Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘cefalea’

Emicrania e cefalea a grappolo

Posted by fidest press agency su domenica, 31 Mag 2015

stresaNell’ultima giornata del congresso di Stresa il Professor Alan Rapoport della UCLA University, Presidente dell’IHS, l’International Headache Society, praticamente l’OMS delle cefalee, ha sottolineato come l’era della neuro-elettroceutica delle cefalee potrebbe presto superare quella dei trattamenti a base di farmaci. Ha infatti rivelato che anche la rigida FDA, l’ente americano di controllo dei farmaci, in forza dei risultati conseguiti oltreconfine, ha anticipato di un anno l’approvazione della stimolazione vagale esterna nVNS tramite gammacore, lo strumento che si usa come un rasoio da strisciare sul collo, già disponibile in Europa, Gran Bretagna e Canada nel trattamento di emicrania e cefalea a grappolo.
DEPOLARIZZAZIONE ELETTRICA Uno dei principali effetti di questo device è emerso meno di un mese fa al 17° Congresso dell’International Headache Society
 di Valenzia grazie ai ricercatori del Massachusetts General Hospital e dell’Harvard Medical School: i microstimoli elettrici che emette si oppongono all’onda di depolarizzazione della spreading depression, l’onda lenta di depolarizzazione diffusa che attraversa il cervello da dietro in avanti quando arriva l’attacco emicranico.
Produce squilibrio ionico, aumentato metabolismo cellulare e alterazioni locali del flusso sanguigno, nonchè diffusione extraneuronale di citokine proinfiammatorie e aminoacidi eccitatori, primo fra tutti il glutammato, il neurotrasmettitore eccitatorio più potente del sistema nervoso che scatena l’ipereccitabilità neuronale da cui deriva l’attacco emicranico.
Rapoport ha sottolineato che gli studi condotti nella cefalea a grappolo con 2 stimoli di 90 secondi 3 volte al giorno per 2 mesi si sono dimostrati efficaci e privi di effetti collaterali con una riduzione degli attacchi da 7,6 a settimana a 2 soltanto, riducendo anche la necessità di ricorrere a quelli che finora erano i trattamenti di scelta per questa grave forma di mal di testa: sumatriptan e inalazione di ossigeno.
L’esperienza italiana con gammacore, altrettanto positiva, è stata riportata da Licia Grazzi del Besta di Milano che, insieme a Piero Barbanti del San Raffaele di Roma, è stata la prima a utilizzarlo nel nostro Paese: “A due ore dalla stimolazione anche in oltre metà (55,4%) dei nostri pazienti, che erano emicranici cronici, il ricorso ai loro soliti farmaci si è ridotto –conferma la Grazzi- Comunque in poco meno della metà (39,2%) il dolore si risolveva completamente entro mezz’ora e non c’è più bisogno di alcun farmaco di supporto”

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

La cefalea modifica il cervello

Posted by fidest press agency su martedì, 8 giugno 2010

I ricercatori dell’Istituto neurologico Carlo Besta di Milano, guidati da Gennaro Bussone, responsabile del Centro cefalee dell’Irccs e presidente dell’Anircef (Associazione neurologica italiana per la ricerca sulle cefalee), hanno dimostrato che la cefalea provoca una riduzione della massa cerebrale, che tuttavia può essere recuperata seguendo una terapia adeguata. In occasione del IV Congresso Anircef l’equipe ha descritto queste osservazioni come un’elasticità del cervello dei soggetti emicranici: “Ciò indica che il cervello non è così statico come si pensava, ma in situazioni di grave stress come quello indotto da un continuo dolore può strutturalmente e metabolicamente adattarsi per rispondere meglio alla nuova situazione”. Il fenomeno è stato individuato studiando pazienti affetti da emicrania e cefalea tensiva tramite tecniche di risonanza volumetrica di ultima generazione (morfometria voxel), ma interessa anche i casi di cefalea episodica. In entrambi i casi non si tratta però di una perdita definitiva: le alterazioni spariscono dopo il trattamento, per esempio di detossificazione normalmente effettuato nei casi di cefalea cronica conseguente ad abuso di farmaci, con un breve ricovero.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Riconoscere e alleviare la cefalea

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 marzo 2010

ll mal di testa (cefalea, in termini medici) è il disturbo neurologico più diffuso nel mondo. A essere colpite sono soprattutto le donne, con un rapporto medio di 4 a 1 rispetto agli uomini. In Italia ne soffrono circa otto milioni di individui. Di questi, sei milioni sono affetti da emicrania, caratterizzata da attacchi di dolore intenso, pulsante e gravemente disabilitante, solitamente unilaterale e associato a nausea, vomito, fastidio per luci e suoni. Ma non è tutto: il 4% della popolazione mondiale soffre di cefalea addirittura tutti i giorni. Le cefalee si suddividono in forme primarie, cioè senza una causa sottostante (come nel caso di emicrania, cefalea di tipo tensivo e cefalea a grappolo) e in forme secondarie, ovvero conseguenti ad altri fattori come ad esempio traumi, infezioni o abuso di sostanze. Tra le cefalee primarie, l’emicrania è la più diffusa e colpisce soprattutto le donne (18%). Tra i fattori scatenanti principali lo stress, le variazioni ormonali femminili, il digiuno, le alterazioni del ritmo sonno-veglia, le variazioni atmosferiche, l’alcool e alcuni cibi quali ad esempio i formaggi stagionati e il cioccolato.  La cefalea di tipo tensivo è estremamente frequente ed è caratterizzata da un dolore diffuso definito solitamente come un peso sulla testa e sostenuto spesso da posture sbagliate, ansia e stress.  Il paziente con mal di testa ricorre spesso ai farmaci di automedicazione per avere una risposta pratica per fronteggiare il disturbo. I farmaci da banco che possono essere acquistati in farmacia senza prescrizione medica e che sono contraddistinti dal bollino rosso consentono di risolvere con tranquillità ed efficacia la situazione.  Secondo le regole dell’automedicazione responsabile, è bene rivolgersi al proprio medico se dopo 4-5 giorni di utilizzo autonomo del farmaco il sintomo non è passato. Per ulteriori informazioni su come praticare l’automedicazione responsabile e quali siano i lievi disturbi che si possono affrontare con l’assunzione dei farmaci da banco consultare il sito http://www.anifa.it.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mal di testa

Posted by fidest press agency su martedì, 23 febbraio 2010

Milano 3 marzo 2010 – ore 11 Via Varese 11, Edelman Più del 10% degli italiani soffre di mal di testa. È la patologia neurologica più diffusa nel mondo e colpisce soprattutto le donne, in un rapporto di 4 a 1 rispetto agli uomini. Per affrontarlo, è bene imparare a distinguere le varie forme di cefalee e capire come i farmaci da banco possono aiutare ad alleviare il dolore. Se ne discuterà con: Piero Barbanti Direttore dell’Unità per la Cura e la Ricerca sulle Cefalee e sul Dolore dell’IRCCS San Raffaele Pisana di Roma e docente di Neurologia presso l’Università “La Sapienza” e Ovidio Brignoli MMG e Vice Presidente SIMG (Società Italiana di Medicina Generale)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il Cyberknife per curare la cefalea a grappolo

Posted by fidest press agency su sabato, 14 novembre 2009

CyberknifeUn nuovo protocollo per il trattamento di forme gravi di cefalea a grappolo resistenti alla terapia medica è stato presentato all’European Protocol Development Committee della Cyberknife Society dal Dr. Pantaleo Romanelli, esperto di neurochirurgia funzionale dell’IRCCS Neuromed, durante la riunione dei maggiori esperti del settore che si è svolta a Milano alcuni giorni fa.   Il protocollo presentato dal dr. Romanelli si basa sull’utilizzo del Cyberknife, un robot radio chirurgico capace di inviare fasci sottili di radiazioni su specifici bersagli intracranici con precisione sub-millimetrica, per fronteggiare una patologia che incide sensibilmente sulla qualità della vita di coloro che ne sono affetti. Tale robot fin’ora è stato utilizzato per il trattamento non invasivo di tumori intra- ed extracranici con ottimi risultati, ma ampie sono le sue potenzialità.  Il dr Romanelli, applicando la tecnologia Cyberknife nel trattamento di casi severi di cefalea a grappolo resistenti alla farmacoterapia, ha selezionato come bersaglio del trattamento il ganglio sfenopalatino, una struttura nervosa della faccia coinvolta nella genesi della cefalea a grappolo. Il trattamento e’ efficace, del tutto non invasivo  e  presenta rischi molto contenuti. In seguito alla presentazione di tale protocollo di trattamento, la Cyberknife Society ha incaricato il dr Romanelli di coordinare uno studio multicentrico internazionale al fine trattare casi selezionati di cefalea a grappolo con questa nuova metodica. L’esperto del Neuromed ha già avuto un ruolo importante nello sviluppo di nuove indicazioni del Cyberknife, soprattutto per il trattamento della nevralgia del trigemino che viene eseguito concentrando circa 200 fasci di radiazioni sottili 5 mm sul nervo trigemino in modo da ottenere una remissione della sintomatologia dolorosa. Il trattamento nevralgia trigeminale con questa innovativa metodica è stato oggetto di  un recente studio multicentrico internazionale  coordinato proprio dal  dr Romanelli e riportato sulla prestigiosa rivista Neurosurgery .  Il dr. Romanelli ricordiamo è stato ha il primo ad eseguire  i primi 10 trattamenti Cyberknife per la nevralgia trigeminale presso la Neurochirurgia della prestigiosa dell’Università di Stanford. L’esperto ha lavorato come Clinical Assistant Professor nel Dipartimento di Neurochirurgia  della Università di Stanford, collocata nel cuore della Sylicon Valley, California, dove ha assistito e partecipato allo sviluppo del  Cyberknife inventato  dal Prof John Adler. (Dr.ssa Ilaria Pucci) (Cyberknife)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »