Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 250

Posts Tagged ‘cavallo’

Scoperto un terzo cavallo di razza con ricca bardatura militare nella stalla di Civita Giuliana

Posted by fidest press agency su mercoledì, 26 dicembre 2018

Nella zona Nord fuori le mura del sito archeologico di Pompei, lo scorso marzo un’ operazione congiunta del Parco Archeologico con la Procura della Repubblica di Torre Annunziata (con il Procuratore capo Alessandro Pennasilico e il procuratore aggiunto Pierpaolo Filippelli), il Comando Gruppo Carabinieri di Torre Annunziata e il Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Napoli aveva dato avvio ad un importante intervento di scavo allo scopo di arrestare l’attività illecita di tombaroli a danno del patrimonio archeologico dell’area.L’intervento aveva portato alla luce una serie di ambienti di servizio di una grande villa suburbana conservata in maniera eccezionale, con diversi reperti (anfore, utensili da cucina, parte di un letto in legno di cui è stato possibile realizzare il calco). Tra gli ambienti era stata individuata la stalla della tenuta dove si era potuto realizzare il calco di un cavallo di razza.Nella prima fase di scavo era stata identificata una mangiatoia lignea di cui è stato possibile realizzare un calco, la sagoma integra di un cavallo e le zampe di un secondo animale . Le attuali operazioni di scavo, avviate nel mese di luglio, hanno messo in luce integralmente tale ambiente e hanno individuato la parte restante del secondo cavallo e un terzo equide con i resti di una ricca bardatura di tipo militare. Dei due, l’uno giace riverso sul fianco destro, con il cranio ripiegato sulla zampa anteriore sinistra. Presumibilmente legato alla mangiatoia, non era riuscito a divincolarsi.L’altro giace riverso sul fianco sinistro, e sotto la mandibola conserva il morso in ferro. La realizzazione dei tunnel da parte dei tombaroli e la conseguente cementificazione delle cavità, non hanno permesso di realizzare il calco del terzo cavallo.
Durante la fasi di scavo del corpo sono, inoltre, venuti alla luce cinque reperti bronzei. Sulle coste della gabbia toracica, fortemente rimaneggiate, si sono individuati quattro reperti in legno di conifera rivestiti di lamina bronzea di forma semilunata ; un quinto oggetto, sempre in bronzo, è stato recuperato sotto il ventre, in prossimità degli arti anteriori, formato da tre ganci con rivetti collegati da un anello a un disco.La forma di questi elementi e i confronti in letteratura fanno ipotizzare che appartengano a un tipo particolare di sella definita a quattro corni, formata da una struttura di legno rivestita con quattro corni, due anteriori e due posteriori, ricoperta da placche di bronzo che servivano per dare stabilità al cavaliere, in un periodo in cui non erano state inventate le staffe. Selle di questo tipo sono state utilizzate nel mondo romano a partire dal I secolo d.C. ed in particolare in ambito militare. Le giunzioni ad anello erano quattro per ogni bardatura e servivano a collegare diverse cinghie di cuoio per bloccare la sella sul dorso del cavallo . Si tratta sicuramente di bardature militari da parata. Ulteriori elementi riferibili agli “ornamenta” del cavallo sono documentati dietro la schiena, dove tracce di fibre vegetali lasciano ipotizzare la presenza di un drappo/mantello e nello spazio tra le zampe posteriori ed anteriori, in cui un ulteriore calco suggerisce la presenza di una sacca. E’ probabile che parte dei mancanti finimenti siano stati trafugati dai tombaroli.
“I tre cavalli, come forse il primo rinvenuto ed analizzato, dovevano far parte della “razza più nobile”, animali di rappresentanza, per la loro imponenza dimensionale, probabilmente frutto di accurate selezioni, e per i finimenti di pregio, in ferro e bronzo. – sottolinea il Direttore Generale Massimo Osanna. Questi eccezionali ritrovamenti confermano che si trattava di una tenuta prestigiosa, con ambienti riccamente affrescati e arredati, sontuose terrazze digradanti che affacciavano sul golfo di Napoli e Capri, oltre ad un efficiente quartiere di servizio, con l’aia, i magazzini per l’olio e per il vino, e ampi terreni fittamente coltivati, anche stando a le prime indagini di inizio Novecento. Nel 2019 saranno stanziati due milioni di euro, dai fondi ordinari del Parco archeologico, per procedere all’esproprio dei terreni e per proseguire le indagini di scavo, al termine delle quali sarà possibile l’apertura al pubblico.” Lo studio della sella è a cura dell’archeologo Domenico Camardo, mentre le ricerche sul campo sono seguite dall’archeologa Paola Serenella Scala.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La Storia millenaria del Cavallo in mostra alla Pinacoteca Züst

Posted by fidest press agency su martedì, 1 maggio 2018

Rancate (Mendrisio), Canton Ticino, Svizzera Venerdì 4 maggio, ore 11,00 Pinacoteca cantonale Giovanni Züst. Mostra a cura diAlessandra Brambilla e Claudio Giannelli Coordinamento Mariangela Agliati Ruggia. Organizzazione della mostra Pinacoteca cantonale Giovanni Züst, Rancate.
Il tema che la Pinacoteca cantonale affronta nel suo consueto appuntamento con il collezionismo, quest’anno si presenta di particolare suggestione.Proveniente dalla Collezione Giannelli, una delle più importanti al mondo nel settore, ad essere proposta è una originale, straordinaria parata di “morsi da cavallo”, comprendente esemplari unici o comunque rarissimi di epoca mesopotamica, greca, romana, medievale e rinascimentale, con alcuni pezzi che risalgono addirittura al 1.400 a.C. Le serie che riuniscono i morsi italici e quelli dell’antico Luristan (regione montagnosa degli Zagros), presenti nella Collezione, sono considerate ineguagliabili per la loro rarità e loro bellezza.
La mostra Il Cavallo: 4.000 anni di storia. Collezione Giannelli è promossa dalla Pinacoteca Züst ed è curata da Alessandra Brambilla e Claudio Giannelli. Si potrà ammirare nella Pinacoteca di Rancate dal 6 maggio al 19 agosto.Non solo morsi, speroni e staffe, in mostra. La millenaria frequentazione uomo-cavallo vi è documentata anche attraverso dipinti, incisioni e libri antichi. Non manca nemmeno un raro cavallo a dondolo di epoca settecentesca, appartenuto ad un rampollo di nobilissimo lignaggio.Il sottotitolo dell’esposizione sottolinea come siano appena 4’000 gli anni che hanno visto il fiero quadrupede diventare Equus frenatus (cavallo imbrigliato), ovvero un cavallo regolato nei suoi movimenti e nella sua andatura attraverso il morso.
Quattromila anni possono sembrare molti ma sono un battito di ciglia se rapportati ai 4 milioni e più di anni di storia del genere Equus, che ha dato origine a tutti i cavalli contemporanei, agli asini e alle zebre. Risale a circa 700 mila anni fa il genoma del più antico cavallo che sia stato finora sequenziato. Si tratta di un Equus lambei, le cui ossa sono state rinvenute nel terreno perennemente ghiacciato del territorio canadese dello Yukon. Tra i 40 e i 50 mila anni fa, si colloca la comparsa del cavallo domestico (Equus caballus) di oggi si contano circa 400 razze diverse, con specialità di ogni tipo, dal traino alla corsa.
Ancora più recentemente, appunto all’incirca 6’000 anni fa, i nomadi delle steppe asiatiche addomesticarono probabilmente i primi cavalli. E da quel momento, il rapporto tra l’uomo e l’animale si è fatto intenso, persino simbiotico. La mostra prende il via presentando proprio i manufatti di una di queste popolazioni, gli Sciti, che si muoveva in quei territori, per proseguire con gli eccezionali morsi provenienti dal Luristan, regione montuosa dell’attuale nord-ovest iraniano. Si prosegue quindi con un viaggio attraverso i secoli e le civiltà: etruschi, greci, romani, per arrivare al Rinascimento e ai giorni nostri.Artigiani-artisti, i fabbri hanno accompagnato la storia dell’equitazione producendo oggetti che vanno ben al di là della semplice funzione di strumento di comunicazione tra il cavaliere ed il suo cavallo. Ponendosi come veri e propri capolavori d’arte.
In mostra, accanto ai morsi, sono esposte altre ‘eccellenze’ della Collezione Giannelli, naturalmente tutte incentrate intorno al Cavallo. Dai primi testi rinascimentali dei grandi maestri (Grisone, Pignatelli, Fiaschi, Ferraro, ecc.) all’Encyclopédie, con le illustrazioni riservate all’equitazione. Insieme a dipinti, incisioni, disegni, sculture. Ma anche particolari e rari accessori quali ipposandali e falere d’epoca romana, staffe in legno scolpito sud-americane, campanelline da cavallo in bronzo mesopotamiche e molto altro ancora.
Tutto a testimonianza di una forte passione e di uno sconfinato amore per il cavallo e di un artigianato che sa farsi grande arte. http://www.ti.ch/zuest
Orari, prezzi e servizi: 6 maggio – 19 agosto 2018 Chiuso il lunedì. Festivi aperto.
Maggio e giugno: 9-12 / 14-17 Luglio e agosto: 14-18 intero: CHF/€ 10.- ridotto (pensionati, studenti, gruppi): CHF/€ 8.Visite guidate su prenotazione anche fuori orario; bookshop; audioguide; parcheggi nelle vicinanze. Si accettano Euro.

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lev Tolstoj: storia di un cavallo

Posted by fidest press agency su lunedì, 10 ottobre 2011

Lev Tolstoj

Image via Wikipedia

Uscito per la prima volta nel 1886, questo breve romanzo di Tolstoj racconta la natura umana attraverso una metafora geniale. A parlare infatti è Cholstomer, un cavallo che nessuno vuole perché ha avuto la sfortuna di nascere con un mantello pezzato. Dalla tenera età e dai primi turbamenti amorosi fino alla vecchiaia, Cholstomer ci racconta con tenerezza la sua vita. Con le speranze e i sogni disattesi, le gioie e le sofferenze come inevitabile corollario, la vita del cavallo non si differenzia da quella vissuta da tanti esseri umani.
Ma, a differenza degli uomini, vittime della loro ossessione per il possesso, i cavalli affrontano l’esistenza con libertà, affrancandosi dalla schiavitù dell’ansia per il tempo che passa ineluttabile. Così, nonostante “la ragione stava sempre dalla parte di coloro che erano forti, giovani e felici, di coloro che avevano tutto davanti a sé…” Cholstomer vive la vecchiaia e la morte con nobile distacco e intelligente curiosità.
Lev Tolstoj (Jasnaja Poljana, 28 agosto 1828-Astapovo, 20 novembre 1910) è uno dei più grandi scrittori di tutti i tempi, autore di pietre miliari come Guerra e pace e Anna Karenina.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cavallo e sviluppo evolutivo dell’adolescente

Posted by fidest press agency su martedì, 26 ottobre 2010

Verona 4 – 7 novembre 2010 Fieracavalli. Tra le varie manifestazioni il 5 novembre si terrà il convegno, a carattere internazionale, organizzato da Fieracavalli in collaborazione con il Ministero della Salute ed il Centro di Referenza Nazionale per gli Interventi Assistiti dagli Animali di Montecchio Precalcino (VI), Con il Villaggio del Bambino, Fieracavalli crea uno spazio interamente dedicato ai “cavalieri di domani”: aree ludiche e didattiche finalizzate all’educazione alimentare, alla conoscenza della storia e della cultura dei territori e alla promozione della relazione dei giovani con il cavallo.
In questa prospettiva si inserisce il convegno “Abilitazione e riabilitazione equestre a partire dall’età evolutiva”. Costituirà la prima tappa di un lungo percorso di approfondimento scientifico che si terrà ogni anno in occasione dell’appuntamento veronese. Il concetto fondamentale attorno cui si svilupperà questa tavola rotonda è il ruolo positivo che i cavalli possono svolgere all’interno di un normale percorso evolutivo degli adolescenti, ma anche come co-terapeuti negli interventi di riabilitazione neuromotoria o nelle problematiche comportamentali in adolescenza.
Conferma dell’impegno di Fieracavali verso i giovani è la presenza istituzionale del Ministero della Salute che, anche quest’anno, sarà partner istituzionale del prestigioso evento. Il Sottosegretario alla Salute Francesca Martini parla così del fondamentale binomio tra giovani e cavalli: “Con grande saggezza oggi assistiamo ad un rinnovato interesse intorno a questo animale capace di coniugare salute, sport, natura e cultura del territorio. Il cavallo rappresenta dunque una risorsa sociale insostituibile, non solo per la molteplicità delle attività in cui viene impiegato e per l’indotto economico che queste creano, ma soprattutto in termini di relazione uomo-animale. Il cavallo rappresenta dunque una risorsa sociale insostituibile. Accrescere il rispetto verso questi animali e l’attenzione al loro benessere significa affermare la civiltà del nostro Paese.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Cento cavalli di Aligi Sassu”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 aprile 2010

Pescara da sabato 24 aprile al 27 giugno nelle sale prestigiose del Museo “Villa Urania” di via Piave, saranno esposte Cento ceramiche di Aligi Sassu, uno dei massimi esponenti dell’arte italiana del XX secolo, saranno esposte che già ospitano la collezione permanente di ceramiche storiche di Castelli appartenute a Raffaele Paparella Treccia e a Margherita Devlet. In “Cento cavalli di Aligi Sassu”, curata dal noto studioso Gian Carlo Bojani, Piatti, zuppiere, ciotole e sculture in maiolica o terracotta dipinte da Aligi Sassu tra il 1939 e il 1965 rappresentano uno dei temi iconografici più cari all’artista: la figura del cavallo. In mostra è presente anche il celebre servizio da tavola del 1949 “I cavalli del mare” composto da 73 pezzi, nel quale l’artista si confronta direttamente con la tradizione ceramica ligure quattro-ottocentesca recuperando la tipica bicromia bianco e blu “vecchia Savona”. Le opere esposte fanno parte della collezione della Fondazione Crocevia di Alfredo e Teresita Paglione. Quello tra Aligi Sassu e il gallerista abruzzese Alfredo Paglione, infatti, co-curatore di questa mostra, è un sodalizio artistico nato alla fine degli anni ’50 e rafforzato da un vero e proprio vincolo di amicizia e poi di parentela, visto che entrambi hanno sposato due delle sorelle Olivares.La mostra sarà  visitabile dalle 11 alle 13 e dalle 17 alle 21 ogni giorno tranne il lunedì.(piatto)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’Arte del Cavallo diventa internazionale

Posted by fidest press agency su giovedì, 15 aprile 2010

M. di Pietrasanta al via la rassegna, il 17 e 18 aprile, tra gare e spettacolo  Il concorso di morfologia da quest’anno, infatti, entra nel calendario internazionale delle competizioni, richiamando all’intensa due giorni, ospitata nel parco della Versiliana, centinaia di splendidi esemplari provenienti da ogni parte d’Europa ed oltre. La rassegna sarà completata, come nella tradizione dell’appuntamento, da importanti eventi collaterali. Una manifestazione promossa dal Comune di Pietrasanta in collaborazione con FISE ed ANICA.  Da mattino a sera una ricca vetrina di appuntamenti per conoscere tutti i segreti del mondo equestre. Gare, esibizioni, coinvolgenti acrobazie e tante, tante curiosità sull’antica arte del cavallo. Per un week-end di primavera, in mezzo alla natura, nelle affascinanti atmosfere del parco della Versiliana, ad un passo dal mare, tra gare e spettacolo. Ricco il capitolo intrattenimento oltre i momenti di gara. Dalle esposizioni dei maestri maniscalchi alle carrozze d’epoca, sfilate di moda, momenti d’informazione sulla sanità pubblica veterinaria ed una mostra-mercato a tema. E, per i più piccoli, tutta la vivacità di una fattoria con animali da cortile e uno speciale recinto dove i bambini potranno giocare con i pony.  Resterà aperta villa La Versiliana, fresca di restauro: le sale ospiteranno l’esposizione d’arte “Tempus Fugit” con disegni, sculture e dipinti del maestro Riccardo Bremer. Sabato 17, alle ore 17, si terrà un appuntamento straordinario del Caffè di Romano Battaglia dal titolo: “Cavalli sulle soglie del bosco”. Interverranno: Paolo Villaggio, il fotografo Oliviero Toscani, l’etologo Giorgio Celli, il presidente FISE Andrea Paulgross e il dirigente Regione Toscana settore produzioni agricole e zootecniche Claudio Del Re Ingresso alla manifestazione 7 euro, gratuito sotto i 14 anni e sopra i 70 anni.

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La Grecia e il Cavallo di Troia

Posted by fidest press agency su martedì, 23 febbraio 2010

Con il voto di fiducia a larga maggioranza del Parlamento europeo alla nuova Commissione presieduta ancora da José Manuel Barroso, la settimana scorsa è stato riempito l’ultimo tassello istituzionale necessario a rendere operativo il primo ciclo dell’Unione secondo i dettami del nuovo Trattato entrato in vigore a fine 2009. Le vicissitudini che hanno rallentato il completamento del quadro istituzionale negli ultimi mesi (le reticenze ceche, e anche un po’ cieche, a ratificare; le dinamiche politiche sulle cariche come la Presidenza del Consiglio o il Ministro degli Esteri; e infine la bocciatura ormai classica di una dei 27 Commissari proposti) sono, per chi ama vedere il bicchiere mezzo vuoto, imbrogli che causano ritardi in un meccanismo già farraginoso di suo. Ma chi preferisce il bicchiere mezzo pieno vede in queste vicende i segni di una democrazia europea che, finalmente, si rafforza. Certo che le sfide non mancano, e sono anche urgenti. Per affrontarle occorre un quadro istituzionale ben funzionante. Il fatto che questo non fosse ancora del tutto a posto a Copenaghen durante la Conferenza ONU sul Clima in dicembre ha certamente influito (in negativo) sul ruolo dell’Unione in quell’occasione. Ma il vero cavallo di Troia dell’integrazione europea può essere la crisi greca. Quando si dice corsi e ricorsi storici. In queste settimane è questa l’urgenza delle urgenze, perché pone in gioco non solo il futuro dell’euro, ma anche il ruolo dell’UE e delle sue istituzioni, Commissione compresa. L’Europa agisce per salvare la Grecia, perché un default di Atene sarebbe un altro colpo troppo duro per le economie europee dopo quello della crisi subprime e avrebbe, con ogni probabilità, pesanti effetti su altri partner in difficoltà come quelli iberici. Certo che la Grecia deve mantenere gli impegni e fare la sua parte (per quest’anno, ridurre il deficit del 4%). Niente “bail-out”, l’euro non perde pezzi, e Bruxelles verificherà ogni mese il risanamento proposto dalla Grecia. E Lisbona? Il Trattato fornisce nuovi strumenti per rafforzare la sorveglianza delle politiche economiche nazionali dell’Eurozona.
Secondo alcuni, il salvataggio della Grecia farà nascere la (vera) Unione europea e sarà lo spartiacque politico per aprire una nuova era. L’Unione monetaria, e la crisi greca che ne rappresenta il cavallo di Troia, deve accelerare l’integrazione politica. Eccolo qui, il bicchiere mezzo pieno. (Matteo Fornara Rappresentanza a Milano)

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »