Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘causa’

Il carcinoma polmonare è la prima causa di morte per tumore nell’Unione Europea

Posted by fidest press agency su martedì, 13 novembre 2018

I grandi passi avanti compiuti in termini di conoscenza dei meccanismi molecolari, di diagnostica e medicina personalizzata stanno progressivamente cambiando lo scenario del trattamento del carcinoma del polmone. Tuttavia, nonostante i clinici dispongano di terapie sempre più efficaci e di maggiori informazioni su come trattare le persone colpite da tumore polmonare, il principale obiettivo, quello di aumentare la sopravvivenza dei pazienti, fatica ad essere raggiunto: l’accesso alla diagnostica molecolare, alle terapie più innovative e all’assistenza è gravato infatti da forti disuguaglianze in tutti i Paesi europei, con una situazione più drammatica nell’Europa dell’Est.
In Italia, nonostante siano approvati e rimborsati i principali test diagnostici molecolari, ALK, EGFR, PD-L1 e ROS1, questi non sono effettivamente disponibili per tutti su tutto il territorio nazionale, con disomogeneità territoriali a livello regionale. Inoltre, il nostro Paese si è fatto spesso trovare indietro nell’adozione delle terapie innovative per il tumore al polmone, con tempi d’attesa medi di oltre 20 mesi tra l’approvazione EMA e la decisione di AIFA e un ritardo medio tra i 6 e i 12 mesi tra l’approvazione italiana e l’effettivo rimborso e uso sul territorio. Riunire le Associazioni dei pazienti e i clinici per un confronto sul problema delle disparità di accesso alle cure dei pazienti è una priorità alla quale risponde WALCE Onlus – Women Against Lung Cancer in Europe, che proprio per sensibilizzare i decisori politici a livello nazionale e locale, ha presentato oggi al Ministero della Salute i risultati del report LuCE 2018 – Lung Cancer Europe sulle disparità nell’accesso a diagnosi, terapie e assistenza. «La diagnosi tempestiva del tumore polmonare e l’accesso ai test molecolari per tipizzare la neoplasia sono due criticità importanti anche nel nostro Paese – dichiara Silvia Novello, Professore Ordinario di Oncologia Medica presso l’Università degli Studi di Torino, Responsabile SSD Oncologia Polmonare dell’AOU San Luigi Gonzaga di Orbassano e Presidente WALCE Onlus – vi sono oggettivamente alcuni ostacoli responsabili delle disuguaglianze a livello nazionale. Intanto, la frammentazione regionale nei processi di approvazione e regolamentazione dei nuovi farmaci, che non semplifica le procedure e porta inevitabilmente a una disparità sul territorio nazionale: in questo, auspichiamo che la Conferenza Stato-Regioni possa intervenire per implementare i processi regolatori e far sì che il sistema di rimborso dei farmaci diventi univoco da Nord a Sud del Paese. Servirebbe, poi, centralizzare il sistema delle analisi riguardo i test molecolari, garantendo sia la presenza delle figure deputate ad essi all’interno delle strutture oncologiche sia la copertura nazionale dei test diagnostici». Il carcinoma del polmone rappresenta la prima causa di morte per tumore nell’Unione Europea ed è causa di un decesso per tumore su 5 a livello mondiale. Nel 2015 sono state registrate in Italia oltre 33.800 morti per tumore del polmone; nel 2018 si attendono nel nostro Paese 41.500 nuove diagnosi di tumore del polmone, delle quali oltre il 30% nel sesso femminile: il 10% di tutte le diagnosi di tumore a livello nazionale. Il tasso di sopravvivenza a 5 anni dei pazienti con tumore polmonare in Italia è pari al 16%, in linea con gli altri Paesi europei; un dato molto basso, anche se condizionato negativamente dalla grande proporzione di pazienti diagnosticati in stadio avanzato.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Causa di beatificazione di Domenico Mangano, un uomo libero

Posted by fidest press agency su lunedì, 13 novembre 2017

domenico manganoIl vescovo di Albano mons. Marcello Semeraro accoglie la domanda d’inizio della Causa. Alla chiamata di Dio a donarsi, Domenico Mangano (1938-2001) ha risposto «con prontezza, fedeltà, continuità, ma soprattutto, sempre, con assoluta libertà di coscienza. Liberamente sceglie l’impegno sociale, e si raffina in quello politico; liberamente, dopo l’incontro con il Movimento dei Focolari, si mette quotidianamente a levigare la sua anima nel “santo viaggio” in unità con i fratelli. Questa esperienza conquista in radice quel cittadino attivo e pieno di risorse, quel laico impegnato e combattivo, quel politico focoso e pungente, quel cristiano autentico e ricco di fede, che è Domenico».
Sono parole dell’onorevole Tommaso Sorgi alla morte del «amico dolce, più che fratello, confidente discreto e saggio», che con Domenico per lunghi anni ha potuto «condividere il comune desiderio di coniugare terra e cielo, la passione ardente di tradurre nel difficile agone politico il provocatorio messaggio del vangelo. Con lui ho condiviso soprattutto la nascita del Movimento politico per l’unità, quello stile di vivere l’esperienza politica improntato all’edificazione della fraternità universale avviato sui banchi parlamentari da Igino Giordani, nostro comune modello».
Domenico Mangano nasce ad Anzi, in provincia di Potenza, il 22 febbraio 1938. Nel 1949 la famiglia si trasferisce a Viterbo. Concluse le scuole superiori, nel 1958 vince un concorso all’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale di Pavia e vi si trasferisce, frequentando come studente lavoratore la Facoltà di Economia e Commercio. Ritornato a Viterbo conosce Maria Pia e si sposano il 24 agosto 1966. Nascono tre figli: Paola (1968), Giuseppe (1970) e Maria Flora (1972). Per Domenico sono anni di grande impegno in famiglia, al lavoro, con gli universitari, nel sindacato, nell’Azione Cattolica, nello studio. Anni in cui inizia l’attività politica come amministratore pubblico a Viterbo.
Nel 1974 conosce il Movimento dei Focolari e i suoi ideali e vi aderisce assieme a Maria Pia. Si impegna nella branca dei Volontari di Dio, laici orientati a incarnare in tutti gli aspetti del sociale la luce che scaturisce dal carisma affidato dallo Spirito a Chiara Lubich. Vuole «stare al passo con Dio» indicato da lei e spesso le scrive. Di Domenico la Lubich arriverà a dire di scorgere in lui un mistico.
Muore a Viterbo il 22 dicembre 2001. L’anno precedente gli era stato diagnosticato un tumore inguaribile. Affronta la notizia con la consapevolezza di dovere «chiudere un primo lungo capitolo della vita, ponendolo nel cuore misericordioso di Gesù, per aprire un altro, tutto nuovo».
Con Editto del 9 marzo 2017 mons. Marcello Semeraro, vescovo di Albano, accoglie la domanda del postulatore Waldery Hilgeman di dare inizio alla Causa di Beatificazione e Canonizzazione di Domenico Mangano, invitando la comunità ecclesiale a manifestarsi sulla fama di santità e di segni del nuovo Servo di Dio.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cuore: terza causa di morte per le donne

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 ottobre 2015

cuoreE’ grande il cuore delle donne e forte, fortissimo, resiste a tanti urti ed è longevo ma quando qualcosa non va esiste una ‘zona d’ombra’ pericolosa ed è data da una informazione incompleta, ossia che le malattie cardiache siano appannaggio del sesso maschile, un ‘pregiudizio di genere’ che ha effetti drammatici. Lo spiega il Dottor Fabio Massimo Ferri, Responsabile del Reparto di Cardiologia della Casa di Cura Villa Valeria di Roma: “Gli studi e le statistiche sulle malattie cardiache nel passato sono state effettuate prevalentemente sui maschi e anche il cinema ci ha messo del suo creando un ‘paradigma Hollywoodiano’ di come si manifesta un infarto. Il copione cinematografico prevede invariabilmente l’insorgenza di dolore al braccio sinistro, senso di costrizione al torace, sudorazione algida e collasso ma le modalità di presentazione di un attacco di cuore possono essere molto diverse e soprattutto nelle donne sono atipiche rispetto a questo set di sintomi. Questo ha fatto si che le donne non siano consapevoli del rischio e che frequentemente sottovalutino alcuni sintomi, rimandando il ricorso alle cure mediche. A ciò si aggiunga, come evidenziato dai dati sullo Stato Sanitario del Paese 2009-2010 pubblicati dal Ministero della Salute, che negli ultimi anni si è andata delineando una progressiva omogeneizzazione negli stili di vita dei due sessi: da un lato, gli uomini sembrano avere adottato abitudini e comportamenti più salutari, per esempio riducendo il fumo di sigaretta e l’abuso di alcool e incrementando l’attività fisica; dall’altro lato, lo stile di vita delle donne non sembra progredire di pari passo negli ultimi anni, suggerendo la necessità di individuare possibili comportamenti a rischio su cui intervenire ”.
E i dati epidemiologici raccontano una realtà molto diversa: le malattie cardiache sono la terza causa di morte nelle donne giovani, con età tra i 35 e i 44 anni e la seconda tra quelle nella fascia 45-54. “Nel periodo della premenopausa e in presenza di specifici fattori di rischio è consigliabile uno screening di base che preveda analisi del sangue, elettrocardiogramma basale o da sforzo. Un pit stop cardiaco che faccia il punto dello stato di salute del cuore” raccomanda il dottor Ferri “le donne devono controllare la salute del cuore alla stregua di quella dell’apparato riproduttivo. Specialmente se hanno una familiarità per disturbi cardiaci, sono ipertese, obese o diabetiche, se hanno il colesterolo alto e se hanno sofferto di gestosi durante la gravidanza”.
15 mila donne muoiono di infarto prima dei 55 anni, il doppio rispetto agli uomini. Sul totale di quelli che arrivano all’ospedale, le donne muoiono in misura doppia, in parte perché cercano aiuto e si rivolgono al pronto soccorso più tardi (Dati Center of Control Disease americani). In Italia la situazione non appare molto differente: al primo posto della graduatoria per mortalità si collocano, per maggiore frequenza, le malattie ischemiche del cuore, responsabili da sole di 75.098 morti (poco più del 12% del totale). Seguono, in seconda e terza posizione, altre malattie del sistema circolatorio: rispettivamente quelle cerebrovascolari (61.255 morti, pari al 10% del totale) e le altre malattie del cuore (48.384 morti, pari all’8%). In questo ambito per spiegare la grande incidenza che le malattie cardiovascolari hanno nella donna, basta pensare che per ogni donna cui viene diagnosticato un tumore al seno, ci sono almeno 10 donne che rischiano di presentare gravi patologie cardiovascolari. Dati ISTAT pubblicati a Dicembre 2014 riportano tra le donne 37.304 decessi per malattie cerebrovascolari e 37.140 per malattie ischemiche del cuore.
“I sintomi dell’attacco cardiaco ‘in rosa’ sono spesso riconducibili ad un disturbo di altra natura”; chiarisce Ferri che “alcuni segni sono vaghi, aspecifici, molti riconducono a problemi gastrointestinali con nausea, vomito, talora diarrea, che si presentano insieme ad una sensazione di pressione sullo sterno, di fastidio alla gola, un senso di pressione al torace e freddo. Altri sintomi possono essere dolore al collo od alla schiena, alle spalle, allo stomaco.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

San Gallicano: l’infezione anale

Posted by fidest press agency su mercoledì, 1 ottobre 2014

san gallicanoLa prevalenza dell’infezione anale da HPV risulta particolarmente elevata (72,8%) negli MSM e non sembra variare significativamente con l’avanzare dell’età. Infatti, sia l’infezione da qualsiasi genotipo di HPV, sia quella determinata da genotipi ad alto rischio oncogeno, come HPV16 e HPV 18, si mantengono su frequenze molto elevate. Sono questi i risultati più importanti di uno studio condotto dal gruppo di clinici e ricercatori della Dermatologia Infettiva e Allergologica del San Gallicano su 408 MSM e appena pubblicato sulla rivista Future Microbiology. “Vista la crescente incidenza del cancro anale tra gli MSM occidentali, questi risultati sono importanti, sottolinea Maria Gabriella Donà, coautore dello studio, perché aumentano le conoscenze su come l’infezione da HPV, chiamata in causa nell’insorgenza di questo tumore, circoli e si distribuisca in questa popolazione”. “Ad oggi, infatti, i dati sulla prevalenza età-specifica dell’HPV tra gli MSM sono da ritenersi scarsi e contrastanti, diversamente da quelli da tempo raccolti tra le popolazioni femminili a rischio di cancro della cervice uterina”.“Conoscere come si muove il rischio HPV lungo le diverse età, ci informa anche su come guidare gli interventi di prevenzione nelle popolazioni a rischio, afferma Massimo Giuliani, coordinatore dello studio, soprattutto quelli incentrati su programmi di prevenzione primaria”. “Il nostro studio, sostenuto da robusti dati comportamentali, ha permesso di dimostrare come la prevalenza dell’infezione non vari con l’età anche dopo controllo per le caratteristiche del comportamento sessuale degli individui arruolati, a riprova di un reale rischio di infezione da HPV tra gli MSM nel corso di tutta la vita sessuale, determinato da un elevato numero di partner sessuali anche in età avanzata e da una generale tendenza ad avere partner di tutte le età”.Studi come questo aprono nuove prospettive sulla possibilità di estendere anche alle popolazioni maschili, quelle strategie preventive contro l’infezione da HPV fino ad oggi riservate soprattutto alla popolazione femminile, sottolinea il Dr. Antonio Cristaudo, Direttore della Dermatologia Infettiva e Allergologica del San Gallicano e mostrano come il rischio di patologie HPV-correlate nel maschio sia realistico anche durante le età più avanzate.“La pubblicazione di questo lavoro sulla prestigiosa rivista Future Microbiology – spiega Aldo Di Carlo Direttore Scientifico dell’Istituto Dermatologico San Gallicano – dimostra l’ impegno del Centro MST del San Gallicano sul tema della prevenzione e dello screening delle malattie sessualmente trasmesse in soggetti a rischio. Si tratta di uno studio epidemiologico riguardante la presenza del l’HPV anale nei maschi che fanno sesso con i maschi (MSM). Sarà necessario ovviamente incrementare la casistica, tenendo anche presente, come sottolineano gli Autori, che probabilmente la maggior parte di queste infezioni ha carattere transitorio.”“Occorre peraltro sottolineare che Il nostro Ambulatorio, – prosegue Di Carlo – in accordo con le linee guida internazionali come la CDC, effettua regolarmente in questo gruppo di soggetti test importanti di controllo, quali la sierologia HIV, la sierologia sifilide, l’invito a vaccinarsi in caso di test negativo contro l’epatite A e B, mentre per quanto riguarda l’ incidenza di cancro anale in particolare nei soggetti MSM HIV positivi, gli stessi Autori in collaborazione con la UOC di Anatomia patologica e Citologia IRE hanno già pubblicato dati interessanti e innovativi riguardo l’ìmpiego della citologia anale.”

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Fumo passivo causa cancro

Posted by fidest press agency su martedì, 9 settembre 2014

sigaretteIl 25% della popolazione italiana è esposto ai pericoli del fumo passivo e 8 cittadini su 10 non sanno che provoca il cancro del polmone. Il 71% fuma regolarmente in luoghi chiusi, mentre per il 43% smettere con le sigarette non riduce il rischio di sviluppare la malattia. Il livello di conoscenza sui fattori di rischio è scarso, infatti quasi la metà delle persone (48%) pensa che questo tipo di tumore non si possa prevenire. Una diffusa ignoranza che preoccupa, visto che il 49% dichiara di fumare in presenza di bambini e solo il 45% cambierebbe il suo stile di vita per prevenire la neoplasia. Sono alcuni dei dati emersi dal sondaggio nazionale condotto dall’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) e concluso nel luglio scorso su oltre 3.000 cittadini. L’indagine, presentata oggi a Milano in un incontro con i giornalisti, fa parte della campagna nazionale di sensibilizzazione sulla patologia, promossa dall’AIOM, con il patrocinio della Fondazione “Insieme contro il Cancro” e dell’associazione dei pazienti “WALCE” (Women Against Lung Cancer in Europe). “Con circa 38.000 nuove diagnosi ogni anno nel nostro Paese, il tumore del polmone è la terza neoplasia più frequente, dopo quelle al colon retto e al seno – spiega il prof. Carmine Pinto, presidente eletto AIOM e Direttore Oncologia Medica dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma -. Ma, a differenza di altre, si caratterizza per un forte stigma sociale. Infatti il 59% degli intervistati ritiene che chi è colpito dalla malattia, soprattutto se si tratta di un fumatore, sia ‘colpevole’ della sua condizione. Ricordiamo che respirare sigarette, proprie e altrui, determina il 90% del totale dei decessi per tumore del polmone. E il fumo passivo è un importante fattore di rischio, che aumenta fino al 30% le probabilità di sviluppare la malattia. Ma, come risulta dal sondaggio, troppi ignorano le regole fondamentali della prevenzione. Per questo abbiamo deciso di promuovere un progetto nazionale rivolto a cittadini, oncologi e Istituzioni”. L’AIOM ha realizzato anche un’indagine fra i propri soci ed è prevista la diffusione in tutti i centri di oncologia della penisola di due opuscoli informativi: uno sui danni del fumo passivo (e attivo), da distribuire anche negli ambulatori dei medici di medicina generale, l’altro su come affrontare al meglio questa neoplasia, destinato ai pazienti e ai familiari. Il bisogno di informazione è molto alto: l’89% degli intervistati vorrebbe infatti ricevere maggiori notizie sulla malattia e per il 72% servono più campagne di prevenzione. “A ottobre – continua il prof. Pinto – partirà un vero e proprio Tour di sensibilizzazione sui danni anche del fumo passivo in otto Regioni, rivolto ai cittadini e alle Istituzioni. Interverranno oncologi, rappresentanti degli Assessorati regionali alla Sanità e delle associazioni dei pazienti. Un momento di confronto e di crescita, oltre che di creazione di un percorso educazionale e informativo”. Il fumo passivo rappresenta il principale fattore inquinante degli ambienti chiusi e provoca nel mondo oltre 600.000 morti l’anno. “Le sigarette – sottolinea il prof. Francesco Cognetti, presidente di ‘Insieme contro il Cancro’ – possono trasformare il salotto di casa o l’abitacolo dell’automobile in vere e proprie camere a gas. Sarebbe opportuno estendere i divieti antifumo a tutti gli ambienti chiusi o troppo affollati come automobili, spiagge, stadi e parchi. Solo così è possibile difendere la salute di tutti i cittadini, specialmente delle persone più a rischio, come le donne in gravidanza e i bambini. Un proposta simile è già stata avanzata dal Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, nell’estate 2013. Il progetto però non è stato accolto. Rinnoviamo il nostro appello alle Istituzioni affinché siano introdotte norme più stringenti, peraltro già adottate con successo in altri Paesi”. Una parte importante della campagna, realizzata con il supporto di Boehringer Ingelheim, è il sondaggio fra oltre 850 specialisti. “Abbiamo condotto questa indagine interna per capire come viene affrontata e trattata la patologia – continua il prof. Pinto -. Il 78% degli oncologi ritiene che questi pazienti siano colpevolizzati, soprattutto se si tratta di fumatori. Inoltre l’86% afferma che lo stigma può influire negativamente sullo stato di salute complessivo. La probabilità di sviluppare una neoplasia polmonare è infatti 14 volte più alta tra i fumatori rispetto ai non tabagisti. Però è fondamentale che il malato avverta la comprensione del personale medico e l’affetto dei familiari. Ben il 95% degli oncologi dichiara infatti di rivolgere domande sul possibile stato di disagio interiore”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Corruzione crisi: causa ed effetto

Posted by fidest press agency su sabato, 19 Mag 2012

Quello che sta succedendo in questi giorni alla Camera sul ddl anti-corruzione e la crisi economica non sono capitoli separati. La corruzione, certo non l’art. 18, è una delle principali cause del declino economico dell’Italia: senza una legge drastica per combatterla e senza il ripristino del falso in bilancio, le imprese e la politica non torneranno credibili e non ci potrà essere nessuna ripresa.L’ostruzionismo del Pdl è becero e inaccettabile ed è anche un vero e proprio sabotaggio contro la nostra economia in un momento difficilissimo. E’ l’ennesima prova di quanto danno facciano il governo tecnico e l’ammucchiata di una finta maggioranza che non può imboccare con decisione nessuna strada, né contro la corruzione né sul piano della crisi economica. L’IdV è riuscita a far passare già al Senato la ratifica della Convenzione di Strasburgo, che agevolerebbe l’inserimento nel nostro ordinamento delle norme anti-corruzione, ma ancora non è legge perché questo Parlamento è allergico alla legalità. C’è un sistema di potere che indica la strada da seguire, bloccando qualunque iniziativa per farci uscire fuori da questo pantano.L’Italia dei Valori ritiene che le entrate di cui il Paese ha urgente bisogno per fronteggiare la crisi debbano essere reperite facendo pagare il conto agli evasori fiscali e, con la Tobin Tax, a quella minoranza che possiede oggi le risorse di cui il Paese ha bisogno.La sola via d’uscita sta nello smettere di perseguitare gli onesti e i poveracci e di premiare sempre i corrotti, i privilegiati e i banchieri. Bisogna mettere insieme libertà e solidarietà, meritocrazia, trasparenza e sostegno alle fasce deboli. Questo può farlo solo un governo politico, eletto dai cittadini e non nominato dall’alto. Per noi dell’IdV la coalizione che può vincere le elezioni, dar vita a questo governo e ridare speranza al Paese è in tutta evidenza quella prefigurata dalla foto di Vasto. Quel modello ha vinto in Francia e ha ottenuto risultati eccezionali nella stessa Germania. E’ il futuro non solo dell’Italia ma dell’intera Europa. Cosa stiamo aspettando a proporlo apertamente ai cittadini? Noi siamo pronti a governare l’Italia, con un programma che metta al primo posto il lavoro, l’equità sociale, la legalità e la lotta all’evasione e alla corruzione.(Di Pietro)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Causa beatificazione cardinale vietnamita

Posted by fidest press agency su domenica, 3 ottobre 2010

Roma 22 ottobre alle ore 12, presso la Sala della Conciliazione nel Palazzo Lateranense di Roma inizierà con un canto di apertura, al quale seguirà  la lettura del verbale, l’avvio della causa di beatificazione, con la Solenne Sessione di apertura dell’Inchiesta Diocesana sulla vita, sulle virtù e sulla fama di santità del Servo di Dio il Cardinale vietnamita François-Xavier Nguyên Van Thuân, che fu Vice-Presidente del Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace dal 1994 e poi Presidente, dal 24 giugno 1998 al 16 settembre 2002. . Interverranno poi il Cardinale Vicario di Roma, Agostino Vallini, che presiede la sessione e il Cardinale Peter K.A. Turkson, Presidente del Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace.   Dopo la cerimonia di apertura dell’Inchiesta, verrà offerto agli invitati un ricevimento che si terrà nella Sala Rossa del Palazzo Lateranense.
In occasione di tale evento, il Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace, la «Fondazione San Matteo in memoria del Cardinale Van Thuan», la Cardinal François-Xavier Nguyên Van Thuân Foundation – U.S.A., hanno promosso una serie di eventi, volti a ricordare la figura del compianto cardinale e a sottolinearne la fama di santità.
Alle ore 8.30, del 22 ottobre, nella Chiesa di Santa Maria della Scala in Roma, (piazza Santa Maria della Scala, 23 in Trastevere), il Cardinale Turkson presiederà una celebrazione eucaristica, in suffragio del Servo di Dio, che è stato titolare della Chiesa, alla quale parteciperanno il Dicastero, cardinali, vescovi, familiari, figli spirituali, amici, e quanti ebbero modo di conoscerlo lungo il suo cammino terreno.
Alle 10.30, presso la Pontificia Università Lateranense, si terrà la Cerimonia di consegna dei Premi Van Thuân, giunti alla terza edizione. Quest’anno la statuetta di san Matteo, simbolo del Premio intitolato al Cardinale Van Thuân, sarà assegnata al dott. Juan Somavia, Direttore Generale dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro. La Fondazione ha assegnato anche il “Premio Van Thuân-Solidarietà e Sviluppo”,  contributo in denaro che si rivolge a Istituzioni, Enti, Associazioni che svolgono progetti umanitari che operano in Paesi in via di sviluppo per la difesa dei diritti umani, attraverso la promozione e la diffusione dei principi evangelici, seguendo le linee guida della dottrina sociale della Chiesa. Quest’anno sarà assegnato a S.E.R. Mons. Giuseppe Molinari, Arcivescovo di L’Aquila; al Rev. Marcelo Rossi, giovane sacerdote brasiliano; alla Fondazione St. Camille operante in Burundi; alle Comunità di Haiti delle Figlie della Carità di San Vincenzo de Paoli.
A conclusione della giornata è stata programmato un concerto-testimonianza dedicato al Cardinale Van Thuân, che prevede la rappresentazione di un lavoro artistico a lui ispirato, dal titolo: “Testimone di speranza”. (Al pianoforte il P. Carlo Josè Seno, testimonianza di don Natale Monza e voce recitante di don Paolo Zago). L’evento si terrà presso la Basilica di Sant’Antonio in via Merulana a Roma, alle ore 19.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il Bollettino on line d’Italia

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 settembre 2010

Supplemento della Fidest. Con questa iniziativa intendiamo interfacciarci sempre di più con i nostri lettori ma anche per stimolare quanti lo desiderano di aprirsi a un dialogo costruttivo perché nulla si costruisce e si consolida se l’iniziativa non è capace di coinvolgerci in ugual misura nei processi evolutivi della nostra società e di raccoglierne i fermenti vitali. Ma scrivere non basta. Dobbiamo dimostrare con i fatti che noi siamo i costruttori di un modello di comunità capace di modificare partecipando, di modificare collaborando, di modificare offrendo il proprio tempo libero per sostenere una causa che deve di continuo misurarsi con la realtà ed interagire con essa. Perché i cambiamenti non sono solo con gli scritti e con le parole ma si misurano con ciò che sappiamo fare tra la gente e per la gente. Dobbiamo essere un cantiere aperto dove ognuno sia in grado di portare il suo mattone per la grande casa comune.

Posted in Fidest - interviste/by Fidest | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

In Palestina solo gli uomini ripudiavano

Posted by fidest press agency su sabato, 24 aprile 2010

Lettera al direttore. Monsignor Giuseppe Casale, vescovo emerito di Foggia, ha affermato che va “rivista” la norma che vieta ai divorziati di ricevere la comunione poiché “una volta che una persona anche divorziata abbia intrapreso un cammino penitenziale, non ha senso escluderlo dalla vita cristiana”. Non è una novità. Già nell’agosto del 2006, fece la stessa considerazione don Alberto Bonandi docente di teologia morale presso la Facoltà Teologica di Milano, il quale propose ai divorziati risposati una via di pentimento indispensabile per essere ammessi alla comunione.  Bonandi dimenticò, e oggi Casale dimentica, che uno dei coniugi può non essere causa della rottura del rapporto, e quindi non avere nulla di cui pentirsi. Il fatto è che se ne dimenticò anche Gesù: “Ora io vi dico: chi ripudia la propria moglie…e sposa un’altra, commette adulterio; e se sposa una donna ripudiata, commette adulterio” (Mt 19,9). Il Signore non considerò che spesso la donna “ripudiata” (in Palestina solo gli uomini “ripudiavano”) era innocente, innocentissima. (Miriam Della Croce)

Posted in Lettere al direttore/Letters to the publisher | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Celibato e pedofilia

Posted by fidest press agency su sabato, 13 marzo 2010

Lettera al direttore. Il vescovo di Ratisbona, Gerhard Mueller, protagonista dell’operazione di trasparenza avviata dalla Chiesa cattolica sugli abusi sessuali perpetrati in passato in Germania da religiosi ai danni di minori, ha definito “una stupidaggine” l’ipotesi che il celibato ecclesiastico sia all’origine del fenomeno e ha affermato che quindi non c’è motivo di modificare questa istituzione. Per sapere se sia una stupidaggine, basterebbe forse una statistica che confrontasse i casi di pedofilia riguardanti i preti cattolici, con quelli riguardanti i preti ortodossi o i pastori delle chiese protestanti, che non hanno l’obbligo del celibato. Certamente il celibato non è l’unica causa, però potrebbe essere una delle cause, giacché può accadere che un fiume non avendo la possibilità di scorrere tranquillamente nel proprio letto, straripi, e cerchi altre vie. Ma anche se così non fosse, perchè questa ostinazione della Chiesa a ritenere il celibato condizione indispensabile per il sacerdozio? Il noto teologo cattolico Gianfranco Ravasi, scriveva sul Domenicale del Sole 24 Ore del 28 maggio 2006: «Il nesso tra sacerdozio e celibato, secondo il Concilio Vaticano II, ha un alto “rapporto di convenienza…ma non è un vincolo teologicamente necessario e strutturale». E allora? Nel marzo del 2007, Benedetto XVI ebbe a dichiarare: «Ribadisco la bellezza e l’importanza di una vita sacerdotale vissuta nel celibato… e ne confermo quindi l’obbligo per la tradizione latina». Ecco: l’errore del Pontefice sta in quella parolina: «obbligo». Vale a dire nel trasformare tranquillamente, arbitrariamente, i “consigli evangelici”, in obblighi evangelici. Oggi ci dice che il celibato dei sacerdoti resta un “valore sacro”. E allora? Sarà sacro il valore, ma i valori non s’impongono. (Miriam Della Croce)

Posted in Lettere al direttore/Letters to the publisher | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Colpire il mezzo per salvare la causa

Posted by fidest press agency su martedì, 23 febbraio 2010

Le intercettazioni telefoniche rappresentano il mezzo più efficace per snidare latitanti, sventare anche attentati (come a Gela o Caltanissetta, solo per citare gli ultimissimi esempi), scoprire ricatti, truffe, falsi, e reati di vario genere; ecco… appunto… rappresentano il mezzo…. mentre la causa che le mette in moto è rappresentata dal variegato mondo, amorevolmente definito dal cavaliere presidente del consiglio “birichini”, “casi isolati… che accadono anche nei carabinieri !”. Ma nel panorama variegato dei reati c’è sempre un responsabile, che si innervosisce se le sue birichinate vengono messe in piazza, analizzate, valutate, indagate, per essere poi giudicate dalla magistratura; allora, seguendo una ben precisa istruzione proveniente dalla fonte stessa del metodo di autodifesa, si dichiarano perseguitati politici, vittime della giustizia ad orologeria, tormentati dall’accanimento giudiziario, minacciati di finire nel  “girone infernale di un processo”, dove “un plotone di esecuzione” è pronto a condannarli ingiustamente. La causa non può quindi venire aggredita, perché si tratta di galantuomini del PdL. Ecco scattare l’escamotage che permette di salvare la capra del cavaliere  e i cavoli dei suoi giannizzeri: colpire il mezzo, le intercettazioni telefoniche, neutralizzarle, smontarle, impedire che vengano adoperate (anche perché potrebbero vanificare i reati di imminente programmazione) (Rosario Amico Roxas)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Regionali in Basilicata

Posted by fidest press agency su domenica, 7 febbraio 2010

Il Consiglio dei Ministri, ricorrendo alla Corte costituzionale contro la legge elettorale approvata il 14 gennaio dalla Regione Basilicata, ha accolto la denuncia di noi Radicali che avevamo subito rilevato l’incostituzionalità del provvedimento anche attraverso l’interrogazione parlamentare presentata da Rita Bernardini e rafforzata dalla sua iniziativa nonviolenta. C’è una frase che nessuno riesce a pronunciare in Italia: Stato di diritto. Nessuno tranne noi della Lista Bonino-Pannella, ovviamente. Quanto accaduto in Basilicata è la punta dell’iceberg della metastasi partitocratica ed antidemocratica che oramai travolge istituzioni e regole in tutto il Paese. Praticamente in tutte le Regioni, infatti, è impossibile raccogliere le firme necessarie alla presentazione delle candidature a causa di uno Stato che di fatto nega il servizio pubblico di autenticazione. In Basilicata, a pochi giorni dal deposito delle liste, non sappiamo con quale legge elettorale si voterà ne su quali moduli raccogliere le firme. Anche per questo, nelle prossime ore valuteremo quali atti porre in essere per assicurare ai cittadini l’effettivo esercizio dei loro diritti politici ed il rispetto dell’art 49 della Costituzione, ivi compresa la formale richiesta di rinvio delle elezioni.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma: Mobilità sostenibile

Posted by fidest press agency su sabato, 19 settembre 2009

«L’Amministrazione capitolina si congratula con l’Atac per la rapidità con la quale sarà possibile la riattivazione del servizio con mezzi Gulliver su una delle quattro linee elettriche del trasporto pubblico romano».E’ quanto comunica l’assessore alla Mobilità del Comune di Roma, Sergio Marchi. «La flotta dei minibus elettrici – ricorda – era stata gravemente danneggiata a causa di un incendio il 2 maggio scorso. Già a partire da domani, però,  20 nuovi minibus elettrici entreranno in esercizio sulla linea 116. Le rimanenti linee – spiega l’assessore – continueranno ad esercitare regolare servizio all’utenza con minibus Trambus e saranno riattivate progressivamente entro sei mesi. E’ infatti in programma – prosegue Marchi – la fornitura all’Atac, da parte della Tecnobus, di 5 miniveicoli elettrici al mese a partire da novembre prossimo. Sempre a partire dallo stesso mese – conclude – sarà agibile per la ricarica dei mezzi il primo piano della rimessa di Trastevere, la cui struttura era stata gravemente danneggiata la primavera scorsa».

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I nodi gordiani dell’Italia

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 settembre 2009

Editoriale fidest. L’Italia vuole crescere ma senza lasciare alle spalle problemi irrisolti che possono diventare nel tempo un insostenibile peso ed una condizione inibente per ogni progetto di sviluppo armonico e generalizzato. La classe politica italiana è oggi chiamata a risolvere questo nodo che congiunge il filo del futuro con i legacci del passato. Scioglierlo non basta. Bisogna crescere pensando ad ideare qualcosa di nuovo che sappia dare una svolta decisa al nostro sistema sociale e civile. Non parliamo, ovviamente, di una rivoluzione nei termini classici della parola. Ma ci riferiamo ad un impegno corale nell’individuare e nel sostenere la causa della collettività a fronte di interessi particolari e settoriali che cercano di distrarci come un banco di nebbia che frapponendosi tra noi e la giusta strada finiscano con il farci debordare. Pensiamo alla riforma della giustizia ancora avvolta da spire demagogiche mentre i cittadini la vorrebbero semplicemente più presente, più immediata, più coinvolgente con la realtà del Paese. Pensiamo all’assistenza sanitaria contornata da procedure che l’appesantiscono e la rendono improduttiva. Pensiamo alla scuola che accorcia i suoi corsi d’insegnamento a livello universitario con la laurea breve e poi costringe i nostri figli a frequentare i master (ce ne sono oltre mille in Italia per le più disparate specializzazioni) e a caricare le famiglie, già esangue per altri versi, di oneri aggiuntivi per l’istruzione e legandola alla necessità di doverla acquisire per permettere ai discenti di sperare in un impiego. E persino il lavoro, cosiddetto fisso, sta diventando un premio da lotteria in luogo di un diritto comune a tutti. E questo cahier de dolence potrebbe continuare all’infinito per una società che sembra voglia fare di tutto per non farsi amare e per dividere più che unire. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Editoriali/Editorials | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Iraq: parlamentari italiani chiedono di visitare Ashraf

Posted by fidest press agency su sabato, 1 agosto 2009

«Chiediamo al ministro degli Esteri di operare con urgenza per l’invio in Iraq di una delegazione ufficiale italiana con scopi umanitari per visitare il campo di Ashraf, oggetto il 28 e il 29 luglio di un violento attacco da parte di truppe irachene su persone inermi che ha causato dodici morti e oltre quattrocento feriti»: lo dichiarano i deputati Carlo Ciccioli (PDL) ed Elisabetta Zamparutti (Radicali/PD), presidente e copresidente del Comitato di parlamentari e cittadini Iran Libero che riunisce decine di parlamentari di tutte i gruppi. «I 3.500 residenti di Ashraf, tutti rifugiati iraniani membri dell’Organizzazione dei Mojahidin del Popolo Iraniano, sono completamente disarmati dal 2002 e devono godere di protezione umanitaria ai sensi della IV Convenzione di Ginevra. Lo stesso Governo italiano è impegnato a tutelarli per effetto della risoluzione parlamentare 8-00019», ricordano i due deputati. «Il rischio di un massacro ad Ashraf dopo il parziale ritiro delle truppe americane, a causa delle continue pressioni da parte del regime dei mullah iraniani su Baghdad, era noto da anni» sottolinea Antonio Stango, segretario del Comitato, «tanto che su questo si è pronunciato con una risoluzione, il 24 aprile scorso, anche il Parlamento Europeo. Ora vi è il pericolo concreto di una nuova e ancora più estesa carneficina, poiché le forze irachene hanno distrutto con i bulldozer le recinzioni del campo. Auspichiamo che la delegazione italiana possa recarsi ad Ashraf al più presto, per verificare la situazione sul posto e facilitare una possibile soluzione umanitaria».

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tra causa ed effetto

Posted by fidest press agency su lunedì, 20 luglio 2009

Editoriale fidest. Si dice che le battaglie e persino le guerre si possono anche vincere “a tavolino”. Nell’epoca del virtuale e degli scontri simulati dai cervelli elettronici questa possibilità diventa sempre più concreta. Se partiamo dalla “battuta” attribuita al senatore a vita Giulio Andreotti che “una smentita vale una notizia ripetuta due volte” significa, per estensione, che far parlare di sé, dando in pasto al pubblico, ad arte, notizie che possono poi essere smentite, è un gioco che rende. La tecnica si è poi evoluta com’è accaduto per un noto personaggio che fu accusato di collusione con dei mafiosi ma nel mezzo fu inserito l’episodio di un “bacio” che palesemente strideva con il modo d’essere dei supposti protagonisti. La quasi certezza che si trattasse di una bufola finì con l’invalidare tutto il resto. Se poi ci avviciniamo sempre di più a chi oggi è al centro della politica italiana io ebbi a dire, qualche anno fa, che le fortune di costui erano dovute sia a un uomo rivelatosi preziosissimo, qual è Gianni Letta, sia a un gruppetto di collaboratori esperti in comunicazione e nella manipolazione dei sondaggi e degli umori popolari. I fatti dimostrano che quella diagnosi è oggi confermata a pieni voti. A questo punto dobbiamo guardare in faccia la realtà. E’ come l’esserci imbattuti con un professionista dell’informazione “pilotata” che ha a che fare con dei dilettanti e per giunta confusionari e che si possono raggirare a proprio piacimento perché, alla fine, si riducono a fare da “spalla” al capocomico. Servono, quindi, per quel che sono e bene che vi restino. Un esempio tipico lo abbiamo avuto con il recente G8 de l’Aquila. Da una parte è stata calcata, di proposito, la mano sul successo ottenuto per merito del presidente del consiglio e del suo personale charme tanto da provocare negli avversari una corsa all’impazzata per dimostrare il contrario. Ci siamo mai chiesti cosa ha lasciato tutto ciò nell’immaginario collettivo? La convinzione che sia stato comunque un successo e che le critiche mostrano solo il livore e l’invidia degli oppositori. Poco conta che una ristretta minoranza sappia bene soppesare i fatti. E’ un dato irrilevante nella matematica dei numeri. E allora se le battaglie si vincono o si perdono non solo a tavolino ma anche non tenendo conto del come possa essere percepito un certo atteggiamento tra chi fa numero è bene che l’opposizione si adegui al nuovo clima e lo stesso facciano gli organi d’informazione che passano per indipendenti. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Editoriali/Editorials | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Profitti a scapito sicurezza

Posted by fidest press agency su sabato, 4 luglio 2009

Editoriale fidest. E’ oramai un dato certo. In Italia come nel mondo, e forse qui da noi più che altrove, l’idea di realizzare facili guadagni condiziona seriamente la qualità e la professionalità delle produzioni e i relativi controlli di routine. Ciò spiega il ripetersi di gravi incidenti e il corollario di vittime. E’ una infortunistica sicuramente più grave di quanto in apparenza si voglia far credere o si ha la possibilità di esercitare se avvenisse con un accurato monitoraggio. Il tutto si aggrava in Italia dove sono notori le mancanze di controlli e la farraginosità del sistema giudiziario e amministrativo che non permettono un rapporto diretto e una risposta immediata tra causa ed effetto. In pratica chi ha la “sfortuna” di essere colto con le mani nella marmellata ha mille modi per farla franca con processi in chiave penale e civilistica che possono anche durare un decennio e ai quali si aggiungono le cavillosità delle assicurazioni e degli uffici amministrativi per l’iter dei premi e del pagamento dei danni subiti dai privati e attribuibili alle pubbliche amministrazioni. A questo punto, proprio perché si parla di profitti a scapito della sicurezza il legislatore, in primis, dovrebbe farsi carico d’indicare procedure e ammende rapide e molto elevate per lanciare un segnale a chi punta al profitto e che deve rendersi conto che il gioco non vale la candela. Se non otteniamo un tale deterrente dovremo convivere con il dramma quotidiano collettivo e privato delle tanti morti e feriti e a costi elevati a carico delle casse dello Stato e degli enti locali che pensano di spendere meno con appalti ribassisti e che poi si ritrovano sull’altro versante a spendere il doppio per le omissioni altrui oltre a darci un tributo in vite umane che si traduce nel più cinico dei comportamenti e di certo non degno per un pubblico servizio. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Editoriali/Editorials | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »