Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Posts Tagged ‘cei’

Egofascismo

Posted by fidest press agency su lunedì, 11 novembre 2019

Il cardinale Ruini (ex presidente della CEI e vescovo vicario di Roma negli anni 1991-2008) suggerisce di dialogare con Salvini, che viene pensato come futuro: come futuro suo ma anche nostro (“ha notevoli prospettive davanti a sé”). Ciò vuol dire passare nei confronti di lui dalla resistenza al viatico, e togliere il tappo che fortunosamente il sistema politico italiano ha messo per impedire o almeno ritardare l’irruzione delle acque dei pieni poteri, traboccanti da urne precocemente convocate. Questo tappo, per quanto improvvisato e maldestro, è la cosa che dà ragione del governo in carica e lo trasforma in governo della ragione.
Passare dalla resistenza al viatico al leader leghista, significa togliere il tappo, privare di questa ragione il governo, farlo cadere. È ciò che dal primo giorno della sua concezione e della sua nascita stanno facendo molti poteri interni ed esterni al governo, che operano perfino tra le forze che lo hanno concepito e lo abitano. Tra questi poteri che giorno dopo giorno scalzano le fragili fondamenta su cui il governo si regge, c’è quasi l’intero sistema culturale e mediatico che agisce sotto dettatura del denaro. Tale è la TV commerciale, interamente determinata dal denaro, il quale si svela platealmente decidendo palinsesti, maratone e tempi concessi ai programmi nelle interruzioni tra una pubblicità e un’altra. I soggetti che fanno i programmi, diventano in tal modo essi stessi oggetti. Non è la televisione che fa la pubblicità, è la pubblicità che fa la televisione. Cioè è il mercato, e meno male che c’è il mercato perché, venuto meno il controllo umano, almeno il mercato per sue non tanto misteriose ragioni ha interesse che qualcosa di umano continui, che la convivenza regga, e che i cori razzisti, che minacciano di far interrompere lo spettacolo negli stadi, non ci siano.
Ora la TV gestita dal denaro sa benissimo che, assunto come fine il profitto, la sola produzione redditizia è lo spettacolo. E gli spettacoli costano: basta guardare ai Teatri dell’Opera, le cui recite a causa dei cori, delle orchestre, delle prime donne e delle messe in scena costano troppo, e che perciò chiudono. Ma la TV commerciale ha trovato le uova d’oro, ha trovato lo spettacolo che non costa nulla e anzi paga addirittura per essere rappresentato. Questo spettacolo è la politica, che da sola può coprire l’intero arco della programmazione, quando è mattina, quando è sera, quando è notte e poi di nuovo mattina. Ma lo spettacolo che fa audience (lo si sa fin dal Teatro greco) è la tragedia e la farsa. E la politica va benissimo come spettacolo, a patto che si presenti come tragedia e come farsa; e se in se stessa non è né tragedia né farsa, la TV ce la fa diventare, la deve restituire così, altrimenti dovrebbe trasmettere altre cose, molto più care. Ciò vuol dire che in quanto “medium”, strumento mediatico, la TV deve farsi mediatrice e autrice del falso, della fake news per eccellenza: perché la politica è tutt’altra cosa di ciò che viene mostrato, è l’impresa del vivere insieme, e vera politica non è solo la contesa per questo o quel problema determinato, ma quella per cui ne va delle condizioni di vita e del destino degli uomini e delle donne sulla terra.
È in questa più larga visione che il tappo non va tolto.
Ma perché c’è questa scelta, questa deriva a favore di Salvini? Salvini non ha solo un futuro, ha anche un passato. Il passato di Salvini sono la cultura e la politica dell’Occidente dopo l’89, da quando cioè si è fatta la globalizzazione, ma senza un’idea (un’ideologia!) che la fondasse, senza il pensiero di un’unità umana di cui essa fosse l’effetto; e questo passato, in Italia, è anche il passato della Chiesa di Ruini, dagli anni 80 fino a papa Francesco, nel lungo tempo dell’eclissi del Concilio. Caratteristica di quella Chiesa fu l’idea che nella società, man mano che scemava la fede, la Chiesa dovesse farsi portatrice di un “progetto culturale”, di una cultura in vesti secolari: non di una politica, perché quella, mandato al macero il “cattolicesimo democratico”, la si lasciava fare ai politici, alla destra che c’era, tallonata però perché si rendesse “permeabile” alle istanze cattoliche e così, come rivendica Ruini, portasse dei “frutti” per la Chiesa.
In tal modo la Chiesa si è incorporata alla cultura della modernità, i fedeli sono stati lasciati a quei pascoli. Ed è questo meticciato culturale (ateismo e rosari) che è giunto fino a noi. È la cultura di una Chiesa quale è stata, e che come tale è destinata a finire se papa Francesco non sarà continuato e si vorranno chiudere le porte alla Chiesa che sarà.
Ora la vecchia cultura, oggi endemica se non egemone, non è atta a salvare la Terra e a far sì che la storia continui. Giustamente Salvini rifiuta di essere chiamato “fascista” e denuncia chi lo fa, anche se il Pubblico Ministero di Milano dice che non è reato. Il fascismo è un fenomeno storico nato dallo scempio della prima guerra mondiale e dall’estro di Mussolini, e non è ripetibile in qualsiasi altra forma. Però è proprio dell’uomo dare il nome alle cose, e anche “rinominarle”, quando occorre, come ora ci fa fare il computer. Si può rinominare il fascismo, riconoscere il fascismo eterno dandogli il nome di “egofascismo”, un nome che riassume tutta una cultura e tutta una storia. L’egofascismo è mettersi al centro, prima e al posto di ogni altro e far questo con qualunque mezzo, al costo di qualsiasi violenza, al principio di ogni sacrificio. È la morale del Principe, la ragion di Stato, il nucleo duro della sovranità; è dire “prima gli Italiani” o “solo gli Italiani” e perciò chiudere i porti, destinare i migranti all’inferno, far passare la cultura “meglio morti che sbarcati”, singolare rovesciamento del grido “meglio morti che rossi”, e ripresa del più antico “me ne frego”: della morte e della perdizione dell’altro. È la cultura della dialettica, della contraddizione, che è poi la cultura del nemico, da Eraclito ad Hitler, fino alla cultura del maggioritario, fino alla minaccia: “con un voto in più si governa su tutti”.
Se davvero siamo ad un cambiamento d’epoca, è questa cultura che deve cambiare. C’è un’altra cultura, non dell’alternativa ma dello scambio (il cristianesimo, di cui si baciano i simboli, è il rovesciamento assoluto della dialettica, con la sua unione tra umano e divino, che addirittura ha definito “consustanziali”); è la cultura dell’ “I care” (mi preme), del “prima gli altri”, “prima i poveri, i deboli, gli scacciati”, è la cultura della casa di tutti e dell’unità umana, la cultura per la quale o ci si salva tutti insieme o non si salva nessuno.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Convegni di formazione gratuita CEI

Posted by fidest press agency su venerdì, 7 settembre 2018

Torino 20 settembre, dalle ore 9.00 alle ore 18.00, presso il “Pacific Hotel Fortino”, Strada del Fortino 36. Il Convegno si aprirà alle ore 9.00 con i saluti delle Autorità e della Direzione del CEI, ai quali seguirà una relazione sulla protezione degli impianti elettrici di Bassa Tensione, a cura del Prof. Angelo Baggini (Docente Università degli Studi di Bergamo), attraverso l’analisi di alcune prescrizioni introdotte dalla Variante 3 alla Norma CEI 64-8. Successivamente, il Prof. Giuseppe Cafaro (Docente Politecnico di Bari) dedicherà un intervento all’impianto elettrico di utenza in ottica Industria 4.0, anche grazie all’ausilio di esempi applicativi. La terza relazione, a cura di un Rappresentante del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, verterà sulla progettazione antincendio degli impianti elettrici, con un focus dedicato alle ultime novità introdotte dalle Norme CEI 64-8;V3 e CEI 64-8;V4. Il Convegno si concluderà con un intervento dedicato ai quadri di distribuzione e di automazione, tra stato dell’arte attuale della normativa e scenari futuri, di Vincenzo Matera (Segretario CT 44 del CEI).
I Convegni fanno parte del Sistema di Formazione Continua del CNPI e danno diritto all’attribuzione di n. 6 CFP. Riconosciuti n. 3 CFP per Ingegneri con delibera del CNI in data 12/07/2018. La partecipazione è gratuita previa iscrizione obbligatoria fino ad esaurimento posti.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

2 giugno a Milano si terrà la Giornata CELI 2017

Posted by fidest press agency su giovedì, 1 giugno 2017

chiesa-evangelica-luteranaMilano venerdì 2 giugno – dalle ore 9 alle 14 – si svolgerà a Milano la quarta edizione della Giornata CELI, presso la chiesa di via Marco de Marchi 9. L’evento è molto rilevante nella vita della Chiesa luterana perché la sua identità è proprio frutto e sintesi della grande ricchezza delle comunità territoriali di cui è formata.L’iniziativa, usualmente a cadenza biennale, questa volta si terrà a tre anni di distanza dall’ultima organizzata a Roma nel 2014. In questo modo, la Giornata – che consente l’incontro tra numerosi rappresentanti delle comunità luterane del nostro Paese – ricadrà nell’anno di celebrazioni del quinto centenario della Riforma. Come ospiti parteciperanno: don Cristiano Bettega direttore dell’Ufficio CEI per l’ecumenismo e il dialogo; Tamás Fabiny, vescovo della Chiesa luterana in Ungheria e Leon Novak, pastore della Chiesa luterana in Slovenia. Se la Giornata CELI offre la possibilità di conoscere le diverse comunità luterana dello Stivale – ognuna con piccoli stand espositivi dove trovare materiali illustrativi e anche qualche gustosa specialità regionale – Riforma500 vanta un programma molto articolato con iniziative musicali, teatrali, culturali e momenti di animazione ed evangelizzazione: gli incontri si terranno sia presso le singole chiese protestanti milanesi sia negli spazi del Teatro Dal Verme.La manifestazione sarà l’occasione per riflettere sull’impatto spirituale e culturale del protestantesimo in Europa e nel mondo, nonché un’opportunità per riformulare il senso della fede cristiana per le nuove generazioni. Inoltre, Riforma500 consentirà di approfondire – anche grazie all’intervento di prestigiosi relatori – temi quali il rapporto tra Fede e identità di genere, la violenza contro le donne, la libertà religiosa, le questioni legate a multietnicità, intercultura e integrazione.Le giornate milanesi saranno caratterizzate da un clima gioioso, solidale e condiviso nel solco di quell’orientamento all’ecumenismo e al dialogo interreligioso che è da tempo un tratto caratterizzante del mondo protestante e di quello luterano in particolare.
La Chiesa Evangelica Luterana in Italia, CELI, statutariamente bilingue, italiana e tedesca, è un ente ecclesiastico che attualmente raggruppa 15 comunità, dalla Sicilia all’Alto Adige. I suoi rapporti con la Repubblica Italiana sono regolati dalla legge n° 520 del 1995 (Intesa secondo l’art. 8 della Costituzione).
La più antica comunità luterana in Italia è quella di Venezia, risalente alla Riforma attuata dal monaco agostiniano Martin Lutero nel 1517.
Capace di evolvere con la società, oggi la CELI è fortemente impegnata non solo nella cura delle anime, ma anche in numerosi ambiti quali cultura, sanità, scuola, assistenza a poveri e immigrati, educazione ambientale, pari opportunità uomo-donna, difesa delle diversità e lotta alle discriminazioni, partecipazione al dibattito etico, religioso e politico. Proprio per questo impegno, la Chiesa Luterana – una chiesa senza grandi patrimoni – riceve ogni anno la fiducia e il sostegno di tantissimi italiani che scelgono di destinarle l’otto per mille sulla dichiarazione dei redditi: così, dal resoconto 2016, emerge che nel 2012 (ultimo dato disponibile) le firme a favore della CELI sono state circa 48.000.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Settimo Convegno di formazione gratuita CEI

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 Mag 2016

giardini_di_luce_luminarie_ridBari 7 giugno, presso l’Hotel Nicolaus Centro Congressi, Via Cardinal A. Ciasca 27, dalle ore 9.00 alle ore 17.00 avrà luogo il settimo appuntamento del 2016 con il ciclo di Convegni di formazione gratuita organizzati dal CEI – Comitato Elettrotecnico Italiano. I Convegni di formazione gratuita CEI, giunti ormai alla quindicesima edizione, rappresentano un appuntamento tradizionale con gli sviluppi della normativa elettrotecnica, elettronica e delle telecomunicazioni.
L’incontro, rivolto a tutti gli operatori del settore, verte sul tema degli aggiornamenti normativi in merito a prestazioni funzionali, energetiche e di sicurezza dei sistemi elettrici. La giornata formativa, con inizio alle ore 9.00, si aprirà con un intervento incentrato sui criteri per il dimensionamento delle varie parti degli impianti di terra, per la loro pratica esecuzione in relazione alle utenze attive e passive connesse ai sistemi di distribuzione in media tensione (Guida Tecnica CEI 99-5). In seguito, due relazioni affronteranno il tema dell’efficienza energetica degli impianti elettrici negli edifici. La prima di esse riguarderà l’utilizzo dei sistemi di accumulo, con cenni sul loro futuro utilizzo in ambito domestico e terziario; la seconda farà riferimento alla futura Variante della Norma CEI 64-8 che recepisce la Norma HD 60364-8-1, in cui verranno forniti esempi su come garantire la funzionalità delle prestazioni elettriche e la riduzione dei consumi energetici per un impianto elettrico.
Il Convegno proseguirà nel pomeriggio con altri due interventi: il primo, curato dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, sarà dedicato alla verifica degli impianti elettrici ai fini del mantenimento delle prestazioni contro l’innesco e la propagazione degli incendi; il secondo prenderà invece in esame le infrastrutture per gli impianti multi-servizio negli edifici (Guida Tecnica CEI 306-22).
Il Convegno, con il patrocinio del Ministero dello Sviluppo Economico, del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco e in collaborazione con AEIT, ANIE, UNAE Puglia è stato realizzato con il supporto di importanti aziende del settore: Asita, Beta Cavi, Cep, Eaton, Finder, GE, Gewiss, Graziadio & C, IMQ, Prysmian Group, Roxtec e Zotup.A questo Convegno il Consiglio Nazionale dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati attribuisce n. 6 CFP.Ai Partecipanti Geometri Iscritti all’Albo, così come stabilito dal Regolamento per la Formazione Continua verranno riconosciuti n. 3 CFP.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Premio Cei: Miglior tesi di laurea

Posted by fidest press agency su sabato, 16 Mag 2015

tesi di laureaMilano. Al termine dell’Assemblea Generale CEI che si è tenuta presso la fondazione culturale Ambrosianeum in Via delle Ore 3 a Milano, l’ingegner Eugenio Di Marino, Presidente Generale del CEI, ha assegnato a Giovanni Secondini, Simone Sepe e Meri Papalia il Premio CEI – Miglior Tesi di Laurea, giunto alla sua diciannovesima edizione. Giovanni Secondino, laureato presso il Dipartimento di Ingegneria Elettrica dell’Informazione del Politecnico di Bari, ha presentato una tesi dal titolo “Impianti di terra globale – global earthing systems” risultando il primo classificato. Simone Sepe, laureato presso la Facoltà di Ingegneria dell’Università Campus Bio-Medico di Roma, ha presentato una tesi dal titolo “Casi studio nell’applicazione di un modello elettrico circuitale per la valutazione delle correnti di dispersione in sala operatoria” risultando il secondo classificato. Meri Papalia, laureata presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Alma Mater Studiorum Università di Bologna, ha presentato una tesi dal titolo “Smart Cities eassemblea privacy” risultando la terza classificata.
Il Premio CEI – Miglior Tesi di Laurea è stato istituito nel 1995, arrivando quest’anno alla sua XIX Edizione con un totale di 55 premiati. Il Premio è dedicato a neolaureati o laureandi che abbiano svolto una Tesi di Laurea finalizzata in modo diretto ad approfondire tematiche connesse alla normazione tecnica nazionale, comunitaria ed internazionale e ai suoi riflessi tecnici, economici o giuridici. Il Premio è aperto a studenti delle Facoltà di Ingegneria, Giurisprudenza, Scienze Politiche ed Economia e Commercio delle Università nazionali. (foto: tesi di laurea, assemblea)

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cei: la Chiesa fermi le mire della Lega

Posted by fidest press agency su lunedì, 20 giugno 2011

Da (Il Messaggero del 20 giugno 2011) E Rosario Amco Roxas commenta: Già…. con Scola a capo della Chiesa lombarda!!!! Ma si ritroveranno a scontrarsi Lega e Chiesa; la prima deve ubbidire al cavaliere perchè è il vero padrone dello stemma e dello statuto del partito, quindi deve ubbidire alla base che vuole Maroni presidente del consiglio; la chiesa (di questo Vaticano) vuole Formigoni presidente del consiglio, con l’appoggio di CL e Opus Dei, che molto si sono adoperati per la trombatura dell’ex sindaco Moratti. Entrambi, per raggiungere i loro scopi, sono pronti a promettere al cavaliere la presidenza della Repubblica e la relativa immunità che ne consegue. In entrambi i casi si tratterà di consolidare l’economia della finanza, penalizzando il lavoro, in omaggio al liberismo che Ratzinger ha assimilato al cristianesimo nella ben nota presentazione al libro di Marcello Pera “Parchè dobbiamo dirci cristiani?”. Ecco perchè vanno fermati entrambi: la Chiesa (di questo Vaticano) perchè si serve della religione per i propri scopi e interessi politico/economici, già in movimento con la nomina di Scola a capo della Chiesa lombarda; la Lega perchè si serve del malinteso nazionalismo leghista secessionista per catturare i consensi che servono al cavaliere per salvarsi dalle condanne penali che pendono in parecchi tribunali.
E’ così che il cavaliere offre lo spettacolo di chi non sa più a che santo votarsi… e se si rivolgesse a San Vittore? (Rosario Amico Roxas)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Convegno sulla Domotica

Posted by fidest press agency su mercoledì, 25 Mag 2011

Schio (VI) 9 giugno, Palazzo Toaldi Capra, il Convegno organizzato dalla Fondazione Giacomo Rumor – Centro Produttività Veneto (CPV) con il patrocinio del CEI – Comitato Elettrotecnico Italiano. Le recenti modalità di costruzione degli edifici, votate principalmente al risparmio energetico e alle tematiche di bioedilizia e eco sostenibilità, possono esprimere le proprie potenzialità a vantaggio dell’utilizzatore quando vengono integrate tra loro da un sistema domotico in grado di connetterli e migliorarne l’utilizzo. La domanda di automazione degli impianti che consente di aggiungere nuove funzionalità quali la sicurezza, il risparmio energetico, il basso impatto strutturale e la flessibilità, trova una concreta risposta nella domotica. L’incontro, della durata di mezza giornata, si propone di analizzare i vantaggi e la logica di funzionamento dei sistemi di automazione per il controllo e/o la gestione degli impianti tecnici, con particolare riferimento alle recenti linee guida relative alla progettazione ed installazione degli impianti domotici (Norma EN 15232/Guida CEI 205-18), fornendo delucidazioni e riferimenti alla predisposizione ed alla coesistenza con altri impianti, alla luce delle novità introdotte dalla Variante V3 della Norma CEI 64-8, in vigore dal primo settembre 2011.La partecipazione al Convegno è gratuita.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »