Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Posts Tagged ‘certificato’

Detenzione armi, visita medica e rilascio certificato obbligatorio ma italiani riluttanti

Posted by fidest press agency su lunedì, 2 novembre 2015

rapinaDovevano mettersi in regola con una visita medica e un passaggio in questura. Ma forse non lo sapevano o lo hanno dimenticato: tanti italiani detentori di armi ancora non hanno intrapreso l’iter imposto dalla legge comunitaria che prevede visita medica e rilascio di un certificato in Questura. E ora rischiano che la forza pubblica venga in casa loro a confiscare le armi. In alcune aree d’Italia i commissariati stanno inviando le diffide ai “renitenti”. Nel Tigullio il Questore ha spedito le lettere a 1300 cittadini: su 1800 possessori d’armi solo 500 si sono recati al Commissariato e hanno ottenuto il permesso. «Stiamo parlando di Chiavari Asl 4 – dice Angelo Canepa segretario Fimmg Genova leggendo l’articolo sul Secolo XIX- ma da noi a Genova città Asl 3 sono censiti 89 mila detentori, che dovevano per prima cosa recarsi dal medico di famiglia in base alle disposizioni del decreto legislativo e che non abbiamo visto. A occhio e croce staremmo aspettando 70 mila nostri pazienti per l’adempimento». Certo «si tratta di certificati libero professionali, nulla hanno a che vedere con l’attività convenzionata. E molti miei pazienti quando li ho avvertiti del nuovo iter mi hanno detto che preferivano consegnare direttamente le armi in questura e qualcuno credo lo abbia fatto».Secondo il decreto 121 del 2013 che recepisce la direttiva dell’Unione Europea 51 del 2008 tutti i detentori di armi regolarmente denunciate, situate in casa o in loro proprietà, ora sono tenuti a far produrre al medico di famiglia il certificato anamnestico che attesta l’assenza di problemi relativi alla capacità d’intendere e di volere o di abuso di alcol e stupefacenti, e poi a recarsi con il certificato dal medico del servizio medico legale Asl o militare o di Polizia o dei vigili del fuoco per il rilascio del nulla osta a detenere l’arma. Si può evitare il rinnovo dell’idoneità psicofisica se il certificato d’idoneità è stato rilasciato nei sei anni precedenti. Il documento prima non era richiesto. I dipendenti dei commissariati però sarebbero troppo pochi per i tanti controlli che si devono effettuare. «Sarebbe opportuna una campagna di sensibilizzazione sui media – dice Canepa – ma a chi spetta? Non al medico curante, non all’Asl né al sindaco, probabilmente alla Questura». Un rapido calcolo porta a stimare nelle zone come Genova almeno un cittadino su dieci con arma detenuta. La situazione non va confusa con il porto d’armi, per il quale il certificato da rinnovare ogni sei anni è obbligatorio. E viene richiesto dalle armerie per tutti coloro che intendono acquistare un’arma da fuoco. «Ma altra cosa – commenta Canepa – è l’archibugio ereditato nella casa di campagna. Più frequente di quanto non si pensi». (fonte doctor33)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Antiquariato nazionale 2010

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 ottobre 2010

Vaprio d’Adda, MI fino al 24 ottobre 2010 Villa Castelbarco a Vaprio d’Adda (aperta al pubblico Lun-Mar-Mer-Gio dalle 15.00 alle 20.00 Venerdì  dalle 15.00 alle 23.00Sabato – Domenica dalle 10.30 alle 20.30  a pagamento: biglietto Euro 10 – ridotto Euro 6)
65 espositori, tra i più prestigiosi in ambito nazionale, hanno aderito ad un’edizione autunnale rinata sotto il segno del proprio prestigioso passato e all’insegna di numerose novità, di una ricchissima selezione di preziosità appartenenti a tutti i settori di antiquariato e arte e della commissione tecnica di qualità che ha certificato e selezionato i pezzi più rappresentativi.
Grande successo anche per le due straordinarie collaterali che accompagnano il visitatore in un preciso percorso narrativo e stilistico sui primi anni del Novecento. Ceramica Art Nouveau per l’Architettura è l’esposizione di 500 piastrelle di produzione industriale e seriale, parte di una collezione privata italiana. Le piastrelle, suddivise per manifattura e provenienza e tutte di altissimo livello, raccontano attraverso i disegni tipici dello stile nouveau la decorazione architettonica dei palazzi e la decorazione d’interni d’inizio secolo.  L’ideale percorso nel Novecento prosegue con la mostra Bugatti & Bugatti, uno straordinario allestimento della serie completa di mobili, arredi e vetrate di Carlo Bugatti, inventivo artista, ebanista e decoratore d’inizio Novecento. A completare il quadro la storica T 23 Brescia, automobile realizzata nel 1925 dal figlio, Ettore Bugatti, esposta in Corte d’Onore.  Tra le tantissime proposte curiose e preziose, molto significativa l’area dei dipinti, che vede a Villa Castelbarco la presenza di due grandi tele firmate da Alessandro Lupo, importante pittore dei primi anni del ‘900. In entrambi è ben riconoscibile lo stile spatolato e la cifra moderna della fattura, assimilabile all’opera dei ben più noti macchiaioli.   Tra le opere dipinte esposte, una piacevolissima Natura Morta di Giovanni Paolo Castelli, detto lo Spadino, seicentesco pittore romano e due ovali con Natura Morta con fiori, entrambi di Margherita Caffi, pittrice lombarda del primo Settecento. L’Odalisca di Achille Funi traghetta il visitatore in pieno Novecento, inteso come secolo e gruppo artistico, di cui Funi fu cofondatore insieme a Lina Sarfatti, Mario Sironi e molti altri.
La coppia di torcere con angeli alati, in legno dorato e policromia, alte più di un metro e mezzo, sono infine un esempio altissimo delle capacità scultoree degli artisti cinquecenteschi. Abilità nella manifattura che si riconosce perfettamente in un altro pezzo di grande pregio, un delizioso tavolino intarsiato Luigi XVI, che una volta aperto svela la sua vera identità di tavolino da gioco. (iimagine01,02)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Master on line di I livello

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 luglio 2010

Parma Università. Fino al 25 settembre è possibile iscriversi al Master on line di I livello in “Tutela e valorizzazione del patrimonio culturale italiano all’estero”, che ha l’obiettivo di offrire una formazione professionale per l’organizzazione, la gestione e la valorizzazione del patrimonio culturale, documentario e artistico prodotto dagli italiani all’estero negli ultimi due secoli. Il Master, di durata annuale (da novembre 2010 a ottobre 2011), è articolato in quattro fasi: laboratori in presenza, e-learning, stage e tesi.  La prima fase in presenza (laboratori) alterna lezioni teoriche ed esercitazioni pratiche presso istituzioni preposte alla tutela di beni culturali, visite guidate e attività individuali. Ha sede in parte a Parma (2-13 novembre 2010) e in parte in sedi da concordare singolarmente. Si conclude con la stesura assistita del progetto di stage che si svolge successivamente e su cui si può basare anche la tesi.  La tesi finale (agosto–ottobre 2011) consiste in un progetto di catalogazione, di creazione di un archivio digitale, di conservazione o di promozione di una collezione di beni culturali.  Possono iscriversi al Master cittadini stranieri e italiani residenti all’estero e cittadini stranieri residenti in Italia in possesso di una laurea italiana o straniera corrispondente ad almeno 180 cfu e attinente agli ambiti del Master (classe delle lauree in lettere o equivalenti) e con conoscenza della lingua italiana a livello avanzato (certificato di conoscenza dell’italiano L2 – almeno livello C1).

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Posti di lavoro e discriminazione

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 luglio 2010

La Commissione europea ha inviato all’Italia una richiesta formale di porre fine alla discriminazione nei confronti dei candidati a posti nella pubblica amministrazione nella provincia di Bolzano, poichè tale discriminazione viola gli obblighi dell’Italia in merito alla libera circolazione dei lavoratori e alla non discriminazione in base alla nazionalità sanciti nella legislazione dell’UE. Secondo la legislazione italiana, applicabile nella provincia di Bolzano, l’unico documento accettato per comprovare la conoscenza della lingua per accedere ai posti nella pubblica amministrazione locale e’ un certificato specifico rilasciato nella provincia. Inoltre, i candidati che risiedono nella provincia da almeno due anni hanno la priorita’.  In mancanza di una risposta soddisfacente entro due mesi, la Commissione potrebbe decidere di adire la Corte di giustizia dell’UE. Alla memoria ci torna la battaglia che l’ecologista Alex Langer condusse per anni contro la discriminazione etniche, lui che era un bolzanino doc. L’iniziativa della Commissione europea e’ anche un ammonimento alla Lega che propone iniziative analoghe nelle regioni del nord, in sostanza, posti nella pubblica amministrazione o per l’accesso ai servizi con priorità per i locali. Si ricordi, a tal proposito, la richiesta di Umberto Bossi che reclamava la presenza di soli insegnanti del nord dopo l’ennesima (tre se ricordiamo bene) bocciatura agli esami di maturita’ del figlio Renzo. Oggi Renzo Bossi e’ consigliere regionale in Lombardia e, sembra, futuro segretario dei Giovani Padani. Altri due figli sono stati assistenti di parlamentari europei. Insomma, più che alla Padania e ai suoi abitanti si pensa al proprio casato. Anche Bossi tiene famiglia. (Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Valorizzare il legname certificato friulano

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 marzo 2010

È un vero e proprio progetto di rafforzamento in cinque punti quello approvato oggi dall’Assemblea dell’Associazione regionale Pefc Fvg. Nata nel 2003, l’Associazione a cui aderiscono più di 50 soggetti pubblici e privati, si occupa di certificazione forestale ed ha sede a Tolmezzo. «Innanzitutto – dichiara il presidente Enore Casanova – saremo impegnati per far crescere, e la potenzialità c’è, la superficie forestale certificata che già oggi copre quasi 75 mila ettari di bosco. Siamo consapevoli che ciò consente la valorizzazione della certificazione forestale sostenibile anche dal punto di vista ambientale e naturalistico. Sto pensando, a esempio – prosegue Casanova – ai due Parchi naturali regionali». Con l’obiettivo di potenziare le azioni di partenariato sarà istituita, all’interno dell’Associazione, la “consulta dei portatori di interesse” del settore legno. Presso gli Enti e le strutture pubbliche sarà supportata una politica di iniziative volte alla sensibilizzazione sugli “acquisti verdi”, anche tramite la predisposizione di bandi di gara che privilegino le aziende certificate. Inoltre, Pefc Fvg intende promuovere la certificazione della Catena di Custodia presso le aziende inserite nella filiera foresta-legno e anche presso quelle che lavorano con prodotti non legnosi ma provenienti da boschi certificati. Un risultato di discreto successo, in questa seconda categoria di prodotti, è stata ottenuta con la birra artigianale di Forni di Sopra, aromatizzata con le essenze del sottobosco. L’Ar Pefc del Friuli Venezia Giulia è un’organizzazione riconosciuta dal Pefc Italia e rappresenta gli associati nei confronti delle diverse parti interessate al sistema Pefc Italia (di cui la funzionaria regionale, Cristina D’Orlando, è vice presidente): associazioni di categoria, rappresentanti di gruppi professionali e altri attori della filiera del legno.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il Paese di Arlecchino

Posted by fidest press agency su domenica, 6 settembre 2009

La certezza dei diritti e dei doveri dovrebbe essere il pilastro del nostro sistema. Ma la realta’ e’ il perfetto contrario. Prendiamo ad esempio due fatti di questi giorni. 1 – Entrata in funzione la norma che persegue penalmente chi è clandestinamente presente sul territorio italiano, un giudice di pace di Recco (Genova) ha deciso di non procedere contro un clandestino albanese perchè “incensurato, non aveva mai avuto problemi con la giustizia e svolgeva un’attività lecita, seppure in forma irregolare, così che non appariva giustificata l’azione penale nei suoi confronti”. 2 – Le nuove norme del codice della strada (legge 94/2009) hanno stabilito, art. 219-bis (Ritiro, sospensione o revoca del certificato di idoneita’ alla guida): “… 2. Se il conducente e’ persona munita di patente di guida, nell’ipotesi in cui, ai sensi del presente codice, sono stabilite le sanzioni amministrative accessorie del ritiro, della sospensione o della revoca della patente di guida, le stesse sanzioni amministrative accessorie si applicano anche quando le violazioni sono commesse alla guida di un veicolo per il quale non è richiesta la patente di guida. In tali casi si applicano, altresì, le disposizioni dell’articolo 126-bis (ndr: sistema patente a punti)”.  Abitualmente la polizia locale limita la decurtazione di punti solo alle infrazioni che comportano anche misure limitative della patente di guida (!). Ora una disposizione operativa della polizia municipale di Verona, ha stabilito che quando si multa un ciclista gli si rilascia il verbale con tutte le sanzioni previste come se avesse la patente; dopo, in ufficio, verra’ fatta una verifica sui terminali per la titolarita’ della patente e il verbale verra’ perfezionato (2). Due norme che in piu’ occasioni abbiamo criticato per incostituzionalita’ e incivilta’ giuridica, ma norme che esistono e che i tutori dell’ordine devono applicare… ma cosi’ non e’ e ognuno si arrangia come puo’: 1 – il giudice che non applica il reato di clandestinita’; 2 – i vigili che interpretano e applicano in parte le nuove sanzioni e, invece di applicare le norme con l’onere di farlo, scaricano sul cittadino questa incombenza (il ciclista senza patente di guida non potra’ conciliare subito ma solo dopo che, andando all’ufficio dei vigili, sara’ stato accertato il suo status ed emesso nuovo verbale). Il risultato è incertezza di doveri e diritti e l’invito comunque a violare le leggi perche’ c’e’ una buona possibilità di farla franca. Questo e’ il Paese di Arlecchino dove ci si lamenta che tutti siano evasori fiscali e tutti violano le leggi. (Vincenzo Donvito, presidente Aduc)

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Produttori pile

Posted by fidest press agency su venerdì, 12 giugno 2009

Entro il 18 giugno 2009 i produttori di pile e accumulatori, così come definiti dal Decreto Legislativo n. 188 del 20.11.2008 (G.U. n. 283 del 3.12.2008), devono iscriversi nel Registro nazionale dei produttori di pile e accumulatori presso la Camera di Commercio dove è ubicata la sede legale dell’impresa o, se produttore estero, dove è ubicata la casa di rappresentanza; entro lo stesso termine devono iscriversi nel Registro i “sistemi collettivi istituiti per il finanziamento della gestione dei rifiuti di pile e accumulatori”.La legge precisa che il produttore può immettere sul mercato tali prodotti solo a seguito di iscrizione nel Registro, pena forti sanzioni.  L’iscrizione deve avvenire esclusivamente per via telematica dal portale http://www.impresa.gov.it – Registro Pile. Per l’iscrizione è indispensabile il dispositivo di firma digitale comprensivo del certificato di autenticazione (si precisa che la Carta nazionale dei servizi e la Business Key già lo contengono mentre potrebbero esserne sprovviste le vecchie Smart Card).  E’ indispensabile la consultazione dei manuali per l’iscrizione sul sito http://www.registropile.it dove, nella funzione Faq, sono a disposizione i quesiti più frequenti  e la consultazione del sito camerale http://www.fi.camcom.it nel percorso Servizi – Servizi amministrativi – Albi Registri Ruoli Elenchi – Registro Pile

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »