Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 151

Posts Tagged ‘celiachia’

La gluten sensitivity e la celiachia

Posted by fidest press agency su martedì, 15 marzo 2011

Un’importante studio internazionale realizzato dall’Università del Maryland School of Medicine di Baltimora in collaborazione con la Seconda Università degli Studi di Napoli è stato pubblicato dalla prestigiosa rivista scientifica BMC Medicine. La ricerca per la prima volta ha caratterizzato le differenze che esistono a livello molecolare e di risposta immunitaria fra due condizioni entrambe attivate dall’ingestione di glutine: la celiachia e la “Gluten Sensitivity”. Mentre nella celiachia si attiva un meccanismo di tipo autoimmune fortemente condizionato da una risposta adattativa del sistema immunitario la Gluten Sensitivity sembra coinvolgere maggiormente un meccanismo immunitario innato senza interessamento della funzione della barriera intestinale. «La Gluten Sensitivity è un’entità clinica osservata sempre più spesso negli ambulatori dello specialista – commenta il Professor Carlo Catassi, Professore Associato di Pediatria, Università Politecnica delle Marche, Ancona e coordinatore del Comitato Scientifico Dr. Schär. – Si tratta di un disturbo per il quale non esiste un nome in lingua italiana tanto è recente l’inquadramento clinico. Viene diagnosticato in pazienti per lo più adulti che presentano disturbi intestinali o a carico di altri apparati. Queste persone in passato venivano spesso etichettate come affette da disturbo funzionale o colon irritabile. Impressionanti sono le dimensioni del fenomeno, visto che dati recenti suggeriscono che la frequenza della Gluten Sensitivity si attesti intorno al 6% della popolazione mentre quella della celiachia, pur essendo assolutamente rilevante, è attorno all’1%. E’ singolare che ancora oggi per la celiachia – sottolinea Carlo Catassi – si parli con costanza di iceberg ad indicare che la maggioranza dei casi sono sommersi perché sfuggono alla diagnosi. In riferimento alla Gluten Sensitivity questo iceberg assume delle dimensioni ancora più macroscopiche. I casi di Gluten Sensitivity sfuggono quindi ad un inquadramento diagnostico ed alla possibilità di una cura efficace. In questo senso lo studio realizzato dal Professor Alessio Fasano dell’Università del Maryland in collaborazione con gli esperti napoletani, tra cui la Dott.ssa Anna Sapone prima firma del paper scientifico, va senza dubbio nella giusta direzione poiché identifica i primi marcatori molecolari che distinguono la Gluten Sensitivity dalla celiachia.»

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Niente glutine ma con educazione

Posted by fidest press agency su martedì, 25 gennaio 2011

Ha preso il via il 17 gennaio 2011 ed è aperto gratuitamente a tutte le scuole elementari della regione il progetto “In fuga dal glutine” promosso da AIC – Associazione Italiana Celiachia – Lazio.
Attraverso questo progetto gli insegnanti riceveranno informazioni precise e dettagliate da parte di esperti e avranno a disposizione strumenti per trasmettere agli alunni, con metodologia ludica, concetti nuovi ma quanto mai attuali: cosa è la celiachia, prima di tutto, ma, in senso più ampio, come gestire l’integrazione e l’educazione alla diversità – alimentare, culturale, etc. – intesa come risorsa e ricchezza. L’attività di AIC Lazio nelle scuole inizia nell’anno 1998, per ridurre il disagio dei bambini celiaci – ovvero intolleranti al glutine – che proprio a scuola vivono il primo “trauma”: una dieta che a casa è più facile da mantenere e capire di quanto non lo sia tra compagni di scuola, festicciole, tartine e pizzette a cui il bimbo celiaco deve dire di no. Ma deve poterlo fare senza frustrazione e con coscienza. Proprio su richiesta di AIC Lazio, il Comune di Roma riconosce il 1 settembre 1993 il diritto al pasto senza glutine nelle scuole. È il primo successo di una attività mirata all’integrazione scolastica, che oggi prosegue orientandosi direttamente agli insegnanti.
Cosa prevede il progetto “ In fuga dal glutine” che prende avvio con il 2011? Le scuole che ne faranno richiesta saranno sede di cicli di incontri con i docenti condotti da una dietista e da una psicologa, della durata di un’ora e mezza, allo scopo di presentare la celiachia – definizione, dati, numeri – le attività dell’Associazione, nonché le motivazioni e l’utilità della divulgazione. È previsto un incontro per ogni istituto interessato ma gli appuntamenti possono essere replicati su richiesta dei docenti. Verranno trattati i concetti base legati alla celiachia, dall’aspetto medico-scientifico a quello psicologico, con l’aiuto di vivaci e dinamiche slides. Gli incontri sono totalmente gratuiti per la scuola e costituiscono una delle molte attività realizzate ogni anno da AIC.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Diagnosi della celiachia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 gennaio 2011

Per far conoscere a un pubblico vasto e non specializzato le grandi capacità scientifiche dei ricercatori dell’Ateneo, sulla Home Page dell’Università Politecnica delle Marche è presentato il “Lavoro scientifico della settimana” (www.univpm.it): una segnalazione in evidenza di alcuni tra i più significativi lavori pubblicati da prestigiose riviste scientifiche internazionali, frutto degli studi e delle ricerche in corso nei laboratori dell’Ateneo. Si tratta anche di un modo di “rendere conto” ai contribuenti di come vengono impiegate le (scarse) risorse pubbliche riservate alla ricerca e mostrare quanto siano infondate le generalizzate accuse di scarsa produttività scientifica rivolte alle Università. Questa settimana presentiamo la ricerca dal titolo “Diagnosi di celiachia: semplici regole funzionano meglio di complicati algoritmi”, che porta la firma del professor Carlo Catassi, docente di Pediatria Generale e Specialistica e consulente scientifico dell’Associazione Italiana Celiachia, con A. Fasano, ed è stata pubblicata sull’ultimo numero dell’American Journal of Medicine. Quello della celiachia, malattia rara che interessa l’1% della popolazione, è un problema in crescita, che comporta ricadute sociali rilevanti. L’intolleranza al glutine, malattia autoimmune, si associa infatti ad altre patologie autoimmuni, come il diabete e patologie della tiroide e non sempre viene diagnosticata tempestivamente, in quanto più spesso presenta una sintomatologia anomala, atipica, sfumata.  Il titolo “Diagnosi di celiachia: semplici regole funzionano meglio di complicati algoritmi” è significativo di un approccio illuminista. Questa la sintesi dei contenuti. La malattia celiaca è l’unica patologia autoimmune curabile, almeno quando venga fatta una diagnosi corretta e quindi avviata una dieta rigorosamente priva di glutine per tutta la vita. L’algoritmo diagnostico generalmente impiegato comprende uno screening iniziale con test sierologici, seguito da una biopsia intestinale di conferma che mostri il tipico danno immuno-mediato della celiachia. Il ruolo definitivo e indispensabile della biopsia intestinale, da sempre considerato il “gold standard” diagnostico, è stato di recente messo in discussione. In realtà, l’ampia variabilità dei riscontri associati alla celiachia suggerisce che è difficile concettualizzare il processo diagnostico in un algoritmo rigido che non tenga conto della complessità clinica di questa patologia. Pertanto viene suggerito un approccio quantitativo alla diagnosi che può essere definito come la regola del “4 criteri su 5”. La diagnosi di celiachia è confermata se almeno 4 dei 5 seguenti criteri sono soddisfatti: presenza di segni clinici tipici, positività della sierologia celiaca di classe A ad alto titolo, riscontro dei geni predisponenti HLA DQ2 e/o DQ8, evidenza di enteropatia celiaca e risposta favorevole alla dieta senza glutine.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Convegno sulla celiachia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 22 settembre 2010

Ancona 24 settembre alle 9,15 nell’Aula Magna Montessori della Facoltà di Medicina e Chirurgia – Polo didattico di Torrette – dell’Università Politecnica delle Marche, si tiene con il coordinamento della prof. Gianna Ferretti, ricercatrice del Dipartimento di Biochimica, Biologia e Genetica, un convengo sulla celiachia. Si prevedono molti interventi di autorevoli docenti e ricercatori per tutta la giornata. Il convegno si chiude con l’intervento dei professori Bertoli e Fatati.
La celiachia è una intolleranza permanente al glutine, geneticamente predeterminata: nei soggetti affetti da questa patologia, l’introduzione di glutine, contenuto nel frumento, nella segale e nell’orzo, procura una enteropatia immuno-mediata associata a disturbi intestinali ed extraintestinali. In Europa circa l’1% della popolazione ne è affetta, e la disponibilità di esami ematochimici molto sensibili ha permesso di far affiorare, almeno in parte, l’Iceberg Celiaco che solo venti anni fa risultava sommerso quasi completamente. Da queste considerazioni nasce la giornata di studio “Celiachia e Nutrizione: dalla ricerca di base alla pratica clinica”, che vuole essere una occasione di informazione, formazione e aggiornamento su questo tema.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Diabete e celiachia

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 giugno 2010

Il diabete di tipo I e la celiachia sono due patologie sempre più spesso associate poiché hanno una radice comune, entrambe strettamente correlate con i processi autoimmunitari, proprie soprattutto dei giovani in generale e delle giovani donne in particolare. Il diabete di tipo I è il primo a essere diagnosticato, mentre la celiachia può anche comparire a distanza di anni, motivo per cui gli esperti consigliano a chi soffre di Diabete di Tipo I lo screening per la celiachia una volta l’anno. In questi casi si pone il problema di gestire un regime dietetico complesso. Infatti, secondo dietisti e nutrizionisti, gli alimenti che vengono utilizzati per comporre i menù quotidiani non devono contenere glutine (per essere idonei al celiaco) e al tempo stesso debbono garantire sia un basso apporto di zuccheri semplici che un elevato apporto di zuccheri complessi quali la fibra alimentare (per essere idonei al diabetico). Secondo gli esperti il rebus trova soluzione nella dieta mediterranea, con l’accorgimento di eliminare i cereali che contengono glutine e sostituire pane, pasta, pizza e altri prodotti da forno con quelli gluten-free. «Essa coniuga le due esigenze essendo caratterizzata da un’abbondanza di alimenti di origine vegetale (frutta, verdura, ortaggi, erbe aromatiche e legumi); olio di oliva, come unico condimento, quantitativi moderati di pesce, pollame, latticini e bassi quantitativi di carne rossa» spiega Letizia Saturni, specialista in Scienze dell’alimentazione. (fonte farmacista33)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Celiachia: il ruolo dello screening

Posted by fidest press agency su mercoledì, 7 aprile 2010

Dai 7 ai 10 anni: questo è il tempo medio per arrivare ad una diagnosi definitiva di celiachia, l’intolleranza permanente al glutine che determina un’infiammazione cronica e il progressivo danneggiamento della mucosa intestinale. In Italia ci sono circa 80 000 diagnosticati, ma è solo la punta di un iceberg. L’incidenza reale è di 1:100 – 1:150 abitanti, per cui, al di sotto dei numeri ufficiali, ci sono circa 500.000 pazienti che non hanno ancora ricevuto una diagnosi  I ritardi nella diagnosi sono spesso dovuti alla notevole variabilità delle manifestazioni cliniche e alla difficoltà dei medici – di famiglia e specialisti – ad associare sintomi talora vaghi ad una possibile celiachia. La comunità scientifica si interroga sulla migliore strategia di intervento per aumentare la diagnosi precoce e, di conseguenza, migliorare la qualità di vita di un gran numero di pazienti. Le metodologie più discusse riguardano la possibilità di eseguire  uno screening sierologico di massa in bambini di età prescolare o rimanere al cosiddetto “case finding”, ovvero la ricerca della celiachia sulla base di preesistenti sintomi sospetti. La celiachia è difficile individuazione in tempi brevi, a causa della vaghezza ed estrema varietà dei sintomi associati. Inoltre, se un tempo si riteneva che fosse una condizione gastrointestinale pediatrica, oggi sappiamo che è possibile riscontrarla in ogni età. Molti pazienti rimangono senza diagnosi per molto tempo, esponendosi a complicazioni di lungo periodo, come osteoporosi o infertilità. E’ presente in modo omogeneo in tutto il mondo. A differenza di altre patologie autoimmuni, la diagnosi precoce e l’adozione immediata di una dieta priva di glutine garantiscono alle persone celiache una vita normale, e permettono di prevenire complicazioni anche molto severe.
La celiachia è un’enteropatia permanente al glutine che determina una reazione immunitaria a livello dell’intestino, con conseguente infiammazione cronica e atrofia dei villi intestinali. Nel bambino i sintomi più comuni sono rappresentati da diarrea e arresto della crescita, mentre nell’adulto la malattia si può presentare sia con sintomi gastrointestinali quali la diarrea, anoressia, nausea, vomito, dolori addominali ricorrenti sia con sintomi extraintestinali che non sempre possono fare pensare in prima ipotesi alla malattia, come bassa statura, anemia da carenza di ferro, rachitismo, osteoporosi, ritardo puberale, stipsi, sindromi emorragiche, alopecia, astenia, cefalea.
Dr Schär, con i cinque marchi Schär, ds, Glutafin da oltre 25 anni offre esperienza e qualità nella produzione di alimenti senza glutine. L’impegno dell’azienda è permettere a tutti coloro che devono seguire una dieta senza glutine di non rinunciare al nutrimento e al gusto. Per questo la filosofia aziendale di Dr Schär è quella di ampliare costantemente il proprio ventaglio di offerta, dagli alimenti secchi a quelli surgelati, in modo da proporre soluzioni alimentari sempre più varie e gustose.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »