Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 19

Posts Tagged ‘cene’

Agriturismi pronti per pranzi e cene a domicilio nel weekend

Posted by fidest press agency su martedì, 3 novembre 2020

Permettere alle famiglie italiane di assaporare prodotti locali e piatti tipici anche in un momento di emergenza come questo. Dopo aver promosso in tutt’Italia le consegne a domicilio di latte, carne, frutta e verdura, le aziende agricole di Cia-Agricoltori Italiani sono pronte a rilanciare per il fine settimana, l’iniziativa che invita a raggiungere gli agriturismi per un pranzo in sicurezza e all’aria aperta o a farsi consegnare direttamente a casa e anche per la cena, i piatti regionali preparati dagli Agrichef degli agriturismi associati. Tutto questo, per non rinunciare nei giorni di svago, ai sapori contadini delle ricette tradizionali, elaborati secondo stagionalità e legati al territorio.Nel pieno rispetto delle regole dettate dai decreti governativi, i cittadini che, dunque, preferiranno rimanere a casa oppure organizzare una cena con i piatti locali, potranno così ordinare dal loro agriturismo di riferimento, il menù della festa, il piatto di stagione, la specialità contadina, preparata dalle sapienti mani degli Agrichef di Cia, ovvero cuochi e cuoche di comprovata abilità ed esperienza che esercitano il loro mestiere all’interno della cucina delle strutture agrituristiche, impegnandosi a trasformare principalmente produzioni agricole aziendali o di prossimità. “Un modo per non perdere il rito, importantissimo, del pranzo della domenica, anche ora che la routine quotidiana è sconvolta -spiega il presidente nazionale di Cia, Dino Scanavino- e anche per rafforzare ancora il legame tra cittadini e agricoltori, per avvicinare sempre di più la campagna, l’azienda di prossimità alla vita in casa. Solo insieme possiamo superare quest’emergenza”. Tutte le iniziative che Cia-Agricoltori Italiani sta portando avanti dall’inizio della pandemia da Covid e in particolare con il lockdown per arginarne la diffusione, trovano spazio sul portale dedicato “I Prodotti dal campo alla Tavola” (https://iprodottidalcampoallatavola.cia.it) con i riferimenti e i link utili per aderire e acquistare.

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Faville dal castello

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 luglio 2013

faville dal castello“Sogni, Desideri e Filtri D’Amore sotto le Stelle” attendono tutti gli amanti dell’astrogastronomia per un’avventura nelle stanze di un maniero storico, dove regna l’atmosfera ideale per una notte stellare. È il Castello di Gropparello (PC) dove il 14 agosto 2013 si assaporano le pietanze preparate dalla chef Amelia dell’Amorosa nella Taverna Medievale (ore 20.30), cenando con commensali d’eccezione, come Niccolò Copernico. Gli ospiti, vestiti con costumi d’epoca, saranno accompagnati nel Cortile del Castello, per un brindisi campestre, mentre i Coppieri verseranno un delizioso Monterosso Doc nei calici, da assaporare con grana padano e pasticcetti salati. La cena, animata da discussioni sulle stelle, è composta innanzitutto da Corona di culaccia piacentina con giardiniera di verdure e Crostino noir con formaggio filante e acciughe. Il primo è a base di Testaroli alle zucchine e Ravioli di rucola al burro e grana, per poi passare all’Arrosto di vitello alla senape, accompagnato da patatine al burro. Per finire, Bavarese di fragole e cioccolato e bevanda delle Americhe in tazzina. Ad annaffiare il tutto, vino Gutturnio Doc. La serata prevede anche la visita al Castello, per ammirare le Gole del Vezzeno, il giardino e lasciarsi condurre tra le magie della Volta Celeste. Il prezzo è di 59 euro a testa (46 euro per i bambini fino a dieci anni). La prenotazione è obbligatoria. Anche Ferragosto sarà speciale, con l’apertura straordinaria del “Parco delle Fiabe”, il primo parco emotivo in Italia.(faville dal castello)

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Le cene “fatali” sulla via di Roma

Posted by fidest press agency su venerdì, 23 dicembre 2011

Silvio Berlusconi

Image by rogimmi via Flickr

Da qualche anno a questa parte l’attenzione popolare e la curiosità dei media sono riposte al rituale delle cene di “lavoro” che da quel di Arcore, passando da palazzo Chigi, il fu già presidente Berlusconi ci ha resi adusi con tanto di strascico mediatico. E tutte le volte i commensali hanno mostrato di gradire le portate nella casa dell’anfitrione se sono, regolarmente, passati dalle preannunciate contrarietà al plauso politico del poi. Ricordiamo, infatti, come tuonavano le parole di Bossi contro l’andazzo politico del momento, ma bastava un cena conviviale per trasformarlo in acquiescente sostenitore. La stessa cosa si è ripetuta qualche giorno fa con un’altra colazione di lavoro che i soliti ben informati ci hanno confidato sia avvenuta tra Berlusconi e Bossi e che si dice verificatosi nella notte, probabilmente a lume di candela per rendere meglio l’atmosfera, e il risultato si è notato allorchè i leghisti il giorno dopo si sono astenuti in commissione giustizia per la richiesta di arresto dell’on.le Cosentino, deus ex machina del pdl campano, da parte della procura di Napoli. E sempre parlando d’inviti mangerecci un altro campanello ha suonato allorché a palazzo Chigi il rituale si è ripetuto anche se con il cambio dei ruoli: l’invito di Monti al duo Berlusconi-Letta. Ora sarà da vedere se in posizioni invertite l’effetto colazione continuerà a sortire le sue magie. Basta seguire i movimenti del governo e i punti sensibili sono noti a tutti: frequenze televisive e guai giudiziari dell’ex-premier. Sta di fatto che continuiamo a subire il fascino perverso di un potere che si nutre di alchimie culinarie e mediatiche tra le più raffinate per ammannirci una cultura della sottomissione e del lavaggio del cervello incessante e tambureggiante. Non sarebbe altrimenti spiegabile se milioni di italiani si compiacciono d’essere chiamati dei gaudenti che spendono e gozzovigliano a più non posso mentre sono costretti a farsi fare altri buchi alla loro cintola per il dimagrimento forzato imposto dall’alto. Forse si sentono belli e fortunati per la dieta imposta e si sa che chi si contenta… gode. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Confronti/Your and my opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »