – dichiara l’Imam Boulaalam Abderrahmane Mustafà e gli Imam delle diverse Comunità Islamiche di Palermo – per sostenere i valori della pace e dell’amicizia tra gli uomini e con la ferma volontà di condannare e rifiutare ogni progetto ed azione di violenza, di terrorismo e di guerra, durante il Mese del Ramadan di digiuno e preghiera, da questa terra di Palermo “si alzi forte il grido di pace e di armonia tra i popoli”.
E mons. Corrado Lorefice ha fatto pervenire all’Imam di Palermo un messaggio con il quale accetta l’invito e nel contempo, in occasione del prossimo Festino, giovedì 14 luglio, alle ore 11.30, aprirà le porte di casa sua a tutti, cristiani, ebrei, imam islamici e altre confessioni religiose, per un incontro di gioia fraterna.
“Care sorelle e fratelli musulmani, sono lieto di porgervi sia a nome mio personale, sia dell’Arcidiocesi di Palermo i migliori auguri di un sereno e proficuo inizio del mese dei Ramadan. E’ tempo nel quale con fede, impegno e dedizione vi consacrate all’osservanza di molte pratiche religiose quali la preghiera l’elemosina, l’aiuto ai poveri, le visite a parenti ed amici il dominio delle passioni”.
Proprio per rinsaldare l’amicizia, mons. Lorefice sarà presente nella moschea di Piazza Gran Cancelliere per incontrare la comunità islamica e a condividere la cena del Ramadan con tutti gli Imam d Palermo, con gli Ebrei, con i Pastori cristiani con i presbiteri e i diaconi cattolici e con i rappresentanti di altre religioni.
“Sarebbe un segno prezioso – aggiunge l’Arcivescovo di Palermo – che fossero tutti i palermitani a dedicare questo stesso giorno ad un impegno di digiuno e preghiera per la pace, l’armonia e a fraternita tra tutti gli uomini. Ispirati dai nostri valori condivisi e rafforzati dai nostri sentimenti di genuina fraterna amicizia e solidarietà, siamo perciò chiamati a lavorare insieme nelle nostra comune casa che è la città di Palermo, perché essa si arricchita dall’impegno di tutti noi a favore della giustizia, del rispetto dei diritti e della dignità di ogni persona. Ci sentiamo particolarmente responsabili dei più bisognosi: i poveri, i malati, gli organi, i carcerati, i migranti, le vittime della tratta umana e tutti coloro che soffrono situazioni di disagio personale e familiare. Impegnati a costruire la città degli uomini e delle donne, “dal basso”, dai “vinti” della storia, dai più fragili, dai piccoli, da chi non ha voce. Abbiamo il compito di salvaguardare insieme l’ambiente ed il decoro della città nella quale viviamo; è una responsabilità comune, come ha scritto Papa Francesco nell’enciclica “Laudato si”
Si avvicina il Festino, la festa che, nel nome di una santa donna, Rosalia, che nella sua vita ha invocato la protezione di Dio sulla nostra città, richiama e raccoglie tutti gli abitanti di Palermo in una concorde ed unanime esperienza di gioia nel ritrovarsi uniti per lottare contro ogni forma di male, odio, di violenza e di mafia. Nel nome di questa libertà, di mente e di cuore, desidero aprire le porte della mia casa a tutti i responsabili delle varie Religioni, Imam Rabbini, Pastori, Presbiteri, Guide spirituali, per testimoniare la bellezza dello stare insieme in pace e in cordiale fraternità, ed anche alle autorità consolari, civili e militari per esprimere la volontà armonica nella partecipazione alla costruzione della città “nuova” per l’impegno di tutti alla stima e al rispetto dell’identità etnica e religiosa di ogni uomo”. (foto: incontro ramadan)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sinodo e Papa Francesco

Posted by fidest press agency su domenica, 18 ottobre 2015

papa francescoI notai cattolici: Vicini ai più deboli e centralità della famiglia. L’impegno dei professionisti in vista del prossimo Giubileo.”Il Sinodo sulla famiglia, la recentissima legge sulle adozioni e quella in itinere sulla famiglia di fatto sono temi per noi centrali. I notai intendono infatti rappresentare sempre più un ruolo sociale in una realtà difficile e complessa come quella attuale. E il prossimo Giubileo sarà ulteriormente occasione di un impegno sociale dei professionisti”. Lo ha dichiarato il presidente Roberto Dante Cogliandro dell’Associazione italiana dei notai cattolici (Ainc) in Assemblea a Roma.”Le nuove riflessioni, sulla spinta anche della politica che intende approvare al più presto un ddl che tuteli le unioni civili, sono molto importanti. Tuttavia non bisogna imprimere accelerazioni con il risultato di perdere l’occasione di fare una buona legge. Riconoscere e definire nei contenuti il carattere di tale nuovo istituto giuridico in modo distinto rispetto al matrimonio. E’ importante il messaggio di papa Francesco: lo spirito familiare è carta costituzionale per la Chiesa. Noi dobbiamo partire dalle esigenze delle persone e rivolgerci a loro nel rispetto della dignit à di tutti”, ha osservato il presidente Ainc Cogliandro.Seguendo queste indicazioni nel corso delle riflessioni dedicate alle radici della fede da Pietro a Paolo, è stato sottolineato il ruolo dei notai che può essere fondamentale per garantire più tutele e soprattutto i diritti dei più deboli.
In tale ottica prosegue il lavoro di allargamento dei progetti sociali dei ‘Notai in carcere’ e dei ‘Notai in parrocchia’ per essere al fianco di chi ha difficoltà nel quotidiano.L’assemblea dell’Associazione dei notai cattolici è stata preceduta da una prima riflessione su “Pietro e Paolo: apostoli e martiri” di Luigi Mezzadri, Professore emerito di Storia della Chiesa presso la Pontificia Università Gregoriana e da una seconda dal titolo “Pietro e Paolo: profili spirituali” di Antonio Pitta, Ordinario di Nuovo Testamento presso la Pontificia Università Lateranense, introdotti da Don Orazio Pepe, consulente ecclesiastico per l’Ainc.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Valutazione psichiatrica preti cattolici accusati di abusi minori

Posted by fidest press agency su sabato, 25 febbraio 2012

Milano 27 febbraio 2012 dalle 14.00 alle 16.00 di lunedì 27 febbraio 2012 Edificio U6 – Saletta lauree Facoltà di psicologia, 3°piano Piazza dell’Ateneo Nuovo, 1 convegno studio su “La valutazione psichiatrica dei preti cattolici accusati di abusi di minori” tenuto da Friedemann Pfäfflin Ordinario di psicoterapia forense presso Universität Ulm Germania Past-president della International Association for the Treatment of Sex Offenders Consulente della Conferenza episcopale tedesca Membro del comitato del DSM V Coordina l’incontro il dott. Marco Casonato, docente di psicologia dinamica(Dott.ssa Chiara Baldioli)

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Quotidiani cattolici:critiche di Celentano

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 febbraio 2012

«La critica ad Avvenire e Famiglia cristiana, mossa da Adriano Celentano nel corso della serata di apertura del Festival di San Remo, dimostra quanto questo artista ignori la dottrina cattolica. La Chiesa si rivolge all’uomo nella sua integrità personale, spirituale, psichica e fisica. È dunque legittimo che essa si occupi sia di Dio e dei “novissimi”, sia della storia dell’uomo. Così come è legittimo che la stampa cattolica si occupi, oltre che della vita della Chiesa e delle diocesi, anche delle “cose dell’uomo”, politica ed economia». Con queste parole Julio Loredo, portavoce di Luci sull’Est, esprime la solidarietà dell’Associazione e dei suoi 150 mila sostenitori alla stampa cattolica aggredita dall’artista. «Da un sedicente cattolico come Celentano – prosegue il portavoce Loredo – piuttosto che un attacco, ci si aspetterebbe una parola di sostegno per i moltissimi settimanali cattolici diocesani, che quotidianamente combattono per diffondere nel territorio la voce di Dio e della Chiesa, e la cui esistenza è invece messa a rischio dagli annunciati tagli ai contributi per l’editoria. Celentano dovrebbe fare tesoro dell’insegnamento di Papa Giovanni Paolo II che ripeteva spesso “La fede che non si trasforma in cultura non è vera fede”. È triste – conclude Loredo – vedere come il Festival di San Remo, il cui obiettivo sarebbe di mostrare il meglio dell’arte canora italiana, debba invece ricorrere all’ingaggio di predicatori di bassa lega e di dubbia cultura per fare “audience”».

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dottrina sociale della Chiesa

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 novembre 2011

The Loggia delle Benedizioni, on the back left...

Image via Wikipedia

Roma 17 e 18 novembre prossimi, alla Lateranense, Piazza San Giovanni in Laterano, 4 il colloquio annuale di Dottrina sociale della Chiesa. Il ruolo delle istituzioni alla luce dei principi di sussidiarietà, di poliarchia e di solidarietà. È il titolo del colloquio annuale di Dottrina sociale della Chiesa che si svolgerà presso la Pontificia Università Lateranense. Organizzato dall’Area internazionale di ricerca “Caritas in Veritate” dell’Ateneo del Laterano in collaborazione con le Settimane sociali dei cattolici italiani, l’iniziativa sarà strutturata in due giornate, suddivise a loro volta in quattro sessioni. “Il ruolo delle istituzioni politiche globali” e “Il ruolo delle istituzioni economiche e finanziarie” saranno i titoli delle sessioni di giovedì 17 novembre mentre il giorno seguente si rifletterà su “Governance o governo? La Dottrina sociale della Chiesa di fronte alla sfide della globalizzazione” e su “La Civitas nell’insegnamento di Benedetto XVI successivo alla Caritas in Veritate”. «Il colloquio riflette – spiega il direttore dell’area di ricerca Flavio Felice – il senso specifico della Magistero sociale della Chiesa: quello di mettere la persona al centro delle istituzioni e orientare queste ultime al bene comune e ad una cultura della solidarietà. Proprio in questo momento di crisi nazionale e globale – aggiunge – le istituzioni diventano così una garanzia necessaria di libertà e giustizia».

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Il contributo dei cattolici all’Unità d’Italia”

Posted by fidest press agency su giovedì, 26 maggio 2011

Roma 26 maggio alle ore 17.30, presso la Sala Conferenze di Palazzo Marini, in via del Pozzetto 158 convegno, organizzato dalla Fondazione Italia Protagonista e dall’Associazione Cuore Azzurro. Introdurrà il senatore Maurizio Gasparri, presidente della Fondazione Italia Protagonista. Interverranno la prof.ssa Lucetta Scaraffa, curatrice del volume “I cattolici che hanno fatto l’Italia” e il senatore Stefano De Lillo. Concluderà monsignor Rino Fisichella, presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Venerdì sacro per gli islamici e santo per i cattolici”

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 aprile 2011

Roma 22 Aprile 2011, ore 14.00  Piazza Venezia, Conferenza Stampa. Un giorno simbolico nel quale la comunità islamica, quasi un milione e mezzo di presenze in Italia, rivolgerà il proprio augurio pasquale, informando l’opinione pubblica e ricordando alle autorità l’ingiustificato ritardo italiano nel riconoscimento delle attività di culto, di quello che si pone numericamente come il secondo gruppo religioso nel Paese. Per la prima volta saranno le donne a gestire una conferenza stampa pubblica per provare che nell’islam gli esseri umani hanno uguale valore sociale e per chiedere il riconoscimento dei diritti religiosi.  L’esercizio del diritto alla libertà di culto, ampiamente legittimata nell’ordinamento giuridico italiano, sarà rivendicato e “praticato” per la prima volta proprio a P.za Venezia a Roma, prescelto quartier generale mussoliniano e scenario di lotta antifascista in questa iniziativa che vuol ricordare anche l’avvicendarsi della Festa della Liberazione dalla dittatura fascista.  Un 25 Aprile che sarà celebrato dalla comunità islamica, ricordando i caduti nella Resistenza italiana antifascista, quelli nelle recenti rivolte nel nord Africa e nel Vicino Oriente, ed esultando alla vittoriosa lotta di liberazione del popolo tunisino ed egiziano.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cattolici poco cristiani

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 gennaio 2011

Lettera al direttore. Sembrava in buona fede il cattolico Luigi Amicone l’altra sera a Linea Notte (Rai3), quando, per difendere il Cavaliere ha citato l’episodio dell’adultera nel Vangelo, alludendo alle parole di Gesù: “Quello di voi che è senza peccato scagli per primo una pietra contro di lei” (Gv 8,7). Così fanno spesso alcuni cattolici “poco cristiani”. Si prende il versetto che più fa comodo per sostenere le proprie ragioni, e ci dimentica magari del resto del Vangelo. Intanto al direttore cattolico si può far notare che l’adultera non ricopriva una carica pubblica importante come quella ricoperta da Silvio Berlusconi. E poi possiamo domandargli come mai non si è ricordato di citare qualche altro versetto del Vangelo. Ad esempio, riguardo al comportamento licenzioso del Cavaliere: “Guai al mondo per gli scandali!…Se la tua mano o il piede ti è di scandalo, taglialo e gettalo via da te… E se il tuo occhio ti è di scandalo, cavalo e gettalo via da te…”. Oppure teme che il Cavaliere si autoeviri? Ma, come cattolico, poteva anche citare altre parole di Gesù: “Quello che Dio ha congiunto l’uomo non separi”. Silvio ha divorziato due volte, e adesso ha una fidanzata… E poteva anche citare: “Se il tuo fratello pecca, va’, riprendilo fra te e lui solo…Se non ascolterà…deferiscilo alla Chiesa…” (cf Mt  18). Devo continuare? (Miriam Della Croce)

Posted in Lettere al direttore/Letters to the publisher | Contrassegnato da tag: , , , | 2 Comments »

Cattolici in politica

Posted by fidest press agency su venerdì, 14 gennaio 2011

“I cattolici corrono due rischi: quello dell’irrilevanza e quello, ancor più grave, dell’insignificanza.  Nel primo caso, molti cattolici italiani non hanno ancora fatto definitivamente i conti con due trasformazioni radicali e non facilmente reversibili del sistema politico: il bipolarismo e la personalizzazione dell’azione politica”: così dichiara l’On. Luigi Bobba, Parlamentare del PD e Vice Presidente Commissione Lavoro, in un’ampia intervista pubblicata sul sito di Rai News 24.  “Bisogna agire all’interno del sistema bipolare, a meno che si abbiano la forza e i numeri per creare una polarità alternativa capace di scompigliare radicalmente questo bipolarismo. Se così non e’, almeno nel breve periodo, ne consegue che bisogna lavorare per mettere all’angolo le forze più radicali del sistema  in modo da  avere un bipolarismo meno condizionato dalle estreme e dove la competizione si sposti sul centro del sistema politico. Tale auspicabile condizione vedrebbe presumibilmente i cattolici più capaci di incidere sulle scelte , di incidere nei rispettivi schieramenti e di  promuovere una nuova classe politica”.  Sui cosiddetti temi ‘eticamente sensibili’ e le posizioni del PD, l’On. Luigi Bobba ritiene che “non ci si è accorti che il diffondersi di un individualismo radicale e una assolutizzazione della cultura dei diritti portano alla scomparsa di qualsiasi legame sociale e alla estinzione di una cultura solidarista,  che dovrebbe invece connotare una forza come il PD. L’aggrapparsi, da parte di alcune componenti interne al PD, a temi tipici del mondo dei Radicali facendoli assurgere a  nuova bandiera della modernità, rischia di portarci ad un soluzione esiziale”.  E a proposito della discussione sul provvedimento sul ‘fine vita’, per Luigi Bobba si tratterà di capire “se i cattolici del PD, che hanno detto un chiaro no all’eutanasia ma anche all’accanimento terapeutico, sapranno trovare il modo per migliorare questa legge che risente di un impianto eccessivamente rigido nel normare situazioni difficilmente regolabili per via legislativa. Vale dire che, nell’assoluta chiarezza dei principi, ci può essere  spazio per una normativa più efficace e maggiormente centrata sull’alleanza medico, famiglia e paziente”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cattolici e politica

Posted by fidest press agency su sabato, 1 gennaio 2011

Editoriale. Molto è stato scritto in proposito. Se partiamo dall’unità d’Italia ad oggi ci rendiamo conto che è stato fatto di tutto per cercare di salvaguardare i valori cristiani al confronto, spesso duramente critico, con lo stato liberale unitario. Questa ricerca di compromesso passava dalle posizioni dei conservatori a quella dei progressisti e vice versa. Fu solo dopo l’enciclica Rerum Novarum di Leone XIII che i cattolici si resero consapevoli dell’importanza della politica quale naturale mediatore delle scelte sociali del Paese. Da qui emerse il convincimento che occorreva formare un’idea cristiana della società capace di confrontarsi con quella laica e per trovarvi una sintesi nell’azione politica nella giustizia e dignità della persona e confortati, nel percorso, da un’autentica dialettica democratica. Aldo Moro affermava in proposito che “lo scopo che il cristiano si propone non è di fare del mondo il regno di Dio, ma un luogo di vita pienamente umana, le cui strutture sociali abbiano come misura la giustizia e la dignità della persona”. Tutto questo oggi ci appare distante anni luce, soffocati da una politica che privilegia i tatticismi, soffoca la dignità della persona e si ancora dietro logiche consumistiche avulse sul piano etico, morale e sociale dalla dottrina della Chiesa. E’ una linea di pensiero che oggi si scontra proprio con il Risorgimento, inteso come movimento di idee, e nel cui crogiolo il pensiero politico cattolico ne fa parte integrante. Pensiamo a Mazzini e a Cavour ma anche a Rosmini e Gioberti. E in tempi più recenti Sturzo, De Gasperi e Moro. Questo declino del pensiero politico dei cattolici ha segnato il punto più basso proprio a ridosso della caduta del muro di Berlino e della stagione di Mani pulite. Un pensiero che è stato travolto dalla corruzione, dalla cultura del pressapochismo, dell’avventurismo, dalla perdita dei valori. E’ mancata una guida illuminata. Una continuità storica che sapesse riprendere il filo interrotto dai suoi grandi e ultimi maestri della cultura laica e cattolica: De Gasperi e Moro, così come lo furono su una sponda più laicista Pietro Nenni, Almirante, Berlinguer. Siamo entrati nel cono d’ombra dell’oscurantismo politico ma anche religioso che tende a sospingerci sempre più in basso per mancanza di un pensiero forte, per la nostra incapacità di rispondere alle nuove sfide con la forza di convincimenti che nel tempo si sono diluiti sino a mescolarsi con i frutti avvelenati della nostra contemporaneità. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Editoriali/Editorials | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »